Scolymus maculatus L. - Cardogna macchiata

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Scolymus maculatus L. - Cardogna macchiata

Messaggioda Anja » 26 giu 2010, 16:32

Scolymus maculatus L.
Sp. Pl.: 813 (1753)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Scolymus maculatus L. - Vol. 3 pg. 221

Asteraceae

Cardogna macchiata, Deutsch: Gefleckte Golddistel
English: Spotted golden thistle
Español: Cardo borriquero
Français: Scolyme taché


Forma Biologica: T scap - Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta erbacea annuale, alta 30-90(150) cm, a portamento ramoso-corimboso, estremamente spinosa e provvista di 2-4 ali continue, irregolarmente dentate e decorrenti sul fusto, con margini spessi, bianco-cartilaginei e spinosi.
Foglie basali oblungo-lanceolate, pennatofide a lobi triangolari con poche spine; le cauline simili, ma sessili con margini e venature largamente bianco-cartilaginei e con lobi più profondi e spine robuste.
Capolini tutti terminali, raggruppati da 1 a 4 all'estremità delle ramificazioni e avvolti da 3-5 brattee pettinato-spinose, più lunghe dei capolini.
Fiori (15-17 mm) ermafroditi, tutti ligulati, di colore giallo oro, con tubo corollino munito in alto di peli neri; involucro con squame lanceolate, acuminate.
Ricettacolo con pagliette. Antere azzurro-nerastre.
Il frutto è un achenio (cipsela) ovoide-compresso con piccola coroncina all'apice, privo di setole.
Impollinazione: entomogama
Numero cromosomico: 2n=20

Tipo corologico: S-Medit. - Coste meridionali atlantiche e mediterranee.

Antesi: giugno÷luglio

Habitat: Incolti aridi e sabbiosi, bordi stradali, campi, luoghi rocciosi, da 0 a 600 m s.l.m.

Immagine


Note di Sistematica: Il genere comprende altre due specie molto simili presenti nel nostro territorio:

Scolymus hispanicus L.
Fusto con ali brevi ed interrotte; foglie appena bianco-scariose ai margini; capolini sia ascellari che terminali, generalmente a 3 brattee; antere gialle; acheni con 2(4) setole rigide caduche.

Scolymus grandiflorus Desf.
Fusto generalmente semplice, poco ramificato, con ali continue (eccetto la base); capolini maggiori, terminali ed ascellari con fiori di 23-25 mm.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Asteridi
OrdineAsterales Link
FamigliaAsteraceae Bercht. & J.Presl
TribùScolymeae
GenereScolymus L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva dal gr. 'skolos', pungiglione, spina, aculeo, da cui 'scolymus', il nome con il quale gli antichi greci chiamavano un tipo di cardo con spine, la cui radice era commestibile.
L'epiteto specifico dal lat. 'maculatus, -a, um', macchiato, in riferimento ai margini bianco-cartilaginei delle ali e delle foglie.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile

Come in Scolymus hispanicus, le giovani foglie e le radici sono commestibili, anche se non in tutte le nostre regioni sono conosciute le sue qualità, esse non sono affatto trascurabili, forse la presenza di spine ispide ed insidiose non invita a raccoglierla.
La radice carnosa si usa bollita o stufata ed è eccellente, quale contorno per carni e pesci, mentre tostata viene usata quale succedanea del caffé. Le coste private doverosamente dalle spine e dalle foglie, si mangiano sia lesse che fritte ed hanno un sapore più intenso dei carciofi.
I fiori essiccati sono usati per la colorazione di alimenti ed in certi casi sostituisce lo zafferano, benché dia solo un bel colore, ma non altrettanto sapore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Conti, F.; Abbate, G.; Alessandrini, A.; Blasi, C. -An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora, Palombi Editori, Roma, 2005
Jauzein, Ph.- Flore des champs cultivés, INRA Editions, Paris, 1995
Pignatti, S. -Flora d'Italia (vol. III), Edagricole, Bologna, 1982
Tutin T.G. et al., 1964-1980. Flora Europaea, Cambridge University Press
Zangheri, P. -flora italica I-II, CEDAM, Padova, 1976
IPFI - Index Plantarum Florae Italicae


Scheda realizzata da Anja Michelucci

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Scolymus maculatus L. - Cardogna macchiata

Messaggioda Anja » 26 giu 2010, 19:43

Scolymus maculatus L.

Chianu Vignazzu-Scopello (TP), 50 m, giu 2010
Foto di Beppe Di Gregorio

Pianta nell'habitat
habitus.JPG
habitus.JPG (180.52 KiB) Osservato 1636 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Scolymus maculatus L. - Cardogna macchiata

Messaggioda Anja » 26 giu 2010, 19:45

Scolymus maculatus L.

Chianu Vignazzu-Scopello (TP), 50 m, giu 2010
Foto di Beppe Di Gregorio

Fusti largamente alati
Fusto%201.JPG
Fusto%201.JPG (155.52 KiB) Osservato 1636 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Scolymus maculatus L. - Cardogna macchiata

Messaggioda Anja » 26 giu 2010, 19:47

Scolymus maculatus L.

Chianu Vignazzu-Scopello (TP), 50 m, giu 2010
Foto di Beppe Di Gregorio

Fusto%202.JPG
Fusto%202.JPG (157.4 KiB) Osservato 1636 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Scolymus maculatus L. - Cardogna macchiata

Messaggioda Anja » 26 giu 2010, 19:49

Scolymus maculatus L.

Chianu Vignazzu-Scopello (TP), 50 m, giu 2010
Foto di Beppe Di Gregorio

Foglie basali
Foglie%20basali.JPG
Foglie%20basali.JPG (139.03 KiB) Osservato 1636 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Scolymus maculatus L. - Cardogna macchiata

Messaggioda Anja » 26 giu 2010, 19:50

Scolymus maculatus L.

Chianu Vignazzu-Scopello (TP), 50 m, giu 2010
Foto di Beppe Di Gregorio

Fiore%202.JPG
Fiore%202.JPG (153.53 KiB) Osservato 1636 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Scolymus maculatus L. - Cardogna macchiata

Messaggioda Anja » 26 giu 2010, 19:52

Scolymus maculatus L.

Chianu Vignazzu-Scopello (TP), 50 m, giu 2010
Foto di Beppe Di Gregorio

Brattee fiorali pettinato-spinose
Fiore%201.JPG
Fiore%201.JPG (163.07 KiB) Osservato 1636 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti