Isola d'Ischia a febbraio

Reportages floristici dall'Italia e dall'Estero: immagini dei fiori e dell'ambiente circostante

Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:05

Una visita all'Isola d'Ischia a febbraio, quando non c'è il turismo di massa, consente di percorrere qualche interessante itinerario, apprezzando l'acqua termale, la geologia dell'Isola e qualche fioritura.
Come prima tappa consiglio di visitare la baia di Sorgeto, a Panza d'Ischia (la pancia del mitologico mostro Tifeo, o Tifone "fumo stupefacente") dove sgorga, vicinissimo al mare, una sorgente d'acqua termale bollente che, mischiata all'acqua marina, permette di godersi un gratuito bagno termale all'aperto.
Allegati
isola ischia.JPG
isola ischia.JPG (131.28 KiB) Osservato 497 volte
Sorgeto.JPG
Sorgeto.JPG (182.72 KiB) Osservato 497 volte
Itinerari: 15 Campania
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:13

Mentre si scende la scalinata che porta alla piccola insenatura (approdo dei primi coloni dell'Isola), si osservano le fioriture di:
Oxalis pes-caprae L.
Oxalidaceae: ACETOSELLA GIALLA

Thymelaea hirsuta (L.) Endl.
Thymaleaceae: SPAZZAFORNO
Allegati
Oxalis pes-caprae L..JPG
Oxalis pes-caprae L..JPG (178.44 KiB) Osservato 495 volte
Thymelaea hirsuta (L.) Endl..JPG
Thymelaea hirsuta (L.) Endl..JPG (165.17 KiB) Osservato 495 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:15

Possiamo ammirare anche
Centhaurea deusta Ten.
Asteraceae: Centaurea bruciacchiata

Teucrium fruticans L.
Lamiaceae: CAMEDRIO FEMMINA
Allegati
Centhaurea deusta Ten..JPG
Centhaurea deusta Ten..JPG (144.15 KiB) Osservato 494 volte
Teucrium fruticans L..JPG
Teucrium fruticans L..JPG (124.71 KiB) Osservato 494 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:22

Fatto il piacevole bagno, ci spostiamo a Sant'Angelo per vedere le fumarole che sgorgano dalla spiaggia di Maronti, ma prima ammiriamo il paesaggio nel quale spicca l'isolotto, alto 106 metri e legato all'isola da un istmo lungo 119 metri dove vi erano una volta un piccolo monastero ed una torre di vedetta, della quale si vede ancora la parte inferiore, distrutti nel 1809 dalle cannonate degli Inglesi, quando cacciarono i francesi dal Castello d'Ischia e dall'isola stessa
Allegati
santangelo.JPG
santangelo.JPG (193.28 KiB) Osservato 491 volte
Aloe arborescens Mill..JPG
Aloe arborescens Mill..JPG (177.71 KiB) Osservato 491 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:26

Si attraversa il paese fino a scendere alla spiaggia di Maronti, incontrando così una prima fumarola (la bocca di Tifeo) inglobata in una torretta, mentre le altre escono dalla spiaggia stessa. La sabbia bollente viene utilizzata per sabbiature atte a curare dolori reumatici
Allegati
Fumarola.JPG
Fumarola.JPG (152 KiB) Osservato 491 volte
fumarole Maronti.JPG
fumarole Maronti.JPG (151.82 KiB) Osservato 491 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:32

A ridosso delle fumarole incontriamo due diverse specie di Opuntia:
Opuntia ficus-indica (L.) Mill.
Cactaceae: Fico d'India

Opuntia sp.
(non sono sicura della specie)
Allegati
Opuntia ficus-indica.JPG
Opuntia ficus-indica.JPG (178.34 KiB) Osservato 490 volte
Opuntia1.JPG
Opuntia1.JPG (165.98 KiB) Osservato 490 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:35

Il percorso successivo ci porta alla cima del Monte Epomeo, la cima più alta dell'Isola.
Circa 55.000 anni fa, si formò una gigantesca camera magmatica sotto l'odierna Isola d'Ischia. Attraverso spaccature e crepacci nella crosta terrestre, il magma fu scagliato nell'atmosfera e la camera magmatica si svuotò. Il coperchio della camera magmatica sprofondò e la conca che si creò nella crosta terrestre, chiamata "Caldera", è dove oggi si trova l'isola d'Ischia. Poiché circa 55.000 anni fa, la superficie del mare si trovava 150-200 m più in basso di oggi, questa "Conca-Caldera" era terra emersa. In seguito all'innalzamento del livello del mare, l'isola fu sommersa per svariati anni. Questo ha fatto sì che la roccia originaria, in seguito a trasformazioni chimiche, si è tramutata in tufo verde.
Nuovo magma confluì nella vecchia camera magmatica sotto l'odierna isola d'Ischia, il coperchio della camera magmatica cominciò a sollevarsi dal mare e a far emergere l'isola. Questo innalzamento ha dato origine al Monte Epomeo che oggi si innalza fino ad un'altezza massima di circa 789 m slm. Il fatto che l'isola sia emersa dal mare, oltre che dalle caratteristiche mineralogiche, è confermato anche dalla presenza di argille marine sovrapposte al tufo verde e da fossili di molluschi e foraminiferi. Nella zona del bosco della Falanga e dei Frassitelli è particolarmente evidente il piano di faglia ed il sollevamento che ha dato poi origine al monte (horst vulcano - tettonico). L'attività vulcanica è attualmente in una fase di quiescenza, ed è caratterizzata da uno sviluppo di fumarole e sorgenti idrotermali molto intenso.
Allegati
sentiero per Monte Epomeo.JPG
sentiero per Monte Epomeo.JPG (168.49 KiB) Osservato 488 volte
Cima Epomeo.JPG
Cima Epomeo.JPG (195.21 KiB) Osservato 488 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:39

Il sentiero è molto agevole e con un'ora e trenta si arriva alla cima.
Dal Comune di Serrara Fontana proseguire per Fontana fino ad incontrare il cartello "Monte Epomeo". Parcheggio libero prima della salita.
Si sale molto rapidamente per una stretta via asfaltata fino ad arrivare alla fine della strada asfaltata e si prosegue a piedi per un sentiero scavato nel tufo, circondato da un bosco di castagni. Continuando la risalita si arriva ad un horst.Si prosegue fino alla chiesetta - eremo di S. Nicola di Bari (sec.XVI) interamente scavata nel tufo verde, dove per anni ha soggiornato l'eremita Giuseppe D'Argout, ex comandante della guarnigione del Castello Aragonese nel 1700. Dall'eremo un sentiero scavato nel tufo conduce verso la vetta. Da qui si gode di una vista a 360 gradi (da cui l'origine del nome Epomeo: Epopon o Epopos io guardo, io miro attorno). Di fronte è riconoscibile il bosco della Falanga con Santa Maria al monte, il Monte Nuovo e Forio in basso; in lontananza le isole pontine e la costa laziale. Spostando lo sguardo verso Nord si possono vedere : il litorale flegreo con le isole di Procida e Vivara, il Vesuvio, e proseguendo i Monti Lattari e l'isola di Capri.
Allegati
Eremo San Nicola.JPG
Eremo San Nicola.JPG (183.2 KiB) Osservato 484 volte
Panorama Monte Epomeo.JPG
Panorama Monte Epomeo.JPG (97.59 KiB) Osservato 484 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:41

Lungo il percorso, al bordo della strada si ammira la fioritura di
Brassica fruticulosa Cirillo
Brassicaceae: Cavolo arbustivo
Allegati
Brassica_fruticulosa Cirillo.JPG
Brassica_fruticulosa Cirillo.JPG (97.09 KiB) Osservato 482 volte
brassicafruticulosacirillo.JPG
brassicafruticulosacirillo.JPG (91.68 KiB) Osservato 482 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:43

Scendendo per lo stesso sentiero si può deviare sulla destra per raggiungere la cima di Pietra dell'Acqua (720 m).
Si segue un pendio che porta ad una cisterna che dà il nome alla cima, una grande roccia di tufo (a forma di Cammello), che è stata scavata e scanalata per raccogliere l'acqua piovana.
La roccia si presenta imponente e mostra ben visibili gli interventi che l'uomo ha fatto in epoche lontane per sfruttare quanto la natura gli offriva: dovendo coltivare anche le zone più alte, più sicure dagli attacchi dei pirati, i contadini avevano bisogno d'acqua; scavando nella roccia crearono una grande cisterna alla quale l'acqua giungeva tramite un canale anch'esso scavato nella pietra, dalla cisterna l'acqua confluiva in alcune vasche ricavate attorno ad essa e lì si abbeveravano tanto i contadini che gli animali. Al tempo delle invasioni piratesche, verso la metà dei 500, le famiglie che si rifugiavano in alto sulla montagna utilizzavano i massi che avevano trasformato in case anche come sistema difensivo: infatti, sulla sommità di molti di essi, alla quale si arrivava mediante scalini intagliati nella roccia, sono stati trovati dei fori e ganci che dovevano servire probabilmente per sistemarvi delle torce o fiaccole; dai fori non solo entrava luce per illuminare l'ambiente ma si potevano anche fare segnalazioni. Secondo lo storico D'Ascia anche Pietra dell'Acqua può essere stata utilizzata come "osservatorio", si trova, infatti, in un punto dell'Epomeo da cui è ben visibile la costa flegrea. Il linguaggio dei fuochi da Napoli alle torri d'avvistamento sulla costa ischitana e alle zone più alte sull'Epomeo, segnalava il pericolo d'incursioni.
Allegati
pietra dell'acqua.JPG
pietra dell'acqua.JPG (161.36 KiB) Osservato 480 volte
gufo.JPG
gufo.JPG (167.32 KiB) Osservato 480 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:46

Attualmente gli abitanti di "Pietra dell'acqua" sono queste due specie di lacertidi
Allegati
lacerta.JPG
lacerta.JPG (168.99 KiB) Osservato 480 volte
lacerta sp.JPG
lacerta sp.JPG (181.88 KiB) Osservato 480 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:53

Sotto "l'Occhio del Signore" particolare roccia formata dal tenero tufo, ci spostiamo a Barano, per scendere nuovamente alla spiaggia di Maronti alla ricerca di Cavascura, una sorgente termale utilizzata dagli antichi romani.
Lungo il percorso possiamo vedere fiorita la
Aloe arborescens Mill.
Asphodelaceae: Aloe vera

che in quest'isola è abbondante dovunque
Allegati
occhio del Signore.JPG
occhio del Signore.JPG (163.51 KiB) Osservato 478 volte
Aloe arborescens Mill.JPG
Aloe arborescens Mill.JPG (187.79 KiB) Osservato 478 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 20:56

lungo la strada che conduce alla spiaggia è fiorito il
Melilotus elegans Ser.
Fabaceae
Allegati
Melilotus elegans.JPG
Melilotus elegans.JPG (176.66 KiB) Osservato 478 volte
melilotuselegans Ser.JPG
melilotuselegans Ser.JPG (154.34 KiB) Osservato 478 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 21:02

e lungo il muretto che fiancheggia la strada c'è
Helichrysum litoreum Guss.
Asteraceae: Perpetuino dei litorali

Phagnalon saxatile (L.) Guss.
Asteraceae: Scuderi angustifoglio
Allegati
Helichrysym_littoreum Guss..JPG
Helichrysym_littoreum Guss..JPG (192.99 KiB) Osservato 475 volte
Phagnalon saxatile (L.) Cass.JPG
Phagnalon saxatile (L.) Cass.JPG (154.86 KiB) Osservato 475 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 21:06

rallegrano la passeggiata verso la spiaggia
Prunus dulcis (Mill.) D.A. Webb.
Rosaceae: Mandorlo

Lathyrus clymenum L.
Fabaceae: Cicerchia porporina
Allegati
Prunus dulcis (Mill.) D.A.Webb.JPG
Prunus dulcis (Mill.) D.A.Webb.JPG (144.66 KiB) Osservato 475 volte
Lathyrus clymenum L..JPG
Lathyrus clymenum L..JPG (156.99 KiB) Osservato 475 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 21:11

Dalla spiaggia, percorrendo delle passerelle di legno a ridosso delle pareti, possiamo osservare
Matthiola incana (L.) R.Br.
Brassicaceae: Violaciocca rossa
Allegati
Matthiola incana.JPG
Matthiola incana.JPG (174.3 KiB) Osservato 474 volte
Matthiola incana (L.) R.Br..JPG
Matthiola incana (L.) R.Br..JPG (149.47 KiB) Osservato 474 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 21:17

a metà della lunga spiaggia si devia verso l'interno percorrendo una stretta gola dalle pareti di tufo scanalato che porta alla sorgente termale di Cavascura (in questo periodo dell'anno chiusa)
Allegati
gola Cavascura.JPG
gola Cavascura.JPG (180.2 KiB) Osservato 473 volte
pareti di tufo.JPG
pareti di tufo.JPG (166.15 KiB) Osservato 473 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 21:19

nella spiaggia c'è ancora un'altra specie di
Opuntia sp.
Allegati
opuntia2.JPG
opuntia2.JPG (125.28 KiB) Osservato 473 volte
Opuntia.JPG
Opuntia.JPG (187.88 KiB) Osservato 473 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 21:29

Torniamo sui nostri passi per percorrere un'altra gola tra alte pareti di tufo che conduce, sempre dalla spiaggia di Maronti, alla sorgente (libera) di Olmitello, la cui acqua tiepida avrebbe le seguenti proprietà:
"Le qualità di queste acque sono note sin d'antichità ed addirittura a questa sorgente veniva attribuita una proprietà terapeutica di "natura divina". Sono stati fatti nel corso dei anni, tantissimi studi ed i più importanti sono quelli del dottor Giulio Jasolino che già nel 1588 elencava i benefici di quest'acqua per lo stomaco, gli occhi, i calcoli, le palpitazioni e la febbre, la cura dell'artrite e tante altre patologie."
Tuttavia, vista la presenza di una cospicua cementificazione abusiva in tutta l'isola, ci asteniamo dal berla.

Lungo il percorso (abbastanza ricco di immondizia) si può osservare il
Cyperus involucratus Rottb.
Cyperaceae: Falso papiro
Allegati
pareti olmitello.JPG
pareti olmitello.JPG (186.54 KiB) Osservato 471 volte
Cyperus involucratus Rottb..JPG
Cyperus involucratus Rottb..JPG (181.46 KiB) Osservato 471 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda maria grazia » 25 feb 2017, 21:36

Salutiamo l'isola con un meritato bagno termale nello stabilimento "La GonDola" aperto, nella spiaggia di Maronti, che ha una vasca di acqua termale caldissima (calidarium), una sauna di vapore, una piscina con idromassaggio di acqua marina (tepidarium), scaldata dal getto di acqua termale che esce dalla bocca di una statua, e se serve il frigidarium...bagno al mare!
Allegati
la gondola maronti.JPG
la gondola maronti.JPG (152.09 KiB) Osservato 469 volte
la gondola.JPG
la gondola.JPG (117.04 KiB) Osservato 469 volte
Avatar utente
maria grazia
 
Messaggi: 1501
Iscritto il: 25 mar 2008, 12:19
Località: ciampino

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda Anja » 25 feb 2017, 21:50

Bello!!! :D :applauso: :applauso:
:bye: anja
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 11012
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda Franco Giordana » 25 feb 2017, 21:51

Bello e interessante, brava!
Franco
Aiutate i moderatori: riportate correttamente i dati! Leggete come fare qui e qui
Questo è il mio primo messaggio in forum: viewtopic.php?t=1805 e i dati??? Nessuno nasce imparato!

daily msgs
Avatar utente
Franco Giordana
Amministratore
 
Messaggi: 16614
Iscritto il: 01 feb 2008, 10:40
Località: Crema (CR)

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda myriam traini » 25 feb 2017, 22:18

Brava Maria Grazia, interessante e ricco itinerario, che mi verrà utile nel futuro! :applauso: :applauso: :applauso: Un saluto a Sergio :bye:
Myriam
Nomina si nescis perit et cognitio rerum (L.)
Avatar utente
myriam traini
 
Messaggi: 2251
Iscritto il: 22 giu 2011, 16:43

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda Alessandro » 25 feb 2017, 22:26

Bellissimi posti e belle anche le foto
:bye:
Un saluto
A.
Avatar utente
Alessandro
Moderatore
 
Messaggi: 4199
Iscritto il: 16 nov 2009, 23:24

Re: Isola d'Ischia a febbraio

Messaggioda giacomo bellone » 25 feb 2017, 22:30

Brava! Brava! Grazie. :applauso: :applauso:
:fiori: jacques
Avatar utente
giacomo bellone
 
Messaggi: 4191
Iscritto il: 15 dic 2011, 13:28
Località: Limone P.te

Prossimo

Torna a Itinerari botanici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite