Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Moderatori: Marinella Zepigi, Anja, Moderatori Botanici

Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Marinella Zepigi » 18 mag 2008, 17:05

Lavandula stoechas L.
Sp. Pl.: 573 (1753)


Lamiaceae

Steca, Stecade, Stigadosso, Lavanda selvatica, de

Forma Biologica: NP - Nano-Fanerofite. Piante legnose con gemme perennanti poste tra 20 cm e 2 m dal suolo.
P caesp - Fanerofite cespugliose. Piante legnose con portamento cespuglioso.

Descrizione: Denso arbusto legnoso sempreverde, dal forte odore aromatico, cespuglioso, dal colore grigiastro dovuto a fitta tomentosità. La radice legnosa, serpeggiante e fibrosa, i fusti eretti, i rami dell'anno hanno sezione quadrangolare con fitta peluria, mentre quelli adulti hanno la corteccia screpolata grigio-rossiccia. Altezza 30÷120 cm.
Le foglie opposte, intere, persistenti, molto aromatiche, di colore verde chiaro, strettamente lanceolate a margine crespato rivolto verso il basso sono tomentose in entrambe le pagine.
I fiori di colore porpora scuro, sono riuniti in spighe terminali ovoidi, superate da brattee petaloidi bianco-porporine; calice gamosepalo terminante in 4 denti triangolari più uno che forma un'appendice pelosa, corolla gamopetala leggermente bilabiata, con tubo terminante in 5 lobi uguali arrotondati.
I frutti sono acheni brunastri leggermente iridescenti, cosparsi di punteggiature.

Tipo corologico: Steno-Medit. - Entità mediterranea in senso stretto (con areale limitato alle coste mediterranee: area dell'Olivo).

Antesi: La fioritura ha inizio secondo la ripresa vegetativa, gennaio÷maggio e si protrae per alcuni mesi

Distribuzione in Italia: Presente in LIG, TOS. LAZ, CAM, BAS, CAL, SIC, SAR.

Habitat: Specie eliofila termofila e xerofila, vegeta nella zona fitoclimatica del Lauretum. È componente tipico della gariga, si trova nei pascoli cespugliati, nelle macchie degradate, spesso in associazione con i Cisti; soprattutto nei terreni silicei, nelle aree percorse dal fuoco, mentre scompare dove la vegetazione diventa evoluta.. Da 0÷600 m s.l.m.

Immagine


Note di Sistematica: Presenti nel nostro territorio:

Lavandula angustifolia Mill. - Lavanda vera, che si distingue per brattee membranose, rombico-acuminate, con 5-7 nervi. Presente PIE, VEN, LIG, TOS, UMBABR, CAM, BAS, CAL; come esotica naturalizzata presente in FVG, LAZ, SIC; non più ritrovata nelle MAR.
Lavandula dentata L.- Lavanda dentata, con foglie dentate e pennatosette, lanose nella pagina inferiore. Esotica naturalizzata presente in Puglia.
Lavandula latifolia Medik - Lavanda latifolia, che si distingue per brattee lineari-lanceolate, più lunghe che larghe e foglie spatolate. Presente in LIG, EMR, TOS, CAMP, BAS, come esotica naturalizzate presente UMB, LAZ, CAL.
Lavandula multifida L.- Lavandula dell'Egitto, che si distingue per foglie pennattosette. Presente in Calabria e Sicilia.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Asteridi
OrdineLamiales Bromhead
FamigliaLamiaceae Martinov
TribùLavanduleae
GenereLavandula L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: ll nome del genere, dal gerundio latino “lavare”= che deve essere lavato. Nella regione mediterranea la consuetudine di profumare le acque delle abluzioni e del bucato con l'essenza di lavanda è infatti molto antica.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Erba antisettica, aromatica dal profumo balsamico.
Digestiva, antispastica, antisettica, insettifuga, leggermente sedativa del sitema nervoso, stimola la circolazione periferica.
Viene impiegata per mitigare la nausea; per uso esterno pestata fresca in olio d'oliva viene utilizzata come cicatrizzante e anche contro il morso degli insetti.
Pianta mellifera, che si presta ad essere inserita nei giardini assieme ad altre essenze della macchia e delle garighe.
Il miele di Lavandula stoechas, è l'unico miele di lavanda che si possa ottenere in Italia in quantità cospicue, viene prodotto soprattutto in Sardegna.
Normalmente è poco usata a scopo alimentare. Può però essere impiegata per aromatizzare il vino bianco, l'aceto, per preparare gelatine e per aromatizzare i dolci
I fiori essiccati si aggiungono ai pot-pourri ,ottenendo in questo modo un profumato antitarme; è inoltre pianta tintoria .
L'infuso viene indicato per risciacquare i capelli grassi e l'olio, applicato al cuoio capelluto, facilita la crescita dei capelli.
Con la Lavanda si preparano anche dei tonici astringenti per i pori dilatati della pelle. È utilizzata a livello industriale per la profumazione di saponi e di altri prodotti cosmetici.

Curiosità: Da oltre 2500 anni, la Lavanda è conosciuta e utilizzata in maniera pressoché immutata nel corso dei secoli.
I popoli del bacino del Mediterraneo la impiegavano per il profumo e nella mummificazione.
L'uso erboristico di questa specie è conosciuto fin dall'antichità, essendo citata nel "De Materia Medica" di Dioscoride (65 d.C.).
Le numerose proprietà di questa pianta sono state sfruttate dai romani in cucina e medicina nonché per il benessere delle persone. Nel Medioevo è considerata pianta medicinale dalle qualità inestimabili e annoverata tra i metodi di lotta contro la peste.
“L'aceto dei 4 ladri” un composto di olii essenziali (fra cui quello di lavanda), alcool e acido acetico, pare fosse usato dai tombaroli, come antisettico.
Nelle principali corti europee, e soprattutto nella Francia del “Re Sole”, l'uso della Lavanda ebbe grande diffusione sia fra le dame che fra i cavalieri. Il suo successo era da ricercarsi, oltre che nel gradevole profumo, nelle sue virtù antisettiche e antiparassitarie, particolarmente apprezzate, vista l'igiene “scarsa” dei secoli passati.
Le specie di questo genere hanno avuto un importante ruolo in ambito orticolo, medicinale e profumiero.
Con la coltivazione e la distillazione dell'essenza di profumo, alcune specie entrarono nella vita economica europea nel XVI secolo.
"Buréddha" è il nome in vernacolo, usato in Gallura, deriva dal latino e significa bruciare, la pianta veniva infatti utilizzata per bruciare le setole del maiale alla sua uccisione.
Le Lavande sono sempre state erbe popolari, che vantano una lunga storia di coltivazione, sono tra le piante più utilizzate per i giardini erbacei per le tinte dei fiori e per il buon profumo.
Nel linguaggio diei fiori la Lavanda significa: "il tuo ricordo mi dona serenità e felicità".

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia, Edagricole, Bologna
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore
BURNIE D., 2005. Fiori spontanei del Mediterraneo. R.C.S. Libri, Milano
BOWN D., 1995. Encyclopaedia of Herbs and their Uses, Dorling Kindersley, London
Galleria della Flora delle Regioni Italiane
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia


Scheda realizzata da Marinella Zepigi
Allegati
Lavandula stoechas 1.jpg
Lavandula stoechas 1.jpg (164.46 KiB) Osservato 2646 volte
Quel che mi ha reso felice, non lascia cicatrici da mostrare, queste restano sigillate nel cuore.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 14935
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Marinella Zepigi » 18 mag 2008, 22:12

Lavandula stoechas L.
Spotorno (SV), aprile 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Lavandula stoechas 5.jpg
Lavandula stoechas 5.jpg (166.87 KiB) Osservato 2634 volte
Quel che mi ha reso felice, non lascia cicatrici da mostrare, queste restano sigillate nel cuore.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 14935
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Marinella Zepigi » 18 mag 2008, 22:15

Lavandula stoechas L.
Spotorno (SV), aprile 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Lavandula stoechas 4.jpg
Lavandula stoechas 4.jpg (163.98 KiB) Osservato 2633 volte
Quel che mi ha reso felice, non lascia cicatrici da mostrare, queste restano sigillate nel cuore.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 14935
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Marinella Zepigi » 18 mag 2008, 22:21

Lavandula stoechas L.
Spotorno (SV), aprile 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Lavandula stoechas 7.jpg
Lavandula stoechas 7.jpg (123.19 KiB) Osservato 2615 volte
Quel che mi ha reso felice, non lascia cicatrici da mostrare, queste restano sigillate nel cuore.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 14935
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Daniela Longo » 18 mag 2008, 23:29

Lavandula stoechas L.
Arenzano (GE), aprile 2008
Foto di Daniela Longo
Allegati
lavandula-stoechas-stoechas94 arenzano aprile 2008.jpg
lavandula-stoechas-stoechas94 arenzano aprile 2008.jpg (191.4 KiB) Osservato 2605 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9107
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Daniela Longo » 18 mag 2008, 23:30

Lavandula stoechas L.
Arenzano (GE), aprile 2008
Foto di Daniela Longo
Allegati
lavandula-stoechas-stoechas95 arenzano aprile 2008.jpg
lavandula-stoechas-stoechas95 arenzano aprile 2008.jpg (154.53 KiB) Osservato 2601 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9107
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda patty » 19 mag 2008, 00:00

Lavandula stoechas L.
Sciarborasca, Aprile 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Lavandula_stoechas_2.jpg
Lavandula_stoechas_2.jpg (138.05 KiB) Osservato 2572 volte
Anche i fiori piangono, e ci sono stupidi che pensano sia rugiada. (Jim Morrison)
Avatar utente
patty
Moderatore
 
Messaggi: 3664
Iscritto il: 03 dic 2007, 22:21
Località: modena

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda patty » 19 mag 2008, 00:01

Lavandula stoechas L.
Sciarborasca, Aprile 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Lavandula_stoechas_1.jpg
Lavandula_stoechas_1.jpg (144.33 KiB) Osservato 2564 volte
Anche i fiori piangono, e ci sono stupidi che pensano sia rugiada. (Jim Morrison)
Avatar utente
patty
Moderatore
 
Messaggi: 3664
Iscritto il: 03 dic 2007, 22:21
Località: modena

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda patty » 19 mag 2008, 00:02

Lavandula stoechas L.
Sciarborasca, Aprile 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Lavandula_stoechas.jpg
Lavandula_stoechas.jpg (148.67 KiB) Osservato 2556 volte
Anche i fiori piangono, e ci sono stupidi che pensano sia rugiada. (Jim Morrison)
Avatar utente
patty
Moderatore
 
Messaggi: 3664
Iscritto il: 03 dic 2007, 22:21
Località: modena

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Giuliano » 19 mag 2008, 00:13

Lavandula stoechas L.
Aprile 2008
Foto di Giuliano Salvai
Allegati
Lavandula stoechas_5.jpg
Lavandula stoechas_5.jpg (195.11 KiB) Osservato 2548 volte
Aiutate i moderatori: fotografate anche i frutti e i semi,
ciò oltre ad agevolare le determinazioni, contribuisce ad implementare la galleria dei "semi e altre unità primarie di dispersione”.
Avatar utente
Giuliano
Amministratore
 
Messaggi: 3384
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:11

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Giuliano » 19 mag 2008, 00:16

Lavandula stoechas L.
Aprile 2008
Foto di Giuliano Salvai
Allegati
Lavandula stoechas_4.jpg
Lavandula stoechas_4.jpg (168.61 KiB) Osservato 2543 volte
Aiutate i moderatori: fotografate anche i frutti e i semi,
ciò oltre ad agevolare le determinazioni, contribuisce ad implementare la galleria dei "semi e altre unità primarie di dispersione”.
Avatar utente
Giuliano
Amministratore
 
Messaggi: 3384
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:11

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Marinella Zepigi » 05 feb 2011, 20:37

Lavandula stoechas L.
Lamiaceae: Lavanda selvatica
Pietrasanta (LU), mag 2008
Foto di Giuseppe Trombetti
Allegati
Lavandula_stoechas.jpg
Lavandula_stoechas.jpg (185.49 KiB) Osservato 1950 volte
Quel che mi ha reso felice, non lascia cicatrici da mostrare, queste restano sigillate nel cuore.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 14935
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

 

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Anja » 07 ago 2012, 01:00

Lavandula stoechas L.

Cesena (FC), 20 m, ago 2012
Foto di Giorgio Faggi

Semi
Allegati
Lavandula1.jpg
Lavandula1.jpg (88.83 KiB) Osservato 1158 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 7871
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

 

Re: Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica

Messaggioda Anja » 07 ago 2012, 01:02

Lavandula stoechas L.

Cesena (FC), 20 m, ago 2012
Foto di Giorgio Faggi

Semi cosparsi di punteggiature
Allegati
Lavandula2.jpg
Lavandula2.jpg (69.3 KiB) Osservato 1158 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 7871
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Anja e 1 ospite


Come citare questa pagina - How to cite this page
[Nome autore, anno dell'intervento] in avanti - "Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica". In Acta Plantarum, Forum. Disponibile on line (data di consultazione: 18/04/2014):
http://www.actaplantarum.org/viewtopic.php?f=95&t=4081

[Author name], from [pubblication year] on - "Lavandula stoechas L. - Lavanda selvatica". In Acta Plantarum, Forum. Available on line (access date: 18/04/2014):
http://www.actaplantarum.org/viewtopic.php?f=95&t=4081