Celtis australis L. - Bagolaro comune

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 23 ott 2008, 12:39

Celtis australis L.
Sp. Pl.: 1043 (1753)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Celtis australis L. - Vol. 1 pg. 122
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Celtis australis L. - Vol. 1 pg. 216

Cannabaceae

Bagolaro comune, Bagolaro, Spaccasassi, Romiglia, Albero dei rosari

Forma Biologica: P scap - Fanerofite arboree. Piante legnose con portamento arboreo.

Descrizione: Albero con fogliame deciduo, con tronco diritto massiccio e se isolato, presto molto ramificato, è caratteristicamente scanalato da irrobustimenti nella parte basale, rami patenti nella parte inferiore della chioma, corteccia grigio-cinerea liscia, compatta, fessurata solo in esemplari molto vecchi.
Rami giovani pubescenti con grandi lenticelle biancastre, quelli laterali sono distici e penduli con gemme invernali coniche appuntite aderenti ai rami e perule brune e ciliate con ciglia chiare; chioma globosa, densa di colore verde-grigiastro. Altezza 10÷25 m.
Le foglie brevemente picciolate, sono portate distiche, lunghe circa il doppio che larghe (5-15 cm) semplici, alterne da ovate a lanceolate, ellittiche con base più o meno asimmetrica, cuneata o arrotondata, finemente seghettate, nella parte basale lisce, lungamente acuminate; pagina superiore di colore verde scuro, scabra e ruvida, pagina inferiore più chiara pubescente, ornate sul lembo da 3 nervature primarie.
I fiori ermafroditi o poligami, giallo verdastri, spuntano quasi contemporaneamente alle foglie, in infiorescenze pauciflore a corimbi di fiori maschili, o solitari, i fiori poligami o femminili nelle porzioni apicali dei ramuli, peduncolati con 5÷6 stami ad antere gialle, 2 stigmi ricurvi divaricati biancastri.
I frutti sono drupe ovali Ø 8÷12 mm, peduncolate glabre, prima bianco-giallastre, a maturazione in settembre ottobre dello stesso anno brune o nerastre. Hanno polpa scarsa edule ma appetita soprattutto dall'avifauna, seme reticolato-rugoso, con endosperma oleoso.
La plantula alla nascita ha caratteristicamente cotiledoni rettangolari e le prime foglie hanno già la forma definitiva.
Il legno è leggermente discolore con alburno giallo verdastro e duramen grigiastro, è a porosità anulare simile a quello dell'olmo, molto elastico.
L'apparato radicale è molto robusto, profondo ma anche espanso che gli da una grande stabilità e la possibilità di superare agevolmente periodi lungamente siccitosi infilandosi ed anche allargando le fessure tra le rocce (spaccasassi).

Tipo corologico: Euri-Medit. - Entità con areale centrato sulle coste mediterranee, ma con prolungamenti verso nord e verso est (area della Vite).

Antesi: aprile÷maggio

Distribuzione in Italia: Celtis australis è specie eurimediterranea con baricentro orientale, l'areale però si estende anche all'Europa meridionale, all'Africa settentrionale, alla Spagna e alla Francia meridionale; nei climi supramediterranei, vive nella penisola balcanica e dall'Anatolia raggiunge il Kashmir.
In Italia è sporadicamente presente in tutto il territorio.

Habitat: Non forma boschi puri, tra il Lauretum freddo e il Castanetum. Spesso è stato coltivato specie nella zona prealpina e allora può essere specie naturalizzata.
Specie lucivaga, predilige terreni freschi anche subacidi ben drenati ma si adatta anche a terreni calcarei, sassosi e stazioni ruderali xeriche, dove il robusto e sviluppato apparato radicale, penetra nelle fessure delle rocce favorendone lo sgretolamento.
Vive in consorzio negli stadi pionieri della Lecceta, nei boschi di latifoglie eliofile e, nel distretto insubrico orientale e submediterraneo, nell' Orno-Ostrieto. Fiorisce fra aprile÷maggio.
Non caratterizza associazioni nella zona del Castanetum essendo sporadico nelle alleanze del Querco-Fagetea del gruppo QHP (Quercus humili-petraeae) ma con varie digressioni nel Qurcetalia ilicis. Una particolare associazione è però riconosciuta (Ubaldi) nei boschi sudalpici tendenti al Quercion ilicis in quel particolare clima che si incontra intorno al Lago di Garda, nella bassa valle del Sarca e territori limitrofi della valle dell'Adige in stazioni molto aride in estate, il Celtido australis-Quercetum ilicis che è formato anche da aggruppamenti semimesofili in collegamento con l'Helleboro nigri-Ostrietum. in cui si incontrano anche specie dei gruppi Cb, (Carpinus betulus) e Ga, (Galium odoratum). Da 0÷800 m s.l.m.

Immagine


Note di Sistematica: In Sicilia sulle pendici occidentali dell'Etna è presente Celtis aetnensis Strobl - Bagolaro dell'Etna, che si distingue per foglie cuoriformi poco più lunghe che larghe, crenate.

Celtis occidentalis L. - Bagolaro occidentale, specie esotica naturalizzata in Trentino Alto Adige, originaria del nord America, introdotta in Europa nel secolo scorso. Simile a Celtis australis, si distingue per la corteccia profondamente fessurata e più scura, foglie più strette, di colore verde chiaro, lucide nella pagina superiore e non completamente seghettate, per i frutti più piccoli e di colore giallastro a maturità.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Rosidi
OrdineRosales Bercht. & J.Presl
FamigliaCannabaceae Martinov
TribùCeltideae
GenereCeltis L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome generico dal nome greco di un albero che Linneo ha dato a questo genere quando si è creato, significa albero dai frutti dolci, il nome specifico indica i luoghi d’origine: Europa, Africa sett., Asia orientale e, si contrappone all’altra specie Celtis occidentalis. Il termine bagolaro deriva probabilmente dal latino" bacula" = piccola bacca, Spaccasassi invece indica la peculiartà delle robuste radici di frangere i sassi.

Proprietà ed utilizzi:
Specie longeva può vivere 500-600 anni ma non ha crescita veloce; per la sua adattabilità anche a periodi di forte siccità viene coltivata e impiegata nei rimboschimenti ma soprattutto nelle alberature stradali perchè resiste bene alle potature, all'inquinamento, fa molta ombra e, anche se pianta di climi mediterranei, resiste molto bene al gelo.
Il legno bianco-verdastro o grigiastro, robusto e flessibile, veniva impiegato per fabbricare remi, cerchioni di ruote, pali, stecche da biliardo, calci di fucile, bastoni da passeggio, assali e mozzi di carri e carrozze, in liuteria e per la produzione di statue.
Un impiegho particolare, proprio dovuto alla sua elasticità, lo trovava nella fabbricazione delle fruste.
I frutti sono comunemente detti “bagole
I semi dei frutti, venivano forati e infilati per ottenere collane e corone da rosario, è infatti, soprattutto in merdione comunemente detto "albero dei rosari".
Ottimo combustibile e il suo fogliame per l'alto contenuto di proteine, costituisce un buon foraggio pensile.
Con la corteccia si tingeva il cuoio e con la radice la lana, ottenendo un colore giallo.
A nord-ovest di Borno in Val Camonica (BS), sorge un antico roccolo chiamato "Romile" da "Romilia".
Celtis australis è una delle specie che sui rami più alti , ospita la "culla" di una simpatica farfalla: Nymphalis antiopa Linnè 1758, una delle più eleganti vanesse della lepittorofauna italiana che, con ocelli azzurri, è facilmente distinguibile.

Principali Fonti
PIGNATTI S., Flora d'Italia.Edagricole, Bologna. 1982
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C., Checklist of the Italian Vascular Flora. Palombi, Roma. 2005
UBALDI D. 2003 "la vegetazione boschiva d'Italia" Clueb
GELLINI R. e GROSSONI P. 1997"Botanica forestale” I e II, Cedam
UBALDI D. 2003 "Flora, fitocenosi e ambiente" Clueb


Scheda realizzata da Marinella Zepigi e Graziano Propetto

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15292
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Graziano Propetto » 24 ott 2008, 09:29

Celtis australis L.

Alta Pianura Friulana, (UD), FVG, 100m, apr 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Celtis australis L.subsp. australis.jpg
Celtis australis L. subsp. australis
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1654
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Graziano Propetto » 24 ott 2008, 09:32

Celtis australis L.

Alta Pianura Friulana, (UD),FVG, 100m, set 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Celtis australis L.subsp. australis (12).jpg
Celtis australis L. subsp. australis
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1654
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Graziano Propetto » 24 ott 2008, 09:34

Celtis australis L.

Alta Pianura Friulana, (UD), FVG, 100m, apr 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Celtis australis L.subsp. australis (3).jpg
Celtis australis L. subsp. australis
Celtis australis L.subsp. australis (3).jpg (166.48 KiB) Osservato 22624 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1654
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Graziano Propetto » 24 ott 2008, 09:36

Celtis australis L.

Alta Pianura Friulana, (UD), FVG, 100m, apr 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Celtis australis L.subsp. australis (7).jpg
Celtis australis L. subsp. australis
Celtis australis L.subsp. australis (7).jpg (198.74 KiB) Osservato 22607 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1654
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Graziano Propetto » 24 ott 2008, 09:36

Celtis australis L.

Alta Pianura Friulana, (UD), FVG, 100m, apr 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Celtis australis L.subsp. australis (6).jpg
Celtis australis L. subsp. australis
Celtis australis L.subsp. australis (6).jpg (164.29 KiB) Osservato 22595 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1654
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Graziano Propetto » 24 ott 2008, 09:38

Celtis australis L.

Alta Pianura Friulana, (UD), FVG, 100m, set 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Celtis australis L.subsp. australis (8).jpg
Celtis australis L. subsp. australis
Celtis australis L.subsp. australis (8).jpg (202.24 KiB) Osservato 22587 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1654
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Graziano Propetto » 24 ott 2008, 09:39

Celtis australis L.

Alta Pianura Friulana, (UD), FVG, 100m, set 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Celtis australis L.subsp. australis (10).jpg
Celtis australis L. subsp. australis
Celtis australis L.subsp. australis (10).jpg (185.31 KiB) Osservato 22581 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1654
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 24 ott 2008, 13:04

Celtis australis L.
Maiano (FI), 23.10.2008
Foto scan di Anja Michelucci
Allegati
Celtis australis foglie.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15292
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Anja » 01 apr 2010, 23:31

Celtis australis L.

Bologna, Piazza XX settembre (BO), 45 m, 1 apr 2010
Foto di Alessandro Alessandrini

Fiore femminile
Celtis_Fiore_femm_Acta.jpg
Celtis_Fiore_femm_Acta.jpg (124.72 KiB) Osservato 21511 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 07 apr 2010, 20:30

Celtis australis L.
Povoletto (UD), apr 2008
Foto di Silvano Radivo
Allegati
Celtis_australis_15102_73259.jpg
Celtis australis L. subsp. australis
Celtis_australis_15102_73259.jpg (147.79 KiB) Osservato 21478 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15292
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Anja » 29 nov 2010, 22:47

Celtis australis L.

Quastu Sant'Elena (CA), nov 2010
Foto di Giuliano Campus

Frutto maturo e semi
Celtis-australis-frutti-e-semi.jpg
Celtis-australis-frutti-e-semi.jpg (156.82 KiB) Osservato 21041 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10935
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Celtis australis L. - Bagolaro comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 27 set 2011, 23:26

Celtis australis L.
Cannabaceae: Bagolaro comune
Bari (BA), 10 m, set 2011
Foto di Vito Buono
Allegati
Celtis_australis_3.jpg
Celtis_australis_3.jpg (195.96 KiB) Osservato 19967 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15292
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti