Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

 

Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda nino » 07 gen 2010, 03:17

Crocus vernus (L.) Hill
Veg. Syst. 10: 1 (1765)

Basionimo: Crocus sativus var. vernus L. - Sp. Pl.: 36 (1753)
Altri sinonimi: Crocus albiflorus Kit.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Crocus albiflorus Kit. - Vol. 3 pg. 421
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Crocus albiflorus Kit. - Vol. 2 pg. 1092

Iridaceae

Zafferano alpino, Croco bianco, Zafferano maggiore, Zafferano primaverile, Croco primaverile

Forma Biologica: G bulb - Geofite bulbose. Piante il cui organo perennante è un bulbo da cui, ogni anno, nascono fiori e foglie.

Descrizione: Pianta erbacea perenne priva del fusto con foglie radicali originate dal bulbo e alta 6 - 20 cm.
Bulbo con fibre reticolate e più o meno schiacciato ai poli, lungo 1-2 cm.
Foglie inferiori (2 - 3) ridotte a 2 guaine opalescenti, le altre (2 - 3) lineari larghe da 3 -8 mm e lunghe quasi quanto il fiore, sono percorse da una linea mediana bianca e raggiungono il pieno sviluppo dopo la fioritura.
Fiori 1 raramente 2, inodori e a spata unica, di colore bianco o violetto più o meno carico con venature più scure.
Lacinie esterne 12 - 15 x 30-40 mm, le interne più strette; fauce violacea o biancastra, filamenti subeguali alle antere.
Ovario infero.
Stami generalmente più lunghi dello stilo.
Antere giallo oro poste su filamento bianchiccio e lungo 15 - 16 mm
Stilo 12 mm saldato in basso e in alto si apre con tre stimmi (4 mm) papillosi e fimbriati di colore rosso aranciato.
Il frutto è una Capsula bislungo-trigona di 15 - 20 mm.
Il seme è globoso, rossiccio e di 2,5 - 2,8 x 2,5- 3 mm

Tipo corologico: Euri-Medit. - Entità con areale centrato sulle coste mediterranee, ma con prolungamenti verso nord e verso est (area della Vite).

Antesi: Febbraio - Maggio

Habitat: Luoghi erbosi e boschivi dalla pianura al piano montano da 0 a 2500 m s.l.m.

Immagine


Note di Sistematica: Harpke D., Carta A., Tomoviä ‡ G., Ranä'eloviä ‡ V., Ranä'eloviä ‡ N., Blattner F., & Peruzzi L. 2013. filogenesi, evoluzione cariotipo e la tassonomia di serie Crocus Verni (Iridaceae)

"Tassonomicamente complicato è la serie Crocus Verni che è caratterizzata" da un'elevata variabilità intra e interspecifica di cariotipo (2n = 8 a 23). Con l'obiettivo di ottenere ulteriori delucidazioni in evoluzione cariotipo complesso e per chiarire la tassonomia di questo gruppo abbiamo combinato morfologica (dodici caratteri), molecolare (DNA dei cloroplasti: trnLâ € "TRNF, ndhF; DNA nucleare: ITS, pCOSAt103), e le analisi cariologica . sono stati analizzati campioni di diverse popolazioni di C. etruscus, C. ilvensis, C. kosaninii, C. tommasinianus, C. vernus sensu lato, e C. longiflorus (serie Longiflori). parametri cariotipo quantitativi sono stati calcolati per tutti i taxa coinvolti sulla base della letteratura disponibile. Per il taxon tradizionalmente noto come C. Vernus, analisi morfologiche, cariologica e molecolari suggeriscono che dovrebbe essere diviso in cinque specie: C. heuffelianus, C. Neapolitanus, C. neglectus sp. nov., C. siculus, e C. vernus. Il confronto del genoma totale lunghezze aploidi suggerisce che l'evoluzione del gruppo poliploidizzazione giocato solo un ruolo all'interno della specie C. vernus complessi, dove abbiamo anche rilevato due eventi di ibridazione. In tutti gli altri taxa, l'evoluzione del cariotipo è caratterizzata da fusioni cromosomiche e fissioni, a volte interessano l'intero set di cromosomi aploidi. citogenetica comparativi del gruppo indica che serie Verni è soggetta ad un particolare tipo di cambiamento diseguale in termini di dimensioni dei cromosomi, vale a dire che non sia il guadagno braccia cromosomiche o perdere in modo uguale in contenuto di DNA. Come conseguenza tassonomica del nostro studio, serie Verni, esteso per includere l'autunno-fioritura C. longiflorus ed escludendo C. baytopiorum, è stato recentemente circoscritto qui."

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Monocotiledoni
OrdineAsparagales Link
FamigliaIridaceae Juss.
TribùCroceae
GenereCrocus L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva dal greco "kròkos = zafferano" che a sua volta è la traduzione dall'arabo "safran =zafferano".
L'epiteto della specie deriva dal latino " vernus", da " ver veris" = "primavera" con riferimento al periodo della fioritura.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale tossica

Nella medicina popolare il bulbo veniva usato come antispasmodico, emmenagogo, ipnotico, sedativo, stimolante e tonico (quasi una panacea per tutti i mali!).

Curiosità: Genere di piante molto antiche e diffuse in tutto il bacino del Mediterraneo. Il termine "kròke" fu dato da Teofrasto per indicare il filamento e i lunghi stimmi che simboleggiavano un legame d'amore.
Nella mitologia greca Kròkos era un giovane innamorato della ninfa Smilax: un amore destinato a finire perchè lui era mortale. Gli dei impietositi decisero di trasformare Smilax in Salsapariglia (Smilax aspera) e Kròkos in un bel fiore. In ricordo di tale amore impossibile il fiore rappresentò il "desiderio d'amore" e venne usato per adornare le tombe dei morti per amore. Anche nella civiltà minoica era un fiore sacro infatti a Cnosso e Festo compare come motivo ornamentale e per produrre una sostanza detta "crocina" usata come tintura.
Arrivando ai giorni nostri il croco è stato citato da tanti poeti tra cui G. Pascoli la cui prima strofa di questa poesia dice:

O pallido croco,
nel vaso d'argilla,
ch'è bello,e non l'ami,
coi petali lilla
tu chiudi gli stami
di fuoco....


Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Carta A., Probert R., Moretti M., Peruzzi L., Bedini G., Seed dormancy and germination in three Crocus ser. verni species (Iridaceae): implification for evolution of dormancy within the genus in Plant Biology, 2014, 1-10
A. Fiori - Nuova Flora Analitica d'Italia - Ediagricole vol. II
Sandro Pignatti - Flora d'Italia - Edagricole - Bologna 1982
Conti F. et ali - Checklist of the Italian Vascular Flora - Palombi Editori - 2005
Encicl.- Nel Mondo delle Piante - Edizioni Motta - 1980
J.C. Rameau - D. Mansion - G. Dumé - Flore Forestière Française 2° vol. - I.D.F. - 1996
A. Cattabiani - Florario - Oscar Mondadori 1998
Selezione dal Reader's Digest - Segreti e virtù delle piante medicinali -1980


Scheda realizzata da: Nino Messina

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6396
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24

 

Re: Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda nino » 19 giu 2013, 19:19

Crocus vernus (L.) Hill
Iridaceae: Zafferano selvatico
Campon d'Avena (BL), 1450 m, mag 2013
Foto di Aldo De Bastiani
Allegati
Crocus vernus subsp. albiflorus (6).jpg
Crocus vernus subsp. albiflorus (6).jpg (186.19 KiB) Osservato 8551 volte
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6396
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24

 

Re: Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda nino » 19 giu 2013, 19:22

Crocus vernus (L.) Hill
Iridaceae: Zafferano selvatico
Campon d'Avena (BL), 1450 m, mag 2013
Foto di Aldo De Bastiani
Allegati
Crocus vernus subsp. albiflorus (4).jpg
Crocus vernus subsp. albiflorus (4).jpg (199.6 KiB) Osservato 8551 volte
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6396
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24

 

Re: Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda nino » 19 giu 2013, 19:28

Crocus vernus (L.) Hill
Iridaceae: Zafferano selvatico
Piccole dolomiti (VI), 1900 m, apr 2008
Foto di Ennio Cassanego
Allegati
Crocus vernus subsp. albiflorus (3).jpg
Crocus vernus subsp. albiflorus (3).jpg (185.42 KiB) Osservato 8551 volte
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6396
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24

 

Re: Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda nino » 19 giu 2013, 19:37

Crocus vernus (L.) Hill
Iridaceae: Zafferano selvatico
Campon d'Avena (BL), 1450 m, mag 2013
Foto di Aldo De Bastiani
Allegati
Crocus vernus subsp. albiflorus (5).jpg
Crocus vernus subsp. albiflorus (5).jpg (182.42 KiB) Osservato 8550 volte
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6396
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24

 

Re: Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda nino » 19 giu 2013, 19:39

Crocus vernus (L.) Hill
Iridaceae: Zafferano selvatico
Piccole dolomiti (VI), 1900 m, apr 2008
Foto di Ennio Cassanego
Allegati
Crocus vernus subsp. albiflorus (2).jpg
Crocus vernus subsp. albiflorus (2).jpg (188.45 KiB) Osservato 8550 volte
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6396
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24

Re: Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda melania » 07 apr 2016, 23:37

Crocus vernus (L.) Hill
Iridaceae: Zafferano maggiore
Masen dell''Acqua (RE), 1000 m, mar 1989
Foto di Alessandro Alessandrini
Allegati
Crocus vernus.jpg
Crocus vernus.jpg (145.32 KiB) Osservato 3652 volte
Avatar utente
melania
Moderatore
 
Messaggi: 4767
Iscritto il: 20 lug 2008, 08:43
Località: Marina di Carrara

Re: Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda melania » 07 apr 2016, 23:39

Crocus vernus (L.) Hill
Iridaceae: Zafferano maggiore
Lago Sondrato (RE), apr 2009
Foto di Giovanni Fontanesi
Allegati
Crocus GioFon.jpg
Crocus GioFon.jpg (141.25 KiB) Osservato 3652 volte
Avatar utente
melania
Moderatore
 
Messaggi: 4767
Iscritto il: 20 lug 2008, 08:43
Località: Marina di Carrara

Re: Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda Anja » 20 apr 2016, 16:03

Crocus vernus (L.) Hill

Cimone di Margno (LC), 1750 m, apr 2015
Foto di Ettore Guarnaroli

150415%20Crocus%20vernus%20ssp%20albiflorus%20(5).jpg
150415%20Crocus%20vernus%20ssp%20albiflorus%20(5).jpg (198.02 KiB) Osservato 3355 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10942
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda Anja » 20 apr 2016, 16:03

Crocus vernus (L.) Hill

Cimone di Margno (LC), 1750 m, apr 2015
Foto di Ettore Guarnaroli

150415%20Crocus%20vernus%20ssp%20albiflorus%20(7).jpg
150415%20Crocus%20vernus%20ssp%20albiflorus%20(7).jpg (169.43 KiB) Osservato 3355 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10942
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Crocus vernus (L.) Hill - Zafferano selvatico

Messaggioda Anja » 20 apr 2016, 16:05

Crocus vernus (L.) Hill

Ferriere (PC), 1250 m, apr 2009
Foto di Enrico Romani

Crocus-vernus-albiflorus-13F-09-3q-ER.JPG
Crocus-vernus-albiflorus-13F-09-3q-ER.JPG (185.21 KiB) Osservato 3353 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10942
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti