Scheda botanica
Anthyllis vulneraria L.
Sp. Pl.: 719 (1753)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Anthyllis vulneraria L. - Vol. 1 pg. 751

Fabaceae

Vulneraria comune, Trifoglio vulnerario.

Forma Biologica: H bienn - Emicriptofite bienni. Piante a ciclo biennale con gemme poste a livello del terreno.
H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.
T scap - Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta erbacea polimorfa, generalmente perenne o bienne, rizomatosa, i fusti prostrati o ascendenti, pelosi a volte bianchi e lanosi all' estremità. Alta da 5 a 40 cm.
Le foglie basali sono poco numerose e polimorfe, sono divise in 2-3 paia di foglioline, le cauline sono composte, imparipennate, disposte a coppie con elementi oblungo-lineari.
I fiori sono sessili o portati da brevi peduncoli, sono riuniti in capolini terminali circondati da brattee.
Calice ± peloso biancastro o giallastro a volte rosso all'apice, corolla giallo chiaro, giallo intenso, aranciata o rossastra (cfr. le subsp.)
I frutti sono piccoli legumi, gibbosi alla base, contenenti un solo seme ovoide o reniforme.

Tipo corologico: Euri-Medit. - Entità con areale centrato sulle coste mediterranee, ma con prolungamenti verso nord e verso est (area della Vite).
Orof. SW-Europ. - Orofita sudovest-europea, con areale gravitante specialmente sulla Penisola Iberica (talora anche Massiccio Centrale); rara o mancante nei Balcani.

Antesi: Maggio÷Agosto. Personalmente ormai da anni, la trovo in fiore già nei primi giorni di marzo.

Habitat: Prati aridi, pascoli, scarpate sassose su terreno preferibilmente calcareo, 0÷3000 m slm.

Immagine


Note di Sistematica: Estremamente polimorfa, si incrocia facilmente dando spesso origine ad ibridi . Sono state descritte diverse sottospecie, che presentano caratteri morfologici simili, rendendone difficile la determinazione. Singole popolazioni o gruppi di popolazioni appaiono con caratteri ben distinti, ma sono collegati tra loro da popolazioni intermedie, rendendo utopica ogni distinzione netta.
Probabilmente Anthyllis vulneraria, in condizioni naturali era formata da stirpi, degli ambienti rupestri, ben differenziate e isolate geograficamente dalle aree boschive. L'uomo distruggendo il bosco ha favorito ed esteso l'ambiente adatto alla diffusione e all'ibridazione di queste stirpi.


  • Anthyllis vulneraria L. subsp. vulneraria
  • Anthyllis vulneraria subsp. alpestris (Schult.) Asch. & Graebn.: calice con denti ± simili tra loro, foglie cauline superiori, con segmento apicale, molto maggiore dei laterali, stirpi alpine con corolla gialla.
  • Anthyllis vulneraria subsp. busambarensis (Lojac) Pignatti: fusto ispido per densissimi peli patenti, nelle parti giovani bianco.tomentosi, corolla gialla.
  • Anthyllis vulneraria subsp. carpatica (Pant.) Nyman: simile alla subsp. alpestris, ma calice con pelosità serica appressata, corolla generalmente giallo più pallido e pianta spesso più robusta.
  • Anthyllis vulneraria subsp. maura (Beck) Maire: fusti robusti, fogliosi sino in alto, calice con peli appressati e lucidi, corolla intensamente rossa.
  • Anthyllis vulneraria subsp. forondae (Sennen) Cullen: fusto ascendente, foglie inferiori con 9-13 segmenti più meno uguali tra loro, corolla gialla.
  • Anthyllis vulneraria subsp. polyphylla (DC.) Nyman: fusti legonis alla base, ascendenti, irsuti, foglie distribuite egualmente su tutto il fusto, corolla gialla all'apice screziata di bruno-aranciato.
  • Anthyllis vulneraria subsp. pulchella (Vis.) Bornm.: foglie cauline inferiori con 1-5 segmenti, l'apicale molto maggiore dei laterali, corolla spesso arrossata.
  • Anthyllis vulneraria subsp. rubriflora (DC.) Arcang. : simile alla subsp. maura, ma con fusto in alto nudo o con 1-2 foglie spaziate, calice con peli del tutto appressati di colore rosso intenso, come la corolla.
  • Anthyllis vulneraria subsp. valesiaca (Beck) Guyot: simile alla subsp. alpestris, ma con corolla arrossata, spesso minore.
  • Anthyllis vulneraria subsp. vulnerarioides (All.) Arcang.: fusti prostrati, foglie cauline con 5-9-11 segmenti poco differenti l'uno dall'altro, corolla roseo-vinosa.
  • Anthyllis vulneraria subsp. weldeniana (Rchb.) Cullen: simile alla subsp maura, ma minore, calice con peli del tutto appressati, colorazione rosso intensa sia del calice che della corolla.
  • Anthyllis vulneraria subsp. versicolor (Sagorski) Gutermann

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Rosidi
OrdineFabales Bromhead
FamigliaFabaceae Lindl.
TribùAnthyllideae
GenereAnthyllis L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome generico dal greco “anthòs”=”fiore” “iulus”= “peluria” a indicare l'aspetto lanoso, peloso del fiore, mentre il nome specifico deriva dal latino “vulnu”s = “ferita”, per le proprietà cicatrizzanti. Alla somiglianza delle foglie con quelle del genere Triflolium, si deve invece il nome volgare di Trifoglio vulnerario.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale

Costituenti principali: tannino, saponine, mucillagine, sostanze coloranti.

Per uso esterno è utile per lenire le piaghe, gli ascessi, piccole ulcere purulente, eczemi e come disinfettante nelle affezioni del cavo orofaringeo. Nella medicina popolare è talvolta impiegata in tisane lassative.
L'erba fresca schiacciata, può essere impiegata in uso esterno, per lavaggi per malattie cutanee, per ferite e gargarismi in caso di tonsilliti e infiammazioni gengivali.

Curiosità: Nel Medioevo la Vulneraria era fra quelle “erbe miracolose” che si coglievano la notte di S. Giovanni, capace di accelerare la guarigione delle ferite di proteggere dal malocchio sia le persone che il bestiame

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia. Edagricole, Bologna.
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C., 2005. An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora. Palombi, Roma.
AESCHIMANN D., LAUBER K., MOSER D., THEURILLAT J.P., 2004. Flora alpina. Ediz. italiana: Zanichelli, Bologna.
TRISKA J. La flora d’Europa. Melita, La Spezia 1990.
AGRADI A., REGONDI S., ROTTI G., 2005. Conoscere le piante medicinali. Mediservice, Cologno Monzese (MI).
IPFI - Index Plantarum Florae Italicae


Scheda realizzata da Marinella Zepigi

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Immagini
(clicca per ingrandire)
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria L.
Sp. Pl.: 719 (1753)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Anthyllis vulneraria L. - Vol. 1 pg. 751

Fabaceae

Vulneraria comune, Trifoglio vulnerario.

Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria L.

Endine Gaiano - Foto di Marinella Zepigi
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria L.

Endine Gaiano (BG), apr 2006

Foto di Marinella Zepigi
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria L.

Endine Gaiano (BG), apr 2006

Foto di Marinella Zepigi
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria L.

Endine Gaiano (BG), Foto di Marinella Zepigi
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria L.

Endine Gaiano (BG), Foto di Marinella Zepigi
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria L.

P.sso Croce Domini (BS), mag 2007

Foto di Marinella Zepigi
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. polyphylla (DC.) Nyman
M. Penice a Bobbio (PC), 1480 m, giu 2011
Foto di Enrico Romani


Anthyllis_vulneraria_28914_136410.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. rubriflora (DC.) Arcang.
Vallo di Diano (SA), mag 2008
Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. weldeniana (Rchb.) Cullen
Valmadrera (LC), apr 2009
Foto di Pierfranco Arrigoni
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. alpestris (Schult.) Asch. & Graebn.
Ciadin del Londo (BL), 2250 m, lug 2012
Foto di Aldo De Bastiani


Anthyllis_vulneraria_40313_187318.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. alpestris (Schult.) Asch. & Graebn.
Latemar (TN), 2600m, lug 2010
Foto di Vincenzo Volonterio
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. carpatica (Pant.) Nyman
Fabaceae: Vulneraria dei Carpazi
M. Baldo (TN), 900 m, giu 2011
Foto di Ennio Cassanego
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. maura (Beck) Maire

Valle dell'Orfento (PE), 700 m, giu 2010
Foto di Daniela Longo

Anthyllis_vulneraria_18208_87404.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. versicolor (Sagorski) Gutermann

Lago di Garda (VR), 70 m, apr 2010
Foto di Marco Merli

Anthyllis_vulneraria_58660_268498.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. pulchella (Vis.) Bornm.

Fabaceae: Vulneraria bella
Serra Rocca Chiarano (AQ), 2200 m, giu 2010
Foto di Nanni Maglioni
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. pulchella (Vis.) Bornm.

Fabaceae: Vulneraria bella
Serra Rocca Chiarano (AQ), 2200 m, giu 2010
Foto di Nanni Maglioni
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria L.

Bari (BA), 10 m, giu 2014
Foto di Vito Buono
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Anthyllis vulneraria subsp. forondae (Sennen) Cullen
Realdo (IM), 900 m, mag2015
Foto di Sandro Maggia

a6.jpg
Copyright Acta Plantarum