Acta Plantarum   
     Home     Galleria     Forumoggi è Domenica 26 marzo 2017


Semi ed altre unità primarie di dispersione
Famiglia Caprifoliaceae (130 Immagini relative a 75 Specie)
 
Clic sull'anteprima per descrizione e foto
Torna alla pagina index ▲ Up ▲
 
 
 
Centranthus calcitrapae
Centranthus calcitrapae (L.) Dufr.
Giuliano Mereu

Diclesio (achenio) di 1,2-3(3,4) x 0,6-1,6(1,8) mm, glabro o con peli biancastri, marrone o giallo paglierino. Pappo con tubo di 0,3--0,8 mm e 9-17 setole piumose di 1,7-3,8(5,4) mm. Semi di 1-2,6(3) x 0,4-1,2(1,4) mm, giallognoli o castani.
Centranthus calcitrapae
Centranthus ruber
Centranthus ruber (L.) DC.
Enrico Romani

Diclesio di (3)3,2-4,2(4,4) x 1,4-2(2,5)mm, glabro o con peli bianchicci e un tubo sovrastato da un pappo di peli piumosi. .
Semi 2,6-3,1 x 1,5-1,8 mm, giallognoli o castani
Centranthus ruber
Cephalaria alpina
Cephalaria alpina (L.) Roem. & Schult.
Giacomo Bellone

Cipsela prismatico-quadrangolare lunga circa 10 mm, percorsa da 8 costolature.
Cephalaria alpina
Cephalaria gigantea
Cephalaria gigantea (Ledeb.) Bobrov
Giorgio Faggi

Cipsela prismatica di 7-9 x 2,3-2,7 mm, con 3-4 angoli, leggermente appiattita, generalmente lievemente ricurva, con 2 solchi profondi su ciascun lato e apice con 8 denti. Superficie irsuta, bruno-nerastra a maturità.
Cephalaria gigantea
Cephalaria leucantha
Cephalaria leucantha (L.) Roem. & Schult.
Carlo Cibei

Il frutto è una cipsela glabra o sparsamente pelosa, lunga circa 5 mm, con involucretto con 8 ariste scabre e diseguali, corona di 0,5-1 mm e calice portanti numerosi dentelli sul bordo.
Cephalaria leucantha
Cephalaria transsylvanica
Cephalaria transsylvanica (L.) Roem. & Schult.
Enzo De Santis - Franco Rossi

IL frutto è una cipsela lunga 5-6 mm, con involucretto ad 8 denti e calice dentellato a forma di coppa. >>
Cephalaria transsylvanica
Cephalaria transsylvanica (L.) Roem. & Schult.
Franz Neidl

Dipsacus fullonum
Dipsacus fullonum L.
Marinella Zepigi - Marco Banzato

Il frutto è una cipsela angolosa, di 6-8 mm, rivestito dall' involucretto tetragono, con 8 coste, peloso, coronato dal lembo del calice persistente. >>
Dipsacus fullonum
Dipsacus fullonum L.
Giacomo Bellone

Dipsacus laciniatus
Dipsacus laciniatus L.
Giacomo Bellone

Cipsela prismatica, tetragona, di 5,5-6,5 x 1,5-1,7 mm, con peli appressati e apice troncato con i resti del calice e stimma al centro. Superficie opaca, bruno-nerastra.
Dipsacus laciniatus
Dipsacus pilosus
Dipsacus pilosus L.
Pierfranco Arrigoni

Cipsela di 5 mm, sormontato dal calice persistente avvolto dall'involucretto coriaceo. Semi membranosi. >>
Dipsacus pilosus
Dipsacus pilosus L.
Emma Silviana Mauri

Dipsacus valsecchii
Dipsacus valsecchii Camarda
Giuliano Mereu

Il frutto è una cipsela tetragona, costata, pelosetta, di 5-5 x 1,2-1,5 mm.
Dipsacus valsecchii
Fedia graciliflora
Fedia graciliflora Fisch. & C.A. Mey.
Beppe Di Gregorio

I frutti sono cipsele glabre, le inferiori ovali,le superiori ovali-oblunghe a logge sterili parallele, più piccole di quelle fertili e coronate dal lembo del calice, breve, a scodella.
Frutti senza il calice sono lunghi in genere 5-6 mm.
Fedia graciliflora
Knautia arvensis
Knautia arvensis (L.) Coult.
Pancrazio Campagna

IL frutto è una cipsela cilindrica, appressata e pelosa con il calice persistente, lungo 5-6 mm, con 4 angoli, coronato da peli fragili.
Knautia arvensis
Knautia baldensis
Knautia baldensis Borbás
Alessandro Federici

Cipsele sericee, pubescenti, con reste calicine e squame dellinvolucro persistenti.
Knautia baldensis
Knautia dinarica subsp. silana
Knautia dinarica subsp. silana (Grande) Ehrend.
Franco Caldararo

Cipsela sericea con reste calicine e squame dell'involucretto persistenti.
Knautia dinarica subsp. silana
Knautia drymeia
Knautia drymeia Heuff.
Carlo Cibei

IL frutto è una cipsela, di 1,5 x 4 mm, fusiforme, tomentosa con reste calicine e squame dell'involucro persistenti.
Knautia drymeia
Knautia illyrica
Knautia illyrica Beck
Graziano Propetto - Sergio Montanari

Cipsela fusiforme, pelosa, coronata dai resti del calice persistenti.
Knautia illyrica
Knautia integrifolia
Knautia integrifolia (L.) Bertol.
Franz Neidl - Eugenia Bugni

Cipsela sericea, di circa 6 mm, con reste calicine e squame dell'involucro costituite da una corona con denti cartilaginei conici, diseguali, glabri, persistenti.
Knautia integrifolia
Knautia longifolia
Knautia longifolia (Waldst. & Kit.) W.D.J. Koch
Giorgio Faggi

Cipsela sericea, fusiforme, di 1 x 5 mm, ingrossata verso l'alto, pelosa, con reste calicine e squame dell'involucretto persistenti. >>
Knautia longifolia
Knautia longifolia (Waldst. & Kit.) W.D.J. Koch
Myriam Traiani

Knautia lucana
Knautia lucana Lacaita & Szabó
Franco Caldararo

Cipsela pelosa, giallastra, fusiforme, coronata da 7-8 reste del calice persistenti.
Knautia lucana
Knautia mollis
Knautia mollis Jord.
Daniela Longo

Cipsela con le 8-10 reste del calice persistenti.
Knautia mollis
Knautia purpurea
Knautia purpurea (Vill.) Borbás
Melania Marchi - Carlo Cibei

Cipsela sericea, fusiforme, di circa 4 mm, con 8-9 reste calicine scabre e cigliate alla base e squame dell'involucro costituite da una corona con denti cartilaginei di 0,1-0,2 mm puberulo-ghiandolosa, persistenti.
Knautia purpurea
Knautia ressmannii
Knautia ressmannii (Pacher) Briq.
Graziano Propetto

Il frutto è una cipsela subcilindrica, con calice persistente.
Knautia ressmannii
Knautia velutina
Knautia velutina Briq.
Franco Fenaroli

Il frutto è una cipsela subcilindrica, con calice persistente.
Knautia velutina
Kolkwitzia amabilis
Kolkwitzia amabilis Graebn.
Roberta Alberti

Acheni singoli o in coppia racchiusi in brattee ispide accrescenti, coronati dai sepali persistenti.
Kolkwitzia amabilis
Leycesteria formosa
Leycesteria formosa Wall.
Emma Silviana Mauri

Il frutto è una bacca rossa, poi nero-violacea, del diametro di 5-7 mm, ovoide o subglobosa, col calice persistente.
I numerosi semi, di 1 mm, sono ellissoidi o oblunghi, leggermente compressi e brunastri.
Leycesteria formosa
Linnaea borealis
Linnaea borealis L.
Antonio Mazzoli

Capsula indeiscente, ovoide, di ca 3 mm, avvolta dal calice persistente, vischiosa, che si attacca facilmente ai peli degli animali (da noi la fruttificazione avviene raramente).
Linnaea borealis
Lomelosia argentea
Lomelosia argentea (L.) Greuter & Burdet
Attilio Marzorati

Il frutto è un achenio (cipsela) cilindrico e peloso inferiormente, con 8 solchi sommitali, sormontato da 5 reste giallastre inserite al centro di una corona ialina costituita dall''involucretto persistente, membranoso e dentellato.
Lomelosia argentea
Lomelosia brachiata
Lomelosia brachiata (Sm.) Greuter & Burdet
Ennio Cassanego

Cipsela conica ± patente, avvolta nell'involucretto, con 10 reste calicine piumose, che misurano 2-3 volte la lunghezza della corona ialina.
Lomelosia brachiata
Lomelosia crenata
Lomelosia crenata (Cirillo) Greuter & Burdet
Franco Caldararo

Cipsela pelosa e appressata di 2 mm avvolta dall’involucretto 1,5-2,2 mm, con 5 reste calicine di 4-6 mm che favoriscono la dispersione.
Lomelosia crenata
Lomelosia crenata subsp. crenata
Lomelosia crenata (Cirillo) Greuter & Burdet subsp. crenata
Franco Caldararo - Beppe Di Gregorio

Cipsela pelosa e appressata di 2 mm, avvolta dall’involucretto di 1,5-2,2 mm, con 5 reste calicine di 4-6 mm che favoriscono la dispersione.
Lomelosia crenata subsp. crenata
Lomelosia crenata subsp. pseudisetensis
Lomelosia crenata subsp. pseudisetensis (Lacaita) Greuter & Burdet
Franco Caldararo

Cipsela pelosa e appressata di 2 mm avvolta dall’involucretto 1,5-2,2 mm, con 5 reste calicine di 4-6 mm che favoriscono la dispersione. >>
Lomelosia crenata subsp. pseudisetensis
Lomelosia crenata subsp. pseudisetensis (Lacaita) Greuter & Burdet
Franco Caldararo

Lomelosia cretica
Lomelosia cretica (L.) Greuter & Burdet
Daniela Longo - Beppe Di Gregorio

Cipsela pelosa ed appressata, avvolta dall'involucretto glabro, ialino, multinervo, lungo quanto il frutto; 5 reste calicine più brevi del frutto.
Lomelosia cretica
Lomelosia graminifolia
Lomelosia graminifolia (L.) Greuter & Burdet
Giuliano Salvai

Cipsela di 3-4 mm, pelosa, sormontata da 5 reste giallastre inserite al centro dell'involucretto persistente dentellato. >>
Lomelosia graminifolia
Lomelosia graminifolia (L.) Greuter & Burdet
Giacomo Bellone

Lomelosia stellata
Lomelosia stellata (L.) Raf.
Sergio Picollo

Cipsela pelosa ed appressata, avvolta dall'involucretto di 7-11 mm, con tubo di (3,5)4-6 mm, densamente irsuto-patente, corona di (3,5)5-6(7) mm, con 30-35 nervi pelosi; 5 reste calicine di 7-13 mm e piattaforma calicina con peli ghiandolari clavati.
Lomelosia stellata
Lonicera alpigena
Lonicera alpigena L.
Silvano Radivo - Maria Grazia Nava

Il frutto composto è una bibacca formata da due frutticini (bacche) concresciuti e parzialmente fusi, di 9-10 mm di diametro , ovoide o subglobosa, rosso-purpurea con semi ovoidi, gialli o brunastri. >>
Lonicera alpigena
Lonicera alpigena L.
Aldo De Bastiani

Lonicera caerulea
Lonicera caerulea L.
Giacomo Bellone

Bacche ellissoidi, ovoidi o piridormi, blu scure, pruinose, completamente concresciute in un unico frutto (bibacca) di 5-10 x 6-12 mm, che mantiene al suo apice i residui dei due stimmi appressati. I numerosi semi ± ellittici, lenticolari, misurano circa 1-2 x 2-3 mm. >>
Lonicera caerulea
Lonicera caerulea L.
Patrizia Ferrari - Giacomo Bellone

Lonicera caprifolium
Lonicera caprifolium L.
Sergio Picollo

I frutti composti sono piccole bacche globose (bibacche) , ovoidi, di circa 7-8 mm, di colore rosso o arancione, contenenti alcuni semi appiattiti.
Lonicera caprifolium
Lonicera etrusca
Lonicera etrusca Santi
Vito Buono - Nino Messina

Bibacca, formata da bacche concresciute di 4-7 mm, subsferiche, rosse, con 5-7 semi di circa 5 x 3,5 mm, oblungo ovoidi, finemente papillosi, di colore bruno chiaro.
Lonicera etrusca
Lonicera implexa
Lonicera implexa Aiton
Giuliano Campus - Giancarlo Pasquali

I frutti sono bibacche ovoidi, rosse di 5-7 mm, con 2-3 semi ovoidi, che misurano 3-3,5 x 4-4,5 mm, giallastri o giallo-brunastri con fenditure.
Lonicera implexa
Lonicera involucrata
Lonicera involucrata (Richardson) Banks ex Spreng.
Dino Boscolo

I frutti sono bacche ovoidi o globose, con Ø di 6-12 mm, concresciute e parzialmente fuse (bibacche), dapprima rosse poi nere a maturazione, che contengono semi ellissoidi, compressi lateralmente, di 3-3,5x 1,9-2,3 mm, lucidi, gilli o giallo-brunastri.
Lonicera involucrata
Lonicera japonica
Lonicera japonica Thunb.
Franco Giordana

Bibacche di 5,5-6,5 mm, globose, blu-nerastre, pruinose, con 6-8 semi di 3,5-3,9 x 3 mm, ovoidi, lobati e solcati longitudinalmente, nerastri.
Lonicera japonica
Lonicera nigra
Lonicera nigra L.
Enrico Romani - Emma Silviana Mauri

IL frutto è una bibacca, composta da 2 bacche sferiche, concresciute e saldate generalmente solo alla base, nere, pruinose, di 7-10 mm, contenenti ciascuna 5 semi di 2,3-2,5 x 1,9-2,3 mm, ovoidi, compressi, lisci o un poco alveolati, di colore bruno o giallastro.
Lonicera nigra
Lonicera periclymenum
Lonicera periclymenum L.
Aria Palm

Il frutto composto è una bibacca, formata da due bacche globose, concresciute, di (5,5)8-9(11), bruno-rossastre a maturità, con (4)5-7(9) semi di 3,5-4,5 x 3-3,5 mm, oblungo-ovoidi, bruno giallastri, alveolati.
Lonicera periclymenum
Lonicera pileata
Lonicera pileata Oliv.
Pierfranco Arrigoni

Bibacca con bacche subsferiche, del diametro di 5-10 mm, blu-violacee, lucenti, con semi oblungo-ovoidi, di 2,2-2,9 x 1,2-1,9 mm, bruno_giallastri ÷ scuri.
Lonicera pileata
Lonicera tatarica
Lonicera tatarica L.
Milena Villa

Bibacca composta da due bacche sferiche, rosse, del Ø di 5-6 mm, concresciute e saldate generalmente solo alla base. Semi obovoidi, di 2,8-3,3 x2,1-2,4 mm, purpurei, lisci con incavi puntiformi.
Lonicera tatarica
Lonicera xylosteum
Lonicera xylosteum L.
Patrizia Ferrari

Il frutto è una bibacca formata da due bacche acquose, subsferiche, rosso-purpuree, del diametro di 5-6 mm, saldate soltanto alla base, con 3-5 semi, compressi, lisci giallastri o brunastri, di 3-3.5 x 2,4-2,7 mm. >>
Lonicera xylosteum
Lonicera xylosteum L.
Roberta Alberti

Pseudoscabiosa limonifolia
Pseudoscabiosa limonifolia (Vahl) Devesa
Marco Iocchi

I frutti sono cipsele racchiuse nell'involucretto a tubo con reste calicini bruno-rossastre.
Pseudoscabiosa limonifolia
Pterocephalus plumosus
Pterocephalus plumosus (L.) Coult.
Brunello Pierini

Il frutto è una cipsela bianca con con 8 solchi longitudinali denticolata all'apice, con 11-12 reste piumose.
Pterocephalus plumosus
Pycnocomon rutifolium
Pycnocomon rutifolium (Vahl) Hoffmanns. & Link
Giuliano Salvai

IL frutto è una cipsela quadrangolare posta all'intermo del tubo prismatico con 8 fossette nella parte superiore, con 4 costole lunghe e 4 brevi, corona ridotta a 4 denti.
Pycnocomon rutifolium
Scabiosa columbaria
Scabiosa columbaria L.
Gianluca Nicolella - Claudia Ganz

Il frutto è una cipsela pelosa sormontata da 5 reste calicine, generalmente scure, di 0,1-0,2 x 3-4 mm inserite al centro dell'involucretto persistente. dentellato.
Scabiosa columbaria
Scabiosa columbaria subsp. columbaria
Scabiosa columbaria L. subsp. columbaria
Emma Silviana Mauri

Cipsela pelosa sormontata da 5 reste calicine, generalmente scure, di 0,1-0,2 x 3-4 mm inserite al centro dell'involucretto persistente. dentellato.
Scabiosa columbaria subsp. columbaria
Scabiosa lucida
Scabiosa lucida Vill.
Giorgio Faggi

Cipsele pelose di 3 mm, sormontate da 5 reste calicine nerastre di 0,2-0,3 x 4-6 mm,inserite al centro dell'involucretto persistente di 1 mm, dentellato.
Scabiosa lucida
Scabiosa mollissima
Scabiosa mollissima Viv.
Umberto Ferrando - Carlo Cibei

I frutti sono cipsele, racchiuse nell'involucretto che ha il tubo solcato e cigliato sulle coste e corona membranosa ben evidente, l'achenio obovoide porta all'apice i resti membranosi del calice ridotto a reste setolose brevi e sottili di di 1-1,5 x 0,05-0,1 mm.
Scabiosa mollissima
Scabiosa pyrenaica
Scabiosa pyrenaica All.
Marinella Miglio

Il frutto è una cipsela sormontata da 5 reste calicine di 0,1-0,5 x 3-5 mm, inserite al centro dell'involucretto dentellato, persistente.
Scabiosa pyrenaica
Scabiosa silenifolia
Scabiosa silenifolia Waldst. & Kit.
Gianluca Nicolella

Il frutto è una cipsela di 3 mm, con involucretto di 2 mm a 4 denti intercalati a dentelli più brevi, reste calicine di 3 mm.
Scabiosa silenifolia
Scabiosa triandra
Scabiosa triandra L.
Enrico Romani - Giorgio Faggi

Capolini ovoidi alla fruttificazione con cipsele di 2 mm, involucretto di 1,2 mm, reste calicine chiare o brune di 0,05-0,1 x 1,5-2,5 mm.
Scabiosa triandra
Scabiosa uniseta
Scabiosa uniseta Savi
Brunello Pierini - Sergio Montanari

Il frutto è una cipsela con reste calicine di 0,1-0,15 x 2.5-4 mm, spesso precocemente caduche e allora ridotte.
Scabiosa uniseta
Scabiosa velenovskyana
Scabiosa velenovskyana Bobrov
Franco Fenaroli

Il frutto è una cipsela con reste calicine, di 02-03 x 4-6 mm.
Scabiosa velenovskyana
Sixalix atropurpurea
Sixalix atropurpurea (L.) Greuter & Burdet
Gianluca Nicolella

Il frutto è una cipsela appressata, sormontata da reste calicine lunghe e patenti. >>
Sixalix atropurpurea
Sixalix atropurpurea (L.) Greuter & Burdet
Vito Buono

Succisa pratensis
Succisa pratensis Moench
Enrico Romani - Alessandro Federici

Il frutto è una cipsela di 3 mm, irsuta per peli rivolti verso l'alto, con involucretto ridotto a 4 denti e calice con 4-5 setole scure.
Succisa pratensis
Succisella inflexa
Succisella inflexa (Kluk) Beck
Enrico Romani

I frutti sono cipsele glabre di circa 5 mm.
Succisella inflexa
Symphoricarpos albus
Symphoricarpos albus (L.) S.F. Blake
Nicola Ardenghi - Roberto Bottinelli

I frutti sono drupe (bacche secondo Pignatti) ovoidi o subsferiche del diametro di 10-15 mm, di colore bianco avorio, glabre, che formano glomeruli lungamente persistenti all'ascella delle foglie superiori, con 2 pireni ellissoidi, compressi ventralmente, lisci, di 3,5-5 x 2,5-3 mm. >>
Symphoricarpos albus
Symphoricarpos albus (L.) S.F. Blake
Giacomo Bellone

Valeriana elongata
Valeriana elongata Jacq.
Silvano Radivo

Cipsela di 3x0,7 mm, oblunga, a sezione ± semicircolare, con coste longitudinali, brunastra a maturità, glabra, con un loculo fertile contenente i semi e con pappo di sete piumose, di 4-5 mm, incurvate e fuse in una struttura coroniforme persistente.
Valeriana elongata
Valeriana officinalis
Valeriana officinalis L.
Nino Messina

Il frutto è una cipsela ovoide di circa 3-4 mm provvista di setole piumose, derivanti dalla modificazione dei denti del calice.
Valeriana officinalis
Valeriana saxatilis
Valeriana saxatilis L.
Silvano Radivo

IL frutto è una cipsela di 2-3 mm glabro, fornita di piccolo pappo piumoso bianco.
Valeriana saxatilis
Valeriana supina
Valeriana supina Ard.
Luca Fornasari

Cipsela coronata dal calice persistente, con 3 coste dorsali ed 1 ventrale.
Valeriana supina
Valeriana tripteris
Valeriana tripteris L.
Brunello Pierini

Cipsela ovoide o oblunga di (3,7)4-5,2(5,6) mm, a sezione ellittica, glabra, con coste laterali, a volte arcuata, con pappo deciduo di setole bianche, lunghe 4-8 mm.
Valeriana tripteris
Valeriana wallrothii
Valeriana wallrothii Kreyer
Giorgio Faggi

Cipsela oblungo-ovoide lunga 2-3,8 mm, con cosolature longitudinali, brunastra, con pappo formato da 6-8 setole piumose, lunghe 5-7 mm, ricurve e fuse alla base in una struttura coroniforme. Semi lisci.
Valeriana wallrothii
Valerianella carinata
Valerianella carinata Loisel.
Brunello Pierini

Il frutto è un nuculanio con 2 logge sterili ,1 fertile e con un solo seme, di circa 2-3 x 1-1,5 mm , oblungo, ricurvo e quasi quadrangolare con un profondo solco longitudinale.
Valerianella carinata
Valerianella coronata
Valerianella coronata (L.) DC.
Sergio Montanari

Nuculanio ovoide, di 1,4- 2,5 mm, con 2 cavità sterili più piccole di quella fertile, separate da un solco ovato poco profondo. Coronato dal calice campanulato persistente di 1,4-2,8 mm con 6 denti subeguali, triangolari, con resta uncinata.
Valerianella coronata
Valerianella eriocarpa
Valerianella eriocarpa Desv.
Enrico Romani

Nuculanio di 1,3-1,6 mm, ispido, setoloso sulle coste delle logge, col calice persistente che forma una corona di 1,1-1,5 mm, con 6 dentelli. Solo la loggia fertile del frutto si sviluppa, quelle sterili sono ridotte a due canali sottili.
Valerianella eriocarpa
Valerianella locusta
Valerianella locusta (L.) Laterr.
Sturloni Stefano

IL frutto è un nuculanio ovale, compresso lateralmente, glabro, con 3-4 coste trasversali e calice subnullo alla fruttescenza, diviso in tre carpelli, due sterili a grandi logge concresciute e con ingrossamento spugnoso dorsale in corrispondenza alla loggia fertile, opposta alle precedenti.
Valerianella locusta
Valerianella microcarpa
Valerianella microcarpa Loisel.
Gianluca Nicolella

Il frutto è un nuculanio di 1-1,5 mm, con il lembo del calice persistente più breve della brattea eretta ed appressata, con 2 logge sterili, 1 fertile e un solo seme.
Valerianella microcarpa
Valerianella muricata
Valerianella muricata (Stev. ex M. Bieb.) J.W. Loudon
Giorgio Faggi

Nuculanio di (0,)1,1-1,8 mm, ovoide, ispido, setoloso sulle coste delle logge, col calice persistente che forma una linguetta di (0,5)0,6-1 mm, intera o denticolata. Solo la loggia fertile del frutto si sviluppa, quelle sterili sono ridotte a due canali sottili.
Valerianella muricata
Valerianella pumila
Valerianella pumila (L.) DC.
Franco Caldararo - Luigi Rignanese

Nuculanio ovoide, compresso, diviso in tre carpelli, due sterili a grandi logge concresciute e uno fertile opposto ai precedenti, con ingrossamento spugnoso dorsale in corrispondenza della loggia fertile.
Valerianella pumila
 
 
Clic sull'anteprima per descrizione e foto
Torna alla pagina index ▲ Up ▲
 

Acta Plantarum - Flora delle regioni italiane - Un progetto "open source"
 Licenza Creative Commons
Acta Plantarum è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale. Tutti i diritti di Copyright © riservati agli autori se citati a cui va richiesta autorizzazione scritta per copia ed uso.    Acta Plantarum is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License. All Copyright © rights reserved by mentioned authors; written authorization to be required for copy and use.

Come citare questa pagina: Acta Plantarum, 2007 in avanti - "Semi e Unità primarie di dispersione". Disponibile on line (data di consultazione: 26/03/2017): http://www.actaplantarum.org/semi_dispersione/dettaglio_specie.php?id=342&n=1
How to cite this page: Acta Plantarum, from 2007 on - "Semi e Unità primarie di dispersione". Available on line (access date: 26/03/2017): http://www.actaplantarum.org/semi_dispersione/dettaglio_specie.php?id=342&n=1