Scheda botanica
Armoracia rusticana G. Gaertn., B. Mey. & Scherb.
Oekon. Fl. Wetterau 2: 426 (1800)

Sinonimi: Armoracia lapathifolia Gilib., Cochlearia armoracia L., Nasturtium armoracia (L.) Fr., Rorippa rusticana (G. Gaertn., B. Mey. & Scherb.) Godr.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Armoracia rusticana Gaertner, Meyer et Scherb. - Vol. 1 pg. 401
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Armoracia rusticana P. Gaertn. & al. - Vol. 1 pg. 512

Brassicaceae

Cren, Rafano, Barbaforte

Forma Biologica: G rhiz - Geofite rizomatose. Piante con un particolare fusto sotterraneo, detto rizoma, che ogni anno emette radici e fusti avventizi.

Descrizione: pianta erbacea perenne, glabra, con una grossa rizoma biancastro, carnoso fittonante, il fusto alto,angoloso,cavo da 80 cm. a 1 mt., semplice in basso, ramificato nella parte superiore, con odore pungente.
Le foglie basali,molto grandi, con lungo picciolo scanalato, a lamina lanceolata, ondulata, crenata Le foglie del caule inferiori irregolarmente pennatofide a divisioni strette, quelle del caule superiore sessili ed indivise.
L'infiorescenza formata da racemi ascellarri e fiori a 4 sepali verdastri e 4 petali bianchi, obovati, con l'apice arrotondato.
Frutti siliquette ovoidi contenenti 8-10 semi ovali appiattiti.

Tipo corologico: E-Europ. - Europa orientale.

Antesi: Maggio - Luglio

Habitat: Esotica naturalizzata o coltivata sia in pianura che in montagna fino 1400 m s.l.m.; cresce negli orti, in terreni e campi freschi, formando vigorosi cespugli.

Immagine


Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Rosidi
OrdineBrassicales Bromhead
FamigliaBrassicaceae Burnett
Tribù
GenereArmoracia (C. A. Meyer) Hayek


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome generico deriva dal latino”armoricus” = “bretone”, infatti Armorica è una zona della Bretagna, dove la pianta veniva coltivata. Mentre rusticana, forse dal latino rusticus con riferimento al portamento della pianta, nel senso che cresce in modo disordinato, incolto.
Il nome francese Raifort deriva dal latino radix fortis, onde poi barbaforte, mentre cren deriva da Kren-Cren-Crenson dal nome russo della pianta.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Conosciuta in passato per l'alto contenuto di vitamina C, e per le roprietà antiscorbutiche, stimolanti e digestive; godeva inoltre buona fama come diuretico utile ai sofferenti di gotta ed i casi di stati febbrili.
Per uso esterno, ha proprietà rubefacenti e revulsive, ossia stimola l'afflusso di sangue nelle zone trattate e si rivela utile sia per i dolori reumatici, sia per le sciatiche.
Concentrazioni elevate o troppo prolungate di applicazione possono determinare la formazione di vescicole.
Il suo uso, sia alimentare che erboristico, deve essere moderato, poiché a dosi elevate, può provocare disturbi. In eccesso può dar luogo a rereazioni allergiche, vomito o eccessiva sudorazione. Se a contatto con gli occhi provoca bruciore e prurito.
In culina si usano le grosse radici rizomatose, raccolte da piante di almeno 2 anni. La radice fresca, meglio se gratugiata, sprigiona una essenza acre e piccante, ottima per insaporire e rendere più appetitose alcune pietanze, sia di carne che di pesce.
Viene usata principalmente per la preparazione di salse e può essere essere sostituita alla salsa di senape.

Curiosità: Pare che il rafano fosse già noto ed apprezzato dai Greci intorno al 1000 a.C. ed in Gran Bretagna prima dell'arrivo dei Romani.
Nel 1597 John Gerard (The Herball, or Generall Historie of Plantes) sosteneva che "il cren, pestato con poco aceto, è comunemente usato dai tedeschi per preparare una salsa da accompagnare al pesce e alle carni al posto della mostarda".
Verso la metà del secolo successivo, in Inghilterra e in Francia si diffuse il gusto per la salsa di cren, oggi popolare in tutto il mondo.
I francesi chiamano questa radice " moutarde des moines, ou de capucins" e secondo alcuni posero la salsa di armoracia sotto la protezione celeste e la chiamarono Salsa di S. Bernardo (Scotti 1872)

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia, Edagricole, Bologna
LAUBER K. e WAGNER G., 2001. Flora Helvetica, Berna
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore
Fiori e Piante Medicinali di Aldo Poletti
Dizionario di Fitoterapia e Pianta Medicinali di E. Campanini
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
Galleria della Flora delle Regioni Italiane


Scheda realizzata da Mirna Marzorati

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Immagini
(clicca per ingrandire)
Acta Plantarum
Armoracia rusticana P. Gaertner, B.M.& Scherb

Cavona (Va) Lombardia mag 2005 - Pianta in habitat

Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana P. Gaertner, B.M.& Scherb

Cavona (Va) Lombardia mag 2005 - fusto con foglie inf. caule pennatofide, sup. sessili indivise

Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana P. Gaertner, B.M.& Scherb

Cavona (Va) Lombardia mag 2005 - foglie basali del caule pennatofide

Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana P. Gaertner, B.M.& Scherb

Cavona (Va) Lombardia mag 2005 - i racemi

Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana P. Gaertner, B.M.& Scherb

Cavona (Va) Lombardia mag 2005 - Antesi

Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana P. Gaertner, B.M.& Scherb

Cavona (Va) Lombardia mag 2005 - fiori ravvicinati

Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana P. Gaertner, B.M.& Scherb

Cavona (Va), mag 2005

Foto di Attilio Marzorati




la parte interna biancastra del rizoma
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana G. Gaertn., B. Mey. & Scherb.
Bari giu 2010
Foto di Vito Buono
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana P. Gaertner, B.M.& Scherb
Brassicaceae: Cren, Rafano
Castiglione (RA), m0, mag 2011
Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana P. Gaertner, B.M.& Scherb
Brassicaceae: Cren, Rafano
Castiglione (RA), m0, mag 2011
Foto di Attilio Marzorati


frutti
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana G. Gaertn., B. Mey. & Scherb.

Cernusco Lombardone (LC), 270 m, giu 2010
Foto di Emma Silviana Mauri

Armoracia_rustica%20_frutti_acerbi.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana G. Gaertn., B. Mey. & Scherb.

Cernusco Lombardone (LC), 270 m, giu 2010
Foto di Emma Silviana Mauri

Armoracia_rustica%20_frutti.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Armoracia rusticana G. Gaertn., B. Mey. & Scherb.

Cernusco Lombardone (LC), 270 m, giu 2010
Foto di Emma Silviana Mauri

Armoracia_rustica%20_semi.jpg
Copyright Acta Plantarum