Ranunculus seguierii Vill. - Ranuncolo di Seguier

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

 

Ranunculus seguierii Vill. - Ranuncolo di Seguier

Messaggioda Daniela Longo » 18 mag 2010, 20:20

Ranunculus seguierii Vill.
Hist. Pl. Dauphiné 3: 737 (1789)

Sinonimi: Ranunculus seguieri Vill.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Ranunculus seguieri Vill. - Vol. 1 pg. 324
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Ranunculus seguieri Vill. - Vol. 1 pg. 176

Ranunculaceae

Ranuncolo di Seguier

Forma Biologica: H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta perenne erbacea, alta sino a 10 cm, con radici a fibre ingrossate e scapi ascendenti per lo più semplici e monocefali, pubescenti.
Foglie basali e cauline poco differenti tra loro, due o tre volte palmatosette, pubescenti sia sul picciolo che sulla lamina fogliare, con lamina a perimetro vagamente pentagonale con diametro di 1,5-3 cm; lacinie estreme delle foglie basali acuminate e piane nelle popolazioni alpine, ottuse, un po’ carnose e più o meno revolute sui bordi nelle popolazioni appenniniche.
Fiore unico, con diametro di 2-3 cm; fiori attinomorfi, diploclamidati, ossia con perianzio formato da da due serie di elementi o da due verticilli: 5 elementi esterni, chiamati tepali lunghi fino a 6 mm, di aspetto sepaloide formanti un calice precocemente caduco, giallastro o violetto e 5 interni con funzioni secretive alla base, chiamati nettari petaloidi, bianchi, obcuneati, lunghi 1 cm o poco più; numerosi stami inferi, inseriti a spirale, con antere a due logge, di colore giallo a deiscenza laterale; ovario formato da diversi carpelli liberi uniovulari inseriti a spirale sul ricettacolo con carpelli liberi; ricettacolo pubescente.
Frutto : numerosi acheni, ciascuno contenente un unico seme, lisci a forma ovata o subsferica, appiattiti, compressi, lunghi 3 – 4 mm e con becco apicale breve lievemente ricurvo, ma non uncinato.

Tipo corologico: Orof. SW-Europ. - Orofita sudovest-europea, con areale gravitante specialmente sulla Penisola Iberica (talora anche Massiccio Centrale); rara o mancante nei Balcani.

Antesi: giugno-luglio

Habitat: Ghiaie, pendii franosi lungamente innevati da 1700 a 2600 metri. E’ pianta calcifila.

E’ specie protetta in Piemonte nelle province di Cuneo, Novara e Torino e in Lombardia.

Immagine


Note di Sistematica: Il genere Ranunculus è ricco di specie (quasi 600), molte delle quali sono endemiche o con areale frammentato, originarie delle zone temperate e fredde del globo. In Italia sono presenti più di 100 taxa distinti.
Storicamente il genere veniva suddiviso in due sottogeneri: le piante terrestri con fusti eretti, forniti di tessuti di sostegno, peduncoli eretti alla fruttificazione venivano assegnati al sottogenere Ranunculus; piante acquatiche con fusti flaccidi, incapaci di sostenersi nell’atmosfera e peduncoli ricurvi alla fruttificazione erano attibuiti al sottogenere Batrachium.
Già nel 1995 Tamura aveva individuato almeno 25 sottogeneri frammentando ulteriormente entrambi i sottogeneri precedenti.
Studi più recenti, basati sulla filogenesi (ad esempio “Phylogenetic relationships and biogeography of Ranunculus and allied genera (Ranunculaceae) in the Mediterranean region and in the European Alpine System”, Pau O. et al., Taxon 2005), stabiliscono un’origine monofiletica (origine da un unico genitore) per il genere Ranunculus solo se da questo vengano esclusi alcuni gruppi; per quanto riguarda le specie italiane devono essere escluse le specie del gruppo R. ficaria che assumerebbero un ruolo di genere a sè stante (genere Ficaria).
Per quanto riguarda le specie montane a fiore bianco, gli stessi studi rivelano che non si tratta di un gruppo unitario; tali specie vengono divise in tre cladi (gruppi di specie con un progenitore comune) distinti: la maggior parte di tali specie (per quanto riguarda le specie italiane si tratta di Ranunculus aconitifolius L., Ranunculus glacialis L., Ranunculus kuepferi Greuter & Burdet, Ranunculus platanifolius L. e Ranunculus seguierii Vill.) sono riunite in un singolo clado; Ranunculus parnassifolius subsp. heterocarpus Küpfer, insieme a Ranunculus gramineus L. e a Ranunculus pyrenaeus L. (la vera specie pirenaica diversa da Ranunculus kuepferi Greuter & Burdet) appartengono ad un secondo clado ben distinto; Ranunculus alpestris L., Ranunculus traunfellneri Hoppe e Ranunculus bilobus Bertol. appartengono ad un terzo clado; incerta è infine la posizione di Ranunculus magellensis Ten..

Note, possibili confusioni: Le specie alpine a fiore bianco di Ranunculus si distinguono per pochi elementi:
  • hanno foglie con margine intero Ranunculus kuepferi Greuter & Burdet e Ranunculus parnassifolius subsp. heterocarpus Küpfer, il primo ha foglie graminiformi, lineari e ristrette alla base, il secondo ha foglie lanceolato-ovali, cuoriformi alla base
  • hanno foglie basali con lamina crenata o divisa fino ad 1/3 Ranunculus magellensis Ten. e Ranunculus bilobus Bertol., il primo con petali arrotondati o crenati all’apice, il secondo con petali decisamente bilobi
  • hanno foglie basali divise su almeno 4/10 della lamina le altre specie; ha sepali coperti da un denso tomento ferrugineo Ranunculus glacialis L.; ha sepali precocemente caduchi fusto e foglie pubescenti Ranunculus seguierii Vill.; hanno fusto e foglie glabri Ranunculus alpestris L. e Ranunculus traunfellneri Hoppe, il primo con foglie basali semplicemente palmatolobate o palmatosette su circa metà della lamina, il secondo con foglie basali completamente divise
  • hanno infine portamento più elevato con scapo ampiamente ramoso e multifloro Ranunculus aconitifolius L. e Ranunculus platanifolius L., il primo con lamina fogliare completamente divisa contrariamente al secondo.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
OrdineRanunculales Juss. ex Bercht. & J.Presl
FamigliaRanunculaceae Juss.
TribùRanunculeae
GenereRanunculus L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere, già usato da Plinio, deriva dal latino, e significa piccola rana, ranocchio perché molte specie del genere sono acquatiche o vivono in luoghi umidi.
Il nome specifico ricorda Jean-François Séguier (1703-1784), naturalista e studioso francese, descrittore della flora veronese.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie tossica

Contiene, come molte specie del genere Ranunculus sostanze resinose ed alcaloidi che sono velenosi per animali ed uomini se ingeriti freschi; il succo è pericoloso per gli occhi, il contatto con la cute può causare fastidiose dermatiti. I principi attivi, sono per altro difficilmente dosabili con precisione e variabili da pianta a pianta, quindi eventuali usi medicinali, che spesso venivano definiti seccamente “rimedio peggiore del male” anche nel passato, sono altamente sconsigliati, sia per uso interno che esterno.
Come le altre specie alpine può essere utilizzato come pianta ornamentale per decorare giardini rocciosi.

Principali Fonti
Pignatti - Flora d’Italia - Edagricole
Nicolini, Moreschi – Fiori di Liguria – SIAG Genova
Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005 - An annotated checklist of the Italian vascular flora - Palombi Editori
Judd W.S. et al. – Botanica Sistematica, Un approccio filogenetico - Piccin
Pau O. et al. - Phylogenetic relationships and biogeography of Ranunculus and allied genera (Ranunculaceae) in the Mediterranean region and in the European Alpine System - Taxon 2005
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia


Scheda realizzata da Daniela Longo

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9495
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

 

Re: Ranunculus seguierii Vill. - Ranuncolo di Seguier

Messaggioda Daniela Longo » 18 mag 2010, 20:24

Ranunculus seguierii Vill.
Ranunculaceae: Ranuncolo di Seguier
Gruppo di Cima delle Saline (CN), 2500 m, giu 2008
Foto di Daniela Longo
Allegati
ranunculus seguierii (seguierii)88 saline giugno 2008.jpg
ranunculus seguierii (seguierii)88 saline giugno 2008.jpg (159.55 KiB) Osservato 1960 volte
ranunculus seguierii (seguierii)05 saline giugno 2008.jpg
ranunculus seguierii (seguierii)05 saline giugno 2008.jpg (103.39 KiB) Osservato 1960 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9495
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

 

Re: Ranunculus seguierii Vill. - Ranuncolo di Seguier

Messaggioda Daniela Longo » 18 mag 2010, 20:27

Ranunculus seguierii Vill.
Ranunculaceae: Ranuncolo di Seguier
Gruppo di Cima delle Saline (CN), 2500 m, giu 2008
Foto di Daniela Longo
Allegati
ranunculus seguierii (seguierii)07 saline giugno 2008.jpg
ranunculus seguierii (seguierii)07 saline giugno 2008.jpg (116.85 KiB) Osservato 1960 volte
ranunculus seguierii (seguierii)08 saline giugno 2008.jpg
ranunculus seguierii (seguierii)08 saline giugno 2008.jpg (133.64 KiB) Osservato 1960 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9495
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

 

Re: Ranunculus seguierii Vill. - Ranuncolo di Seguier

Messaggioda Daniela Longo » 18 mag 2010, 20:29

Ranunculus seguierii Vill.
Ranunculaceae: Ranuncolo di Seguier
Gruppo di Cima delle Saline (CN), 2500 m, giu 2008
Foto di Daniela Longo

ranunculus seguierii (seguierii)09 saline giugno 2008.jpg
ranunculus seguierii (seguierii)09 saline giugno 2008.jpg (137.15 KiB) Osservato 1960 volte


Ranunculus seguierii Vill.
Ranunculaceae: Ranuncolo di Seguier
Busa delle Vette (BL) 1970 m, lug 2008
Foto di Cinzia Fracasso
Allegati
Ranunculus_seguierii_c4b6f374.jpg
Ranunculus_seguierii_c4b6f374.jpg (177.31 KiB) Osservato 1960 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9495
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

 

Re: Ranunculus seguierii Vill. - Ranuncolo di Seguier

Messaggioda Daniela Longo » 18 mag 2010, 20:30

Ranunculus seguierii Vill.
Ranunculaceae: Ranuncolo di Seguier
M. Asino di Bazenina (BS), giu 2006
Foto di Bruno Lanzini
Allegati
Ranunculus_seguierii_cc49cdc4.jpg
Ranunculus_seguierii_cc49cdc4.jpg (130.06 KiB) Osservato 1960 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9495
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Ranunculus seguierii Vill. - Ranuncolo di Seguier

Messaggioda Anja » 13 ott 2015, 17:18

Ranunculus seguierii Vill.

Passo Grostè (TN), 2450 m, lug 2015
Foto di Myriam Traini

GROST-~2.JPG
GROST-~2.JPG (151.99 KiB) Osservato 945 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Ranunculus seguierii Vill. - Ranuncolo di Seguier

Messaggioda Anja » 13 ott 2015, 17:20

Ranunculus seguierii Vill.

Limone P.te (CN), 222o m, ago 2015
Foto di Giacomo Bellone

P1270097.JPG
P1270097.JPG (194.44 KiB) Osservato 945 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti