Scheda botanica
Ambrosia artemisiifolia L.
Sp. Pl.: 988 (1753)

Sinonimi: Ambrosia elatior L.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Ambrosia artemisiifolia L. - Vol. 3 pg. 61
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Ambrosia artemisiifolia L. - Vol. 2 pg. 472

Asteraceae

Ambrosia con foglie di artemisia, Annual ragweed, Ambroisie annuelle, Beifußblättrige Ambrosie, römischer Wermut, Ambrosie à feuilles d' armoise , ambrosia de hojas de ajenjo.

Forma Biologica: T scap - Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta annua, erbacea a ciclo vegetativo tardo estivo, con radici fibrose e debolmente fittonanti, ramificate nella parte superiore, fusti eretti glabrescenti o ± pelosi, rossastri nella forma adulta e ramificati nella parte apicale. In dipendenza della copertura vegetale, l'altezza può variare da pochi centimentri sui terreni privi di concorrenza, per arrivare sino a 2 m nei campi di Girasole.
Le foglie sono molto frastagliate e pelose con nervatura biancastra, le inferiori opposte, le superiori alterne, pennate e con lamina divisa in numerose lacinie di colore verde uniforme su entrambe le pagine.
Specie generalmente monoica, cioè produce fiori maschili e femminili separati, ma sulla stessa pianta, riuniti in piccoli capolini, seppur in particolari condizioni, in mezzo a individui ordinari con fiori di entrambi i sessi, può presentare solo ed esclusivamente fiori femminili. I fiori femminili di colore verdastro con capsula a forma di cono rovesciato, posti sotto quelli maschili all'ascella delle foglie più alte, i maschili riuniti in grandi racemi terminali con 5÷20 fiori giallo-verdi, tubiformi in capsule semisferiche.
I frutti sono capsule con spinule inserite verso l'apice. Si propaga per seme.

Tipo corologico: N-Americ. - America del Nord.

Antesi: luglio÷settembre. Si protrae dall'estate all'autunno, in molte regioni italiane raggiunge picchi di concentrazione tra agosto e settembre.

Habitat: Pianta che colonizza terreni dove è stata rimossa la vegetazione, la si trova più frequentemente ai bordi delle strade nei cantieri, nelle aree urbane abbandonate, rive dei corsi d'acqua, nelle zone industriali dimesse, nelle coltivazioni di girasole, di soia e di mais.
Non possiedo dati certi per la distribuzione altitudinale nazionale, Enrico Romani, che ringrazio, mi segnala che per il il Piacentino, si trova da 0 a 1.000÷1.100 m s.l.m., per lo più in ambienti disturbati e lungo le strade.

Immagine


Note di Sistematica: Caratteristica che contraddistingue il genere Ambrosia è l'involucro di brattee che circonda il capolino: sono saldate assieme a forma di coppa.

Note, possibili confusioni: Specie simili sono:

Artemisia vulgaris L.- Assenzio selvatico, che si distingue per foglie con profumo aromatico, poco frastagliate con pagina inferiore biancastra e leggermente vellutata.

Artemisia annua L. - Assenzio annuale, che si distingue per fusti eretti striati, foglie con profumo aromatico, 2-3 pennatosette revolute sul bordo, di colore verde chiaro, numerosi fiori generalmente penduli raggruppati in pannocchie serrate e fogliose, squame paglierine, verdi sulla nervatura con margine ialino.

Artemisia absinthium L. - Assenzio vero, che si distingue per foglie con profunmo aromatico estremità fogliare ampia e rotonda, tripennate di colore grigio-verde, rara villosità tomentoso- grigia su ambo le pagine, le inferiori lungamente picciolate, fiori in pannocchie fitte e ramificate di colore giallo-marrone con villosità grigio-tomentosa

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Asteridi
OrdineAsterales Link
FamigliaAsteraceae Bercht. & J.Presl
TribùAmbrosieae
GenereAmbrosia L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere dal greco “ambròsios” “àmbrotos” = immortale, ma anche divino perché solo gli Dei erano immortali, come divino era il loro nettare: l’ambrosia, quindi "cibo per gli dei" sembrerebbe legato ad una divinità equina ed alla particolare predilezione dei cavalli per la sua succosa ed aromatica vegetazione; il nome specifico a indicare la somiglianza delle foglie con quelle dell’Artemisia.

