Scheda botanica
Asphodelus macrocarpus Parl.
Fl. Ital. (Parlatore) 2(2): 604 (1857)

Sinonimi: Asphodelus albus auct. Fl. Ital. non Mill.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Asphodelus albus Miller (sensu Pignatti) - Vol. 3 pg. 346

Asphodelaceae

Asfodelo montano, Asfodelo macrocarpo

Forma Biologica: G rhiz - Geofite rizomatose. Piante con un particolare fusto sotterraneo, detto rizoma, che ogni anno emette radici e fusti avventizi.

Descrizione: Pianta erbacea orofila con radici ingrossate e fascicolate.
Fusto cilindrico, glabro e eretto, alto 80 -120 cm , semplice o lievemente ramoso.
Foglie tutte basali, ripiegate e docciate, di colore verde glauco, larghe (10) 20 - 22(40) mm e lunghe 50 - 70 (100) cm, quelle estreme ridotte a guaine.
Infiorescenza raccolta in racemo terminale, denso e di forma cilindrica (10 - 15 cm).
L'infiorescenza prima della fioritura si presenta con brattee fusche poi all'antesi peduncolati (10 - 16 mm), patenti, eretti e posti all'ascella delle brattee.
Tepali bianchi in numero di 6 (5 -6 x 18 mm) con nervatura dorsale di colore verde chiaro.
Stami 6, posti su filamenti bianchi con antere ovali (2 - 5 mm ) di colore aranciato.
Il frutto è una capsula a 3 carpelli di forma subglobosa, lungo 8 -12 mm, con 7 - 8 rughe per valva e contenenti 2 semi; a maturazione il colore della capsula vira sul verde-marrone.

Tipo corologico: Orof. Medit. - Orofita dell'area mediterranea.

Antesi: Maggio - Giugno

Habitat: Prati e pascoli submontani e montani da 0 a 1800 m s.l.m.

Immagine


Note di Sistematica: Da non confondere con A. ramosus L. subsp. ramosus, detto anche porraccio, che si presenta con radici sub-rotonde tuberose, fascicolate, e con scapo alto fino a 150 cm il quale, risulta ramificato nella parte superiore. I fiori in questo caso possono essere anche rosati.Nel nord Italia è più frequente Asphodelus albus subsp. delphinensis (Gren. & Godr.) Z. Díaz & Valdés

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Monocotiledoni
OrdineAsparagales Link
FamigliaAsphodelaceae Dumort.
TribùAsphodeleae
GenereAsphodelus L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Asphodelus dall’antico nome greco di questa pianta "ἀσϕοδελος asphodelos" composto da "α" non, senza e “σφάλλω sphállo” cadere, vacillare: che non vacilla, che perdura. Secondo Pignatti il nome deriverebbe invece da "α" alfa privativo, “σποδός spodós” cenere e “ἔλος elos” valle, bassura ovvero valle di ciò che non è stato ridotto in cenere e si riferirebbe alla particolare ecologia di queste piante. Non sembra però convincente il passaggio della consonante "p" (π pi greco) alla "ph" (φ fi) (Vedi Etimologia Forum di Franco Giordana).
L'epiteto del genere fa chiaramente riferimento alla grossa dimensione del frutto.
Gli autori greci in genere (con Pitagora in testa) chiamavano la parte ipogea della pianta "Asphodelo" e la parte formante lo stelo, più alta di un cubito, "antherico" anche perchè le foglie sono simili a un porro.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Nella medicina popolare gli asfodeli venivano utilizzati come diuretici e per l'abbondanza del contenuto in amido venivano usati a scopo alimentare o per preparare bevande alcoliche o colle. L'A. macrocarpus viene utilizzato sia in Egitto che nelle Isole Canarie per estrarre una sostanza colorante usata per tingere di giallo i tappeti.

Curiosità: I fiori dell'asfodelo vengono da sempre ricordati nella mitologia come "fiori dei morti" e anche Omero lo ricorda citandoli "la dove gli eroi sono caduti i prati si sono ricoperti di asfodeli che avevano il compito di accompagnare le loro anime nell'Ade"(Omero - Odissea canto IX ) . Anche vicino alle tombe si piantavano gli asfodeli affinchè i loro cari potessero nutrinsi con le sue radici.
Plinio il Vecchio nella sua "Historia Naturalis" cita gli asfodeli , libro 21° cap. 108 e 109 ricordando che diventano particolarmente gustosi i suoi semi abbrustoliti o i bulbi arrostiti nella cenere e poi conditi con sale e olio; diventa una leccornia se pestato insieme ai fichi. Inoltre la pianta veniva seminata vicino alla porta di casa come rimedio contro i sortileggi; sempre Plinio riferisce che l'asfodelo si chiamava "hastula regia" cioè "scettro" per manifestare la sua potenza superiore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Pignatti S. - Flora d'Italia vol. 3° - Edagricole - 1982
Enc. - Nel Mondo delle Piante - Edizioni Motta - 1982
Encicl.- Nel Mondo delle Piante - Edizioni Motta - 1980
A. De Theis - Etimologia dei nomi delle piante (1815) - Ed. Prometeo - 2000
Bayer-Buttler-Finkenzeller-Grau - Piante del Mediterraneo - Rizzoli 1990
J.C. Rameau-D.Mansion-G. Dumè-C Gauberville- Flore Forestiere Francaise vol. 1 - 1998
Conti F. et ali - Checklist of the Italian Vascular Flora - Palombi Editori - 2005
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
Acta Plantarum - Semi ed altre unità primarie di dispersione


Scheda realizzata da Nino Messina

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Immagini
(clicca per ingrandire)
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.
Sambuca Pistoiese (PT), luglio-ago 2009
Foto Nino Messina
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.
Sambuca Pistoiese (PT), luglio-ago 2009
Foto Nino Messina
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.
Sambuca Pistoiese (PT), luglio-ago 2009
Foto Nino Messina
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.
Xanthorrhoeaceae: Asfodelo montano
Campo Felice (AQ), mag 2010
Foto di Stefano Michelucci
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.
Xanthorrhoeaceae: Asfodelo montano
Lucoli (AQ), mag 2010
Foto di Franco Giordana
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.
Xanthorrhoeaceae: Asfodelo montano
Lucoli (AQ), mag 2010
Foto di Franco Giordana
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.
Xanthorrhoeaceae: Asfodelo montano
Gazzola (PC), 250m, apr 2008
Scansione di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.
Xanthorrhoeaceae: asfodelo montano
Treppio di Sambuca Pistoiese(PT), 880 m, apr 2013
Foto di Nino Messina
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.
Xanthorrhoeaceae: asfodelo montano
Treppio di Sambuca Pistoiese(PT), 880 m, apr 2013
Foto di Nino Messina
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.
Xanthorrhoeaceae: asfodelo montano
Treppio di Sambuca Pistoiese(PT), 880 m, apr 2013
Foto di Nino Messina
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.

Cerreto Alpi (RE), 850 m, set 2013
Foto di Stefano Sturloni

IMG_3237%20RID.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Asphodelus macrocarpus Parl.

Foto di Nino Messina & Umberto Ferrando
Copyright Acta Plantarum