IPFI - Etimologia

ID 
42 
 
Lemma 
Achlys
   

Descrizione 
[Berberidaceae] in onore di Ἀχλύς Achlýs Aclys, divinità minore greca, dea dei luoghi nascosti o dell'oscurità, forse alludendo all'ambiente boschivo e ombroso, o ai fiori incospicui privi di perianzio. Secondo altre fonti mitologiche Achlys era la Notte Eterna (forse l'annebbiamento della Morte, che offusca la vista di chi muore), il primo essere creato esistente prima ancora del Caos. Esiodo afferma che è figlia di Nyx (la Notte) personificante miseria e tristezza, rappresentata sullo scudo di Ercole come una donna pallida, emaciata, piangente e battente i denti, ginocchia gonfie, unghie lunghe, guance rosse e spalle coperte di polvere

Acta Plantarum - Un progetto "open source"
Acta Plantarum è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale . Tutti i diritti di Copyright © riservati agli autori se citati.  Acta Plantarum is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License . All Copyright © rights reserved by mentioned authors.