Etimologia dei nomi botanici e micologici   e corretta accentazione 
     Home      Galleria      Forum oggi è Domenica 24 ottobre 2021


    Lista dei lemmi etimologici (500 di 26315)                     Trova:     
   Campo trova
nessun carattere: estrae tutti i lemmi (divisi in più pagine); da 1 a molti caratteri: ricerca i caratteri a partire da inizio lemma;
 
per ricercare uno o più caratteri ovunque nel lemma utilizzare il carattere '%' seguito dai caratteri
 
prima pagina    pagina precedente   Pagina 2    pagina successiva    ultima pagina    
ID Lemma Descrizione     (Legenda)
10720 chionotrichus, a, um (Vitaliana) dal greco χιών chión neve e ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capello: dai peli nivei
11674 chionosphaerus, a, um (Helichrysum, Gnaphalium) dal greco χιών chión neve e da σφαῖρα sphaĩra sfera: riferimento alle infiorescenze con brattee di un bianco brillante come la neve
9920 Chionodoxa [Hyacinthaceae] dal greco χιών chión neve e δόξα doxa fama, gloria: gloria delle nevi
23426 chionodes (Erica, Hieracium ssp.) dal greco χιών chión neve e da εἷδος eídos aspetto, sembianza: d'aspetto niveo
1153 chióneus, a, um (Polyporus) dal greco χιών chión neve: per il cappello e imenoforo sono bianchi come la neve
1152 chionánthus, a, um (Adenophora, Allium, Echinocatus, Echinopsis, Lobivia, Protea ecc.) dal greco χιών chión neve e da ἄνϑοϛánthos fiore: con fiori bianchi come la neve
13425 Chionanthus [Oleaceae] dal greco χιών chión neve e da ἄνϑοϛánthos fiore: per i fiori candidi come la neve
9115 chino (Arundinaria/ Bambusa/ Pleioblastus, Nippocalamus) come sino, cinese
1151 chinensis, e nativo o riferito alla Cina;
  • (Abelia, Astilbe, Callistephus, Cercis, Corylus, Juniperus, Lycium, Rhus ecc.) cinese, originario della Cina;
  • (Capsicum) l’epiteto allude al suo ampio uso nella cucina cinese, ma la sua origine è americana;
  • (Lilaeopsis) epiteto improprio, trattasi di specie nativa del Nord America orientale;
  • (Simmondsia) epiteto improprio, trattasi di specie nativa del Nord America, endemica del deserto di Sonora
13694 Chimonobambusa [Poaceae] dal greco χειμών cheimón inverno e Bambusa (vedi): in alcune specie di bambù appartenenti a questo genere i germogli appaiono in inverno
10809 Chimonanthus [Calycanthaceae] dal greco χειμών cheimón inverno e ἄνϑοϛ ánthos fiore: riferimento alla precoce fioritura invernale
13629 Chimaphila [Ericaceae] dal greco χεῖμα cheima tempo invernale e da φίλος philos amico, amante: perché queste pianticelle rimangono verdi anche in inverno
10083 chiloensis, e (Alstroemeria, Baccharis, Cactus, Cereus, Echinopsis, Grindelia, Hoorebekia, Senecio ecc.) forma latinizzata di chilensis, cioè cileno, del Cile
13280 Chiliotrichum [Asteraceae] dal greco χιλιάς chiliás migliaio e da ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs capello, pelo: per il fitto tomento
8662 Chiliadenus [Asteraceae] dal greco χιλιας chilias migliaio e da ἀδήν, -ένος adén, -énos ghiandola: con numerose ghiandole
13314 chilensis, e (Jubaea, Prosopsis, Adiantum, Cheilanthes, Carpobrotus, Sagittaria, Aristotelia, Austrocedrus, Blechnum, Osmorhiza - Acrospermum ecc.) da Chile nome spagnolo del Cile: cileno, del Cile
10805 chieusseanus, a, um (Spergula) in onore di un certo Chieusse che nel 1859 raccolse il campione di questa pianta in Algeria nel corso di una ricerca con Auguste Nicolas Pomel e Gaetano Leone Durando
9495 chicagoensis, e variante ortografica di chicaginensis (vedi)
7349 chicaginensis, e (Oenothera/ Onagra) di Chicago, grande città dell'Illinois (USA) sulle rive del Lago Michigan
23255 chiarugianus, a, um (Hieracium ssp.) specie dedicata al raccoglitore Alberto Chiarugi (1901-1960), all'epoca assistente presso l'Istituto botanico di Firenze e successivamente ordinario di Botanica presso l'Università di Pisa
23154 chiariglionei (Hieracium) specie dedicata al suo scopritore, il naturalista Aldo Chiariglione (1949-), autore di una Guida naturalistica delle Valli di Lanzo (1994)
23330 chiamuerae (Hieracium ssp.) della Val Chamuera, una delle valli montuose più intatte dell’Alta Engadina dove vennero effettuati i primi ritrovamenti a sud di Ponte/La Punt-Chamues
7462 chestermani, ii (Ophrys fuciflora ssp.) dedica al naturalista inglese David Chesterman (contemporaneo) grande conoscitore di orchidee
7300 cherlerioides (Minuartia) da cherleri (vedi) e dal greco εἷδος eídos aspetto: simile alla specie 'cherleri'
8130 Cherleria [Caryophyllaceae] genere dedicato a Johann Heinrich Cherler (1570-1610) botanico svizzero corrispondente di Johann Bauhin
1150 cherleri, ii (Anthyllis, Convolvolus, Trifolium) specie dedicata a Johann Heinrich Cherler (1570-1610), botanico svizzero corrispondente di Johann Bauhin
18001 Cherimolia (Annona) variante grafica (A. Fiori) per cherimola (vedi)
8470 cherimola (Annona) derivato da Cherimoya, nome popolare di questa pianta
6280 Chenopodium [Chenopodiaceae] dal greco χήν chén oca e da πóδιον pódion piede: riferimento alla forma delle foglie
7872 chenopodioides (Oxybasis, Solanum) da Chenopodium (vedi) farinello e dal greco εἷδος eídos sembianza: simile a un farinello
11341 Chenopodiastrum [Chenopodiaceae] dal genere botanico Chenopodium (vedi) e dal suffisso peggiorativo -astrum: falso Chenopodium
11063 chenevardianus, a, um (Hieracium amplexicaule ssp.) in onore di Paul Chenevard (1839-1919) mercante, botanico e pteridólogo Svizzero
11882 chenaulti, ii (Symphoricarpos, Ligustrum, Berberis ×) in onore dell'orticultore e vivaista francese Léon Chenault (1853-1930)
16526 Chelone [Plantaginaceae] dal greco Χελώνη Khelônê Chelone, ninfa della mitologia greca che aveva ridicolizzato Zeus ed Era non essendosi presentata ai festeggiamenti per il loro matrimonio e che, per punizione, venne trasformata in una tartaruga e condannata a portare sulla schiena la propria casa: per i fiori che ricordano una testa di tartaruga
1149 chelidónius, a, um (Cardamine) aggettivo dal greco khelidón rondine: relativo alle rondini
6279 Chelidonium [Papaveraceae] da χελιδόνιον chelidónion antico nome greco di questa pianta (in Teofrasto), derivata da χελιδών chelidón rondine, poiché il periodo di antesi di questa pianta coincide con quello della presenza delle rondini o, secondo una leggenda riportata da Plinio, perché le rondini utilizzerebbero questa pianta per guarire gli occhi
9919 Cheirolophus [Asteraceae] dal greco χεῖρον cheiron piccolo, minore e da λόφος lóphos cresta, pennacchio
6603 cheirifolius, a, um (Hertia, Hieracium, Cynoglossum, Alyssum, Draba, Corydalis ecc.) da cheiri (vedi), epiteto di un Erysimun (violaciocca gialla) e folium foglia: con foglie da violaciocca
12864 Cheiridopsis [Aizoaceae] dal greco χείρ khéir mano e da ὄψις ópsis aspetto: per l'aspetto delle foglie simili a dita
6604 cheiri
  • (Cheiranthus, Erysimum) dal greco χείρ cheír mano: riferimento a un fiore che si tiene volentieri in mano per il suo profumo gradevole;
  • (Bulbophyllum, Oncidium, Phyllorchis, Sarcopodium) dal greco χείρ cheír mano, per la forma dei fiori
1148 Cheiránthus [Brassicaceae] dal greco χείρ khéir mano e ἄνϑοϛ ánthos fiore: riferimento a un fiore che si tiene volentieri in mano per il suo profumo gradevole
6444 cheiranthos
  • (Brassica/ Brassicella/ Coincya/ Rhynchosinapis ecc.) dal greco χεῖρον cheiron piccolo, minore, dappoco e ἄνϑοϛ ánthos fiore: con fiori piccoli;
  • (Utricularia) dal greco χείρ cheír mano e da ἄνϑοϛ ánthos fiore: per la forma del fiore, simile a una manina
8590 cheiranthoides (Cynanchum, Cheiranthus, Erysimum, Draba, Hesperis, Sisymbrium, Silene, Cistus, Helianthemum, Ononis, Calceolaria ecc.) da Cheiranthus (vedi) violaciocca e dal greco εἷδος eídos aspetto: simile alla violaciocca
13202 cheiranthifolius, a, um (Centaurea) da Cheiranthus (vedi) violaciocca e da folium foglia: con foglie da violaciocca
1147 Cheimonophýllum [Tricholomataceae] dal greco χειμών cheimón inverno e, per estensione, bianco e φύλλον phýllon foglia (lamella): con le lamelle bianche o pruinose di bianco
1146 Cheilyménia [Otideaceae] dal greco χεῖλος cheílos labbro e ὑμήν ὑμένος hymén hyménos membrana (imenio), per l'orlo sporgente che circonda l'imenio del fungo
16249 Cheilocostus [Costaceae] dal greco χεῖλος cheílos labbro, riferimento alla forma del fiore, e da Costus (vedi), genere in cui era precedentemente inserito (Nota: nome illegitt. superfluo -> Hellenia (vedi)
6278 Cheilanthes [Adiantaceae] dal greco χεῖλος cheílos labbro, margine e da ἄνϑοϛ ánthos fiore, per gli sporangi disposti al margine delle pinnule
1145 chavini, ii (Rosa) specie dedicata all'Abbé Paul Chavin (1799-1868), abate e raccoglitore svizzero
10139 chaunanthes (Hieracium) dal greco χαῦνος chaunos inconsistente, non compatto, spugnoso
13009 Chassalia [Rubiaceae] forse in onore del pittore dilettante francese Toussaint Antoine de Chazal de Chamerel (1770-1822) che emigrò nell'isola di Mauritius come coltivatore
6277 Chasmanthe [Iridaceae] dal greco chasme χασμη a bocca aperta, sbadigliante e ἄνϑοϛ ánthos fiore
16063 Chascanum [Verbenaceae] dal greco χάσκω chasco spalancarsi, spalancare la bocca: riferimento al calice ampiamente aperto
6825 Charybdis [Hyacinthaceae] da Χάρυβδις Chárybdis nome greco di Cariddi, uno dei mitici mostri a difesa dello stretto di Messina
9732 charpentieri (Albizia, Androsace, Aretia, Gentiana, Potentilla ×) specie dedicate al geologo, malacologo e botanico svizzero Jean G. F. de Charpentier (1786-1855)
13676 Charpentiera [Amaranthaceae] genere dedicato da Charles Gaudichaud-Beaupré (autore di Voyage autour du monde... sur les corvette.. l’Uranie et la Physicienne, pendant les annés 1817-1820) all’amico Arsène Charpentier (1781-1818), farmacista capo della Marina francese (David Hollombe, pers. comm.)
10472 charmelioides (Phyteuma) da charmeli (vedi), epiteto di una specie, e dal greco εἷδος eídos aspetto: simile alla specie charmelii
1144 charmeli, ii (Convolvulus, Dianthus, Phyteuma, Sonchus) specie dedicate a ‘Joseph’ Pierre Charmeil (1781-1833), medico del Delfinato e corrispondente del Villars
1143 charistíae dal greco χᾰρις cháris grazia, bellezza, ornamento
12534 charantia (Momordica) dall’antico nome italiano caranza in quanto è facile disporre questa pianta a pergolato; termine derivato dal greco χάραξ chárax palo di sostegno, canna
6786 characias (Euphorbia) dal greco χᾰρακίας charakías atto a fare pali, palizzate e nome di un'euforbia citata da Dioscoride e Plinio
13733 chantrieri, ii (Tacca) in onore dei fratelli Adolphe e Ernest Chantrier, che nel 1871 fondarono il vivaio ‘Chantrier Frères” a Mortefontaine (Oise), Francia
11537 chantini, ii (Aechmea, Billbergia, Cypripedium ecc.) in onore di Antoine Chantin (1815-1878), orticultore e vivaista francese
11168 chanousianus, a, um (Gymnadenia ×) dedicato all’abate valdostano Pietro Chanoux (1828-1909) rettore dell’ospizio del colle del Piccolo San Bernardo, naturalista e fondatore del Giardino Botanico Alpino che è stato chiamato ‘Chanousia’ in suo onore
14786 champagnati, ii (Aquilegia) in onore di San Marcellino Champagnat (1789-1840) fondatore dei Fratelli Maristi. Padre Moraldo, coautore dell'Aquilegia champagnatii, è direttore di un centro che porta il nome del Santo
19280 Champaca [Magnoliaceae] dal sanscrito campaka (pronuncia ciampaca) che si riferisce a piante dal profumo intenso
6276 Chamorchis [Orchidaceae] dal greco χᾰμαι chamai a terra, in basso, nano e Orchis (vedi) orchidea: orchidea nana
1142 Chamoníxia [Boletaceae] genere dedicato dal micologo francese Léon Louis Rolland alla località francese di Chamonix, nell’Alta Savoia
7260 chamomilla (Matricaria) dal greco χᾰμαι chamai a terra e per estensione piccolo o nano e μῆλον mêlon pomo: piccola mela, per l'odore dei fiori che ricorda vagamente quello delle mele
23671 Chamguava [Myrtaceae] anagramma imperfetto di Mcvaughia, dedica al botanico statunitense Rogers McVaugh (1909-2009) che fu specialista di fama internazionale in Asteraceae, Myrtaceae, Campanulaceae, Rosaceae legnose e studioso della flora messicana, nonché storico e tassonomo
9909 Chamerion [Onagraceae] corruzione di Chamaenerion dal greco χαμαι chamái a terra, basso e da Nerium (vedi) oleandro: che ricorda un piccolo oleandro
14117 Chamelaucium [Myrtaceae] variante ortografica di Chamaelaucium (vedi)
16111 chamelaeagnus, a, um grafia alternativa per chamelaeagneus (vedi)
16110 chamelaeagneus, a, um (Salvia) dal prefisso greco χαμαι- chamai- nano, basso e da Elaeagnus (vedi): simile a un Elaeagnus nano
9776 chambeironi [Asphodelus] del Brec de Chambeyron montagna tra le più belle e conosciute delle Alpi Cozie meridionali, al confine tra Italia e Francia
13678 chamaesyce (Euphorbia) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da σύκη sýce fico: simile a un piccolo fico perché produce latice come il fico
6275 Chamaesyce [Euphorbiaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da συκῆ syce fico: fico strisciante perché produce latice come il fico
21859 chamaespathus, a, um (Allium) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante, nano, piccolo e da σπάθη spáthe spata, spatola: che presenta una spata di piccole dimensioni
8129 Chamaespartium [Fabaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e dal genere Spartium (vedi) sparto: sparto nano
21068 Chamaesaracha [Solanaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante, al suolo, basso, nano e dal genere Saracha (vedi): simile a quel genere, ma di piccola taglia
1141 Chamaérops [Arecaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, nano e da ῥώψ rhóps ramoscello, cespuglio: palma nana, in confronto alle alte palme tropicali
16182 Chamaerion errata grafia per Chamaenerion (vedi)
13642 chamaerapistrum (Physorhynchus, Zilla) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e dal genere Rapistrum (vedi): simile a un Rapistrum nano
1140 chamaepitys (Ajuga) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante, in basso, nano e da πίτυς pítys pino: piccolo pino, per l'aspetto delle foglie
13641 chamaepeuce (Cnicus, Crotalaria, Lycopodium, Linkia ecc.) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da πεύκη peúce pino: simile a un pino nano
9916 Chamaepeuce [Asteraceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da πεύκη peúce pino: simile a un pino nano
8128 Chamaeorchis [Orchidaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e dal genere Orchis (vedi) orchidea: orchidea nana
11486 Chamaenerion [Onagraceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante, basso e dal genere Nerium (vedi) oleandro: che ricorda un piccolo oleandro
1139 Chamaémyces [Agaricaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, in basso, nano e da μύκης mýces fungo: fungo nano, di piccola taglia
13180 chamaemorus (Rubus) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e dal genere Morus (vedi): simile a un piccolo gelso, per l'aspetto delle foglie
6546 chamaemoly (Allium/ Nectaroscordum) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da moly (vedi): simile a un piccolo Allium moly, pianta della Penisola iberica e della Francia sud-occidentale
7890 chamaemespilus (Sorbus) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante, nano e dal genere Mespilus (vedi) nespolo: nespolo nano
1138 Chamaemélum [Asteraceae] dal greco χαμαίμηλον chamaímelon (dal prefisso χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante, nano e da μῆλον melon pomo) perché, secondo Plinio, i suoi fiori profumano di mela
1137 chamaemelifolius, a, um (Artemisia) dal genere Chamaemelum (vedi) e da folium foglia: con foglie come quelle della camomilla romana
16181 Chamaelina grafia alternativa utilizzata da A. Fiori per Camelina (vedi)
14116 Chamaelaucium [Myrtaceae] dal greco tardo bizantino καμελαυκιον chamelaukion corona o copricapo degli imperatori greco-bizantini: riferimento alla presenza nella pre-antesi del fiore di una caliptra caduca involgente
1136 chamaejasme (Androsace) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da ἰάσμη iasme gelsomino: gelsomino nano
9447 chamaeiris (Iris) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e dal genere Iris (vedi) giaggiolo: piccolo giaggiolo
16109 chamaeelaeagneus, a, um grafia alternativa per chamelaeagneus (vedi)
1135 chamaédrys (Adicea, Cacalia, Gratiola, Hyptis, Pilea, Salvia, Teucrium, Thymus, Veronica ecc.) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da δρῦς drys quercia: simile a una piccola quercia; sembra che questo nome sia stato utilizzato già da Teofrasto per una pianta nana con foglie simili a quelle della quercia
18669 Chamaedrys [Lamiaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da δρῦς drys quercia: simile a una piccola quercia; sembra che questo nome sia stato utilizzato già da Teofrasto per una pianta nana con foglie simili a quelle della quercia
7897 chamaedryfolius, a, um (Aloysia, Croton, Geum, Ilex, Lobelia, Sideritis, Spiraea, Verbena ecc.) da Chamaedrys (vedi) camedrio e da folium foglia: con foglie da camedrio
8570 Chamaedorea [Arecaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da δόρυ dóry asta, lancia: riferimento alla piccola taglia e ai fusti sottili e slanciati; oppure da δῶρον doron dono, regalo: per i frutti accessibili
13677 Chamaedaphne [Ericaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante, basso, nano e dal genere Daphne (vedi): simile a quel genere, ma nano
8219 Chamaecytisus [Fabaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante, in basso, nano e dal genere Cytisus (vedi): simile a quel genere, ma nano
1134 chamaecyparissus (Santolina, Achillea, Diphasium, Lycopodium) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da κυπάρισσος cypárissos cipresso: simile a un cipresso nano
13628 chamaecyparis (Casuarina, Gymnostoma, Quadrangula, Polygala) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da κυπάρισσος cypárissos cipresso: simile a un cipresso nano
1133 Chamaecýparis [Cupressaceae] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da κυπάρισσος cypárissos cipresso: nome poco veritiero perché non tutte le specie di questo genere sono nane
1132 chamaecypáridis (Asterula, Cercospora, Lophiostoma ecc.) genitivo di Chamaecyparis (vedi), genere di piante ospiti di questi funghi
1131 chamaecístus (Rhodothamnus) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e dal genere Cistus (vedi): simile a un Cistus nano
1130 chamaecéreus [Echinopsis] dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e dal genere Cereus (vedi): simile a un piccolo Cereus
1129 chamaecérasus (Diasperus, Glochidion, Phyllanthus, Tetrapterys, Cerasus, Capsicum) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e da cérasus ciliegio: simile a un piccolo ciliegio
1128 chamaebúxus (Polygala, Daphne, Ilex, Syzygium, Tithymalus, Vaccinium ecc.) dal prefisso greco χᾰμαι- chamai- a terra, strisciante e dal genere Buxus (vedi) bosso: simile a un bosso nano
1127 chalybaéus, a, um (Cacalia, Hieracium, Vernonia - Caloplaca ecc.) dal greco καλυβδικός kalybdicós d'acciaio, termine derivato da Χάλῠβες Kálybes Calibi (in latino Chălybs), antica popolazione della Scizia e del Ponto (ora Turchia), famosa per il lavoro del ferro e dell’acciaio: color ferro
1126 chalepensis, e (Cardaria, Lepidium, Linaria, Mentha, Ruta ecc.) di Aleppo, l’attuale città di Haleb nella Siria settentrionale
1125 Chalcíporus [Strobilomycetaceae] dal greco χαλκός chalkós rame e πόρος póros poro, passaggio: per il colore ramato dei pori
1124 chalcedonicus, a, um (Colchicum, Lychnis, Lilium, Silene, Boletus, Ramularia) della Calcedonia (greco: Χαλκηδών Chalcedon), colonia greca in Bitinia, Asia Minore, posta sul mar di Marmara di fronte a Bisanzio
13673 chaixianus, a, um (Centaurea, Euphorbia, Hieracium, Tropaeolum, Trophaeum) specie dedicate all'abate francese Dominique Chaix (1731-1800) amico di Dominique Villars, erborizzò con lui nella regione di Gap
13674 Chaixia [Gesneriaceae] genere dedicato all'abate francese Dominique Chaix (1731-1800) amico di Dominique Villars, erborizzò con lui nella regione di Gap
1123 chaixi, ii (Lactuca, Mentha, Picris, Poa, Primula, Verbascum, Veronica) specie dedicate all'abate francese Dominique Chaix (1731-1800) amico di Dominique Villars, erborizzò con lui nella regione di Gap
9908 Chaiturus [Lamiaceae] dal greco χαίτη chaíte chioma e da οὐρά ourá coda: come una folta coda
9907 Chaeturus [Poaceae] dal greco χαίτη chaíte chioma e da οὐρά ourá coda: perché l’inflorescenza ha l’aspetto di una folta coda
11429 Chaetóporus [Steccherinaceae] dal greco χαίτη chaíte chioma, capigliatura e πόρος póros poro, passaggio: con pori pelosi
1122 Chaetoporéllus [Hyphodermataceae] diminutivo di Chaetoporus (vedi), un genere di funghi
8236 Chaetopogon [Poaceae] dal greco χαίτη chaíte chioma, capigliatura e πώγων pógon barba: perché le glumette inferiori si estendono in reste lunghe e sottili dando alla pannocchia l’aspetto di una barba lunga e incolta
