Phytolacca americana L. - Uva turca

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda Marinella Zepigi » 02 gen 2010, 00:36

Phytolacca americana L.
Sp. Pl.: 441 (1753)

Sinonimi: Phytolacca decandra L.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Phytolacca americana L. - Vol. 1 pg. 184
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Phytolacca americana L. - Vol. 1 pg. 234

Phytolaccaceae

Cremesina uva turca, Uva da colorare, Uva turca, Cremesina, Vite di Spagna, Spinacio delle Virginia, Pokeweed, Teinturière, Kermesbeere, Hierba carmín.

Forma Biologica: G rhiz - Geofite rizomatose. Piante con un particolare fusto sotterraneo, detto rizoma, che ogni anno emette radici e fusti avventizi.

Descrizione: Pianta perenne, erbacea, vigorosa, con grosso fittone orizzontale, fusiforme a polpa bianca; fusti eretti a sezione tetragonale, ramificati, lignificati alla base, succulenti in alto, glabri; rami subcilindrici; di colore dal verde chiaro al rosso violaceo, colore che diviene dominante con l'avanzare della stagione. Altezza della pianta compresa fra 1÷3 m.
Le foglie, brevemente picciolate (1÷2 cn), sono alterne, lunghe 10÷25 cm e larghe sino a 10 cm, ovali-lanceolate con margine intero o ondulato, base arritondata e apice acuto, spesso mucronato. La pagina superiore di colore verde chiaro brillante, tende ad ingiallire nelle stazioni esposte al sole, quella inferiore è verde opaca con nervature prominenti, spesso di colore rossastro.
I piccoli fiori apetali, sono portati da peduncoli bianchi di 5÷10 cm e riuniti in racemi lassi, eretti o patenti, lunghi fino a 15 cm, opposti alle foglie; di colore bianco-verdastro, rosato o porporino, hanno perianzio composto da 5 elementi sepaloidi, persistenti; 10 stami eretti; ovario supero verdastro costituito da 10 carpelli concresciuti al centro del fiore, stili brevi e persistenti.
I frutti su peduncoli rosati, sono riuniti in grappoli persistenti che diventano penduli a maturazione per un graduale incurvamento dei peduncoli verso il basso; sono polibacche dal Ø di circa 10 mm, esteriormente rigate, prima di colore verde, poi porpora scuro tendente al nero, lucide, globose ± appiattite, hanno la forma di una piccola zucca marcata da 10 coste corrispondenti ai 10 semi contenuti all' interno. I semi di forma lenticolare, sono neri e lucidi.

Tipo corologico: N-Americ. - America del Nord.

Antesi: luglio÷ottobre

Distribuzione in Italia: Specie neofita invasiva, originaria del nord America coltivata nell'Europa meridionale come pianta da giardino, è oggi largamente naturalizzata ed infestante. Presente in tutto il territorio.

Habitat: Terreni incolti, campi, giardini, margini di strade, rive dei corsi d'acqua, massicciate ferroviarie, ambienti ruderali, terreni freschi e ricchi di humus; 0÷400 m s.l.m.

Immagine


Note di Sistematica: Specie simile è la congenere Phytolacca dioica L. - Cremesina ad albero, che si distingue per essere specie neofita casuale dal portamento arboreo, con la base legnosa ed ingrossata e per avere i racemi penduli.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
OrdineCaryophyllales Juss. ex Bercht. & J.Presl
FamigliaPhytolaccaceae R.Br.
TribùPhytolacceae
GenerePhytolacca L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome generico deriva dal greco "phytón" = pianta e dall'indi "lakh" = un colorante estratto da un insetto, dalla tinta simile a quella violacea del succo contenuto nelle bacche; l'epiteto specifico indica il continente d'origine.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale tossica

Costituenti principali: saponine triterpeniche, glucosidi, glicoproteine, fitolaccina, fitolaccigenina, cariofilene, lectina, resina, cera, gomma, tannino, amido.
Erba amara, alterativa, catartica, narcotica, lievemente ipnotica, insetticida e purgativa, che riduce le infiammazioni, stimola i sistemi immunitario e linfatico e libera dalle tossine. È efficace contro molti batteri, virus, funghi e parassiti.
In medicina per uso interno nelle malattie autoimmuni, in particolare artrite reumatoide, in caso di tonsillite, catarro cronico, bronchite, mastite, malattie cutanee e infiammazioni.
Per uso esterno in caso di dermatiti (comprese infezioni fungine), infiammazioni delle articolazioni, emorroidi, mastite, ulcere varicose.
Sebbene molte parti della pianta siano velenose, in molti paesi, è diffuso l'uso alimentare delle giovani foglie e dei germogli, dopo previo bollitura e cambiando più volte l'acqua di cottura.
I giovani getti possono essere utilizzati come gli asparagi, mentre il succo dei frutti, era impiegato sino a non molti anni fa, oggi è perlopiù proibito e comunque sconsigliato, infatti come il resto della pianta ha proprietà purgative, come colorante per il vino e dall'industria dolciaria.
Attenzione: alcuni componenti tossici possono facilmente attraversare la barriera cutanea e, in particolare, la linfa può provocare dermatiti da contatto in soggetti sensibili.
Tutta la pianta è da considerarsi tossica e la sua ingestione produce bruciori della bocca e della gola, salivazione, vomito, diarrea sanguinante, sonnolenza, pizzicore e formicolio in tutto il corpo, vertigini, spasmi, convulsioni, e coma.
Dai frutti si ottiene un inchiostro rosso e una tintura che veniva utilizzata per tingere la lana, la radice per l'alto contenuto di saponine è stata utilizzata per produrre sapone.

Curiosità: Le Phytolacca presentano un insolito chimismo che è stato sottoposto a indagine scientifica nella speranza di individuare nuove droghe anti-AIDS ed è stata isolata dalle foglie di P. americana, una proteina PAP (pokeweed antiviral protein) che è attualmente usata per inibire la replicazione del virus HIV nelle cellule umane.
Queste piante contengono potenti antinfiammatori, proteine antivirali e sostanze che influenzano la divisione cellulare.
Phytolacca americana veniva usata dai nativi americani come emetico e antireumatico.
Gli indiani utilizzavano la radice polverizzata come cataplasma, analogamente a quanto facevano i primi coloni che applicavano un impacco alle mammelle delle mucche in caso di mastite.
Nel 700 si credeva che gli impacchi di radice fossero una buona cura per il tumore. Verso la fine del XVIII secolo il succo delle bacche fu a volte impiegato in caso di scrofolosi e ulcere cancerose, inoltre uno studio medico specifico sulla fitolacca in data 1795 determinò che i cherokee, si servivano della radice polverizzata di questa pianta contro il sifiloma primario senza particolare successo e, classificò la Fitolacca come escarotica nelle ulcere e nei tumori, oltre che catartica, antidolorifica, narcotica, diuretica ed efficace nelle febbri intermittenti.
Anche gli indiani irochesi la impiegavano a scopi terapeutici, mentre le bacche venivano usate da diverse tribù per l'estrazione di una sostanza colorante. Le bacche rimasero iscritte nella farmacopea americana sino al 1905, la radice disseccata di Phytolacca rimase ufficialmente in uso sino al 1947.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia.Edagricole, Bologna.
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C., 2005. An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora. Palombi, Roma.
BOWN. D., 1995 . Encyclopaedia of Herbs and their Uses. Dorling Kindersley, London.
AGRADI A., REGONDI S., ROTTI G., 2005. Conoscere le piante medicinali. Mediservice, Cologno Monzese (MI).
VOGEL V.J., 1998. Erboristeria e medicina naturale dei pellerossa. Rusconi, Milano.
Phytolaccaceae - Flora of North America
Phytolacca americana information from NPGS/GRIN
Phytolacca americana - Plants For A Future database report
Henriette's Herbal
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia


Scheda realizzata da Marinella Zepigi & Giuliano Salvai

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15253
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda Marinella Zepigi » 04 gen 2010, 19:54

Phytolacca americana L.
Riserva di Fondotoce (VB), ago 2007
Foto di Daniela Longo
Allegati
Phytolacca_americana_1.jpg
Phytolacca americana L.
Phytolacca_americana_1.jpg (75.89 KiB) Osservato 15440 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15253
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda patty » 06 gen 2010, 22:39

Phytolacca americana L.
Massa Finalese (MO), ott 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Phytolacca americana_01.jpg
Phytolacca americana_01.jpg (135.23 KiB) Osservato 15390 volte
Anche i fiori piangono, e ci sono stupidi che pensano sia rugiada. (Jim Morrison)
Avatar utente
patty
Moderatore
 
Messaggi: 2610
Iscritto il: 03 dic 2007, 22:21
Località: modena

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda patty » 06 gen 2010, 22:40

Phytolacca americana L.
Massa Finalese (MO), ott 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Phytolacca americana_02.jpg
Phytolacca americana_02.jpg (141.22 KiB) Osservato 15389 volte
Anche i fiori piangono, e ci sono stupidi che pensano sia rugiada. (Jim Morrison)
Avatar utente
patty
Moderatore
 
Messaggi: 2610
Iscritto il: 03 dic 2007, 22:21
Località: modena

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda patty » 06 gen 2010, 22:41

Phytolacca americana L.
Massa Finalese (MO), ott 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Phytolacca americana_03.jpg
Phytolacca americana_03.jpg (136.09 KiB) Osservato 15389 volte
Anche i fiori piangono, e ci sono stupidi che pensano sia rugiada. (Jim Morrison)
Avatar utente
patty
Moderatore
 
Messaggi: 2610
Iscritto il: 03 dic 2007, 22:21
Località: modena

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda patty » 06 gen 2010, 22:42

Phytolacca americana L.
Massa Finalese (MO), ott 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Phytolacca americana_04.jpg
Phytolacca americana_04.jpg (140.95 KiB) Osservato 15389 volte
Anche i fiori piangono, e ci sono stupidi che pensano sia rugiada. (Jim Morrison)
Avatar utente
patty
Moderatore
 
Messaggi: 2610
Iscritto il: 03 dic 2007, 22:21
Località: modena

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda Marinella Zepigi » 06 gen 2010, 23:28

Phytolacca americana L.
Crema (CR), ott 2008
Foto di Franco Giordana
Allegati
Phytolacca_americana_4.jpg
Phytolacca americana L.
Phytolacca_americana_4.jpg (139.97 KiB) Osservato 15372 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15253
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda Marinella Zepigi » 06 gen 2010, 23:29

Phytolacca americana L.
Monticelli (PC), nov 2009
Foto di Enrico Romani
Allegati
Phytolacca_americana_8.jpg
Phytolacca americana L.
Phytolacca_americana_8.jpg (123.18 KiB) Osservato 15372 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15253
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda Marinella Zepigi » 06 gen 2010, 23:29

Phytolacca americana L.
Monticelli (PC), nov 2009
Foto di Enrico Romani
Allegati
Phytolacca_americana_7.jpg
Phytolacca americana L.
Phytolacca_americana_7.jpg (149.69 KiB) Osservato 15373 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15253
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda Marinella Zepigi » 06 gen 2010, 23:30

Phytolacca americana L.
Monticelli (PC), nov 2009
Foto di Enrico Romani
Allegati
Phytolacca_americana_9.jpg
Phytolacca americana L.
Phytolacca_americana_9.jpg (161.99 KiB) Osservato 15372 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15253
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda Anja » 15 nov 2010, 00:31

Phytolacca americana L.

Monfumo (TV), 230 m, set 2010
Foto di Aldo De Bastiani

Frutti immaturi
Phytolacca%20americana%20L__1.JPG
Phytolacca%20americana%20L__1.JPG (194.08 KiB) Osservato 14828 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10865
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda Anja » 15 mag 2014, 17:09

Phytolacca americana L.

Foto di Patrizia Ferrari - Giorgio Faggi

Phytolacca_americana_Patrizia_Ferrari_Giorgio_Faggi.jpg
Phytolacca_americana_Patrizia_Ferrari_Giorgio_Faggi.jpg (72.61 KiB) Osservato 10258 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10865
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda Anja » 15 mag 2014, 17:11

Phytolacca americana L.

Vailate (CR), 90 m, apr 2010
Foto di Franco Giordana

Plantule
Phytolacca_americana_16536_79724.jpg
Phytolacca_americana_16536_79724.jpg (130.84 KiB) Osservato 10258 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10865
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Phytolacca americana L. - Uva turca

Messaggioda Anja » 23 set 2015, 19:21

Phytolacca americana L.

Limido Comasco (CO), 275 m, set 2015
Foto di Andrea Mologni

IMG_1140.JPG
IMG_1140.JPG (178.8 KiB) Osservato 6408 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10865
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti