Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:20

Fraxinus excelsior L.
Sp. Pl.: 1057 (1753)

Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Fraxinus excelsior L. - Vol. 2 pg. 323
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Fraxinus excelsior L. - Vol. 2 pg. 180

Oleaceae

Frassino comune, Frassino maggiore, Frassino

Forma Biologica: P scap - Fanerofite arboree. Piante legnose con portamento arboreo.

Descrizione: E' una delle latifoglie nobili dei nostri boschi. grande albero deciduo, può essere poligamo (con fiori sia maschili che femminili), ermafrodita, o unisessuale, pare che le piante poligame e maschili siano le più frequenti; può raggiungere i 40 m di altezza e 1 m di diametro è abbastanza longevo.
E' una specie a rapido accrescimento, con tronco dritto e slanciato, chioma leggera e ovale-piramidale in gioventù, diventa più arrotondata con l'età.
La corteccia giovane rimane per molti anni liscia, verde-grigiastro con macchie più chiare; tardivamente e gradualmente si forma un ritidoma persistente con fini e dense fessurazioni longitudinali, regolari e di colore grigio.
I rametti dell'anno, sono robusti, lisci e verdi-grigi, con lenticelle ben visibili a volte leggermente vellutati presso l'apice; le gemme, con poche perule, sono nere e opache, le gemme laterali sono globose e piccole, quella terminale è molto più grossa e piramidale.
E' una specie a crescita predeterminata, monopodiale (la gemma apicale ha sempre la dominanza e ne determina l'allungamento). Il getto apicale primaverile, può essere verde olivastro con lenticelle scure o verde purpureo
Il Frassino maggiore ha foglie composte imparipennate con 7-15 foglioline di 5-11 cm di lunghezza e 1-4 cm di larghezza, sessili o subsessili solo la fogliolina apicale è nettamente picciolata, sono di forma ovale, acuminate all'apice e più o meno arrotondate alla base, minutamente dentate al margine, verde scuro di sopra, glabre, più pallide nella pagina inferiore con la nervatura centrale che può essere pubescente almeno alla formazione.
I fiori sono riuniti in pannocchie dense, laterali che compaiono prima della fogliazione, in marzo o aprile, sono privi di perianzio con stami molto brevi e grosse antere di colore purpureo.
L'impollinazione è anemofila(mediante il vento).
Il frutto è una samara monosperma, lunga 3-4 cm a maturazione, bruno chiaro, obovato- lineare, più o meno arrotondata alla base, maturano a settembre-ottobre e portano un seme profondamente dormiente da un complesso sistema di inibizioni della crescita.
Dall'inizio dell'imbrunimento della samara, l'embrione non è completamente sviluppato e mentre si completa questa fase, avviene anche la disidratazione del pericarpo e del tegumento del seme che lo rendono impermeabile e incapace di germinare; nell'embrione avviene anche un cambiamento ormonale che blocca la possibilità di germinare che richiede un periodo lungo di freddo.
Perché il seme possa germinare ci vogliono almeno 6-16 settimane di caldo seguiti da 16 settimane di freddo; in pratica in condizioni naturali devono passare almeno due anni dal imbrunimento delle samare.
Il legno è poco differenziato di colore bianco a volte con sfumature rosate o giallastre, è un legno pregiato, duro, tenace ed elastico, molto ricercato per falegnameria ed ebanisteria, dai pedali marezzati si ricava il cosiddetto "ebano grigio" molto ricercato per ebanisteria fine.
Viene molto ricercato anche per la fabbricazione di remi, alberi di imbarcazioni e manici di utensili, è un buon combustibile.

L'apparato radicale è di tipo inizialmente fascicolato e molto sviluppato, in seguito può scendere molto in profondità tramite radici a fittone con robuste radici laterali che si sviluppano a candelabro.

Tipo corologico: Europ.-Caucas. - Europa e Caucaso.

Antesi: marzo÷aprile

Distribuzione in Italia: Specie Europeo-Caucasica; in Europa l'areale del Frassino maggiore si sovrappone quasi a quello dell'Acero riccio, ma si espande maggiormente verso ovest raggiungendo l'Oceano Atlantico, dalle coste norvegesi a quelle della Galizia, Gran Bretagna, nella pianura Sarmantica raggiunge il 60° di latitudine nord e alle alture del Volga; a sud si ritrova nella regione Pontica (Mar nero) e nel Caucaso.
In Italia è diffuso al settentrione, è presente nei boschi freschi di forra anche nell'Italia centrale e in quella meridionale.

Habitat: E' un albero esigente in suoli profondi non compatti, freschi ma anche umidi, da sub-acidi ad alcalini, si associa al nord, con Acero montano formando quelle nuove e a volte estese formazioni, nei pascoli e prati da sfalcio abbandonati, invadendoli a volte con densità superiore a 20 piantine a metro quadro, chiamate Aceri-Frassineti che stanno diventando una opportunità per la produzione di legname di pregio.
In varie condizioni edafiche, si presenta in formazioni di transizione su suoli umidi, calcarei anche con scheletro derivati da alluvioni recenti (Fluvisols) partecipando con Pioppo nero, Pioppo tremolo, Olmo campestre e Olmo montano, Tiglio selvatico e Tiglio nostrale, Acero campestre, nelle successioni di vecchie golene anche con Ontano nero, nelle vallate alpine anche con Ontano bianco.
Dove incontra suoli profondi di matrice arenaceo-marnoso (Flysch) drenati ma sempre umidi in condizioni avanalpiche si associa principalmente con Acero montano ma anche più raramente con A. riccio, nelle facies più umide con Ontano nero, negli alti versanti più drenati sempre con Tiglio selvatico, Ciliegio ed anche Carpino bianco.
Più in alto e in condizioni esalpiche e mesalpiche ma anche in vallate endalpiche, si associa sia al Faggio che all'Abete bianco e A. rosso.
In basso, compreso l'alta pianura, con Carpino bianco e Querce mesofile nei Querco-Carpineti collinari e Carpineti, sempre su suoli fertili profondi e sufficientemente umidi del Castanetum freddo, mentre nei Querco carpineti planiziali con falda superficiale del Castanetum caldo viene sostituito dal più igrofilo e termofilo Frassino ossifillo.
E' una specie sciafila da giovane, che con l'età diventa sempre più eliofila, è molto resistente alle basse temperature quando è in dormienza.
L'acqua è il suo fattore limitante, in quanto ne consuma molta per la sua velocità di crescita ed evapotraspirazione, consuma più acqua della Farnia e può facilmente subire danni da siccità perché tarda a controllare la traspirazione tramite la chiusura degli stomi, invece sopporta anche un mese di sommersione delle radici.
La dormienza invernale è data da una ritmica strettamente endogena non ben conosciuta.

Immagine


Note di Sistematica: Sottospecie presenti in Italia:

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior

Fraxinus excelsior subsp. siciliensis Ilardi & Raimondo

Note, possibili confusioni: Si può facilmente confondere con:

Fraxinus angustifolia Vahl chiamato anche Frassino ossifillo o Frassino meridionale, che ha gemme marrone e più piccole, i rametti grigiastri o anche sfumature giallastre, più esili, la pianta è più piccola e cresce meno velocemente con tronco spesso sinuoso, con aspetto generale, più tondeggiante, la corteccia anche da giovane è grigio brunastra e presto con una reticolatura diffusa, foglie composte di solito da un numero inferiore di foglioline e hanno base cuneata con il rachide centrale nella pagina inferiore pubescente, ha fioritura molto più precoce da dicembre a febbraio vive in ambienti più umidi, anche sommersi per più mesi l'anno, ha apparato radicale non molto sviluppato né profondo.
In alcune zone dove le due specie s'incontrano si possono trovare ibridi che hanno caratteristiche intermedie creando una certa confusione.
Fraxinus ornus L. chiamato Orniello che ha corteccia sempre liscia e grigia e gemme grigie, le foglie sono composte da un numero minore di foglioline 5-9 irregolarmente denticolate e leggermente ondulate ai bordi e tutte picciolate, fioritura all'apice dei rametti dopo la fogliazione in maggio, molto vistosa e profumata, fiori vestiti e bisessuali; pianta più piccola che vive in ambienti xerici.
Il Frassino maggiore nei paesi nordici è pianta usata anche come ornamentale e nel tempo si sono selezionate numerose forme e varietà pendule ma esiste anche una cultivar "Nana", varietà fastigiata "Spectabilis", con colore e forma delle foglioline diverso "Hessei" e "Diversifolia" che possono avere solo tre foglioline ma anche una sola quella centrale.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Asteridi
OrdineLamiales Bromhead
FamigliaOleaceae Hoffmanns. & Link
TribùFraxineae
GenereFraxinus L.


______________________________________________________________________________

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Nei paesi nordici, il Frassino maggiore veniva adorato come pianta sacra, Odino il più grande degli dei nordici con il legno di Frassino creò il primo uomo sulla terra. Bruciare legna di Frassino era convinzione comune, che allontanasse gli spiriti maligni.
Le foglie raccolte quando sono appena nate, ancora appiccicose e zuccherine, essiccate si usano per preparare un ottimo tè.
In fitoterapia si usano semi, foglie, linfa, corteccia dei rami giovani. Contengono glucosidi, zuccheri, resine, acido malico, vitamine C e P, hanno proprietà astringenti, diuretiche, lassative, sudorifere, toniche.

Il fogliame del Frassino maggiore è molto ricco in nutrienti e un tempo veniva usato come alimentazione del bestiame, le sue foglie nel suolo si degradano facilmente e migliorano notevolmente la sua fertilità.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
GELLINI R. e GROSSONI P. 1997"Botanica forestale” I e II, Cedam
PIGNATTI S. 1982"Flora d'Italia" Edagricole 1982
FERRARI M. e MEDICI D. 2003"Alberi e arbusti in Italia" Edagricole 2003
AUTORI VARI "Monti e boschi" Edagricole
UBALDI D. 2003 "Flora, fitocenosi e ambiente" Clueb
ABRAMO E. e MICHELUTTI G. 1998"Guida ai suoli forestali" Regione F.V.G. D.R.F.
PIROLA A. 1999 "Elementi di fitosociologia" Clueb
Del FAVERO R. e POLDINI L. 1998 "La vegetazione forestale e la selvicoltura nella regione Friuli.V.G." Regione F.V.G., D.R.F.
STERGULC F. e FRIGIMELICA G."Insetti e funghi dannosi ai nostri boschi nel Friuli.V.G.” Regione F.V.G.,D.R.F.e P.
BLASI C., BOITANI L., La POSTA L., MANES F., MARCHETTI M. 2005"Stato della biodiversità in Italia" Ministero dell’ Ambiente della Tutela del Territorio, D.P.N. e S.B.I, Palombi
SCOPPOLA A.e BLASI C.,2005,"Stato delle conoscenze sulla Flora Vascolare d'Italia" Ministero dell’ Ambiente della Tutela del Territorio, DPN e Dip. Agrobiologia e Agrochimica Università degli Studi della Tuscia, Palombi
CONTI F., ABBATE Giovanna, ALLESSANDRINI A., BLASI C. 2005"An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora" Ministero dell’ Ambiente della Tutela del Territorio, D.P.N. e Dip. di Biologia Vegetale, Università degli Studi di Roma “La Sapienza” Palombi
UBALDI D. 2003 "la vegetazione boschiva d'Italia" Clueb
BERNETTI G.e PADULA M. 1984 “Le latifoglie nobili nei nostri boschi” Quaderni di Monti e Boschi, Edagricole


Scheda realizzata da Graziano Propetto

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:31

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior
Oleaceae: Frassino maggiore
FVG, colline cenozoiche, (UD), 300-600 m, mag 2005
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Fraxninus excelsior portamento invernale..jpg
Fraxninus excelsior portamento invernale..jpg (150.37 KiB) Osservato 10419 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:37

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior
Oleaceae: Frassino maggiore
FVG, colline cenozoiche, (UD), 600 m, set 2005
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Fraxinus-excelsior-port.est.jpg
Foto di Graziano Propetto
Fraxinus-excelsior-port.est.jpg (130.78 KiB) Osservato 10407 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:38

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior
Oleaceae: Frassino maggiore
FVG, colline cenozoiche, (UD), 300 m, feb 2005
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Fraxinus excelsior corteccia giovane.jpg
Foto di Graziano Propetto
Fraxinus excelsior corteccia giovane.jpg (146.98 KiB) Osservato 10404 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:39

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior
Oleaceae: Frassino maggiore
FVG, colline cenozoiche, (UD), 600 m, mag 2005
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Fraxinus excelsior, ritidoma.jpg
Foto di Graziano Propetto
Fraxinus excelsior, ritidoma.jpg (132.7 KiB) Osservato 10401 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:40

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior
Oleaceae: Frassino maggiore
FVG, colline cenozoiche, (UD), 300-600 m, set 2005
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Fraxinus excelsior rametto con foglie.jpg
Foto di Graziano Propetto
Fraxinus excelsior rametto con foglie.jpg (140.98 KiB) Osservato 10393 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:41

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior
Oleaceae: Frassino maggiore
FVG, colline cenozoiche, (UD), 300 m, mag 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Fraxinus excelsior piantine con getto purpureo.jpg
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:42

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior
Oleaceae: Frassino maggiore
FVG, colline cenozoiche, (UD), 300 m, apr 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Fraxinus-excelsior-fiori-mi.jpg
Foto di Graziano Propetto
Fraxinus-excelsior-fiori-mi.jpg (137.03 KiB) Osservato 10384 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:43

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior
Oleaceae: Frassino maggiore
FVG, colline cenozoiche, (UD), 300 m, nov 2005
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Fraxinus-excelsior-rametto-.jpg
Foto di Graziano Propetto
Fraxinus-excelsior-rametto-.jpg (128.93 KiB) Osservato 10377 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:44

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior
Oleaceae: Frassino maggiore
FVG, colline cenozoiche, (UD), 300 m, set 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Fraxinus-excelsior-samare.jpg
Foto di Graziano Propetto
Fraxinus-excelsior-samare.jpg (129.16 KiB) Osservato 10377 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Graziano Propetto » 28 dic 2007, 02:45

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior
Oleaceae: Frassino maggiore
FVG, colline cenozoiche, (UD), 300 m, apr 2006
Foto di Graziano Propetto
Allegati
Fraxinus-excelsior-samare-d.jpg
foto di Graziano Propetto; samare del anno precedente e samare del anno in formazione
Fraxinus-excelsior-samare-d.jpg (140.55 KiB) Osservato 10373 volte
Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le menzogne della propria cultura non saranno mai capiti – e tanto meno creduti dalle masse.
– Platone
Avatar utente
Graziano Propetto
Moderatore
 
Messaggi: 1652
Iscritto il: 25 nov 2007, 00:51
Località: alta pianura friulana

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Anja » 02 apr 2013, 17:11

Fraxinus excelsior L. subsp. excelsior

Cesiomaggiore (BL), 500 m, apr 2013
Foto di Aldo De Bastiani

Gemme fiorifere e gemma nera apicale
Fraxinus%20excelsior_1.JPG
Fraxinus%20excelsior_1.JPG (115.11 KiB) Osservato 7303 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10928
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

Re: Fraxinus excelsior L. - Frassino maggiore

Messaggioda Anja » 20 nov 2013, 19:22

Fraxinus excelsior L.

Cesiomaggiore (BL), 500 m, nov 2013
Foto di Aldo De Bastiani

Semi
Fraxinus%20excelsior.JPG
Fraxinus%20excelsior.JPG (169.21 KiB) Osservato 6357 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 10928
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti