Acorus calamus L. - Calamo aromatico

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Acorus calamus L. - Calamo aromatico

Messaggioda Anja » 11 ott 2009, 17:18

Acorus calamus L.
Sp. Pl.: 324 (1753)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Acorus calamus L. - Vol. 3 pg. 625
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Acorus calamus L. - Vol. 2 pg. 726

Acoraceae

Calamo aromatico, Acoro
Deutsch: Echter Kalmus
English: Sweet Flag
Español: Acoro verdadero
Français: Acore calame, acore vrai


Forma Biologica: I rad - Idrofite radicanti. Piante acquatiche radicate sul fondo, quindi con organi perennanti sommersi

Descrizione: Pianta erbacea perenne acquatica, munita di un grosso rizoma strisciante orizzontale, generalmente ramoso e lungo anche oltre un metro, di colore verde nella parte superiore, più scuro o rosato in quella inferiore da cui partono le radici carnose. Il rizoma presenta nella parte più vecchia delle cicatrici semicircolari prodotte dalle foglie degli anni precedenti.
Foglie (70-100 x 1-2 cm) numerose, di color verde brillante, guainanti e spesso arrossate alla base, erette e lineari, a forma di spada (ensiformi), con apice acuto, con nervatura centrale molto prominente su entrambi i lati e generalmente ondulate almeno su uno dei bordi.
Scapi fiorali trigono-compressi, di 40-50 cm, subeguali alle foglie, prolungati in una lunga spata (30-50 cm) verde, fogliacea, ad apice acuto, che racchiude l'infiorescenza.
Infiorescenza formata da uno spadice cilindrico-conico di 4-8 cm, eretto o appena incurvato, portante su tutta la lunghezza numerosissimi e minuscoli fiori ermafroditi giallo-verdastri di 1,8-2 mm. Spadice è racchiuso prima dell'antesi nella spata, lunga 5-6 volte lo spadice, in modo che l'infiorescenza sembra portata lateralmente dai fusti.
Perigonio formato da 6 tepali (1 x 2,5 mm) oblunghi, carenati, membranacei.
Stami 6, liberi. Ovario supero a 6 logge saldate. Stimma 1.
Il frutto è una capsula (1,5-2 cm di Ø) oblunga bacciforme arrossata a maturità che contiene 1 o più semi ovati.
Numero cromosomico: 2n=24,36,48

Tipo corologico: Circumbor. - Zone fredde e temperato-fredde dell'Europa, Asia e Nordamerica.
E-Asiat. - Asia orientale.

Antesi: maggio÷giugno

Distribuzione in Italia: Specie archeofita naturalizzata.

Habitat: Sponde di canali e fiumi, paludi, stagni, fossi, da 0 a 300 m s.l.m.

Immagine


Note di Sistematica: Il genere Acorus comprende globalmente sei specie per lo più asiatiche. Acorus calamus L. è stato introdotto anche nel Nord America dove è presente una specie autoctona, Acorus calamus var. americanus Raf., specie fertile diploide, mentre Acorus calamus L., per lo più nella stirpe europea, risulta sterile per il numero cromosomico triploide (3n=36).

Note, possibili confusioni: Le foglie di Acorus calamus si distinguono in assenza di fioriture da quelle di Iris pseudacorus L. per i suoi bordi ondulati.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Monocotiledoni
OrdineAcorales Link
FamigliaAcoraceae Martinov
TribùAcoreae
GenereAcorus L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva dal gr. 'akoros', instancabile, rinforzante, infaticabile. A sua volta era un antico nome di un 'giglio' a forma di spada e le cui radici decotte si presumeva avessero un effetto rinforzante.
L'epiteto specifico dal gr. 'kalamos' (< lat. 'calamus, -a, -um'), canna di palude con fusto diritto, penna. Nome antichissimo conosciuto anche con nome di 'kalmus'. Teofrasto descrive una pianta di 'kalamos euodes', probabilmente la stessa di Acorus calamus di Linneo.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Il rizoma, la parte usata in medicina, contiene sostanze amare (acorina), acido ascorbico, tannini, zuccheri, mugillagini, amidi, coline e un olio essenziale complesso in cui sono presenti per es. monoterpeni, acido eptilico, palmitico ed acetico, eugenolo, calameone e soprattutto beta-asarone. Ha proprietà stimolanti, diuretiche, toniche, aperitive, digestive e anticonvulsivanti e viene usato nelle dispepsie, gastriti, dissenterie croniche, idropisia, gotta, anemia, tosse, influenza e febbri intermittenti. In Cina viene impiegato per trattare l'artrite reumatoide e l'epilessia.
Tutte le parti della pianta sono dolci e aromatiche e un tempo in Inghilterra e in America i rizomi venivano canditi. E' utilizzata soprattutto per aromatizzare i liquori e il suo olio essenziale viene usato in profumeria.
Le foglie profumano di limone e i rizomi furono un tempo un popolare repellente per le formiche, un dentifricio e una lozione per la pelle.
Le foglie molto giovani e tenere vengono talvolta utilizzate nelle insalate.
Per la presenza, nell'olio essenziale, di un principio attivo tossico, beta-asarone che può risultare cancerogeno se usato in forti dosi, la pianta non è consigliabile per uso domestico.

Curiosità: Pianta di origine asiatica di cui la prima documentazione sulla coltivazione risale al XIII secolo e proviene dalla Polonia. Introdotta in Italia da Matthioli (1557) e da Clusius (1576) che ne ricevettero rizomi provenienti da Costantinopoli. Probabilmente la razza diffusa in tutta l'Europa temperata deriva da ceppi coltivati. Oggi in Italia Acorus calamus è quasi ovunque scomparso o rarissimo.
La pianta si propaga vegetativamente tramite frammenti di rizomi che vengono facilmente dispersi dall'acqua.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Conti, F.; Abbate, G.; Alessandrini, A.; Blasi, C. -An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora
Pignatti, S. -Flora d'Italia (vol. III), Edagricole, Bologna, 1982
Zangheri, P. -flora italica I-II, CEDAM, Padova, 1976
Patri, G.; Boni, U. -Le erbe medicinali aromatiche e cosmetiche, Fabbri Editori, Milano, 1979
Viola, S. -Piante medicinali e velenose della flora italiana, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1975
Corneliuson, J. -Växternas namn, Wahlström & Widstrand, Stockholm, 2000
Flora of Cina
IPFI - Index Plantarum Florae Italicae


Scheda realizzata da Anja Michelucci

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10928
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Acorus calamus L.

Messaggioda Anja » 12 ott 2009, 00:04

Acorus calamus L.

Torre di Mosto (VE), sponde del canale in loc. Boccafossa, m1, lug 2007
Foto di Severino Costalonga

Acorus%20calamus%203.jpg
Acorus%20calamus%203.jpg (155.23 KiB) Osservato 5462 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10928
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Acorus calamus L.

Messaggioda Anja » 12 ott 2009, 00:06

Acorus calamus L.


Torre di Mosto (VE), sponde del canale in loc. Boccafossa, m1, lug 2007
Foto di Severino Costalonga

Acorus%20calamus%201.jpg
Acorus%20calamus%201.jpg (151.54 KiB) Osservato 5458 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10928
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Acorus calamus L.

Messaggioda Anja » 12 ott 2009, 00:08

Acorus calamus L.

Torre di Mosto (VE), sponde del canale in loc. Boccafossa, m1, lug 2007
Foto di Severino Costalonga

Acorus%20calamus%202.jpg
Acorus%20calamus%202.jpg (131.18 KiB) Osservato 5454 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10928
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Acorus calamus L.

Messaggioda Anja » 12 ott 2009, 00:10

Acorus calamus L.

Torre di Mosto (VE), sponde del canale in loc. Boccafossa, m 1, lug 2007
Foto di Severino Costalonga

Spadice
Acorus%20calamus%205.jpg
Acorus%20calamus%205.jpg (82.87 KiB) Osservato 5451 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10928
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Acorus calamus L.

Messaggioda Anja » 12 ott 2009, 00:12

Acorus calamus L.

Torre di Mosto (VE), sponde del canale in loc. Boccafossa, m 1, lug 2007
Foto di Severino Costalonga

Acorus%20calamus%204.jpg
Acorus%20calamus%204.jpg (33.56 KiB) Osservato 5450 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10928
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Acorus calamus L. - Calamo aromatico

Messaggioda Anja » 09 giu 2014, 16:25

Acorus calamus L.

Polesine orientale (RO), 2 m, ago 2012
Foto di Marco Banzato e Roberto Masin

Acorus_calamus_41543_192170.jpg
Acorus_calamus_41543_192170.jpg (194.05 KiB) Osservato 2644 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10928
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Blama e 4 ospiti