Etimologia dei nomi botanici e micologici   e corretta accentazione 
     Home      Galleria      Forum oggi è Martedi 17 maggio 2022


    Lista dei lemmi etimologici (500 di 26430)                     Trova:     
   Campo trova
nessun carattere: estrae tutti i lemmi (divisi in più pagine); da 1 a molti caratteri: ricerca i caratteri a partire da inizio lemma;
 
per ricercare uno o più caratteri ovunque nel lemma utilizzare il carattere '%' seguito dai caratteri
 
Pagina 1    pagina successiva    ultima pagina    
ID Lemma Descrizione     (Legenda)
6168 vítilis, e
  • (Hieracium, Pilosella – Agaricus, Mycena, Stereum) da vitis tralcio di vite, sarmento: per il fusto o gambo lungo e sottile come un sarmento
  • (Carex) da víeo legare, intrecciare: adatto per legacci o lavori d'intreccio
21711 vitifolius, a, um (Abutilon, Aconitum, Anemone, Clematis, Convolvulus, Geranium, Jatropha, Malva, Mikania, Morus, Ranunculus, Senecio, Veronica ecc.) dal genere Vitis (vedi) vite e da folium foglia: con foglie simili a quelle della vite
21710 vitiensis, e (Adenostemma, Agapetes, Alpinia, Alsophila, Asplenium, Carex, Cupania, Grammitis, Paphia, Passiflora, Rhamnus, Schefflera, Vitex ecc.) letteralmente dell'isola Viti Levu nelle isole Fiji (Oceania), ma viene utilizzato anche per specie di altre isole delle Fiji tavolta chiamate Viti
6167 viticósus, a, um (???) dal genere Vítex (vedi) agnocasto: attinente l'agnocasto
6166 vitícola (Erianthemum – Agaricus, Asterina, Peziza, Phoma, Septoria ecc.) da vítis vite e da cólo abitare: che cresce nei vigneti o che parassita le viti
21708 viticoides (Aistopetalum, Dicoryphe, Neosepicaea, Psychotria, Ricinodendron) dal genere Vítex (vedi) agnocasto e dal greco εἷδος eídos aspetto, sembianza: simile all'agnocasto
21709 viticis (Cuscuta) genitivo del genere Vítex (vedi) agnocasto: dell'agnocasto, riferimento alla pianta ospite di questa pianta parassita
6340 viticellus, a, um (Anemone, Bouvardia, Cissus, Clematis, Martensianthus, Sieboldia, Viticella ecc.) da viticula, diminutivo di vitis vite e in senso lato pianta rampicante: pianta rampicante di modeste dimensioni
21707 Viticella [Hydrophyllaceae] da viticula, diminutivo di vitis vite e in senso lato pianta rampicante: simile a una piccola pianta rampicante
8083 Vitex [Lamiaceae] da vitex, -icis vetrice (altro nome del salice, derivato dal verbo vieo intrecciare): allusione ai rami flessibili utilizzabili come quelli del salice nella fabbricazione di panieri
6165 vitellínus, a, um da vitéllus tuorlo dell'uovo, riferimento al colore giallastro
  • (Achras, Arctotis, Berberis, Dendrobium, Elleanthus, Hoya, Prosthechea ecc.) riferito ai fiori
  • (Salix) riferito al colore dei rami giovani
  • (Bolbitius, Cortinarius ecc.) riferito al carpoforo
  • (Alpinia, Bulbophyllum, Crataegus, Crotalaria, Euphorbia, Hieracium, Orobanche, Taraxacum ecc.) riferimento a qualche particolare della pianta caratterizzato dal colore giallo-uovo
14276 vitellinopes (Agaricus, Cortinarius, Phlegmacium) da vitéllus tuorlo dell'uovo e da pes piede, gambo: con il gambo color giallo come il tuorlo d'uovo
14277 vitelliniflorus, a, um (Aegiphila, Christensonella, Maxillaria, Opuntia, Platyopuntia) da vitéllus tuorlo d'uovo e da flos, floris fiore: con fiori di colore giallastro come quello del tuorlo d'uovo
21706 Vitellariopsis [Sapotaceae] dal genere Vitellaria (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, somiglianza: simile a quel genere
21705 Vitellaria [Sapotaceae] da vitéllus tuorlo dell'uovo e dal suffisso -aria indicante una connessione: per il colore giallastro dei fiori
6164 vitalianus, a, um (Androsace, Aretia, Douglasia, Gregoria, Primula) specie dedicate al naturalista e botanico italiano Vitaliano Donati (1717-1762)
6163 Vitaliana [Primulaceae] genere dedicato a Vitaliano Donati (1717-1763), naturalista e botanico padovano
10416 vitalbae genitivo di vitalba (vedi), per antonomasia la specie Clematis vitalba:
  • (Orobanche – Broomella, Hydnum, Orbilia, Phoma, Sphaerella ecc.) riferimeto alla pianta ospite di questa pianta e funghi parassiti
  • (Eupatorium) da definire
6339 vitalba (Anemone, Bignonia, Clematis, Mikaniopsis, Pithecoctenium, Senecio) da vitis vite (e in senso lato pianta rampicante) e da albus bianco: per il portamento e il colore biancastro dei fiori o altri elementi
10431 vitaceus, a, um da vitis vite:
  • (Parthenocissus, Piper, Psedera, Vitis) simile alla vite, in senso lato pianta rampicante
  • (Phyllerium) probabilmente perché il fungo alligna nei vigneti
13382 Visnea [Theaceae] in ricordo del botanico portoghese Giraldo Visne, di cui non si hanno ulteriori notizie
21704 Visnaga [Apiaceae] dallo spagnolo biznaga, prezzemolo, che risale, attraverso l'arabo andaluso bis(s)inaqa, al latino pastinaca: nome quindi riferibile genericamente a piante della famiglia delle Apiaceae
8082 visnaga
  • (Ammi, Apium, Carum, Daucus, Selinum) dallo spagnolo biznaga, prezzemolo, che risale, attraverso l'arabo andaluso bis(s)inaqa, al latino pastinaca: nome quindi riferibile genericamente a piante della famiglia delle Apiaceae
  • (Echinocactus) da definire
6162 visitátus, a, um (Cortinarius, Gomphos, Phlegmacium) da visito ispezionare, esaminare: esaminato approfonditamente
9955 visianicus, a, um (Crocus, Loncomelos, Ornithogalum – Bacidia, Caloplaca, Lecidea, Stigmella ecc.) specie dedicata a R. de Visiani (1800-1878) di Sebenico, professore a Padova e autore di una Flora della Dalmazia
21703 Visiania [Oleaceae] genere dedicato a R. de Visiani (1800-1878) di Sebenico, professore a Padova e autore di una Flora della Dalmazia
6161 visiani, ii (CAcer, Achillea, Adiantum, Alchemilla, Anthemis, Asperula, Centaurea, Cymbalaria, Knautia, Inula, Lactuca, Leontodon, Onosma, Piper, Potentilla, Pilosella, Potentilla, Trifolium ecc.) specie dedicate a R. de Visiani (1800-1878) di Sebenico, professore a Padova e autore di una Flora della Dalmazia
6160 Víscum [Viscaceae] da viscum, nome latino del vischio citato in Virgilio e Plinio, riprendendolo dal greco ἰξός ixós in Aristarco e Dioscoride
6159 viscósus, a, um (Aquilegia, Bastardia, Browallia, Chrysanthemum, Inula/ Dittrichia, Echinops, Hieracium, Linum, Minuartia, Ononis, Parentucellia, Robinia, Senecio, Spergularia, Veronica ecc. – Agrocybe, Calocera, Galera, Mycena ecc.) da viscum vischio: viscido, appiccicoso, vischioso
23231 viscosiformis, e (Hieracium ssp.) da viscosum (vedi), epiteto di un'entità congenere, e da forma forma, aspetto, sembianza: simile a quella entità
9048 visco (Acacia, Parasenegalia, Senegalia) da visco invischiare: che produce sostanze viscide
10065 viscidus, a, um (Acacia, Acrostichum, Alsine, Astragalus, Cerastium, Dianthus, Hieracium, Oxytropis, Scutellaria, Senecio, Teucrium ecc. – Boletus, Gomphidius, Russula ecc.) da viscum vischio: viscido, vischioso, appiccicoso
6158 viscídulus, a, um (Acacia, Agrimonia, Alkanna, Amaranthus, Calliandra, Conyza, Crepis, Davallia, Dryopteris, Geranium, Gratiola, Grevillea, Hieracium, Inula, Ononis, Ruellia, Scutellaria, Senecio, Verbascum ecc.) diminutivo di víscidus viscido: un poco viscido
21702 viscidoamarus, a, um (Cortinarius) da viscidus glutinoso, viscido e da amarus amaro: per la viscosità amara della superficie del cappello
21701 viscidifolius, a, um (Rhododendron, Salvia) da viscidus glutinoso, viscido e da folium foglia: con foglie vischiose
21700 viscidehirtus, a, um (Heteranthemis) da viscidus glutinoso, viscido e da hirtus irto, ispido, irsuto, ruvido: irsuto e viscido
9902 viscatus, a, um (Aeonium, Cerastium, Sempervivum – Astrosporina, Inocybe, Mycena) da viscum vischio: invischiato, appiccicoso, viscoso
7229 viscarius, a, um (Cerastium, Erica, Ericoides, Ferraria, Helianthemum, Iris, Lychnis, Moraea, Rhodax, Rosa, Silene, Steris, Viscaria ecc.) da viscum vischio: di piante glandulose appiccicose come il vischio
13806 visaillensis, e (Hieracium umbrosum ssp.) della località La Visaille nella Val Vény (VDA)
6157 virósus, a, um (Aconitum, Calla, Cicuta, Clematis, Euphorbia, Hieracium, Lactuca, Phyllanthus, Selinum, Smilax, Steudnera ecc. – Amanita, Inocybe, Megacollybia ecc.) da virus veleno, ma anche puzza, fetore: puzzolente, fetido oppure velenoso
21698 Virola [Myristicaceae] dal nome vernacolare di queste piante in lingua Galibi, della Guyana
13500 viridum (Leucospermum conocarpodendron ssp.) probabile errore ortografico per viridulum (vedi)
6156 virídulus, a, um (Abrotanum, Aira, Allium, Alsine, Asclepias, Aspidium, Carex, Chamaesyce, Elymus, Euphorbia, Frangula, Galium, Gentiana, Gnaphalium, Mentha, Origanum vulgare ssp., Salix, Senecio, Stellaria, Stipa ecc.) diminutivo di víridis verde: verdognolo
23119 viriduliceps (Hieracium) da viridulus (diminutivo di viridis) verdolino e dal suffisso -ceps (derivato da cáput) capo, testa: con capolini verdolini
17968 viridoides (Mentha) da viridis verde, epiteto di una specie, e dal greco εἶδος eídos aspetto, sembianza: simile alla specie viridis
21697 Viridivia [Passifloraceae] eponimo creato latinizzando il cognome del botanico sudafricano Percy (Peter) James Greenway (1897-1980) (viridis verde per Green e via via per way)
21696 viridistriatus, a, um (Arundinaria, Bambusa, Pleioblastus, Sasa, Thismia) da viridis verde e da striatus striato, a strisce: con strisce verdi
6813 viridissimus, a, um (Agave, Agrostis, Asplenium, Astragalus, Calamus, Echeveria, Forsythia, Hieracium, Monarda, Rubus, Verbascum ecc.) superlativo di viridis verde: verdissimo
6155 viridis, e
  • (Alnus, Amaranthus, Anomatheca, Asplenium, Fragaria, Helleborus, Physarum, Polypogon, Salvia, Santolina, Setaria, Thelymitra ecc.) per l'aspetto generale della pianta
  • (Asclepias, Coeloglossum/ Dactylorhiza) per il colore dei fiori
21695 viridipurpureus, a, um (Cirrhaea, Cirsium, Epidendrum, Erica, Ericoides, Gongora, Leptorkis, Liparis, Stelis) da viridis verde e da purpureus porporino, paonazzo: di calore verdastro tendemte al purpureo
21694 viridipes (Paepalanthus, Solanum – Cortinarius, Entoloma, Inocybe, Leptonia, Russula ecc.) da viridis verde e da pes piede, gambo: per il gambo di colore verde
6154 viridilutéscens (Tricholoma) da víridis verde e da lutésco diventare giallo: di colore verde tendente al giallastro
8899 viridiglaucescens (Phyllostachys) da viridis verde e glaucesco diventare glauco: di color verde tendente all'azzurrino
8953 viridifolius, a, um (Acrostichum, Alchemilla, Cestrum, Eugenia, Hieracium, Juncus, Pilosella, Rhamnus, Ribes, Salvia, Saussurea, Stellaria, Thesium ecc.) da viridis verde e da folium foglia: che ha foglie paricolarmente verdi
6153 viridífluens (Agaricus, Latzinaea, Nolanea) da víridis verde e da flúo fluire, gemere: che geme un lattice verdastro
7857 viridiflorus, a, um (Aconitum, Alchemilla, Allium, Angelica, Asclepias, Aquilegia, Callistemon, Daphne, Desmodium, Echinocereus, Epipactis, Gesneria, Melaleuca, Orchis, Silene, Vincetoxicum ecc.) da viridis verde e da flos, floris fiore: che ha fiori verdognoli
11109 viridicollus, a, um (Hieracium) da viridis verde e da collum collo, ma anche stelo, gambp: con il gambo verde
17985 viridi-glaucescens (Phyllostachys) variante grafica (A. Fiori) per viridiglaucescens (vedi)
18025 viridescens (Adiantum, Arundo, Cerastium, Cyperus, Hieracium, Mentha, Oenothera, Polygala ecc.) da viridesco verdeggiare, diventare verde: verdeggiante, tendente al verde
6152 víridans (Aspidium, Asplenium Cenopteris, Eleocharis, Epipactis, Helleborine, Taraxacum ecc.) da vírido essere verde, verdeggiare: verdeggiante
11140 virgultorum (Betonica, Galium, Hieracium, Linum, Marsdenia, Panicum, Rosa, Rubus, Solanum, Thalictrum ecc.) genitivo plurale di virgultum virgulto, pollone, cespuglio: che vegeta fra i cespugli o che produce numerosi polloni
14796 virginis genitiva di virgo vergine:
  • (Mammillaria) in onore della Vergine Maria di Guadalupe apparsa all’indio Juan Diego a Guadaloupe (Messico)
  • (Pentace, Primula) specie probabilmente dedicate alla Vergine Maria dal botanico francese Augustin Abel Hector Léveillé (1864-1918) prete missionario in India per 14 anni, poi impegnato nello studio della flora dell’Estremo Oriente
  • (Umbilicaria/ Gyrophora) specie probabilmente dedicata alla Vergine Maria dal botanico e lichenologo svizzero Ludwig Emanuel Schaerer (1785-1853), parroco nel Bernese
  • (Cassia/ Chamaecrista) dalla località di Virgem de Lapa (Stato di Minas Gerais, Brasile) dove venne raccolto l’olotipo
14798 virginiensis, e
  • (Amaryllis, Aster, Hydrangea, Saxifraga/ Micranthes, Spathularia, Vitis; Hypocrea, Lecidea, Stemonitis) della Virginia, USA.
    NB: la prima colonia britannica nel Nord America venne chiamata Virginia in onore di Elisabetta I (che non essendosi mai sposata era conosciuta come la Regina Vergine) ed era costituita dai territori degli attuali stati della Virginia, West Virginia e Kentucky; alcune volte è solo un’indicazione generica per l’area orientale di Stati Uniti e Canada
  • (Encelia) grafia errata per virginensis (vedi)
6151 virginicus, a, um (Acalypha, Lepidium, Sporobolus, Aloë, Arum, Antennaria, Anchusa, Andropogon, Asarum, Bartonia, Chionanthus, Claytonia, Commelina, Diodia, Elymus/ Leptothrix, Eragrostis, Gerardia, Hexastylis, Iris, Leersia/ Aplexia, Leptandra, Lycopus, Manfreda/ Agave/ Polianthes, Alocasia/ Peltandra, Melandrium/ Silene, Mertensia, Obolaria, Plantago, Rhexia, Salicornia, Salvia/ Horminum, Sibara, Stipa, Tradescantia, Tragopogon, Verbesina, Veronicastrum, Woodwardia/ Blechnum e moltissime altre) della Virginia, virginiano
NB. Sono molte le piante con epiteto con radice virgin- e si tende a pensare alla Virginia attuale, stato degli USA orientali di dimensioni piuttosto limitate che non si comprende come possa aver dato luogo a così tante denominazioni. Occorre invece considerare che all'inizio la Virginia era un’area che copriva l’intera costa orientale delle Indie occidentali sotto dominio britannico e cioè dal Canada francese alla Florida spagnola. Si ricorda inoltre che la Virginia prende il nome da Elisabetta I Tudor (1533-1603), detta appunto la Regina Vergine, non essendosi mai sposata.
6150 virginianus, a, um (Acer, Agave, Eryngium, Carduus, Botrychium, Physostegia, Tradescantia, Botrychium, Centrosema, Chrysogonum, Clematis, Colinus, Diospyros, Fragaria, Hamamelis, Ostrya, Persicaria, Prunus, Tephrosia, Juniperus ecc.) della Virginia, virginiano.
