Utricularia vulgaris L. - Erba-Vescica comune

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Utricularia vulgaris L. - Erba-Vescica comune

Messaggioda Anja » 24 lug 2010, 22:11

Utricularia vulgaris L.
Sp. Pl.: 18 (1753)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Utricularia vulgaris L. - Vol. 2 pg. 627
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Utricularia vulgaris L. - Vol. 2 pg. 304

Lentibulariaceae

Erba-Vescica comune, Deutsch: Gewöhnlicher Wasserschlauch
English: Common Bladderwort
Español: Lentibularia
Français: Utriculaire commune


Forma Biologica: I nat - Idrofite natanti. Piante acquatiche galleggianti, non ancorate al fondo e prive di vere radici.

Descrizione: Pianta acquatica natante perenne con fusti ramificati sommersi, flessibili, lunghi fino a 150 (200) cm, privi di radici, tutti omomorfi e verdi (clorofilliani), portanti foglie assimilatrici e rizoidi (3-30 mm) appiattito-nastriformi e foglie di 1-4(8) cm, 2-3 volte suddivise in numerose lacinie filiformi con margini muniti di minuscoli dentelli cigliati. Gemme svernanti sferiche.
Tra le foglie sono inserite numerosissime (10-210) vescichette traslucide (utricoli o ascidi) di 3 mm di Ø, di forma ovoidale, che servono per catturare microscopici organismi. Esse sono munite di una serie di setole all'estremità e di peli tetrapartiti assorbenti all'interno.
Scapi fioriferi diritti, emersi, brunastri, lunghi 10-40 cm, con 4-15 fiori ermafroditi e zigomorfi disposti in racemo con pedicelli 2-3 volte più lunghi delle bratteole (4,5-6 mm), ricurvi nella fruttificazione.
Calice rossastro, diviso in due labbra; corolla giallo oro, bilabiata, di 13-20 mm, con labbro inferiore orbicolare, a margine deflesso, e con palato screziato di arancione, rigonfio in modo da chiudere la fauce della corolla; labbro superiore subuguale al palato e lo sperone di 6-10 mm, conico, curvato all'ingiù.
Stami 2, epipetali. Carpelli 2, saldati in ovario supero uniloculare. Stilo 1, persistente.
Il frutto è una capsula circumscissile subglobosa con un corto becco, contiene semi prismatici, strettamente alati e rugosi.
Impollinazione: entomogama
Numero cromosomico: 2n=40

Tipo corologico: Circumbor. - Zone fredde e temperato-fredde dell'Europa, Asia e Nordamerica.

Antesi: giugno÷agosto

Habitat: Acque stagnanti mesotrofe, purchè abbastanza profonde, stagni, paludi, risaie, fossi, da 0 a 1000 m s.l.m.

Immagine


Note di Sistematica: Il genere comprende circa 214 specie, distribuite specialmente nelle zone tropicali.
Nel nostro territorio sono presenti i seguenti congeneri:

Utricularia australis R. Br. (= U. major Auct.; U. neglecta Lehm.)
Simile a U. vulgaris, ma scapo zigzagante con 3-7(12) fiori; corolla (15-18 mm) giallo-chiara con labbro inferiore ± piatto, ondulato al margine, labbro superiore più lungo del palato; pedicelli accrescenti nella fruttificazione, eretti, 3-5 volte più lunghi delle bratteole (3-4 mm); sperone curvato all'insù.


Utricularia minor L.
Fusti natanti dimorfi, i superiori clorofilliani con lacinie senza dentelli e ciglia, gli inferiori incolori (ialini), ancorati nel fango; gemme svernanti glabre; scapo sottile (3-15 cm) 2-5floro; fiori piccoli (6-8 mm), giallo pallidi, con labbro inferiore ovale (5-6 mm), il superiore breve; sperone a sacco, ottuso, molto corto.
L'unica specie del genere che raggiunge i livelli alpini.


Utricularia bremii Heer ex Koelliker
Simile a U. minor, ma con scapo più robusto, 2-14floro; corolla giallo pallido con labbro inferiore subrotondo (fino a 9 mm); sperone allungato.


Utricularia intermedia Hayne
Simile a U. minor, ma gemme svernanti pelose; scapo 5-30 cm; fusti clorofilliani senza utricole; lacinie fogliari con 4-12 dentelli; sperone cilindirico, subuguale al labbro inferiore della corolla.


Utricularia ochroleuca R.W.Hartm.
Fusti verdi generalmente provvisti di utricoli; lacinie foliari sparsamente dentellate; gemme svernanti pelose; corolla giallo pallida di 8-10 mm con sperone conico, lungo ± la metà del labbro inferiore, il labbro superiore lungo più del palato. Peli interni degli utricoli con rami centrali a forma di 'V', i laterali allineati.

Utricularia stygia G.Thor
Simile a U. ochroleuca, ma i fusti verdi generalmente privi di utricoli; lacinie foliari più larghe con numerosi dentelli; corolla giallo arrossata di 9-15 mm; peli interni degli utricoli a forma di 'X'. Fiorisce raramente.
Rarissima. Presente in TAA

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Asteridi
OrdineLamiales Bromhead
FamigliaLentibulariaceae Rich.
TribùUtricularieae
GenereUtricularia L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva dal lat. 'utriculus' (< 'úter, útris', otre), piccolo otre, otricello, in allusione ai caratteristici utricoli.
L'epiteto specifico dal lat. 'vulgaris, -is, -e', per indicare una pianta comune.

Curiosità: Le vescichette delle Utricularie agiscono sia da galleggianti che che da minuscole trappole. Hanno una serie di piccole setole all'estremità e contengono aria, e quando le setole vengono toccate per esempio da un piccolo crostaceo, la trappola si apre e l'insetto viene risucchiato dentro la vescichetta dall'afflusso di acqua. La pianta non secerne succhi digestivi per divorare l'insetto, ma ne assorbe la parte solubile dopo che questo si è decomposto. In tal modo la pianta ha la possibilità di assorbire composti azotati e minerali in un ambiente che ne è scarsamente provvisto.
Tutte le specie di Utricularia negli ultimi decenni in Italia sono divenute assai rare a causa della generale eutrofizzazione delle acque, inquinamenti, bonifiche e canalizzazioni.

Principali Fonti
Conti, F.; Abbate, G.; Alessandrini, A.; Blasi, C. -An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora, Palombi Editori, Roma, 2005
Mossberg, B.; Stenberg, L. -Den nya nordiska floran, Wahlström & Widstrand, Stockholm, 2003
Pignatti, S. -Flora d'Italia (vol. II), Edagricole, Bologna, 1982
Tutin T.G. et al., 1964-1980. Flora Europaea, Cambridge University Press
Zangheri, P. -Flora italica I-II, CEDAM, Padova, 1976
Flora Iberica
Guida pratica ai fiori spontanei in Italia -Selezione dal Reader's Digest, Milano, 1993
IPFI - Index Plantarum Florae Italicae


Scheda realizzata da Anja Michelucci

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Utricularia vulgaris L.

Messaggioda Anja » 30 lug 2010, 12:44

Utricularia vulgaris L.

Lago sfondato (RE), 30.07.2008
Foto di Villiam Morelli

Scapo fiorifero consociato qui con le foglie di Potamogeton natans
Utricularia_vulgaris_aa6f4096.jpg
Utricularia_vulgaris_aa6f4096.jpg (124.26 KiB) Osservato 2801 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Utricularia vulgaris L.

Messaggioda Anja » 30 lug 2010, 12:46

Utricularia vulgaris L.

Lago sfondato (RE), 30.07.2008
Foto di Villiam Morelli

Fusti sommersi e vescichette
Utricularia_vulgaris_4e6fa221.jpg
Utricularia_vulgaris_4e6fa221.jpg (171.44 KiB) Osservato 2801 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Utricularia vulgaris L.

Messaggioda Anja » 30 lug 2010, 12:48

Utricularia vulgaris L

Lago sfondato (RE), 30.07.2008
Foto di Villiam Morelli

Utricularia_vulgaris_6790c8f6.jpg
Utricularia_vulgaris_6790c8f6.jpg (72.91 KiB) Osservato 2801 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Utricularia vulgaris L.

Messaggioda Anja » 30 lug 2010, 12:50

Utricularia vulgaris L.

Lago sfondato (RE), 30.07.2008
Foto di Villiam Morelli

Utricularia_vulgaris_3d73cec0.jpg
Utricularia_vulgaris_3d73cec0.jpg (67.82 KiB) Osservato 2800 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Utricularia vulgaris L.

Messaggioda Anja » 30 lug 2010, 12:52

Utricularia vulgaris L.

Lago sfondato (RE), 30.07.2008
Foto di Villiam Morelli

Utricularia_vulgaris_b158f003.jpg
Utricularia_vulgaris_b158f003.jpg (71.84 KiB) Osservato 2800 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Utricularia vulgaris L.

Messaggioda Anja » 30 lug 2010, 12:54

Utricularia vulgaris L.

Desenzano (BS), giu 2009
Foto di Franco Fenaroli

Utricularia_vulgaris_11609_54836.jpg
Utricularia_vulgaris_11609_54836.jpg (163.46 KiB) Osservato 2800 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Utricularia vulgaris L.

Messaggioda Anja » 30 lug 2010, 12:55

Utricularia vulgaris L.

Desenzano (BS), giu 2009
Foto di Franco Fenaroli

Utricularia_vulgaris_11609_54838.jpg
Utricularia_vulgaris_11609_54838.jpg (138.8 KiB) Osservato 2800 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Utricularia vulgaris L.

Messaggioda Anja » 30 lug 2010, 12:57

Utricularia vulgaris L.

Desenzano (BS), giu 2009
Foto di Franco Fenaroli

Utricularia_vulgaris_11609_54840.jpg
Utricularia_vulgaris_11609_54840.jpg (124.54 KiB) Osservato 2800 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti