Acrididae: Calliptamus italicus (Linnaeus, 1758) + Locusta migratoria (Linnaeus, 1758)

Acrididae: Calliptamus italicus (Linnaeus, 1758) + Locusta migratoria (Linnaeus, 1758)

Messaggioda pino » 23 set 2009, 20:37

Fotografate entrambe sulle grave del Piave il 23 set 2009 da Pino Perino
Il piccoletto è arrivato all'ultimo momento per farsi fotografare :D
Grazie, Pino
Allegati
Farfalle 23 Settembre  2009 006 Visualizzazione Posta elettronica - Rapida.jpg
Non so se è rosicchiata dietro o se è lei così.
Farfalle 23 Settembre 2009 006 Visualizzazione Posta elettronica - Rapida.jpg (151.91 KiB) Osservato 977 volte
Farfalle 23 Settembre  2009 017 Visualizzazione Posta elettronica - Rapida.jpg
tra le fronde e poi è sparita come un razzo!
Farfalle 23 Settembre 2009 017 Visualizzazione Posta elettronica - Rapida.jpg (90.03 KiB) Osservato 977 volte
pino
Moderatore
 
Messaggi: 3783
Iscritto il: 09 set 2008, 11:22

Re: Acrididae: Calliptamus italicus (Linnaeus, 1758) + Locusta migratoria (Linnaeus, 1758)

Messaggioda FORBIX » 24 set 2009, 03:36

CIAO!

Per quanto riguarda l'esemplare della prima foto, non dovrebbero essrci dubbi che si tratti di un Acrididae del genere Calliptamus, 3 specie presenti in Italia, di cui mi sembra solo due nella tua regione.
La determinazione certa di queste bestiole, potrebbe essere fatta solo attraverso l'osservazione dei genitalia, ma, ragionando, forse si arriverà ad una soluzione.
Allora, le specie da prendere in considerazione sono due, secondo me:

Calliptamus italicus (Linnaeus, 1758)
e
Calliptamus siciliae (Ramme, 1927)

La cosa strana, sta proprio nel fatto che uno dei pochi caratteri morfologici distintivi tra queste due specie, sta proprio nella lunghezza delle tegmine, che nel C.siciliae, non coprono interamente l'addome.
Per farti un esempio, di cosa sto parlando, guarda qui: http://www.pyrgus.de/bilder1/acrididae/siciliae_m1.jpg
Ora, se il tuo esemplare avesse le ali integre, allora si potrebbe anche azzardare a determinarlo come C.siciliae, ma se invece sono rotte o logore, allora.......è "jella" :wall: :wall:
Osservandole bene però, mi sembra di vedere che la tegmina destra, sia proprio "tagliata", mentre la sinistra, risulta lunga quanto l'addome.
Per quanto sopra espresso, ritengo che si possa "abbastanza" tranquillamente taxare come:

Calliptamus italicus (Linnaeus, 1758)

In merito invece alla seconda immagine, direi senza ombra di dubbio che si tratta di un esemplare di:

Locusta migratoria (Linnaeus 1758)

CIAO!
__________________________
Leonardo Forbicioni

http://www.naturelba.it/Naturelba/Home_Page.html

Se veramente tu potessi prendere a calci, colui che è l'unico vero responsabile di tutte le tue sventure......per mesi non potresti più sederti!
De Curtis
Avatar utente
FORBIX
Moderatore
 
Messaggi: 2327
Iscritto il: 21 feb 2009, 15:24


Torna a Orthoptera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite