Scheda botanica
Allium schoenoprasum L.
Sp. Pl.: 301 (1753)

Sinonimi: Allium schoenoprasum subsp. alpinum (DC.) Čelak., Allium schoenoprasum subsp. sibiricum (L.) K. Richt.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Allium schoenoprasum L. - Vol. 3 pg. 391
Allium schoenoprasum L. subsp. schoenoprasum - Vol. 3 pg. 391
Allium schoenoprasum subsp. sibiricum (L.) Hartman - Vol. 3 pg. 392
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Allium schoenoprasum L. - Vol. 2 pg. 1058

Amaryllidaceae

Aglio ungherese, Erba cipollina, Porro sottile

Forma Biologica: G bulb - Geofite bulbose. Piante il cui organo perennante è un bulbo da cui, ogni anno, nascono fiori e foglie.

Descrizione: Pianta perenne, erbacea, con bulbo ovoide suddiviso in bulbilli e avvolto da tuniche cartacee bruno-chiare; gli scapi eretti, cilindrici, generalmente tubulosi, avvolti alla base da guaine fogliari.
Le foglie sono cilindriche, cave, lunghe quanto lo scapo.
L'infiorescenza è globosa o ellittica, apicale, circondata alla base da spata a 2÷3 valve allargate; i fiori sono peduncolati, hanno 6 tepali roseo-purpurei, raramente bianchi, acuti e formano una corolla strettamente tubulosa.
I frutti sono capsule trigone, piriformi.

Tipo corologico: Circumbor. - Zone fredde e temperato-fredde dell'Europa, Asia e Nordamerica.
Eurosiber. - Zone fredde e temperato-fredde dell'Eurasia.

Antesi: maggio÷agosto

Habitat: Paludi, torbiere, sorgenti, prati umidi. fra 600÷2.600 m s.l.m.

Immagine


Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Monocotiledoni
OrdineAsparagales Link
FamigliaAmaryllidaceae J.St.-Hil.
TribùAllieae
GenereAllium L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere dal latino “Allium”= aglio”deriva dai termini usati dai celti e dai persiani per indicare i bulbi eduli ,“all” ( in celtico) = caldo, bruciante, in riferimento all'odore e al sapore acre e pungente tipico dell`Aglio; il nome specifico, deriva dal greco "schoenos"= giunco
e "prasos"= porro, le foglie ricordano infatti quelle dei giunchi ed il loro gusto, assomiglia a quello del porro.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Ha proprietà simili agli altri Allium, ma è più delicato.
Le foglie e i bulbi possono essere utilizzati per guarnire e insaporire minestre, insalate, per condire formaggi molli, per aromatizzare salse e burro.
Anche i fiori sono commestibili e hanno un delicato sapore di cipolla, possono essere utilizzati per decorare insalate.
L'erba cipollina si usa quasi esclusivamente fresca poiché ha un aroma lieve, molto meno intenso degli altri agli, che svanisce facilmente; grazie alla sua elasticità è usata di sovente per legare piccole preparazioni a forma di fagotto, come le crêpes, o mazzetti di verdure lessate.
Le foglie si possono comunque essiccare o congelare. Quelle essiccate è consigliabile bagnarle
con del succo di limone quando si desidera reidratarle.
È comunemente coltivata.

Genere Allium: Le cellule intatte dell'aglio contengono l'alliina, amminoacido inodore. Per azione dell'enzima alliinasi, che si libera con la rottura del bulbo, l'alliina si trasforma in allicina, composto fortemente odorato.
Le proprietà terapeutiche riconosciute all'aglio sono dovute a potassio, fosforo, calcio, sodio, ferro, zinco, zolfo e germanio.
Indicato in caso di malattie cardiovascolari, poiché è stata riconosciuta la sua capacità di diminuire i valori pressori, di migliorare la circolazione centrale e quella periferica del sangue e contrastare l'insorgenza dell'arteriosclerosi. Il modo migliore per giovarsi delle proprietà dell'aglio è quello di consumarlo crudo. Indicato inoltre, come antiscorbutico, espettorante, lassativo, cicatrizzante, antisettico, revulsivo, cardiotonico, diuretico, vermifugo, ma raramente è impiegato a scopo terapeutico, è invece molto apprezzato in cucina.
Il modo migliore per avere giovamento dalle proprietà medicamentose dell'aglio è quello di consumarlo crudo, anche se è risaputo che rende sgradevole l'alito.

Curiosità: Sull'aglio in genere. L'aglio veniva coltivato già in tempi lontanissimi, è una delle erbe più antiche usate dall'uomo, ma fu nella terra dei Sumeri, verso il 2300 a.C., che l'aglio assunse per la prima volta nella storia un ruolo di rilievo. Per rendere tollerabili le condizioni di vita, in quella regione che pare all'epoca fosse paludosa ed insalubre, costruirono un elaborato sistema di drenaggio e da documenti dei sovrani di Lagash (Iraq meridionale), così come altri portati alla luce più tardi da archeologi tedeschi che scavarono a Babilonia e Nippur, è dimostrato che l'aglio veniva usato ampiamente come infuso, come decotto, come linimento, come tintura e come tonico, un autentico toccasana per quel popolo.
La birra birra all'aglio è citata nel codice di Hammurabi del XVIII secolo a.C.
Nel principale trattato sull'antica medicina egizia “Fondamenti della medicina dell'antico Egitto” si racconta che un certo Hesy Re, capo dei dentisti e dei medici dei faraoni della terza dinastia (2650÷2570 a.C.), otturava le carie con aglio. pestato. Una lapide della grande piramide di Cheope riferisce che vennero spesi ben 1.600 talenti d'argento per acquistare cipolle e agli per i costruttori della piramide.
Resti di aglio sono stati trovati nella tomba di Tutankhamon (1.350 a.C.).
I Greci e i Romani ne consumavano in grande quantità, questi ultimi, che lo dedicarono a Marte, dio della guerra e simbolo di potenza e virtù, ne consumavano pur considerandolo un cibo plebeo. “Ubi allium, ibi Roma”, era il detto dei contadini del Lazio.
I gladiatori ne masticavano grandi quantità, per resistere nei combattimenti, i patrizi lo credevano antidoto contro gli avvelenamenti, medici, fra cui Galeno stesso, lo utilizzavano durante gli interventi chirurgici, come disinfettante.
Esiste testimonianza, che l'aglio fosse ampiamente usato come antidolorifico nella medicina ippocratica.
Bende venivano immerse in un vino speciale contenenete di oppio e aglio, poi avvolte intorno alle ferite, il miscuglio, attraverso la pelle, penetrava nel sangue
e svolgeva l'azione antidolorifica.
Il Canto X dell'Odissea si ricorda l'aglio per le virtù protettive contro i filtri magici della maga Circe
A quest'erba sono associate moltissime superstizioni: per esempio, si ritiene tenga lontani i vampiri, che stani le talpe dal terreno, che masticato tenga lontani gli avversari nelle gare di corsa (questo è probabile )
I popoli germanici le attribuivano nell'antichità, proprietà magiche, credevano che sfregando la pianta si eliminasse qualsiasi malocchio o incantesimo operato dagli gnomi cattivi della Foresta Nera.
L'odore penetrante ha sempre ispirato pensieri esoterici, come ricorda la leggenda musulmana secondo cui, quando Satana lasciò l'Eden, dopo il peccato originale, nella sua impronta sinistra sarebbe spuntato l'aglio, in quella destra la cipolla.
Ritengo che il 30% circa dei "piatti" della nostra cucina, lo includa come ingrediente necessario.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare..
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia, Edagricole, Bologna
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore
AESCHIMANN D., LAUBER K., MOSER D.M., THEURILLAT J.P., 2004. Flora alpina, Zanichelli editore, Bologna
CASTELMAN M., 2001. The New Healting Herbs. Rodale Inc. Emmaus, PA, U.S.A.
FERRANTI R., 2005. Flora alpina di Valtellina e Valchiavenna, Lyasis Edizioni, Sondrio
LOMAZZI G.. Curarsi con le piante , Key Book/Rusconi Sant' Arcangelo di Romagna
BOWN D., 1995. Encyclopaedia of Herbs and their Uses, Dorling Kindersley, London
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
The International Plant Names Index (IPNI)


Scheda realizzata da Marinella Zepigi

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Immagini
(clicca per ingrandire)
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Foto di Marinella Zepigi

Lago del Mignolo (BS) lug 2007
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Foto di Marinella Zepigi

Lago del Mignolo (BS) lug 2007
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Foto di Marinella Zepigi

Lago del Mignolo (BS) lug 2007
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Foto di Marinella Zepigi

Lago del Mignolo (BS) lug 2007
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.
Amaryllidaceae: Erba cipollina
M. Pisanino Alpi Apuane, lug 2008
Foto di Giuseppe Trombetti
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Amaryllidaceae: Aglio ungherese
Val Fredda (BS), 2250 m, ago 2010
Foto di Alessandro Federici
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Amaryllidaceae: Aglio ungherese
Cima di Blumone (BS), 2400 m, ago 2010
Foto di Alessandro Federici
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Crema (CR), 70 m, apr 2011
Foto di Franco Giordana

Allium_schoenoprasum_26092_122898.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Lago Santo (MO), 1500 m, ago 2013
Foto di Roberta Alberti

Allium_schoenoprasum_57940_265534.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Lago Santo (MO), 1500 m, ago 2013
Foto di Roberta Alberti

Allium_schoenoprasum_57940_265539.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Lago Santo (MO), 1500 m, ago 2013
Foto di Roberta Alberti

Allium_schoenoprasum_57940_265540.jpg
Copyright Acta Plantarum
Acta Plantarum
Allium schoenoprasum L.

Palù Oclini (BZ), 1989 m, set 2013
Foto di Giovanni Bergamo Decarli

Allium_schoenoprasum_54554_250822.jpg
Copyright Acta Plantarum