Galium odoratum (L.) Scop. - Caglio odoroso

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Galium odoratum (L.) Scop. - Caglio odoroso

Messaggioda Marinella Zepigi » 30 mag 2008, 14:12

Galium odoratum (L.) Scop.
Fl. Carniol., ed. 2, 1: 105 (1771)

Basionimo: Asperula odorata L. - Sp. Pl.: 103 (1753)
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Galium odoratum (L.) Scop. - Vol. 2 pg. 362
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Galium odoratum (L.) Scop. - Vol. 2 pg. 350

Rubiaceae

Caglio odoroso, Stellina odorosa, Asperula odorata, Sweet woodruff, Asperilla, Waldmeister, Petit Muguet.

Forma Biologica: G rhiz - Geofite rizomatose. Piante con un particolare fusto sotterraneo, detto rizoma, che ogni anno emette radici e fusti avventizi.

Descrizione: Pianta perenne, erbacea, profumata soprattutto da secca, munita di rizoma sottile e ramificato, fusti eretti a sezione quadrangolare, irsuti solo ai nodi. Altezza 10-30 cm.
Le foglie ovali o lanceolate acute, sono riunite in 4-5 verticilli di 6-9 foglie glabre, intere, rugose sull'orlo.
Alcuni steli portano foglie, altri terminano con un' infiorescenza corimbosa di piccoli fiori. I fiori bianco-verdastri, hanno corolla dentata in 4 segmenti, 4 stami. Lo stimma del pistillo è bilobato.
I frutti sono formati da 2 carpelli globosi, aderenti, ricoperti di setole uncinate ispide.

Tipo corologico: Eurasiat. - Eurasiatiche in senso stretto, dall'Europa al Giappone.
Eurosiber. - Zone fredde e temperato-fredde dell'Eurasia.

Antesi: maggio-luglio

Habitat: Boschi di faggio e latifoglie solitamente fra 500÷1.600 m, raramente fra 100÷1.800 m s.l.m.

Immagine


Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Asteridi
OrdineGentianales Juss. ex Bercht. & J.Presl
FamigliaRubiaceae Juss.
TribùGalieae
GenereGalium L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva dal greco “gála” = latte, diverse specie venivano usate per far cagliare il latte nella lavorazione del formaggio.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Erba amara, i principali costituenti sono: cumarina, asperuloside, tannini, antrachinoni, flavonoidi, acido nicotinico.
Ampiamente utilizzata in erboristeria durante tutto il Medio Evo, per ferite e tagli, ad uso interno, nel trattamento di problemi al fegato e per la cattiva digestione.
Attualmente dalla medicina popolare è utilizzata soprattutto come antispastico e calmante in caso di dolori addominali e in caso si insonnia. La pianta ha un'azione delicata, simile a quella del Galium aparine, con una azione più rilassante. Ottima in caso di cefalee con nervosismo e difficoltà ad addormentarsi.
La pianta è conosciuta commercialmente come fonte di cumarina ed è utilizzata nella preparazione di un farmaci anticoagulanti.
Le foglie essiccate e i fiori possono essere utilizzati per preparare un ottimo tè.
Utilizzata come additivo aromatico in infusi e nelle macedonie di frutta; in Trentino Alto Adige, le piantine fresce o essicate, vengono impiegate, infuse nella grappa conferendole un delicato colore verde.
Ad Arlon, in Belgio i fiori vengono messi a macerare in vino bianco della Mosella, zucchero, spicchi d'rancia e cognac, per preparare il "Maitrank" letteralmente "bevanda di maggio" consumata prevalentemente come aperitivo dal caratteristico gusto e profumo di sottobosco, ma impiegata anche per aromatizzare granite e gelati.
Colorante rosso è ottenuto dalla radice
Pianta impiegata per preparare sacchettini profuma-biancheria e conservata negli armadi, per il suo gradevole odore.
Coltivata come pianta da bordura dei luoghi semiombreggiati.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., Flora d'Italia.Edagricole, Bologna. 1982
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C., Checklist of the Italian Vascular Flora. Palombi, Roma. 2005
AGRADI A., REGONDI S., ROTTI G., Conoscere le piante medicinali. Mediservice, Cologno Monzese (MI). 2005
PRIHODA A., Le piante officinali della salute. Melita, La Spezia. 1993.
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
Acta Plantarum - Semi ed altre unità primarie di dispersione


Scheda realizzata da Marinella Zepigi

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15278
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Galium odoratum (L.) Scop. - Caglio odoroso

Messaggioda Marinella Zepigi » 30 mag 2008, 14:35

Galium odoratum (L.) Scop.
Solto Collina (BG), mag 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Galium odoratum 1.jpg
Galium odoratum 1.jpg (207.29 KiB) Osservato 4791 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15278
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Galium odoratum (L.) Scop. - Caglio odoroso

Messaggioda Marinella Zepigi » 30 mag 2008, 14:36

Galium odoratum (L.) Scop.
Solto Collina (BG), mag 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Galium odoratum 3.jpg
Galium odoratum 3.jpg (128.43 KiB) Osservato 4781 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15278
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Galium odoratum (L.) Scop. - Caglio odoroso

Messaggioda Marinella Zepigi » 30 mag 2008, 14:37

Galium odoratum (L.) Scop.
Solto Collina (BG), mag 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Galium odoratum 2.jpg
Galium odoratum 2.jpg (140.47 KiB) Osservato 4770 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15278
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Galium odoratum (L.) Scop. - Caglio odoroso

Messaggioda Marinella Zepigi » 30 mag 2008, 14:39

Galium odoratum (L.) Scop.
Solto Collina (BG), mag 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Galium odoratum.jpg
Galium odoratum.jpg (173.46 KiB) Osservato 4762 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15278
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Galium odoratum (L.) Scop. - Caglio odoroso

Messaggioda Marinella Zepigi » 06 mag 2014, 12:47

Galium odoratum (L.) Scop.

Foto di Giorgio Faggi
Allegati
Galium_odoratum2_Giorgio_Faggi (1).jpg
Galium_odoratum2_Giorgio_Faggi (1).jpg (62.74 KiB) Osservato 2685 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15278
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite