Scheda botanica
Althaea officinalis L.
Sp. Pl.: 686 (1753)

Sinonimi: Althaea taurinensis DC.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Althaea officinalis L. - Vol. 2 pg. 92
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Althaea officinalis L. - Vol. 1 pg. 416

Malvaceae

Altea comune, Bismalva, Malvavischio, Altea medicinale, Buonvischio, Benefischi, Bonavischio , Malvavisco.

Forma Biologica: H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta perenne,erbacea, con radice carnosa formata da più fusi contorti bianchi dentro, giallastri fuori; fusti tomentosi, eretti e numerosi, semplici o poco ramificati alta fino 1,5 m.
Le foglie con breve picciolo con stipole, sono alterne, palminervie, hanno lamina ovale a lobi acuti e margine crenato tomentosa su entrambe le facce, sono intere o tri-pentalobate:il lobo centrale è maggiore.
I fiori 3-5 cm, portati da peduncoli ascellari o terminali. Calicetto a 5÷8 bratte saldate alla base, calice con 5 divisioni, corolla a perfoliazione contorta con 5 petali rosati, che si alternano con le divisioni del calice.
I frutti densamente pubescenti, sono formati da numerosi acheni disposti circolarmente uno vicino all’altro, 10-20 cocchi, reniformi.

Tipo corologico: SE-Europ. - Soprattutto nella regione Carpatico-Danubiana.
Sudsiber. - fascia arida della Siberia meridionale: di solito piante steppiche.

Antesi: Maggio÷Agosto

Distribuzione in Italia: Presente in quasi tutta la penisola, ad esclusione della Valle d'Aosta.

Habitat: Diffusa nei luoghi umidi, lungo le sponde dei fossi, anche in presenza di acqua salmastra, da 0 a 1200 msl.m.

Immagine


Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Rosidi
OrdineMalvales Juss. ex Bercht. & J.Presl
FamigliaMalvaceae Juss.
Tribù
GenereAlthaea L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: il nome del genere deriva dal greco “althaín?” = “curare” e si riferisce alle proprietà medicinali di queste piante, anche il nome specifico sottoliena queste proprietà.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Erba dolciastra, mucillaginosa, ad azione emolliente, decongestionante, espettorante ed antisettica.
La mucillagine di questa pianta ha evidenziato forte attività ipoglicemica, quindi in soggetti in trattamento con insulina o ipoglicemizzanti orali può ridurre ulteriormente i livelli glicemici.
Dalla medicina tradizionale è stata usata per il trattamento delle infiammazioni del cavo orale e del cavo faringeo, del tratto digerente, del tratto urinario, in caso di ulcera peptica, ferite, ustioni, foruncoli, ascessi, infiammazioni dell'occhio, come linimento per mani screpolate, geloni e punture d'insetti.
La radice decorticata veniva tradizionalmente data ai bambini da masticare per favorire la dentizione.
Utilizzata in modeste quantità nelle bevande alcoliche ed analcoliche, in dolci, canditi, prodotti da forno, gelatine, gli estratti delle radici vengono impiegati nei dolciumi
Questa pianta è buona mellifera.

Curiosità: Le Malvaceae nell'antichità venivano impiegate spesso come cibo. L'Althea era considerata un cibo prelibato presso i romani, mentre veniva impiegata in tempi di carestia dai greci, turchi e siriani.
Le Proprietà curative dell'Althea officinalis L. erano già note nel IX secolo a.C., ad esse faceva ampio ricorso la medicina greca.
I principi attivi, concentrati nelle radici, che, in passato venivano polverizzate e impiegate nella preaprazione di caramelle morbide dette "pȃtè dȩ guimauve" e indicate nelle infiammazioni del cavo e in caso di tosse.
È citata in uno dei Capitolari di Carlo Magno e fu ampiamente coltivata per tutto il Medio Evo. In quei tempi se ne sfruttavano le qualità lenitive ed emollienti per curare piaghe tumefatte ed infette, era a questo scopo coltivata nei giardini dei monasteri.
Prospero Alpino (1553÷1616) medico-botanico, che trascorse un lungo periodo al Cairo e scrisse il "De medicina Aegyptiorum" (1591) e il "De plantis Aegypti" (1592) ci informa che anche gli egiziani usavano questa pianta a scopo alimentare.
Orazio, Marziale, Virgilio, Dioscoride, Plinio, ne esaltano le proprietà officinali.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Flora d'Italia di S. Pignatti (Bologna, Edagricole, 1982)
An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora di F.Conti, G. Abbate, A.Alessandrini, C.Blasi (Roma, Palombi editori, 2005)
Le piante officinali della salute di Antonin Prihoda ( La Spezia, Melita Editori 1993)
RHS Encyclopedia of Herbs ( Londra, Dorling Kindersley Limited 1995)
http://www.ipni.org/index.html


Scheda realizzata da Marinella Zepigi

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Immagini
(clicca per ingrandire)
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.

Bismalva - Malvaceae

Foto di Gianluca Nicolella

Posta Fibreno (FR), 05 ago 2007
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.

Bismalva - Malvaceae

Foto di Gianluca Nicolella

Posta Fibreno (FR), 05 ago 2007
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.

Bismalva - Malvaceae

Foto di Gianluca Nicolella

Posta Fibreno (FR), 05 ago 2007
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.

Bismalva - Malvaceae

Foto di Gianluca Nicolella

Posta Fibreno (FR), 05 ago 2007
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.

Bismalva - Malvaceae

Foto di Gianluca Nicolella

Posta Fibreno (FR), 05 ago 2007
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.

Bismalva - Malvaceae




Campagna pisana-Le Rene. ago 2006

Foto di Brunello Pierini
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.

Bismalva - Malvaceae




Campagna pisana-Le Rene. ago 2006

Foto di Brunello Pierini
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Bismalva - Malvaceae

Lido di Classe (RA) giu 2008 (tra i sassi frangiflutti)
Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Bismalva - Malvaceae

Lido di Classe (RA) giu 2008 (tra i sassi frangiflutti)
Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Bismalva - Malvaceae

Lido di Classe (RA) giu 2008 (tra i sassi frangiflutti)
Foto di Attilio Marzorati
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Valli le Partite (MO), ott 2008
Foto di Patrizia Ferrari

Frutti
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Valli le Partite (MO), ott 2008
Foto di Patrizia Ferrari

Frutti
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Pievetta (Castelsangiovanni - PC), lug 2009
Foto di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Pievetta (Castelsangiovanni - PC), lug 2009
Foto di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Case Raganella (Calendasco - PC) ago 2009
Foto di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Case Raganella (Calendasco - PC) ago 2009
Foto di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Case Raganella (Calendasco - PC) ago 2009
Foto di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Case Raganella (Calendasco - PC) ago 2009
Foto di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Case Raganella (Calendasco - PC) ago 2009
Foto di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Case Raganella (Calendasco - PC) ago 2009
Foto di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Althaea officinalis L.
Malvaceae: Altea comune
Montaletto (RA), 10 m, ago 2012
Foto di Giorgio Faggi
Copyright Acta Plantarum