Melampyrum nemorosum L. - Spigarola violacea

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Melampyrum nemorosum L. - Spigarola violacea

Messaggioda Anja » 04 ago 2011, 21:31

Melampyrum nemorosum L.
Sp. Pl.: 605 (1753)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Melampyrum nemorosum L. - Vol. 2 pg. 576
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Melampyrum nemorosum L. - Vol. 2 pg. 240

Orobanchaceae

Spigarola violacea, Melampiro dei boschi, Deutsch: Hain-Wachtelweizen
English: Wood Cow-wheat
Español: Boca del dragón
Français: Mélampyre des bois


Forma Biologica: T scap - Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta erbacea annuale, alta 20(10)-50(40) cm, con fusti eretti, semplici o per lo più ramificati, tetragoni, pubescenti sulle facce opposte.
Foglie da ovali a ovali-lanceolate, opposte, subsessili, ± scabre, le inferiori intere, le superiori sparsamente dentato-pennatifide alla base.
Infiorescenza in racemo lasso, ± unilaterale, con fiori zigomorfi ermafroditi raggruppati in coppie all'ascella di brattee fogliacee, blu-violacee, ovali, acuminate all'apice, alla base cordiformi ed incise in lobi acuti e lineari-subulati; le brattee superiori senza fiori, rinverdenti dopo la fioritura.
Calice attinomorfo, gamosepalo, di 8-10 mm, con 4 lacinie strettamente triangolari, eretto-patenti; tubo calicino munito di peli 5-10 cellulari antrorsi (eretto-patenti).
Corolla bilabiata, 15-20 mm, giallo-vivo o arancione, a fauce aperta e con labbro superiore leggermente convesso, l'inferiore un po' più sporgente.
Stami 4, ovario supero biloculare.
Il frutto è una capsula deiscente glabra, ovoide, contenente 1-4 semi neri.
Impollinazione: entomogama
Disseminazione: mirmecocora (formiche)
Numero cromosomico: 2n=18

Tipo corologico: Eurasiat. - Eurasiatiche in senso stretto, dall'Europa al Giappone.

Antesi: giugno÷agosto

Habitat: Radure e prati boschivi (Querco-Carpineti ed ass. dipendenti), su substrati basici o leggermente acidi, da 0 a 1000 m s.l.m.
Specie eliofila e mesofila.

Immagine


Note di Sistematica: Il gruppo di Melampyrum nemorosum è un gruppo polimorfo, la cui interpretazione è difficile e tuttora pare non ancora completamente risolta.
Nel nostro territorio sono presenti altre 3 specie molto affini, attualmente accettate al rango specifico, antecedentemente considerate sottospecie di M. nemorosum e che si differenziano principalmente per la tipologia dei tricomi (peli) presenti sul tubo calicino e che permettono la separazione tra i diversi taxa. Tali caratteri diacritici sono spesso risolvibili solo con microscopio in quanto si tratta di rilevare numericamente le cellule dei peli.

Melampyrum italicum Soó
Tubo calicino con peli corti bicellulari, retrorsi (riflessi) sul tubo e progressivamente antrorsi (eretto-patenti) sulle lacinie; corolla generalmente a fauce chiusa.
Endemismo italico.

Melampyrum velebiticum Borbás ex Hand.-Mazz.
Tubo calicino con peli corti bicellulari, tutti eretti; corolla a fauce molto aperta.

Melampyrum catalaunicum Freyn
Tubo calicino con peli di 5-8 cellule, retrorsi (riflessi) sul tubo e progressivamente antrorsi (eretto-patenti) sulle lacinie; corolla a fauce appena aperta.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Asteridi
OrdineLamiales Bromhead
FamigliaOrobanchaceae Vent.
TribùMelampyreae
GenereMelampyrum L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome genere deriva dal gr. 'melanpyron' ('melas'=nero, 'pyros'=grano). I semi di M. arvense e di M. pratense, una volta infestanti dei campi di grano, coloravano di nero la farina e la rendevano leggermente tossica.
L'epiteto specifico dal lat. 'nemorosus, -a, -um' (< gr. 'némos', pascolo di bosco), boschivo, in allusione all'habitat della specie.

Curiosità: Alcuni generi delle orobanchacee hanno sviluppato un'evoluzione verso emiparassitismo pur mantenendo la funzione clorofilliana (Melampyrum, Euphrasia, Bartsia, Bellardia, Parentucellia, Odontites, Rhinanthus), mentre i generi Lathraea, Orobanche e Phelipanche ne sono completamente privi.
In Svezia la specie ha nomi locali molto caratteristici dovuti alla colorazione giallo-blu della pianta: 'natt och dag' (notte e giorno) e 'svenska flaggan' (bandiera svedese).

Principali Fonti
Conti, F.; Abbate, G.; Alessandrini, A.; Blasi, C. -An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora, Palombi Editori, Roma, 2005
Pignatti, S. -Flora d'Italia (vol. II), Edagricole, Bologna, 1982
J.-C. Rameau; D. Mansion; G. Dumé; C. Gauberville -Flore forestière française (vol. 2), Institut pour le développement forestier, AgroParis Tech-ENGREF, 2008
Flora Iberica
Zangheri, P. -flora italica I-II, CEDAM, Padova, 1976
IPFI - Index Plantarum Florae Italicae


Scheda realizzata da Anja Michelucci

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Melampyrum nemorosum L. -Spigarola violacea

Messaggioda Anja » 12 set 2011, 15:07

Melampyrum nemorosum L.

Colli Euganei (PD), 100 m, ago 2007
Foto di Ennio Cassanego

Melampyrum_nemorosum_9039_41142.jpg
Melampyrum_nemorosum_9039_41142.jpg (185.01 KiB) Osservato 1639 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Melampyrum nemorosum L. -Spigarola violacea

Messaggioda Anja » 12 set 2011, 15:08

Melampyrum nemorosum L.

Colli Euganei (PD), 100 m, ago 2007
Foto di Ennio Cassanego

Melampyrum_nemorosum_9039_41143.jpg
Melampyrum_nemorosum_9039_41143.jpg (181.77 KiB) Osservato 1639 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Melampyrum nemorosum L. -Spigarola violacea

Messaggioda Anja » 12 set 2011, 15:09

Melampyrum nemorosum L.

Colli Euganei (PD), 100 m, ago 2007
Foto di Ennio Cassanego

Melampyrum_nemorosum_9039_41144.jpg
Melampyrum_nemorosum_9039_41144.jpg (188.5 KiB) Osservato 1639 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10903
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti