Salix reticulata L. - Salice reticolato

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Salix reticulata L. - Salice reticolato

Messaggioda Marinella Zepigi » 18 gen 2008, 21:36

Salix reticulata L.
Sp. Pl.: 1018 (1753)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Salix reticulata L. - Vol. 1 pg. 97
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Salix reticulata L. - Vol. 1 pg. 460

Salicaceae

Salice reticolato, Saule réticulé; Netz-Weidle; Net leaved Willow; Reticulate Willow; Mrezolistana vrba.

Forma Biologica: Ch frut - Camefite fruticose. Piante perenni con fusti legnosi, ma di modeste dimensioni.

Descrizione: Frutice nano prostrato, con fusti tortuosi, striscianti, legnosi radicanti, bruno-rossastro scuri e rami prostrato ascendenti glabri, appena lucidi, bruno chiari o grigio-brunastri.
Le gemme svernanti, sono bruno chiare, ovato-lanceolate, glabre o debolmente pelose.
Le foglie sono largamente ellittiche, ellittico-obovate od orbicolari, 1,5-2 volte più larghe che lunghe, arrotondate all'apice, cordate alla base, con margine intero, revoluto, coriacee, di colore verde scuro, quasi glabre e lucenti e rugoso-reticolate nella pagina superiore, pelose e con fitta rete di nervature prominenti nella pagina inferiore. Venature secondarie 3-4 paia arcuate e conniventi. Solitamente stipole assenti. Il picciolo più o meno peloso giallo-marrone o rossastro.
Le foglie giovani presentano un tomento lanoso più o meno fitto, a maturità la pagina superiore è quasi del tutto glabra e lucida ed ha cellule ben marcate; è provvista di uno strato ceroso a scagliette, ricoprente circa il 60% della superficie e tomento di peli lunghi arricciati.
Pianta dioica con infiorescenze in piccole spighe multiflori (amenti) apicali ai rami di 2 o più anni
Gli amenti sono cilindrici, grigio-tementosi, compaiono assieme alle foglie: quelli maschili hanno peduncoli pubescenti di circa 2 cm, sono lunghi 1,5-3,5 cm, spessore di 5 mm circa. Brattee tondeggianti, di colore bruno chiaro, fittamente pubescenti e lunghe circa la metà degli stami; l'involucro fiorale è assente, 2 stami liberi con antere rosse prima dell'antesi, poi giallo ocra ed infine grigiastre. Gli amenti femminili sono lunghi all'incirca 2 cm con spessore pari a quello delle infiorescenze maschili.
I frutti sono capsule con semi dotati di pappi lanosi.

Tipo corologico: Artico-Alp.(Europ.) - Europa artica, Alpi ed alte montagne S-europee.
Circum-Artico-Alp. - Zone artiche dell'Eurasia e Nordamerica e alte montagne della zona temperata.

Antesi: giugno÷agosto, successiva alla fogliazione

Distribuzione in Italia: Si tratta di una entità artico-alpina, l'areale abbraccia le regioni artiche dell'Eurasia, dell'America settentrionale e delle maggiori catene montuose europee e centroasiatiche, con l'eccezioe del Caucaso e delle catene himalaiane.
In Italia è presente in tutto l'arco alpino.

Habitat: Ambienti nivali, macereti, pendidi morenici, spesso, ma non esclusivamente sui substrati calcarei, presente anche in corrispondenza di affioramenti di rocce carbonatiche o di ofioliti (rocce metamorfiche prodotte lungo la linea di collisione tra una zolla oceanica e una zolla continentale); 1.700÷2.500/3.000 m s.l.m.
In stazioni caratterizzate da innevamento prolungato, vallette nivali o versati esposti a nord, dove assieme a Salix retusa e ad altre emicriptofite edifica il Salicetum retuso-reticulatae Br.-Bl.J. & Jenny H., 1926 e come elemento subordinato nell'Erico-Rhododendretum irsuti Br.-Bl. in Br.-Bl. et al. 39, Salicetosum reticulatae Br.-Bl. 39, formazione povera di specie che colonizza prevalentemente i versanti percorsi dalle valanghe.

Immagine


Note, possibili confusioni: Salix reticulata L. anche se raramente si ibrida con Salix herbacea L., Salix retusa L. e Salix waldsteiniana Willd.
I salici presenti negli ambienti artico-alpini (Salix reticulata L., Salix herbacea L.,Salix retusa L. Salix serpyllifolia Scop.) presentano caratteristiche di alta specializzazione dovute alla severità dell' habitat: il portamento prostrato e la forma nana, garantiscono a questi salici la protezione sotto il manto nevoso limitando inoltre gli effetti del vento.
Le foglie di queste piante presentano uno strato di cera sulla cuticola, che favorisce lo scorrimento dell'acqua, eliminando il pericolo di rapidi congelamenti e riducendo la traspirazione delle foglie stesse, proteggendole al contempo dalle radiazioni solari che in montagna ad alta quota sono particolarmente intense.
Il genere Salix presente già agli inizi del terziario, ha potuto differenziare orofite nane sulle "giovani" catene alpine durante le glaciazioni del quaternario quando i ghiacciai hanno spinto la pianta più a sud (Salix herbacea); nelle ere successive, caratterizzate da climi più miti, ha potuto svilupparsi come oggi lo conosciamo, lasciando comunque una traccia di sé nel passato nelle specie nane.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Rosidi
OrdineMalpighiales Juss. ex Bercht. & J.Presl
FamigliaSalicaceae Mirb.
TribùSaliceae
GenereSalix L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Nella lingua celtica "sal-lis" significa "vicino all'acqua", mentre in greco "salos" significa "oscillazione", forse riferito alla flessibilità dei
rami di questa pianta, in entrambi i casi il riferimento alle caratteristiche delle piante appartenenti a questo genere è pertinente. Il nome specifico indica la disposizione delle nervature fogliari che formano un reticolo in rilievo.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale

I salici sono specie mellifere importanti, fioriscono rapidamente mettendo a disposizione delle api nettare e polline in un periodo dell'anno povero di altre fioriture.
Si prestano ad essere utilizzati per la protezione del suolo, soprattutto in alta montagna anche grazie all'adattabilità a qualsiasi tipo di terreno e di clima. Cordonature vive, realizzate con i salici, sono estremamente efficaci per la sistemazione dei suoli franosi, in pochi anni si estendono a tutta la superficie interessata grazie alla spiccata attività pollonifera e alla produzione elevata di radici.
Il Salice reticolato può essere facilmente coltivato anche in pianura in alpineti su suolo detritico.
La denominazione di salice è probabilmente legata al sapore acido e salato della pianta e delle foglie in particolare, questo indusse nell'antichità ad usarle per i mali che necessitavano di astringenti.

Principali Fonti
Flora d'Italia di S. Pignatti (Bologna, Edagricole, 1982)
I Salici d'Italia- Guida al riconoscimento e all'utilizzazine pratica di Fabrizio Martine & Paolo Paiero ( Trieste, Edizioni LINT )
An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora di F.Conti, G. Abbate, A.Alessandrini, C.Blasi (Roma, Palombi editori, 2005)
Flora alpina di D. Aeschimann, K. Lauber. D.M. Moser, J.P. Theurillat. (Zanichelli editore, Bologna)
Flora alpina di Valtellina e Valchiavenna di R. Ferranti ( Lyasis Edizioni, Sondrio 2005)
Flora del Parco delle Prealpi Giulie di G. Mainardis
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia


Scheda realizzata da Marinella Zepigi

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Allegati
Salix-reticulata-(3).jpg
Salix-reticulata-(3).jpg (135.43 KiB) Osservato 3628 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15290
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Salix reticulata L. _Salice reticolato

Messaggioda Marinella Zepigi » 18 gen 2008, 21:44

Salix reticulata L.
Val Fredda - Bazena (BS), mag 2007
Fotgrafia di Marinella Zepigi
Allegati
Salix-reticulata-(2).jpg
Salix-reticulata-(2).jpg (124.34 KiB) Osservato 3622 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15290
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Salix reticulata L. _Salice reticolato

Messaggioda Marinella Zepigi » 18 gen 2008, 21:45

Salix reticulata L.
Val Fredda - Bazena (BS), mag 2007
Fotgrafia di Marinella Zepigi
Allegati
Salix-reticulata-(6).jpg
Salix-reticulata-(6).jpg (128.05 KiB) Osservato 3617 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15290
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Salix reticulata L. - Salice reticolato - Net leaved Willow*

Messaggioda Marinella Zepigi » 15 ago 2008, 00:49

Salix reticulata L.
Val Fredda - Bazena (BS), mag 2007
Fotgrafia di Marinella Zepigi
Allegati
Salix-reticulata 5.jpg
Salix-reticulata 5.jpg (143.52 KiB) Osservato 3462 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15290
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Salix reticulata L. - Salice reticolato - Net leaved Willow*

Messaggioda Silvano Radivo » 15 ago 2008, 20:48

Salix reticulata L.
Salice reticolato
Prealpi carniche, 1580 m, lug 2008
Foto di Silvano Radivo
Allegati
Salix_reticul.jpg
Salix_reticul.jpg (193.88 KiB) Osservato 3399 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Salix reticulata L. - Salice reticolato

Messaggioda Marinella Zepigi » 27 lug 2010, 14:14

Salix reticulata L.
Artesina (CN), 2000 m, lug 2009
Foto di Renzo Salvo
Allegati
Salix-reticulata.jpg
Salix-reticulata.jpg (144.07 KiB) Osservato 3111 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15290
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Salix reticulata L. - Salice reticolato

Messaggioda Marinella Zepigi » 27 lug 2010, 23:09

Salix reticulata L.
Bardonecchia (TO) 2500 m, lug 2010
Foto di Sandro Maggia
Allegati
Salix-reticulata.jpg
Salix-reticulata.jpg (128.69 KiB) Osservato 3095 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15290
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Salix reticulata L. - Salice reticolato

Messaggioda Anja » 24 mar 2014, 16:28

Salix reticulata L.

Croda Rossa (BZ), 2300 m, lug 2010
Foto di Patrizia Ferrari

Amenti femminili
Salix_reticulata_19881_94713.jpg
Salix_reticulata_19881_94713.jpg (110.76 KiB) Osservato 2053 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Salix reticulata L. - Salice reticolato

Messaggioda Anja » 24 mar 2014, 16:31

Salix reticulata L.

M. Castellazzo (TN), 2200 m, giu 2012
Foto di Aldo De Bastiani

Salix_reticulata_41224_191003.jpg
Salix_reticulata_41224_191003.jpg (133.34 KiB) Osservato 2052 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Salix reticulata L. - Salice reticolato

Messaggioda Marinella Zepigi » 22 ago 2014, 10:18

Salix reticulata L.

Salicaceae: Salice reticolato
Croda Rossa (BZ), 2300 m, lug 2010
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Salix_reticulata_19881_94709.jpg
Salix_reticulata_19881_94709.jpg (127.85 KiB) Osservato 1917 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15290
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti