Scheda botanica
Allium pendulinum Ten.
Fl. Napol. 1: 22 (1811)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Allium pendulinum Ten. - Vol. 3 pg. 394

Amaryllidaceae

Aglio pendulo

Forma Biologica: G bulb - Geofite bulbose. Piante il cui organo perennante è un bulbo da cui, ogni anno, nascono fiori e foglie.

Descrizione: Pianta perenne erbacea, 1-2 dm. Bulbo 8-10 mm privo di bulbilli, a tunica bianca. Scapo trigono con 3 angoli acuti. Foglie lineari, carenate, larghe 3-8 mm, bruscamente contratte in apice ottuso, verdi, glabre e sovrastanti i fiori. Spata bivalve, alla fioritura bianca, precocemente caduca. Infiorescenza pauciflora con peduncoli ingrossati all'apice. Fiori inizialmente eretti, quindi penduli. Perigonio campanulato-subgloboso. Tepali 6, bianchi, lanceolati e con 3 nervi verdi nella parte esterna, il mediano dei quali più lungo dei due esterni.

Tipo corologico: Steno-Medit.-Occid. - Bacino occidentale del Mediterraneo, dalla Liguria alla Spagna ed Algeria.

Antesi: da aprile a giugno

Habitat: Boschi, ambienti umidi ombrosi, dal piano fino a quasi 1000 m.

Immagine


Note di Sistematica: specie molto simili sono:

Allium neapolitanum Cirillo che ha scapo trigono ma con due angoli acuti e uno ottuso, risultando quindi un pò schiacciato;
Allium triquetrum L. che ha anch'esso scapo con tre angoli acuti ma tepali con un solo nervo verde.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Monocotiledoni
OrdineAsparagales Link
FamigliaAmaryllidaceae J.St.-Hil.
TribùAllieae
GenereAllium L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere dal latino “Allium”=”aglio” deriva dai termini usati dai celti e dai persiani per indicare i bulbi eduli ,“all”( in celtico) =”caldo, bruciante”, in riferimento all'odore e al sapore acre e pungente tipico dell`Aglio; il nome specifico dai fiori e frutti penduli.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

I bulbi e le foglie verrebbero utilizzati in cucina crudi o cotti.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Flora d'Italia di S. Pignatti
An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora di F.Conti, G. Abbate, A.Alessandrini, C.Blasi
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
Acta Plantarum - Semi ed altre unità primarie di dispersione


Scheda realizzata da Gianluca Nicolella

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Immagini
(clicca per ingrandire)
Acta Plantarum
Allium pendulinum Ten.

Aglio pendulo

29 apr 2007

Rosello (CH), Abruzzo

Foto di Gianluca Nicolella
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium pendulinum Ten.

Aglio pendulo - Alliaceae

29 apr 2007

Rosello (CH), Abruzzo

Foto di Gianluca Nicolella
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium pendulinum Ten.

Aglio pendulo

29 apr 2007

Rosello (CH), Abruzzo

Foto di Gianluca Nicolella
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium pendulinum Ten.

Aglio pendulo

29 apr 2007

Rosello (CH), Abruzzo

Foto di Gianluca Nicolella
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium pendulinum Ten.

Amaryllidaceae: Aglio pendulo

Francavilla in Sinni (PZ), 1000 m, mag 2008

Foto di Franco Caldararo
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium pendulinum Ten.

Amaryllidaceae: Aglio pendulo

Francavilla in Sinni (PZ), 1000 m, mag 2008

Foto di Franco Caldararo
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium pendulinum Ten.
Amaryllidaceae: Aglio pendulo
Francavilla in Sinni (PZ), 1000 m, mag 2008
Foto di Franco Caldararo
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium pendulinum Ten.
Amaryllidaceae: Aglio pendulo
Francavilla in Sinni (PZ), 1000 m, mag 2008
Foto di Franco Caldararo
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium pendulinum Ten.
Amaryllidaceae: Aglio pendulo
Monte Pietra di Vasca (GE), 500 m, mag 2010
Foto di Carlo Cibei
Copyright Acta Plantarum