Antofilli fertili: Androceo o stame

Procedendo verso l'interno del fiore si incontra l'androceo, che è l'apparato sessuale maschile del fiore, formato da un numero variabile di foglie modificate gli stami o microsporofilli.

Androceo o stame
Androceo o Stame
Disegno di Giovanni Dose
Diagramma antere
Disegno di Giovanni Dose


Gli Stami sono composti da:

icona
filamenti , che sono la parte sterile dello stame, hanno funzione dapprima di trasporto dei nutrienti al polline in via di sviluppo, quando ancora molto corti sono racchiusi nel boccio del fiore, poi dopo l'antesi allungandosi, di sostegno dell'antera. In genere sono filiformi, ma possono essere anche grossi, appiattiti e petaloidi (Helleborus), provvisti di appendici, essere semplici o ramificati, molto lunghi, ma anche corti o addirittura mancare.
icona
antere , che sono le parti fertili dello stame, generalmente formate da due teche, ma a volte possono essere costituite da una sola teca (Malvaceae) o anche tre come nella Megatritheca (Sterculiaceae). Le teche sono unite tra loro dal connettivo e ognuna è formata da due sacchi pollinici (microsporangi) che esternamente sono delimitati da uno strato epidermico l' esotecio, al di sotto del quale è posto l'endotecio formato da un strato di cellule ispessite che provocano l'apertura dell'antera con la conseguente liberazione dei granuli pollinici, che al loro interno conservano i gameti maschili.

L'apertura dell' antera detta deiscenza può essere:

icona
longitudinale, che si verifica lungo il setto che separa i sacchi pollinici (la più comune)
icona
trasversale, per fessure orizzontali o trasversali (Berberis. Galeopsis)
icona
poricida, per pori apicali (Polygalaceae, Solanaceae),
icona
valvare, per valve (Pinguicola, Laurus) e secondo la direzione delle logge
icona
introrsa, se le sue logge sono rivolte verso l'interno del fiore (Mentha sp.)
icona
estrorsa, se rivolte verso l'esterno (Iris).
icona
latrorsa, se rivolte lateralmente (Saxifraga)


Deiscenza


A seconda di come il filamento si inserisce nell’antera, essa può essere:

icona
basifissa, se inserito alla base (Tulipa sp.)
icona
dorsifissa, se inserito sul dorso (Colchicum autumnale, Lilium sp., Plantago sp., Poaceae)
icona
apicifissa, (Bignoniaceae), se inserito sull'apice
icona
ventrifissa, se si inserisce al centro nella faccia ventrale, infine
icona
sentata o sessile, se il filamento è nullo o quasi e l' antera si salda sul petalo o sepalo

Antera in base all'inserimento del filamento
Apicifissa - Campsis radicans

Foto Franco Rossi

Basifissa - Tulipa raddii

Foto Attilio Marzorati

Dorsifissa - Plantago lanceolata

Foto Giuliano Salvai

Ventrifissa - Scilla bifolia

Foto Giuliano Salvai

apicifissa
Campsis radicans
basifissa
Tulipa raddii
dorsifissa
Plantago lanceolata
ventrifissa
Scilla bifolia


Come ogni organo anche l'antera può presentarsi con diverse forme, che prendono il nome dall'oggetto che imitano, infatti può essere reniforme, ovata, sferica, sagittata (appuntita come una lancia), corniculata (con un'appendice su ciascuna teca che ricordano un corno) ed allargata (quando è più larga che lunga).

Accanto agli stami fertili possono esser presenti anche stami sterili detti staminodi (Helleborus sp., Linum sp., Trollius europaeus), che a volte assumono funzioni di richiamo degli insetti pronubi (Erodium sp.).
Nei fiori impollinati da insetti spesso sono presenti i nettarii, che sono strutture atte a contenere il nettare.


Top 

Caratteristiche degli elementi dell'androceo

Il fiore, l'androceo e gli elementi che lo costituiscono vengono nominati a seconda del numero e di alcune loro particolari caratteristiche:

icona
omodinami, se i filamenti sono tutti della stessa lunghezza, se al contrario sono di diverse dimensioni l'androceo è eterostemone e gli stami sono:
icona
didinami, quando i filamenti sono quattro – due più lunghi e due più corti (Digitalis, Linaria, Thymus, e in genere le Lamiaceae);
icona
tetradinami, quando i filamenti sono sei – quattro più lunghi e due più corti (Viola e in genere le Brassicaceae)


Stami didinami e tetradinami
Stami didinami - Lamium bifidum

Foto Franco Rossi

Stami didinami - Nepeta nepetella

Foto Attilio Marzorati

Stami tetradinami - Diplotaxis tenuifolia

Foto Patrizia Ferrari

Stami tetradinami - Alliaria petiolata

Foto Giuliano Salvai

Stami didinami
Lamium bifidum
Stami didinami
Nepeta nepetella
Stami_tetradinami
Diplotaxis tenuifolia
Stami_tetradinami
Alliaria petiolata


Il fiore, quando gli stami sono 1,2,3,4,5,6,8 o più, sarà:

icona
monandro, (Euphorbiacee, Orchidaceae, Ficus carica);
icona
diandro, (Salix caprea);
icona
triandro, (Salix triandra);
icona
tetrandro, (Rhamnus saxatilis);
icona
pentandro, (Parnassia palustris);
icona
esandro, (Tulipa sylvestris);
icona
ettandro, (Aesculus hippocastanum);
icona
ottandro, (Epilobium dodonaei);
icona
decandro, (Cercis siliquastrum);
icona
enneandro o poliandro, (Mirtacee, Reseda, etc.)


Stami
Monandro - Euphorbia palustris

Foto Patrizia Ferrari

Diandro - Salix caprea

Foto Silvano Radivo

Triandro - Salix triandra

Foto Alessandro Alessandrini

Tetrando - Rhamnus saxatilis

Foto Giovanni Dose

Pentandro - Parnassia palustris

Foto Giuliano Salvai

Monandro
Euphorbia palustris
Diandro
Salix caprea
Triandro
Salix triandra
Tetrando
Rhamnus saxatilis
Pentandro
Parnassia palustris

Esandro - Tulipa sylvestris

Foto Patrizia Ferrari

Ettandro - Aesculus hippocastanum

Foto Marinella Zepigi

Ottandro - Epilobium dodonaei

Foto Giuliano Salvai

Decandro - Cercis siliquastrum

Foto Franco Rossi

Enneandro - Reseda lutea

Foto Marinella Zepigi

Esandro
Tulipa sylvestris
Ettandro
Aesculus hippocastanum
Ottandro
Epilobium dodonaei
Decandro
Cercis siliquastrum
Enneandro
Reseda lutea


gli stami possono essere liberi o saldati per i filamenti, per le antere o per entrambe le strutture, e l'androceo sarà allora:

icona
dialistemone, se gli stami sono liberi (Gentianaceae).
icona
gamostemone, se gli stami sono connati con i filamenti.

e in tal caso:

icona
monadelfo, se gli stami sono fusi per i filamenti in un sol fascio (Malva sylvestris, Oxalis acetosella, Salix purpurea);
icona
diadelfo, se gli stami sono saldati in due fasci (Wisteria sinensis, Coronilla valentina);
icona
poliadelfo, se gli stami sono saldati in più di due fasci (Hypericum perforatum);

Se invece le antere si saldano insieme in una specie di tubo intorno allo stilo (antere singenesiche) e i filamenti restano liberi, l'androceo è sinanterico (Asteraceae ).

A volte le antere restano molto ravvicinate sino a toccarsi, senza tuttavia saldarsi, è il caso di antere conniventi (Solanum).

Connessione degli Stami
dialistemone - Centaurium erythraea

Foto Giuliano Salvai

gamostemone monadelfo - Malva moschata

Foto Giuliano Salvai

gamostemone diadelfo - Wisteria sinenis

Foto di Aelwyn Creative commons

gamostemone poliadelfo - Hypericum perforatum

Foto Giuliano Salvai

ndroceo sinanterico - Santolina pinnata

Foto Giuliano Salvai

antere conniventi - Solanum dulcamara

Foto Giuliano Salvai

dialistemone
gamostemone monadelfo
gamostemone diadelfo
gamostemone poliadelfo
androceo sinanterico
antere conniventi


Ancora, secondo il numero degli stami ed alla loro posizione rispetto ai petali, il fiore si dice:

icona
polistemone, se gli stami sono più del doppio dei petali (Potentilla sp.)
icona
isostemone o aplostemone, se il numero degli stami è uguale a quello delle divisioni della corolla, con gli stami in un solo ciclo disposti alterni ai petali (alternipetali) e opposti ai sepali (oppositisepali) (Pittosporaceae, Solanaceae ecc.),
icona
obaplostemone, più raramente alcune famiglie hanno gli stami opposti ai petali (oppositipetali) alterni ai sepali (alternisepali) (Rhamnaceae, Primulaceae)
icona
anisostemone, se il numero degli stami non è uguale a quelle divisioni (veroniche, orchidee),
icona
merisostemone, se il numero degli stami è minore di quello dei petali e
icona
pleiostemone, se maggiore e quindi:
icona
diplostemone, quando il numero degli stami è il doppio di quello dei petali e gli stami esterni sono contrapposti ai sepali (oppositisepali) e quelli interni ai petali (oppositipetali) (che è la disposizione più frequente degli stami in due verticilli, Geraniaceae ecc.)
icona
obdiplostemone, se al contrario il verticillo esterno degli stami è opposto ai petali e quello interno opposto ai sepali (Caryophyllaceae)
icona
polistemone, se gli stami sono più del doppio dei petali (Potentilla sp.).

Posizione degli stami


Stami in base alla posizione
Isostemone Aplostemone - Pittosporum tobira

Foto Franco Rossi

Anisostemone Merisostemone - Veronica fruticans

Foto Giuliano Salvai

Anisostemone Merisostemone - Primula farinosa

Foto Giuliano Salvai.jpg

Diplostemone - Geranium sanguineum

Foto Giuliano Salvai

Obdiplostemone - Sedum_monregalense

Foto Giuliano Salvai

Polistemone - Potentilla caulescens

Foto Giuliano Salvai

isostemone:
aplostemone
anisostemone:
merisostemone
isostemone:
obaplostemone
pleiostemone:
diplostemone
pleiostemone:
obdiplostemone
polistemone


Gli stami a seconda della loro inserzione sono:

icona
ipogini, quando sono inseriti sotto o alla base dell'ovario, in tal caso l’ ovario è supero (Ranunculus, Ericaceae);
icona
perigini, quando si trovano nello stesso piano dei pistilli inseriti sul margine superiore del ricettacolo scavato a coppa e non concresciuto con l'ovario (ovario semi infero), come ad es. nelle Saxifragaceae;
icona
epigini, quando sono disposti al di sopra dell'ovario e concrescono con il ricettacolo (ovario infero) come nelle Rosaceae e Iridaceae.

e infine

icona
prominenti, se sono più lunghi dalla corolla
icona
inclusi, se non oltrepassano la corolla

Top 

Impollinazione

Il granuli pollinici che l'antera matura ha liberato con la deiscenza devono raggiungere lo stimma di un fiore della stessa specie e fecondare l'ovulo contenuto nell'ovario. Se il polline raggiunge lo stimma dello stesso fiore si parla di autoimpollinazione o autogamia, è invece impollinazione incrociata o allogamia quando avviene tra due distinti individui.

A seconda del mezzo che permette l'impollinazione si dice:

icona
zoogamia, quando è effettuata da animali detti pronubi e più precisamente l'impollinazione sarà:
icona
entomogama, quella effettuata da insetti che il fiore attrae con colori vistosi, profumi, nettare, ponendo in essere particolari strategie per agevolare l'impollinazione come: petali disposti in modo da favorire la posa dell'insetto pronubo (Salvia), trappole fiorali (Arum), trappole sessuali (Ophrys), percorsi obbligati (Cypripedium);
icona
ornitogama, effettuata da piccoli uccelli (colibrì) attratti da fiori rossi, rosa o gialli che sono meglio percepiti (passiflora, ibisco, fucsia);
icona
malacogama, da lumache attratte dal profumo dei fiori;
icona
chirotterogama, da pipistrelli e piccoli roditori che preferiscono fiori grandi, pallidi e profumati che si aprono di notte (alcuni cactus).

icona
Anemogamia, se è affidata al vento, in questo caso la pianta produce grandi quantità di polline e non ha bisogno di colori vivaci, profumi, nettari, organi vessillari e cerca di eliminare eventuali ostacoli alla diffusione del polline, fiorendo ad esempio, prima dello sviluppo delle foglie e dotandosi di infiorescenze pendule e con fiori e antere disposte verso verso l'esterno.
icona
Idrogamia, quando in alcune piante acquatiche (Vallisneria), il fiore maschile a maturazione si stacca dalla pianta e galleggiando le sue antere raggiungono i fiori femminili che si trovano in superficie , anche in questo caso non è necessario un perianzio vistoso e il polline in genere ha la proprietà di germinare solo sullo stimma. In altri casi il polline non raggiunge la superficie ma si lascia trasportare dalla corrente per raggiungere il fiore femminile (Ceratophyllum).
icona
Impollinazione artificiale, effettuata dall'uomo.





Testi di Salvai Giuliano - Disegni e pagine web di Giovanni Dose - Foto di Salvai Giuliano
e dei numerosi autori indicati in calce ad ogni fotografia tutti  iscritti al gruppo botanico di Acta plantarum oltre ad alcune di pubblico dominio.
Per problemi o domande su queste pagine Web contattare il Forum info@actaplantarum.org
Ultimo aggiornamento: 30-05-2011.


» Acta Plantarum - un progetto "open source" per lo studio della flora italiana


Pagina realizzata da Giovanni Dose © actaplantarum.org