9850 chaetophyllus, a, um (Bidens, Carex, Cyperus, Hieracium, Tillandsia ecc.) dal greco χαίτη chaíte chioma, capigliatura e φύλλον phýllon foglia: con foglie chiomate, setolose
8235 Chaetonychia [Illecebraceae] dal greco χαίτη chaíte chioma e da ὄνυξ ónyx unghia: per i petali simili a un unghia con una lunga seta terminale
1121 Chaetómium [Chaetomiaceae] dal greco χαίτωμα chaitóma criniera, pennacchio dell'elmo: fungo coperto di peli
1120 Chaetodérma [Stereaceae] dal greco χαίτη chaíte chioma, capigliatura e da δέρμα dérma pelle: dall'epidermide pelosa
1119 Chaetocálathus [Tricholomataceae] dal greco χαίτη chaíte chioma, capigliatura e κᾰλᾰϑος cálathos cestello, panierino: per il cappello pubescente a forma di coppa
10138 chaetocaesioides (Hieracium) dal greco χαίτη chaíte chioma, capigliatura, caesius azzurrino e dal greco εἷδος eídos aspetto: che ha l'aspetto di una chioma azzurrina
9906 Chaetaria [Poaceae] dal greco χαίτη chaíte chioma: comosa, perché le reste sono persistenti
10533 chaerophyllus, a, um, os (Anogramma, Corydalis, Geranium, Rubus, Valeriana ecc.) dal greco χαίρω chaíro io rallegro e φύλλον phýllon foglia: per il soddisfacimento procurato dalla vista delle belle foglie o perché le foglie sono tenere e soffici
1118 Chaerophýllum [Apiaceae] dal greco χαίρω chaíro godere, rallegrarsi e da φύλλον phýllon foglia: per le foglie belle o gradevoli per la loro fragranza
9905 Chaerefolium [Apiaceae] dal greco χαίρω chaíro gioisco e da folium foglia: gioisco alla vista delle foglie belle o fragranti
11728 Chaenostoma [Scrophulariaceae] dal greco καίνω chaino aperto, spalancato e da στóμα stóma bocca: riferimento alla fauce della corolla
1117 Chaenorhinum [Scrophulariaceae] dal greco χαίνω chaíno aprire, spalancare e da ῥίς, ῥῖνός rhís, rhinós naso, muso: per la fauce del tubo corollino aperta
6274 Chaenomeles [Rosaceae] dal greco καίνω chaino aperto, spalancato e da μῆλέα meléa melo: per l’antica credenza che il suo frutto si auto-dividesse a maturità in 5 settori
12223 Chadsia [Fabaceae] genere dedicato dal botanico ceco W. Bojer a sir Henry Chads (1819–1906), ammiraglio della Marina Britannica che gli offerse un passaggio per il Madagascar nel 1835, dove raccolse molte piante allora sconosciute
10457 chabraei (Caroselinum, Imperatoria, Oreoselinum, Palimbia, Peucedanum, Petroselinum, Schlosseria, Seseli, Juncago) in onore del medico e botanico svizzero Dominique Chabrey (“Chabraeus” 1610-1669)
13580 ceylanicus, a, um (Acanthocystis pectinata ssp., Berberis, Cyperus, Durio, Scleria ecc.) dell’isola di Ceylon, ora Sri Lanka
9555 cevennensis, e (Pulmonaria) delle Cevenne, catena montuosa della Francia centro-meridionale che fa parte del Massiccio Centrale
13574 cettoianus, a, um (Squamanita) in onore del micologo italiano ing. Bruno Cetto (1921-1991)
13573 cettoi (Clavaria) in onore del micologo italiano Bruno Cetto (1921-1991)
1116 cetrátus, a, um (Erica, Entoloma) da cétra piccolo e leggero scudo di cuoio
6510 ceterach (Asplenium) sembra che derivi da cetrack nome arabo della pianta
1115 Cestrum [Solanaceae] da cestrŏs erba betonica (Stachys officinalis) citata da Plinio (dal greco κέστρον céstron giavellotto, punteruolo, bulino) e anche utilizzato da Dioscoride e Galeno per l'erba betonica
1114 céssans (Russula, Tephrocybe, Collybia ecc.) da césso indugiare, essere in ritardo: che arriva in ritardo (rispetto ad altre specie dello stesso genere)
1113 cespitosus, a, um (Campanula, Carex, Deschampsia, Trichophorum ecc.) da caespes zolla erbosa: cespitoso, accespito
6474 cescae (Taraxacum, Adoxa moschatellina ssp.) in onore di Giuliano Cesca (1935-), botanico presso l'Università della Calabria
1112 cesattianus, a, um errata grafia per cesatianus (vedi)
1111 cesatianus, a, um (Asplenium, Anchusa, Aspidium, Cuscuta, Acarospora, Phoma, Sphaerella ecc.) specie dedicate al botanico milanese Vincenzo de Cesati (1806-1883) che studiò particolarmente la flora lombarda e fu direttore dell’Orto Botanico di Napoli
13572 Cesatia [Apiaceae] genere dedicato al botanico milanese Vincenzo de Cesati (1806-1883) che studiò particolarmente la flora lombarda e fu direttore dell’Orto Botanico di Napoli
13571 cesati, ii (Ranunculus ×, Ascobolus, Crepidotus, Pionnotes ecc.) specie dedicate al botanico milanese Vincenzo de Cesati (1806-1883) che studiò particolarmente la flora lombarda e fu direttore dell’Orto Botanico di Napoli
8475 cesanensis, e (Carex muricata ssp.) da Cesana Torinese (TO) che si trova in Val di Susa e fa parte della Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone
8141 Cesalpinia errata grafia per Caesalpinia (vedi)
1110 cervinus, a, um da cervus cervo: cervino, inerente ai cervi;
  • ( Castilleja, Lupinus - Trametes, Pluteus) per il colore simile a quello del loro manto;
  • (Mentha) forse perché preferita dai cervi;
  • (Erigeron) latinizzazione del nome della zona di origine: le Deer (cervo) Creek Mountains nella Josephine County (Oregon, USA) dove è stato raccolto l’olotipo
7777 cervicornis, e (Echinops, Launaea, Opuntia, Prenanthes, Saxifraga pedemontana ssp., Sonchus ecc.) da cervus cervo e cornus corno: per il portamento che ricorda le corna di cervo
1109 cervícolor (Inocybe) da cérvus cervo e cólor colore: di colore simile a quello del manto dei cervi
1108 cervicarius, a, um (Campanula, Selinum, Weitenwebera, Syncodon) da cervix nuca, forse per l'uso della pianta per alleviare i dolori della zona cervicale
9200 cervicarioides (Campanula) da cervicaria (vedi), epiteto di una Campanula, e dal greco εἷδος eídos aspetto: simile alla Campanula cervicaria
1107 cervianus, a, um (Mollugo) specie dedicata a Giuseppe Cervi (1663-1748), parmense, medico del re di Spagna Filippo V
23146 Cervia [Boraginaceae] genere dedicato al parmense Giuseppe Cervi (1663-1748), medico del re di Spagna Filippo V
6273 cervarius, a, um (Athamanta, Laserpitium, Ligusticum, Peucedanum, Selinum, Peucedanon) da cervus cervo: avente caratteristiche richiamano il cervo
10411 cervariae (Orobanche) della Cervaria (vedi) il genere pianta parassitato da questo succiamele
6272 Cervaria [Apiaceae] da cervarium venenum erba velenosa citata da Plinio utilizzata per ungere le frecce
21796 cervantesianus, a, um
  • (Cyathea) specie dedicata dal botanico costaricense Alexander Francisco Rojas Alvarado (1971-) all'amico Juan Carlos Cervantes, custode della collezione di felci del giardino botanico Lankester di Cartago, Costa Rica
  • (Ficus) dall'area di ritrovamento, il distretto Cervantes nella provincia di Cartago (Costa Rica)
21795 Cervantesia [Santalaceae] genere dedicato da Hipólito Ruiz e José Pavón a Vicente Cervantes Mendo (1758-1829), botanico, collezionista di piante, speziale e chimico spagnolo che fu professore di botanica all'Università del Messico, direttore del Giardino Botanico Reale di Città del Messico e autore di Plantae Novae Hispaniae e Flora Mexicana
21794 cervantesi, ii
  • (Bidens, Eryngium, Georgina/ Dahlia, Hedyotis/ Anotis/ Ereicoctis/ Houstonia, Hoitzia/ Loeselia, Hydrolea, Hypericum, Laurus/ Acrodiclidium/ Licaria/ Misanteca, Litsea/ Tetranthera, Odontoglossum/ Amparoa/ Cymbiglossum/ Lemboglossum/ Oncidium/ Rhynchostele, Oxybaphus/ Allionia/ Calyxhymenia/ Mirabilis, Perymenium, Sisyrinchium, Solanum e probabilmente anche (Chiranthodendron, Pteris) in onore di Vicente Cervantes Mendo (1758-1829), botanico, collezionista di piante, speziale e chimico spagnolo che fu professore di botanica all'Università del Messico, direttore del Giardino Botanico Reale di Città del Messico e autore di Plantae Novae Hispaniae e Flora Mexicana
  • (Matelea) in onore di Luis Cervantes dell'Istituto di Ecologia di Xalapa, stato Vera Cruz (Messico), che si unì agli autori nell'esplorazione della località tipo della specie
1106 cerussátus, a, um (Clitocybe) da cerussa biacca: per la superficie del cappello, bianca come la biacca
8855 ceruleus, a, um (Crinum, Oncostema, Sagittaria, Sambucus, Scilla) grafia errata, ma valida, per caeruleus (vedi)
10539 cerritae (Epipactis muelleri ssp.) riferimento al Bosco della Cerrita che si trova versante est dell'Etna, così chiamato perché costituito essenzialmente da cerro
7635 cerris (Quercus) cerro, un tipo di quercia già citata da Plinio
1105 Cerréna [Coriolaceae] da cérrus cerro, ossia coriacea, sugherosa, come la corteccia del cerro Quércus cérris
11503 Ceropegia [Apocynaceae] dal greco κηρός cerós cera e πηγή pegé fonte, sorgente: fontana di cera, con riferimento all’aspetto dell’infiorescenza in alcune specie
8393 ceronianus, a, um
  • (Alchemilla) dedicata a Luigi Ceroni(1883-1951), medico presso il manicomio di Como, attivo raccoglitore in Lombardia, Toscana e in Emilia-Romagna nella prima metà del '900, scrisse anche un breve contributo sulla flora bolognese, scopritore di questa Alchemilla;
  • (altro?) in onore di Augusto Rinaldi Ceroni (1913-1999) appassionato erborista. A lui è dedicato il Giardino delle Erbe nel Comune di Casola Valsenio (RA)
13570 ceroni, ii (Anthurium, Fleischmannia, Ficus, Oblivia, Psychotria) in onore del botanico e collezionista di piante ecuadoregno Carlos Eduardo Cerón Martínez (1957- )
1104 ceródes (Naucoria, Agaricus, Lecanora, Placodium ecc.) dal greco κηρός cerós cera e dal greco εἷδος eídos sembianza
1103 Cerocortícium [Hyphodermataceae] dal greco κηρός cerós cera e da Corticium (vedi), genere di funghi di consistenza o aspetto cereo
1102 cérnuus, a, um (Allium, Aloë, Bidens, Bupleurum, Carpesium, Euphorbia, Isolepis, Lycopodiella, Orobanche, Saxifraga, Carpesium, Saururus, Saxifraga, Sorghum, Trifolium, Trisetum, Saururus, Psathyrella ecc.) pendente, ricadente, chinato, con il capo piegato in giù, normalmente con riferimento all’infiorescenza o al singolo fiore
1101 Ceriporiópsis [Coriolaceae] da Ceriporia (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, somiglianza
1100 Ceripória [Coriolaceae] dal greco κηρός cerós cera e πόρος póros poro, passaggio: dai pori cerosi
1099 Cerióporus [Polyporaceae] dal greco κηρίον ceríon favo e da πόρος póros poro, passaggio: fungo a forma di favo caratterizzato da pori evidenti
1098 Ceriómyces [Boletaceae] dal greco κηρίον ceríon favo e da μύκης mýces fungo: fungo a forma di favo
9379 cerinthoides (Carduus, Erica, Hieracium ssp., Nicotiana, Prionotes, Tradescantia ecc.) da Cerinthe (vedi) e dal greco εἷδος eídos sembianza: simile alla Cerinthe
6271 Cerinthe [Boraginaceae] dal greco κηρός cerós cera e ἄνϑοϛ ánthos fiore: fiore particolarmente visitato dalle api avente la forma di piccoli ceri
1097 Cerinómyces [Cerinomycetaceae] dal greco κήρῐνος cérinos cereo, di cera e μύκης mýces fungo, per l'aspetto ceroso del carpoforo
1096 cérifer, erus, era, erum (Acer, Arrudaria, Myrica, Schefflera ecc.) da cera cera e féro produco, porto: che produce sostanze cerose
1095 céreus, a, um (Cypripedium ×, Pilocereus, Peziza, Ribes) da cēreus: a forma di cero o per l’aspetto, il colore e la consistenza della cera
10834 Cereus [Cactaceae] da cēreus cero: per la forma colonnare di molte specie di questo genere
13563 ceresianus, a, um (Cephalophyllum, Conophytum, Gladiolus, Ruschia ecc.) da Ceres, località nella provincia occidentale del Capo, Sudafrica
13560 Ceresia [Poaceae] genere dedicato a Jean Nicolas de Céré (1737-1810), francese, direttore del Giardino Botanico di Mauritius
