Origanum vulgare L. - Origano comune

Moderatori: Anja, Marinella Zepigi, Moderatori Botanici

Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 21 feb 2009, 15:43

Origanum vulgare L.
Sp. Pl.: 590 (1753)

Sinonimi: Origanum humile Mill.
Riferimento in "Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982:
Origanum vulgare L. - Vol. 2 pg. 487
Riferimento in "Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Origanum vulgare L. - Vol. 2 pg. 146

Lamiaceae

Origano comune, Arigano, Rigano, Regamo, Regano, Rianu, Acciughero, Cornabusa, Maggiorana selvatica, Erba acciuga.

Forma Biologica: H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta perenne, cespugliosa, che a maturità diviene semiarbustiva, estremamente variabile nell'aspetto e gradevolmente profumata; ha rizoma legnoso ramificato e strisciante orizzontalmente, dal quale si sviluppano i fusti, spesso sdraiati nella parte basale poi eretti, con sezione quadrangolare, ramificati in alto , di colore rossastro e ricoperti da una fitta peluria patente. Altezza 20÷60 cm.
Le foglie sono opposte, ovali-allungate con breve picciolo, pelose sui grossi nervi, con la massima larghezza verso la base dove sono arrotondate, poco dentate, spesso con margine intero e peloso.
I fiori nascono all'ascella delle brattee sessili, che per la loro forma sembrano foglie e sono spesso sfumate di rosso, sono portati da corti peduncoli e riuniti in capolini terminali di colore rosa purpureo, raramente bianchi. Il calice è simmetrico, diviso in 5 denti lunghi 1/3 del tubo, tubuloso campanulato; la corolla ha il labbro superiore smarginato e quello inferiore più lungo, trilobato.
I frutti sono tetracheni con mericarpi subsferici, con apice acuto, con due triangolini biancastri nella superficie di inserzione, di colore castano scuro.

Tipo corologico: Eurasiat. - Eurasiatiche in senso stretto, dall'Europa al Giappone.

Antesi: giugno÷settembre

Habitat: Luoghi aridi e assolati, boschi radi e luoghi sassosi, rupi, soprattutto su terreni gessosi.

Immagine


Note di Sistematica: Oltre alla subspecie nominale, sopra descritta, sono presenti nel nostro territorio:

Origanum vulgare subsp. prismaticum Gaudin, che si distingue per infiorescenze allungate di forma prismatica.

Origanum vulgare subsp. viridulum (Martrin-Donos) Nyman - Origano meridionale, che si distingue per brattee ghiandolose di colore verde.

Note, possibili confusioni: Specie simili sono:

Origanum majorana L. - Origano maggiorana, che si distingue per fusto pubescente e foglie picciolate ristrette alla base. Esotica naturalizzata.

Origanum onites L. - Origano siciliano, che si distingue per fusti con peli fitti papillosi e sparse setole patenti, foglie sessili ovate, brattee ovali-rombiche cigliate sul bordo e corolla bianca.

Tassonomia filogenetica

Magnoliophyta
Eudicotiledoni
Asteridi
OrdineLamiales Bromhead
FamigliaLamiaceae Martinov
Tribù
GenereOriganum L.


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome generico deriva dal greco “oros” = “montagna” e “ganos” = “splendore” "spendore di montagna", in relazione alle sue origini di pianta selvatica che cresce sulle montagne; il nome specifico da "vúlgus"= volgo: comune, diffuso, frequente, indica che è una pianta comune. Il nome comune di "Erba acciuga" o "Acciughero" deriva dall'uso della pianta nella preparazione della pasta d'acciughe.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Erba fortemente aromatica, antisettica e disinfettante, revulsiva, antispastica, digestiva e sudorifera; stimola l'utero e agisce come lieve espettorante.

Costituenti principali: olio essenziale contenente terpinene, carvacrolo, timolo, mircene, cariofillene, cineolo; tannini, resina.
In medicina per uso interno, in caso di raffreddore, influenza, leggeri stati febbrili, digestione difficile, aerofagia, mal di stomaco e mestruazioni dolorose. Le sommità fiorite della pianta stimolano la secrezione dei succhi gastrici, aiutando la digestione, attenuando le contrazioni intestinali dolorose, bloccando le fermentazioni intestinali ed eliminando i gas.
Per uso esterno l'essenza di origano può essere impiegata contro bronchiti, asma, artrite e dolori muscolari, come gargarismo contro le infiammazioni del cavo orale e delle gengive. L'olio essenziale favorisce la crescita dei capelli e le sue proprietà parassiticide sono utili in presenza di pidocchi.
Grazie alle proprietà cicatrizzanti e germicide, è un buon rimedio in caso di eczemi, ferite e piaghe infette.
L'olio che ha funzioni antibatteriche e antifungine, diluito si può applicare per mal di denti e dolori articolari; è un buon emolliente per pelli secche e mitiga gli eritemi solari e gli estratti dalle foglie sono applicati in ambito cosmetologico contro diversi inestetismi della pelle, quali la cellulite profonda. L'olio è impiegato nella preparazione di cosmetici e di profumi maschili e, dall'industria alimentare come aromatizzante.
Una manciata di Origano nell'acqua del bagno o del pediluvio, ha azione stimolante, purificante e deodorante.
Molte sono le varietà coltivate ed usate in cucina, ma le piante spontanee che crescono al nord sono di scarso valore aromatico mentre quelle del sud hanno un sapore particolarmente gradevole tanto da essere usate come ingrediente tipico in molti piatti.
Il vino di origano, ottenuto facendo macerare le sommità fiorite ed essiccate nel vino è un ottimo aperitivo
L'aroma si intensifica con l'essiccazione: a tale scopo si recide la pianta ancora in fiore, si pone ad asciugare all'ombra e si conserva in recipienti ermeticamente chiusi.
È una delle erbe aromatiche più utilizzate nella cucina mediterranea in virtù del suo intenso e stimolante profumo; erba importante sia della cucina italiana che di quella greca e messicana.
Pizza, pesce, patate, formaggi, carne, pomodoro, ortaggi sott'olio e sott'aceto, liquori, sono solo alcune delle pietanze che si possono insaporire con l'Origano.
Questa specie che è principalmente usata come aromatica, ha anche pregi ornamentali ed è buona mellifera.
Le sommità fiorite si aggiungono a pot-pourri e fanno parte della composizione dell'infuso detto "acqua archibugiata".

Curiosità: Spezie ed erbe aromatiche hanno avuto una loro secolare storia di competizione gastronomica. Le erbe aromatiche indigene dell'area mediterranea italiana, furono soppiantate dalle spezie importate con la conquista romana dei paesi dell'Africa, per più di un millennio queste divennero segno distintivo di una tavola ricca. Alla fine del XVI secolo con la scoperta di nuovi paesi ricchi di spezie, questa abbondanza finì con lo svalutarle agli occhi di che ne faceva uso come segno di ricchezza; furono sostituite dalle erbe povere e contadine.
L'Origano ha avuto buon impiego nella cucina romana, il suo uso è continuato anche nei secoli successivi per lo più limitato alle regioni meridionali, la risalita verso nord è recente e coincide con la diffusione della pizza.
L'origano in vendita come droga essiccata, si ricava da diverse piante, non tutte appartenenti al genere Origanum, alcune appartenentengono al genere Lippia e Thymus.
Molteplici sono le virtù terapeutiche attribuite nel tempo alla pianta dell'origano. In un ricettario di un anonimo umbro è consigliato come antidoto origano tritato e bevuto nei casi in cui colui che "haverà bevuto il sugo del marzeteon e patirà flusso di ventre e sete e ansietà e vorticamento degli intestini".
Nella convinzione che il fumo d'origano avesse poteri anestetizzanti, i “dentisti” del passato lo facevano assumere ai pazienti attraverso un imbuto o con forme particolari di sigaro, per attenuare il dolore dell'estrazione dei denti.
Per aiutare la cicatrizzazione dell' ombelico nei neonati, si metteva una polvere mista di origano e sale.
Pietro Ispano che aveva compito studi di medicina, ma meglio conosciuto come Giovanni XXI, assicurava invece che "Lo succo del rigamo con latte di femmina, messo nelle orecchie, toglie la doglia".
Plinio il Vecchio, nei capitoli della sua Storia naturale dedicati alla descrizione delle piante, delle erbe e delle loro virtù medicinali, tra gli altri rimedi segnalava che l'origano schiacciato e applicato con aceto era efficace in caso di perdita di sangue ai genitali e faceva secondare dopo il parto.
Secondo S. Ildegarda era sufficiente mangiare o toccare la pianta per contrarre la lebbra, ma nello stesso tempo, guariva i soggetti che ne erano affetti.
Come la Maggiorana, l'Origano è legato al mondo femminile; una volta le donne lo coltivavano non solo per usarlo in cucina, ma perchè lo consideravano un talismano. Lo si regalava alle ragazze che avevano patito una delusione amorosa, perchè si riprendessero, ma era consigliato anche agli uomini depressi. Si riteneva che quando una piantina d'origano coltivata seccava, sicuramente difficoltà e pene d'amore erano in agguato.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia. Edagricole, Bologna.
CHESSI E., Erbe e piante medicinali. Libri Net.
BOWN. D., 1995. Encyclopaedia of Herbs and their Uses. Dorling Kindersley, London.
AGRADI A., REGONDI S., ROTTI G., 2005. Conoscere le piante medicinali. Mediservice, Cologno Monzese (MI).
CATTABIANI A. 1996. Florario. Arnoldo Mondadori Editore, Milano.
PRIHODA A., 1993. Le piante della salute. Melita, La Spezia.
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
Acta Plantarum - Semi ed altre unità primarie di dispersione
The International Plant Names Index (IPNI)


Scheda realizzata da Marinella Zepigi

Per altre immagini e informazioni vedi anche la scheda IPFI
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 04 mar 2009, 01:05

Origanum vulgare L.
Foto di Angelo Mazzoni
Allegati
Origanum vulgare forum.jpg
Origanum vulgare forum.jpg (126.7 KiB) Osservato 1400 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 04 mar 2009, 01:06

Origanum vulgare L.
Foto di Angelo Mazzoni
Allegati
Origanum vulgare 2 forum.jpg
Origanum vulgare 2 forum.jpg (64.89 KiB) Osservato 1400 volte
Origanum vulgare 1 forum.jpg
Origanum vulgare 1 forum.jpg (104.58 KiB) Osservato 1400 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 04 mar 2009, 01:14

Origanum vulgare L.
Maranola (LT)
Foto di Franz Neidl
Allegati
Origanum vulgare 040.jpg
Origanum vulgare 040.jpg (129.29 KiB) Osservato 1399 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 04 mar 2009, 01:15

Origanum vulgare L.
Maranola (LT)
Foto di Franz Neidl
Allegati
Origanum%2520vulgare%2520041.jpg
Origanum%2520vulgare%2520041.jpg (107.62 KiB) Osservato 1399 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 04 mar 2009, 01:20

Origanum vulgare L.
Prealpi Bellunesi Mel (BL), 19/10/08
Foto di Aldo De Bastiani
Allegati
Origanum vulgare L.1.JPG
Origanum vulgare L.1.JPG (176.87 KiB) Osservato 1399 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 04 mar 2009, 01:23

Origanum vulgare L.
Prealpi Bellunesi Mel (BL), 19/10/08
Foto di Aldo De Bastiani
Allegati
Origanum vulgare L.3.JPG
Origanum vulgare L.3.JPG (171.34 KiB) Osservato 1399 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 13 ago 2009, 18:58

Origanum vulgare L.
Endine Gaiano (BG), lug 2009
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Origanum_vulgare (1).JPG
Origanum_vulgare (1).JPG (134.31 KiB) Osservato 4141 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 13 ago 2009, 18:59

Origanum vulgare L.
Endine Gaiano (BG), lug 2009
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Origanum_vulgare (2).JPG
Origanum_vulgare (2).JPG (100.13 KiB) Osservato 4142 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 13 ago 2009, 18:59

Origanum vulgare L.
Endine Gaiano (BG), lug 2009
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Origanum_vulgare (3).JPG
Origanum_vulgare (3).JPG (62.02 KiB) Osservato 4142 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 13 ago 2009, 19:00

Origanum vulgare L.
Endine Gaiano (BG), lug 2009
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Origanum_vulgare.JPG
Origanum_vulgare.JPG (109.92 KiB) Osservato 4143 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Giuliano » 14 ago 2009, 00:36

Origanum vulgare L.
Capanne Ferrari (A.Apuane), m 1000, 07/2008
Foto di Giuliano Salvai
Allegati
Origanum-vulgare_1963.jpg
Origanum-vulgare_1963.jpg (185.11 KiB) Osservato 4120 volte
Aiutate i moderatori: fotografate anche i frutti e i semi,
ciò oltre ad agevolare le determinazioni, contribuisce ad implementare la galleria dei "semi e altre unità primarie di dispersione”.
Avatar utente
Giuliano
Amministratore
 
Messaggi: 3048
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:11

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Marinella Zepigi » 18 mag 2013, 12:57

Origanum vulgare L.
Foto di Giorgio Faggi
Allegati
Origanum_vulgare2_Giorgio_Faggi.jpg
Origanum_vulgare2_Giorgio_Faggi.jpg (75.66 KiB) Osservato 2663 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
 
Messaggi: 15355
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Località: Endine Gaiano (BG)

 

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Anja » 20 mag 2014, 14:35

Origanum vulgare subsp. viridilum (Martrin-Donos) Nyman

Lecce (LE), 5 m, giu 2010
Foto di Pancrazio Campagna

Origanum_vulgare_18460_88453.jpg
Origanum_vulgare_18460_88453.jpg (173.96 KiB) Osservato 2312 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 11013
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze

 

Re: Origanum vulgare L. - Origano comune

Messaggioda Anja » 20 mag 2014, 14:37

Origanum vulgare subsp. viridilum (Martrin-Donos) Nyman

Gravina (BA), 450 m, giu 2011
Foto di Vito Buono

Origanum_vulgare_28682_135370.jpg
Origanum_vulgare_28682_135370.jpg (193.04 KiB) Osservato 2312 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)
Avatar utente
Anja
Moderatore
 
Messaggi: 11013
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Località: Firenze


Torna a Schede Botaniche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite