IPFI - Etimologia

ID 
6034 
 
Lemma 
vaillanti, ii
   
Descrizione 
(Archidendron/ Affonsea/ Albizia/ Pithecellobium) in onore del generale francese Jean Baptiste Philibert Vaillant (1790 – 1872), maresciallo di Francia, ministro della guerra dal 1854 al 1859 e ministro della casa dell'Imperatore e dei Beni Culturali dal 1860 al 1870
(Aster/ Helenium/ Inula, Carduus ×, Cephalaria/ Cerionanthus/ Scabiosa, Chironia, Cicendiola, Coeloglossum, Crassula/ Bulliarda/ Hydrophila/ Tillaea/ Tillaeastrum, Croton/ Oxydectes, Eriophorum, Fraga/ Potentilla, Fumaria, Galium/ Aparine, Gentiana, Gymnocline, Inula nome ill., Juncus/ Tenageia, Jungermannia, Leonhardia/ Nepa/ Ulex, Marrubium, Orchis viridis var., Osteospermum/ Tripteris, Pilosella/ Hieracium, Polygala, Potamogeton, Pterocephalus, Solanum, Sparganophorus, Trifolium, Veronica e probabilmente Nepeta) specie dedicate al botanico francese Sébastien Vaillant (1669-1722), sottodimostratore al Jardin du Roi, membro dell'Académie des Sciences e autore di Botanicon parisiense ou Plantes des environs de Paris; nel 1717 la sua prolusione in cui dimostra la riproduzione sessuale delle piante crea scandalo e gli attira l'accusa di ingratitudine verso il suo maestro Pitton de Tournefort
(Campanula, Romulea) in onore di François Vaillant, assistente del Laboratorio di zoologia della facoltà di scienze di Algeri, amico e compagno di lavoro sul campo dell’autore Pierre Quézel
(Cinnamomum) in onore dell’"esploratore delle isole della Sonda Vaillant", presumibilmente l’ufficiale francese di marina Auguste-Nicolas Vaillant (1793-1858), comandante della Bonita che tra il 1834 e il 1835 circumnavigò il globo raccogliendo numerose osservazioni scientifiche, poi pubblicate in dieci volumi con la collaborazione degli scienziati che parteciparono alla spedizione
(Daphne, Seseli, Tretocarya) in onore del botanico ed esploratore francese Louis Vaillant (1876-1963), figlio dello zoologo Léon Louis Vaillant; come medico militare accompagnò la missione Pelliot in Asia centrale facendo studi cartografici, geografici, zoologici e botanici sulle zone attraversate in Cina, Russia e Uzbekistan

Acta Plantarum - Un progetto "open source"
Acta Plantarum è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale . Tutti i diritti di Copyright © riservati agli autori se citati.  Acta Plantarum is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License . All Copyright © rights reserved by mentioned authors.