13562 cereoides (Matucana, Peperomia, Rhipsalis ecc.) da Cereus (vedi) e dal greco εἷδος eídos sembianza: simile a un Cereus
13561 cereiformis, e (Echidnopsis, Echinocactus, Euphorbia, Grusonia, Hariota, Opuntia ecc.) da cērĕus cero e da forma aspetto, per l'aspetto simile a quello di un cero, oppure dal genere Cereus (vedi) per la somiglianza con quel genere in qualche particolare
1094 cerefolius, a, um
  • (Anthriscus) il cerfoglio era detto chaerephylla in latino e χαιρέφυλλον chairéphyllon in greco; potrebbe derivare da cera cera e folium foglia: con foglie cerose, ma è altresì possibile che il nome greco derivi da χαίρειν chairein deliziare e da φύλλον phýllon foglia, riferimento al buon profumo delle foglie;
  • (Agathosma/ Hartogia) le foglie stropicciate di questa pianta rilasciano un aroma come quello del cerfoglio (da ‘The gardeners dictionary’ di Philip Miller);
  • (Diosma) con foglie simili a quelle del cerfoglio;
  • (Delphinium, Rupicapnos) riferimento oscuro
1093 cerebrifórmis, e (Clavulina, Genabea, Hypocrea, Monilia ecc.) da cérebrum cervello e fórma figura, aspetto
1092 cerebéllus, a, um (Bulbophyllum, Hymenogaster) diminutivo di cérebrum cervello
13559 Cerebella [Pleosporaceae] diminutivo di cérebrum cervello: per l'aspetto
7800 cerealis, e
  • (Secale) da Ceres Cerere, dea latina delle messi e per metonimia le stesse messi e il grano: relativo alla cura dei campi e delle messi;
  • (Drosanthemum) da Ceres, località nella provincia occidentale del Capo, Sudafrica
1091 cercophyllus, a, um (Rubus, Mandevilla, Cryptocarya) dal greco κέρκος cérkos coda (non di uccello) e φύλλον phýllon foglia: dalle foglie caudate
1090 Cércis [Fabaceae] Linneo riprese questo nome dal greco κερκίς cercís in Teofrasto, sorta di pioppo bianco secondo alcuni autori, nome del Cercis siliquastrum secondo altri, ma anche navetta del telaio per tessitura la cui forma ricorda quella dei suoi baccelli legnosi
17713 cercinensis, e (Limonium) delle isole Kerkennah (in arabo Juzur Qarqana, in italiano Cercara o Cercina), arcipelago al largo di Sfax (Tunisia)
14508 Cercidium [Fabaceae] da Cercis (vedi) e dal suffisso diminutivo greco -ιδιον -idion: per la somiglianza dei frutti
1089 cercidiphýllus, a, um (Jatropha, Piper, Populus) da Cercis (vedi) e da φύλλον phýllon foglia, lamella: con foglie simili a quelle del Cercis
13577 Cercidiphyllum [Cercidiphyllaceae] da Cercis (vedi) e da φύλλον phýllon foglia, lamella: con foglie simili a quelle del Cercis
13578 cercidifolius, a, um (Bauhinia, Benzoin, Celtis, Disanthus, Hoffmannia, Lindera, Smilax, Uraria, Vaccinium) da Cercis (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle del Cercis
11536 Cerbera [Apocynaceae] dal mostro mitologico greco Κέρβερος Kérberos Cerbero, mastino a tre teste a guardia dell’ingresso dell’Ade: per la tossicità del succo
6270 Ceratostigma [Plumbaginaceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno e da stigma (vedi) puntura, segno, passato poi a indicare la parte terminale del pistillo: con escrescenze cornee sullo stigma
1088 cerátopus, a, um (Agaricus,Entoloma, Marasmius) dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno e da πούς pous piede, gambo
1087 ceratophyllus, a, um (Centaurea, Rubus) dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corna e φύλλον phýllon foglia: con foglie cornee o a forma di corno
1086 Ceratophyllum [Ceratophyllaceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corna e φύλλον phýllon foglia: con foglie di consistenza cornea
1085 ceratophylloides (Salvia, Frommia, Leucanthemum ecc.) da Ceratophyllum (vedi) e dal greco εἷδος eídos apparenza: simile al ceratofillo
1084 ceratophorus, a, um (Bomarea, Calamaus, Taraxacum, Dichochaete ecc.) dal greco κέρας, -ατοϛ céras, cératos corna e da φορέω phoréo portare, avere: che porta le corna, cornuto
1083 Ceratónia [Fabaceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno e τείνω teíno io protendo, estendo: per il frutto simile a un corno proteso
12719 ceratoides (Krascheninnikovia, Eurotia, Axyris ecc.) dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno e εἶδος eídos aspetto: simile a un corno
12720 Ceratoides [Amaranthaceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno e εἶδος eídos aspetto: simile a un corno
10137 ceratodon (Hieracium) dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno e dal greco ionico ὀδών odón dente: con denti cornei
6269 Ceratochloa [Poaceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno e χλόα chlóa erba: erba cornuta
6268 Ceratocephalus [Asteraceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno e κεφαλή cephalé testa: dalla testa cornuta
16175 Ceratocephala [Ranunculaceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, cératos corno e da κεφαλή cephalé testa: dalla testa cornuta, per le brattee ramificate assomiglianti a corna che circondano il fiore
1082 ceratocarpus, a, um (Euphorbia, Maidenia, Tabernaemontana ecc.) dal greco κέρας, -ατοϛ céras, cératos corna e καρπός carpόs frutto: con frutti cornuti
13558 Ceratocarpus [Chenopodiaceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corna e καρπός carpόs frutto: con frutti cornuti
1081 Ceratobasídium [Ceratobasidiaceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno e dal latino scientifico basidium basidio: per i lunghi sterigmi dei basidi
1080 Ceratiomýxa [Ceratiomyxaceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno e μύξα mýxa muco: per l'aspetto del carpoforo
1078 Ceratellópsis [Meruliaceae] dal genere di funghi Ceratella (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, somiglianza
1079 Ceratélla [Meruliaceae] diminutivo latino del greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno: alquanto corneo
1077 cérasus (Prunus, Acnistus, Druparia ecc.) da cerasus ciliegio, a sua volta dal greco κέρασος cérasos
6267 cerastoides (Cerastium, Gnaphalium, Lychnis ecc.) dal greco κέρας, -ατοϛ céras, cératos corno e da εἷδος eídos aspetto: simile a un corno
1076 Cerástium [Caryophyllaceae] dal greco κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno, per l’aspetto del frutto
9259 cerastioides (Arenaria, Cerastium, Gypsophila, Sagina ecc.) da Cerastium (vedi) e dal greco εἷδος eídos sembianza: simile a un Cerastium
1075 cerásinus, a, um (Rhododendron) da cerasium ciliegia: per il colore dei fiori
1074 cerasifer, erus, era, erum (Prunus, Asphodelus) da cerasium ciliegia e fero porto, produco: con frutti a forma di ciliegia
1073 cérasi (Fusicladium, Alternaria, Armillaria, Dermea, Ditangium ecc.) genitivo di cérasus (vedi) ciliegio: del ciliegio, pianta ospite (non esclusivo) di questi funghi
1072 Ceraceómyces [Meruliaceae] dal greco κηρός cerós cera e da μύκης mýces fungo, per l'aspetto membranoso-ceraceo del carpoforo
1071 Ceraceomerúlius [Coriolaceae] dal greco κηρός cerós cera e da Merulius , genere di funghi
23093 cepitinus, a, um (Hieracium ×, Pilosella) del Colle Cepito in provincia di Teramo (Abruzzo), luogo dei primi rinvenimenti
11062 cepistipes (Armillaria, Agaricus, Coprinus, Leucocoprinus ecc.) da cepa cipolla e stípes gambo: col gambo a forma di cipolla
13549 cepiformis, e (Allium, Epidendrum, Bovista, Lycoperdon) da cépa cipolla e fórma figura, aspetto: simile a una cipolla
9441 cephalotes (Hypoestes, Justicia, Ruellia ecc.) alterazione dal greco κεφαλοδες cephalodes capitato
1070 Cephalotáxus [Cephalotaxaceae] dal greco κεφαλή cephalé testa e da Taxus (vedi) genere delle Taxaceae: pianta simile a un tasso ma con fiori maschili raccolti in strobili globosi
1069 Cephalóscypha [Cyphellaceae] dal greco κεφαλή cephalé testa e σκύφος scýphos tazza, per la forma del carpoforo
19987 Cephalophyllum [Aizoaceae] dal greco κεφαλή cephalé testa, capo e da φύλλον phýllon foglia: forse perché in alcune specie i capolini sono fogliosi
6545 cephalonicus, a, um (Abies) da Cephallenia la maggiore delle isole ioniche, oggi Cefalonia (in greco moderno Kefallinia), Grecia
13129 Cephalocroton [Euphorbiaceae] dal greco κεφαλή cephalé testa e da Croton (vedi), un genere simile: Croton dotato di testa, riferimento all'infiorescenza terminale globosa dei fiori maschili
11251 Cephaloceraton [Isoëtaceae] dal greco κεφαλή cephalé testa e da κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno, con riferimento alle protuberanze a forma di corno delle guaine fogliari
1068 cephalíxus, a, um (Cortinarius) dal greco κεφαλή cephalé testa e ἰξός iksos vischio: con il cappello vischioso
1067 cephálicus, a, um (Pelargonium, Dendryphion) dal greco κεφαλή cephalé testa
9071 cephalarioides (Sixalix) da Cephalaria (vedi), genere delle Caprifoliaceae, e dal greco εἷδος eídos sembianza: simile a una Cephalaria
1066 Cephalária [Dipsacaceae] dal greco κεφαλή cephalé testa: perché i fiori sono raccolti in densi capolini
1065 cephalanthus, a, um (Didymopanax, Carduus, Mariscus, Astragalus, Rhododendron ecc.) dal greco κεφαλή cephalé testa e ἄνϑοϛ ánthos fiore: con fiori a capolino
13550 Cephalanthus [Rubiaceae] dal greco κεφαλή cephalé testa e da ἄνϑοϛánthos fiore: con fiori a capolino
13551 cephalanthi (Cuscuta) da Cephalanthus (vedi) genere che rappresenta il più comune ospite di questa pianta parassita
1064 Cephalánthera [Orchidaceae] dal greco κεφαλή cephalé testa e dal latino botanico anthera antera, per il loro aspetto globoso
7804 cepaeus, a, um
  • (Allium/ Porrum) da cepa, nome latino della cipolla
  • (Anacampseros/ Sedum) da cepaea, nome latino di una pianta citata da Plinio da alcuni identificata col favagello, ma in cui non si ravvisano evidenti somiglianze con questa crassulacea
1063 cepaéstipes grafia alternativa per cepistipes (vedi)
1062 cepaeoídes (Agaricus/ Fungus) da cépa cipolla e dal greco εἷδος eídos sembianza: che ha l'aspetto o l'odore di una cipolla
9664 cepaeifolius, a, um (Hutchinsia/ Iberis/ Lepidium/ Noccaea/ Thlaspi) da Sedum cepaea e da folium foglia: con foglie simili a quelle di Sedum cepaea
1061 cepaefórmis, e grafia alternativa per cepiformis (vedi)>
7981 cepaefolius, a, um errata grafia per cepaeifolius (vedi)
1060 cepáceus, a, um (Antholyza/ Ixia, Bromelica/ Festuca/ Melica, Bulbine, Omentaria/ Tulbaghia) da cepa cipolla, per qualche affinità con questa specie
1059 cépa (Allium) forma utilizzata da Plinio in luogo dell’usuale caepa per cipolla (derivato dal greco κάπια kápia)
1058 centúnculus, a, um (Anagallis - Amanita, Simocybe ecc.) diminutivo di cénto, centónis ricucitura di più stoffe
13548 Centúnculus [Primulaceae] diminutivo di cénto, centónis ricucitura di più stoffe
12994 Centropogon [Campanulaceae] dal greco κέντρον céntron pungolo e da πώγων pógon barba: riferimento al lungo stilo acuminato e barbato
6847 centroniae (Galium) da Centrones/ Ceutrones popolazione alpina della Gallia con capitale Darantasia, oggi Moutiers: di Centronia
23377 centroapenninicus, a, um (Festuca) dell'Appennino Centrale
11389 centroalpinus, a, um (Hieracium) delle Alpi centrali
9301 centro-appenninicus, a, um forma ortograficamente scorretta per centro-apenninicus (vedi)
8607 centro-apenninicus, a, um (Festuca) dell' Appennino Centrale
7112 centrifrons (Knautia) da centrum centro e da frons fronda, ramo frondoso: con rami che partono dal centro
1057 Centránthus [Valerianaceae] dal greco κέντρον céntron pungolo, sperone e ἄνϑοϛ ánthos fiore, riferimento allo sperone del fiore
13546 centranthera (Pedicularis, Pleurothallis) dal greco κέντρον céntron pungolo, sperone e dal dal latino botanico anthera antera: per la piccola sporgenza, simile a uno sperone, che caratterizza l’antera
13547 Centranthera [Scrophulariaceae] dal greco κέντρον céntron pungolo, sperone e dal latino botanico anthera antera: per la piccola sporgenza, simile a uno sperone, che caratterizza l’antera
8381 centralpinus, a, um (Astragalus) delle Alpi Centrali
10555 centifolius, a, um (Rosa) da centum cento e folium foglia: dalle cento foglie (o petali)
8510 centauroides
  • (Calcitrapa, Carduus, Cartesia, Cnicus, Jurinea ecc.) da Centaurea (vedi), genere delle Asteraceae, e dal greco εἷδος eídos aspetto: simile a una Centaurea;
  • (Centaurea) rafforzativo che indica una specie tipica di Centaurea
13545 centaurius (Erythraea, Rhaponticoides) da centaurus, greco κένταυρος céntauros centauro, figura mitologica metà uomo e metà cavallo. Questo epiteto sarebbe dedicato al centauro Chirone che, al contrario degli altri centauri, aveva un’indole saggia e mite, esperto nelle scienze e nella medicina era considerato maestro di Esculapio, di Achille e di altri eroi
6266 Centaurium [Asteraceae] etimologia contrastata la cui base comune è il latino centaurus, greco κένταυρος céntauros centauro, figura mitologica metà uomo e metà cavallo; secondo alcuni dall'erba cantauria, citata da Lucrezio, Virgilio e Plinio; per altri da κενταύριον centaúrion nome utilizzato da Ippocrate e Teofrasto per una pianta le cui proprietà medicali sarebbero state scoperte dal mitico centauro Chirone; infine da κενταύριον centaúrion, nome utilizzato da Dioscoride per una pianta a fiori rossi
10410 centaurina (Orobanche) del Centaurium (vedi), genere parassitato da questo succiamele
1056 Centáurea [Asteraceae] assonante con il greco κέντρον céntron pungolo, sprone: per la forma del bocciolo, oppure da Centaurus, greco κένταυρος céntauros centauro, figura mitologica metà uomo e metà cavallo; secondo alcuni autori, questo genere sarebbe dedicato a Chirone che, al contrario degli altri centauri, aveva un’indole saggia e mite: esperto nelle scienze e nella medicina era considerato maestro di Esculapio, di Achille e di altri eroi
1055 Cenocóccum [Gloniaceae] dal greco κενός cenós vuoto e da κόκκος cóccos chicco, acino
1054 cenisius, a, um (Brachypodium, Campanula, Cirsium, Festuca, Hieracium, Koeleria, Nigritella, Pedicularis, Poa, Rubus, Viola, Thlaspi ecc.) del Colle del Moncenisio, valico alpino delle Alpi Cozie, tra Francia e Italia
1053 cengialti (Iris) del Monte Cengio Alto, tra la Val Lagarina e la Vallarsa presso Rovereto
1052 Cenchrus [Poaceae] dal greco κέγχρος cénchros miglio, grano di miglio e per similitudine ogni granaglia e tutto ciò che ricorda un grano di miglio per forma e dimensione
10450 cenchroides (Aepogon, Echinospermum, Enneapogon, Lappula, Scleria ecc.) da Cenchrus (vedi) e dal greco εἷδος eídos aspetto: simile a un Cenchrus
7580 cembra (Pinus) dal nome dialettale di questa pianta cioè zembro poi modificato in volgare cembro, oppure da Cimbri un'antica minoranza etnica dell'area montuosa tra Trento, Vicenza e Verona
1051 Céltis [Cannabaceae] antico nome greco (κηλτις ?) di una pianta citata da Erodoto, Dioscoride e Teofrasto, ripreso da Plinio per una pianta africana, con frutti dolci, probabilmente Ziziphus jujuba. Tournefort l’utilizzò per una pianta che presenta qualche somiglianza (frutti eduli, dolciastri) con il 'celtis' di Plinio
8044 celticus, a, um (Valeriana) dei Celti, popolazione indoeuropea che in epoca romana ebbe il suo insediamento nella Gallia (Francia) centrale
13544 Celtica [Poaceae] dei Celti, popolazione indoeuropea che in epoca romana ebbe il suo insediamento nella Gallia (Francia) centrale
10702 celsianus, a, um (Acacia, Agave, Callista/ Erica, Crataegus ecc.) in onore di Jacques Martin Cels (1740-1806) scrittore e botanico francese che creò un famoso giardino (‘Le Jardin de Cels’ descritto da Ventenat) e fornì piante ai Giardini della Malmaison e ai botanici dell’epoca
1050 Celsia [Scrophulariaceae] genere dedicato da Linneo al suo amico Olof Celsius (1670-1756) prete svedese, botanico e fisiologo, professore all'Università di Uppsala
12713 celsi, ii (Agave, Caccinia, Campanula, Hovea, Romulea, Rosa) in onore di Jacques Philippe Martin Cels (1740-1806) scrittore e botanico francese che creò un famoso giardino (‘Le Jardin de Cels’ descritto da Ventenat) e fornì piante ai Giardini della Malmaison e ai botanici dell’epoca
1049 Celosia [Amaranthaceae] dal greco κήλεος kéleos ardente, fiammeggiante, per il colore dell'infiorescenza
1048 Céllypha [Tricholomataceae] anagramma di Cyphélla (vedi), genere di funghi nel quale era stato inserito, precedentemente
1047 celláris, e
  • (Zasmidium, Corticium, Peziza ecc.) da cella (vinaria) cantina, per il possibile habitat;
  • (Clarkeinda) trovata per la prima volta in una cantina
13471 celina (Olea europaea var.) forse dal nome locale della cultivar Cellina
10387 celiensis, e (Ophrys) dalla nome della località del primo ritrovamento Ceglie Messapica , in provincia di Brindisi
11475 Célastrus [Celastraceae] dal greco κήλαστρος célastros, nome utilizzato da Teofrasto e Ippocrate per un albero sempreverde che conserva i frutti anche d’inverno (probabilmente un alloro)
1046 Celástrum errata grafia per Celastrus (vedi)
12101 celani (Ophrys x ) da Borgo Celano, frazione del comune di San Marco in Lamis, in provincia di Foggia, località del primo ritrovamento di quest'ibrido
1045 Cejpómyces [Ceratobasidiaceae] genere di funghi dedicato al micologo ceco Karel Cejp (1900-1979)
13212 ceiba (Bombax) forma latinizzata del nome vernacolare di queste piante della famiglia del cotone in Sud America: rafforzativo del genere
10815 Ceiba [Bombacaceae] forma latinizzata del nome vernacolare (pronunciato sayba) di questa pianta usato dagli indigeni Taino dei Caraibi e Sud America
1044 Cédrus [Pinaceae] dal greco κέδρος cédros, di probabile origine semitica, assonante con l'ebraico héder ornamento, maestà e con l’arabo cedre potere
12795 cedrorum (Euphorbia, Senecio) in onore della famosa collezione di piante Jardin botanique des Cèdres di Cap Ferrat, di proprietà del botanico francese Julien Marnier-Lapostolle (1902-1976)
1043 cedretórum (Asphodelus, Bunium, Erigeron, Muscari, Vicia ecc.) genitivo plurale di cedrétus bosco di cedri: dei boschi di cedro
12238 Cedrelopsis [Ptaeroxylaceae] dal genere Cedrela (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, somiglianza: simile a Cedrela
12237 Cedrela [Meliaceae] diminutivo di Cedrus (vedi) per il suo legno ha una fragranza simile a quella del legno di cedro
13020 Cecropia [Urticaceae] dal greco Κέκροψ Kecrops Cecrope, mitico re attico fondatore di Atene
20726 cecinae (Ophrys ×) della località detta Piano di Cecina (PI, Toscana) dove fu scoperto questo ibrido
13636 cecilfischeri, ii (Phyllanthus) in onore del botanico britannico, nato in India, Cecil Ernest Claude Fischer (1874-1950) (non.illeg.)
13635 cecil-fischeri, ii (Clerodendrum) in onore del botanico britannico, nato in India, Cecil Ernest Claude Fischer (1874-1950)
17934 cebennensis, e (Adenocarpus, Arabis/ Arabidopsis/ Cardaminopsis/ Erysimum/ Euxena, Cistus ×, Euphrasia, Leucanthemum, Odontites ecc. – Corticium/ Amylocorticium, Legeriosimilis) da Mons Cebenna, oggi Cevenne, catena montuosa della Gallia storica, nella Francia meridionale
16004 Ceballosia [Boraginaceae] genere dedicato a Luis Ceballos y Fernández de Córdoba (1896-1967), botanico e ingegnere forestale spagnolo
1042 Ceánothus [Rhamnaceae] Linneo riprese l’antico nome greco κεάνοθος keánothos(derivato da καίω kaío io brucio e ὠθέω othéo io urto) usato da Teofrasto per una pianta spinosa, forse Cirsium arvense
11319 cazzae (Brassica incana var.) di Cazza, nome italiano dell'isola croata di Susac
10831 cayeuxi, ii (Assonia, Dombeya, Papaver, Solanum ecc.) in onore del botanico e orticultore francese Henri(que) Cayeux che eseguì raccolte di piante in Portogallo (1892-1908) e fu direttore del Giardino Botanico di Lisbona e, successivamente, di Le Havre
20357 Caxamarca [Asteraceae] grafia originaria spagnola di Cajamarca, antico nome Quecha di una zona del Perù Settentrionale
1041 cavus, a, um
  • (Begonia, Bulbocapnus, Siphonanthus, Spiesia ecc.) cavo, vuoto: per la presenza di organi cavi;
  • (Corydalis) per il bulbo cavo di questa pianta
1040 cavolini, ii (Campanula, Campanula fragilis ssp.) in onore di Filippo Cavolini (1756-1810) che studiò la flora e la fauna del Golfo di Napoli
1039 cávipes (Boletus, Russula) da cávus cavo e da pes piede, gambo: con il gambo cavo
1038 cavillieri, ii (Alchemilla, Doronicum, Festuca, Hieracium, Viola) specie dedicate al botanico svizzero del Cantone di Vaud François Georges Cavillier (1868-1953) che erborizzò nelle Alpi Marittime
23428 cavicola (Aspidistria, Hieracium ssp., Nicotiana, Sloanea) da cavus cavità, buco e da colo abitare: che vegeta nelle cavità, negli anfratti
8502 caven (Acacia) da chaveña nome popolare messicano di questa pianta; secondo alcuni studiosi, è il nome vernacolare usato dai ‘Mapuche’, abitanti amerindi del Cile centrale e meridionale
1037 cavanillesi, ii (Avena, Lobelia, Narcissus, Rhus, Sonchus, Toxicum, Vincetoxicum ecc.) specie dedicate ad A.J. Cavanilles (1745-1804), primo descrittore della flora spagnola
8673 cavallensis, e (Hieracium) del Monte Cavallo nel Gruppo della Majella - Abruzzo
13531 cauticola (Sedum/ Hylotelephium, Phyllanthus, Anisotome) da cautes scoglio, roccia e colo abitare, risiedere: che cresce su rocce e scogli
13529 causticus, a, um
  • (Haemanthus, Holigarna, Lithraea, Rhus ecc.) dal greco καυστικός kaustikós aspro, caustico, pungente;
  • (Cortinarius) per il sapore della carne
1036 cáulium (Lophiostoma, Tapesia, Phlyctema ecc.) genitivo plurale di cáulis stelo: degli steli
9886 Caulinia [Hydrocharitaceae] genere dedicato a Filippo Cavolini (latinizzato in Caulini) (1756-1810), professore all'università di Napoli e autore di un opuscolo sui fiori e frutti della Posidonia che porta il suo nome
10508 caulini (Posidonia) specie dedicata a Filippo Cavolini (latinizzato in Caulini) (1756-1810), professore all'università di Napoli e autore di un opuscolo sui fiori e frutti della Posidonia che porta il suo nome
13528 cauliflorus, a, um (Justicia, Marumia, Guatteria ecc.) da caulis gambo, caule e flos floris fiore: con fiori (e conseguentemente frutti) che crescono direttamente sul fusto
1035 caulicinális, e da cáulis stelo delle piante erbacee
6570 caulescens
  • (Agapanthus, Asarum, Astragalus, Carduus, Carlina, Eriocaulon, Evax, Gentiana, Paepalanthus, Potentilla, Primula, Selaginella, Viola ecc. ecc.) da caulis caule, gambo e dal suffisso incoativo -escens: che tende ad avere il gambo
  • (Telipogon) perché gli steli continuano a crescere anche dopo la fioritura e questa specie è molto più alta delle altre congeneri
13527 Caulerpa [Caulerpaceae] dal greco καυλόϛ caulós gambo, stelo e da ἕρπω herpo strisciare: riferimento al portamento strisciante del tallo di queste alghe clorofite
1034 caudículus, a, um (Prasophyllum) dal diminutivo di cáuda coda: con una coda corta o piccola
13526 caudiculatus, a, um (Alstroemeria, Calyptocalyx, Cyathea, Cynanchum ecc.) dal diminutivo di cáuda coda: con una coda corta o piccola
1033 caudícinus, a, um (Agaricus, Lepiota, Boltus, Polyporus ecc.) da cáudex, cáudicis ceppo: funghi che crescono su ceppi
1032 caudatus, a, um da cauda coda:
  • (Anthurium, Aspidium, Begonia, Ficus, Hieracium, Jarava, Koeleria, Orobanche, Triticum ecc. – Agaricus, Bryomyces, Fusarium, Hiberina, Lasiosphaeria, Lecidea, Helminthosporium, Peziza, Psathyrella ecc.) dotato di organi che si prolungano in una sorta di coda
  • (Amaranthus) riferito all'infiorescenza sottile, allungata e curva come una coda
  • (Asarum) riferito ai lobi calicini
  • (Brassia) riferito ai sepali
  • (Phragmipedium) per i petali lunghi e cascanti
  • (Asplenium) perché le fronde ricordano una coda
13247 caucasius, a, um (Hylotelephium, Tragacantha) da Caucasus Caucasia, regione a cavallo tra l'Asia e l'Europa: per la zona di origine
13206 caucasigenus, a, um (Sorbus) da Caucasus Caucasia, regione a cavallo tra l'Asia e l'Europa e dal greco γένος génos origine: che nasce nel Caucaso
1031 caucasicus, a, um (Boletus, Arabis, Artemisia, Hedysarum, Rhododendron ecc.) da Caucasus Caucasia, regione a cavallo tra l'Asia e l'Europa: per la zona dove la specie è stata osservata per la prima volta
11484 caucalis (Anthriscus) da Caucalis (vedi) per la somiglianza con le specie di questo genere
1030 Caucalis [Apiaceae] da καυκαλίς caucalís, nome greco di un'ombrellifera citata da Teofrasto e Ippocrate
12823 Catunaregam [Rubiaceae] il nome sembra derivare da due termini di una lingua dell'India meridionale: Catu foresta o boscaglia e Naregam, termine comunemente utilizzato per numerose piante aventi una somiglianza superficiale con piante di agrumi del genere Citrus
13525 Cattleyopsis [Orchidaceae] da Cattleya (vedi) e dal greco ὄψις ópsis somiglianza, aspetto: simile a una Cattleya
13524 Cattleyella [Orchidaceae] diminutivo di Cattleya (vedi)
13523 Cattleya [Orchidaceae] genere dedicato all’inglese sir William Cattley (1788-1835), coltivatore e collezionista di piante nonché mecenate della botanica, che fu il primo a far riprodurre un esemplare di Cattleya labiata
13640 cattleianus, a, um (Psidium) in onore di sir William Cattley (1788-1835), coltivatore e collezionista di piante nonché mecenate della botanica
9103 cattarinianus, a, um (Silene) specie dedicata ad Aldo Josef Bernhard Brilli-Cattarini (1924-2006), botanico svizzero e pesarese di adozione, che fondò il Centro Ricerche Floristiche delle Marche a Pesaro
9230 catriae (Hieracium schmidtii ssp.) del Gruppo del Monte Catria fra le Marche e l'Umbria
13463 catinus (Pustularia, Clitocybe, Tarzetta ecc.) a forma di catino o bacile
1029 catinoídes (Geopyxis, Peziza, Plicaria, Pustularia) da cătīnus bacile e dal greco εἷδος eídos sembianza: a forma di bacile
1028 catíllus, a, um (Bulbophyllum, Epidendrum) diminutivo di cătīnus bacile: bacinella
7844 catholicus, a, um (Brassica, Diplotaxis, Ophrys/ Pterygodium, Silene ecc.) dal greco καθολικός catholicόs universale, generalissimo: che si trova ovunque
25867 catherineae (Adenia) grafia errata per catharinae (vedi)
13462 catherinae
  • (Graphis) dal Mount Katherine (o Catharina) nel Northern Territory, Australia
  • (Hymenophyllum) dal St. Catherine's Peak in Giamaica
  • (Leucospermum) specie dedicata da R.H.Compton a Mrs. Catherine van der Byl che lo aiutò nella raccolta dei primi esemplari di questa pianta
  • (Elaphoglossum) errata grafia per catharinae (vedi)
13461 cathayensis, e (Chaenomeles, Cyathella, Dentaria, Telosma ecc.) della Cina, antico Catai
13460 cathayanus, a, um (Cardiocrinum, Echynops, Quercus, Trachelospermum ecc.) della Cina, antico Catai
13661 Cathaya [Pinaceae] della Cina, antico Catai
1027 cathárticus, a, um (Cassia, Galega, Linum, Rhamnus ecc.) dal greco καθαρός katharòs puro: che rende puro, quindi purgante, purgativo
12945 Cathariostachys [Poaceae] dal greco καθαρός katharós puro, genuino e da στᾰχυϛ stáchys spiga: con spighe semplici
25868 catharinea (Plantago) originaria dell'isola brasiliana di Santa Catarina
8357 catharinae
  • (Adenia, Kayea/ Messua) in onore di Mrs. Catherine M. Bangham nata Masters (1903-?) che collaborò con il marito Walther Nicholas Bangham (1903-1954) nella raccolta di piante a Sumatra (Indonesia) nel periodo 1931-1932 per conto dell'Arnold Arboretum
  • (Alectoria) in onore della botanica finlandese Laina Katarina Räsänen che raccolse l'olotipo nel 1942
  • (Anisomeris, Bryum, Inga/ Feuilleea, Leucoloma, Lindsaea, Lycopodium, Myrceugenia, Myrcia, Paepalanths, Papillaria, Pithecoctenium, Portulaca) dello Stato brasiliano di Santa Catarina
  • (Eugenia, Peperomia, Plantago, Polypodium) dell'Isola Santa Catarina in Brasile
  • (Rudgea) entità rinvenuta nella foresta in vicinanza dell'omonima chiesa cattolica nello Stato di Santa Catarina in Brasile
  • (Thymus) specie dedicata dall'Autore prof. Camarda alla moglie Caterina che per prima notò il diverso profumo emanato dai timi della Corsica
  • (Plantago) errata grafia per catharinea (vedi)
  • (Elaphoglossum, Manihot, Tibouchina) da definire
1025 Catharanthus [Apocynaceae] dal greco καθαρός katharós puro e ἄνϑοϛ ánthos fiore: dal fiore puro, perfetto
13918 Catha [Celastraceae] da khat nome arabo delle foglie di Catha edulis, dalle proprietà stimolanti
16768 catesbyanus, a, um (Clematis, Gymnobalanus, Laurus, Nectandra, Ocotea, Persea) in onore Mark Catesby (1682/3-1749), artista e naturalista inglese emigrato negli attuali Stati Uniti, autore di Natural History of Carolina, Florida and the Bahama Islands
16767 catesbianus, a, um (Calystegia, Cypripedium, Milhania, Zanthoxylum) in onore di Mark Catesby (1682/3-1749), artista e naturalista inglese emigrato negli attuali Stati Uniti, autore di Natural History of Carolina, Florida and the Bahama Islands
16766 catesbeianus, a, um (Calystegia, Convolvolus, Nectandra, Ocotea, Persea) in onore di Mark Catesby (1682/3-1749), artista e naturalista inglese emigrato negli attuali Stati Uniti, autore di Natural History of Carolina, Florida and the Bahama Islands
16765 catesbei (Cuttera, Xolemia) in onore di Mark Catesby (1682/3-1749), artista e naturalista inglese emigrato negli attuali Stati Uniti, autore di Natural History of Carolina, Florida and the Bahama Islands
16764 catesbaei (Andromeda, Convolvolus, Echites, Ficus, Gentiana, Ipomoea. Leucothoe, Lilium. Lyonia, Pneumonanthe, Quercus, Rhododendron, Sarracenia ×, Silene, Trillium) in onore di Mark Catesby (1682/3-1749), artista e naturalista inglese emigrato negli attuali Stati Uniti, autore di Natural History of Carolina, Florida and the Bahama Islands
16763 Catesbaea [Rubiaceae] genere dedicato a Mark Catesby (1682/3-1749), artista e naturalista inglese emigrato negli attuali Stati Uniti, autore di Natural History of Carolina, Florida and the Bahama Islands
8057 catenatus, a, um (Hieracium, Veronica, Taraxacum, Euphorbia, Caragana, Dendrobium, Epidendrum ecc.) incatenato: oscuro il riferimento ai caratteri di queste piante
10776 catenae (Nigella) in onore di Arcadio Catena (sec.XVIII), abate cassinese (benedettino) e naturalista, autore di una Descrizione di varie produzioni naturali della Sicilia, indirizzata in una lettera al sig. G.F. Seguier. Ven. 1756
11535 catechu (Areca) dal nome vernacolare malese cachu
13158 catatianus, a, um (Dypsis, Dypsidium, Neophloga, Benthamia) in onore del botanico francese Louis Dominique Maria Catat (1859-1933) che raccolse campione della flora del Madagascar nel 1889
1024 Catathelásma [Tricholomataceae] etimologia controversa, le intenzioni dell’autrice, la micologa statunitense Ruth Ellen Harrison Lovejoy (1882-?) non sono chiare; il Dizionario etimologico dei nomi botanici di Genaust suggerisce due possibilità: dal greco κατά catá in giù, in basso e da θηλασμός thelasmós allattamento (in Plutarco) perché le lamelle decorrenti verso il basso e la forma del gambo subradicante ricordano una mammella succhiata durante l’allattamento, oppure dal greco καταθέω katatheo correre giù (nella Cyropedia di Senofonte) sempre riferito alle lamelle decorrenti sul gambo
1023 Catástoma [Lycoperdaceae] dal greco κατά catá in giù, in basso, verso il basso, o contro e στομα stóma bocca, apertura
13083 Catasetum [Orchidaceae] dal greco κατά catá in giù, in basso, verso il basso e da seta setola: per le due appendici a prolungamento della colonna, simili ad antenne rivolte verso il basso, tipiche dei fiori maschili di alcune specie di questo genere
7345 catarius, a, um (Nepeta, Eupatorium, Glechoma, Salvia) dal greco katta gatta: dei gatti (che ne sono attratti), gattaio
8328 cataractarum (Alchemilla, Aloë, Doronicum ecc.) genitivo plurale di cataracta cascata: delle cascate
13082 cataractae (Acacia, Blepharis, Justicia, Ipomoea ecc.) da cataracta cascata: delle cascate
11534 catappa (Terminalia, Juglans, Heritiera ecc.) latinizzazione del nome vernacolare malese ketapang
1022 Catapodium [Poaceae] dal prefisso greco κατα- cata- in giù, in basso, verso il basso e da πóδιον pódion pedicello, stelo, gambo: per gli steli prostrati
13080 cataonicus (Arctium, Bunium, Centaurea, Cirsium, Convolvulus, Salvia ecc.) della Cataonia, regione della Turchia centrale
8804 catanzaroi (Limonium) in onore di Francesco Catanzaro (1924-2004), botanico originario di Mazara del Vallo (TP)
1021 catanensis, e (Limonium, Cheilanthes, Trifolium ecc.) di Catania, catanese
1020 Catananche [Asteraceae] dal greco κατανάγκη catananke erba magica per filtri amorosi, da καταναγκάζω katanankázo costringere, sforzare, avvincere, poiché si riteneva che una pozione a base di Catananche caerulea avesse la proprietà di far cadere innamorato chi la beveva
6767 Catalpa [Bignoniaceae] il nome deriva da kutuhlpa (che gli anglofoni pronunciano catalpa), termine Muscogee (popolazione indigena della Carolina) per questo albero col significato di testa alata. I nomi Catalpa e Catalpah vennero utilizzati da Mark Catesby tra il 1729 e il 1732, mentre Carlo Linneo la classificò come Catalpa Bignonia nel 1753. Giovanni Antonio Scopoli istituì il genere Catalpa nel 1777
1019 catalaunicus, a, um (Apium, Bellis, Gentiana, Melampyrum, Nepeta, Quercus ecc.) da Catalaunia antico nome latino della Catalogna: di Catalogna, catalano
12905 Catachaetum [Orchidaceae] dal greco κατά catá in giù, in basso, verso il basso e χαίτη chaíte capigliatura: peloso in basso
1018 Catabrosa [Poaceae] dal greco κατά catá in giù, in basso, verso il basso e βρῶσις brosis cibo, vitto: di scarso valore foraggero
6766 Casuarina [Casuarinaceae] da Casuarius casuario, grosso uccello della Nuova Zelanda: i rami afilli di queste piante ricordano le barbe delle ali rudimentali dei casuari
12904 castus, a, um (Biophytum, Cleistanthus, Dendrobium, Erica, Masdevallia, Phyllanthus ecc.) casto, forse per presunte proprietà anafrodisiache
20973 castroviejoi (Acalypha, Aragoa, Armeria, Astragalus, Carex, Cuscuta, Filago, Geranium, Hippocrepis, Hyptis, Linum, Mantisalca ×, Ophrys ×, Rubus, Trinia) in onore del botanico spagnolo prof. Santiago Castroviejo Bolíbar (1946-2009) coordinatore di Flora Hiberica vol. 1-4
1017 Castroviejoa [Asteraceae] genere dedicato al botanico spagnolo prof. Santiago Castroviejo Bolíbar (1946-2009) coordinatore di Flora Hiberica vol. 1-4
8976 castribonensis, e (Mentha, Pyrus) di Castrum Bonum nome latino dell’attuale Castelbuono, centro delle Madonie in provincia di Palermo, luogo d'origine della pianta
1016 castóreus, a, um (Rhamnus, Rubus, Senecio ecc.) dal greco κάστωρ kástor castoro. a sua volta derivato dal sanscrito kasturi: oscuro il nesso con le piante attribuite di questo epiteto
23239 casterinensis, e (Hieracium) della Val Casterino di Tenda, nell'alta valle Roya (Francia), luogo dei primi ritrovamenti
8306 Castellia [Poaceae] genere dedicato a Pietro Castelli (~1570–1661) medico e botanico, fondatore dell'Orto botanico di Messina
1015 castellanus, a, um
  • (Agrostis, Legousia) da Castella antico nome latino della Castiglia: castigliano
  • (Lepidium) da castellanus del castello, della fortezza: perché l’ambiente di questa specie, nelle isole Kermadec meridionali in Nuova Zelanda, scosceso e roccioso sembra un castello
16591 Castellanosia [Cactaceae] genere dedicato al botanico, paleobotanico ed esploratore argentino Alberto Castellanos (1896-1968), specialista di cactacee, che raccolse piante in Sud America
16590 castellanosi, ii (Jarava, Zephyranthus ×) in onore del botanico, paleobotanico ed esploratore argentino Alberto Castellanos (1896-1968), specialista di cactacee, che raccolse piante in Sud America
16589 Castellanoa [Amaryllidaceae] genere dedicato al botanico, paleobotanico ed esploratore argentino Alberto Castellanos (1896-1968), specialista di cactacee, che raccolse piante in Sudamerica
8362 castellanensis, e (Allium) da Castellana Sicula comune in provincia di Palermo: di Castellana
12903 Castanospermum [Fabaceae] da Castanea (vedi) castagno e dal greco σπέρμα –ατος spérma seme: perché i semi assomigliano alle castagne come dimensioni, forma e colore
12155 Castanopsis [Fagaceae] da Castanea (vedi) castagno e dal greco ὄψις ópsis aspetto: simile al castagno
20071 castanifolius, a, um errata grafia per castaneifolius (vedi)
1014 castáneus, a, um (Acalypha, Aloë, Asplenium, Aster, Astragalus, Calamus, Carex, Echinops, Juncus, Paspalum, Polypodium, Polystichum, Quercus, Scirpus, Taraxacum ecc. – Boletus, Cortinarius, Lepiota, Micropeziza, Peziza ecc.) da Castánea (vedi): di color castano o che cresce nei boschi di castagno
11469 castaneifolius, a, um (Acalypha, Ardisia, Alnus, Aphelandra/ Odontophyllum, Conohoria/ Alsodeia/ Rinorea, Croton/ Argythamnia/ Caperonia, Hermesia/ Alchornea, Quercus, Senecio ecc.) dal genere Castanea (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle del castagno
20073 castanefolius, a, um errata grafia per castaneifolius (vedi)
20074 castaneaefolius, a, um errata grafia per castaneifolius (vedi)
12168 Castanea [Fagaceae] dal nome latino del castagno, probabilmente derivato da Kastanáia villaggio della Tessaglia famoso per le sue piante
20072 castanaefolius, a, um errata grafia per castaneifolius (vedi)
12877 Cassytha [Lauraceae] originariamente un sinonimo di Cuscuta (vedi), ripreso da Linneo per questa pianta parassita delle lauracee il cui aspetto è molto simile a quello della Cuscuta
1013 cassubicus, a, um (Ranunculus, Cracca, Vicia, Ervilia) dei Kassubi, popolazione slava della Prussia orientale; la Cassubia era la regione attorno a Danzica
8984 cassubicifolius (Ranunculus) da cassubicus (vedi), epiteto di una specie di Ranunculus e folium foglia: che ha foglie simili a quelle del Ranunculus cassubicus
1012 cassinensis, e (Viola pseudogracilis ssp.) di Cassino o di Montecassino
15927 cassine (Ilex) latinizzazione di cassena, nome vernacolare degli indiani della Florida per una pianta con frutti simili
15926 Cassine [Celastraceae] latinizzazione di cassena, nome vernacolare degli indiani della Florida per Cassine glauca e per Ilex vomitoria
22665 cassianus, a, um
  • (Hieracium ssp.) dei dintorni della frazione San Cassiano del comune di Badia (BZ, TAA), località La Varella, luogo del primo rinvenimento da parte di Renato Pampanini
  • (Launea ssp.) da definire
11193 Cassia [Fabaceae] dal nome greco κασια casia usato da Dioscoride per una pianta appartenente a questo genere o uno affine, riprendendo il nome ebraico quetsi’oth
10646 caspius, a, um (Allium, Amaryllis, Asparagus, Centaurea, Crinum, Helenium, Serratula ecc.) del Mar Caspio, che deriva il suo nome dai Caspi (in greco Κάσπιοι Kaspioi, in aramaico: kspy), etnia menzionata da Erodoto riferita ad antiche popolazioni dimoranti lungo le coste a sud e sud-ovest del Mar Caspio
10274 caspicus, a, um (Mesembryanthemum, Heracleum, Cirsium, Senecio, Ferula, Centaurea ecc.) del Mar Caspio che deriva il suo nome dai Caspi (in greco Κάσπιοι Kaspioi, in aramaico: kspy), etnia menzionata da Erodoto riferita ad antiche popolazioni dimoranti lungo le coste a sud e sud-ovest del Mar Caspio
9913 Casmanthe errata grafia per Chasmanthe (vedi)
12901 Casimiroa [Rutaceae] genere dedicato dal prete, naturalista e botanico messicano P. de La Llave (1773-1833) a Casimiro Gómez (?-1815), indigeno messicano della tribù degli Otomi nato a Cardonal (e adottato dal mercante spagnolo Pedro Marcos Gutiérrez) che nel 1810 allo scoppio della rivoluzione per l’indipendenza del Messico si attribuì il grado di colonnello e combattè contro i monarchici; fatto prigioniero, venne fucilato nel 1815 e la sua testa appesa a un albero a Santa Mónica (David Hollombe, pers. comm.)
12900 cashmerianus, a, um (Codonopsis, Cupressus, Euphorbia, Lychnis ecc.) da Cashmeria Kashmir, regione settentrionale del subcontinente indiano, di cui la Cina detiene la parte di NE, il Pakistan la parte NO e l’India la parte S
1011 caseárius, a, um (Ceiba, Ficus, Octolepis) in onore di Johannes Casearius (~1642-1677), sacerdote olandese, coautore di Hortus Malabaricus insieme a Hendrik Adriaan von Rheede tot Draakestein, Arnold Syen e altri
12902 caseariae (Asterina, Meliola, Phyllacora ecc.) da Casearia (vedi), il genere delle piante ospiti di questi funghi parassiti
12896 Casearia [Flacourtiaceae] genere dedicato a Johannes Casearius (~1642-1677), sacerdote olandese, coautore di Hortus Malabaricus insieme a Hendrik Adriaan von Rheede tot Draakestein, Arnold Syen e altri
1010 cáscus, a, um (Hypholoma, Psathyrella) vecchio, antico
11957 Cascabela [Apocynaceae] dallo spagnolo cascabel bubbolo, sonaglio, ma anche crotalo: probabilmente per l’aspetto dei piccoli frutti, mortali come un serpente a sonagli
1009 casabonae (Acarna, Carduus/ Lamyra/ Ptilostemon, Chamaepeuce, Cirsium, Cnicus, Ixine) in onore del botanico fiammingo Joseph Goedenhuyse, nome italianizzato in Giuseppe Casabona o Benincasa, (†1596), dal 1543 botanico del Granduca di Toscana a Firenze e Pisa; erborizzò sulle Alpi, Appennini e Creta, tenne un fitto carteggio con Charles de l'Écluse (Carolus Clusius) e Prospero Alpini
11533 Caryota [Arecaceae] dal greco κᾶρυώτις karyótis termine utilizzato da Dioscoride per il dattero (κᾶρυωτός karyotós è la palma da datteri in Strabone), derivato da κάρυον káryon noce, ogni frutto con guscio duro, legnoso
1008 Caryopteris [Lamiaceae] dal greco κάρυον káryon ogni frutto con il guscio duro (come le noci) e πτερóν pterόn piuma, ala: dai frutti alati
8563 caryophyllus, a, um
  • (Acinodendron, Aster, Croton, Silene ecc.) dal greco καρυοφυλλον caryophyllon garofano;
  • (Dianthus) secondo alcuni autori da Carya (vedi) e φυλλον phyllon foglia, perché profuma come le foglie di noce
1007 caryophýlleus, a, um
  • (Aira, Carex) dal greco κάρυον káryon ogni frutto con il guscio duro, legnoso e φύλλον phýllon foglia, lamella: con foglie dure;
  • (Auricularia/ Helvella/ Telephora) dal greco καρυoφυλλον caryóphyllon garofano: fungo di aspetto simile al garofano
7428 caryophyllaceus, a, um (Orobanche) dal greco καρυόϕυλλον caryóphyllon garofano: che ricorda il garofano per l'aspetto o per il profumo
9883 Caryolopha [Boraginaceae] dal greco κάρυον káryon ogni frutto con il guscio duro, legnoso e λόφος lóphos ciuffo, cresta: con frutti crestati
10865 Carya [Juglandaceae] dal greco κᾰρύα carya il noce Juglans regia (i cui frutti erano chiamati κάρυον cáryon)
1006 carvifolius, a, um (Angelica, Athamanta, Bunium, Cnidium, Echinophora, Ligusticum, Seseli, Artemisia ecc.) da carvi (vedi) cumino e folium foglia: con foglie da cumino
8731 carvifolium-chabraei (Holandrea) epiteto creato da Crantz e composto di due termini, il primo deriva da carvi (vedi) cumino e da folium foglia: con foglie da cumino, e il secondo dedicato al botanico francese Dominique Chabrey (1610-1669)
6571 carvi (Carum) dall'arabo Karwija in latino Caria, antica regione dell'Asia Minore nella Turchia sudoccidentale: originario della Caria
1005 Cárum [Apiaceae] etimologia controversa: secondo alcuni autori, da κάρον cáron nome greco del Carum carvi in Dioscoride; per altri dal greco κάρυον cáryon ogni frutto con il guscio duro, legnoso; secondo Plinio deriverebbe dal paese di origine, in Asia Minore, Κᾱρία Carίa in greco e Caria in latino
22649 caruelii (Hieracium ssp., Primula ×) in onore del botanico italiano Teodoro Caruel (1830-1898), autore di un'importante Flora della Toscana
1004 caruelianus, a, um (Centaurea paniculata ssp., Polygala, Erythraea, Uragoga) specie dedicate al botanico italiano Teodoro Caruel (1830-1898), autore di un'importante Flora della Toscana
9879 Caruelia [Hyacinthaceae] genere dedicato al botanico italiano Teodoro Caruel (1830-1898), autore di un'importante Flora della Toscana
1003 Cartilosóma [Coryolaceae] da cartil(ág)o, -inis cartilagine e dal greco σῶμα sóma corpo: per la consistenza cartilaginea di questi funghi
12898 cartilagineus, a, um
  • (Capparis, Yushania, Helictotrichon, Paspalum ecc.) da cartĭlāgĭnĕus cartilaginoso: per la consistenza di una o più parti della pianta;
  • (Clitocybe) riferito alla cuticola del cappello
6632 carthusianus, a, um (Chondrosea, Dryopteris, Polystichum, Polypodium ecc.) certosino, dedicato all'Ordine dei Certosini
1002 carthusianórum genitivo plurale di carthusianus, relativo all’ordine dei certosini
(Dianthus) pianta medicinale raccolta e coltivata dai certosini
(Cerinthe, Dryopteris, Rubus, Silene) indica la località di prima raccolta, la Grande Chartreuse nel comune di Saint-Pierre-de-Chartreuse (dipartimento dell'Isère)
(Taraxacum) indica il locus classicus della specie, raccolta nei pressi della Certosa di Serra San Bruno, monastero certosino situato vicino all'omonima cittadina in provincia di Vibo Valentia
  • Il collegamento dell'eponimo con i Karthäuser (in realtà Cartheuser), che pure si trova in vari repertori, è infondato. L'eponimo è già presente in autori del Cinquecento
  • 1001 Carthamus [Asteraceae] dall’ebraico quarthami tingere o dall’arabo kartam tintura (qortom tingere, zafferano) per la presenza di pigmenti gialli contenuti nei fiori di Carthamus tinctorius
    7328 carstiensis, e (Melampyrum barbatum ssp., Medicago) da Karst Carso in sloveno: della regione carsica
    1000 Carrichtera [Brassicaceae] genere dedicato a Bartholomeus Carrichter (~1507-~1573), medico e botanico di corte dell'imperatore Massimiliano II d’Asburgo
    12897 carri, ii
    • (Acriopsis, Acronychia, Agapetes, Aglaia, Aporosa, Barringtonia, Calophyllum, Calymperes, Casearia, Fissistigma, Grevillea, Kuhlhasseltia, Marsdenia, Malaxis,Nothofagus, Pandanus, Sphaerostephanos, Sterculia ecc.) in onore del botanico neozelandese Cedric Errol Carr (1892-1936) specializzato in orchidee, che erborizzò in Malesia, Singapore, Indonesia e Papua-Nuova Guinea;
    • (Dendrobium) in onore del botanico australiano T. Carr;
    • (Cycnoches) specie dedicata da E.A. Christenson al collega e co-autore statunitense George Francis Carr jr. (1935- );
    • (Amelanchier, Cercospora) in onore del botanico statunitense William P. Carr che erborizzò nel South Dakota dal 1910 al 1913
    999 cárptus, a, um (Inocybe) da cárpo io colgo, io sminuzzo, io lacero
    998 carpóphilus, a, um (Flammulaster) dal greco καρπός carpós frutto e φίλος phílos amico: per l’ambiente di crescita di questo fungo
    12849 carpophiloides (Flammulaster) da carpophilus (vedi), epiteto di una specie congenere, e dal greco εἶδος eídos aspetto: simile al Flammulaster carpophilus
    997 Carpobrotus [Aizoaceae] dal greco καρπός carpόs frutto e βρωτός brōtós commestibile: per il frutto edule
    996 Cárpinus [Corylaceae] dalla radice sanscrita kar essere duro e da pínus pino
    7435 carpinifolius, a, um (Acer, Ostrya) da Carpinus (vedi) carpino e da folium foglia: con foglie da carpino
    16211 carpinicola (Gnomonia) da Carpinus (vedi) e da colo abitare: perché questo fungo cresce sulle foglie cadute del carpino
    995 carpini genitivo di Carpinus (vedi): del càrpino
    • (Boletus/ Leccinum) perché questo fungo cresce presso le piante di carpino
    • (Camarographium) perché questo fungo cresce sui carpini
    994 carpíneus, a, um da Carpinus (vedi) càrpino:
    • (Quercus) per la somiglianza con un carpino;
    • (Lecanora, Pezicula, Polyporus ecc.): per l’habitat preferito
    9577 carpinetorum (Ranunculus, Rubus) da Carpinus (vedi): dei carpineti, l’associazione vegetale che costituisce l’habitat preferito di queste piante
    12848 carpineti (Cortinarius, Dermocybe, Pluteus) da Carpinus (vedi): dei carpini, il genere ospitante questi funghi
    12790 Carphalea [Rubiaceae] dal greco καρφᾰλέος carphaléos arido, secco: per l’aspetto dell’arbusto
    7882 carpetanus, a, um (Saxifraga) dai monti Carpetani, che fanno parte della catena della Sierra de Guadarrama in Spagna; il nome deriva da quello di un’antica popolazione celtica, i Carpetani (antico greco Καρπητανοι Karpetanoi) di cui scrisse il geografo greco Strabone
    6697 Carpesium [Asteraceae] nome alterato dal greco κάρφος cárphos paglia,stoppia: perché in queste piante le squame embriciate esterne del calice sono di consistenza secca e arida come la paglia
    9233 carpegnae (Hieracium) di Carpegna monte e comune della provincia di Pesaro e Urbino nella regione Marche
    993 carpaticus, a, um (Achillea, Antennaria, Campanula, Festuca ecc.) da Carpatius Mons: dei Monti Carpazi
    992 cárpathum (Limonium, Caroxylon) da Carpathus Càrpato, oggi Scàrpanto, in greco Κάρπαθος Kárpathos, isola dell'Egeo appartenente geograficamente al Dodecaneso
    991 carpáthicus, a, um
    • (Amphigenes, Aronicum, Centaurea, Dianthus, Doronicum, Ericala, Gentiana, Gnaphalium, Antennaria, Hedysarum, Hieracium, Hypochaeris, Juncus, Knautia, Leucojum, Erinosma, Lonicera, Onobrychis, Pinus, Primula, Ribes, Saxifraga, Sempervivuum, Senecillis, Senecio, Solidago, Thymus, Tozzia, Trichera, Trifolium, Trisetum) da Carpathus Mons: dei Monti Carpazi;
    • (altro?) da cárpathum pianta velenosa
    12847 carpathicola (Pilosella, Hieracium) da Carpatica Montes, i Monti Carpazi e da colo abitare, risiedere: piante originarie dei Carpazi
    9877 Caroxylon [Chenopodiaceae] dal greco κάρος cáros sonno letargico, torpore e ξύλον xýlon legno: dal legno che induce torpore
    990 caroticolor (Hydnangium, Octaviania, Stephanospora) da caróta (vedi) carota e cólor colore: per il colore del carpoforo di questi funghi
    10409 carotae (Orobanche) della carota (vedi), pianta ospite di questo succiamele
    6648 carota (Daucus) dal greco καρωτόν karotón (tardo latino carōta) carota, in Difilo di Siphnos (Δίφίλος Díphilos, medico nato nel I sec. a.C. nell’isola greca di Σίφνος Síphnos), autore di de Rebus Naturalibus
    11502 caroppoi (Quercus) in onore del suo scopritore, il botanico amatoriale italiano Oreste Caroppo (1977- )
    11483 carolinus, a, um (Asplenium, Bombax, Cucumis, Geranium ecc.) della Carolina (Nord e Sud), due stati degli USA
    11482 caroliniensis, e (Elytraria, Ruellia, Tubiflora ecc.) della Carolina (Nord e Sud), due stati degli USA, forma alternativa di carolinensis
    8380 carolinianus, a, um (Anemone, Azolla, Eragrostis, Modiola, Prunus ecc.) della Carolina (Nord e Sud), due stati degli USA
    7868 carolinensis, e (Ruellia, Rhus, Solanum ecc.) della Carolina (Nord e Sud), due stati degli USA
    14148 Carolinella [Primulaceae] genere dedicato a Carolina Henry, moglie del medico e botanico Augustine Henry (1857-1930) che visse e raccolse piante in Cina dal 1881 al 1900
    11922 carolinae
    • (Aloë) in onore di Caroline Wheeler (1960–2000), moglie di Charlie Wheeler, entrambi impegnati per la conservazione dell’ambiente in Kenya
    • (Dysoxylum) in onore della botanica inglese Caroline M. Pannell
    • (Musa, Sinningia/ Tapina/ Tapeinotes e, probabilmente, Neoregelia/ Aregelia/ Karatas/ Regelia) in onore di Karoline Charlotte Auguste von Bayern (Carolina Augusta di Baviera 1792-1873) che in seconde nozze sposò Francesco I d’Austria (1768-1835), imperatore d'Austria, re di Ungheria e di Boemia
    • (Elaeocarpus) in onore di Caroline, moglie di Mark James Elgar Coode (1937-), coautore di questa specie
    • (Bignonia/ Pithecoctenium) in onore di una Lady Caroline non meglio identificata, forse la figlia di un conte inglese coltivatore di bignonie
    • (Stenandrium) in onore di Miss Caroline Bleakley, la giovane figlia di Mr. Peter Blekley, Commissionario delle Isole Turks e Caicos la cui generosa ospitalità consentì a Proctor di effettuare estese raccolte in quelle isole
    • (Lithocarpus/ Pasania/ Quercus/ Synaedrys) in memoria di Caroline, la defunta prima moglie del dr. Augustine Henry (1857-1930), raccoglitore di piante in Cina
    • (Prunus) probabilmente in onore di Carolina Botero Jaramillo, moglie di Hernando Garcia Barriga (1913-2005), autore della specie
    • (Luzula) dello stato del North Carolina (USA) ove si trova la località della Grandfather Mountain ove venne rinvenuta la pianta
    • (Amaryllis) in onore di Friderica Wilhelmina Carolina (1777-1842), regina di Baviera
    • (Musa) in onore di Karoline Charlotte Auguste von Bayern (1792-1873), Imperatrice d'Austria e Regina
    • (Amaranthus, Centropogon, Juncoides ) da definire
    16084 caroli-kochi, ii (Pastinaca) in onore del botanico tedesco (Carl) Karl Heinrich Emil Ludwig Koch (1809-1879), professore di botanica a Berlino che erborizzò in Germania, Cechia, Turchia, Armenia e nel Caucaso
    12846 Caroli-gmelina [Brassicaceae] genere dedicato al medico e botanico tedesco Karl Christian Gmelin (1762-1837)
    989 carnósus, a, um (Aster, Astragalus, Cardamine, Convolvolus, Dolichos, Hieracium, Iberis, Oxalis, Pandanus ecc. - Agaricus, Clitocybe, Boletus, Cortinarius, Fomes, Lecidea, Peziza, Tremella, Xerocomus ecc.) da cáro, cárnis carne: carnoso, simile alla carne, di consistenza carnosa
    988 carniolicus, a, um (Alchemilla, Astrantia, Eleocharis, Euphorbia, Poa, Scopolia, Cirsium, Lilium ecc.) della Carniola, antica provincia dell’Impero austro-ungarico, ora Slovenia tranne un piccolo territorio di 55 kmq in comune di Tarvisio
    987 carnicus, a, um (Campanula, Gentiana) della Carnia, regione delle Alpi Orientali
    986 carnícolor (Cotyledon, Echevaria, Eria, Liparis, Pinalia, Mycena. Russula ecc.) da cáro, cárnis carne, della carne e cólor colore: di colore carnicino
    985 carneus, a, um genericamente riferito alla carne;
    • (Nycteranthus, Mesembryanthemum) carnoso, succulento; (Aesculus, Androsace) per i fiori color carne;
    • (Calocybe, Hydnangium, Morchella) funghi color rosa carne;
    • (Erica) secondo alcuni autori per le sfumature carnicine dei fiori, secondo altri carnea starebbe per carnale, riferimento al suo uso in antichi riti pagani
    984 carnéolus, a, um (Calcitrapa, Centaurea, Erica, Vaccinium, Agaricus, Clitopilus, Lachnum ecc.) diminutivo di cárneus carnoso: carnosetto
    983 carnéipes (Agaricus, Lactocollybia, Pluteus ecc.) da cárneus di carne e pes piede: con il gambo di color carnicino
    982 carneifólius, a, um (Agaricus, Lepiota, Leucoagaricus ecc.) da cárneus di carne e fólium foglia, lamella: dalle foglie (o dalle lamelle nel caso di funghi) color carne
    12845 Carnegiea [Cactaceae] genere dedicato al magnate e filantropo Andrew Carnegie (1835-1919), americano di origine scozzese
    981 carmineus, a, um dal latino medioevale carminium (derivato dalla fusione dell’arabo qirmizī scarlatto con minium minio) carminio;
    • (Gladiolus, Galium, Echeveria, Geranium, Oxalis ecc.) per il colore dei fiori;
    • (Berberis ×) per il colore dei frutti
    11672 Carmichaelia [Fabaceae] genere dedicato al capitano britannico Dugald Carmichael (1772-1827) che erborizzò a Reunion, Mauritius e Sudafrica oltre che nel Regno Unito, autore di Flora of Tristan da Cunha
    11673 carmichaeli, ii
    • (Aconitum, Isolepis, Pandanus, Agrostis ecc.) in onore del capitano britannico Dugald Carmichael (1772-1827) che erborizzò a Reunion, Mauritius e Sudafrica oltre che nel Regno Unito, autore di Flora of Tristan da Cunha
    • (Aconitum) in onore di J.R. Carmichael (1838-1870), medico missionario in Cina, dove erborizzò
    14952 carmanicus, a, um (Astragalus, Celsia/ Verbascum, Heliotropium, Nepeta, Onopordum, Salix, Solanum, Thymus) da Carmania (o Kermania), provincia dell’antico Impero Achemenide (in greco antico Ἀχαιμενίδαι Acaimenidai, ~550 a.C.-332 a.C.) e in seguito dell’Impero Sasanide (498-622 d.C.); attualmente corrisponde alla provincia di Kerman, Iran
     
    prima pagina    pagina precedente   Pagina 2    pagina successiva    ultima pagina    

    Acta Plantarum - Flora delle regioni italiane - Un progetto "open source"
      Licenza Creative Commons
    Acta Plantarum è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale . Tutti i diritti di Copyright © riservati agli autori se citati a cui va richiesta autorizzazione scritta per copia ed uso.    Acta Plantarum is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License . All Copyright © rights reserved by mentioned authors; written authorization to be required for copy and use.

    Come citare questa pagina: Acta Plantarum, 2007 in avanti - "Etimologia dei nomi botanici e micologici". Disponibile on line (data di consultazione: 24/10/2021): https://www.actaplantarum.org/etimologia/etimologia.php?n=c&o=1,1,0,0,0,0,1,2,3,4,5&p=2
    How to cite this page: Acta Plantarum, from 2007 on - "Etimologia dei nomi botanici e micologici". Available on line (access date: 24/10/2021): https://www.actaplantarum.org/etimologia/etimologia.php?n=c&o=1,1,0,0,0,0,1,2,3,4,5&p=2