Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Messaggioda Silvano Radivo » 05 nov 2008, 12:13

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Sp. Pl.: 532 (1753)

Sinonimi: Aconitum lamarckii Rchb., Aconitum neapolitanum Ten., Aconitum platanifolium Degen & Gáyer, Aconitum pyrenaicum L. p.p., Aconitum vulparia Rchb., Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle subsp. lycoctonum, Aconitum lycoctonum subsp. neapolitanum (Ten.) Nyman, Aconitum lycoctonum subsp. vulparia (Rchb. ex Spreng.) Nyman, Aconitum platanifolium auct. non Degen, Aconitum ranunculifolium Rchb.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Aconitum vulparia Rchb. - Vol. 1 pg. 286
Aconitum lamarckii Rchb. - Vol. 1 pg. 286
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Aconitum lycoctonum subsp. vulparia (Rchb.) Nyman - Vol. 1 pg. 128
Aconitum lycoctonum subsp. neapolitanum (Ten.) Nyman - Vol. 1 pg. 130

Ranunculaceae

Aconito strozzalupo, Erba della volpe

Forma Biologica: H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta perenne, a fusto foglioso ascendente od eretto, alto 50-120(180) cm, spesso sparsamente pubescente in alto, ± ramoso nell'infiorescenza.
Foglie di aspetto e dimensioni variabili larghe da 15 a 30 cm, le basali lungamente picciolate, verdi variabili da chiare a scure, con lamina poligonale palmato-partita a 5-7(8) segmenti laciniati obcuneato-rombici con incisioni ± profonde dirette verso le nervature maggiori; foglie cauline sessili e più profondamente incise.
Infiorescenze a pannocchia ramosa, con peduncoli solitamente più brevi dei fiori (circa 1 cm), provvisti di peli ricurvi ed appressati, talvolta ghiandolosi; fiori zigomorfi pentameri numerosi (15-40) in spighe terminali, gialli pallidi e anch'essi finemente pelosi, con elmo 2-3 volte più alto (fino a 35 mm) che lungo e petali laterali di 9 x 12 mm.
Frutti in follicoli, aprentisi longitudinalmente per liberare piccoli semi rugosi.

Tipo corologico: Orof. Europ. - Orofita europea, con prevalenza per le catene meridionali.
Orof. S-Europ. - Orofita sud-europea (catene dell'Europa meridionale, dalla Penisola Iberica, Alpi, ai Balcani ed eventualmente Caucaso o Anatolia).

Antesi: Da giugno ad agosto.

Habitat: Boscaglie, boschi submesofili, radure boschive, forre ombrose, macereti, arbusteti subalpini e megaforbieti. Da (100)300 a 2100 metri.

Immagine


Note di Sistematica: *Specie estremamente polimorfa, la cui sistematica è stata soggetta a profonde revisioni e modifiche. Recentemente è prevalsa una visione più semplificata, che ha portato a raggruppare, entro un unico taxon specifico, un'elevatissima quantità  di denominazioni, di rango specifico o infraspecifico, a partire dal basionimo linneano. Il lungo elenco di sinonimi nell'intestazione della scheda dà  parziale conto di questo travaglio; tra i taxa da ricordare, almeno quelli di cui si trova maggior traccia nella letteratura floristica italiana: principalmente A. "neapolitanum" Ten., A. "vulparia" Rchb. ex Spreng. e A. "lamarckii" Rchb.
Koelle, nel suo "Spicilegium observationum de Aconito" separa alcune entità  dal taxon linneano e quindi diviene utile la precisazione "emend. Koelle" che compare nel patronimico.
Peraltro non tutti gli Autori concordano su questa sistemazione; ad es. Molero & C. Blanché in Flora Iberica ritengono che la corretta collocazione e quindi denominazione sia: A. vulparia subsp. neapolitanum (Ten.) Muñoz Garm., basandosi quindi sul nome coniato da Michele Tenore.
*Informazioni e testo di A. Alessandrini

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
OrdineRanunculales Juss. ex Bercht. & J.Presl
FamigliaRanunculaceae Juss.
TribùAconiteae
GenereAconitum S. F. Gray


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il termine generico dal greco "akòniton" = "che cresce sulle dure pietre"; l'epiteto specifico dai termini greci "lycos" = "lupo" e "chthonos" = "terra", cioè "delle terre dei lupi".

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie tossica

Tutte le specie del genere sono altamente tossiche (mortali), persino per contatto (ad esempio raccogliendone mazzi), potendo i veleni penetrare anche attraverso la pelle! Questa specie, pur non contenendo aconitina, possiede altri due alcaloidi, la licaconitina e la mioctonina, molto simili ed altrettanto tossici. L'uso terapeutico, da evitare assolutamente a livello famigliare, è indicato nelle nevralgie (del trigemino, del nervo sciatico) ed in talune forme di reumatismi, gastralgie ed affezioni respiratorie. La pianta è velenosa in tutte le sue parti, ma la tossicità  è particolarmente concentrata nella radice.

Curiosità: Le popolazioni germaniche nell'antichità  impiegavano il succo di questa pianta (e di altre congeneri) per avvelenare esche a base di carne contro i lupi e le volpi (da cui i nomi volgari); il succo delle radici serviva anche per avvelenare le punte delle frecce.
In alcune isole dell'antica Grecia si eliminavano i vecchi infermi con infusi di piante di questo genere.
Nella mitologia di molti popoli europei queste erbe simboleggiavano maleficio e vendetta.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Pignatti S. - Flora d'Italia - 1982 Edagricole
Poldini L., Oriolo G., Vidali M. - La flora vascolare del Friuli Venezia Giulia - 2002 Regione autonoma FVG - Università  degli Studi di Trieste
Mainardis G. - Flora del Parco delle Prealpi giulie - 2005 Regione autonoma Friuli Venezia Giulia
Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di) - An annotated checklist of the Italian vascular flora - 2005 Palombi Editori
Danelutto A. - Piante velenose dell'Alto Friuli - 1990 Comunità  montana Canal del Ferro-Val Canale
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia


Scheda realizzata da Silvano Radivo

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Messaggioda Silvano Radivo » 05 nov 2008, 14:34

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Ranunculaceae: Luparia
Chiusaforte (UD), 1600 m, ago 2008
Foto di Silvano Radivo
Allegati
1Acon_lycoc.jpg
1Acon_lycoc.jpg (196.73 KiB) Osservato 6737 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Messaggioda Silvano Radivo » 05 nov 2008, 14:37

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Ranunculaceae: Luparia
Resia (UD), 1100 m, lug 2008
Foto di Silvano Radivo
Allegati
2Acon_lycoc.jpg
2Acon_lycoc.jpg (195.01 KiB) Osservato 6732 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Messaggioda Silvano Radivo » 05 nov 2008, 14:38

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Ranunculaceae: Luparia
Chiusaforte (UD), 1600 m, ago 2008
Foto di Silvano Radivo
Allegati
3Acon_lycoc.jpg
3Acon_lycoc.jpg (197.44 KiB) Osservato 6715 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Messaggioda Silvano Radivo » 05 nov 2008, 14:40

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Ranunculaceae: Luparia
Chiusaforte (UD), 1600 m, ago 2008
Foto di Silvano Radivo
Allegati
4Acon_lycoc.jpg
4Acon_lycoc.jpg (199.38 KiB) Osservato 6710 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Messaggioda Silvano Radivo » 05 nov 2008, 14:41

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Ranunculaceae: Luparia
Resia (UD), 1100 m, lug 2008
Foto di Silvano Radivo
Allegati
5Acon_lycoc.jpg
5Acon_lycoc.jpg (172.16 KiB) Osservato 6708 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Messaggioda Silvano Radivo » 05 nov 2008, 14:45

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Ranunculaceae: Luparia
Savogna (UD), 1540 m, ott 2008
Foto di Silvano Radivo

Fruttificazione
Allegati
6Acon_lycoc.jpg
6Acon_lycoc.jpg (190.53 KiB) Osservato 6698 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Messaggioda Silvano Radivo » 05 nov 2008, 14:47

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Ranunculaceae: Luparia
Savogna (UD), 1540 m, ott 2008
Foto di Silvano Radivo

Dettaglio dei follicoli
Allegati
7Acon_lycoc.jpg
7Acon_lycoc.jpg (191.09 KiB) Osservato 6694 volte
Avatar utente
Silvano Radivo
Moderatore
 
Messaggi: 3497
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Località: Udine

Re: Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Messaggioda Marinella Zepigi » 02 ott 2009, 00:24

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Sant’Antonio (VA), 2 set 2009
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
Aconitum_lycoctonum_frutto_semi.jpg
Aconitum_lycoctonum_frutto_semi.jpg (197.06 KiB) Osservato 6219 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15292
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle - Luparia

Messaggioda Marinella Zepigi » 02 ott 2009, 00:25

Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Sant’Antonio (VA), 2 set 2009
Foto di Attilio Marzorati
Allegati
Aconitum_lycoctonum_semi.jpg
Aconitum lycoctonum L. emend. Koelle
Aconitum_lycoctonum_semi.jpg (195.27 KiB) Osservato 6216 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15292
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti