Glossario dei termini botanici
(a cura di Giuliano Salvai e Giovanni Dose)


Selezionare lettera iniziale  A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

 

Cliccare sul nome o sull'immagine per visualizzare la pagina di dettaglio.

nome
immagine
pic
descrizione
- 0Prefisso dal greco col significato di privo, senza, mancante di qualche cosa.
- 0Prefisso dal latino, col significato di allontanamento, separazione.
1Dicesi del lato (o della superficie) di un organo posizionato inferiormente od esternamente rispetto all'asse portante.
Relativamente alla pagina della foglia è quella inferiore, mentre quella adassiale è la pagina superiore.
- 0Operazione effettuata per provocare la caduta di alcuni frutti quali ad esempio le olive o le noci, che si effettua battendo le piante con lunghi bastoni.
- 0Che differisce dalla sua struttura abituale.
Dicesi di pianta che ha uno o più caratteri anomali e differenti dalla struttura tipo del taxon.
- 0Ovvero privo di vita. Aggettivo che indica l'assenza di organismi viventi. Viene detto di quei fenomeni, elementi, fattori o ambienti presenti entro un ecosistema non legati alla vita, che influenzano gli organismi viventi e che da questi sono influenzati.
- 0Dicesi di organo che non è riuscito a terminare il proprio sviluppo.
- 0Soppressione dei parametri di sviluppo di un organo
per cui si potrà verificare:
- che fiori ermafroditi diventeranno maschili o femminili per aborto rispettivamente dell'ovario o degli stami
- che un frutto proveniente da ovario con più di un ovulo, diventi monospermico perché solo un ovulo darà origine al seme, per aborto degli altri ovuli.
- 0Separazione, distacco e caduta delle foglie, fiori, frutti o di altre strutture o organi mediante la formazione e rottura di uno strato di cellule dipendente da enzimi che degradano la parete cellulare.
Nella fase di induzione alla caduta delle foglie è la maggior concentrazione di etilene alla base del picciolo, promossa dall'acido abscissico, non contrastata dalla minor presenza di auxina (inibitrice della caduta), che provoca l'abscissione fogliare.
1Dicesi di un frutto irto di spine o anche della pianta che lo produce (Datura stramonium)
- 0o acarpo dicesi di pianta che non produce o manca del frutto.
4Dicesi di una pianta con fusto molto ridotto da sembrare mancante.
- 0Fenomeno o fase di sviluppo in cui dalle gemme basali delle piante erbacee sviluppano germogli e fusti secondari.
- 0Arricchire di rami la base del fusto.
- 0E' il processo con il quale, gli organismi viventi, attraverso modificazioni morfologiche e funzionali, si ambientano e si riproducono in un clima diverso da quello di origine.
- 0Dal latino accumbens col significato di giacente, sdraiato, ripiegato, pendente.
I cotiledoni si dicono accombenti quando la radichetta embrionale si ripiega sui margini degli stessi,sviluppandosi lungo la loro linea di separazione (commissurale).
Si dicono invece incombenti quando la radichetta si ripiega sulla faccia dei cotiledoni.
3Dicesi di organo vegetale (calice, bratte fiorali, ecc.) che continua a crescere dopo l'antesi.
- 0Suffisso che indica appartenenza o somiglianza relative all'aspetto, alle proprietà o alla famiglia di ciò che il nome che precede rappresenta.
(Es. asteracea, erbacea, violaceo... ecc.)
1Organo di consistenza dura, sottile ed appuntito come la foglia di alcuni Ginepri.
Sinonimo di aghiforme.
2Achenarium Spjut (sp.nov,) - Sin. Carcerulus, Cremocarpium.
Frutto schizocarpico formato da monocarpi indeiscenti tipo achenio, concresciuti nell'ovario, che si separano durante la maturazione in frutticini con pericarpo sottile contiguo ai semi.
1Achenetum Radford
Frutto multiplo (= aggregato) formato da frutticini (apocarpi tipo achenio) secchi, indeiscenti, uniseminati, con pericarpo di ciascun apocarpo aderenti a uno o più semi, derivati da carpelli liberi e indipendenti.
E' un aggregato di acheni come i frutti di Clematis e Ranunculus, Alisma-plantago aquatica
1Achene L.C.Richard
Frutto secco, indeiscente, derivante da un ovario supero monocarpellare, con parete coriacea, aderente all'unico seme, ma non saldata.
1Achenoconum Spjut (mod. nov.)
Frutto composto indeiscente, derivato da più di un fiore, con una struttura a cono, formata da frutticini avvolti da brattee spiralate o embriciate talvolta caduche.
(Alnus glutinosa, Humulus lupulus)
1Achenosum Spjut (mod.nov.)
Frutto composto indeiscente formato da più di due frutticini secchi e indeiscenti, con pericarpi contigui ai semi (acheni) e che possono includere il perianzio accrescente.
1Dicesi di organo non disposto ciclicamente lungo un asse.
Fiore aciclico è quello con tutti i pezzi fiorali del perianzio (calice, corolla, androceo, gineceo) disposti lungo una spirale (Helleborus).
(Contrapposto al fiore ciclico, con i pezzi fiorali disposti in cerchio su verticilli sovrapposti)
3Dicesi di organi di forma sottile, aghiforme, rigida e appuntita.
Es.foglie di Pinus cembra, di Juniperus communis, stipole di Robinia pseudacacia, rami di Rhamnus lycioides, ecc).
1a) Provvisto di acicule, cioè di aculei sottili e delicati.
b) Dicesi anche di un organo che presenta sulla superficie solchi e striature sottili come quelle fatte da una punta di ago.
- 0Sostanza il cui valore di pH è inferiore a 7.
Viene anche usato per indicare un sapore acre come quello dell'aceto.
1Organismo che predilige terreni acidi o subacidi (tra le piante: ericacee, rododendri, camellie, gardenie, ortensie ecc.) in genere con ph uguale o inferiore a 5.
2A forma di spada, scimitarra.
- 0Nel genere Hieracium viene così chiamato il tratto finale non ramificato del fusto principale compreso tra la base dell'ultima ramificazione e il capolino terminale, che può essere dotato di una o più brattee.
2Letteralmente senza mantello. Riferito al fiore privo del perianzio.
Sinonimo di nudo. Opposto a clamidato.
- 0Prefisso dal greco akros col significato di "situato all'estremità, all'apice, nella parte superiore, nella cima".
- 0Dicesi di piante che sviluppano i propri frutti soltanto all'apice dei rami.
Il termine viene usato per quei Muschi che sviluppano lo sporofito all'apice del fusto del gametofito.
2Termine che secondo Hickey, L. J. 1973, definisce la nervatura della foglie quando due o più nervature primarie o secondarie ben sviluppate formano archi non ricurvi alla base, che convergono verso l'apice. Con posizione
basale quando le nervature si originano dalla base
soprabasale quando si divergono sopra e ad una certa distanza dalla base.
Secondo il loro sviluppo si dicono
perfette quando si sviluppano almeno per 2/3 della lunghezza della lamina o raggiungono la distanza di almeno 2/3 dall'apice della lamina,
imperfette quando si sviluppano meno.
- 0Che preferisce le aree elevate.
1(o Basipeta) Pianta con fioritura ed accrescimento dall'alto verso il basso (i fiori terminali sono più vecchi).
E' tiipica delle infiorescenze cimose.
E' opposta a acropeta e basifuga.
3(o Basifuga) Direzione di accrescimento dal basso verso l'alto, come lo sviluppo e l'antesi dei fiori in una infiorescenza indefinita o racemosa, dove i fiori basali sono i più vecchi.
E' l'opposto di acrofuga e di basipeta .
1Acrosarcum Desvaux - Sin. Nuculanium
Frutto semplice, indeiscente, con pericarpo indifferenziato (manca l'endocarpo legnoso), circondato da un esocarpo carnoso e accrescente derivato dal perianzio o dal ricettacolo.
E' una sorta di bacca da ovario infero.
1Dicesi del lato di un organo rivolto verso l'apice dell'asse da cui è nato.
Si contrappone a basiscopico (rivolto verso la base)
1Dicesi dello sviluppo dei rami più alti di un fusto, quando è particolarmente pronunciato rispetto a quello dei rami più bassi.
Si contrappone a basitonico, dove le gemme alla base del fusto sviluppano ramificazioni più facilmente di quelle poste superiormente.
L'albero ha crescita acrotonica, l'arbusto basitonica.
1Termine che secondo Hickey, L. J. 1973, definisce la nervatura della foglie con 3 o più nervature primarie divergenti radialmente da un singolo punto (Malvaceae, Tiliaceae).
Secondo il loro sviluppo la nervatura può essere
perfetta quando la ramificazione delle nervature laterali ricopre almeno 2/3 dell'area della lamina e
imperfetta in caso contrario.

La nervatura perfetta è
marginale se i nervi raggiungono il margine,
reticolata se i nervi non raggiungono il margine fogliare,
basale se il punto di radiazione delle nervature primarie è alla base del lembo fogliare,
soprabasale se si trova al di sopra.

La nervatura imperfetta è
marginale se i nervi raggiungono il margine fogliare
reticolata se i nervi non lo raggiungono.
1Provvisto di aculei.
1Organo appuntito e spinescente che deriva dall’epidermide senza aderire al legno e che quindi è privo di tessuti conduttori, ( che invece hanno le spine).
1Organo (foglia, petalo o sepalo ecc..) che termina restringendosi gradualmente in una punta aguzza, sottile e allungata che forma un angolo inferiore a 45°. La punta è più lunga di quella acuta.
- 0Prodotto anticrittogamico non contenente rame.
1Assottigliato e quasi appuntito all'apice, che forma un angolo inferiore a 90° ma superiore a 45°.
- 0Prefisso col significato di verso a, in direzione di.
1Dicesi del lato(o della superficie) di un organo posizionato superiormente od internamente rispetto all'asse portante.
Nella foglia è la pagina superiore. E' il contrario di abassiale.
- 0Fenomeno che si verifica nei filamenti degli stami quando concrescendo formano uno, due, tre o più fasci.
Si diranno allora monadelfi (Malva), diadelfi (Pisus), triadelfi (Brionia, Cucurbita), poliadelfi (Citrus).
(Vedi i singoli lemmi)
- 0Primo elemento di parola composta che ha il significato di ghiandola.
1Dicesi di due parti od organi differenti in stretto contatto tra loro, ma non fusi.
1(Adesi, Aderenti)Dicesi dei tessuti di un organo che si fondono e aderiscono integralmente con quelli di un altro organo di tipo differente, come gli stami adnati ad un petalo.
- 0Stato di sofferenza delle piante giovani quando si trovano per molto tempo all’ ombra di altre piante piu' adulte o piu' sviluppate o comunque in carenza di luce e che si traduce in allungamento sproporzionato degli internodi per le Graminacee, o del fusto per le piante arboree che cercano in questo modo una maggiore illuminazione. Le piante eliofile sono particolarmente sensibili all'aduggiamento.
- 0Dicesi di un organismo che ha raggiunto il suo definitivo sviluppo.
1Curvo a forma di gancio o di unghia di uccello rapace.
2Colore bruno tendente al nero, corrispondente al termine bruciato, abbronzato, tostato, abbrustolito, adottato per dare il nome ad alcune specie botaniche e micologiche.

Adustus: Aster adustus, Senecio adustus, Cereus adustus, Cyperus adustus, Astragalus adustus, Sporolobus adustus, Mystrosporium adustum, Crysanthemum adustum, Linum adustum, Panicum adustum,Silene adusta, Carex adusta, Digitaria adusta, Poa adusta, Crataegus adusta, Echinocereus adustus, Cortinarius adustus, Lactarius adustus. Polyporus adustum, Collybia adusta, Bjerkandera adusta, Lepiota adusta, Melanoleuca adusta, Russula adusta
Adustoides: Russula adustoides
Adustulum: Hidnum adustulum, Steccherinum adustulum

1Tessuto parenchimatico caratteristicamente spugnoso, per spazi intercellulari e canali aeriferi atti al trasporto di ossigeno. Tipico di piante acquatiche e palustri.
1Colore marrone tendente al rosso che ricorda quello del rame e del bronzo.

Aereus: Artabotrys aereus, Paepalanthus aereus, Desmoncus aereus, Atitara aerea, Vatica aerea, Quercus aerea, Salvia aerea, Mesembryanthemum aereum, Piper aereum, Taraxacum aereum, Peperomia aerea, Boletus aereus, Sapium aereum, Cortinarius aereus, Chaetosphaeronema aereum, Caloplaca aerea, Rhizoctonia aerea
Aerosus: Eugenia aerosa

Aeneus: Sporobolus aeneus, Phyllanthus aeneus, Ramaria aenea, Bovista aenea, Diploschistes aeneus, Gyrophora aenea, Nemania aenea, Porina aenea, Amaranthus aeneus, Melodinus aeneus, Dictyanthus aeneus, Phyllanthus aeneusm, Nautilocalyx aeneus, Sporobolus aeneus, Barleria aenea, Matelea aenea, Anemonospermos aenea, Carex aenea, Fagus aenea, Centrosolenia aenea, Haloragis aenea, Magnolia aenea, Heteropterys aenea, Bertolonia aenea, Eucalyptus aenea, Argemone aenea, Agrostis aenea, Avena aenea, Pilea aenea, Alpinia aenea, Bupleurum aeneum, Glochidion aeneum, Trisetum aeneum
Aeneofuscus: Trapeliopsis aeneofusca, Menegazzia aeneofusca, Phylloporina aeneofusca, Trapeliopsis aeneofusca
Aeneolus: Aspicilia aeneola, Lecidea aeneola, Urceolaria aeneola
Aeneovinosus: Thelidium aeneovinosum, Involucrothele aeneovinosa
Aeneovirens: Lecidea aeneovirens
- 0(o Aerobici). Organismi che per svolgere le loro funzioni vitali necessitano di ossigeno.
1Pianta che cresce sulle parti aeree di un'altra pianta (sin epifita)
1Modificazioni di forma e struttura che alcune piante acquatiche possono subire, nei loro organi emersi.
Ad es. foglie aeree con stomi e intere e foglie sommerse astomatiche e laciniate.
- 0Soluzione di sale in acqua microvaporizzata.
- 0Movimento lento di alcuni organi vegetali (es. radici) dipendente dalla differente concentrazione di ossigeno.
3Colore verde azzurro, verderame, rugginoso, che ha nominato alcune specie botaniche e micologiche.

Aerugineus: Microgonium aerugineum, Trichomanes aerugineum, Psidium aerugineum, Antirrhinum aerugineum, Hesperis aeruginea, Eugenia aeruginea, Guajava aeruginea, Myrtus aeruginea, Linaria aeruginea, Campanella aeruginea, Lecidella aeruginea, Russula aeruginea, Lecythiomyces aeruginea , Lactarius aerugineus, Talaromyces aerugineus, Trichoderma aerugineum
Aeruginosus: Cactus aeruginosus, Rhododendron aeruginosum, Hymenophyllum aeruginosum, Sphaerocionium aeruginosum, Trichomanes aeruginosum, Acinodendron aeruginosum, Marathrum aeruginosum, Mammillaria aeruginosa, Euphorbia aeruginosa, Cyrtandra aeruginosa, Blakea aeruginosa, Miconia aeruginosa, Topobea aeruginosa, Myrtus aeruginosa, Neea aeruginosa, Salix aeruginosa, Tamarix aeruginosa, Pimelea aeruginosa, Curcuma aeruginosa, Gymnostomum aeruginosus, Gymnopilus aeruginosus, Entoloma aeruginosum, Lachnum aeruginosum, Calostoma aeruginosum, Cylindrium aeruginosum, Dendrodochium aeruginosum, Entoloma aeruginosum, Geoglossum aeruginosum, Hebeloma aeruginosum, Hypoxylon aeruginosum, Lachnum aeruginosum, Lichenoconium aeruginosum, Myxotrichum aeruginosum, Trichosperma aeruginosa, Amphisphaeria aeruginosa, Acarospora aeruginosa, Antennularia aeruginosa, Buellia aeruginosa, Ceratosphaeria aeruginosa, Chlorociboria aeruginosa, Lepista aeruginosa, Exidia aeruginosa, Stropharia aeruginosa, Lachnellula aeruginosa, Mycena aeruginosa, Conocybe aeruginosa, Russula aeruginosa, Trichosperma aeruginosa

Aeruginascens: Hieracium aeruginascens, Pilosella aeruginascens, Amaurodon aeruginascens, Cliostomum aeruginascens, Buellia aeruginascens, Chlorociboria aeruginascens, Inocybe aeruginascens, Russula aeruginascens, Tricholoma aeruginascens
Aeruginellus: Dasyscyphus aeruginellus
Aeruginolividus: Corticium aerugineolividum
Atroaerugineus: Russula aytroaeruginea
Atroaeruginosus: Lecanora atroaeruginosa
Pseudoaerugineus: Russula pseudoaeruginea

- 0Abbreviazione del termine latino affinis, col significato di affianca, confronta, usata prima del binomio quando è incerta l'identificazione.
Viene usata anche cf.
- 0(o vedi Fascicolate) Dicesi di radici secondarie che si svilupano più o meno numerose ed equivalenti, uguagliando e talvolta superando la radice principale.
- 0Grado di parentela tra specie di piante.
1E' la perdita precoce delle foglie caratteristica si quelle piante che riescono a effettuare la funzione clorofilliana attraverso il fusto.
Processo che si verifica in molte leguminose arbustive (Ginestre).
1Senza foglie, in genere riferito al fusto. (Cactaceae, Cuscuta ecc.)
1In generale,prive di foglie basali.Piante che all'antesi hanno perduto le foglie basali.
- 0Riproduzione assessuata.
- 0Dicesi della riproduzione asessuata (che avviene per agamia), cioè senza intervento di gameti, in conseguenza della quale le nuove piante originate hanno le caratteristiche di un solo genitore cioè della sola pianta madre.
- 0In botanica sono organismi vegetali a riproduzione asessuata o uniparentale
Si hanno agamospecie in numerose famiglie ed importanti generi tra i quali Alchemilla, Amelanchier, Antennaria, Calamagrostis, Crataegus, Hieracium, Poa, Potentilla, Rubus, Sorbus e Taraxacum.
1Aggregato di organi vegetali, molto ravvicinati da sembrare un'unica struttura, che tuttavia non si fondono tra loro.
- 0Aggregato di strutture che si mantengono unite, senza fondersi, grazie a sostanze adesive.
Es. pollinio o pollinodio che è un insieme agglutinato di granuli di polline proprio delle Orchidaceae e Asclepiadaceae.
- 0Organo (radice aerea, cirro, viticcio) preposto a sostenere un fusto che si sviluppa appoggiandosi a un sostegno. (Edera, vitalba, vite, ecc.)
1Riunito in un gruppo compatto.
In botanica il termine abbreviato Aggr. indica un insieme di specie molto simili e difficili da separare, per cui viene usato il nome della specie tipo.
Vengono chiamati anche frutti aggregati i frutti multipli originati dallo sviluppo dell’ovario di un solo fiore che ha il gineceo pluricarpellare apocarpico (con diversi carpelli liberi) ciascuno dei quali darà origine a un frutto semplice.
1Foglia a forma di ago, piu' o meno cilindrica, sottile e pungente, come quelle dei pini e degli abeti.
1Stretta foglia a forma di ago, come quelle delle conifere.
4Espansione membranosa di alcuni frutti, come le samare dei quali agevola la diffusione ad opera del vento.
Sono ali anche i petali laterali delle Papillionaceae (Fabaceae),
e le espansioni laminari di alcuni fusti, peduncoli o piccioli che rappresentano la prosecuzione di un lembo fogliare.
Anche i frutti secchi di molte Apiaceae sono ornati da ali, utili per la dispersione.
1Colore dell'alabastro, bianco marmoreo, ma spesso più o meno sfumato di giallo, bruno e verde chiaro.
Specie con questi epiteti sono:

Alabastraceus: Bulbophyllum alabastraceus
Alabastrinus: Kickxella alabastrina, Hymenochaete alabastrina, Lecidea alabastrina, Pachydisca alabastrina, Tremella alabastrina
Alabastrites: Micarea alabastrites
- 0Dicesi di un fiore posto nella biforcazione di un'infiorescenza a cima multipara o all'ascella di due rami dicotomici di un fusto.
1Provvisto di ali.
1Parte interna bianca, spugnosa ed asciutta dell'epicarpo dell'esperidio.
- 0Pianta legnosa perenne con fusto indiviso fino ad una certa altezza dal suolo dalla quale partono i rami. Caratteristica questa che che lo differenzia dalle altre piante legnose (arbusti, frutici o suffrutici).
- 0Dicesi di pianta con fiori bianchi.
1Dicesi di organo carente di pigmenti come la foglia giallognola, o con macchie più chiare, dovute difetti nella formazione della clorofilla, o anche di fiore di specie normalmente con corolla colorata che si presenta completamente bianco.
- 0Tessuto parenchimatico ricco di sostanze di riserva necessarie alla nutrizione dell'embrione nel seme, durante e anche successivamente alla germinazione.
1Dal latino albus = bianco, è la parte legnosa piu' chiara ed esterna del fusto di alberi e arbusti che circonda quella interna detta cuore o durame.
Attraverso l'alburno scorre la linfa ascensionale.
1Il bianco e le sue sfumature in botanica e micologia.

Albus: Abies, Artemisia, Basella, Bryonia, Carex, Populus, Sedum, Veratrum, Dictamnus, Melilotus, Mycena, Calochortus, Orobanche, Chenopodium, Arrhenatherum, Chenopodium, Lamium, Sedum, Rhododendron, Viscum, Amaranthus, Asparagus, Asphodelus, Amanita alba, Balsamia alba, Biatorina alba, Brauniella alba, Clavaria alba, Conocybe alba, Cordyceps alba, Gloeotromera alba, Tetrapyrgos alba, Lenzites alba, Lepraria alba, Trametes alba, Amanitopsis alba, Lepiota alba, Bolbitius albus, Bulleromyces albus, Coprinus albus, Descomyces albus, Gymnomyces albus, Latarius albus, Acontium album, Byssophytum album, Graphium album, Corticium album, Entoloma album, Hebeloma album, Stereum album, Tricholoma album

Albatus: Echinocactus albatus, Astradalus albatus, Mesembryanthemum albatum, Gnaphalium albatum, Mammillaria albata, Carex albata, Camellia albata, Rubus albatus, Cladonia albata, Physcia albata, Tricholoma albatum, Celastrus, Crepidotus, Entoloma albatum, Crepidotus albatus
Albelloavellaneus: Collybia albelloavellanea
Albellus: Croton albellus, Sedum albellum, Paronychia albella, Oxydectes albella, Masdevallia albella, Oxalis albella, Lyophyllum albellum, Entoloma albellum, Leccinellum albellum, Descomyces albellus, Pleurotellus albellus, Panaeolus albellus, Poliporus albellus, Helvella albella, Lecanora albella, Hyalinia albella, Russula albella, Croton albellus, Sedum albellus
Albens: Eucalyptus albens, Asclepias albens, Gomphocarpus albens, Senecio albens, Dianthus albens, Hypericum albens, Ebenus albens, Erica albens, Astragalus albens, Gladiolus albens, Trifolium albens, Malva albens, Panicum albens, Thalictrum albens, Ziziphus albens, Porina subsimplicans var. albens
Albescens: Koeleria albescens, Sedum albescens, Commelina albescens, Antennaria albescens, Aster albescens, Chionodoxa albescens, Kniphofia albescens, Agave albescens, Allium albescens, Narcissus albescens, Pimpinella albescens, Seseli albescens, Carduus albescens, Crepis albescens, Cirsium albescens, Eupatorium albescens, Saussurea albescens, Senecio albescens, Taraxacum albescens, Erysimum albescens, Chenopodium albescens, Carex albescens, Scilla albescens, Juncus albescens, Astragalus albescens, Lupininus albescens, Vicia albescens, Spiranthes albescens, Poa albescens, Rumex albescens, Rubus albescens, Gallium albescens, Salix albescens, Solanum albescens Puccinia albescens, Mollisia albescens, Cortinarius albescens, Crepidotus albescens, Crystallocystidium albescens, Fomes albescens, Hygrophorus albescens, Lecanora albescens, Mollisia albescens, Physarum albescens, Puccinia albescens
Albicans: Iris albicans, Plantago albicans, Sesleria albicans, Agropyron albicans, Asclepias albicans, Agave albicans, Artemisia albicans, Cirsium albicans, Helichrysum albicans, Berberis albicans, Myosotis albicans, Campanula albicans, Helianthemum albicans, Echeveria albicans, Vaccinium albicans, Robinia albicansPhyllanthus albicans, Geranium albicans, Iris albicans, Juncus albicans, Salvia albicans, Tynus albicans, Acacia albicans, Astragalus albicans, Glycine albicans, Spartium albicans, Alliaria albicans, Acacia albicans, Eucalyotus albicans, Oenothera albicans, Oxalis albicans, Acetosella albicans, Plantago albicans, Avena akbicans, Polygala albicans, Ranunculus albicans, Rubus albicans, Rosa albicans, Pyrus albicans, Salix albicans, Solanum albicans, Arachniopsis albicans, Arthrobotryum albicans, Pseudombrophila albicans, Candida albicans, Fibroporia albicans, Inocybe albicans, Lepraria albicans, Mycena albicans, Phomopsis albicans, Physarum albicans, Thelephora albicans, Urceolaria albicans
Albicarneus: Hygrophorus albicarneus
Albicascens: Strigula albicascens
Albicastaneus: Clitocybe albicastanea, Hygrophorus albicastaneus
Albiceratus: Bacidia albicerata, Aecidium albiceratum
Albicera: Porina albicera, Puccinia albicera
Albicolor: Dendrobium albicolor, Hemimycena albicolor
Albidans: Pleosphaeria albidans
Albidellus: Caloplaca albidella, Placodium albidellum, Pertusaria albidella
Albidicremeus: Russula albidicremea
Albidiflavus: Anaptychia albidiflava, Heterodermia albidiflava
Albidior: Agave mitis var.albidior, Verrucaria thelena var. albidior
Albidoater: Arthopyrenia albidoatra, Opegrapha albidoatra, Verrucaria albidoatra, Anisomeridium albidoatrum
Albidoaurantiacus: Caloplaca albidoaurantiaca, Coryne albidoaurantiaca
Albidoavellaneus: Cortinarius albidoavellaneus
Albidobrunneus: Thelephora albidobrunnea
Alvidocaerulescens: Huea albidocaerulescens
Albidocaesius: Botrytis albidocaesia
Albidocarneus: Thelephora albidocarnea, Gomphus albidocarneus
Albidocinereus: Mycena albidocinerea, Psathyrella albidocinerea, Cuphophyllus albidocinereus, Panaeolus albidocinereus, Polystictus albidocinereus
Albidocoeruleum: Entoloma albidocoeruleum
Albidocremeus: Marasmius albidocremeus , Corticium albidocremeum
Albidoflavus: Brugmansia albidoflava, Datura albidoflava, Astragalus albidoflavus, Dyssochroma albidoflavum, Ramaria albidoflava, Russula albidoflava
Albidofuscus: Donkioporia albidofusca, Huea albidofusca, Lecidea albidofusca, Mycena albidofusca, Donkioporia albidofusca, Polyporus albidofuscus
Albidogriseus: Cortinarius albidogriseus
Albidoincarnatus: Ripartites albidoincarnatus
Albidolilaceaus: Mycena albidolilacea
Albidolilacinus: Cortinarius albidolilacinus
Albidolivens: Bacidia albidolivens, Graphina albidolivens, Phaeographina albidolivens
Albidolutescens: Cantharellus albidolutescens, Russula albidolutescens
Albidoluteus: Bacidia albidolutea , Cistella albidolutea, Patellaria albidolutea
Albidomurinus: Marasmius albidomurinus
Albidoniger: Bacidia albidonigra
Albidoocraceus: Lecanora albidoochracea, Inocybe albido-ochracea
Albidopallens: Anthracothecium albidopallens, Blastenia albidopallens, Bottaria albidopallens, Omphalia albidopallens, Sticta albidopallens, Thelotrema albidopallens
Albidoplumbeus: Sarrameana albidoplumbea
Albidoroseus: Dasyscyphus albidoroseus, Lecidorina albidorosea, Mycena albidorosea, Trametes albidorosea
Albidorufus: Lecanora albidorufa
Albidulus: Notholaena, Hieracium, Begonia, Biatorella, Agaricus, Cortinarius, Lachnum Scoliciosporum albidulum, Cladonia albidula, Clitocybe albidula, Fayodia albidula, Helvella albidula, Mucronella albidula, Mycena albidula, Pseudobaeospora albidula, Cortinarius albidulus, Hebeloma albidulum, Leucodecton albidulum, Paxillus albidulus, Polyporus albidulus
Albidus: Adenostyles, Arabis, Crepis, Pseudorchis, Tuber, Boletus, Ascobolus, Cistus, Limonium, Annularia albida, Antrodia albida, Arcyria albida, Ascocoryne albida, Auricularia albida, Buellia albida, Calycellina albida, Chapsa albida, Clavaria albida, Eriosporopsis albida, Lactocollybia albida, Lepiota albida, Orbilia albida, Peziza albida, Porina albida, Psathyrella albida, Russula albida, Ustilago albida, Fusarium albidum, Gerronema albidum, Marasmius albidus, Pleurotus albidus, Leucoagaricus albidus
Albineus: Pluteus albineus
Albinus: Hieracium albinum, Xanthium albinum, Didymocarpus albinus, Octomeria albina, Utricularia albina, Codonoboea albina, Agaricus albinus, Ascolobus albinus, Lycoperdon albinum, Clitocybe albina
Alboalutaceus: Leucopaxillus alboalutaceus
Alboater: Tylopilus alboater, Microporus alboater, Acarospora alboatra, Diplotomma alboatrum, Pertusaria alboatra
Alboaurantiacus: Gigaspora alboaurantiaca
Albobadius: Coriolopsis albobadia, Crystallocystidium albobadium, Peziza albobadia, Peniophora albobadia, Trametes albobadia, Stereum albobadius
Albobrunneus: Antrodia albobrunnea, Ceriporia albobrunnea, Psilocybe albobrunnea, Russula albobrunnea, Tricholoma albobrunneum, Cortinarius albobrunneus, Xerocomus albobrunneus
Albobrunnescens: Marasmiellus albobrunnescens, Boletus albobrunnescens
Albocaerulescens: Lecidea albocaerulescens, Porpidia albocaerulescens
Albocanus: Cortinarius albocanus, Hydnum albocanum
Albocarneus: Peziza albocarnea, Lactarius albocarneus
Albocastaneus: Clitocybe albocastanea
Albocinereus: Clitocybe albocinerea, Conocybe albocinerea, Mycena albocinerea, Ramaria albocinerea
Albocinnamomeus: Psathyrella albocinnamomea, Cerrena albocinnamomea
Albocitrinus: Dasyscyphella albocitrina, Hypocrea albocitrina, Hapalopilus albocitrinus, Cordyceps albocitrinus, Hapalopilus albocitrinus
Albocremeus: Conohypha albocremea, Rhodoarrhenia albocremea, Skeletocutis albocremea, Lactarius albocremeus
Albocyaneus: Cortinarius albocyaneus
Alboferrugineus: Discosia alboferruginea, Perenniporia alboferruginea, Discosia alboferruginea
Alboflavus: Lecidea alboflava, Mollisia alboflava, Tricharia alboflava
Alboflavescens: Amanita alboflavescens, Ramaricium alboflavescens, Polymeridium alboflavescens
Alboflavidus: Collybia alboflavida, Cyphella alboflavida, Entoloma alboflavidum
Albofuscus: Winterella albofusca, Cubasina albofusca, Ombrophila albofusca, Marasmiellus albofuscus, Hygrophorus albofuscus
Albogilvus: Senecio albogilvus, Cystolepiota albogilva, Tyromyces albogilvus
Alboglaucus: Hemithecium alboglauca, Coronicium alboglaucum
Albogriseus: Marasmius albogriseus, Mycena albogrisea, Entoloma albogriseum
Albolateritius: Eriopezia albolateritia, Mycena albolateritia
Albolilacinus: Pachydisca albolilacina, Pachydisca albolilacina
Albolividus: Calathella albolivida, Lecidea albolivida
Alboluteus: Hyaloscypha albolutea, Lecidea albolutea, Lenzites albolutea, Phomopsis albolutea, Sistotrema alboluteum
Albolutescens: Agaricus albolutescens, Anomoporia albolutescens, Cortinarius albolutescens, Lactarius albolutescens, Russula albolutescens, Pycnoporellus albolutescens, Tricholoma albolutescens
Albomurinum: Entoloma albomurinum
Alboniger: Carex, Lagenocarpus, Scleria, Russula albonigra, Resupinatus alboniger, Polyporus alboniger, Calenia albonigra, Geastrum albonigrum
Albonitens: Stropharia albonitens, Fissurina albonitens
Alboniveus: Pezizella albonivea
Albopallescens: Sistotrema albopallescens
Alboroseus: Omphalina alborosea, Cortinarius alboroseus, Isaria alborosea, Peziza alborosea, Poria alborosea, Ramaria alborosea, Russula alborosea, Cantharellus alboroseus, Cortinarius alboroseus, Entoloma alboroseum
Alborosellus: Chapsa alborosella, Pyronema alborosella, Phacellium alborosellum, Arachnion alborosellum
Alborubescens: Chlorophyllum alborubescens, Aurantiporus alborubescens, Sporobolomyces alborubescens
Alborubrus: Lecania alborubra, Hypoderma alborubrum
Alborufescens: Clitocybe alborufescens, Cortinarius alborufescens
Albosanguineus: Eubelonis albosanguinea, Agaricus albosanguineus
Albostramineus: Hypochnicium albostramineum, Byssomerulius albostramineus
Albosuccineus: Fusarium albosuccineum, Trichobelonium albosuccineum, Oomyces albosuccineus
Albosulfureus: Stropharia albosulphurea, Erinella albosulphurea
Albotestaceus: Albotricha albotestacea
Albotinctus: Pezizella albotincta
Albovinaceus: Tyromyces albovinaceus, Clavaria albovinacea
Alboviolaceus: Cortinarius alboviolaceus, Coniophora alboviolacea, Monilia alboviolacea
Albovirescens: Allarthothelium albovirescens, Arthothelium albovirescens, Corticium albovirescens, Pholiota albovirescens
Alboviridis: Kavinia alboviridis, Arachnopeziza alboviridis, Pezizella alboviridis
Albulus: Narcissus albulus, Hieracium albulus, Astragalus albulus, Polypodium albulus, Rubus albulus, Buellia albula, Lecanora albula, Puccinia lbula, Pezizella albula
- 0Che un valore del pH superiore a 7.
- 0Molecole vegetali con almeno un atomo di azoto, dotate di intensa attività farmacologica, terapeutica e tossica. Sono presenti soprattutto in alcune famiglie di piante, quali le Solanaceae e le Apocynaceae.
- 0Proteina che si trova nei semi e tuberi in maturazione.
Viene così chiamato anche lo strato esterno dell'endosperma dei semi.
- 0Attinente all'alimurgia, che è la scienza proposta da Ottaviano Targioni-Tozzetti nell’anno 1767, per ricercare quanto può essere utile per soddisfare urgenze alimentari, ossia il modo di render meno gravi le carestie.
Attualmente il termine alimurgico o fitoalimurgico qualifica piante commestibili che crescono spontaneamente in ambienti naturali.
- 0Il primo gradino gerarchico, secondo la scuola fitosociologica di Braun-Blanquet, che inquadra e descrive due o più associazioni vegetali fioristicamente ed ecologicamente affini e limitrofe nello spazio.
Viene indicata col suffisso –ion al genere della specie prescelta (es.: Fagion sylvaticae)
- 0Primo momento della fruttificazione, quando terminata l'antesi il frutticino inizia a svilupparsi per la maturazione.
Lo stesso termine indica sia il periodo temporale che il fenomeno.
- 0Ciascuna delle varie forme che può assumere un gene. Ogni genoma eucariota comprende un allele di origine materna e uno di origine paterna per ciascun gene. L'individuo con due alleli differenti riguardanti lo stesso carattere, è detto eterozigote mentre quello con due alleli uguali è omozigote.
- 0Piegamento verso il suolo di piante erbacee con scarsa capacità di resistenza meccanica, dovuto a intense piogge e forte vento.
- 0E' la dispersione dei semi affidata ad agenti esterni al frutto (vento, animali, acqua).
Si contrappone ad autocoria.
- 0Specie vegetale presente in un’area che non corrisponde al suo areale normale e che è stata ivi dislocata dall’uomo,volontariamente o accidentalmente.
Sinonimi: introdotta, non indigena, esotica, xenofita.
Si contrappone ad autoctona

In relazione alla loro indroduzione in un territorio le specie alloctone si distinguono:
Archeofite introdotte prima del 1500 (epoca del colonialismo europero dopo la scoperta dell'America)
Neofite introdotte dopo il 1500

In relazione alla loro capacità di colonizzare le aree di nuova introduzione si distinguono (Richardson et al., 2000; Pyšek et al., 2004):
Specie casuali - (effimere, occasionali) che si sviluppano e riproducono spontaneamente, ma non riescono a formare popolazioni stabili e per il loro mantenimento dipendono dal continuo apporto di nuovi propaguli da parte dell’uomo.
Specie naturalizzate
(stabilizzate) - specie alloctone che formano popolamenti stabili indipendenti dall’apporto di nuovi propaguli da parte dell’uomo.
Specie invasive - un sottogruppo di specie naturalizzate in grado di diffondersi velocemente, a considerevoli distanze dalle fonti di propaguli originarie, e quindi con la potenzialità di diffondersi su vaste aree
Specie localmente invasive -specie alloctone che sono state rilevate allo stato invasivo solo in poche stazioni.
- 0Detta anche eterogamia è la fecondazione di due gameti prodotti da due individui distinti della stessa specie o di specie diversa, (fecondazione incrociata)
Opposta ad autogamia che avviene per unione di due gameti provenienti dallo stesso fiore (autofecondazione) e a geitonogamia che avviene per unione di due gameti provenienti da due fiori dello stesso individuo.
- 0Differenza di accrescimento di organi omologhi di specie diverse, nello stesso stadio di sviluppo.
1Dicesi di specie o popolazioni che vegetano in aree di distribuzione separate.
Contrapposto a simpatrico.
1(o Allorizico). Dicesi di un apparato o sistema radicale, proprio delle dicotiledoni e gimnosperme, in cui la radice principale resta vitale per tutta la durata della pianta, e può presentarsi con struttura:
a fittone dove la radice principale cresce in continuazione (accrescimento secondario) penetrando il terreno in profondità raggiungendo anche fino a 10 volte la misura della parte epigea della pianta.
fascicolato dove le radici di secondo ordine si accrescono raggiungendo le dimensioni della radice principale disponendosi in fascetti (faggio, melo, ricino) e spesso tutto l'apparato si sviluppa più in ampiezza che in profondità (pioppo, patata).

Si contrappone a omorrizico(omorizico)
- 0Organismo vegetale o animale caratterizzato dall'avere un corredo cromosomico doppio rispetto a quello degli organismi parentali da cui e' stato prodotto,e questo in seguito a ibridazione tra due specie diverse.
- 0Dicesi di vegetazione che vive su suoli soggetti a regolari inondazioni.
- 0Suolo ricco di minerali depositati dall'acqua (suolo alluvionale)
- 0Caratteristica di un suolo che presenta concentrazioni saline.
- 0(Sin. alofita) Dicesi di un organismo che sopporta ambienti con elevati valori di concentrazione salina,situazione che si verifica generalmente in prossimità del mare o di stagni salmastri costieri.
2Che sopporta alte concentrazioni saline sia nell'acqua che nel terreno.
- 0Specie che cresce in terreni ricchi in sali e derivati azotati nutritivi.Ad es. la vegetazione psammofila delle acque salmastre.
- 0Pianta non legata ad ambienti salati che tuttavia può viverci occasionalmente.
- 0Organismo che riesce a tollerare la presenza di sali.
- 0Relativo a regioni di alta montagna sopra il limite degli alberi.
- 0Fenomeno che caratterizza il raccolto di diverse piante da frutto, per le quali a un’annata molto produttiva ne segue una carente. Esempio Ulivo.
1Dicesi di foglie o gemme inserite singolarmente una ad una a differenti livelli sull'asse portante e orientate alternativamente da una parte e dall'altra.
1Disposto tra un sepalo e l'altro e non di fronte.
3Colore tannico, ocraceo, marrone chiaro, come quello del cuoio conciato, della pelle pallida giallastra, che mescolandosi con altre tinte, forma tonalità e sfumature che hanno dato il nome ad alcune specie botaniche e micologiche.

Alutaceus: Cyathea alutacea, Diplusodon alutaceus, Crataegus alutacea, Ficus alutacea , Rhododendron alutaceum, Pelargonium alutaceum, Limonium alutaceum, Centaurea alutacea, Crambe alutaceus, Ascomyces alutaceus, Polyporus alutaceus, Styrax alutaceus.Boletus alutaceus, Clitopilus alutaceus, Collybia alutacea, Panellus alutaceus, Otidea alutacea, Amanita alutacea, alutacea, Galerina alutacea, Bacidia alutacea, Russula alutacea, Hypocrea alutacea
Alutarius: Boletus felleus var. alutarius, Hyphodontia alutaria
Aluticolor: Peziza aluticolor, Phanerochaete aluticolor
Alutus: Scytinostroma alutum
Alutaceofulvus: Cortinarius alutaceofulvus
Alutaceogrisescens: Cortinarius alutaceogrisescens
Alutaceo-olivascens: Cortinarius alutaceo-olivascens
Alutaceopallens: Cortinarius alutaceopallens, Melanoleuca alutaceopallens
Alutaceorubens: Hygrophorus alutaceorubens
Alutaceorubrum: Gloeocystidium alutaceorubrum
Alutaceotinctus: Clitocybe alutaceotincta
Alutaceoumbrinus: Tylopilus alutaceoumbrinus
Alboalutaceus: Leucopaxillus alboalutaceus
Umbrinoalutaceus: Porostereum umbrinoalutaceum
- 0Solco naturale o artificiale di un corso d'acqua costituito dal fondo del letto e dalle pareti laterali.
1Dicesi di un elemento cosparso di fossette e piccoli incavi (alveoli).
1Colore rosso scuro tendente al violaceo simile a quello del fiore dell' amaranto, il cui nome e sue derivazioni sono utilizzati in alcuni taxa botanici e micologici.

Amaranthus; Boletus amaranthus, Alternaria amaranthi, Ascochyta amaranthi, Coniothyrium amaranthi, Cylindrosporium amaranthi, Diaporthe amaranthi, Entyloma amaranthi, Gastrosuillus amaranthi, Glomosporium amaranthi, Alternaria amaranthi, Oidium amaranthi, Coniothyrium amaranthi, Stemphylium amaranthi, Gastrosuillus amaranthi, Glomosporium amaranthi, Verticillium amaranthi
Amaranticolor: Chenopodium amaranticolor
Amaranthicolus: Cercoseptoria amaranthicola, Cladosporium amaranthicola, Phoma amaranthicola, Phomopsis amaranthophila, Thecaphora amaranthicola
Amaranthinus: Russula amaranthina, Vernonia amaranthina, Scutellaria amaranthina, Deppea amaranthina
Amarantinus: Cactaceae × Disophyllum amarantinum, Cactaceae × Heliphyllum amarantinum, Cactaceae × Epixochia amarantina
Amarantoides: Calomeria amarantoides , Iresine amarantoides , Atriplex amarantoides, Cistanthe amarantoides, Silvaea amarantoides, Solanum amarantoides, Oplotheca amarantoides
Amarantus Boehmeria amarantus

- 0E’ l’insieme dei fattori ambientali naturali e umani che influiscono sugli organismi viventi in un dato luogo.
1(o Gattino) Infiorescenza unisessuale a forma di spiga, di solito pendula, (es. castagno, nocciolo, pioppo), dallo stelo flessibile e dai fiori sessili e privi di petali o con involucri fiorali ridotti, ad impollinazione anemofila.
Puo' essere semplice o anche composta,quando l'asse principale ha brevi ramificazioni.
3Colore ametista, violaceo.

Ametysteus: Orobanche amethystea, Oxytropis amethystea, Agaricus amethysteus, Cantharellus amethysteus
Amethysticus: Agaricus amethysticus
Amethystinoides: Clavulina amethystinoides
Amethystinus: Hyacinthus amethystinus, Festuca amethystina, Melica amethystina, Allium amethystinum, Eryngium amethystinum, Clavaria amethystina, Tricholoma amethystinum, Russula amethystina.
- 0Che è composto o che produce amido
- 0Trattamento correttivo di un terreno con l'aggiunta di cospicue quantità di materiale atto a migliorare le caratteristiche fisiche del suolo.
1Processo di ulteriore maturazione della frutta dopo il raccolto, a seguito del quale la polpa diventa bruna, molle e zuccherina, spesso necessario per renderlo gradito al palato.
1Che vive sulle sabbie
È sinonimo di psammofila e arenicola
Ammophila arenaria (L.) Link subsp. australis (Mabille) Laínz
- 0Senza forma definita.
1Foglia, brattea o stipola con la base allargata che circonda e abbraccia il caule nel suo punto di inserzione.
- 0Primo elemento di parole composte col significato di verso a, sopra, in alto, all'insù, all'indietro.
- 0Processi del metabolismo incaricati della sintesi e formazione di molecole organiche complesse a partire da altre più semplici o dai nutrienti.
- 0In botanica dicesi di formazione diretta verso la parte superiore di un organo,
come ad esempio nelle infiorescenze acropete (o basifughe)che hanno fioritura ed accrescimento dal basso verso l'alto (i fiori basali sono più vecchi).
Si contrappone a catadromo.
- 0Condizione di vita di organismi, il cui metabolismo non richiede la presenza di ossigeno
- 0Che ha relazione, che somiglia ad un altro, dal quale differisce per particolarità proprie. Sono analoghi organi con strutture filogenetiche diverse (che non condividono un antenato comune se non in tempi remoti) che hanno funzioni ed aspetto simili dovute ad evoluzione convergente dipendente da fattori ambientali comuni.
( Es.sono analoghe le ali degli insetti e degli uccelli).
Mentre sono omologhi organi con strutture filogenetiche comuni (che condividono un antenato comune)con caratteristiche simili, ma che possono essere anche morfologicamente molto diversi per svolgere funzioni differenti.
(Es. sono omologhi una foglia, una perula, una spina di cactus, un cotiledone, perché hanno tutti la stessa origine fogliare)
- 0Dicesi dello stame sprovvisto di antera.
1Dicesi delle venature trasversali di una foglia o di un altro organo che mettono in comunicazione le varie venature principali.
- 0Si dice quando l'ovulo è pendente sul funicolo e quindi l'asse dell'ovulo è quasi parallelo a quello del funicolo. Situazione di gran lunga la più frequente sia nelle dicotiledoni che nelle monocotiledoni.
1Dicesi in botanica di organo compresso, con margini acuti, come lo scapo schiacciato con due spigoli acuti (come una spada a due lame) del Narcissus tazetta. Sinonimo di ensiforme, gladiato.
1E’ la parte maschile del fiore costituita dalle sue strutture riproduttive (stami).
1Specie con dioicismo imperfetto che presenta fiori ermafroditi e fiori maschili su individui distinti.
- 0Fenomeno per il quale gli stami di alcune piante assumono aspetto fogliaceo.
- 0Prolungamento a colonna del ricettacolo fiorale che porta le parti maschili (stami).
- 0Dicesi della situazione in cui fiori maschili e femminili sono presenti nella stessa infiorescenza.
1Dicesi del prolungamento a colonna del ricettacolo che porta stami e pistillo.
1Specie che ha fiori ermafroditi e fiori maschili sullo stesso individuo (Galium, Veratrum).
1Stame trasformato in petalo, come quelli più esterni della Nymphaea alba L.
- 0Fenomeno di trasformazione, generalmente indotta artificialmente, degli stami in petali, ottendo in tal modo fiori doppi e ovviamente sterili.
1Dicesi della corolle bilabiate quando il labbro superiore diverge da quello inferiore di 45°-90°, quando cioè la fauce corollina è aperta. E' il contrario di cleistolema che indica la fauce corollina chiusa.
1Dicesi di disseminazione ad opera del vento e della pianta che usufruisce del vento per la disseminazione.
- 0(o Anemogama) Pianta che affida al vento l'impollinazione.
In questo caso la pianta produce grandi quantità di polline e non ha bisogno di colori vivaci, profumi, nettàri, organi vessillari, e cerca di eliminare eventuali ostacoli alla diffusione del polline, fiorendo ad esempio in alcuni casi, prima dello sviluppo delle foglie.
Sono tipicamente anemofile le Gimnosperme, ma anche molte Angiosperme.
- 0Principio attivo contenuto in alcune piante delle Ranuncolaceae. è un glucoside altamente irritante, la cui ingestione può provocare gravi infiammazioni della bocca e dell’apparato digerente.
- 0Dicesi di foglia che sembra esser priva di nervature.
- 0Primo termine di parole composte con significato di attorno, intorno, da due parti, doppio, ecc.
- 0Dicesi di entità presente su entrambe le sponde del mar Adriatico.
1Specie che può vivere sommersa solo in alcuni periodi dell'anno.
- 0Che produce due tipi di frutti che differiscono per forma, periodo di maturazione od altro. Generazioni anficarpiche si riscontrano in piante che producono fiori ordinari e fiori cleistogami, sviluppando quindi frutti epigei e frutti ipogei, come succede nella Vicia sativa L. subsp. anficarpa (L.) Batt.
- 0Dicesi nella riproduzione sessuata il processo di formazione dell'embrione, originato da uno zigote formato per fusione tra una oosfera ed un gamete maschile.
1Amphisarcum Desvaux
Frutto semplice indeiscente, multiloculare, con pericarpo esternamente rigido e crostoso e internamente carnoso.
( Es: Capparis - Langenaria)
- 0(Frutti coperti) Dicesi dei funghi e licheni che hanno le spore racchiuse nel corpo fruttifero fino alla maturità.
In contrapposizione con i Gimnocarpi (frutti scoperti), che sono funghi con imenio aperto ed esposto alla superficie del ricettacolo (Pezizacee, Poliporacee).
- 0Sottodivisione(o divisione,a seconda degli Autori) delle spermatòfite(=fanerògame), comprende tutte le piante con ovuli e semi racchiusi dentro un ovario e di conseguenza con fiori e veri frutti.
- 0Organo laminare con diversi angoli irregolari sul bordo senza ordine e in numero indeterminato.
(foglia di Tussilago farfara)
- 0Dicesi di pianta con foglie molto strette.
1Dicesi di una siliqua o una siliquetta compressa perpendicolarmente al replo(falso setto), cioè più lunga che larga.
- 0Prefisso dal greco anisos col significato di disuguale.
1Dicesi della presenza di foglie di diversa struttura sulla stessa pianta.
Quando le forme morfologiche sono due si parla di dimorfismo fogliare.
Es. foglie di luce e foglie d'ombra nel faggio,
foglie sommerse e foglie emerse nelle idrofite.
- 0Processo di fecondazione o fusione di due gameti maschile e femminile che sono morfologicamente differenti essendo il primo normalmente più piccolo del secondo.
Si contrappone a isogamia
.
1Fiore che presenta un numero di stami differente dal numero dei pezzi degli altri verticilli del perianzio.
Es. i fiori delle orchidee e delle veroniche sono anisostemoni.
- 0Dicesi di un vegetale che vive un anno o meno compiendo in quel periodo l'intero ciclo riproduttivo.
- 0Organo vegetale con anelli.
1(o annuale) dicesi di un vegetale che vive un anno o meno compiendo in quel periodo l'intero ciclo riproduttivo.
- 0Abbreviazione col significato di antitesi, contrapposto a.
1Anthecarium Spjut (fr.nov.)
Frutto multiplo delle Poaceae che deriva da una spighetta multiflora matura che si disarticola sopra le glume e tra due o più fiorellini (fiore +lemma + palea). I punti di disarticolazione alla base o all'apice della rachilla possono essere vari e il disseminulo (frutticino) può o non può includere parte della rachilla.
1Anthecetum Spjut (fr.nov.)
Frutto delle Poaceae che deriva da una spighetta con glume o più di un fiorellino (fiore +lemma + palea), che si disarticola sotto o sopra le glume, ma non tra i fiorellini.
- 0Follicular Anthecetum Spjut
Frutto composto da uno o più frutticini deiscenti che si disperdono collettivamente dal pseudanzio bratteato, ciascun frutticino si apre lungo una o più suture. I pericarpi dividendosi irregolarmente lungo una fascia centrale, spesso spargono i semi prima che i fiorellini si disarticolino. 
1Anthecium Stapf em. Jackson,Tsvelev & Spjut (em.nov)
Frutto semplice delle Poaceae avvolto dalla palea e spesso anche dal lemma, derivante dal fiore di una spighetta uniflora, che a maturità , si disarticola sopra le glume, che restano vuote sui resti della spighetta.
- 0Anthecocarpi Spjut.
Frutti composti caratterizzati da pericarpi in infiorescenze bratteate che si disarticolano a maturità per disperdere i pericarpi.
(Sono i frutti predominanti delle Poaceae.)
1Anthecosum Spjut (mod.nov)
Frutto composto delle Poaceae derivato da spighette concrescenti e consistente in parti fuse di rami, foglie o glume che formano un involucro intorno ai fiorellini.
2Infiorescenza di tipo tirsoide in cui l'asse principale e' sempre superato in lunghezza dai rami laterali i quali a loro volta si ramificano secondo lo stesso concetto.(Ad es.Juncaceae)
3(Dal greco antheros = fiorito) Parte fertile posta alla sommita' degli stami delle Angiosperme, generalmente composta da due parti (teche) ovoidali o fusiformi, ciascuna delle quali e' costituita da una o piu' sacche polliniche che a maturita', fessurandosi, lasciano uscire il polline.
Le antere sono sorrette da un filamento ed a seconda del punto di in cui il filamento si inserisce sull'antera essa si dice:
basifissa (Solanum) se inserito alla base
dorsifissa (Poaceae) o anche mediofissa se inserito sul dorso,
apicifissa (Bignoniaceae), se inserito sull'apice,
ventrifissa se si inserisce al centro nella faccia ventrale, infine
sentata o sessile, se il filamento e' nullo o quasi e l' antera si salda sul petalo o sepalo.
Ancora le antere possono essere libere o saldate.
1Organo sessuale maschile delle felci e di alcuni funghi, entro il quale si formano i gameti maschili.
- 0Fenomeno teratologico di modificazione degli stami in foglioline.
- 0Sinonimo di fioritura.
- 0Radiale, che forma un angolo retto con la superficie libera.
E' un sistema di divisione di due cellule, perpendicolare alla superficie dell’organo del quale fanno parte. Così il cambio con divisioni anticlinali delle sue cellule, provoca l'aumento della circonferenza del fusto in accrescimento.
Contrapposto alla divisione periclinale che è parallela alla superficie dell’organo.
- 0Sostanza usata nella lotta contro i funghi.
- 0Rimedio contro il vomito.
- 0Piccola appendice membranosa che prolunga la guaina fogliare, opposta alla ligula, in alcune Cyperaceae e Poaceae.
1Complesso formato da tre cellule antipodi che si formano nel gametofito femminile, in posizione opposta al micropilo.
- 0Che agisce contro gli agenti di un'infezione.
- 0Calmante delle contrazioni dolorose.
- 0prefisso o suffisso, dal greco ἄνϑοϛ ánthos, col significato di fiore.
- 0(= Frutto accessorio, falso frutto, pseudocarpo)
Frutto che deriva dall'unione del pericarpo con altre parti fiorali che si sviluppano ulteriormente dopo la fertilizzazione, fornendo al frutto strutture utili per la disseminazione.
Tra gli antocarpi semplici troviamo:
Pomo, Trima, Diclesio, Ghianda, Cipsela, Antecio
- 0(o antocianine) Sono pigmenti che variano dall'azzurro al rosso, in funzione del pH dell'ambiente.
1Elemento costitutivo del fiore, derivato dalla trasformazione di una foglia; si distinguono antofilli sterili a funzione protettiva (sepali, tepali, petali) e antofilli fertili o sporofilli con funzione riproduttiva (stami e carpelli che formano rispettivamente l'androceo e il gineceo).
- 0Piante a fiori.
- 0Parte del'asse fiorale particolarmente sviluppata, che in alcuni fiori (Silene), è posta tra il calice e gli altri verticilli fiorali sorreggendoli.
- 0Dicesi del processo di sviluppo del fiore.
- 0Pigmenti colorati presenti nelle cortecce, nei legni o nelle radici, oppure in tessuti, come le foglie, di alcune piante come Rumex crispus e Aloe vera.
- 0Malattia delle foglie o del fusto causata da funghi (Melanconiales) che si manifesta con alterazioni cromatiche a macchia e successiva necrosi dei tessuti.
- 0Ambiente colonizzato e modificato dall'uomo.
- 0Dispersione dovuta all'attività umana (piante avventizie, ruderali)
- 0Pianta che predilige gli ambienti modificati dall'uomo che in generale sono ricchi di nitrati.
- 0Specie sinantropica di origine straniera, introdotta dall'uomo volontariamente o involontariamente.
- 0Specie sinantropica di origine straniera, introdotta dsll''uomo volontariamente o involontariamente.
1Termine generalmente usato per formazioni epidermiche come peli, aculei, denti ecc. col significato di "rivolto in avanti o verso l'alto, cioe' in direzione opposta alla base su cui sono inseriti."
(Si contrappone a retrorso).
- 0Riferito generalmente alla membrana cellulare dotata di ispessimenti a forma di anello.
1Nelle pteridofite leptosporangiate è un anello di cellule ispessite che per igroscopia contraendosi (col tempo secco) provocano l'apertura dello sporangio e la fuoruscita delle spore.
- 0Dal greco ἅπαξ hapax = una volta e ἄνθος anthos = fiore, termine usato per indicare il comportamento di alcune piante perenni (ad esempio delle famiglie delle Arecaceae e Bambusoideae), che fioriscono e fruttificano una sola volta nella loro vita. Sinonimo monocarpico.
Si contrappone a pleonantico, da pleíon = molti e anthos = fiore, sinonimo di policarpico, che è usato per piante che fioriscono e fruttificano più volte durante il loro ciclo vegetativo.
1Si dice di fiore sprovvisto di petali. (cfr. monoclamide)
- 0Situato sulla punta o apice (nella parte opposta alla sua inserzione.)
- 0Parte terminale di un ramo, di una radice, di una foglia o di un petalo.
- 0Cellule meristenatiche all'apice di una gemma vegetativa a forma di cono, che originano i tessuti della pianta.
1Dicedi dell'antera quando il filamento staminale si inserisce in corrispondenza della parte apicale dell'antera.
1Dicesi dell'apice di un organo arrotondato che termina con una piccola punta.
1Appendice, escrescenza a forma di breve punta, non rigida che si trova all'estremità di una foglia, petalo o sepalo.
(Alcune orchidee del genere Ophrys hanno un apicolo all'apice del labello).
- 0Frutti che non formano i semi, ottenuti in genere dall'uomo per manipolazioni genetiche, ma anche per mancata fecondazione o per fattori ereditari.
1(o Monoclamidato) Perianzio con un solo verticillo (solo sepali o solo petali)
- 0Organismo che presenta una sola serie (n) di cromosomi nei nuclei delle sue cellule,tipica della fase gametofitica dell'organismo stesso (Gamete e Gametofito e Spora). Spesso pero' tale serie e' anche presente (quale anomalia del ciclo riproduttivo generazionale) nella fase sporofitica.
1(o Isostemone) dicesi del fiore con il numero degli stami disposti in una sola serie uguale a quello dei petali.
- 0Prefisso di parola composta col significato di senza, con difficoltà.
1Può esser riferito ad un gineceo pluricarpellare in cui i carpelli rimangono separati e indipendenti tra loro,
ovvero all'infruttescenza che ne deriva, costituita da tanti frutticini aggregati o multipli generata da quell'unico fiore.
I singoli frutticini costituiti da acheni (Fragola, Ranuncolo), da drupe ( Mora di rovo), da follicoli (Peonia) sono apocarpi.
1Decolorazione per mancata produzione del pigmento.
- 0Particolare endemismo che riguarda taxa che si sono originati in una regione ristretta per poliploidizzazione (acquisizione del carattere poliploide) a partire da un taxon diploide (o meno fortemente poliploide) piu' o meno largamente diffuso nelle aree vicine.
Assieme allo Schizoendemismo rappresenta la componente attiva e innovatrice dell'endemismo.
- 0a) Protuberanza piramidale, opaca e indurita che si sviluppa sul dorso delle squame degli strobili di alcune Pinaceae.
b) Collo, parte basale sterile della capsula.
- 0Specie vegetale sinantropica autoctona, che trae giovamento e si diffonde in ambienti antropizzati.
- 0Processo conseguente all' aposporia per cui da cellule (pseudogameti femminili diploidi) del gametofito diploide cosi' ottenute si origina direttamente lo sporofito,cioe'la pianta adulta, senza fusione di gameti e produzione di zigote. In pratica tutto il ciclo "sporofito-gametofito-sporofito" rimane in ambito diploide.
- 0Mancante degli organi riproduttivi femminili.
- 0Sistema di riproduzione asessuale presente in molte specie vegetali che comporta la formazione dell'embrione in assenza di meiosi e di fecondazione. Le progenie derivanti da semi prodotti per apomissia sono geneticamente identiche al parentale materno.
Si distinguono
Apomissia sporofitica quando l'embrione e' originato da una cellula sporofitica non fecondata.
Apomissia gametofitica quando l'embrione e' originato da una cellula gametofitica dell'oosfera non fecondata.

Si contrappone all'anfimissia dove l'embrione, nella riproduzione sessuata, si origina da uno zigote formato per fusione tra una oosfera ed un gamete maschile, che e' il caso piu' frequente.
- 0Gamia prodotta dal gamete maschile che si introduce nell'ovulo senza passare dal micropilo.
- 0È l'emissione di segnali di avvertimento da parte di un organismo, col quale una possibile preda assume strutture, caratteri, colorazioni, odori o comportamenti tali da indicare ai possibili predatori, la presenza di particolari mezzi di difesa.
- 0Processo di formazione di un sacco embrionale (gametofito) diploide a partire da cellule che non hanno subito la divisione riduzionale (meiosi) a spore.
Si parla di aposporia somatica quando la cellula che si sviluppa e' un elemento estraneo all'archesporio, di origine nucellare o calazale(dell'ovulo).
Si parla di aposporia goniale o generativa quando la cellula iniziale e' omologa ad una cellula madre delle megaspore nella quale pero' e'stata soppressa la meiosi(subisce solamente la mitosi che da' origine a cellule diploidi[pseudospore],che danno origine al gametofito diploide con pseudogameti diploidi).Vedi anche Apogamia.
- 0Dicesi del prolungamento posto alla base o all'apice di alcuni organi.
(Base delle antere di alcune specie di Erica)
- 0Organo che dispone di una piccola appendice.
1Dicesi di un organo accostato ad un altro per tutta la sua estensione, ma non aderente.
Foglie applicate se assiepate faccia s faccia tra loro o accostate al fusto o alle ramificazioni.
Peli applicati se sono distesi sopra la superficie dove si inseriscono.
1Dicesi di organo che si sviluppa strettamente vicino alla superficie di un altro organo.
1(o Appressato) Ravvicinato ma senza che ci sia contatto.
- 0o Attero - dal gr. ??pteros, da a privativa e pteron = ala. Privo di ali.
In botanica vengono cos?? descritti i semi privi di ali.



-Elemento di attacco al substrato, usato come sinonimo il rizoide, le rizine ecc.

-Nelle spore degli equiseti sono quattro appendici nastriformi lunghe e sottili, dotate di movimenti igroscopici, che a seconda del grado di umidità, sono capaci di avvolgersi e distendersi attorno alla spora, consentendole il movimento necessario alla disseminazione. Da alcuni autori sono chiamati elateri, come le cellule del tessuto interno delle capsule sporifere delle Epatiche, che svolgono le stesse funzioni.
1Movimento di curvatura di organi vegetali (radici, viticci, piccioli) in direzione di un oggetto con cui vengono in contatto.
Sin. Tigmotropismo.
1Dicesi di pianta con foglie pungenti.
1(o aracnoidato, aracnoideo, araneoso, ragnateloso) Organo dotato di peli sottili, sericei, somiglianti ad una ragnatela.
1Formazioni eliofile dominate da fanerofite con altezza media inferiore a 5 m, estese per almeno 2000 m² e che ricoprono il suolo almeno per il 20%.
- 0Pianta legnosa di piccole o medie dimendioni (1 - 5m), senza tronco ben distinto e la cui ramificazione inizia sin dalla base o in prossimità di essa. Viene anche definito “frutice” ed ha aspetto cespuglioso.
1Arcesthida Desvaux - Sin. Galbulus, Strobilus
Pseudofrutto di alcune gimosperme come Juniperus, consistente in un cono carnoso simile ad una drupa, con uno o numerosi semi contenuti in squame adnate alle brattee.
1Struttura pluricellulare propria della fase aploide gametofitica delle piante inferiori(briofite,pteridofite e gimnosperme)che contiene la cellula uovo(oosfera).Si osserva una progressiva semplificazione della sua struttura nel passaggio dai muschi alle felci(a forma di fiasco, rigonfio nella parte basale) alle gimnosperme(ridotto a 3 cellule oltre la cellula uovo).
- 0Specie avventizia introdotta nel territorio da prima della scoperta dell’America (per convenzione da prima del 1500).
- 0Leggermente ricurvo ad arco.
1( o ardosiacus) colore che corrisponde al grigio cupo dell'ardesia.

Ardesiacus: Moraea ardesiaca, Cortinarius ardesiacus, Pleurella ardesiaca, Phlebia ardesiaca, Pseudocyphellaria ardesiaca, Penicillium ardesiacum, Pseudofusicoccum ardesiacum
Ardosiacus: Clitopilus ardosiacus, Bovista ardosiaca, Clavaria ardosiaca, Xenasmatella ardosiaca, Bovista ardosiaca
Ardosiaecolor: Hymenagaricus ardosiaecolor
- 0Territorio nel quale gli esseri viventi trovano estremo rifugio in caso di grosse difficoltà ambientali (glaciazioni, desertificazioni, ecc.).
- 0Area di distribuzione di una specie. Quando è costitiuito da territori non contigui dicesi disgiunto.
1Termini utilizzati per nominare alcune specie botaniche e micologiche che oltre a indicare il loro ambiente di crescita, specificano amche il loro colore simile a quello della sabbia, che varia dal grigio giallastro più o meno chiaro assumendo tonalità brunastre, rossastre o verdognole, dipendenti dai minerali che la compongono.

Arenaceus: Eucalyptus arenacea, Forasaccus arenaceus, Heppia arenacea, Melaspilea arenacea, Mycoclelandia arenacea, Paypayrola arenacea, Perotis arenacea, Rebutia arenacea, Sulcorebutia arenacea, Toliara arenacea, Weingartia arenacea, Bromus arenaceus , Forasaccus arenaceus, Sporobolus arenaceus -
Heppia arenacea, Melaspilea arenacea, Mycoclelandia arenacea, Polysporina arenacea, Hypomyces arenaceus, Marasmiellus arenaceus
Arenicolor: Hebeloma arenicolor, Coriolus arenicolor, Microporus arenicolor, Polyporus arenicolor, Polystictus arenicolor

- 0Rocce compatte, rigide e tenaci costituite da sabbie cementate di natura carbonatica, silicica o detritica costituite da calcite, quarzo, felspati o resti e frammenti litici o microfossili.
- 0Che vive o preferisce vegetare negli arenili.
- 0Ambiente composto da ghiaia o sabbia, proprio del litorale che dal piede delle dune arriva al mare.
1Piccola area, circolare, poligonale o angolosa, differente dall'area circostante per colore o per diversa struttura.
5Il colore dell’argento ( argenteus – argyraeus) è la tonalità metallica simile al grigio la cui intensità e tonalità dipende dalla sorgente luminosa e dal materiale di superficie.
In botanica e micologia unendosi anche ad altre tinte, ha dato il nome a diverse specie

Argentatus: Parthenium argentatum, Carduus argentatus, Cnicus argentatus, Erigeron argentatus, Senecio argentatus,Astragalus argentatus, Rubus argentatus, Parthenium argentatum, Galeobdolon argentatum, Rhaponticum argentatum, Hedysarum argentatum, Verbascum argentatum, Edera argentata, Aralia argentata, Asclepias argentata, Artemisia argentata, Oxytropis argentata, Quercus argentata, Olea argentata, Melica argentata, Potentilla argentata,Daphne argentata, Passerina argentata, Cortinarius argentatus, Polyporus argentatus, Geastrum argentatum, Puccinia argentata, Psathyrella argentata, Lecanora argentata
Argentellus: Elaeocarpus argentellus, Hieracium argentellum, Stemonaria argentella
Argenteobrunneus: Lamproderma argenteobrunneum
Argenteofulvus: Amauroderma argenteofulvum
Argenteofuscus: Verrucaria argenteofusca
Argenteogriseus: Pluteus argenteogriseus
Argenteohygrophanus: Cortinarius argenteohygrophanus
Argenteolilacinus: Cortinarius argenteolilacinus
Argenteoluteus: Inocybe argenteolutea
Argenteus: Aster argenteus, Haplopappus argenteus, Hrlianthus argenteus, Senecio argenteus, Cactus argenteus, Convolvulus argenteus, Cyperus argenteus, Scirpus argenteus,Croton argenteus, Cytisus argenteus, Lupinus argenteus, Crocus argenteus, Astragalus argeteus, Lotus argenteus, Ulex argenteus, Andropogon argenteus, Ranunculus argenteus, Cotoneaster argenteus, Rubus argenteus, Styrax argenteus, Selinum argenteum, Mesembryanthemum argenteum, Chrysanthemum argenteum, Cirsium argenteum, Doronicum argenteum, Eupatorium argenteum, Helichrysum argenteum, Hieracium argenteum, Tanacetum argenteum, Xantium argenteum, Echium argenteum, Alyssum argenteum, Cerastium atgenteum, Helianthemum argenteum, Rhododendron argenteum, Geranium argenteum, Clinopodium argenteum, Dorycnium argenteum, Hedysarum argenteum, Spartium argenteum, Lycopodium argenteum, Agropyrum argenteum, Panicum argenteum, Trisetum argenteum, Polygonum argenteum, Galium argenteum, Solanum argenteum, Rhus argentea, Uvaria argentea, Aristolochia argente, Achillea argentea, Anthemis argentea, Artemisia argentea, Centasurea argentea, Conyza argentea, Filago argentea, Matricarnte, Solidago argentea, Draba argentea, Lunaria argentea, Silene argentea, Atriplex argentea, Carex argentea, Scabiosa argentea, Eleagnus argentea,Erica argentea, Castanea argentea,Fagus argentea, Genista argentea, Iris argentea, Salvia argentea, Acacia argentea, Satureja argentea, Ononis argentea, Vicia argentea, Eucalyptus argentea, Myrtus argentea, Oxalis argentea, Abies argentea, Plantago argentea, Avena argentea, Festuca argentea, Melica argentea, Poa argentea, Sesleria argentea, Polygala argentea, Clematis argentea, Potentilla argentea, Sorbus argentea, Spiraea argentea, épèilus argentea, Salix argentea, Daphne argentea, Vitis argentea Amanita argentea, Calvatia argentea, Asteroma argentea, Inocybe argentea, Phaeoclavulina argentea, Pseudobaeospora argentea, Scopulariopsis argentea
Argentinus: Helianthus argentinus,Senecio argentinus, Cyperus argentinus, Astragalus argentinus, Lupinus argentinus, Hibiscus argentinus, Rumex argentinus, Asplenium argentinum, Eupatorium argentinum, Hieravium argentinum, Lepidium argentinum, Cerastium argentinum, Geranium argentinum, Epilobium argentinum, Polypodium argentinum, Solanum argentinum, Amaryllis argentina, Ilex argentina, Aristolochia argentina, Gamochaeta argentina, Hypochaeris argentina, Cardamine argentina, Draba argentina, Bromelia argentina, Opuntia argentina, Silene argentina, Atriplex argentina,Carex argentina, Eleocharis argentina, Dryopteris argentina, Acacia argentina, Oxalis argentina, Plantago argentina,Eragrostis argentina, Festuca argentina, Poa argentina, Setaria argentina, Potentilla argentina, Viola argentina, Entoloma argentinum
Argentus: Perlarius argentus, Baccharidastrum argentum, Psidium argentum, Polygonum argentum, Cortinarius argentum-silvae
Argyroleucus: Himantia argyroleuca
Argyraceus: Agaricus argyraceus, Tricholoma argyraceum, Pseudocyphellaria argyracea, Russula argyracea, Salix argyracea, Leonuroides argyracea, , Panzeria argyracea, Panzerina argyracea
Argyraeus: Hieracium argyraeum , Lotus argyraeus, Pothos argyraeus, Convolvulus argyraeus, Cyperus argyraeus, Anisolotus argyraeus, Lotus argyraeus, Lupinus argyraeus, Physaria argyraea, Vesicaria argyraea, Erica argyraea, Dalea argyraea, Acacia argyraea, Anila argyraea, Oxytropis argyraea, Maranta argyraea, Acacia argyraea, Pteris argyraea
Argyreiicolus: Bheemamyces argyreiicola
Argyreiigenus: Pseudocercospora argyreiigena
Argyreus: Agaricus argyreus, Rhizocarpon argyreum, Lecidea argyrea, Phyllosticta argyrea, Senecio argyreus, Evolvulus argyreus, Andropogon argyreus, Ranunculus argyreus, Neblinathamnus argyreus, Alocasia argyrea, Artemisia argyrea, Scorzonera argyrea, Bignonia argyrea, Draba argyrea, Glicine argyrea, Ajuga argyrea, Sideritis argirea, Onobrichis argyrea, Plantago argyrea, Melica argyrea, Potentilla argyrea, Smilax argyrea
Argyrioides: Patellaria argyrioides, Lecanidon argyrioides
Argyroa: Cardus argyroa
Argyrocomus: Echinops argyrocomus, Hieracium argyrocomum, Melampyrum argyrocomum, Gnaphalium argyrocoma, Pilosella argyrocoma, Paronychia argyrocoma, Potentilla argyrocoma
1Involucro carnoso e vivacemente colorato derivante dall'espansione del funicolo, che avvolge l’ovulo e quindi il seme di alcune gimnosperme, senza aderire al tegumento. Es. tasso.
1Arillocarpium Beck - Sin. Calybio, Drupa spuria, Gymnocarpo
Spermatocarpo (pseudofrutto delle Gimosperme) con il seme ricoperto da un arillo carnoso come nelle specie delle Taxaceae e Cephalotaxaceae.
- 0( Arilloide o faldo arillo) Escrescenza di alcuni semi dovuta a un ingrossamento del tegumento dell’ovulo in corrispondenza del micropilo, che può estendersi a tutta la superficie del seme (Euonymus sp.). Se di piccole dimensioni è detta caruncula.
1( o Resta). Filamento sottile posto sulla parte apicale di foglie, sepali, petali, brattee ecc., o nella porzione terminale delle glume o glumette in alcune Poacee (Graminacee).
1Provvisto di appendice filiforme o arista.
1Colore tra l'arancione e il giallo simile a quello dell'albicocca.
L’epiteto latino ha dato il nome ad alcune specie botaniche e micologiche, in conseguenza del colore e/o della provenienza (Armenia, stato eurasiatico indipendente del Caucaso meridionale).

Armeniacus: Opopanax armeniacus, Cheiranthus armeniacus, Gladiolus armeniacus, Thymus armeniacus, Astragalus armeniacus, Lotus armeniacus, Hibiscus armeniacus, Ranunculus armeniacus, Rubus armeniacus, Peucedanum armeniacum, Hieracium armeniacum, Taraxacum armeniacum, Symphytum armeniacum, Erysimum armeniacum, Cerastium armeniacum, Muscari armeniacum, Ornithogalum armeniacum, Trifolium armeniacum, Dendrobium armeniacum, Epidendrum armeniacum, Papaver armeniacum, Triticum armeniacum, Delphinium armeniacum, Verbascum armeniacum, Anthemis armeniaca, Artemisia armeniaca, Jurinea armeniaca, Matricaria armeniaca, Pilosella armeniaca, Scorzonera armeniaca, Impatiens armeniaca, Nonea armeniaca, Onosma armeniaca, Guzmania armeniaca, Gypsophila armeniaca, Silene armeniaca, Cephalaria armeniaca, Euphorbia armeniaca, Quercus armeniaca, Salvia armeniaca, Sideritis armeniaca, Laurus armeniaca, Genista armeniaca, Oxytropis armeniaca, Malva armeniaca, Dactylorhiza armeniaca, Argemone armeniaca, Avenula armeniaca, Stipa armeniaca, Primula armeniaca, Consolida armeniaca, Alchemilla armeniaca, Potentilla armeniaca, Prunus armeniaca, Sorbus armeniaca, Scrophularia armeniaca, Linaria armeniaca
Amanita armeniaca, Armillariella armeniaca, Bullera armeniaca, Calycella armeniaca, Grifola armeniaca, Inocybe armeniaca, Mycena armeniaca, Pholiota armeniaca, Pezizella armeniaca, Puccinia armeniaca, Ramaria armeniaca, Pstathyrella armeniaca, Tremella armeniaca, Rheubarbariboletus armeniacus, Leccinum armeniacum, Stereum armeniacum, Xerocomus armeniacus, Marasmius armeniacus, Cheiranthus armeniacus, Cortinarius armeniacus, Gymnoascus armeniacus, Pleurotus armeniacus, Tyromyces armeniacus

Armeniacoflavus: Leucocoprinus armeniacoflavus
- 0Qualsiasi malattia che si manifesta con un arrossamento delle foglie seguito da una caduta prematura. Frequente nelle conifere.
1Dicesi del margine di una foglia, di un petalo o di qualsiasi organo che che ha il profilo (in genere all'apice) di una linea curva senza interruzioni.
1Provvisto di articolazioni come il frutto lomentaceo della Coronilla e Hyppocrepis o il caule della Salicornia.
1Dicesi della zona in cui due parti contigue si separano naturalmente senza rotture dei tessuti, lascianto una cicatrice ben definita.

Ma anche del restringimento a cui fa seguito il rigonfiamento provocato dall'accrescimento del seme contenuto in molti frutti delle Fabaceae (lomenti).
1La porzione di un organo, contenuta tra due articolazioni.
- 0Proprio dei campi.
1Angolo formato da un fusto con una ramificazione laterale o una foglia.
Se l'angolo è ottuso la foglia è riflessa, se è retto è patente, se è acuto è appressata.
1Dicesi della foglia, brattea o altro organo alla cui ascella nascono rami, fiori, brattee, peduncoli ecc.
1Riferito a fiore, spina o gemma che si sviluppa all'ascella di una foglia ascellante.
1Fusto o ramo che dalla posizione inizialmente orizzontale alla base, crescendo si incurva fino a portarsi in posizione più o meno verticale.
Dicesi anche della linfa che dalle radici sale fino a gattiungere le foglie.
1Foglia metamorfosata di alcune piante carnivore (Nepenthes, Cephalotus, Sarracenia ecc.) che ripiegandosi diventa una specie di bicchiere con un coperchietto, una trappola atta a catturare insetti.
- 0Stato di sofferenza dovuto alla carenza di ossigeno che si verifica in alcune piante, quando ristagni d'acqua o eccessiva compatezza del terreno, ostacolano la respirazione delle radici.
- 0E' la mancata produzione del seme.
- 0Termine generico per indicare un supporto allungato (fusto, ramo, peduncolo) sul quale si attaccano elementi laterali.
- 0Insieme del peduncolo e del ricettacolo del fiore.
- 0Inserito su un asse.
- 0Vedasi placentazione
- 0Secondo la scuola fitosociologica di Braun-Blanquet è la comunità base che compone la vegetazione avente caratteri floristici, ecologici, corologici e statistici relativamente costanti.
Sono indicate con il nome o i nomi delle specie che ne fanno parte con l'aggiunta del suffisso -etum, così ad esempio la lecceta sarà Viburno-Quercetum ilicis.
1Foglia o altro organo laminare, con apice più o meno acuto e alla base due lobi (auricole) acuti e divergenti che puntano verso l'esterno, simili a quelli delle alabarde.
- 0(o Compositae)Famiglia di piante dicotiledoni simpetale, generalmente erbacee, caratterizzate da infiorescenze a capolino, composte da singoli fiori tubulosi e/o ligulati.
I frutti sono acheni con pappo, provenienti da ovario infero bicarpellare.
Famiglia diffusa in quasi tutto il mondo è una delle più grandi delle Angiosperme.
1Priva di stomi. Particolarità delle foglie sommerse delle idrofite.
- 0Cicatrizzante e capace di lenire le infiammazioni.
- 0Adenosina trifosfato, estere trifosforico dell’adenosina, che nei viventi ha funzione di trasportare e immagazzinare energia.
Costituisce la principale fonte energetica della cellula.
1Prefisso utilizzato per significare nero, nerastro, oscuro, che insieme ad altri colori ha dato il nome a molte specie botaniche e micologiche

Atroaerugineus: Russula atroaeruginea
Atroalbus: Clitocybula atroalba, Mycena atroalba, Marasmius atroalbus, Cortinarius atroalbus
Atroamethystinus: Russula atroamethystina
Atroavellaneus: Pluteus atroavellaneus
Atroazureus: Leucoagaricus atroazureus
Atrobadius: Daphniphyllum atrobadium, Clavaria atrobadia
Atrobrunneus: Pycreus atrobrunneus, Agrostophyllum atrobrunneum, Epidendrum atrobrunneum, Eleocharis atrobrunnea , Ledebouria atrobrunnea, Stelis atrobrunnea , Grewia atrobrunnea, Entoloma atrobrunneum, Lactarius atrobrunneus, Tylopilus atrobrunneus
Atrocaeruleus: Hieracium atrocaeruleum , Stelis atrocaerulea , Sutera atrocaerulea , Cortinarius atrocaeruleus, Hohenbuehelia atrocaerulea, Pleurotus atrocaeruleus
Atrocaesius: Tephromela atrocaesia
Atrocarmesinus: Euphorbia atrocarmesina
Atrocastaneus: Melandrium atrocastaneum, Greigia atrocastanea, Guzmania atrocastanea, Silene atrocastanea, Cyathea atrocastanea, Marasmius atrocastaneus
Atrochalybaeus: Cortinarius atrochalybaeus, Mycena atrochalybaea Atrocinereus Salix atrocinerea, Hieracium atrocinereum, Agaricus atrocinereus, Craterellus atrocinereus
Atrocitrinus: Thelephora atrocitrina, Perrotia atrocitrina
Atrococcineus: Lotus atrococcineus, Tillandsia atrococcinea, Vriesea atrococcinea, Swainsona atrococcinea,Hygrophorus atrococcineus
Atrocoeruleus: Rubus atrocoeruleus, Dodartia atrocoerulea, Petrea atrocoerulea, Lepiota atrocoerulea, Entoloma atrocoeruleum
Atrocroceus: Hieracium atrocroceum, Lepiota atrocrocea
Atrocyaneus: Iris atrocyanea, Pholiotina atrocyanea, Viburnum atrocyaneum, Salvia atrocyanea, Aconitum atrocyaneum, Scutellaria atrocyanea, Onosma atrocyanea, Parosela atrocyanea, Mycena atrocyanea, Amaurodon atrocyaneus, Durella atrocyanea, Nolanea atrocyanea, Pholiotina atrocyanea, Tetrapyrgos atrocyanea
Atroflavescens: Rhizocarpon atroflavescens
Atroflavus: Caloplaca atroflava, Mollisia atroflava, Sarcographa atroflava
Atrofulvus: Clitocybe atrofulva, Heimiomyces atrofulvus, Miriquidica atrofulva
Atrofuscus: Carex atrofusca, Senecio atrofuscus, Juncus atrofuscus, Panicum atrofuscum, Hieracium atrofuscum, Melastoma atrofuscum, Iris atrofusc, Plantago atrofusca, Digitaria atrofusca, Linaria atrofusca,Maespilus atrofusca,Ascobolus atrofuscus, Cantharellus atrofuscus, Clavaria atrofusca, Mycena atrofusca, Russula atrofusca, Porphyrellus atrofuscus, Cortinarius atrofuscus, Cyathus atrofuscus
Atroglaucus: Taraxacum atroglaucum, Russula atroglauca
Atrogriseus: Ctenitis atrogrisea, Dryopteris atrogrisea, Megalastrum atrogriseum, Bacidia atrogrisea, Tricholomopsis atrogrisea, Massaria atrogrisea, Entoloma atrogriseum, Phialemonium atrogriseum, Botryotrichum atrogriseum
Atrolazulinus: Cortinarius atrolazulinus
Atrolilacinus: Jacaranda atrolilacina, Mentha atrolilacina,Cantharellus atrolilacinus
Atroleucus: Graphis atroleuca
Atrolividus: Hieracium atrolividum, Lecidea atrolivida, Bacidia atrolivida, Bilimbia atrolivida
Atrolutescens: Lecidea atrolutescens
Atroluteus: Dimerella atrolutea, Microphiale atrolutea, Gyalecta atrolutea, Coenogonium atroluteum
Atronicotianus: Tylopilus atronicotianus
Atronitens: Hieracium atronitens, Cyperus atronitens, Collandra atronitens, Mangoldia atronitens, Sphaeria atronitens, Asteromella atronitens, Diaporthopsis atronitens, Patellea atronitens, Piggotia atronitens
Atropuniceus: Fagus atropunicea
Atropurpureus: Amaranthus atropurpureus, Astragalus atropurpureus, Daucus atropurpureus, Dianthus atropurpureus, Dipsacus atropurpureus, Ricinus atropyrpureus, Euonymus atropurpureus, Coleus atropurpureus, Lotus atropurpureus, Cotoneaster atropurpureus, Eleocharis, Sixalix, Lysimachia, Gladiolus atropurpureus, Lupinus atropurpureus, Biscutella atropurpurea, Cerinthe atropurpurea, Silene atropurpurea, Rhodiola atropurpurea, Carex atropurpurea, Scabiosa atropurpurea, Sixalix atropurpurea, Dracaena atropurpurea, Pyrola atropurpurea, Oxytropis atropurpurea, Gentiana atropurpurea, Salvia atropurpurea, Anthyllis atropurpurea, Vicia atropurpurea, Althaea atropurpurea, Epipactis atropurpurea, Avena atropurpurea, Aquilegia atropurpurea, Lysimachia atropurpurea, Euphrasia atropurpurea, Russula atropurpurea, Cellularia atropurpurea, Mycena atropurpurea, Lenzites atropurpurea,Geoglossum atropurpureum, Hypoxylon atropurpureum, Lycoperdon atropurpureum, Physarum atropurpureum, Cortinarius atropurpureus, Marasmius atropurpureus, Merulius atropurpureus, Polyporus atropurpureus, Xerotus atropurpureus
Atroroseus: Annulohypoxylon atroroseum, Acroclinium atroroseum, Billbergia atrorosea, Cottendorfia atrorosea, Lindmania atrorosea, Talaromyces atroroseus, Russula atrorosea, Annulohypoxylon atroroseum
Atrorubellus: Crataegus x atrorubella
Atrorubens: Epipactis atrorubens, Helleborus atrorubens, Arum atrorubens, Cynanchum atrorubens, Eupatorium atrorubens, Helianthus atrorubens, Arabis atrorubens, Dianthus atrorubens, Euphorbia atrorubens, Trifolium atrorubens, Epidendron atrorubens, Festuca atrorubens, Potentilla atrorubens, Rubus atrorubens, Saxifraga atrorubens, Pedicularis atrorubens, Russula atrorubens, Marasmius atrorubens, Tuber atrorubens, Poria atrorubens
Atroruber: Cactus atroruber, Microstylis atroruber, Impatiens atrorubra, Mamillaria atrorubra, Salvia atrorubra, Glycine atrorubra, Fucsia atrorubra, Malus atrorubra, Nectiella atrorubra, Tomentella atrorubra, Stereum atrorubrum, Hypochnus atroruber, Physarum atrorubrum
Atrorufus: Croton atrorufus, Psorospermum atrorufum, Carex atrorufa, Myrcia atrorufa, Oxydectes atrorufa, Agaricus atrorufus, Mycena atrorufa, Boletus atrorufus, Arthonia atrorufa, Peziza atrorufa, Botryosphaeria atrorufa, Arthothelium atrorufum
Atrosanguineus: Amaranthus atrosanguineus, Cosmos atrosanguineus, Cactus atrosanguineus Cyperus atrosanguineus, Astragalus atrosanguineus, Scirpus atrosanguineus, Carum atrosanguineum, Allium atrosanguineum, Lilium atrosanguineus, Solanum atrosanguineus, Panicum atrosanguineus, Bidens atrosanguinea, Impatiens atrosanguinea, Lonicera atrosanguinea, Atriplex atrosanguinea, Corylus atrosanguinea, Carex atrosanguinea, Sorbus atrosanguinea, Potentilla atrosanguinea, Pedicularis atrosanguinea, Agaricus atrosanguineus, Hebeloma atrosanguineum, Epicoccum atrosanguineum, Bacidia atrosanguinea, Caloplaca atrosanguinea, Bidens atrosanguinea, Stropharia atrosanguinea, Verrucaria atrosanguinea, Patellea atrosanguinea, Russula atrosanguinea
Atrosulphureus: Lecanora atrosulphurea
Atroumbrinus: Fomes atroumbrinus, Polyporus atrumbrinus, Ozonium atroumbrinum, Clavaria atroumbrina, Ropalospora atroumbrina, Rinodina atroumbrina
Atrovenetus: Penicillum atrovenetum
Atrovinosus: Rubus atrovinosus, Astragalus atrovinosus, Erica atrovinosa, Aquilegia atrovinosa, Eria atrovinosa, Couratari atrovinosa, Polyporus atrovinosus, Russula atrovinosa, Peziza atrovinosa, Mycena atrovinosa, Lepiota atrovinosa, Crinipellis atrovinosa
Atroviolaceus: Senecio atroviolaceus, Hyacinthus atroviolaceus, Gladiolus atroviolaceus, Hibiscus atroviolaceus, Bellevalia atroviolacea, Allium atroviolaceum, Bupleurum atroviolaceum , Panicum atroviolaceum , Veratrum atroviolaceum, Delphinum atroviolaceum, Verbascum atroviolaceum, Solanum atroviolaceum, Asclepias atroviolacea , Tillandsia atroviolacea , Gentiana atroviolacea, Iris atroviolacea, Romulea atroviolacea, Viola atroviolacea, Boletus atroviolaceus , Cortinarius atroviolaceus, Lctarius atroviolaceus, Entoloma atroviolaceus, Boletus atroviolaceus, Suillus atroviolaceus, Entoloma atroviolaceum, Tricholoma atroviolaceum, Collybia atroviolacea, Galactinia atroviolacea, Peziza atroviolacea, Mycena atroviolacea, Russula atroviolacea
Atrovirens: Agave atrovirens, Alchemilla atrovirens, Aster atrovirens, Carex atrovirens, Chenopodium atrovirens, Ficus atrovirens, Hieracium atrovirens, Leotia atrovirens, Mentha atrovirens, Scirpus atrovirens, Thuja atrovirens, Urtica atrovirens, Cortinarius atrovirens, Trementella atrovirens, Byssocorticium atrovirens, Coryne atrovirens, Fusariella atrovirens, Microglossum atrovirens, Mycena atrovirens, Russula atrovirens
Atroviridis: Cereus atroviridis, Opuntia atroviridis, Carex atroviridis, Cyperus atroviridis Epipactis atroviridis, Spiranthe atriviridis, Erica atroviridis, Pedicularis atriviridis, Rubus atroviridis, Lactarius atroviridis, Lecidea atroviridis, Clitocybe atroviridis, Collybia atrovirids, Russula atroviridis, Sarcodon atroviridis
1Dicesi di un organo che si assottiglia gradualmente restringendosi in larghezza e spessore.
- 0Privo di ali.
1o Actinomorfo - Organo (fiore, frutto, foglia) a simmetria raggiata, come un cerchio.
I fiori attinomorfi anche detti "regolari”, hanno la corolla simmetrica rispetto a un punto centrale per cui tutti i piani di simmetria (più di 2) passano da questo. Esempio Dianthus, Rosa ecc.
- 0Abbreviazione del termine latino auctorum = degli autori, col significato dell'uso di quel nome da parte di altri autori non nominati.
3Colore arancione, colore dell'arancia matura, come:
Senecio, Lactarius, Leccinum, Lampranthus, Pilosella, Daphne, Hygrophoropsis, Tephroseris, Hieracium, Boletus, Gerbera, Hydnum, Lampranthus, Cattleya, Cestrum.

Indicano lo stesso colore i termini latini:
Auranticus: Paxillus auranticus
Aurantius: Peziza aurantia, Citrus ?? aurantium, Aleuria aurantia, Scleroderma aurantium, Tricholoma aurantium
Auranteus: Hygrocybe auranteus
Aurantellus: Pilosella aurantella
4Color oro, dorato, aureo.

Aureus:Carex aurea, Lamarckia aurea, Pentachaeta aurea, Viola aurea, Linanthus aureus, Ribes aureum , Erigeron aureus, Daucus aureus, Crepis aurea, Lamarckia aurea, Matricaria aurea, Phyllostachys aurea, Potentilla aurea, Ramaria aurea, Chaerophyllum aureum, Trifolium aureum, Trisetum aureum, Alstroemeria, Bidens aurea, Crocus aureus, Erigeron aureus, Boletus aureus, Hygrophorus aureus
Auratus: Arachnopeziza aurata, Russula aurata, Betula aurata, Tricholoma auratus
Aureatus: Primula aureata
Aurescens: Neckera aurescens
Aureolus: Rubus aureolus, Dracaena aureolus, Amanita aureola, Cyperus aureolus, Restio aureolus, Draba aureola
Auricolor: Pinguicula auricolor, Agaricus auricolor, Orbillia auricolor, Hyphodiscus auricolor
Aurulenta: Auriporia aurulenta
1Riferito a foglie o stipole che presentano alla base delle espansioni semicircolari tipo "orecchiette" dette auricole.
1Colore assai variabile che va dal lilla al vermiglio e al rosa fino al giallo arancio, come quello dell'aurora che annuncia il sorgere del sole.
Alcune specie botaniche e micologiche hanno preso il nome da questo epiteto:

Aurora: Anaphalis aurora, Mulgedium aurora, Dracaena aurora, Rubus aurora, Salix aurora, Brassia aurorae, Dressleria aurorae, Epidendrum aurorae, Lepanthes aurorae, Macroclinium aurorae, Maxillaria aurorae, Mormolyca aurorae, Orchidotypus aurorae, Pachyphyllum aurorae, Stenia aurorae, Trigonidium aurorae, Eragrostis aurorae,
Aphanobasidium aurora, Coprotus aurora, Cortinarius aurora, Cytospora aurora, Inocybe aurora, Lepiota aurora, Stereum aurora, Naucoria aurora, Russula aurora, Stereum aurora, Trametes aurora, Latruncellus aurorae, Ophiostoma aurorae, Polyblastia aurorae
Auroreus: Cactus auroreus, Bulbophyllum auroreum, Collybia aurorea, Heliconia aurorea, Ixora aurorea, Mammillaria aurorea, Mycena aurorea
Auroricolor: Pezizella auroricolor, Mycena auroricolor
Aurorinus: Dasyscyphus aurorina, Atractobolus aurorinus
3Organo specializzato per mezzo del quale un parassita penetra nei tessuti dell’ospite e ne estrae, succhiandole, le sostanze nutritive.
Tipico ad es. di alcune piante come Cuscuta, Viscum, Orobanche
- 0Dell'emisfero meridionale
- 0Prefisso col significato di: di sé stesso, da sè, che fa da solo...ecc.
- 0Dicesi del frutto derivante da autofecondazione.
- 0Dispersione dei semi effettuata dal frutto senza bisogno di interventi esterni.
Si contrappone ad allocoria.
- 0Dicesi specie animale, vegetale o minerale originaria del territorio considerato, senza aver subito variazioni o spostamenti naturali o ad opera dell'uomo.
- 0Sinonimo di Autoimpollinazione
- 0O Autoimpollinazione,quando il polline passa direttamente dalle antere allo stigma dello stesso fiore.Confronta Geitonogamia.
- 0Parassita che svolge il suo intero ciclo vitale a carico di un unico ospite.
- 0Processo nel quale gli stimmi sono impollinati dal polline delle antere dello stesso fiore.
- 0Un nome generico o epiteto specifico ripetuto senza la citazione dell'autore quale epiteto finale in un nome di una suddivisione di un genere o di una specie,il quale epiteto include il tipo del nome legittimo adottato del genere o specie,rispettivamente. L'autonimo viene stabilito automaticamente al primo momento della valida pubblicazione di un taxon infragenerico o infraspecifico. Ad es.quando de Candolle pubblico' la sezione Gwillimia DC. del genere Magnolia nel 1817,automaticamente venne stabilita Magnolia sect.Magnolia,il quale tipo e' lo stesso del genere Magnolia L.(M.virginiana L.). Quando venne pubblicata per la prima volta una suddivisione di Magnolia officinalis,cioe' Magnolia officinalis Rehder & E.H. Wilson var. biloba, automaticamente si stabili' l'autonimo Magnolia officinalis Rehder & E.H. Wilson var. officinalis,il quale tipo e' lo stesso di Magnolia officinalis Rehder & E.H. Wilson.
- 0Organismi capaci di elaborare sostanze organiche partendo da sostanze inorganiche utilizzando come fonte energetica la luce solare (fotosintesi) o l'ossidazione del materiale inorganico (chemiosintesi).
- 0Sostanza organica naturale (ormone vegetale) o sintetica che media tutta una serie di fenomeni connessi al metabolismo e allo sviluppo della pianta:
1:stimolo sui tessuti cambiali vascolari(a dosi medio-basse)
2:stimola(a basse dosi) l'allungamento delle radici e la formazione di radici laterali(ad alte dosi)
3:stimola(a basse dosi)o impedisce(ad alte dosi) lo sviluppo dei germogli laterali
4:partecipa allo sviluppo del pericarpo dei frutti stimolando l'accrescimento dell'ovario.
1Sfumatura del colore marrone che identifica il colore della nocciola, che viene utilizzato in botanica e micologia per nominare diverse specie:

Avellaneus: Croton avellaneus, Amanita avellanea,Albatrellus avellaneus, Claudopus avellaneus, Clitopilus avellaneus, Cortinarius avellaneus, Crepidotus avellaneus, Lactarius avellaneus, Pluteus avellaneus, Entoloma avellaneum, Diploderma avellaneum, Hebeloma avellaneum, Lycoperdon avellaneum, Trichoderma avellaneum, Amanita avellanea, Agrocybe avellanea, Fomitopsis avellanea, Gallacea avellanea, Inocybe avellanea, Peniophora avellanea, Lepiota avellanea, Melanoleuca avellanea, Mycena avellanea, Pezizella avellanea, Phanerochaete avellanea, Pyrenopeziza avellanea, Ramariopsis avellanea, Volvaria avellanea, Scolecobasidiella avellanea, Wrightoporia avellanea.
Avellanus: Saurauia avellana, Casearia avellana, Corylus avellana, Ixia avellana, Juglans avellana, Ononis avellana, Astronia avellana, Artanthe avellana, Grewia avellana, Piper avellanum, Rubus avellanus, Gymnopilus avellanus, Hygrocybe avellana, Xylaria avellana, Hamigera avellanea, Cytoplea avellanae, Lobularia avellanae, Pezizella avellanae, Gnomoniella avellanae
Avellanaceus: Stereum avellanaceum
Avellanicolor: Entoloma avellanicolor
Avellaneialbus: Tyromyces avellaneialbus
Avellaneoalbus: Ampulloclitocybe avellaneoalba
Avellaneibrunneus: Mycena avellaneibrunnea
Avellaneigriseus: Gymnopus avellaneigriseus
Avellaneigrisescens: Clavaria avellaneonigrescens Avellanocoeruleus: Cortinarius avellaneocoeruleus
Avellanomelleus: Lachnum avellaneomelleum
Avellanofulvus: Cortinarius avellanofulvus
1Dicesi di specie che vegeta e si diffonde in areale ristretto, diverso da quello primitivo e che spesso tende col tempo a scomparire.
Termine anche usato anche per organi vegetali originati in posizione atipica come la radice prodotta da un fusto in posizione aerea o in acqua, o quella prodotta da foglie, o anche come le gemme accidentali che si formano in seguito ad una ferita in posizioni diverse da quelle tipiche.
- 0Che trasforma l’azoto atmosferico in sostanze azotate utilizzabili da altri organismi superiori.
3Azzurro rappresenta una tonalità di colore tra il celeste ed il turchese, che ricorda quello del cielo sereno e del mare che lo rispecchia.
Alcune specie botaniche e micologiche sono state nominate con questo epiteto latino e con le sue variazioni.

Azureus: Agave azurea, Lactuca azurea, Anchusa azurea, Cicerbitya azurea, Onosma azurea, Pulmonaria azurea, Campanula azurea, Silene azurea, Clematis azurea, Asperula azurea Aster azureus, Erigeron azureus, Dipsacus azureus, Hibiscus azureus, Lathyrus azureus, Astragalus azureus, Thymus azureus, Hyacinthus azureus, Anchusa azurea, Delphinium azureum, Allium azureum, Symphytum azureum, Trachelium azureum, Sedum azureum, Galium azureum, Melastoma azureum, Delphinum azureum, Solanum azureum, Polystictus azureus, Entoloma azureum, Trametes azurea, Clitocybula azurea, Lepiota azurea
Azurellus: Leptogium azurellum
Azureoides: Lotononis azureoides, Peziza azureoides
Azureopallens: Cortinarius azureopallens
Azureotinctus: Afroboletus azureotinctus
Azureoviridis: Inocephalus azureoviridis
Azurescens: Psilocybe azurescens
Atroazureus: Leucoagaricus atroazureus



Acta Plantarum - un progetto "open source" per lo studio della flora italiana


Pagina realizzata da Giovanni Dose © actaplantarum.org