Carthamus tinctorius L. - Zafferano bastardo

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Carthamus tinctorius L. - Zafferano bastardo

Messaggioda attilio e mirna » 15 apr 2009, 07:02

Carthamus tinctorius L.
Sp. Pl.: 830 (1753)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Carthamus tinctorius L. - Vol. 3 pg. 209

Asteraceae

Zafferanone coltivato, Cartamo tintorio, Zafferano bastardo, Cartamo, Safran bâtard, Saflor, Safflower,Cártamo

Forma Biologica: H bienn - Emicriptofite bienni. Piante a ciclo biennale con gemme poste a livello del terreno.
T scap - Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta erbacea annuale o biennale alta 30-60 (100) cm glabra, munita di radice fittonante, fusto eretto e ramoso, corimboso nella parte superiore.
Foglie glabre, sessili, alterne, indivise, da ovato-lanceolate a lanceolate o ellitiche; margine finemente dentato-spinuloso e nervature a reticolo, le inferiori inermi, mentre quelle poste sulle ramificazioni superiori sono provviste di alcune piccole spine.
Le infiorescenze sono capolini globosi, solitari all'apice, formati da 20-100 fiori rosso-aranciati, tutti tubulosi, circondati da un involucro ovato-piriforme di ca 2 cm di Ø con una serie di brattee esterne fogliacee, coriacee, ovato-oblunghe che si restringono alla base, terminanti generalmente con una lunga spinula. Fiori ermafroditi, talora alcuni esterni sterili. Ovario infero.
I frutti sono acheni, generalmente senza pappo, di 6-8 mm, di forma prismatica, troncati alla base e con 4 angoli sporgenti.

Tipo corologico: Origine ignota - Alloctona o Coltivata, di origine ignota.

Antesi: luglio-settembre

Habitat: Terreni incolti, spesso coltivata in orti e giardini, allo stato spontaneo è rara (da 0 a 600 m)

Immagine


Note, possibili confusioni: Specie simili presenti in Italia:

Carthamus lanatus subsp. baeticus (Boiss. & Reut.) Nyman, con fusto gener. biancastro munito di foglie del caule con spine inserite ad angolo retto, con squame involucrali lunghe il doppio delle medie, ricurve patenti, con corolla gialla pallida o biancastra, antere bianche con strie violette.

Carthamus lanatus L. subsp. lanatus , con fusto giallastro provvisto di foglie cauline munite di spine inserite ad angola acuto, squame involucrali esterne lunghe 1,5 volte le medie, tutte quasi erette, salvo le più esterne, corolla giallo intenso ad antere gialle, quello più comune.

Carthamus pinnatus Desf., pianta glabra, un poco fioccosa lungo la rachide delle foglie con fusto alto 5-20 cm o caulescente. Foglie con piccole lacinie, dentato spinose, munite spesso alla base di un lobo a guisa di orecchietta. Capolino di 3-4 cm con corolla azzurra, con brattee involucrali carnose munite di una appendice fogliacea spinulosa.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Asteridi
OrdineAsterales Link
FamigliaAsteraceae Bercht. & J.Presl
TribùCarthameae
GenereCarthamus L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Carthamus: dall’ebraico “quarthami” tingere o dall’arabo “kartam” tintura (‘qortom’ tingere, zafferano) per la presenza di pigmenti gialli contenuti nei fiori di Carthamus tinctorius
tinctorius: da "tíngo" io tingo: perché serve a tingere

