Trifolium repens L. - Trifoglio ladino

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Trifolium repens L. - Trifoglio ladino

Messaggioda Marinella Zepigi » 08 lug 2008, 20:22

Trifolium repens L.
Sp. Pl.: 767 (1753)

Sinonimi: Trifolium alpinum Schur
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Trifolium repens L. - Vol. 1 pg. 726

Fabaceae

Trifoglio ladino, Trifoglio bianco, Trifoglio rampicante. White clover, Trèfle blanc, Trèfle rampant, Trebol blanco, Weissklee.

Forma Biologica: Ch rept - Camefite reptanti. Piante con gemme perennanti poste a non più di 20 cm dal suolo e con portamento strisciante.
H rept - Emicriptofite reptanti. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con fusti striscianti.

Descrizione: Pianta perenne, erbacea, glabrescente, con rizomi molto ramificati; fusti striscianti, per lo più stoloniferi, radicanti ai nodi. Non supera mai i 30 cm di altezza e forma vasti tappeti nei prati; è facilmente distinguibile dagli altri trifogli per le foglie spesso chiazzate di bianco.
Le foglie, trifogliate, hanno lunghi piccioli; le foglioline sono subovate, da cuneiformi a largamente ellittiche, finemente seghettate; di colore verde, hanno sulla faccia superiore del lembo , una macchia trasversale chiara. Le stipole sono grandi, membranose e dentate.
I fiori sono riuniti in capolini globosi solitari, bianchi, verdastri o rosa, composti da 40÷80 elementi all’apice di peduncoli eretti e glabri. Dopo la fioritura i fiori diventano penduli e bruni. Il calice campanulato, percorso da 10 nervature è diviso in 5 denti appuntiti (2 lunghi e 3 corti). La corolla papilionacea racchiude 10 stami, di cui 9 con filamenti saldati.
I frutti sono legumi, lineari, appiattiti, con 3÷4 semi cuoriformi, di colore variabile: giallo, arancio e rosso che rimangono nel calice disseccato.

Tipo corologico: Paleotemp. - Eurasiatiche in senso lato, che ricompaiono anche nel Nordafrica.
Subcosmop. - In quasi tutte le zone del mondo, ma con lacune importanti: un continente, una zona climatica,...

Antesi: aprile÷novembre

Habitat: Comune lungo le strade campestri, al margine dei boschi, nei prati; 0÷2.750 m s.l.m.

Immagine


Note di Sistematica: Oltre alla subsp. nominale, sopra descritta, è presente nel nostro territorio:

Trifolium repens L. subps. prostratum Nyman che si distingue per peduncoli fiorali pubescenti o irsuti, capolini con ± 20 fiori, corolla generalmente rosea.

Il trifoglio coltivato nei prati monoliti, è diverso da quello che si trova spontaneo negli incolti o nei pascoli. Per la coltura intensiva si impiega uno speciale ecotipo selezionato nella Valle Padana, nelle zone del Cremonese e del Lodigiano caratterizzate da terreni alluvionali freschi e leggeri. È conosciuto come Trifoglio bianco gigante lodigiano, oppure ladino a foglie larghe, e si differenzia dal trifoglio bianco, per le maggiori dimensioni degli organi vegetativi e riproduttivi. La selezione ha portato a che questa varietà sopporti con difficoltà la mancanza nel terreno di adeguati livelli di umidità.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Rosidi
OrdineFabales Bromhead
FamigliaFabaceae Lindl.
TribùTrifolieae
GenereTrifolium L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva dal latino “tri” = 3 e “folium” = foglia, con riferimento alle foglie ternate: l'epiteto specifico da "répo"= io strisco: strisciante.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Pianta antireumatica, depurativa, oftalmica, detergente, tonica.
Indicata per i distrurbi della digestione e le diarree ostinate, le infiammazioni delle vie respiratorie, i reumatismi.
Per uso esterno, è antisettico.
Unito alle graminacee rappresenta un ottimo foraggio e a questo scopo è anche seminato, si estende con grande rapidità, migliora i pascoli magri. Si ottengono sino a 8 sfalci di ottima qualità, solitamente impiegato come foraggio verde.
I fiori possono essere utilizzati in frittata , uniti alle foglioline possono essere utilizzati come ingredienti per una bevanda tipo “sangrilla”.
Nel passato, durante periodi di carestia, i capolini secchi venivano raccolti per essere macinati, integrando in questo modo la farina.
Come tutte le specie appartenenti al genere Trifolium rappresenta un'ottima fonte sia di nettare che di polline per le api, anche se la riduzione della coltivazione con il sistema delle "marcite" lombarde ha ridotto notevolmente la produzione di miele allo stato uniflorale.

Curiosità: Sangrilla con Trifolium repens: in una brocca spremere il succo di un'arancia, la buccia va tagliato in piccoli pezzi (solo la parte colorata), aggiungere una bottiglia di vino rosso secco e una bottiglia di vino bianco secco. Unire 5 o 6 manciate di fiori di trifoglio e foglie tenere, mescolare accuratamente. Lasciare a riposare in frigorifero avendo l'accortezza di coprire il recipiente, per un paio di giorni, mescolando una volta al giorno. Filtrare il liquido e aggiungere una pesca matura, ma soda tagliata a pezzetti e circa 100 grammi di zucchero di canna e mescolare bene. Servire freddissimo.

dalla "Flora dell'apicoltore lombardo", pubblicata sulla rivista "L'Apicoltore" nell'anno 1873.

"Fra le moltissime specie di trifoglio l'apicoltore deve conoscerne tre che tanto per la loro diffusione, come per la quantità di miele che somministrano riescono d'una importanza non comune. Le tre specie sono: il Trifoglio pratense, o di Lombardia, o di Stiria, il Trifoglione, o incarnato, ed il Trifoglio ladino, o cavallino, o domestico.
Alcuni apicoltori dissero che le api non raccolgono miele sul Trifoglio incarnato in causa della profondità del calice, anzi alcuni vorrebbero che l'ape italiana per avere una lingua più allungabile della tedesca per raccogliere miele da codesto fiore mentre l'ape tedesca non lo può.
In ogni modo l'importanza di codesto Trifoglio è molto minore delle altre due, e specialmente del Trifoglio ladino che dà ottimo e abbondante miele
".

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia, Edagricole, Bologna
AGRADI A., REGONDI S., ROTTI G., 2005. Conoscere le piante medicinali. Mediservice, Cologno Monzese (MI)
TUTIN T.G. et al., 1964-1980. Flora Europaea, Cambridge University Press
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
The International Plant Names Index (IPNI)


Scheda realizzata da Marinella Zepigi

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Allegati
Trifolium repens 1.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15286
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Trifolium repens L. - Trifoglio ladino

Messaggioda Marinella Zepigi » 11 lug 2008, 20:24

Trifolium repens L. subsp. repens
Endine Gaiano (BG), lug 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Trifolium repens 2.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15286
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Trifolium repens L. - Trifoglio ladino

Messaggioda Marinella Zepigi » 11 lug 2008, 20:27

Trifolium repens L. subsp. repens
Endine Gaiano (BG), lug 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Trifolium repens 3.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15286
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Trifolium repens L. - Trifoglio ladino

Messaggioda Marinella Zepigi » 11 lug 2008, 20:29

Trifolium repens L. subsp. repens
Endine Gaiano (BG), lug 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Trifolium repens 4.jpg
Trifolium repens 4.jpg (176.25 KiB) Osservato 6767 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15286
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Trifolium repens L. - Trifoglio ladino

Messaggioda Marinella Zepigi » 11 lug 2008, 20:42

Trifolium repens L. subsp. repens
Endine Gaiano (BG), lug 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Trifolium repens fusti radicanti ai nodi .jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15286
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Trifolium repens L. - Trifoglio ladino

Messaggioda Marinella Zepigi » 11 lug 2008, 20:43

Trifolium repens L. subsp. repens
Endine Gaiano (BG), lug 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Trifolium repens stoloni.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15286
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Trifolium repens L. - Trifoglio ladino

Messaggioda Marinella Zepigi » 11 lug 2008, 20:52

Trifolium repens L. subsp. repens
Endine Gaiano (BG), lug 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Trifolium repens foglie.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15286
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Trifolium repens L. - Trifoglio ladino

Messaggioda Anja » 25 ott 2009, 00:52

Trifolium repens L. subsp. repens

Larino (CB), giu 2009
Foto di Franco Rossi

Dopo l'antesi i fiori diventano penduli e bruni
Tri_rep%20(3).JPG
Tri_rep%20(3).JPG (162.42 KiB) Osservato 6038 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10927
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Trifolium repens L. - Trifoglio ladino

Messaggioda Anja » 25 ott 2009, 00:54

Trifolium repens L. subsp. repens

Larino (CB), giu 2009
Foto di Franco Rossi

Semi di colore variabile
Tri_rep%20(5).JPG
Tri_rep%20(5).JPG (182.5 KiB) Osservato 6038 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10927
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti