Acrididae: Calliptamus barbarus (Costa, O.G. 1836)

Acrididae: Calliptamus barbarus (Costa, O.G. 1836)

Messaggioda apicolo » 28 set 2009, 15:55

Guardando le immagini scattate in questi giorni, mi è sembrato di notare una coppia che a parere mio si avvicina molto a G... italicus, che cosa ne pensate, sono nel giusto, oppure. Grazie Apicolo

Isola d'Elba - Capoliveri
Monte Calamita 290m
27 set 2009
Foto Frangini Giuliano
Allegati
Calliptamus italicus - femmina.jpg
Calliptamus barbarus (Costa, O.G. 1836)
Calliptamus italicus - femmina.jpg (66.9 KiB) Osservato 1520 volte
Frangini Giuliano


Quant'è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! Chi vuol essere lieto, sia: Di doman non c'è certezza
Versi scritti nella seconda metà del ‘400 da Lorenzo de’ Medici
Avatar utente
apicolo
 
Messaggi: 1655
Iscritto il: 03 set 2009, 21:34

Re: Acrididae: Calliptamus barbarus (Costa, O.G. 1836)

Messaggioda apicolo » 28 set 2009, 15:57

particolare femminile
Foto Frangini Giuliano
Allegati
Calliptamus italicus - genitali.jpg
Calliptamus barbarus (Costa, O.G. 1836)
Calliptamus italicus - genitali.jpg (72.37 KiB) Osservato 1515 volte
Frangini Giuliano


Quant'è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! Chi vuol essere lieto, sia: Di doman non c'è certezza
Versi scritti nella seconda metà del ‘400 da Lorenzo de’ Medici
Avatar utente
apicolo
 
Messaggi: 1655
Iscritto il: 03 set 2009, 21:34

Re: Acrididae: Calliptamus barbarus (Costa, O.G. 1836)

Messaggioda apicolo » 28 set 2009, 15:59

il maschio
Foto Frangini Giuliano
Allegati
Calliptamus italicus - maschio.jpg
Calliptamus barbarus (Costa, O.G. 1836)
Calliptamus italicus - maschio.jpg (74.07 KiB) Osservato 1511 volte
Frangini Giuliano


Quant'è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! Chi vuol essere lieto, sia: Di doman non c'è certezza
Versi scritti nella seconda metà del ‘400 da Lorenzo de’ Medici
Avatar utente
apicolo
 
Messaggi: 1655
Iscritto il: 03 set 2009, 21:34

Re: Acrididae: Calliptamus barbarus (Costa, O.G. 1836)

Messaggioda FORBIX » 28 set 2009, 22:15

No, Giuliano, anche se il Calliptamus italicus penso sia segnalato per Pianosa e Palmaiola, probabilmente la cosa non esclude la sua presenza all'Elba, dove è segnalato solo il C. barbarus. Non noto caratteri particolarmente evidenti che mi portano verso il C. italicus, anzi, le bande nere nettamente segnate all'interno dei femori posteriori, mi fanno propendere anche in questo caso verso il barbarus.

Inoltre, andrebbe osservata l'estenzione della colorazione rosa nelle ali posteriori, e, come al solito per avere la certezza assoluta in questo genere, esaminare i genitalia.

Ho visto che hai messo in evidenza quell'apparato nella parte terminale dell'addome, si tratta di un maschio e non di una femmina.
Quelle due specie di cerci ricurvi, non sono altro che le "gonapofisi" maschili che vanno a costituire, nel maschio, l'organo copulatore, e, nella femmina, sono unite a formare l'ovopositore.

Comunque, fino a che non avrò fatto maggiori accertamenti sui Calliptamus dell'Elba, direi di taxare per ora come:

Calliptamus barbarus (Costa, O.G. 1836)
__________________________
Leonardo Forbicioni

http://www.naturelba.it/Naturelba/Home_Page.html

Se veramente tu potessi prendere a calci, colui che è l'unico vero responsabile di tutte le tue sventure......per mesi non potresti più sederti!
De Curtis
Avatar utente
FORBIX
Moderatore
 
Messaggi: 2327
Iscritto il: 21 feb 2009, 15:24


Torna a Orthoptera

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti