Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Cocomero asinino

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Cocomero asinino

Messaggioda Marinella Zepigi » 28 set 2008, 13:19

Ecballium elaterium (L.) A. Rich.
Dict. Class. Hist. Nat. 6 (1824)

Basionimo: Momordica elaterium L. - Sp. Pl.: 1010 (1753)
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Vol. 2 pg. 138
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Vol. 1 pg. 452

Cucurbitaceae

Cocomero asinino, Schizzetti, Elaterio, Sputaveleno, Zucchetta marina. Squirting Cucumber, Momordique, Spritzgurke, Pepinillo del diablo.

Forma Biologica: T scap - Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta perenne, erbacea, cespugliosa, carnosa, tuberosa, con fusti ispidi, robusti e striscianti, alta sino a 80 cm.
Le foglie ispide e pelose, hanno lunghi piccioli, sono ovato-cuoriformi, con margine ondulato e dentellato, molto spesse e di colore verde-grigio.
I fiori color giallastro, venati di verde, hanno corolla ± rotata a 5 petali, compaiono all'ascella delle foglie: i maschili riuniti in racemi, i femminili solitari e saldati ai rami, questi ultimi dopo la fecondazione producono un frutto verde, ovoidale coperto di peli ispidi e pendulo, il peduncolo che lo sostiene è ripiegato ad uncino e quindi l'attaccatura del frutto è rivolta verso l'alto.
Caratteristica è la modalità con cui, a maturazione avvenuta, avviene il distacco del frutto. All'interno del frutto, che è una bacca ovoide e ispida detta peponide, si formano dei gas formati dalla marcescernza dei tessuti, che aumentano la pressione interna, quindi basta sfiorare la pianta per provocare il distacco del frutto e la violenta fuoriuscita dei semi e della sostanza mucillaginosa nella quale sono immersi.
I semi volano a parecchi metri di distanza, mentre il frutto svuotato, schizza in direzione opposta per il contraccolpo. Il liquido contenuto è tossico ed irritante per gli occhi.

Tipo corologico: Euri-Medit. - Entità con areale centrato sulle coste mediterranee, ma con prolungamenti verso nord e verso est (area della Vite).

Antesi: maggio÷ottobre

Distribuzione in Italia: Questo genere comprende una sola specie, diffusa nelle zone semiaride e incolte della regione mediterranea.

Habitat: Terreni incolti aridi e sassosi, macerie e sabbie, preferibilmente in prossimità delle zone costiere. 0÷800 m s.l.m.

Immagine


Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Rosidi
OrdineCucurbitales Juss. ex Bercht. & J.Presl
FamigliaCucurbitaceae Juss.
Tribù
GenereEcballium A. Rich.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva dal greco “ekballein” = lanciare, si riferisce alla caratteristica dei frutti di lanciare i semi. Il nome specifico dal greco "elatèr" = che stimolo, che distende.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale tossica

Principi attivi: Elaterina, elaterinide, cocurbitacina, alcalodi in particolare cinoglossina e consolicina.
Pianta abortiva, antireumatica, fortemente purgante e deostruente delle vie biliari, analgesica, cardiotonica.
Per uso interno utile nell'edema associato a disturbi renali e in caso di reumatismi.
Per uso esterno per sinusiti e dolori articolari.
Pianta altamente tossica.
Il quadro tossicologico, causato sia dalla ingestione che dal contatto cutaneo con la pianta, è costituito dai sintomi di violenta gastroenterite con nausea vomito e diarrea.

Curiosità: Le Cucurbitaceae sono molto importanti dal punto di vista economico, a questa famiglia appartengono molte piante ampiamente coltivate per l’alimentazione umana. Tra queste il cocomero, meglio conosciuto come anguria Citrullus lanatus (Thunb.) Matsum & Natakai, il melone Cucumis melo L., la zucchina Cucuribita pepo L., la zucca Cucurbita maxima Duchesne e il cetriolo Cucumis sativus L.

Questa pianta veniva impiegata a scopo terapeutico sin dall'epoca classica. Teofrasto menzionava la radice come cura della scabbia delle pecore e il succo del frutto come emetico, infatti in Turchia, sin dall'antichità si è ricavato un rimedio utilizzato nella medicina e nella veterinaria popolare.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., Flora d'Italia.Edagricole, Bologna. 1982
JAUZEIN P. Flore des champs cultivés, INRA, Paris. 1995
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C., Checklist of the Italian Vascular Flora. Palombi, Roma. 2005
BOWN. D., Encyclopaedia of Herbs and their Uses. Dorling Kindersley, London. 1995
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia


Scheda realizzata da Marinella Zepigi

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15294
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Cocomero asinino

Messaggioda Marinella Zepigi » 28 set 2008, 13:32

Ecballium elaterium (L.) A. Rich.
Magreta (MO),set 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Ecballium_elaterium_03.jpg
Ecballium_elaterium_03.jpg (174.03 KiB) Osservato 2375 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15294
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Cocomero asinino

Messaggioda Marinella Zepigi » 28 set 2008, 13:34

Ecballium elaterium (L.) A. Rich.
Le saline Cervia (RA)
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Ecballium elaterium fiore e frutto1.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15294
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Cocomero asinino

Messaggioda Marinella Zepigi » 28 set 2008, 13:38

Ecballium elaterium (L.) A. Rich.
Le saline Cervia (RA)
Foto di Marinella Zepigi

Ecballium elaterium.jpg


Ecballium elaterium (L.) A. Rich.
Cucurbitaceae: Cocomero asinino
Bari (BA), 5 m, ott 2012
Foto di Vito Buono


Ecballium-elaterium.jpg
Ecballium-elaterium.jpg (193.88 KiB) Osservato 2388 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15294
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Cocomero asinino

Messaggioda Marinella Zepigi » 28 set 2008, 13:38

Ecballium elaterium (L.) A. Rich.
Magreta (MO),set 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Ecballium_elaterium_04.jpg
Ecballium_elaterium_04.jpg (157.02 KiB) Osservato 2375 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15294
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Cocomero asinino

Messaggioda Marinella Zepigi » 28 set 2008, 13:40

Ecballium elaterium (L.) A. Rich.
Magreta (MO),set 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Ecballium_elaterium_02 (1).jpg
Ecballium_elaterium_02 (1).jpg (162.15 KiB) Osservato 2388 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15294
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Cocomero asinino

Messaggioda Marinella Zepigi » 28 set 2008, 13:41

Ecballium elaterium (L.) A. Rich.
Magreta (MO),set 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Ecballium_elaterium_01.jpg
Ecballium_elaterium_01.jpg (186.98 KiB) Osservato 2388 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15294
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Cocomero asinino

Messaggioda Marinella Zepigi » 28 set 2008, 13:41

Ecballium elaterium (L.) A. Rich.
Magreta (MO),set 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Ecballium_elaterium_06.jpg
Ecballium_elaterium_06.jpg (165.32 KiB) Osservato 2374 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15294
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Ecballium elaterium (L.) A. Rich. - Cocomero asinino

Messaggioda Marinella Zepigi » 28 set 2008, 13:42

Ecballium elaterium (L.) A. Rich.
Magreta (MO),set 2008
Foto di Patrizia Ferrari
Allegati
Ecballium_elaterium_05.jpg
Ecballium_elaterium_05.jpg (171.32 KiB) Osservato 2374 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15294
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti