Scheda botanica
Aquilegia atrata W.D.J. Koch
Flora 13(1): 118 (1830)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Aquilegia atrata Koch - Vol. 1 pg. 333
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Aquilegia atrata W.D.J. Koch - Vol. 1 pg. 186

Ranunculaceae

Aquilegia scura, Dark Columbine - Ancolie noirâtre - Campanetas negrencas - Scharzviolette Akelei

Forma Biologica: H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta erbacea perenne, con radici secondarie che si sviluppano da un grosso rizoma verticale o obliquo dal quale sorgono le foglie radicali in rosetta e il fusto epigeo eretto, cilindrico, foglioso, ramoso e pubescente verso l’alto, spesso arrossato, che può raggiungere l’altezza di 70 cm.
Le foglie radicali sono tripartite con foglioline a forma di ventaglio a loro volta trilobate, verdi, glauche nella pagina inferiore: le basali lungamente picciolate (10-30 cm), le cauline più piccole, numerose, da tripartite in segmenti tri/bilobati, con piccioli lineari interi e guaina sviluppata, fino a semplici o soltanto trilobate e sessili, progressivamente verso l'alto.
I fiori pendenti, profumati ed ermafroditi sono portati da lunghi peduncoli penduli e ghiandolosi, misurano 3-5 cm, e sono raggruppati in infiorescenze glabre a pannocchia lassa di 2-7 elementi. Sono formati da un verticillo esterno con 5 tepali di aspetto petaloide, a forma spatolata o ovato-lanceolata di colore violetto scuro o amaranto, e da un verticillo interno composto da 5 nettarii (tepali interni) dello stesso colore, che ha forma di cappuccio e che si prolunga in uno sperone ricurvo ad uncino, alla sua estremità, verso l’asse fiorale. Stami numerosi, gialli, riuniti in una colonnina sporgente dai tepali. Carpelli 5 liberi.
Il frutto è un folliceto, costituito da 5 follicoli ghiandolosi-pubescenti brevemente saldati alla base.

Tipo corologico: Orof. S-Europ. - Orofita sud-europea (catene dell'Europa meridionale, dalla Penisola Iberica, Alpi, ai Balcani ed eventualmente Caucaso o Anatolia).
Orof. SW-Europ. - Orofita sudovest-europea, con areale gravitante specialmente sulla Penisola Iberica (talora anche Massiccio Centrale); rara o mancante nei Balcani.

Antesi: Maggio ÷ Luglio - Impollinazione: antomogama - Disseminazione: epizoocora

Habitat: Boschi montani , soprattutto peccete, forre cespuglietti, zone a mezz’ombra, pascoli e prati su terreni ricchi di umus da 400 a 2000 m

Immagine


Note di Sistematica: Confondibile con la A. vulgaris L. che ha i fiori di colore azzurro-violetti e stami brevi che non superano o appena sporgono dai petali, comunque la distinzione tra A. atrata ed A. vulgaris è spesso difficoltosa e ha tratto in inganno molte determinazioni.
Altre specie molto simili sono Aquilegia nigricans Baumg. (segnalata in Friuli) e Aquilegia viscosa Gouan. (presente nelle regioni centrali e meridionali, a partire dal Casentino).
Sulla base delle attuali conoscenze è A. atrata l'entità più frequente nel territorio dell’Appennino Tosco-Emiliano e delle Alpi Apuane
La pianta priva del fiore è facilmente confondibile con Thalictrum aquilegifolium L. che però ha il fusto con evidenti nervature.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
OrdineRanunculales Juss. ex Bercht. & J.Presl
FamigliaRanunculaceae Juss.
TribùAquilegieae
GenereAquilegia L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere sembrerebbe derivare per alcuni dal termine latino aquilegium (cisterna) o aquam legere (raccogliere acqua) per la particolarità delle foglie di questa pianta di raccogliere l’acqua piovana. Per altri invece, il termine allude alla forma degli speroni del fiore somiglianti ai rostri dell’aquila, interpretando il nome aquilegia come aquilina.
Il nome specifico fa riferimento al colore oscuro dei petali.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale tossica

Ha proprietà antisettiche, calmanti, astringenti e detergenti, depurative, diuretiche,diaforetiche e parassiticide.
E’ stata usata per combattere la scabbia e la tigna, per favorire con i suoi semi, la secrezione urinaria, la tintura alcolica era utilizzata contro le cefalee, le crisi da dispnea e da dismenorrea. Con le sue foglie si preparavano cataplasmi per combattere foruncoli, ulcere, piaghe e scorbuto.
Tutta la pianta e soprattutto i semi sono tossici per il loro contenuto di glucosidi cardioattivi che liberano acido cianidrico ed alcaloidi (aquilegina). Produce un avvelenamento simile a quello del genere Aconitum: bruciori alla bocca e sulla pelle, stato di agitazione, indebolimento delle pulsazioni cardiache, vomito, diarrea, convulsioni e morte.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia, Edagricole, Bologna
CONTI F., ABBATE G. ALESSANDRINI A. BLASI G., An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora, Roma, Palombi editori, 2005
MAINARDIS G., Atlante illustrato della Flora del Parco delle Prealpi Giulie, Resia (UD) Ente Parco Naturale delle Prealpi Giulie
FERRARINI E., MARCHETTI D., 1994. Prodromo alla Flora della Regione Apuana, Accademia Lunigianese di Scienze Giovanni Capellini , La Spezia
LAUBER K. e WAGNER G., 2001. Flora Helvetica, Berna
The International P
[url=
http://www.actaplantarum.org/semi_dispe ... miglie.php]Acta Plantarum - Semi ed altre unità primarie di dispersionelant Names Index (IPNI)[/url]
Galleria della Flora delle Regioni Italiane
The International Plant Names Index (IPNI)
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia


Scheda realizzata da Giuliano Salvai

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Immagini
(clicca per ingrandire)
Acta Plantarum
Aquilegia atrata W.D.J.Koch

Ranunculaceae: Aquilegia scura - Dark Columbine - Ancolie noirâtre - Campanetas negrencas - Scharzviolette Akelei


Acquasparta (MS), 1267 m, giu 2010

Foto di Giuliano Salvai
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Aquilegia atrata W.D.J. Koch

Ranunculaceae: Aquilegia scura - Dark Columbine - Ancolie noirâtre - Campanetas negrencas - Scharzviolette Akelei


Gabellaccia (Ms), 750 m - Maggio

Foto di Giuliano Salvai
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Aquilegia atrata W.D.J. Koch

Ranunculaceae: Aquilegia scura - Dark Columbine - Ancolie noirâtre - Campanetas negrencas - Scharzviolette Akelei


Gabellaccia (Ms), 750m, Giugno

Foto di Giuliano Salvai
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Aquilegia atrata W.D.J. Koch

Ranunculaceae: Aquilegia scura - Dark Columbine - Ancolie noirâtre - Campanetas negrencas - Scharzviolette Akelei


Gabellaccia (Ms), 750m, Giugno

Foto di Giuliano Salvai
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Aquilegia atrata W.D.J. Koch

Ranunculaceae: Aquilegia scura - Dark Columbine - Ancolie noirâtre - Campanetas negrencas - Scharzviolette Akelei


Gabellaccia (Ms), 750m, mag 2008

Foto di Giuliano Salvai
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Aquilegia atrata W.D.J. Koch

Valmaggiore (BG), giu 2008

Foto di Marinella Zepigi
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Aquilegia atrata W.D.J. Koch

Valmaggiore (BG), giu 2008

Foto di Marinella Zepigi
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Aquilegia atrata W.D.J. Koch

Valmaggiore (BG), giu 2008

Foto di Marinella Zepigi
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Aquilegia atrata W.D.J. Koch

FDoto di Enrico Romani, Franco Rossi & Aldo De Bastiani
Copyright Acta Plantarum