Curiosità: Tutto è cominciato nel dopoguerra, quando con il piano Marshall vennero importati in Ungheria sementi di frumento. Tra le sementi di frumento c'era anche Ambrosia artemisiifolia, che ha trovato condizioni di propagazione ideali; da lì è partita alla conquista dell'Europa.
Invasiva e temibile nei terreni incolti e in alcune colture: girasoli mais e soia in particolare, ha un forte potenziale di diffusione. Una singola pianta può produrre da 3.000 sino a 60.000 semi che nel suolo mantengono intatta la capacità di germogliare per almeno 40 anni.
Dall'apparenza molto ordinaria e pur essendo molto diffusa, passa quasi inosservata anche e gli erbivori paiono ignorarla.
Pianta strettamente anemofila, che è caratterizzata da una eccezionale capacità di produrre polline ed è fortemente allergenica. Possiede infatti il più allergenico di tutti i pollini, che è causa principale di oculorinite ed asma bronchiale nei soggetti suscettibili. Questi fenomeni, sono in rapida espansione non solo per l'aumento del numero delle persone sensibili, che correla direttamente con l'aumento della concentrazione pollinica, ma anche per il progressivo aggravarsi delle patologie allergiche connesse.
È stato calcolato che una sola pianta di Ambrosia possa produrre più di un miliardo di granuli di polline e che durante la fioritura, la concentrazione dei pollini nell’aria, possa raggiungere i due milioni di granuli per metro cubo.Compiuta l'impollinazione e la fecondazione, la pianta si affida soprattutto ad una disseminazione passiva ed accidentale ad opera di animali ed uomini.
Studi recenti sottolineano come questa specie produca ora, il doppio dei pollini che produceva cento anni fa, questo pare sia dovuto all'aumento di CO2 nell'aria.
Ulteriore conferma della sensibilità dell' Ambrosia nei confronti dell'aumento di anidride carbonica, viene da studi condotti dall'USDA (United States Department of Agriculture) durante i quali, piante di Ambrosia artemisiifolia sono state messe a dimora a Baltimora, città con temperatura e concentrazione di CO2 particolarmente elevate, dimostrando che le piante crescono meglio e hanno una maggiore produzione di polline rispetto alle piante cresciute in campagna.
Le plantule compaiono tra aprile e maggio, la fioritura inizia verso la fine del mese di luglio e si prolunga fino a settembre, con picchi tra agosto e settembre; per i soggetti allergici questo è il periodo critico.
L'allergia all'Ambrosia si manifesta con infiammazione agli occhi, difficoltà respiratorie che nei casi più gravi sono dei veri e propri attacchi di asma.

Attenzione: La regione Lombardia, ai sensi dell'ordinanza regionale 25522 del 29/3/99 con lo scopo di prevenire la patologia allergica ad essa correlata, ha reso obbligatoria la lotta a questa pianta con la sua rimozione periodica.
Provvedimenti simili sono stati adottati in varie regioni.

______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., Flora d'Italia.Edagricole, Bologna. 1982
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C., Checklist of the Italian Vascular Flora. Palombi, Roma. 2005
Acta Plantarum - Semi ed altre unità primarie di dispersione
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia


Scheda realizzata da Marinella Zepigi.

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI

Ambrosia artemisiifolia L.
Alta Pianura Friulana alveo torrente Malina, agosto 2006
Foto di Graziano Propetto
Immagini
(clicca per ingrandire)
Acta Plantarum
Ambrosia artemisiifolia L.
Sp. Pl.: 988 (1753)

Sinonimi: Ambrosia elatior L.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Ambrosia artemisiifolia L. - Vol. 3 pg. 61
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Ambrosia artemisiifolia L. - Vol. 2 pg. 472

Asteraceae

Ambrosia con foglie di artemisia, Annual ragweed, Ambroisie annuelle, Beifußblättrige Ambrosie, römischer Wermut, Ambrosie à feuilles d' armoise , ambrosia de hojas de ajenjo.

Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Ambrosia artemisiifolia L.

Alta Pianura Friulana alveo torrente Malina, ago 2006

Foto di Graziano Propetto
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Ambrosia artemisiifolia L.

Alta Pianura Friulana alveo torrente Malina, ago 2006

Foto di Graziano Propetto
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Ambrosia artemisiifolia L.

Isola serafini (Monticelli - PC) 31.08.2008

Foto di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Ambrosia artemisiifolia L.

Alta Pianura Friulana Alveo torrentizio 24 ago 2006

Foto di Graziano Propetto
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Ambrosia artemisiifolia L.

Foto di Nicola Ardenghi


ambrosia normale femmina.jpg




Ambrosia artemisiifolia L.

Isola serafini (Monticelli - PC) 31.08.2008

Foto di Enrico Romani
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Ambrosia artemisiifolia L.

Soncino (CR), ott 2008

Foto di Daniela Longo
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Ambrosia artemisiifolia L.

Isola serafini (Monticelli - PC) 40 m m 31.08.2008

Foto di Enrico Romani





Sviluppo rigoglioso ai bordi di un campo di mais.
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Ambrosia artemisiifolia L.



Osnago (LC), 250 m, set 2008

Foto di Silviana Mauri



Pianta con soli fiori femminili

Ambrosia_artemisiifolia_20761_98379.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Ambrosia artemisiifolia L.



Calendasco (PC), 50 m, set 2009

Foto di Enrico Romani



Frutti

Ambrosia_artemisiifolia_13160_63525.jpg
Copyright Acta Plantarum