Juniperus oxycedrus L. - Ginepro rosso o Coccolone

Moderatori: Marinella Zepigi, Anja, Moderatori Botanici

Juniperus oxycedrus L. - Ginepro rosso o Coccolone

Messaggioda Daniela Longo » 13 giu 2008, 22:39

Juniperus oxycedrus L.
Sp. Pl.: 1038 (1753)

Juniperus rufescens Link, Juniperus umbilicata Godr.

Cupressaceae

Ginepro ossicedro, Ginepro rosso, Coccolone

Forma Biologica: P caesp - Fanerofite cespugliose. Piante legnose con portamento cespuglioso.
P scap - Fanerofite arboree. Piante legnose con portamento arboreo.

Descrizione: Pianta arbustiva o piccolo albero sempreverde alto fino a 5 metri (raramente fino a 15 metri), con portamento variabile dal prostrato all' arboreo; corteccia di colore grigio-rossastro o bruno-rossastro nei rami giovani, desquamante in linee longitudinali ed ondulate nei bordi nei rami di 10 anni; tronco eretto e ramificato fin dal basso; rami inseriti sparsamente sul fusto, di colore bruno rossastro, con internodi di 3-10 mm; chioma piramidale di colore verde vivo parzialmente aperta; il sistema radicale è molto sviluppato.
Foglie di colore verde glauco, aghiformi, coriacee e pungenti, cerose, lunghe 15-25 mm, patenti, con due strisce biancastre nella pagina superiore, prive di picciolo,verticillate a 3.
Fiori unisessuali rudimentali con ovuli inseriti su macrosporofilli, senza ovario né stimma chiamati "coni" o "strobili"; specie dioica, quindi i coni dei due sessi sono portati da piante separate; coni maschili giallo rossastri, terminali ai rametti prodotti nell'anno in corso, disposti in verticilli a tre all'ascella delle foglie, di forma subsferica; coni femminili verdastri, ascellari alle foglie con apice aperto derivante dalla fusione incompleta di 3 brattee fertili. I coni femminili essudano una caratteristica goccia micropilare, che serve alla cattura del polline.
Frutto: costituito da una pseudo-bacca (galbula), derivante dall'ingrossamento delle brattee fertili del cono, inizialmente di colore giallo-verdastro, a maturità rosso-bruna e più o meno pruinosa, di forma quasi sferica, con un diametro fino a 15 mm, contenente in genere tre semi forma lanceolata, a sezione grossolanamente triangolare.
Dalla fioritura alla maturazione delle galbule passano circa due anni. Le galbule maturano da settembre-ottobre in poi fino a gennaio.

Tipo corologico: Euri-Medit. - Entità con areale centrato sulle coste mediterranee, ma con prolungamenti verso nord e verso est (area della Vite).

Antesi: Febbraio÷aprile. -La dispersione del polline avviene da ottobre fino a febbraio, la effettiva fecondazione degli ovuli avviene infatti parecchi mesi dopo, in piena estate.

Habitat: È una specie caratteristica della macchia mediterranea, colonizza ambienti ostili quali le dune costiere (spingendosi fino a riva), coste rocciose, aree degradate dal livello del mare fino a 400 metri di altitudine. Ha grande adattamento all'aridità, all'incoerenza del substrato, alla ridotta disponibilità di elementi nutritivi; tollera terreni dove arriva lo spray marino.

Immagine


Note di Sistematica: Il genere Juniperus comprende specie arboree e arbustive, tra cui molte spontanee della flora italiana.
Juniperus oxycedrus L. è simile a Juniperus communis L. da cui si differenzia per la chioma più ampia e il portamento anche arboreo, per gli aghi più lunghi e più larghi, con due strisce glauche sulla faccia superiore e per i galbuli di colore rosso-bruno a maturità anziché bluastri e un po' più grossi. Inoltre è pianta più termofila di Juniperus communis L.
Juniperus oxycedrus L. è presente in Italia con due sottospecie:
Juniperus oxycedrus subsp. deltoides (R.P. Adams) N.G. Passal. (= Juniperus oxycedrus L. subsp. oxycedrus): ha foglie larghe al massimo 2 mm e galbula poco pruinosa e spesso lucida, di diametro 7-11 mm.
Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Sm.) Neilr. : ha foglie maggiori (larghe fino a 2,5 mm) e galbula pruinosa, di diametro 8-15 mm, più scura e più grande di quella della sottospecie nominale. E' presente solo nelle zone litoranee sabbiose, fino ad altezze di pochi metri sul livello del mare, con una distribuzione geografica più limitata della sottospecie nominale. E' detto comunemente "ginepro coccolone".

Tassonomia filogenetica

Pinophyta
Pinidae
OrdinePinales Dumortier
FamigliaCupressaceae
TribùJunipereae
GenereJuniperus L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva probabilmente dal latino “iùnix' giovenca e “pàrio” io do alla luce, perché una delle specie (Juniperus sabina L.) veniva somministrata alle vacche per favorire il parto oppure da “iùnior' più giovane e “pàrio” io do alla luce, perché produce sempre nuovi germogli.
Il nome specifico deriva dal greco “ox-, oxy-” acuto, pungente e “kèdron”, assonante con l'ebraico “hèder” ornamento, maestà, per il portamento di tale specie rispetto a Juniperus communis L.
L'epiteto della sottospecie Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Sm.) Neilr. deriva dal greco “makròs” lungo e “karpòs” frutto, per i frutti più grandi rispetto alla sottospecie nominale.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale tossica

Pianta conosciuta fin dall'antichità, è stata oggetto di molte leggende e credenze e ha conosciuto numerosi utilizzi.

Entrambe le sottospecie hanno proprietà medicinali; si utilizzano le foglie, i frutti e il legno.
Dalla distillazione a secco del legno si ottiene olio essenziale acre e caustico, l'olio di Cadè, usato già dai romani per imbalsamare i morti e per la cura delle malattie della pelle. I principi attivi sono alcuni fenoli (guaiacolo, etilguaiacolo, creosolo) e il cadinene. L'olio ha proprietà antisettiche, stimolanti e rubefacenti, importanti per la cura di affezioni della pelle, quali l'eczema, la psoriasi ed alcune forme di acne. L'olio ha utilizzo anche in medicina veterinaria, essendo impiegato, per i piccoli animali domestici, nella cura di patologie della pelle e come vermifugo.
Diluito fortemente, l'olio può essere usato in aromaterapia; per il suo carattere caustico, ne è sconsigliato l'uso per via interna.
L'olio di Cade è infine impiegato a fini cosmetici per la fabbricazione di shampoo.
Nel passato le galbule sono state usate in differenti formulati come antireumatico, diaforetico, contro la sciatica, nella cura del raffreddore e di disturbi dell'apparato respiratorio.
Rami fogliosi e frutti sono stati inoltre utilizzati, anche per uso interno, per le proprietà aperitive, carminative, depurative e diuretiche.
Benché gli effetti per tutte queste indicazioni siano innegabili, tuttavia vi sono significativi rischi in caso di un uso prolungato o sovradosato in particolare durante la gravidanza o in caso di affezioni renali infiammatorie in atto.

La galbula può essere usata direttamente per preparare liquori con proprietà digestive e per aromatizzare arrosti e piatti di cacciagione, in modo del tutto analogo alle galbule di Juniperus communis L..

Il legno di Juniperus oxycedrus L. è tra i più compatti e duri della nostra flora arborea e prima dell'avvento delle moderne motoseghe, i boscaioli che utilizzavano la macchia per fare il carbone evitavano il taglio del ginepro per non danneggiare i preziosi arnesi da taglio.
Si tratta di un legno pregiato, scuro e profumato, durissimo ma di facile lavorazione, quasi incorruttibile; veniva impiegato per la fabbricazione di mobili, arnesi e suppellettili, tini, botticelle, recipienti per l'acqua solai ed imbarcazioni; per la sua compattezza è adatto per lavori di intarsio e per scolpire statue. I tronchi degli esemplari arborei sono stati utilizzati fin dall'epoca romana come travi nella costruzione delle case.

Per le sue caratteristiche di specie pioniera in ambienti sabbiosi e degradati, svolge un ruolo importante nel trattenimento e consolidamento del terreno, grazie anche al suo apparato radicale molto esteso. Contribuisce così all'evoluzione del terreno stesso e all'arricchimento in sostanza organica, aiutando l'insediamento di specie meno resistenti ad ambienti ostili e favorendo l'instaurarsi di una vegetazione più ricca ed evoluta. Viene perciò utilizzata nel recupero e ripopolamento di terreni denudati, di aree degradate e di zone impoverite di vegetazione.

E' anche apprezzata nel giardinaggio, in particolare vicino al mare, dove è utilizzata proficuamente per la costituzione di siepi e barriere frangivento e per il consolidamento di substrati incoerenti (dune di sabbia) in stabilimenti balneari, sfruttando la sua elevata resistenza al vento salso e all'aridità.

L'estratto di foglia verde esercita un'azione repellente verso gli insetti.
Il fogliame è poco appetito dagli animali.
I frutti sono invece molto appetiti dagli uccelli.

Curiosità: Molte leggende e credenze sono sorte sul conto di questa specie: era considerata pianta magica e si pensava che tenesse lontano i serpenti e curasse dal loro morso, come riferisce anche Dioscoride.
Era considerato in grado di proteggere sia dalle malattie che dagli spiriti maligni grazie ai suoi rami spinosi.
Nella tradizione cristiana, questa sua qualità venne interpretata come purificazione dai peccati.
Altre leggende della tradizione cristiana attribuiscono al ginepro il privilegio di aver protetto la fuga della Sacra Famiglia inseguita dai soldati di Erode e Maria riconoscente l'avrebbe benedetta predicendogli che avrebbe avuto l'onore di fornire il legno per croce di Cristo.

In Sardegna le Sùrbiles erano donne vampiro che di notte andavano a succhiare il sangue dei neonati dalla fontanella del cranio, trasformandosi, a seconda della tradizione, in mosca, gatto, uccello, fumo o gomitolo. La trasformazione avveniva grazie ad oli vegetali e a pozioni magiche a base di sangue, grasso di cadavere e bacche di ginepro.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Pignatti - Flora d'Italia - Edagricole
Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005 - An annotated checklist of the Italian vascular flora - Palombi Editori


Scheda realizzata da Daniela Longo
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9493
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Juniperus oxycedrus L.

Messaggioda Daniela Longo » 13 giu 2008, 22:43


Juniperus oxycedrus subsp. deltoides (R.P. Adams) N.G. Passal.
Pianta con portamento arboreo
Pendici sud M. Ravinet (SV), 300 m, dicembre 2004
Foto di Daniela Longo
Allegati
juniperus-oxycedrus-oxycedrus0 ravinet dicembre 2004.jpg
juniperus-oxycedrus-oxycedrus0 ravinet dicembre 2004.jpg (198.33 KiB) Osservato 6192 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9493
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Juniperus oxycedrus L.

Messaggioda Daniela Longo » 13 giu 2008, 22:44


Juniperus oxycedrus subsp. deltoides (R.P. Adams) N.G. Passal.
Pianta con portamento prostrato
Pendici sud M. Mao (SV), 100 m, marzo 2006
Foto di Daniela Longo
Allegati
juniperus-oxycedrus-oxycedrus1 monte mao marzo 2006.jpg
juniperus-oxycedrus-oxycedrus1 monte mao marzo 2006.jpg (194.94 KiB) Osservato 6184 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9493
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Juniperus oxycedrus L.

Messaggioda Daniela Longo » 13 giu 2008, 22:45


Juniperus oxycedrus subsp. deltoides (R.P. Adams) N.G. Passal.
Pianta con portamento arboreo
Framura (SP), 250 m, febbraio 2008
Foto di Daniela Longo
Allegati
Juniperus-oxycedrus-oxycedrus2 framura febbraio 2008.jpg
Juniperus-oxycedrus-oxycedrus2 framura febbraio 2008.jpg (144.17 KiB) Osservato 6173 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9493
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Juniperus oxycedrus L.

Messaggioda Daniela Longo » 13 giu 2008, 22:47


Juniperus oxycedrus subsp. deltoides (R.P. Adams) N.G. Passal.
Coni
Pendici sud M. Ravinet (SV), 300 m, dicembre 2004
Foto di Daniela Longo
Allegati
juniperus-oxycedrus-oxycedrus3 ravinet dicembre 2004.jpg
juniperus-oxycedrus-oxycedrus3 ravinet dicembre 2004.jpg (143.08 KiB) Osservato 6169 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9493
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Juniperus oxycedrus L.

Messaggioda Daniela Longo » 13 giu 2008, 22:48


Juniperus oxycedrus subsp. deltoides (R.P. Adams) N.G. Passal.
Coni
Framura (SP), 250 m, febbraio 2008
Foto di Daniela Longo
Allegati
Juniperus-oxycedrus-oxycedrus4 framura febbraio 2008.jpg
Juniperus-oxycedrus-oxycedrus4 framura febbraio 2008.jpg (195.88 KiB) Osservato 6166 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9493
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Juniperus oxycedrus L.

Messaggioda Daniela Longo » 13 giu 2008, 22:49


Juniperus oxycedrus subsp. deltoides (R.P. Adams) N.G. Passal.
Galbula immatura
Pendici sud M. Mao (SV), 100 m, marzo 2006
Foto di Daniela Longo
Allegati
juniperus-oxycedrus-oxycedrus7 monte mao marzo 2006.jpg
juniperus-oxycedrus-oxycedrus7 monte mao marzo 2006.jpg (138.88 KiB) Osservato 6149 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9493
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Juniperus oxycedrus L.

Messaggioda Daniela Longo » 13 giu 2008, 22:49


Juniperus oxycedrus subsp. deltoides (R.P. Adams) N.G. Passal.
Galbula immatura
Framura (SP), 250 m, febbraio 2008
Foto di Daniela Longo
Allegati
Juniperus-oxycedrus-oxycedrus8 framura febbraio 2008.jpg
Juniperus-oxycedrus-oxycedrus8 framura febbraio 2008.jpg (146.67 KiB) Osservato 6145 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9493
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Juniperus oxycedrus L.

Messaggioda Daniela Longo » 13 giu 2008, 22:50


Juniperus oxycedrus subsp. deltoides (R.P. Adams) N.G. Passal.
Galbula matura
Pendici sud M. Ravinet (SV), 300 m, dicembre 2004
Foto di Daniela Longo
Allegati
juniperus-oxycedrus-oxycedrus9 ravinet dicembre 2004.jpg
juniperus-oxycedrus-oxycedrus9 ravinet dicembre 2004.jpg (144.39 KiB) Osservato 6136 volte
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
 
Messaggi: 9493
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57

Re: Juniperus oxycedrus L. - Ginepro rosso o Coccolone

Messaggioda Anja » 07 mar 2011, 18:19

Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Sm.) Neilr.

Ugento (LE), 0 m, febbraio 2011
Foto di Lucio De Lucia

Juniperus_oxycedrus_24073_113564.jpg
Juniperus_oxycedrus_24073_113564.jpg (198.24 KiB) Osservato 4820 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 8961
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Juniperus oxycedrus L. - Ginepro rosso o Coccolone

Messaggioda Anja » 07 mar 2011, 18:20

Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Sm.) Neilr.

Ugento (LE), 0 m, febbraio 2011
Foto di Lucio De Lucia

Juniperus_oxycedrus_24073_113565.jpg
Juniperus_oxycedrus_24073_113565.jpg (168.6 KiB) Osservato 4820 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 8961
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Juniperus oxycedrus L. - Ginepro rosso o Coccolone

Messaggioda Anja » 07 giu 2014, 15:52

Juniperus oxycedrus subsp. macrocarpa (Sm.) Neilr.

Foto di Giuliano Salvai - Giancarlo Pasquali

Juniperus_oxycedrus_macrocarpa_Giuliano_Salvai_G_Pasquali.jpg
Juniperus_oxycedrus_macrocarpa_Giuliano_Salvai_G_Pasquali.jpg (140.49 KiB) Osservato 410 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 8961
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Come citare questa pagina - How to cite this page
[Nome autore, anno dell'intervento] in avanti - "Juniperus oxycedrus L. - Ginepro rosso o Coccolone". In Acta Plantarum, Forum. Disponibile on line (data di consultazione: 02/09/2014):
http://www.actaplantarum.org/viewtopic.php?f=95&t=4932

[Author name], from [pubblication year] on - "Juniperus oxycedrus L. - Ginepro rosso o Coccolone". In Acta Plantarum, Forum. Available on line (access date: 02/09/2014):
http://www.actaplantarum.org/viewtopic.php?f=95&t=4932