Dianthus longicaulis Ten. - Garofano selvatico

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Dianthus longicaulis Ten. - Garofano selvatico

Messaggioda nino » 24 ott 2008, 10:27

Dianthus longicaulis Ten.
Cat. Hort. Neapol. ed. II. 77, ex Fl. Nap. ii. 379 (1819)

Sinonimi: Dianthus longicaulis Ten.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Dianthus sylvestris Wulfen - Vol. 1 pg. 269
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Dianthus sylvestris subsp. longicaulis (Ten.) Greuter & Burdet - Vol. 1 pg. 362

Caryophyllaceae

Garofano a fusto allungato

Forma Biologica: H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta erbacea suffruticosa alta 10 -80 cm.
Fusto eretto, cilindrico con articolalazione ai nodi e portante 1 o più raramente 2 fiori.
Foglie basali opposte e sessili, cigliate, lievemente congiunte alla base (connate) e formanti una guaina. Le caulinari più brevi e diritte; le superiori spesso ridotte a squame; le guaine lunghe 6-8 mm.
Fiori solitari o geminati, corolla composta da 5 petali di colore marcatamente rosato, i petali con unghie cuneate biancastre, il lembo maggiore dei denti calicini e a forma spatolata (5 - 8 mm).
Calice verde chiaro, gamosepalo di forma cilindrica e lungo 24 - 25 x 6-7 mm , con nervature presenti solo all'apice; epicalice formato da 2 - 6 squame ricoprenti e appressate al tubo calicino, lunghe 1/3 - 1/4 del calice e con mucrone subnullo.
10 stami, ovario supero con 2 stili sporgenti e ricurvi.
Il frutto è una capsula che si apre all'apice per 5 denti.
Semi numerosi di colore che varia dal bruno al nero.

Tipo corologico: Steno-Medit. - Entità mediterranea in senso stretto (con areale limitato alle coste mediterranee: area dell'Olivo).

Antesi: Maggio - Ottobre

Immagine


Note di Sistematica: Modifica tassonomica in Nordic J. Bot., 28: 137-173., Bacchetta G., Brullo S., Casti M. & Giusso del Galdo G.P. , 2010
Elevata nuovamente a specie in Bacchetta G., Brullo S., Casti M. & Giusso del Galdo G.P., Nordic J. Bot., 28: 137-173, 2010. Qui viene confermata per Abruzzo, Lazio, Campania, Basilicata e Calabria. Resta da chiarire la presenza più a nord, dove viene segnalata in Conti & al. (2005) anche per Umbria, Toscana e Liguria (oltreché per il Molise).

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
OrdineCaryophyllales Juss. ex Bercht. & J.Presl
FamigliaCaryophyllaceae Juss.
TribùDiantheae
GenereDianthus L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva dal greco "Thiòs" = "Dio o Zeus" e da "ànthos" = "fiore" cioè "fiore divino". Il nome volgare di "garofano" proviene dal latino " caryophillus" = "garofalo" che con il tempo si trasformò nell'odierno garofano.
L'epiteto della specie è collegato alla lunghezza particolare del calice.

Proprietà ed utilizzi:
I garofani si utilizzano in profumeria per estrarne le essenze profumate. L'uso correlato alla medicina è stato giudicato di nessun valore, anche se nella medicina popolare veniva usato come espettorante e diuretico.

Curiosità: Da più di cento anni il Dianthus (detto oggi garofano dei fioristi) ha ottenuto, dopo innumerevoli incroci, il carattere di rifiorenza, in grado di permettere la fioritura anche nei mesi invernali nelle serre o nei paesi a clima temperato. Ciò ha coinciso con lo sviluppo del mercato dei fiori recisi, importante dal punto di vista economico.
Storicamente il garofano veniva usato dai musulmani che se ne servivano per dare profumo ai liquori; in Europa fu importato nella seconda metà del XIII sec.,a seguito della spedizione di S. Luigi contro gli infedeli di Tunisi.

Principali Fonti
Pignatti S. - Flora d'Italia - Edagricole - 1982
Enc. - Nel Mondo delle Piante - Edizioni Motta - 1980
Conti F. et ali - Checklist of the Italian Vascular Flora - Palombi Editori - 2005
D. Aeschimann et al. - Flora Alpina - Zanichelli - 2004
Biodiversità in Provincia di Prato 3° vol. - Le Balze - 2006


Scheda realizzata da: Nino Messina

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6418
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24

Re: Dianthus longicaulis Ten.

Messaggioda nino » 24 ott 2008, 10:33

Dianthus longicaulis Ten.
Caryophyllaceae:garofano selvatico
Monteferrato (PO), 250 m,ago 2008
Foto Nino Messina
Allegati
Dianthus sylvestris subsp. longicaulis Wulfen 1.jpg
Su suolo serpentinoso
Dianthus sylvestris subsp. longicaulis Wulfen 1.jpg (122.06 KiB) Osservato 3031 volte
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6418
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24

Re: Dianthus longicaulis Ten.

Messaggioda nino » 24 ott 2008, 10:34

Dianthus longicaulis Ten.
Caryophyllaceae:garofano selvatico
Monteferrato (PO), 250 m,ago 2008
Foto Nino Messina
Allegati
Diantus sylvestrys subsp. longicaulis (1).jpg
Diantus sylvestrys subsp. longicaulis (1).jpg (120.42 KiB) Osservato 3026 volte
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6418
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24

Re: Dianthus longicaulis Ten.

Messaggioda nino » 24 ott 2008, 10:34

Dianthus longicaulis Ten.
Caryophyllaceae:garofano selvatico
Monteferrato (PO), 250 m,ago 2008
Foto Nino Messina
Allegati
Dianthus sylvestris1 (1).jpg
Caule allungato
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6418
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24

Re:Dianthus longicaulis Ten.

Messaggioda nino » 24 ott 2008, 10:35

Dianthus longicaulis Ten.
Caryophyllaceae:garofano selvatico
Monteferrato (PO), 250 m,ago 2008
Foto Nino Messina
Allegati
Dianthus sylvestris Wulfen subsp. longicaulis.jpg
Su suolo serpentinoso
Avatar utente
nino
Moderatore
 
Messaggi: 6418
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti