Charybdis maritima (L.) Speta - Scilla marina

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Charybdis maritima (L.) Speta - Scilla marina

Messaggioda gio_bucco » 08 mag 2012, 20:34

Charybdis maritima (L.) Speta
Phyton (Horn) 38: 60 (1998)

Basionimo: Scilla maritima L. - Sp. Pl.: 308 (1753)
Altri sinonimi: Urginea maritima (L.) Baker, Urginea scilla Steinh., Charybdis maritima (L.) Speta, Drimia maritima (L.) Stearn
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Urginea maritima (L.) Baker - Vol. 3 pg. 367

Asparagaceae

Scilla marina, Squilla, Cipolla marina

Forma Biologica: G bulb - Geofite bulbose. Piante il cui organo perennante è un bulbo da cui, ogni anno, nascono fiori e foglie.

Descrizione: pianta erbacea perenne alta da 0,6 a 1,5 m, con grosso bulbo piriforme, diametro da 10 a 15 cm (può raggiungere un peso di 2 Kg), generalmente emergente dal suolo nella parte superiore.
Foglie parallelinervie, glabre, opache, lineari, lanceolate, lunghe 10-35 cm e larghe 2-7 cm, sono disposte in una rosetta basale, verdi in primavera, seccano prima della fioritura e rimangono appressate al suolo, per poi germogliare nuovamente a partire dal tardo autunno.
Fiori scapo fiorale con sfumature violacee, cresce in mezzo alle foglie dritto e cilindrico alla fine dell’estate (inizio autunno), nella parte terminale si forma un denso racemo (pannocchia) con 50-100 fiori con peduncolo lungo 1-2 cm.
I fiori sono composti da un perigonio costituito da 6 tepali biancastri di 6-8 mm con una sottile nervatura centrale rosa (in alcuni casi verde). Le brattee sono lanceolato-lineari (5-8 mm), speronate alla base. Stami 6 con antere verdastre su filamento bianco, carpelli 3 connati in un ovario supero giallo con stilo e stigma trilobo ben evidente.
Frutto è costituito da piccole capsule ovoidi triloculari (cassule), ognuna contiene circa 20-30 semi appiattiti, neri e lucidi (3 x 6-8 mm).

Tipo corologico: Steno-Medit. - Entità mediterranea in senso stretto (con areale limitato alle coste mediterranee: area dell'Olivo).
Macarones. - Macaronesia.

Antesi: da agosto ad ottobre

Distribuzione in Italia: Charybdis maritima (L.) Speta viene indicata solo per Liguria e Toscana (Conti et al., 2005), le precedenti segnalazioni per le regioni del centro-meridionali ed isole sono attualmente attribuite a Charybdis pancration (Steinh.) Speta. In Sardegna è presenta anche Charybdis undulata (Desf.) Speta

Habitat: arene marittime retrodunali (spiagge, garighe, ambienti rocciosi), qualche volta nei campi, nei boschi, sulle pendici delle montagne e in terreni caratterizzati da degradazione della vegetazione sempre in prossimità delle coste.

Immagine


Note di Sistematica: Recenti studi cariologici sui cloroplasti, hanno messo in evidenza come i popolamenti del Mediterraneo di Charybdis maritima presentino diversi livelle di plodia: diploidi (2n=20) in Tunisia e sud Italia, tetraploidi (2n=40) in nord-Africa, isole Baleari e Canarie (segnalati casi di ibridi in Italia), esaploidi (2n=60) Penisola Iberica, Marocco e Algeria (Pfosser, Speta, 2004), a conferma di precedenti indagini che hanno accertato anche una distribuzione spiccatamente centro-W-Mediterraneo di questa specie (Boscaiu et al., 2003).

Note, possibili confusioni: gli aggiornamenti sulla distribuzione geografica di Charybdis maritima e Charybdis pancratium aiutano per un spedita determinazione delle due specie, quest’ultima ha foglie lucide e più larghe e dovrebbe essere solo diploide.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Monocotiledoni
OrdineAsparagales Link
FamigliaAsparagaceae Juss.
Tribù
GenereCharybdis Speta


______________________________________________________________________________

Etimologia: Sia Charybdis sia Scilla, fanno riferimento ai mitici mostri a difesa dello stretto di Messina (Scilla e Cariddi), l’epiteto della specie è un chiaro riferimento all’ambiente di litorale.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale tossica

Costituenti principali: glicosidi bufadienolici: scillarene A e scillarene B; sono presenti inoltre glucoscillarene A (un trigloside), flavonidi, ossalato di calcio e mucillagini.

diuretiche, anticatarrali e cardiotoniche. La droga è costituita dalle squame (catafilli) mediane del bulbo che possono essere sia bianche sia rosse, tagliate in strisce, rispettivamente bianco-giallastre o bruno rossastre. Le squame si presentano traslucide se la droga è stata ben conservata in ambiente secco, l'umidità le rende opache e flessibili e tende a formare masse solide con sviluppo di muffe nella cosiddetta “polvere di Scilla”. La droga ha debole odore, sapore amaro e acre, e va conservata a riparo della luce e rinnovata ogni anno (Leporatti et al., 1997).


L' uso casalingo della pianta è sconsigliato a causa delle sue forti proprietà eccitanti sul cuore e per la sua azione irritante sullo stomaco e vasocostrittrice.

Curiosità: dalle squame rosse si ottengono preparati dall'azione ratticida (anticoagulante). In Sardegna la pianta è considerata magica e per questo viene spesso coltivata negli orti come protezione dal malocchio.
È piantata nelle vicinanze di tombe arabe, per proteggerle, secondo la tradizione. Gli egiziani chiamano la pianta "Ein Sit", il dio che resiste al sole, poiché la pianta fiorisce solo in autunno. I beduini credono che ogni volta che c'è abbondanza di fiori, ci sarà un inverno piovoso.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Boscaiu M., Bacchetta G. & Güemes J., 2003 - Morphological differentiation within the diploid cytotypes of Urginea maritima s.l. (Hyacinthaceae). Bocconea 16(2): 549 – 555.
Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated Checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
Leporatti M.L., Foddai S., Tomassini L., 1997 – Testo Atlante di Anatomia Vegetale e delle piante Officinali. Piccin, Padova.
Pfosser M.F., Speta F., 2004 – From Scilla to Charybdis – is our voyage safer now? Plant Systematics & Evolution, 246 (3-4): 245-263.
Pignatti S., 1982. Flora d'Italia, Edagricole, Bologna.

Siti internet:

Drimia maritima
Kew Gardens


Scheda realizzata da Arianna Carbone & Giovanni Buccomino (maggio 2012)

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
gio_bucco
Moderatore
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 07 giu 2010, 12:55

Re: Charybdis maritima (L.) Speta - Scilla marina

Messaggioda Marinella Zepigi » 10 mag 2012, 09:25

Charybdis maritima (L.) Speta
Asparagaceae: Scilla marina
Itaca Grecia (EE), Agosto
Foto di Giorgio Venturini
Allegati
Charybdis_maritima_1.jpg
Charybdis_maritima_1.jpg (87.78 KiB) Osservato 4239 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15305
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Charybdis maritima (L.) Speta - Scilla marina

Messaggioda Marinella Zepigi » 10 mag 2012, 10:34

Charybdis maritima (L.) Speta
Asparagaceae: Scilla marina
Itaca Grecia (EE), Agosto
Foto di Giorgio Venturini
Allegati
Charybdis_maritima_2.jpg
Charybdis_maritima_2.jpg (132.78 KiB) Osservato 4237 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15305
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Charybdis maritima (L.) Speta - Scilla marina

Messaggioda Marinella Zepigi » 10 mag 2012, 10:35

Charybdis maritima (L.) Speta
Asparagaceae: Scilla marina
Itaca Grecia (EE), Agosto
Foto di Giorgio Venturini
Allegati
Charybdis_maritima_3.jpg
Charybdis_maritima_3.jpg (94.96 KiB) Osservato 4237 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15305
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Charybdis maritima (L.) Speta - Scilla marina

Messaggioda Marinella Zepigi » 26 mar 2014, 20:25

Charybdis maritima (L.) Speta

Foto di Massimiliano Reggiani e Maura De Pascali
Allegati
Charybdis_maritima_Massimiliano_Reggiani_Maura_De_Pascali.jpg
Charybdis_maritima_Massimiliano_Reggiani_Maura_De_Pascali.jpg (136.18 KiB) Osservato 2875 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15305
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti