Primula hirsuta All.

Immagini e ritrovamenti dei nostri iscritti

Primula hirsuta All.

Messaggioda silviana » 17 apr 2017, 12:27

Primula hirsuta All.
Primulaceae: Primula viscosa
Pagnona, Alpe Campo (LC), 1910 m, apr 2017
Foto di Emma Silviana Mauri

Non riesco a capire la differenza tra Primula hirsuta All. e Primula grignensis D.M. Moser, pertanto chiedo conferma. Mi dispiace di non aver fotografato più particolari.
Qualcuno potrebbe spiegarmi la differenza?
Grazie!
Silviana

"La montagna mi ha insegnato a non barare, a essere onesto con me stesso e con quello che facevo..."
W. Bonatti
Allegati
Primula_hirsuta_pianta.jpg
Primula_hirsuta_pianta.jpg (194.81 KiB) Osservato 217 volte
Primula_hirsuta_fiore.jpg
Primula_hirsuta_fiore.jpg (149.15 KiB) Osservato 217 volte
Avatar utente
silviana
 
Messaggi: 1638
Iscritto il: 08 apr 2010, 21:20

Re: Primula hirsuta All.

Messaggioda silviana » 17 apr 2017, 12:28

completo
Allegati
Primula_hirsuta_calice.jpg
Primula_hirsuta_calice.jpg (159.13 KiB) Osservato 216 volte
Primula_hirsuta_foglia_peluria.jpg
Primula_hirsuta_foglia_peluria.jpg (173.5 KiB) Osservato 216 volte
Avatar utente
silviana
 
Messaggi: 1638
Iscritto il: 08 apr 2010, 21:20

Re: Primula hirsuta All.

Messaggioda pinux » 17 apr 2017, 13:44

molto bella la tua primula :applauso: :applauso:
:bye: :bye: giuseppe
Avatar utente
pinux
 
Messaggi: 2222
Iscritto il: 02 set 2012, 01:24

Re: Primula hirsuta All.

Messaggioda Papic » 17 apr 2017, 14:21

Ogni tanto vedo che l'argomento ritorna...
Io feci la tesi di laurea proprio per analizzare questa stirpe di Primula, rinvenuta in Grigna e buona ultima rispetto a tante altre stirpi di incerta attribuzione rinvenute su vari massicci calcarei delle Prealpi Meridionali.
Analisi morfometriche accurate e indagini su particolari che nel gr. Erythrodrosum risultano essenziali per discriminare le specie (peli ghiandolari in primis) oltre a confronti su altre specie del gruppo e altri gruppi (per valutare eventuali origini ibridogene) non hanno potuto confermare alcuna ipotesi circa una autonomia della stirpe della Grigna.
In buona sostanza sul piano morfometrico vi è una totale sovrapponibilità degli individui, il risultato di un'analisi multivariata che teneva conto di circa 25 diversi caratteri per ogni individuo, relativi sia alle parti vegetative sia alle dimensioni degli elementi fiorali.
In pratica, appariva nulla più che una popolazione di P. hirsuta semplicemente ridotta e adattata alle rupi calcaree della Grigna, soprattutto nelle aree sommitali (Piancaformia).
Poco dopo la discussione della tesi di laurea (1999) appare la descrizione della pianta da Moser...
Sono passati tanti anni da allora e non ricordo i dettagli della questione, ma ricordo perfettamente che anche chi mi aveva seguìto nel lavoro di analisi non trovò assolutamente convincenti le motivazioni addotte da Moser.
Paolo
Papic
 
Messaggi: 216
Iscritto il: 05 set 2012, 22:37

Re: Primula hirsuta All.

Messaggioda silviana » 17 apr 2017, 14:44

Ne deduco che questa potrebbe essere ascritta alla specie hirsuta, visto che la zona di rilievo è quella del Monte Legnone. Ho rilevato diverse specie simili a questa più sviluppate in zone sottostanti, una particolarmente vischiosa. La presenza di peli finemente ghiandolari ben visibili sui margini fogliari accomuna tutte.
Grazie!
:bye: :bye: :bye:
Silviana
Avatar utente
silviana
 
Messaggi: 1638
Iscritto il: 08 apr 2010, 21:20

Re: Primula hirsuta All.

Messaggioda Papic » 17 apr 2017, 19:23

Le popolazioni della alta Valsassina e in particolare del M Legnone sono tutte di P hirsuta fo. tipica, tanto che anche in sede di tesi erano state utilizzate proprio per comparare le popolazioni grignensi "calcicole" con la "hirsuta vera".
I peli ghiandolari sono, vado a memoria, di colore marrone chiaro e non particolarmente fitti; notevoli differenze in tal senso le ho peraltro osservare nelle popolazioni delle quote basse in Grigna (zona di Pasturo-Pialeral) rispetto a quelle della Piancaformia e della Grignetta-

Detto questo, ancora in sede di tesi sentivo parlare di numerosi altri popolamenti di hirsute "atipiche" in vari distretti delle Prealpi calcaree meridiobali: da Campo dei Fiori, all'Arera, al Bresciano (Tombea-V Vestino).
Chissà, forse la notizia della (allora) recente individuazione di P. albenensis e l'identificazione (fine anni '90) di P.recubariensis avevano scatenato la voglia di creare ad ogni costo nuove specie...
Paolo
Papic
 
Messaggi: 216
Iscritto il: 05 set 2012, 22:37

Re: Primula hirsuta All.

Messaggioda Merli Marco » 17 apr 2017, 19:33

La tua "osservazione" Paolo la concordo, purtroppo ci sono floristi/botanici che per lasciare il proprio nome su una rivista o su un volume di botanica si aggrappano agli specchi, ma mi facciano un piacere......, alcune specie descritte nuove per la scienza nell' ultimo decennio sono solo (a mio modo di vedere) delle variabilità di specie ben delineate (altro che nuove specie) o ecotipi che cambiamo il loro aspetto in diversi ambienti o regioni geografiche, potrei fare una lista ma meglio lascir perdere, ovviamente anche nel passato capitava, ma in maniera ridotta

Proprio 2 anni fa mentre ero al lavoro a 2500 m. nel gruppo di Brenta per un rilevamento/monitoraggio per il parco, io e la mia collega abbiamo incontrato per caso 2 floristi francesi, io ho discusso animatamente per le classificazioni che aveva fatto un loro conterraneo, classificazioni ridicole nuove per la scienza, ma mi vien da ridere :D ovviamente per non avere altri dibattiti animati ometto in questa sede il nome del classificatore e delle specie descritte ;)

Marco
Avatar utente
Merli Marco
 
Messaggi: 3252
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02

Re: Primula hirsuta All.

Messaggioda Papic » 17 apr 2017, 21:17

Anch'io avrei qualche aneddoto gustosissimo a tal proposito...
Proprio alcuni anni fa, nell'ambito di una descrizione divulgativa sulle specie endemiche della flora lombarda, avevo ripercorso la "storia" dell'esplorazione scientifica delle nostre Prealpi; si tratta di floristi prevalentemente d'Oltralpe che in vari momenti, dal '700 a fine '800 avevano esplorato minuziosamente ogni angolo delle Orobie e delle Prealpi Comasche, Lecchesi e Bresciane. Se ne desumono racconti quasi epici, spesso venati di romanticismo, ed ancor oggi il frutto delle loro ascensioni ha un nome noto a tutti gli appassionati: Saxifraga vandellii, Daphne petraea, Campanula reineri, Silene elisabethae...
Ovvio che in tempi moderni la vera "scoperta" di specie nuove ha altri connotati, e il lavoro "a tavolino" di chi esamina caratteri al microscopio o svolge indagini citogenetiche non è assolutamente meno valoroso dei floristi di un tempo.
Ma a tutto c'è un limite, e la ricerca ad ogni costo del dettaglio che giustifichi la nuova specie non offre alcun contributo serio; questo mi sembra il comportamento purtroppo oggi troppo in voga; una scorciatoia inaccettabile e che sminuisce il lavoro serio di molti altri studiosi.
Paolo
Papic
 
Messaggi: 216
Iscritto il: 05 set 2012, 22:37

Re: Primula hirsuta All.

Messaggioda silviana » 22 apr 2017, 18:28

Grazie per le precisazioni e per le note "polemiche" alle quali, pur nella mia ignoranza, mi associo.
Silviana
:bye: :bye: :bye:
Avatar utente
silviana
 
Messaggi: 1638
Iscritto il: 08 apr 2010, 21:20


Torna a Foto e notizie di specie della flora spontanea italiana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti