Glossario dei termini botanici
(a cura di Giuliano Salvai e Giovanni Dose)


Selezionare lettera iniziale  A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

 

Cliccare sul nome o sull'immagine per visualizzare la pagina di dettaglio.

nome
immagine
pic
descrizione
1Vengono così chiamate le radici a forma compressa, che scendono lungo il fusto come un contrafforte, per aumentare la stabilità di grossi alberi.(Ficus magnolioides)Borzi.
1Dei fossi, canali di scolo.
1(o Ricettacolo) Parte terminale dell'asse fiorale di forma svariata su cui si inseriscono i verticilli fiorali di un fiore o di una infiorescenza(ad es. nel capolino delle Asteraceae).
- 0Dicesi della pianta e della disseminazione relativa che è affidata al mare.
Come ad es. la Noce di cocco.
- 0Porzione di una pianta in grado di dare origine ad una nuova pianta geneticamente uguale alla pianta madre.
- 0Corpo cellulare, non organizzato in veri e propri tessuti e organi complessi, dove cioè non si distinguono radici, fusto e foglie (cormo).
Tipico di alghe, funghi e licheni.
- 0Pianta primitiva o poco evoluta, non differenziata in radici, fusto e foglie.
Questa denominazione veniva usata nella vecchia classificazione del regno vegetale per funghi, licheni, muschi e alghe.
- 0Sostanza complessa, costituito prevalentemente da glucosidi è presente soprattutto nelle parti vecchie di molti vegetali e nelle galle. Si estrae dalla corteccia di quercia, di china, dal legno di castagno e dalle noci di galla.
- 0E' la disciplina che si occupa dei modi di classificazione (degli esseri viventi e non), secondo criteri di diversa natura, elaborati e studiati dalla sistematica.
- 0(Taxa al plurale). Gruppo sistematico appartenente ad un rango(ad es.specie,genere,famiglia,etc...)qualsivoglia e caratterizzato da un nome(che e'un monomio sopra il rango di specie,un binomio nel caso della specie,un polinomio sotto il rango di specie).
1Una delle due parti dell'antera che contiene a sua volta una o più sacchi pollinici (microsporangi), in cui si differenziano e maturano i granuli di polline (microspore).
1Rivestimento interno dei semi quando sono protetti da due tegumenti
1Tessuto che riveste, protegge e isola organi delicati come ovuli e semi.
1Parti del fiore, più o meno uguali, che sostituiscono sepali e petali e formano il perigonio.
- 0Studio delle malformazioni.
1Dicesi di pianta o un suo organo con malformazioni.
1Dicesi anche apicale di organo situato all'estremo distale.
( Es. fogliolina terminale di infiorescenza imparipennata, parte terminale del peduncolo fiorale (ricettacolo), fiore terminale di un'infiorescenza, ecc.)
- 0Organismo che vive di norma in ambienti o aree caratterizzati da temperature medie annuali piuttosto elevate.
1Dicesi di foglie, fiori ed altri organi disposti in gruppi di tre.
Ad es. la foglia divisa in tre foglioline (sin. trifogliata)
- 0Raggruppamento che, secondo la classificazione di Raunkjaer per la forma biologica, comprende piante annuali che compiono il loro ciclo vitale nella buona stagione mentre trascorrono la stagione avversa allo stato di semi.
T caesp Terofite cespitose. Piante annue che formano ciuffi serrati, normalmente con più steli fiorali.
T par Terofite parassite. Piante annue che vivono a spese di altre, prelevandone la linfa con organi specifici.
T rept Terofite reptanti. Piante annue con fusti striscianti sul terreno.
T ros Terofite rosulate. Piante annue con tutte le foglie, o quasi tutte, in rosetta basale.
T scap Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.
- 0Sostanze organiche piu' o meno insolubili in acqua,multiple dell'unita' isoprenica,costituenti degli oli essenziali presenti nei fiori, foglie e frutti delle piante alle quali conferiscono particolari aromi e profumi.
- 0Insieme di cellule organizzate per svolgere particolari funzioni.
1Rivestimento piu' esterno, detto anche episperma, rigido e spesso dei semi quando sono coperti da due tegumenti.
1Colore marrone rossastro proprio dei mattoni di terracotta.
Questo epiteto e sue derivazioni, con altre tinte e toni di colore è usato per dare il nome ad alcune specie botaniche e micologiche.


Testaceus: Gladiolus testaceus, Rubus testaceus, Semecarpus testaceus, Cryptanthus testaceus, Mesembryanthemum testaceum, Anthurium testaceum, Pelargonium testaceum, Lilium testaceum, Solanum testaceum, Carex testacea, Scleria testacea, Caladenia testacea, Salix testacea, Lycianthes testacea,
Clitopilus testaceus, Iodophanus testaceus, Hygrophorus testaceus, Gymnopilus testaceus, Lactarius testaceus, Leucoagaricus testaceus, Marasmius testaceus, Phylloporus testaceus, Entoloma testaceum, Diderma testaceum, Entoloma testaceum, Ganoderma testaceum, Tricholoma testaceum, Lepiota testacea, Mycena testacea, Parmeliella testacea, Pholiota testacea, Russula testacea, Carex testacea, Psora testacea, Buellia testacea, Creopus testacea, Exidia testacea, Hylophila testacea, Xeromphalina testacea
Testaceoater: Calvitimela testaceoatra
Testaceoaurantiacus: Russula testaceoaurantiaca
Testaceocanescens: Cortinarius testaceocanescens
Testaceocolorans: Aspergillus testaceocolorans, Aspergillus testaceocolorans
Testaceoflavus: Entoloma testaceoflavus, Rhodophyllus testaceoflavus, Ramaria testaceoflava, Clitocybe testaceoflava
Testaceofulvus: Hydnum testaceofulvum, Psilocybe testaceofulva
Testaceofuscus: Fomes testaceofuscus
Testaceusgilvus: Tomentella testaceogilva
Testaceoglaucus: Lecidea testaceoglauca
Testaceolivens: Catillaria testaceolivens, Lecidea testaceolivens
Testaceusmicaceus: Cortinarius testaceomicaceus
Testaceopallens Cladonia testaceopallens
Testaceoruber: Aspicilia testaceorubra, Lecanora testaceorubra
Testaceorufus: Placodium testaceorufum, Blastenia testaceorufa, Haglundia testaceorufa, Lecidea testaceorufa
Testaceorufescens Catillaria testaceorufescens, Lecidea testaceorufescens
Testaceoviolaceus: Cortinarius testaceoviolaceus, Ramaria testaceoviolacea
Testaceoviolascens: Cortinarius testaceoviolascens
- 0Prefisso di origine greca che specifica il nome di una struttua che si ripete 4 volte.
1Frutto secco indeiscente, schizocarpo chiamato anche microbasario, che a maturità si separa in quattro porzioni monocarpellari monosperme tipo achenio, ne sono esempi i frutti delle Boraginaceae e delle Lamiaceae.
1Dicesi dei fiori con 4 verticilli (calice – corolla – androceo – gineceo)
1Insieme di 4 elementi. Viene così chiamato il complesso di 4 cellule, derivate dalle divisioni per meiosi della cellula madre, nella formazione delle spore.
1Riferito alla lunghezza dei filamenti staminali di un fiore a sei stami, quando quattro sono più lunghi e due più corti.
1Che ha 4 angoli.
1Sono i fiori con i verticilli composti da 4 elementi. Vengono così chiamati anche gli stessi verticilli.
1Fiore con 4 stami.
- 0Individuo che possiede 4 genomi (4n)
1Disposto in 4 file verticali, come le foglie di alcuni fusti o la spiga dell' Hordeum vulgare nella varietà tetrastica (Orzo comune), che è formata da 6 file in senso longitudinale di cariossidi di cui 4 riuniti in 2 coppie.
- 0E' il fenomeno per cui alcuni organi vegetali riescono a modificare la loro struttura e il loro portamento quando vengono a contatto con un corpo o uno stimolo estraneo.
Es.
Parthenocissus quinquefolia formano dischi adesivi nei viticci quando incontrano una parete.
Le cuscute sviluppano austori nei loro fusti quando vengono a contatto con un oggetto.
- 0( o Tigmonastia) Movimento rapido di una pianta in risposta ad un contatto (Mimosa pudica)
1( o Aptotropismo)E' la reazione di alcuni organi vegetali al contatto con un oggetto solido, come ad es. il movimento dei cirri o dei fusti che si avvolgono all'oggetto col quale vengono in contatto per sostenere la pianta durante il suo sviluppo.
- 0Tipo di infiorescenza composta, eterogenea, generalmente di forma ovoide, in cui l'asse principale di tipo indefinito (racemoso) porta numerosi rami laterali e opposti a dicasio semplici o composti.
1Sono così anche denominate le infiorescenze composte.
Secondo gli Autori dell'area anglosassone dicesi di un tipo di infiorescenza composta simile al tirso in cui l'asse principale e' un racemo di cime,ma che a differenza del tirso termina con un fiore.
1Dicesi di organo con la superficie completamente ricoperta da una morbida, esile e fitta peluria, che maschera il colore sottostante.
- 0Formazione carboniosa relativamente recente,ancora ricca di detriti vegetali, parzialmente decomposti.
1Superficie in piano o in debole depressione, acquitrinosa, in cui si forma la torba.
1Dicesi della deformazione attorno ad un asse di rotazione dell'ovario in molte orchidee.
1Dicesi di organo irregolarmente piegato e contorto.
1Dicesi di organo più o meno cilindrico, ma alternato da strozzature e parti allargate.
- 0Capacità di ogni singola cellula staminale,che non essendosi ancora differenziata, ha la capacità di evolversi in qualsiasi altro tipo di cellula originando tessuti o individui adulti.
- 0Detta anche vaso aperto, fa parte dei vasi conduttori, nei quali le pareti trasversali tra le cellule sono totalmente disciolte, per formare un tubo con una cavità continua. Sono assenti nelle Gimnosperme.
- 0Detti anche vasi chiusi, sono vasi conduttori nei quali permangono le pareti trasversali tra le cellule, sono presenti oltre che nelle Angiosperme, anche nelle Gimnosperme e Pteridofite.
1E' il seme dotato di un lungo ciuffo di peli (come i semi di molte specie della famiglia delle Apocynaceae).
- 0Sono dette radici a trampolo o radici fulcranti, quelle che nascono dal fusto o da un ramo e scendono al suolo col compito di puntellare la pianta e sostenere il suo sviluppo.
1Che lascia passare la luce.
- 0Organismo col genoma modificato.
- 0Perdita di vapor acqueo da parte delle foglie, attraverso gli stomi.
1(o Capsula poricida) Capsula che a maturità si apre attraverso piccoli pori posti alla base dello stimma sessile, tipica delle Papaveracee.
- 0Prefisso che indica che un organo o una struttura sono ripetuti 3 volte
1Dicesi del fiore con 3 stami.
1Dicesi di organo laminare con tre angoli
(foglie di Chenopodium bonus-henricus)
- 0Dicesi di pianta che sopporta i distubi causati dal calpestio.
- 0Rango tassonomico compreso tra la famiglia (o sottofamiglia) e il genere.
Si abbrevia con trib. secondo il Codice internazionale di nomenclatura per le alghe, funghi e piante (ICN)
- 0Cellula che nell'epidermide delle radici addetta a formare un pelo radicale.
1(o Coccario con 3 carpelli) Frutto schizocarpico con 3 mericarpi (cocchi) di molte Euphorbiaceae.
- 0Appendice epidermica formata da una o più cellule, come peli, papille, squame.
- 0Diviso in tre parti inserite nello stesso punto, come quando nell'infiorescenza a cima multipara o pleiocasio si sviluppano 3 assi sotto il fiore terminale.
1Diviso in tre parti.
1Foglia composta da tre foglioline. .
- 0Diviso in tre rami o tre punte.
1Organo (fusto, foglia ecc) a sezione triangolare, cioè con tre angoli e tre facce. Dicesi anche triquetro.
- 0Dicesi di ovario o frutto con tre cavità o loculi.
1Tryma Necker - Sin. Drupa deiscente.
Frutto semplice, antocarpo con pericarpo che si disperde per frattura dell'esocarpo. (Es.Carya ovata, Thymelaea velutina)
1Trymarium Spjut (mod.nov.) Frutto schizocarpico con perianzio fruttifero, che a matuirità si apre per disperdere i frutticini.
1(o 3mero)indica che il verticillo fiorale o fogliare è composto di 3 pezzi o un multiplo di 3.
( Iris sp., Lilium sp., Tulipa sp.)
- 0Trymetum Spjut (mod.nov.)
Frutto composto (=aggregato) con pericarpi che sviluppano all'interno e insieme a brattee o al ricettacolo e che a maturità si disperdono con l'apertura di questi ultimi.
1Trymoconum Spjut (mod.nov.)
Frutto composto, con frutticini embricati, disposti in una struttura a cono, che si disperdono con una brattea deiscente.
1Specie con fiori ermafroditi, maschili e femminili sullo stesso individuo. Sinonimo di Poligamomonoica e cenomonoica
1Trymoso Spjut (mod.nov.)
Frutto composto con frutticini che si sviluppano dentro e con le brattee o il ricettacolo e a maturità si disperdono con l'apertura dell'involucro in cui sono racchiusi.
(Riccio del castagno, Faggiola del faggio).
2Di specie che porta fiori ermafroditi, maschili e femminili su individui distinti
(Fraxinus excelsior, Thalicthrum sp.).
- 0Cellula o organismo con tre set cromosomici aploidi.
- 0A tre file.
Dicesi della disposizione delle foglie sul fusto nella fillotassi tristica: con una foglia per nodo e le foglie sono disposte in tre file con angolo di divergenza di 120° per cui risultano sovrapposte di 3 in 3. ( Es. Cyperaceae)
- 0Dicesi di foglia composta tre volte ternata.
E' una foglia col picciolo comune che si divide in tre piccioli secondari sui quali sono poste tre foglioline biternate.
1Dicedi di alcuni frutti secchi (generalmente capsule) composti da tre valve.
- 0Grado di produttività del metabolismo di un organismo.
- 0Complesso dei fenomeni che riguardano la nutrizione
1Dicesi di organo vegetale (petalo, foglia) che termina con una linea retta trasversale, come se fosse stato tagliato.
1Dicesi della curvatura di una parte della pianta verso uno stimolo esterno, che può essere positivo se avviene in direzione dello stimolo o negativo nel caso opposto.
I più importanti responsabili degli stimoli sono il sole (eliotropismo), la luce (fototropismo), la forza di gravità (geotropismo), la siccità (xerotropismo),l'umidità del suolo (idrotropismo), il contatto con oggetti solidi (tigmotropismo), i nutrienti (edafotropismo), il vento (anemotropismo).
- 0Dicesi di organismo che ben sopporta periodi di elevata umidità alternati a periodi di siccità. In botanica si riferisce alle piante tropofite.
- 0Pianta abituata a sostenere stagioni calde e fredde, secche e umide, adottando particolari difese come la caduta delle foglie, formazione di organi ipogei, gemme dormienti a livello del terreno, ecc.
1Dicesi di una superficie ovale-romboidale più ampia sotto il centro e con i lati inferiori uguali, più corti dei due superiori.
1Piccola escrescenza spessa e arrotondata o verruciforme nella superficie di alcuni organi.
Ma dicesi anche di caule con sostanze di riserva, generalmente sotterraneo, succulento, voluminoso, globoso e con depressioni all'inserzione delle gemme.
1Ingrossamento più o meno rotondeggiante che si forma sulle radici.
In molte Fabaceae è prodotto da batteri azotofissatori (Rhizobium).
1Dicesi di una radice ingrossata e carnosa simile a un tubero, che svolge soprattutto funzione di riserva delle sostanze nutritive.
1Organo vegetale, più o meno globoso, privo o quasi di foglie, ingrossato per accumulo di materiale di riserva, che deriva dalla trasformazione di un fusto sotterraneo. Può generare altre piante dalle gemme latenti della sua superficie.
Formano tuberi: Solanum tuberosum, Helianthus tuberosus, Oxalis tuberosa, Tropaeolum tuberosum, Cyperus esculentus, Arum maculatum, Cyclamen hederifolium, Dioscorea bulbifera, ecc.
1Tubetto pollinico. Struttura tubolare generata dalla germinazione del polline, che penetra nello stilo del pistillo fino all'ovario permettendo in tal modo al gamete maschile di raggiungere quello femminile, portando a termine la fecondazione.
1Dicesi di qualunque corpo vuoto, più o meno allungato.
Nel calice gamosepalo il tubo è la parte dove i sepali restano uniti che va dalla fauce al picciolo.così come
nella corolla gamopetala il tubo è la porzione dei petali saldati tra loro.
2Fiori la cui corolla è formata da petali saldati tra loro formando una specie di piccolo tubo. (Asteraceae: Tubiflorae).
Oltre che la corolla può essere tubuloso anche il calice gamosepalo e la foglia con i margini fortemente incurvati.
- 0Pianura propria delle zone circumpolari con clima freddo e secco per quasi tutto l'anno. Priva di alberi ad alto fusto, la vegetazione prevalente è composta da muschi e licheni.
1Membrana che riveste un organo delicato come bulbo, frutto, seme, ecc.
1Organo che ha forma di cono rovesciato o di trottola (come il calice del frutto del melograno Punica granatum)
- 0Pressione esercitata dal liquido contenuto in una cellula vegetale sulla parete della cellula stessa.
1Giovane germoglio squamoso sviluppantesi da un fusto sotterraneo (Asparago).
- 0Asse della pannocchia del mais che porta i semi (granelli).


Acta Plantarum - un progetto "open source" per lo studio della flora italiana


Pagina realizzata da Giovanni Dose © actaplantarum.org