Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Silvano Radivo » 02 gen 2013, 11:23

Plantago altissima L.
Sp. Pl., ed. 2: 164 (1762)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Plantago altissima L. - Vol. 2 pg. 635
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Plantago altissima L. - Vol. 2 pg. 176

Plantaginaceae

Piantaggine palustre

Forma Biologica: H ros - Emicriptofite rosulate. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con foglie disposte in rosetta basale.

Descrizione: Pianta perenne alta 50-90(120) cm, con scapo/i (1 o più raggruppati) eretto/i profondamente solcato/i, rizoma grosso brevemente suborizzontale, provvisto di radichette secondarie ±parallele caratteristicamente ingrossate (diam. >=1 mm).
Foglie tutte basali in rosetta, mancanti in inverno, glabre e lucide, lineari-lanceolate, lar. 2-4 cm ed allungatissime (fino a 40 cm), alla base ristrette, con 3-5 nervature parallele; margine a seghettatura rada, ma evidente.
Infiorescenza a spiga cilindrica lunga fino a 6 cm; singoli fiori tetrameri protetti da brattee ovato-acuminate di 6-7 mm; calice con 4 sepali, di cui gli anteriori saldati in unica lamina biloba ed i posteriori liberi; corolla tubolare membranosa con 4 lobi lanceolati bruni; 4 stami con filamenti sporgenti ed antere (1,8 mm) cuoriformi giallastre; ovario supero bicarpellare; fioritura che tipicamente procede gradualmente dal basso verso l'alto sulla spiga.
Frutto a capsula (pissidio) con deiscenza trasversale, con (1)-2 semi ellittici lunghi 3 mm.

Tipo corologico: SE-Europ. - Soprattutto nella regione Carpatico-Danubiana.

Antesi: Da maggio a luglio (meno frequentemente fino ad ottobre).

Habitat: Prati umidi in pianura e bassa collina su suoli minerali oligotrofici, ma anche torbosi, spesso disseccati in estate; praterie costiere salmastre. Nello stesso ambiente vegetano spesso Allium suaveolens e Molinia caerulea; in FVG la condivisione di habitat con quest'ultima è regolare, con esclusione dei suoli a lungo allagati. Da 0 a 400 m.
Specie di lista rossa nazionale, minacciata per distruzione dei biotopi in cui vive.

Immagine


Note di Sistematica: La specie, in accordo con PIGNATTI, fa parte di un gruppo che ne comprende altre due, molto affini:
Plantago lanceolata L., la principale del raggruppamento, presente in tutto il territorio italiano, molto comune e generalmente sinantropica, difficilmente supera l'altezza di 50 cm; si differenzia per avere la radice principale rizomatosa disposta non orizzontalmente e le radici secondarie contorte e molto sottili, spiga di regola più breve (al massimo 5 cm), con brattee fiorali di 4-5 mm; si presenta in varietà che possiedono diverso grado di tomentosità e varia dimensione delle foglie;
Plantago argentea Chaix (= P. victorialis Poiret), presente con due sottospecie, è alta 20-50 cm, ha rizoma verticale od obliquo con radichette secondarie ingrossate, scapo solcato solo in alto e debolmente, foglie pubescenti argentino-sericee strette (0,5-1 cm), spiga lunga 1-1,5 cm, con brattee fiorali <5 mm, antere bianche.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Asteridi
OrdineLamiales Bromhead
FamigliaPlantaginaceae Juss.
TribùPlantagineae
GenerePlantago L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Plantago: dal latino "plánta" = "pianta del piede", per la forma delle foglie di certe specie;
altissima: superlativo di "altus" = "alto", in latino.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale

Tutte le specie del genere Plantago condividono le medesime proprietà medicinali. Della pianta si utilizzano radici, parti aeree e semi.
Le radici possiedono proprietà astringenti, mentre le parti aeree sono usate come antinfiammatori, antibatterici ed antiallergici, sia nelle affezioni dell'apparato respiratorio sia in quelle dell'apparato gastroenterico ed urinario; ai semi sono attribuite facoltà emollienti e rinfrescanti.
In particolare si impiega:
- il decotto di radici contro la diarrea (uso interno) e per impacchi esterni su ferite, ulcere e piaghe;
- l'infuso di parti aeree come antinfiammatorio ed antibiotico e per curare dermatosi ed allergie;
- il decotto di semi nelle infiammazioni intestinali e, esternamente, per infiammazioni e dermatiti;
- l'impiastro di foglie fresche stropicciate o pestate contro punture d'insetti, piaghe e ferite (antiemorragico);
- la tintura madre alcolica (uso interno) come antinfiammatorio, antibatterico ed antiallergico (apparato respiratorio, gastroenterico ed urinario) e, per uso esterno, applicandola localmente nelle dermatiti ed allergie cutanee.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia, Edagricole, Bologna
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore
ZENARI S., 1956. Flora escursionistica, Zannoni Editore, Padova
http://flora.uniud.it/
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia


Scheda realizzata da Silvano Radivo

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3459
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Silvano Radivo » 03 gen 2013, 16:35

Plantago altissima L.
Plantaginaceae: Piantaggine palustre
Flambro (UD), 25 m, mag 2012
Foto di Silvano Radivo
Allegati
1Planta_altis.jpg
1Planta_altis.jpg (160.35 KiB) Osservato 1753 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3459
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Silvano Radivo » 03 gen 2013, 16:36

Plantago altissima L.
Plantaginaceae: Piantaggine palustre
Flambro (UD), 25 m, mag 2012
Foto di Silvano Radivo
Allegati
2Planta_altis.jpg
2Planta_altis.jpg (163.48 KiB) Osservato 1753 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3459
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Silvano Radivo » 03 gen 2013, 16:37

Plantago altissima L.
Plantaginaceae: Piantaggine palustre
Flambro (UD), 25 m, mag 2012
Foto di Silvano Radivo
Allegati
3aPlanta_altis.jpg
3aPlanta_altis.jpg (161.8 KiB) Osservato 1753 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3459
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Silvano Radivo » 03 gen 2013, 16:39

Plantago altissima L.
Plantaginaceae: Piantaggine palustre
Flambro (UD), 25 m, mag 2012
Foto di Silvano Radivo


culmi striato-scanalati, foglie con seghettatura rada, ma evidente
Allegati
3Planta_altis.jpg
3Planta_altis.jpg (171.59 KiB) Osservato 1753 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3459
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Silvano Radivo » 03 gen 2013, 16:41

Plantago altissima L.
Plantaginaceae: Piantaggine palustre
Flambro (UD), 25 m, mag 2012
Foto di Silvano Radivo
Allegati
4Planta_altis.jpg
4Planta_altis.jpg (135.14 KiB) Osservato 1753 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3459
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Silvano Radivo » 03 gen 2013, 16:42

Plantago altissima L.
Plantaginaceae: Piantaggine palustre
Flambro (UD), 25 m, mag 2012
Foto di Silvano Radivo
Allegati
5Planta_altis.jpg
5Planta_altis.jpg (179.33 KiB) Osservato 1753 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3459
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Silvano Radivo » 04 gen 2013, 11:02

Plantago altissima L.
Plantaginaceae: Piantaggine palustre
Roma (RM), 50 m, mag 2012
Foto di Enzo De Santis


rizoma orizzontale con radichette secondarie relativamente grosse
Allegati
Plantago_altissima_35261_173105.jpg
Plantago_altissima_35261_173105.jpg (158.95 KiB) Osservato 1746 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3459
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Anja » 12 mag 2014, 22:22

Plantago altissima L.

Roma (RM), 50 m, mag 2012
Foto di Enzo De Santis

Plantago_altissima_35261_164807.jpg
Plantago_altissima_35261_164807.jpg (193.94 KiB) Osservato 1160 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10894
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Anja » 12 mag 2014, 22:23

Plantago altissima L.

Roma (RM), 50 m, mag 2012
Foto di Enzo De Santis

Plantago_altissima_35261_173107.jpg
Plantago_altissima_35261_173107.jpg (120.92 KiB) Osservato 1160 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10894
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Plantago altissima L. - Piantaggine palustre

Messaggioda Anja » 12 mag 2014, 22:25

Plantago altissima L.

Foto di Eugenia Bugni

Plantago_altissima_Eugenia_Bugni.jpg
Plantago_altissima_Eugenia_Bugni.jpg (77.96 KiB) Osservato 1160 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10894
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti