Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Messaggioda Silvano Radivo » 16 ago 2015, 15:21

Hypericum maculatum Crantz
Stirp. Austr. Fasc., ed. 1, 2: 64 (1763)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Hypericum maculatum Crantz - Vol. 1 pg. 349
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Hypericum maculatum Crantz subsp. maculatum - Vol. 1 pg. 404

Hypericaceae

Erba di San Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Forma Biologica: H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta perenne con rizoma stolonifero, fusti prostrati alla base, quindi eretti, ramosi, alti 20-60 cm, a sezione quadrangolare per linee longitudinali poco rilevate.
Foglie opposte sessili, ellittiche, talora ovate, lar. 1-2 x 1,5-4 cm (le maggiori alla base dei rami), talvolta semiabbraccianti; lamina glabra con ghiandole nere al bordo e nervature ben rilevate.
Fiori in corimbi, con calice a 5 sepali lanceolati per lo più ottusi (lar. 1,5 x 4-6 mm), con o senza punti neri, 5 petali oblanceolati giallo-dorati (6 x 10-13 mm) punteggiati e striati di nero, soprattutto inferiormente; 3 stili e numerosi stami gialli a lunghi filamenti diritti.
Frutti in capsule setticide ovoidi a 3 valve con vitte longitudinali, lunghe 7-9 mm; semi <1 mm bruno-scuri con minutissime fossette.

Tipo corologico: Eurasiat. - Eurasiatiche in senso stretto, dall'Europa al Giappone.

Antesi: Luglio-agosto.

Distribuzione in Italia: Presenza certa in regioni alpine.

Habitat: Prati e pascoli montani e subalpini, cespuglieti. Da 500 a 2000(2600) m.

Immagine


Note di Sistematica: Unico genere presente in Italia appartenente all’omonima famiglia.
Numerose specie appartengono al genere, alcune delle quali arbustive. La maggior parte delle specie europee (ed italiane) sono erbacee.
In Italia si trova unicamente la subsp. nominale di H. maculatum Crantz, mentre altre sottospecie vegetano in Europa ed Asia occidentale.
Specie simili in ambito submontano-montano-(subalpino) italiano sono:
Hypericum perforatum L., glabro, con fusto bilineato longitudinalmente, rami orizzontali afilli ±arrossati, rami fioriferi eretti, foglie lanceolate con ghiandole scure al margine e ghiandole traslucide (apparenti forellini) sulla lamina, sepali lesiniformi acutissimi, petali ellittici dentellati con ghiandole scure al bordo;
Hypericum montanum L., con fusti eretti cilindrici ramificati solo nell’infiorescenza, foglie lanceolate di regola scabre-pubescenti inferiormente con molte ghiandole nere al bordo (le superiori con ghiandole traslucide), sepali dentellati cigliati al bordo e con ghiandole nere, petali giallo-pallidi privi di punti neri;
Hypericum tetrapterum Fr. (= H. acutum Moench, H. corsicum B. Steud., H. neapolitanum Ten., H. quadrangulum L.), con fusti ramosi quadrangolari ed alati, sepali acuti, petali brevi (5-7 mm) spesso lobati da un lato e raramente con punti neri;
Hypericum x desetangsii Lamotte, ibrido tra H. maculatum e H. perforatum, più simile al primo, ma con fusti debolmente biangolari abbondantemente ramosi, foglie con (spesso) ghiandole traslucide, sepali acuti-mucronati, petali lunghi 10-15 mm.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Rosidi
OrdineMalpighiales Juss. ex Bercht. & J.Presl
FamigliaHypericaceae Juss.
TribùHypericeae
GenereHypericum L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Hypericum: dal greco "hypér" = “più che, sopra” e "eikón" = “immagine”;
maculatum: dal lat. "mácula" = “macchia”: macchiato.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale

Fondamentalmente tutte le fonti trattano delle proprietà ed usi di H. perforatum, la specie più nota fin dall’antichità, ma nulla esclude che le stesse proprietà siano condivise anche dalle altre congeneri.
Della pianta si usano le sommità fiorite fatte essiccare in ambienti ombrosi e ventilati; queste possiedono principi antidepressivi, antispasmodici, sedativi, decongestionanti delle vie respiratorie, antisettici, antidolorifici.
Per uso esterno, come disinfettanti e cicatrizzanti di ferite, piaghe ed ustioni, si impiegano la tintura madre e l’olio medicato ottenuti dal trattamento delle fronde fresche.

Curiosità: Nel Medioevo l’iperico era ritenuto un amuleto in grado di tenere lontani gli spiriti negativi e di proteggere dalle folgori. Per svolgere adeguatamente queste funzioni doveva essere raccolto nella notte di San Giovanni, magica per eccellenza (tra il 23 e il 24 giugno). Con questa pianta, odorosa d’incenso, venivano trattati gli ipocondriaci, considerati maniaci al punto di apparire posseduti dai demoni.
Castore Durante (sec. XVI) descrisse “hiperico” come pianta con facoltà aperitiva, risolutiva, conglutinativa (agglutinante); ed ancora: contro i veleni, i calcoli renali, le febbri, le scottature e le piaghe, come vermifugo ed antidiarroico.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia, Edagricole, Bologna
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore
MAINARDIS G., 2005. Flora del Parco delle Prealpi giulie, Regione autonoma Friuli Venezia Giulia
ZENARI S., 1956. Flora escursionistica, Zannoni Editore, Padova
PERONI G.(a cura di), 2007. Curarsi con le piante, Biblioteca di Repubblica-L’Espresso, Macchione Editore, Varese
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
The International Plant Names Index (IPNI)


Scheda realizzata da Silvano Radivo

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Messaggioda Silvano Radivo » 16 ago 2015, 15:40

Hypericum maculatum Crantz
Hypericaceae: Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato
Tarvisio (UD), 1970 m, ago 2015
Foto di Silvano Radivo
Allegati
1Hyp_macu.jpg
1Hyp_macu.jpg (193.68 KiB) Osservato 1620 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Messaggioda Silvano Radivo » 16 ago 2015, 15:42

Hypericum maculatum Crantz
Hypericaceae: Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato
Chiusaforte (UD), 1630 m, ago 2015
Foto di Silvano Radivo


fusti e rami quadrangolari
Allegati
2Hyp_macu.jpg
2Hyp_macu.jpg (185.88 KiB) Osservato 1620 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Messaggioda Silvano Radivo » 16 ago 2015, 15:43

Hypericum maculatum Crantz
Hypericaceae: Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato
Chiusaforte (UD), 1630 m, ago 2015
Foto di Silvano Radivo


foglie opposte sessili più grandi alla base dei rami
Allegati
3Hyp_macu.jpg
3Hyp_macu.jpg (181 KiB) Osservato 1620 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Messaggioda Silvano Radivo » 16 ago 2015, 15:45

Hypericum maculatum Crantz
Hypericaceae: Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato
Tarvisio (UD), 1970 m, ago 2015
Foto di Silvano Radivo


ovario a 3 stili, molti stami
Allegati
4aHyp_macu.jpg
4aHyp_macu.jpg (160.11 KiB) Osservato 1620 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Messaggioda Silvano Radivo » 16 ago 2015, 15:46

Hypericum maculatum Crantz
Hypericaceae: Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato
Tarvisio (UD), 1970 m, ago 2015
Foto di Silvano Radivo
Allegati
4Hyp_macu.jpg
4Hyp_macu.jpg (189.15 KiB) Osservato 1620 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Messaggioda Silvano Radivo » 16 ago 2015, 15:49

Hypericum maculatum Crantz
Hypericaceae: Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato
Chiusaforte (UD), 1630 m, ago 2015
Foto di Silvano Radivo


petali con macchie scure
Allegati
5Hyp_macu.jpg
5Hyp_macu.jpg (153.35 KiB) Osservato 1620 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Messaggioda Silvano Radivo » 16 ago 2015, 15:51

Hypericum maculatum Crantz
Hypericaceae: Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato
Chiusaforte (UD), 1630 m, ago 2015
Foto di Silvano Radivo


foglie con ghiandole nere al bordo, sepali ottusi
Allegati
6Hyp_macu.jpg
6Hyp_macu.jpg (172.51 KiB) Osservato 1620 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Messaggioda Silvano Radivo » 16 ago 2015, 15:52

Hypericum maculatum Crantz
Hypericaceae: Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato
Chiusaforte (UD), 1630 m, ago 2015
Foto di Silvano Radivo


fruttificazione in capsule a 3 valve
Allegati
7Hyp_macu.jpg
7Hyp_macu.jpg (194.09 KiB) Osservato 1620 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3460
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Hypericum maculatum Crantz - Erba di S.Giovanni delle Alpi, Iperico macchiato

Messaggioda Marinella Zepigi » 08 set 2015, 07:44

:)
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15287
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti