Quercus robur L. - Farnia

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Graziano Propetto » 31 gen 2008, 01:04

Quercus robur L.
Sp. Pl.: 996 (1753)

Sinonimi: Quercus pedunculata Ehrh.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Quercus robur L. - Vol. 1 pg. 118
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Quercus robur L. - Vol. 1 pg. 226

Fagaceae

Quercia comune, Farnia

Forma Biologica: P scap - Fanerofite arboree. Piante legnose con portamento arboreo.

Descrizione: Grande albero deciduo di prima grandezza, di primaria importanza ecologica e nelle migliori condizioni anche economica; alto in bosco mediamente fino a 30-35 m ma può raggiungere i 50 m e diametri del tronco oltre due metri; specie molto longeva superando anche i 500 anni di vita.
La farnia ha tronco robusto e negli esemplari isolati si ramifica in grosse branche perdendo presto la sua identità, formando una chioma molto ampia che nella parte basale è formata da rami grossi e portati orizzontalmente; la chioma non è mai molto densa.
In bosco il tronco è dritto e ramificato solo nella parte apicale con i rami più bassi portati orizzontalmente e nella parte distale con rami che formano man mano angoli più acuti sempre con chioma non molto densa; la dominanza apicale si divide su numerosi rami e forma una chioma ovale che in età avanzata diviene ampia.
La corteccia giovane è liscia e grigiastra per molti anni (10-20) forma poi man mano, un ritidoma fessurato longitudinalmente con solchi regolari e profondi divisi da fessure orizzontali meno profonde formando principalmente placche rettangolari allungate.
I rametti dell'anno sono grigi o brunastri lisci e lucidi con lenticelle biancastre a volte anche angolosi, portano gemme poligonali o ovoidali, glabrescenti, pluriperulate, embriciate e nella parte apicale del rametto si addensano formando un caratteristico pseudoverticillo.
La crescita è monopodiale con delle caratteristiche particolari, spesso c'è inibizione dei meristemi apicali e l'allungamento è affidato ad una gemma laterale e la parte apicale dissecca.
Le foglie sono caduche a contorno obovato-oblunghe, più larghe nel terzo distale, ristrette alla base e leggermente e irregolarmente asimmetriche con 5-7 lobi ampi e seni arrotondati e presso il corto picciolo (2-5mm) si formano due caratteristici piccoli lobi ineguali (orecchiette).
Le foglie hanno consistenza erbacea e solo a fine stagione diventano un po' più coriacee; sono lucide e di colore verde medio nella pagina superiore, più chiare in quella inferiore per cere epicuticolari a struttura in scaglie verticali caratteristiche del sottogenere Quercus; hanno dimensioni che vanno da (5) 10-12 a (15) cm di lunghezza e 3-6 cm di larghezza.
La fioritura è contemporanea alla fogliazione dalla fine di aprile a maggio ed è formata da fiori maschili in amenti pauciflori (10-12 fiori) penduli alla base del ramo dell'anno, hanno perianzio giallastro, hanno 4-12 stami con antere glabre.
I fiori femminili sono localizzati nella parte apicale del rametto all'ascella delle foglie, formati da brevi spighe di 2-5 elementi portati da un peduncolo glabro di 3-5 cm; il fiore è formato da 3 stigmi di colore rossastro avvolti da brattee ovali lungamente acuminate, l'impollinazione è anemofila.
La Farnia ha una fase giovanile piuttosto lunga; negli esemplari isolati, inizia a fruttificare regolarmente verso i 30 anni, mentre in bosco per avere fruttificazioni abbastanza regolari bisogna aspettare i 60-70 anni di età; comportamento caratteristico di piante definitive che edificano formazioni climax.
La fecondazione avviene dopo circa due mesi dall'impollinazione, il peduncolo dei fiori femminili si allunga fino a 5-12 cm (come l'epiteto specifico pedunculata fa capire).
I frutti, chiamate ghiande, maturano nell'anno in settembre-ottobre, hanno una cupola che li copre per 1/4 - 1/3, è formata da squame embriciate di forma triangolare, più grandi vicino al picciolo.
La ghianda è allungata e liscia con dimensioni variabili da 2 a 3,5 cm a maturità di colore marrone con striature longitudinali più scure.
Il frutto è recalcitrante (germina subito) di conseguenza va seminato subito alla maturazione, la diffusione è principalmente zoocora.
La plantula ha l'epicotile glabro e la prima foglia è omomorfa ma sessile o subsessile poco lobata, le successive simili alle definitive, spesso, se l'inverno non è tanto rigido, rimangono verdi fino a primavera.
L'apparato radicale è inizialmente un grosso fittone che penetra profondamente nel terreno, ma in pochi anni si formano anche robuste radici laterali che ancorano saldamente la pianta; verso i 60-70 anni però il fittone perde la sua dominanza e rimangono le numerose e robuste radici laterali che creano una rizosfera molto espansa, ma abbastanza superficiale rispetto alle altre querce, questo è probabilmente anche un adattamento della specie a terreni con falda freatica superficiale, altrimenti soggette ad asfissia, il suo habitat usuale.
Il legno della Farnia è molto pregiato in particolare quello derivato da piante cresciute in modo costante in boschi densi e non molto vigoroso, gli anelli annuali di accrescimento dovrebbero essere inferiori al cm. di spessore, ciò si ottiene in zone con clima da subcontinentale a continentale, in popolamenti di buona densità, (Slavonia).
E' un legno di ottima durata anche se a contatto con acqua, perchè è impregnato di tannini che lo rendono imputrescibile, è di facile lavorazione, serve per costruzioni navali, edili, per travature, per mobili, pavimenti e per doghe per botti, è un ottimo combustibile e produce un ottimo carbone; “ il rovere di Slavonia” è normalmente legno di Farnia.
In genere il legno di Farnia non si differenzia dal legno della Rovere e le due provenienze hanno i medesimi usi.
Il legno ha alburno giallastro o più o meno biancastro e il duramen (massello), più scuro marrone chiaro che però tende a scurirsi nel tempo, ha anelli di accrescimento annuale ben distinti ed evidenti, anche ad occhio nudo, vasi primaverili che formano un cerchio, (legno a porosità anulare), ha numerosi raggi parenchimatici, uniseriati e pluriseriati larghi e molto visibili (specchiature).

Tipo corologico: Europ.-Caucas. - Europa e Caucaso.

Antesi: aprile÷maggio

Distribuzione in Italia: la specie ha un areale che è il più vasto di tutte le querce europee.
In Europa a nord raggiunge la Scandinavia meridionale e nella Norvegia raggiunge il 63° parallelo, in Russia segue il 60° parallelo fino agli Urali, ad est raggiunge il Caucaso, a sud oltre che in Italia, si trova in tutta la regione balcanica e nell'Anatolia, manca in Corsica e nelle isole Baleari, a ovest raggiunge il fiume Douro, in tutta la Francia e la regione inglese.
In Italia, è presente in tutte le regioni tranne Campania, Puglia e Sicilia, incerta in Calabria. In Campania e Calabria viene sostituita dalla subsp. brutia (Ten.) O. Schwarz . Ma per il terreno fertile e pianeggiante (pianure alluvionali) occupato naturalmente dalla specie, i querceti sono stati quasi totalmente sostituiti dalle colture agrarie anche nell'Italia centrale e meridionale e la Farnia si trova distribuita a gruppi o in filari o in individui isolati lungo la penisola.

Habitat: L'ecologia della specie (autoecologia) la caratterizza come componente delle grandi foreste planiziali tendenzialmente continentali dell'Europa centrale e orientale, con inverni rigidi e estati calde ma mai secche, è piuttosto esigente in luce e, anche da semenzale, tollera per pochi anni l'ombreggiamento. Predilige i terreni profondi, freschi, fertili con humus di tipo mull o idromull, a reazione da subacida a subalcalina con buona disponibilità idrica per tutto l'anno, anche con falda freatica superficiale ma rifugge quelli troppo compatti.
Nei mesi invernali l'apparato radicale sopporta anche per 2-3 mesi la sommersione, perciò si trova da noi associata al Frassino ossifillo, nei boschi relitti planiziali, che ha le stesse caratteristiche di sopportare la sommersione lunga durante il riposo vegetativo.
La Farnia, in Italia, in condizioni naturali, forma fitocenosi con diverse latifoglie costituendo e caratterizzando i boschi di pianura riferibili ai “Querco-carpineti planiziali” che in epoca storica erano diffusi in tutta la pianura Padano-veneto-friulana; i romani in particolare chiamavano queste grandi selve orientali la “Silva lupanica”.
Oggi, questi terreni molto fertili, sono totalmente resi coltivabili e di queste selve rimangono piccoli lembi di boschi qua e là, di poche centinaia di ettari e nei terreni peggiori.
Purtroppo anche questi frammenti, di grande valenza ecologica, sono minacciati da bonifiche che abbassano molto la falda freatica, indeboliscono queste formazioni e contribuiscono al “deperimento delle querce”.
Sono formazioni composte principalmente da Farnia, Carpino bianco, Olmo campestre, Acero campestre, Frassino ossifillo, Ontano nero e a seconda di condizioni edafiche e climatiche più o meno fresche, si arricchiscono di ulteriori specie più termofile o più microterme anche nello strato arbustivo ed erbaceo.
Nel nord-Italia la zona di elezione di questa specie, è la pianura Padano-veneta-friulana in condizioni di falda freatica superficiale, dove forma o formerebbe le associazioni ascrivibili ai “ Querco -Carpinetum boroitalicum” Pignatti 1953 ex Lausi 1966; queste fitocenosi in seguito vengono divise in varie sub-associazioni e varianti e si possono ancora trovare relitte anche in Toscana e Lazio.
Nelle alte pianure e zone collinari in condizioni di buona fertilità e freschezza (piane alluvionali recenti, impluvi) la specie forma fitocenosi ascrivibili ai Querco-Carpineti collinari, che si differenziano per la partecipazione di specie più esigenti in freschezza avvicinandosi più ai Querco-Carpineti centro-est-europei; al posto del Frassino ossifillo c'è il Frassino maggiore e vi partecipano Castagno, Acero di monte e Acero riccio, Olmo montano, Ciliegio selvatico e il Pado (Ciliegio a grappoli) specie differenziale è la presenza di Ranunculus auricomus L. che caratterizza i querceti centro europei; nelle zone più drenate vi partecipa anche la Rovere; nello strato erbaceo sono presenti diffusamente geofite (Galanthus nivalis, Leucojum vernum, Crocus vernus ssp. vernus, Anemone nemorosa, Anemone ranuncoloides e Anemone trifolia)
Nell'Italia centrale e meridionale, oltre alle già ricordate zone planiziali di Toscana e Lazio, la Farnia si trova in modo sporadico sempre in condizioni di massima freschezza (Impluvi e/o alluvioni recenti) entrando in contatto dal basso con le leccete e dall'alto con le faggete, castagneti e gli ontaneti di Ontano napoletano.
Purtroppo questa specie occupava principalmente le zone più fertili del territorio e la maggior parte di questi ambienti è stata modificata dall'uomo per le coltivazioni e la contrazione della sua presenza continua tuttora con forte rischio di scomparsa in molte zone dell'Italia peninsulare anche dovuta alle pessime zone di rifugio in cui si trova, accentuando i già forti attacchi di deperimento di cui è afflitta.
La farnia è una forte consumatrice di acqua e queste sue esigenze la rendono particolarmente suscettibile alle annate siccitose, agli stress idrici e si manifestano disseccamenti e alterazioni delle ramificazioni con la formazione di numerosi rami epicormici, sia sul tronco che sulle branche principali.

Immagine


Note di Sistematica: Nella grande variablità fenologica della specie, "Flora Europea" 1993 ed anche "Flora d'Italia" di Pignatti prima e la nuova Checklist della flora d'Italia 2005, individuano due sottospecie:

Quercus robur subsp. robur ( che è quella descritta in questa scheda e comprende: Q. estremadurensis O. Schwarz, Q. r. subsp.broteroana O. Schwarz e Q. haas Kotschy).

Quercus robur subsp. brutia (Ten.) O. Schwarz, limitata all'Italia meridionale e alla costa adriatica della penisola balcanica: si distingue dal tipo precedente, per i rametti e le foglie inizialmente pubescenti, le foglie poi, hanno seni molto stretti e la cupola della ghianda è più grande fino a 23 mm di diametro con squame patenti all'apice.

Note, possibili confusioni: in questa scheda è presentata la specie in s.s. (sensu stricto) senso stretto, ma in natura spesso si incontrano piante con caratteristiche intermedie là dove le sue formazioni o piante isolate incontrano, principalmente la Rovere ,Q. petraea (Matt.) Liebl., ma anche altre querce, Q. pubescens Willd. subsp. pubescens (=Q. virgiliana (Ten.) Ten.), tutto l'aggregato o gruppo di Q. robur ha 2n = 24.
In ogni caso la variabilità della forma delle foglie è massima sia su individui diversi sia in popolazioni e sia sullo stesso individuo; in questo Genere la speciazione è tutt'altro che terminata ma la differenziazione ecologica è abbastanza ben segregata.
Le specie del Genere sono relativamente giovani in quanto pare che nel periodo freddo del Quaternario, durante l'ultima glaciazione del Wurm., tutte le querce si siano rifugiate attorno al Mediterraneo nella Penisola Iberica, P. Balcanica, Anatolia, Magreb, alcune zone della nostra penisola ed isole.
Alla fine della glaciazione, tre specie sono state in grado di diffondersi verso settentrione, la Farnia, la Rovere e la Roverella.
Circa 5000-7000 anni fa queste tre specie avevano occupato tre spazi ecologici ben differenziati e con l'assenza di interventi antropici, le fitocenosi omogenee avrebbero fissato i caratteri attuali delle specie; foreste su suoli acidi drenati e atmosfera umida: cenosi a Rovere; suoli calcarei asciutti: cenosi a Roverella; zone alluvionali su terreni profondi e con falda freatica superficiale: cenosi a Farnia.
In queste condizioni le cenosi omogenee avevano poco o per nulla modo di scambiarsi i pollini e le introgressioni genetiche erano certamente poco diffuse; in seguito l'uomo per le sue esigenze, specialmente durante l'impero romano con la formazione delle centurie nelle grandi pianure, ma anche con lo sfruttamento dei boschi a Rovere per la costruzioni della flotta dell'impero, infine ai nostri giorni in cui abbiamo relegato queste formazioni in zone inidonee divise solo da ampi spazi coltivati dove il vento può agevolmente scambiare i pollini e di conseguenza i geni delle tre specie, si è prodotta la notevole variabilità attuale.
In questa situazione forse, lo scambio continuo di geni può rendere il Genere molto più plastico e capace di adattarsi ai cambiamenti climatici.
Purtroppo da diversi anni si è osservato che il Genere viene colpito da patologie, monitorate da diverse università, ma l'eziologia non è compresa completamente, viene chiamata “Deperimento delle querce”.
Ingiallimento della chioma, microfillia, emissione di rametti epicormici e sulle branche principali, emissione di essudati da fessurazioni della corteccia alcune volte si riscontrano attacchi di funghi lignivori opportunisti che possono portare a morte la pianta.
La Farnia in particolare, viene colpita più o meno gravemente dall'Oidio (Microsphaera alphitoides) specialmente nelle stagioni asciutte e afose che negli ultimi anni si succedono di frequente.
Questa patologia fungina della chioma, indebolisce anno dopo anno le piante colpite in modo grave, non permettendo di fotosintetizzare in modo sufficiente a creare una buona quantità di sostanze di riserva per la stagione successiva.
Pare che il “Deperimento delle querce” sia diffuso in tutto il mondo, in America del nord è stato accertato e rende ancora più enigmatica questa patologia.
Oltre a ciò la Farnia si può confondere con:
Quercus petraea (Matt.) Liebl. subsp. petraea, che si differenzia per avere ghiande sessili, foglie a base cuneata o arrotondata con la larghezza massima in mezzo alla lamina che ha lobi più piccoli e numerosi picciolo lungo, corteccia più scura e fessurata in piccole placche, ha ecologia diversa non trovandosi mai in suoli asfittici.
Quercus pubescens Willd subsp. pubescens che ha frutti piccoli, sessili o subsessili, rametti sempre tomentosi biancastri, piccioli delle foglie più lunghi e tomentosi, le foglie generalmente più piccole coriacee e solo a fine stagione glabrescenti, tronco sinuoso e corteccia scura divisa in squame a solchi profondi, vegeta in ambienti xerici.
Quercus frainetto Ten., che ha rametti e foglie inizialmente con pubescenza giallastra o marroncina, con le ghiande portate su corti peduncoli tomentosi e cupole tomentose, ghiande dolci e foglie generalmente molto grandi fino a 20 cm, con seni molto numerosi e profondi, vive solo in Italia centrale e meridionale versante tirrenico.

Per motivi ornamentali sono state selezionate numerose varietà, per il portamento:
Q. robur var.fastigiata Lam.che ha portamento colonnare ed è la più diffusa nei giardini e nei parchi; altre varietà e forse la stessa Q. pedunculiflora C. Koch, presente nell'area balcanica è un'ibridazione introgressiva con querce più xerofile come la Roverella (Kleinschmit 1993).
Quercus. x rosacea Bechst (Q. petraea x Q. robur)
Quercus x sargentii Rehd. (Q. prinus L. x Q. robur)
Quercus x turneri Willd. (Q. ilex x Q. robur)
questi ibridi sono antropogenici

Quercus x hickelii Camus (Q. pontica C.koch x Q. robur)
si tratta di un ibrido naturale.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Rosidi
OrdineFagales Engl.
FamigliaFagaceae Dumort.
TribùQuerceae
GenereQuercus L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere secondo alcuni è formato da 2 parole celtiche," Kaer" "quer" = bell'albero, cioè l'albero per eccellenza; secondo altri deriva dal greco Ruvido, per la corteccia ruvida, l'epiteto specifico è un termine latino che si traduce in duro, resistente, robusto, mette in evidenza il forte vigore e la solidità del suo legno.

Principali Fonti
GELLINI R. e GROSSONI P. 1997"Botanica forestale” I e II, Cedam
PIGNATTI S. 1982"Flora d'Italia" Edagricole 1982
FERRARI M. e MEDICI D. 2003"Alberi e arbusti in Italia" Edagricole 2003
AUTORI VARI "Monti e boschi" Edagricole
UBALDI D. 2003 "Flora, fitocenosi e ambiente" Clueb
ABRAMO E. e MICHELUTTI G. 1998"Guida ai suoli forestali" Regione F.V.G. D.R.F.
PIROLA A. 1999 "Elementi di fitosociologia" Clueb
Del FAVERO R. e POLDINI L. 1998 "La vegetazione forestale e la selvicoltura nella regione Friuli.V.G." Regione F.V.G., D.R.F.
STERGULC F. e FRIGIMELICA G."Insetti e funghi dannosi ai nostri boschi nel Friuli.V.G.” Regione F.V.G.,D.R.F.e P.
BLASI C., BOITANI L., La POSTA L., MANES F., MARCHETTI M. 2005"Stato della biodiversità in Italia" Ministero dell' Ambiente della Tutela del Territorio, D.P.N. e S.B.I, Palombi
SCOPPOLA A.e BLASI C.,2005,"Stato delle conoscenze sulla Flora Vascolare d'Italia" Ministero dell' Ambiente della Tutela del Territorio, DPN e Dip. Agrobiologia e Agrochimica Università degli Studi della Tuscia, Palombi
UBALDI D. 2003 "la vegetazione boschiva d'Italia" Clueb
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia


Scheda realizzata da Graziano Propetto

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1653
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Graziano Propetto » 02 feb 2008, 00:35

Quercus robur L. subsp. robur
Farnia
Fagaceae
Zone collinari moreniche ,Alta Pianura Friulana
Regione FVG, prov Udine
200 m slm circa.
Allegati
Quercus-robur-portamento-es.jpg
Foto di Graziano Propetto
Quercus-robur-portamento-es.jpg (149.48 KiB) Osservato 12316 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1653
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Graziano Propetto » 02 feb 2008, 00:37

Quercus robur L. subsp. robur
Farnia
Fagaceae
Zone collinari moreniche, Alta Pianura Friulana
Regione FVG, prov. Udine
200 m slm circa.
Allegati
Quercus-robur-ghiande.jpg
Foto di Graziano Propetto
Quercus-robur-ghiande.jpg (148.27 KiB) Osservato 12318 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1653
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Graziano Propetto » 02 feb 2008, 00:38

Quercus robur L. subsp. robur
Farnia
Fagaceae
Zone collinari moreniche, Alta Pianura Friulana
Regione FVG, prov. Udine
200 m slm circa.
Allegati
Quercus-robur-frutti.jpg
Foto di Graziano Propetto
Quercus-robur-frutti.jpg (142.6 KiB) Osservato 12293 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1653
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Graziano Propetto » 02 feb 2008, 00:39

Quercus robur L. subsp. robur
Farnia
Fagaceae
Zone collinari moreniche, Alta Pianura Friulana
Regione FVG, prov. Udine
200 m slm circa.
Allegati
Quercus-robur-fiori-masch..jpg
Foto di Graziano Propetto
Quercus-robur-fiori-masch..jpg (145.55 KiB) Osservato 12301 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1653
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Graziano Propetto » 02 feb 2008, 00:40

Quercus robur L. subsp. robur
Farnia
Fagaceae
Zone collinari moreniche, Alta Pianura Friulana
Regione FVG, prov. Udine
200 m slm circa.
Allegati
Quercus-robur-fiori-femm..jpg
Foto di Graziano Propetto
Quercus-robur-fiori-femm..jpg (149.36 KiB) Osservato 12290 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1653
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Marinella Zepigi » 19 nov 2009, 17:55

Quercus robur L. subsp. robur
Fontana Pradosa (PC), apr 2009
Foto di Enrico Romani
Allegati
Quercus_robur_0.jpg
Quercus_robur_0.jpg (93.56 KiB) Osservato 11611 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15260
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Marinella Zepigi » 19 nov 2009, 17:55

Quercus robur L. subsp. robur
Fontana Pradosa (PC), apr 2009
Foto di Enrico Romani
Allegati
Quercus_robur_1.jpg
Quercus robur L. subsp. robur
Quercus_robur_1.jpg (98.99 KiB) Osservato 11613 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15260
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Marinella Zepigi » 19 nov 2009, 17:58

Quercus robur L. subsp. robur
Alta Pianura Friulana (UD), 200 m
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Quercus_robur_2.jpg
Quercus_robur_2.jpg (160.04 KiB) Osservato 11610 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15260
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Marinella Zepigi » 19 nov 2009, 17:58

Quercus robur L. subsp. robur
Alta Pianura Friulana (UD), 200 m
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Quercus_robur_3.jpg
Quercus robur L. subsp. robur
Quercus_robur_3.jpg (141.56 KiB) Osservato 11610 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15260
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Anja » 06 feb 2011, 16:54

Quercus robur L. subsp. robur

Bibiana (TO), 400 m, apr 2010
Foto di Claudio Severini

Quercus_robur_16640_80124.jpg
Quercus_robur_16640_80124.jpg (163.52 KiB) Osservato 11027 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10871
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Anja » 21 dic 2011, 01:45

Quercus robur L. subsp. robur

Sassi di Roccamalatina (MO), ott 2011
Foto di Alessandro Alessandrini

Ghiande%20Farnia_Acta.jpg
Ghiande%20Farnia_Acta.jpg (93.82 KiB) Osservato 10198 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10871
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Anja » 07 mag 2014, 14:58

Quercus robur L.

Montevecchia (LC), 280 m, feb 2011
Foto di G. Sardi

Gemme
Quercus_robur_23766_111879.jpg
Quercus_robur_23766_111879.jpg (181.17 KiB) Osservato 6990 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10871
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Anja » 17 ott 2015, 18:55

Quercus robur L.

Altamura (BA), 450 m, ott 2015
Foto di Vito Buono

Quercus-robur-37-7.jpg
Quercus-robur-37-7.jpg (182.94 KiB) Osservato 4070 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10871
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Anja » 17 ott 2015, 18:56

Quercus robur L.

Altamura (BA), 450 m, ott 2015
Foto di Vito Buono

Quercus-robur-37-6.jpg
Quercus-robur-37-6.jpg (189.63 KiB) Osservato 4070 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10871
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Anja » 17 ott 2015, 18:57

Quercus robur L.

Altamura (BA), 450 m, ott 2015
Foto di Vito Buono

Quercus-robur-37-3.jpg
Quercus-robur-37-3.jpg (193.77 KiB) Osservato 4067 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10871
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Quercus robur L. - Farnia

Messaggioda Anja » 17 ott 2015, 18:58

Quercus robur L.

Altamura (BA), 450 m, ott 2015
Foto di Vito Buono

Quercus-robur-37-1.jpg
Quercus-robur-37-1.jpg (194.12 KiB) Osservato 4067 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10871
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Renzo Salvo e 0 ospiti