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Pianta oggigiorno poco conosciuta , ma anticamente nota sia agli Egizi che ai Greci per le sue infiorescenze, dalle quali si estraeva la cartamina, sostanza colorante, utilizzata per tingere tessuti, per dipingere, per uso alimentare e cosmetico.
Con l'evento dei coloranti chimici questa pianta è stata quasi completamente abbandonata.
Nel primo dopoguerra, in Italia settentrionale, il Cartamo, veniva coltivato quale succedaneo dello zafferano al quale è simile per aspetto e colore, ma non per l' aroma che è blando. Era soprannominato lo zafferano dei poveri. Con il miglioramento delle condizioni di vita, anche nelle nostre regioni, non è stato più coltivato e lo si può trovare in qualche orto o giardino, per la bellezza dei suoi fiori.
Per l'estrazione dell'olio che si ottiene dai suoi semi, oggi viene coltivato su grande scala in India, Stati Uniti e Messico, che sono i più grandi produttori mondiali, in Europa solo in Spagna e Portogallo.
L'olio commestibile che si ricava, contiene un'alta percentuale di acidi grassi insaturi, ed è usato comunemente in cucina, nell'industria alimentare, nell'industria farmaceutica e nella produzione di vernici.

L'olio di semi non purificato agisce come purgante.
Nella tradizione erboristica cinese ed anglo-americana le infiorescenze vengono impiegate per stimolare il mestruo ed alleviare i dolori addominali, per combattere stadi febbrili, eruzioni cutanee, curare ferite e il morbillo.
L'intera pianta, per l'alto contenuto di fibre e proteine viene impiegata nell'alimentazione degli animali, sia come foraggio secco, che fresco, purchè la falciatura sia effettuata prima dell'infiorescenza.

Curiosità: Attualmente le sue infiorescenze sono soprattutto richieste dai fioristi per le composizioni e decorazioni floreali secche.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Pignatti S. 1982 -Flora d'Italia. Bologna
Zangheri P. 1976- Flora Italica. Padova
Conti F.,Abbate G.,Alessandrini A.,Blasi C., 2005 -An Annoted Checklist of the Italian Vascular Flora. Roma
The International Plant Names Index (IPNI)
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
Acta Plantarum - Semi ed altre unità primarie di dispersione


Scheda realizzata da Mirna Medri

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
La tua vacanza in Romagna a Pinarella di Cervia
Avatar utente
attilio e mirna
Moderatore
 
Messaggi: 4500
Iscritto il: 22 nov 2007, 17:46
Località: Ravenna

Re: Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo

Messaggioda attilio e mirna » 15 apr 2009, 07:17

Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo
(dalla ns. produzione orticola)
Castiglione di Cervia (Ra) E.-ROM. mag 2004
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
-Carthamus-tinctorius--.jpg
-Carthamus-tinctorius--.jpg (183.51 KiB) Osservato 8158 volte
La tua vacanza in Romagna a Pinarella di Cervia
Avatar utente
attilio e mirna
Moderatore
 
Messaggi: 4500
Iscritto il: 22 nov 2007, 17:46
Località: Ravenna

Re: Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo

Messaggioda attilio e mirna » 15 apr 2009, 07:18

Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo
(dalla ns. produzione orticola)
Castiglione di Cervia (Ra) E.-ROM. mag 2004
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
Carthamus-tinctorius-.jpg
Carthamus-tinctorius-.jpg (100.18 KiB) Osservato 8155 volte
La tua vacanza in Romagna a Pinarella di Cervia
Avatar utente
attilio e mirna
Moderatore
 
Messaggi: 4500
Iscritto il: 22 nov 2007, 17:46
Località: Ravenna

Re: Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo

Messaggioda attilio e mirna » 15 apr 2009, 07:19

Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo
(dalla ns. produzione orticola)
Castiglione di Cervia (Ra) E.-ROM. giu 2006
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
-014.jpg
-014.jpg (185.59 KiB) Osservato 8150 volte
La tua vacanza in Romagna a Pinarella di Cervia
Avatar utente
attilio e mirna
Moderatore
 
Messaggi: 4500
Iscritto il: 22 nov 2007, 17:46
Località: Ravenna

Re: Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo

Messaggioda attilio e mirna » 15 apr 2009, 07:20

Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo
(dalla ns. produzione orticola)
Castiglione di Cervia (Ra) E.-ROM. giu 2006 capolino prima dell'antesi
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
013.jpg
013.jpg (182.63 KiB) Osservato 8144 volte
La tua vacanza in Romagna a Pinarella di Cervia
Avatar utente
attilio e mirna
Moderatore
 
Messaggi: 4500
Iscritto il: 22 nov 2007, 17:46
Località: Ravenna

Re: Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo

Messaggioda attilio e mirna » 15 apr 2009, 07:23

Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo
(dalla ns. produzione orticola)
Castiglione di Cervia (Ra) E.-ROM. lug 2006 Antesi
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
Carthamus-tinctorius-L.--.jpg
Carthamus-tinctorius-L.--.jpg (185.76 KiB) Osservato 8138 volte
La tua vacanza in Romagna a Pinarella di Cervia
Avatar utente
attilio e mirna
Moderatore
 
Messaggi: 4500
Iscritto il: 22 nov 2007, 17:46
Località: Ravenna

Re: Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo

Messaggioda attilio e mirna » 15 apr 2009, 07:24

Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo
(dalla ns. produzione orticola)
Castiglione di Cervia (Ra) E.-ROM. lug 2006
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
Carthamus-tinctorius-L..jpg
Carthamus-tinctorius-L..jpg (129.96 KiB) Osservato 8133 volte
La tua vacanza in Romagna a Pinarella di Cervia
Avatar utente
attilio e mirna
Moderatore
 
Messaggi: 4500
Iscritto il: 22 nov 2007, 17:46
Località: Ravenna

Re: Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo

Messaggioda attilio e mirna » 15 apr 2009, 07:26

Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo
(dalla ns. produzione orticola)
Castiglione di Cervia (Ra) E.-ROM. lug 2006
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
012.jpg
012.jpg (172.33 KiB) Osservato 8127 volte
La tua vacanza in Romagna a Pinarella di Cervia
Avatar utente
attilio e mirna
Moderatore
 
Messaggi: 4500
Iscritto il: 22 nov 2007, 17:46
Località: Ravenna

Re: Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo

Messaggioda attilio e mirna » 15 apr 2009, 07:34

Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo
(dalla ns. produzione orticola)
Castiglione di Cervia (Ra) E.-ROM. ott 2007
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
Carthamus-tinctorius-L.-.jpg
Carthamus-tinctorius-L.-.jpg (182.69 KiB) Osservato 8126 volte
-Carthamus-tinctorius-L.-.jpg
-Carthamus-tinctorius-L.-.jpg (177.35 KiB) Osservato 8121 volte
Carthamus-tinctorius-L.-.jpg
Carthamus-tinctorius-L.-.jpg (183.02 KiB) Osservato 8117 volte
La tua vacanza in Romagna a Pinarella di Cervia
Avatar utente
attilio e mirna
Moderatore
 
Messaggi: 4500
Iscritto il: 22 nov 2007, 17:46
Località: Ravenna

Re: Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo

Messaggioda attilio e mirna » 15 apr 2009, 07:37

Carthamus tinctorius L. Zafferano bastardo, Cartamo
(dalla ns. produzione orticola)
Castiglione di Cervia (Ra) E.-ROM. ott 2007 gli acheni prismatici
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
-Carthamus-tinctorius-L.-.jpg
-Carthamus-tinctorius-L.-.jpg (153.25 KiB) Osservato 8113 volte
Carthamus-tinctorius-L.-.jpg
Carthamus-tinctorius-L.-.jpg (142.71 KiB) Osservato 8109 volte
La tua vacanza in Romagna a Pinarella di Cervia
Avatar utente
attilio e mirna
Moderatore
 
Messaggi: 4500
Iscritto il: 22 nov 2007, 17:46
Località: Ravenna

Re: Carthamus tinctorius L. - Zafferano bastardo

Messaggioda Anja » 12 feb 2016, 17:38

Carthamus tinctorius L.

Santa Croce sull'Arno (PI), 10 m, lug 2015
Foto di Marcello Giani

P1030436.JPG
P1030436.JPG (190.58 KiB) Osservato 2209 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti