Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 21:30

Malus sylvestris (L.) Mill.
Gard. Dict., ed. 8. Malus no. 1 (1768)

Basionimo: Pyrus malus var. sylvestris L. - Sp. Pl.: 479 (1753)
Altri sinonimi: Malus acerba Mérat
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Malus sylvestris Miller - Vol. 1 pg. 605
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Malus sylvestris (L.) Mill. - Vol. 1 pg. 794

Rosaceae

Melo selvatico, Melastro, Crab apple, Pommier sauvage, Wild-Apfel.

Forma Biologica: P scap - Fanerofite arboree. Piante legnose con portamento arboreo.

Descrizione: Alberello di aspetto per lo più gracile, alto 3-10 m, non molto longevo (fino a circa 80 anni), con fusto ±diritto; rami principali robusti e patenti; rametti inizialmente verdastri, poi bruno-rossicci, induriti all'apice e di regola spinescenti; chioma globosa e densamente fogliosa; corteccia grigio-bruna, piuttosto liscia in gioventù e sfaldantesi in placche a maturità; gemme disposte a spirale, ovato-arrotondate e smussate, con molte perule rosso-brune.
Foglie alterne, semplici a lamina coriacea ovato-rotondata (lar. 25-40 x 35-80 mm), verde-opaca scura e glabra sulle due facce (inizialmente solo leggermente e temporaneamente pubescente sulla pagina inferiore), apice attenuato acuto e margine fittamente e minutamente seghettato (per lo più doppiamente) o crenato; picciolo di norma più breve della lamina, lungo al massimo quanto la stessa, anch'esso pubescente solo in fase giovanile; nervature secondarie curvate e convergenti verso l'apice, molto evidenti inferiormente.
Fiori ermafroditi in cime ombrelliformi o corimbi pauciflori (3-7 fiori) portati da brachiblasti, con peduncoli glabri o poco tomentosi, sepali lunghi fino a 7 mm ed acuminati, patenti o, più spesso, ripiegati all'indietro, internamente peloso-feltrosi; 5 petali subrotondi, solitamente non sovrapponentisi, lunghi 10-15 mm, bianchi (solo nei boccioli, talvolta, rosei esternamente); stami con antere gialle; ovario con 5 stili saldati tra loro alla base.
Frutti (pomi) globosi o globosi-ovoidi di Ø 2-3 cm, giallo-verdastri, a volte con striature rossastre, molto profumati a maturità, ma di sapore decisamente acido e non commestibili, doppiamente ombelicati, con presenza dei residui calicini eretto-patenti; polpa priva di cellule pietrose (scleroidi). Semi circa 10, ovoidali-compressi, bianchi internamente, ricoperti a maturità da un tegumento bruno.

Tipo corologico: Centroeurop. - Europa temperata dalla Francia all'Ucraina.
Europ.-Caucas. - Europa e Caucaso.

Antesi: aprile÷maggio

Distribuzione in Italia: Si trova spontanea e sporadica in quasi tutte le regioni.

Habitat: Specie a largo areale europeo ed anche asiatico occidentale, mesofila e lucivaga; vegeta con individui solitari in boschi di latifoglie sia puri che misti con conifere, preferendo spazi marginali o radure, dove riesce ad espandere la chioma in forma globosa; predilige terreni limosi o sabbiosi ricchi di humus e ben drenati; tollera bene e quasi esige climi rigidi invernali, pur soffrendo grandemente per gelate tardive durante la fioritura. Da 0 a 800 (1400) m.

Immagine


Note, possibili confusioni: Viene spesso confusa con soggetti ± inselvatichiti di Malus domestica Borkh. (= Pyrus malus L.; M. communis DC.; M. sylvestris var. mitis Wallr., incl var. tomentosa Koch et var. dasyphylla Asch. et Gr.); questa (melo coltivato) è considerata forma ibridogena tra M. sylvestris e specie del vicino Oriente, ma molti sostengono che il vero antenato del melo coltivato non è M. sylvestris, bensì M. sieversii (Ledeb.) M. Roem., proveniente dall'Asia centrale. I caratteri diacritici più importanti del melo domestico sono:
* la tomentosità marcata e persistente di foglie (soprattutto inferiormente), piccioli, peduncoli fiorali ed esterno del calice;
* l'assenza regolare di spine sui rami;
* i fiori - in ricche cime - non solo bianchi, ma anche intensamente rosei (talora rossi), con petali lunghi fino a 25 mm e sovrapposti tra loro;
* i frutti di dimensioni molto maggiori, commestibili (dolciastri anche da immaturi) e con residui calicini solitamente ripiegati verso l'interno;
* l'antesi più tardiva rispetto alla specie sylvestris.
In assenza, in particolare, dei frutti confusione può anche insorgere con Pyrus communis L. (= P. pyraster Burgsd.), ugualmente munito di spine sui rami, ma con foglie a picciolo di norma uguale o maggiore della lamina, scure e lucide di sopra, più chiare di sotto, glabre a maturità, finemente seghettate o intere, di rado acute, spesso ovato-cordate o subrotonde e con nervature secondarie esili e poco incurvate; fiori sempre e solo bianchi con stami rosso-violetti e stili non saldati alla base, gemme coniche appuntite, frutti conici-arrotondati ombelicati solo all'apice, con polpa provvista di scleroidi.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Rosidi
OrdineRosales Bercht. & J.Presl
FamigliaRosaceae Juss.
Tribù
GenereMalus Lindley


______________________________________________________________________________

Etimologia: Di origine pre-indoeuropea, il termine generico deriva dal greco malon, passato al latino malum (tardo latino melum); l'attributo specifico, sempre dal latino, indica "pianta che si trova nei boschi".

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale

Pianta molto conosciuta ed apprezzata fin dalle origini dell'uomo, coltivata in numerosissime varietà per i suoi frutti nutrienti e ricchi di benefiche proprietà. Essi, oltre ad essere consumati freschi ed anche essiccati, si prestano ad essere trasformati in marmellate, gelatine, sidro (vino di mele), succhi di frutta, aceti, distillati; possono anche essere cotti in disparate maniere, canditi ed impiegati nella preparazione di vari dolci. Riguardo alle proprietà curative, nella medicina popolare le mele sono celebrate come rimedi contro il catarro, il diabete, la dissenteria, le disfunzioni biliari, la tosse, le infiammazioni, le infezioni, lo scorbuto, le verruche, addirittura i tumori; si riconoscono loro altresì doti aperitive, battericide, depurative, digestive, diuretiche, rinfrescanti e toniche. I semi contengono modeste quantità di cianuro e possono causare avvelenamenti, anche gravi !, se consumati in dosi abbondanti (fortunatamente ciò non rientra tra le abitudini di chi mangia mele).
I meli fioriti sono di gran pregio ornamentale, tanto che ne esistono diverse varietà da giardino; sono anche piante mellifere per eccellenza.
Il legno ad alburno roseo e durame rosso-bruno, compatto e a tessitura fine, anche se meno pregiato e durevole di quello del pero, veniva talora usato per lavorazioni al tornio e per intarsio.

Curiosità: Nella mitologia antica ricorre più volte la leggenda del melo, albero sacro ad Era, sposa di Zeus, che produce frutti d'oro, rappresentando il simbolo della conoscenza salvifica e dell'immortalità. La mela d'oro attribuita da Paride ad Afrodite ne ha originato anche l'emblema della bellezza femminile e della carnalità.
Il concetto della conoscenza è ripreso anche nel mito biblico del peccato originale, commesso da Adamo ed Eva nel giardino dell'Eden: l'albero della vita, i cui frutti non dovevano essere colti e mangiati in disubbidienza al Creatore, è stato interpretato e raffigurato nel Medio Evo cristiano come un melo, simbolo del bene e del male.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Pignatti S. - Flora d'Italia - 1982 Edagricole
Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di) - An annotated checklist of the Italian vascular flora - 2005 Palombi Editori
Fenaroli L. - Gli alberi d'Italia - 1967 Ed. Martello
Pavari A. - Monti e Boschi - 1957 T.C.I.
Cattabiani A. - Florario - 1996 Mondadori


Scheda realizzata da Silvano Radivo con la collaborazione di Graziano Propetto

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 21:58

Malus sylvestris (L.) Mill.
Rosaceae: Melo selvatico
Porpetto(UD), 11m, ago 2009
Foto di Silvano Radivo

corteccia di pianta giovane
Allegati
1Mal_sylv.jpg
1Mal_sylv.jpg (184.53 KiB) Osservato 8477 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 22:01

Malus sylvestris (L.) Mill.
Rosaceae: Melo selvatico
Muzzana(UD), 8m, apr 2008
Foto di Silvano Radivo

corteccia di albero maturo
Allegati
2Mal_sylv.jpg
2Mal_sylv.jpg (195.45 KiB) Osservato 8477 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 22:07

Malus sylvestris (L.) Mill.
Rosaceae: Melo selvatico
Porpetto(UD), 11m, apr 2010
Foto di Silvano Radivo

albero in fiore
Allegati
3Mal_sylv.jpg
3Mal_sylv.jpg (185.67 KiB) Osservato 8477 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 22:10

Malus sylvestris (L.) Mill.
Rosaceae: Melo selvatico
Porpetto(UD), 11m, ago 2009
Foto di Silvano Radivo

foglia, pagina superiore glabra
Allegati
4Mal_sylv.jpg
4Mal_sylv.jpg (185.2 KiB) Osservato 8477 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 22:15

Malus sylvestris (L.) Mill.
Rosaceae: Melo selvatico
Porpetto(UD), 11m, apr 2010
Foto di Silvano Radivo

foglie, pagina inferiore glabra (solo debolmente e temporaneamente pubescente)
Allegati
5Mal_sylv.jpg
5Mal_sylv.jpg (194.76 KiB) Osservato 8477 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 22:20

Malus sylvestris (L.) Mill.
Rosaceae: Melo selvatico
Muzzana(UD), 8m, apr 2010
Foto di Silvano Radivo

fiori a petali bianchi non sovrapposti, antere gialle
Allegati
6Mal_sylv.jpg
6Mal_sylv.jpg (186.5 KiB) Osservato 8477 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 22:25

Malus sylvestris (L.) Mill.
Rosaceae: Melo selvatico
Muzzana(UD), 8m, apr 2010
Foto di Silvano Radivo

bocciolo esternamente roseo, stili saldati tra loro alla base
Allegati
7Mal_sylv.jpg
7Mal_sylv.jpg (146.6 KiB) Osservato 8476 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 22:30

Malus sylvestris (L.) Mill.
Rosaceae: Melo selvatico
Porpetto(UD), 11m, ago 2009
Foto di Silvano Radivo

frutti caduti a terra
Allegati
8Mal_sylv.jpg
8Mal_sylv.jpg (185.65 KiB) Osservato 8476 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 22:31

Malus sylvestris (L.) Mill.
Rosaceae: Melo selvatico
Porpetto(UD), 11m, ago 2009
Foto di Silvano Radivo
Allegati
9Mal_sylv.jpg
9Mal_sylv.jpg (165.48 KiB) Osservato 8476 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Silvano Radivo » 07 mag 2010, 22:32

Malus sylvestris (L.) Mill.
Rosaceae: Melo selvatico
Porpetto(UD), 11m, ago 2009
Foto di Silvano Radivo
Allegati
10Mal_sylv.jpg
10Mal_sylv.jpg (174.12 KiB) Osservato 8476 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Malus sylvestris (L.) Mill. - Melo selvatico

Messaggioda Anja » 14 gen 2013, 23:22

Malus sylvestris (L.) Mill.

Missaglia (LC), 290 m, dic 2012
Foto di Giuseppe Sardi

Gemme
Malus_sylvestris_gemme.jpg
Malus_sylvestris_gemme.jpg (186.17 KiB) Osservato 6728 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10931
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Giuliano e 3 ospiti