NB. Sono molte le piante con epiteto con radice virgin- e si tende a pensare alla Virginia attuale, stato degli USA orientali di dimensioni piuttosto limitate che non si comprende come possa aver dato luogo a così tante denominazioni. Occorre invece considerare che all'inizio la Virginia era un’area che copriva l’intera costa orientale delle Indie occidentali sotto dominio britannico e cioè dal Canada francese alla Florida spagnola. Si ricorda inoltre che la Virginia prende il nome da Elisabetta I Tudor (1533-1603), detta appunto la Regina Vergine non essendosi mai sposata
6149 virgíneus, a, um
  • (Dendrobium, Dianthus, Graphina, Platanthera/ Gymnadenia/ Dracomonticola/ Neobolusia, Polystachya, Tridactyle ecc.) virginale, casto, bianco (simbolo di purezza) anche con linee o punti rossi che ricordano il flammeum delle vestali
  • (Euryops/ Othonna) definizione incomprensibile, secondo Plantzafrica: incontaminata, certamente descrittiva della pianta in piena fioritura che cresce nel suo habitat naturale
  • (Aeonium canariense var.) dal Barranco de la Virgen (Gran Canaria)
  • (Hygrophorus) virginale, per il colore bianco del carpoforo
14797 virginensis, e (Cirsium, Encelia, Krynitzkia glomerata var./ Cryptantha/ Oreocarya) specie originarie del Virgin River Basin, bacino idrografico statunitense che interessa Nevada, Utah e Arizona e costituisce una parte del Great Basin americano (David Hollombe, pers. comm.)
14826 virginalis, e
  • (Aeranthes) virginale, casto: riferimento all’aspetto dei sepali laterali che, secondo il protologo scritto da David Lesford Roberts, ricordano gambe incrociate
  • (Anguloa, Cattleya, Dendrobium, Dichaea, Disa, Disperis, Eria/ Cylindrolobus/ Trichotosia, Isabelia, Maxillaria/ Lycaste, Philadelphus ×, Pitcairnia, Sobralia) per il fiore bianco, simbolo di purezza, anche in presenza di linee o punti rossi che ricordano il flammeum delle vestali
  • (Lilium auratum var.) virginale, per il fiore che è quasi privo della maculatura caratteristica di questa specie
  • (Abutilon, Alstroemeria, Calathea, Cleisostoma/ Pomatocalpa, Heliconia, Lundia, Monarda, Pandanus ecc.) da verificare
9562 virgilianus, a, um (Quercus, Vitis) in onore di Publio Virgilio Marone (Publius Vergilius Maro 70-19 a.C.) poeta e naturalista latino, autore dell'Eneide, delle Bucoliche e delle Georgiche
18777 Virgilia [Fabaceae] genere dedicato dall'abbé Jean Louis Marie Poiret (1755-1834) al grande poeta latino Publio Virgilio Marone (70-19 a.C.), autore dell'Eneide, delle Bucoliche e delle Georgiche
22901 virgaureiformis, e (Hieracium ssp.) da virgaurea (vedi) verga d'oro, epiteto di un'asteracea, e da forma forma, aspetto, sembianza: simile alla verga d'oro
7884 virgaurea (Aster, Astragalus, Cestrum, Ligularia, Senecio, Solidago) da virga aurea verga d'oro: per i capolini dorati
6148 virgátus, a, um da virga verga:
  • (Allotropa, Cannomois, Desmanthus, Limonium, Placopoda, Rhododendron ecc.) simile a una verga oppure con delle striature
  • (Tricholoma) per le fibrille che ornano il cappello
6147 virgátulus, a, um
    diminutivo di virgatus vergato, striato:
  • (Inocybe) per il disegno del cappello a striscette
  • (Antirrhinum, Crotalaria, Isopogon, Linaria, Stomoisia, Trichomanes, Utricularia) da definire
21683 virga-aurea forma alternativa per virgaurea (vedi)
17866 Virga-aurea (Solidago) variante grafica utilizzata da Adriano Fiori per virgaurea (vedi)
21693 vireya (Rhododendron) in onore del naturalista, antropologo e botanico francese Julien-Joseph Virey (1775-1846)
6146 viréscens (Achillea, Allium, Arabis, Delphinium, Dendrobium, Eragrostis, Hieracium, Medicago, Mentha, Pedicularis, Piptatherum, Scabiosa, Trifolium, Viola ecc. – Physarum, Russula) da virésco diventare verde: verdastro, verdeggiante, tendente al verde
23183 virenticeps (Hieracium ssp.) da virens verdeggiante e dal suffisso -ceps (derivato da cáput) capo, testa: con capolini verdeggianti
9099 virens (Aloë, Artemisia, Asplenium, Astragalus, Carex, Crepis, Hieracium, Limodorum, Opuntia, Orchis, Phyllanthus, Pyrola, Quercus, Senecio, Thlaspi, Vincetoxicum ecc. – Agaricus, Boletus, Hydnangium, Lithocia, Mycena, Parmelia, Peziza, Verrucaria, Ustilago ecc.) da víreo verdeggiare, essere verde: verdeggiante
6145 viréllus, a, um (Crataegus, Endocomia, Fimbristylis, Haworthia, Lecanorchis, Phyllostachys, Sphaeradenia, Taraxacum) diminutivo di vírens verdeggiante: verdino
14212 viravira (Senecio, Gnaphalium/ Pseudognaphalium) dal nome vernacolare sudamericano vira-vira o huira-huira che significa grasso-grasso, riferimento alla pelosità che copre le foglie
21692 Viracocha [Orchidaceae] genere dedicato a Viracocha o Dio del Sole, il grande dio creatore di tutte le cose nella mitologia pre-Inca o Inca (da una relazione degli autori)
11507 vira-vira forma alternativa per viravira (vedi)
11853 vippetinus, a, um (Hieracium umbrosum ssp.) da Vipitenum, antico nome latino di Vipiteno (in tedesco Sterzing): epiteto utilizzato da Rupert Huter nel 1883/8 per questo taxon trovata sul vicino Passo del Monte Giovo
6144 viperínus, a, um (Aristolochia, Cereus, Cullmannia, Euphorbia, Leptocladia, Mammillaria, Mimosa, Oncidium, Peniocereus, Thalictrum ecc.) da vípera vipera: che richiama alla mente le vipere per qualche motivo particolare
6143 vióleus, a, um (Schefflera – Corticium, Hypochnus, Tulasnella) da víola viola: di colore viola, violaceo
21691 violescens (Echeveria, Syntherisma, Agaricus) dal latino botanico moderno violesco diventare viola: che diventa violetto (probabilmente alla frattura)
6142 violéipes (Entocybe vinacea var., Entoloma, Cortinarius, Hygrophorus, Inocybe, Morchella conica var., Russula, Thaxterogaster) da viola di colore violetto, violaceo e da pes pedis piede, gambo: col gambo di color violetto
6141 violáscens (Aspidium, Asplenium, Catasetum, Chrysopogon, Digitaria, Epidendrun, Erysimum, Hieracium, Jasminum, Panicum, Paspalum, Rumex, Taraxacum, Thlasp ecc. – Agaricus, Arthonia, Boletus, Buellia, Calvatia, Corticium, Cortinarius, Hydnum, Inocybe, Lactarius, Lecidea, Peziza, Thephora ecc.) dal latino botanico víolasco tendere al viola: tendente a colorarsi di viola
23579 violae
  • (Hieracium ssp.) della Val Viola Bormina, nell'Alta Valtellina tra Bormio e Livigno in provincia di Sondrio
  • (Campanula) da definire
21690 violaciflorus, a, um (Brittonrosea, Conophytum, Echinocactus, Echinofossulocactus, Efossus, Lobivia, Micranthocereus, Rebutia, Stenocactus) da violáceus violaceo, purpureo e da flos, floris fiore: con fiori violetti o purpurei
7438 violaceus, a, um violaceo, violetto, da viola:
  • (Allium, Echium, Festuca, Melica, Oxalis, Poa, Pulsatilla, Rosa, Salix, Solanum, Spiranthes, Tulbaghia, Vicia, Viola ecc. – Bacidia, Ciboria, Clavaria, Inocybe, Russula ecc.) riferito al colore di qualche organo
  • (Collinsia, Lampranthus, Rhododendron) riferito ai fiori
  • (Melocactus) per il colore degli aculei giovani
  • (Pereskia) per il colore delle brattee
  • (Cortinarius, Irpex, Peziza) riferito ai carpofori
6140 violaceospérmus, a, um (Agaricus, Dendrosarcus, Pleurotus) da violáceus violaceo, purpureo e dal greco spérma semenza: riferimento al colore della sporata
6139 Viola [Violaceae] dal greco ἴον íon viola, da un antico ϝίον fíon con lo stesso significato
21689 vinyalsi, ii (Cartamus ×, Centaurea, Cistus ×, Euphorbia, Muscari, Reseda, Trifolium) in onore del medico e storiografo spagnolo Francisco Viñals y Torreno (1863-1934), accademico della Real Sociedad de Historia Natural di Madrid
21688 Vinsonia [Pandanaceae] genere dedicato al farmacista e botanico francese Jean François Dominique Emile Vinson (fl.1855-1870), attivo nell'isola di Reunion
21687 vinosus, a, um da vinum vino:
  • (Agrostis, Asclepias, Calathea, Cissus, Costus, Crepidium, Epidendrum, Lippia, Potentilla, Primula, Ribes, Taraxacum, Vatica ecc.) che ha attinenza con il vino, spesso riferito al colore di qualche elemento
  • (Lactarius) color vino: per il colore del lattice
21686 vinosorubescens (Limacella) da vinosus color del vino e da rubesco diventare rosso: che tende a diventare di colore rosso-vino
21685 vinosobrunneus, a, um (Agaricus, Callistosporium, Lachnea, Peziza, Russula, Scutellinia, Tylopilus) da vinosus color del vino e da brunneus, latino moderno derivato dal germanico braun di colore marrone-bruno: di colore bruno-violaceo
8868 viniolae (Limonium) di Viniola, oggi Vignola, antico insediamento romano sulla costa boreale della Sardegna, località ora facente parte del comune di Trinità D'Agultu e Vignola (OT)
6138 vínifer, era, erum (Acrocomia, Aeria, Berberis, Cissus, Cocos, Eugenia, Euterpe, Gaussia, Mauritia, Metroxylon, Paphiopedilum, Pseudophoenix, Raphia, Sagus, Vitis) da vínum grappolo, vino e da féro portare: che produce frutti in grappoli e che può essere usato per vinificare
6137 vinícolor (Alcantarea, Allium, Anthurium, Crepidium, Eragrostis, Iris, Malaxis, Microstylis, Rhododendron, Rubus, Sedum, Vriesea ecc.) da vínum vino e da color colore: del colore del vino
6126 vinealis, e (Acetosa, Agrostis, Allium, Calamagrostis, Cistus, Diplotaxis, Helianthemum, Lathyrus, Porrum, Rosa, Rumex, Sisymbrium, Viola ecc.) da vinea vigna: delle vigne, riferimento all'ambiente di crescita
9138 vindobonensis, e (Alyssum, Carduus, Cirsium, Hieracium, Scilla, Taraxacum ecc.) da Vindobona, antico nome latino dell'attuale città di Vienna, capitale austriaca: viennese, di Vienna
21682 vincetoxicum (Alexitoxicon, Allium, Asclepias, Cynanchum, Vincetoxicum) da vinco vincere e da toxicum veleno: sostanza ritenuta efficace nella cura degli avvelenamenti
6136 Vincetóxicum [Apocynaceae] da vinco vincere e da toxicum veleno: disintossicante, perché pianta ritenuta efficace nella cura degli avvelenamenti
6135 Vínca [Apocynaceae] etimologia incerta: da pervínca (da pervínco stravincere, s'intende le malattie), o da pervíncio avvinghiare (con gli stoloni)
6134 vináceus, a, um (Alchemilla, Bulbophyllum, Carduus, Catasetum, Cirsium, Clematis, Dracula, Erica, Euphrasia, Hieracium, Lepanthes, Mentha, Plectranthus, Romulea, Rosa, Salvia ecc.) da vinácea vinaccia: probabile riferimento al colore simile a quello delle vinacce
6133 vimineus, a, um (Andropogon, Aster, Astragalus, Baccharis, Centaurea, Centropogon, Diplotaxis, Lactuca, Restio, Senecio, Streptanthus/i> ecc.) da vimen, -inis vimine: con parti flessibili utilizzabili per lavori di intreccio
7738 viminalis, e (Acacia, Asclepias, Bignonia, Calamus, Calceolaria, Capsella, Cynanchum, Erica, Eucalyptus, Euphorbia, Melaleuca, Odontoglossum, Rhus, Rotang, Salix, Sarcostemma, Verbascum ecc.) da vimen, -inis vimine: con parti flessibili utilizzabili per lavori di intreccio
11153 vilpianensis, e (Hieracium ssp.) di Vilpiano, frazione di Terlano (BZ) in Alto Adige
21681 vilmorinianus, a, um
  • (Rhododendron) in onore dell'orticultore Pierre-Philippe-André (Levêque) de Vilmorin (1776-1862)
  • (Primula) in onore del botanico, dendrologo e silvicultore (Auguste Louis) Maurice (Lévêque) de Vilmorin (1849-1918)
  • (Aconitum, Agave, Ailanthus, Castanea, Columnea, Echium, Erica, Pinus, Pyrus ×, Saxifraga, Tithonia, Viola ecc.) da definire
6132 villósus, a, um (Acalypha, Agropyron, Androsace, Arachis, Begonia, Brassica, Calamagrostis, Calicotome, Carex, Cytisus, Dasypyrum, Elaphoglossum, Elymus, Euphorbia, Gagea, Galium, Geranium, Hieracium, Myosotis, Oxalis, Panicum, Pennisetum, Potentilla, Primula, Rosa, Rubus, Sarcoglottis, Scorzonera, Sedum, Solanum, Vicia ecc. –
Agaricus, Boletus, Borrera, Clavaria, Coriolus, Corticium, Cyphella, Exidia, Lachnella, Lactarius, Lentinus, Mycena, Peziza, Physcia, Polyporus, Solenia, Stereum, Teloschistes, Trametes ecc.) da víllus pelame o da véllus lana tosata: dotato di un indumento di lunghi peli
9487 villosonervatus, a, um grafia alternativa per villoso-nervatus (vedi)
21680 villoso-nervatus, a, um (Mentha) da villosus villoso e da nervatus dotato di nervature: con nervature villose
9094 villosissimus, a, um (Ambrosia, Anemone, Antennaria, Astragalus, Columnea, Leonorus, Miconia, Ononis, Oxalis, Polypodium, Scutellaria, Setaria, Thymus ecc.) superlativo di villosus: villosissimo
23197 villosiformis, e (Hieracium) da villosus, a, um (vedi), epiteto di un'entità congenere, e da forma forma, aspetto, sembianza: simile a quella entità
13792 villosifolius, a, um (Hieracium pilosum ssp., Lamium, Viburnum) da villosus villoso e da folium foglia: con foglie villose
10214 villosiceps (Hieracium pilosus ssp.) da villosus villoso e dal suffisso -ceps (derivato da cáput) capo, testa: con capolini villosi
23513 villifer, erus, era, erum (Aconitum, Antennaria, Bromus, Cactus, Euphorbia, Gentiana, Hieracium, Mammillaria, Plantago, Rosa, Rubus, Senecio, Trifolium ecc.) da víllus pelame o da véllus lana tosata e da fero portare, avere: fornito di un indumento villoso
10567 villicaulis, e (Acalypha, Cicerbia, Cordia, Diasperus, Ipomoea, Myosotis, Myrsine, Rapanea, Rubus, Salvia, Selago, Veronica ecc. – Mycena) da víllus vello, pelame e da caulis fusto, gambo: dal fusto o gambo villoso
6131 villáticus, a, um (Agaricus, Fungus, Pratella, Psalliota) da villa possedimento rustico: campagnolo
6129 villarsianus, a, um (Alsine, Genista, Geranium, Hieracium, Rosa, Salix/ Nestylix, Thlaspi, Viola calcarata ssp.) specie dedicate al botanico, pteridologo, micologo e algologo francese Domínique Villars (o Villar, 1745-1814), descrittore di parecchie specie alpine e autore di una Histoire des plantes du Dauphiné
21679 Villarsia [Gentianaceae] genere dedicato al botanico, pteridologo, micologo e algologo francese Domínique Villars (o Villar, 1745-1814), descrittore di parecchie specie alpine e autore di una Histoire des plantes du Dauphiné
6130 villarsi, ii (Adenostyles, Agrostis, Apargia, Arenaria/ Alsine/ Minuartia/ Neumayera/ Sabulina, Artemisia, Asphodelus, Aster, Carex, Centaurea, Chaerophyllum, Cytisus, Dryopteris, Ephedra, Erigeron, Galium, Genista, Gentiana ssp., Hieracium, Lepidium, Nephrodium, Phyteuma, Picris, Ranunculus, Selinum, Valeriana ecc.) specie dedicate al botanico, pteridologo, micologo e algologo francese Domínique Villars (o Villar, 1745-1814), descrittore di parecchie specie alpine e autore di una Histoire des plantes du Dauphiné
21678 Villaria [Rubiaceae] genere dedicato al botanico spagnolo Celestino Fernández-Villar (1838-1907), frate agostiniano
7176 villari, ii (Alchemilla, Canthium, Cryptocarya, Dryopteris, Freycinetia, Hieracium, Knautia, Minuartia, Plectronia, Polypodium, Symplocos, Vaccinium, Vernonia, Xanthophytum) in onore del botanico, pteridologo, micologo e algologo francese Domínique Villars (o Villar, 1745-1814), descrittore di parecchie specie alpine e autore di una Histoire des plantes du Dauphiné
11189 Vilfa [Poaceae] nome di fantasia inventato da Adanson, come molti altri da lui creati
12259 viguieri, ii
  • (Euphorbia) in onore del botanico francese René Viguier (1880-1931) che fu direttore del Jardin Botanique di Caen ed erborizzò in Madagascar
  • (Acacia, Alchemilla, Aloë, Capsella, Conyza, Eragrostis, Erica, Impatiens, Psychotria, Rosularia, Sedum, Vachellia ecc.) da definire
12258 Viguierella [Poaceae] genere dedicato al botanico francese René Viguier (1880-1931) che fu direttore del Jardin Botanique di Caen ed erborizzò in Madagascar
12257 Viguiera [Asteraceae] genere dedicato al medico e botanico francese Louis Guillaume Alexandre Viguier (1790-1867) che erborizzò in Africa del Sud
25779 vigoi, ii (Ardisia) in onore del botanico peruviano José Schunke Vigo (1929-2018) che erborizzò nell'Amazzonia peruviana dal 1950 al 2000 circa; figlio di José M. Schunke López e nipote di Karl (Carlos) Schunke
11231 Vignea [Cyperaceae] genere dedicato al francese Gislain François Delavigne (o de la Vigne, ?-1805), professore di Botanica a Charkow, Ucraina
6128 Vigna [Fabaceae] genere dedicato a D. Vigna (†1647), botanico a Pisa
6127 viétus, a, um avvizzito, appassito, raggrinzito, da viésco avvizzire:
  • (Lactarius) per l'aspetto della superficie del cappello
  • (Rubus – Agaricus, Galorrheus, Lactifluus) per l'aspetto che lo fa sembrare precocemente appassito
21677 vietnamensis, e (Acacia, Ardisia, Artabotrys, Bulbophyllum, Cupressus, Dendrobium, Galactia, Ilex, Pandanus, Paris, Psychotria, Schefflera, Sedum, Vernonia ecc.) del Vietnam, nazione del sud-est asiatico tristemente famosa
9851 viestinus, a, um (Carex extensa ssp.) di Vieste, comune in provincia di Foggia
21676 vierlingi, ii (Specklinia) in onore di Gerhard Vierling (fl.2000-2016) che coltivò questa pianta in Germania
21675 Vierhapperia [Asteraceae] in onore del botanico austriaco Friedrich Vierhapper (1844-1903), padre di Friedrich Karl Mark
10012 vierhapperi, ii
  • (Avenastrum, Erigeron, Phlomis ×, Trichophorum) in onore del botanico austriaco Friedrich Vierhapper (1844-1903), padre di Friedrich Karl Mark
  • (Eleocharis, Festuca, Grantia, Heliotropium, Hieracium, Perralderiopsis, Saxifraga, Trimorpha) in onore del geobotanico austriaco Friedrich Karl Mark Vierhapper (1876-1932), che erborizzò in Austria, Grecia, Svezia, Svizzera e Tunisia
21674 Viereckia [Asteraceae] genere dedicato botanico tedesco Hans Wilhelm Viereck (1903-1946), specialista di Cactaceae che erborizzò in Messico
21673 vierecki, ii (Arabis/ Sibara/ Phravenia/ Dryopetalon, Cranichis, Echinocereus, Mammillaria, Echinocactus/ Gymnocactus/ Neolloydia/ Pediocactus/ Thelocactus/ Turbinicarpus, Astrophytum capricorne var.) in onore del botanico tedesco Hans Wilhelm Viereck (1903-1946), specialista di Cactaceae che erborizzò in Messico
17969 viennensis, e (Mentha) di Vienna, capitale dell'Austria, viennese
21672 vieillardi, ii (Archirhodomyrtus, Arthroclianthus, Asplenium, Balanops, Burretokentia, Champia, Cleidion, Cyathea, Cyclophyllum, Dacrycarpus, Dictyota, Elaphoglossom, Euphorbia, Ficus, Garcinia, Gracilaria, Ixora, Lastreopsis, Lindsaea, Melicope, Nepenthes, Pandanus, Psychotria, Pteris, Rapanea, Selaginella, Tapeinosperma, Tectaria, Tmesipteris, Trichomanes, Tristaniopsis, Uragoga, Virotia, Xanthostemon, Xylopia, Zeuxine, Zygogynum) in onore del medico, esploratore, botanico ed entomologo francese Eugène (Deplanche Emile) Vieillardµ (1819-1896) che erborizzò in Nuova Caledonia e a Tahiti
13478 vidalianus, a, um
  • (Areca, Calamus, Pterocarpus) in onore del botanico spagnolo Sebastian Vidal y Soler (1842-1889) che succedette al fratello Domingo (?-1878), prima come responsabile forestale nelle Filippine, poi come Direttore del Giardino Botanico di Manila;
  • (Lithocarpus) in onore del botanico francese Jules Eugène Vidal (1914-?) che assieme a sua moglie, la biologa Yvette Vidal, esplorò ed erborizzò in Indocina, Thailandia, Cambogia e Laos
14279 Vidalia [Calophyllaceae] genere dedicato al botanico spagnolo Sebastian Vidal y Soler (1842-1889) che succedette al fratello Domingo (?-1878), prima come responsabile forestale nelle Filippine, poi come Direttore del Giardino Botanico di Manila
13477 vidali, ii
  • (Campanula/ Azorina) in onore dell'ufficiale e idrografo della Royal Navy Alexander Thomas Emeric Vidal (1792-1863) che condusse esplorazioni in diverse parti del mondo e in particolare nelle Azorre, dove raccolse campioni che inviò al botanico H.C. Watson, autore di Campanula vidali;
  • (Rhapis) in onore del botanico francese Jules Eugene Vidal (1914-?) che assieme a sua moglie, la biologa Yvette Vidal (1928-?), esplorò ed erborizzò in Indocina, Thailandia, Cambogia e Laos
9532 victoris
  • (Papaver) in onore del botanico sloveno Viktor Petkovšek (1908-1994)
  • (Conophytum, Ruschia / Mesembryanthemum) in onore di Victor Stanley Peers (1874-1940) funzionario australiano, archeologo dilettante e raccoglitore di piante che visse in Sudafrica dal 1899
  • (Ribes) in onore del botanico statunitense Victor King Chesnut (1867-1938) che raccolse l’olotipo
  • (Rubus) in onore del botanico francese Julien Victor de Martrin-Donos (1800-1870) che raccolse l’olotipo
  • (Tulipa, Ungernia) in onore del botanico russo Victor Petrovic Botschantzev (1910-1990)
  • (Bulbophyllum) con il significato di vittorioso [da The Vocabulary of Orchids di Allen B. Martin]
15171 victorini, ii (Rubus, Solidago) in onore del religioso e botanico canadese Joseph Louis-Conrad Kirouac detto Brother Marie-Victorin (1885-1944)
15170 victoriensis, e
  • (Riccia, Scirpus/ Isolepis) dallo stato di Victoria (Australia)
  • (Ferocactus echidne var.) da Ciudad Victoria, stato di Tamaulipas (Messico)
  • (Diuris ×) dal Monte Victoria, New South Wales (Australia)
15169 victoriarum (Lycobyana ×) in onore di Laura Victoria e Victoria Odeth, Archila Reyna (Revista Guatemalensis 2010)
15164 victoriaregina (Cattleya ×) in onore della Regina Vittoria (Alexandrina Victoria, 1819-1901), del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda
15168 victorianus, a, um
  • (Cuscuta) dallo stato di Victoria (Australia)
  • (Sedum) dal monte Victoria (Myanmar)
  • (Aristida) dal dipartimento di Sancta Victoria (Argentina)
  • (Peperomia, Piper) dalla località La Victoria (Venezuela)
6125 victorialis
  • (Allium/ Cepa) da Victorialis mas nome in uso nella medicina medievale e rinascimentale che attribuiva virtù magiche e medicamentose a questa specie che veniva portata come talismano dai minatori cechi
  • (Indocalamus/ Bashania/ Arundinaria/ Pseudosasa) secondo Clifford & Bostock, in commemorazione della vittoria cinese nella guerra contro il Giappone
15167 victoriae-reginae (Agave, Dendrobium, Pedilonum) in onore della Regina Vittoria (Alexandrina Victoria, 1819-1901), del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda
15166 victoriae-mariae (Paphiopedilum/ Cordula/ Cypripedium) in onore della principessa Victoria Mary Augusta Louise Olga Pauline Claudine Agnes of Teck (1867–1953), moglie di George V, re di Gran Bretagna
15163 victoriae
  • (Banksia) in onore della Regina Vittoria (Alexandrina Victoria, 1819-1901), del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda
  • (Polystachya/ Epiphorella e forse Trichoscypha) dalla città di Victoria, sulle coste del Camerun
  • (Dawsonia, Eucalyptus, Grevillea, Plagiochila - Bagadiella) dallo stato di Victoria (Australia)
  • (Acacia/ Racosperma) pianta originaria del Gran Deserto Vittoria, nell’Australia occidentale
  • (Fissidens) dal fiume Victoria, Territori Settentrionali (Australia)
  • (Astragalus) in onore della botanica britannica Victoria Ann Matthews (1941-), coautrice di molte specie del genere Astragalus appartenti alla flora della Turchia
  • (Calymperes, Fabronia) dalle cascate Victoria (Zambia)
  • (Castilleja) dalla città di Victoria, sull’isola di Vancouver, Columbia Britannica (Canada)
  • (Dukea/ Raritebe) in onore di M. Victoria Hayden che aiutò l’autore, il botanico statunitense John Duncan Dwyer (1915-2005) ad eseguire dissezioni florali di questa pianta
  • (Plerandra/ Schefflera) dal Monte Victoria (ora Monte Tomanivi), a Viti Levu, la più grande delle isole Fiji
  • (Psychotria) dalla località La Victoria, regione di Loreto (Perù)
15165 victoria-regina (Paphiopedilum) in onore della principessa Victoria Mary Augusta Louise Olga Pauline Claudine Agnes of Teck (1867–1953), moglie di George V, re di Gran Bretagna
11914 Victoria [Nympheaceae] genere dedicato dal botanico inglese John Lindley alla Regina Vittoria (Alexandrina Victoria, 1819-1901), del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda
15162 victori, ii (Nasa) in onore del botanico peruviano Victor Quipuscoa Silvestre (fl.1996-1998) che raccolse l’olotipo
6124 vicínus, a, um (Adesmia, Agave, Astragalus, Barbarea, Crataegus, Erigeron, Euphorbia, Heracleum, Hieracium, Justicia, Ligustrum, Ophrys, Plectranthus, Rosa, Vicia ecc.) da vicus villaggio, borgo: che si trova nelle vicinanze, prossimo, somigliante (a specie simili)
7377 viciifolius, a, um (Astragalus, Cassia, Mutisia, Onobrychis, Pelargonium, Sophora ecc.) dal genere Vicia (vedi) veccia, un genere delle fabacee e da folium foglia: con foglie da veccia
6122 viciaefólius, a, um variante grafica per viciifolius (vedi)
6123 Vícia [Fabaceae] dal latino classico vicia veccia (in Plinio, Columella, Virgilio ecc., derivato da vincire legare, con riferimento ai viticci), oppure dal greco βικίον bikíon veccia, piccolo orciolo
6121 Vibúrnum [Adoxaceae] da viburnum, arbusto citato da Virgilio: lentiggine, viburno, viorna
21671 viburnifolius, a, um (Ardisia, Assonia, Callicarpa, Capparis, Casimira, Crataegus, Eugenia, Eupatorium, Psychotria, Rhododendron, Ribes, Rubus, Uragoga ecc.) dal genere Viburnum (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle di un viburno
6120 vibríssea [Vibrisseaceae] da vibríssa pelo dotato di notevoli capacità sensoriali: per l'aspetto del carpoforo
6119 vibrátilis, e da vĭbrātus sfavillante, luccicante, tremolante:
  • (Angolluma, Orbea) per le foglie tremolanti
  • (Cortinarius) per il colore vivace del cappello e la brillantezza della superficie
  • (Caralluma, Pachycymbium – Gomphos, Massaria, Romellia, Sphaeria ecc.) da definire
6118 vibécinus, a, um (Agaricus, Clitocybe, Coriolopsis, Leucoporus, Polyporus ecc.) da víbex, -icis lividura: livido, probabilmente per il colore del cappello
6117 viárum (Acacia, Apocynum, Capsella, Cassia, Eryhrina, Hedyotis, Oldenlandia, Rosa, Scutellaria, Senna, Seseli, Sida, Solanum, Stachys, Vernonia, Viola – Bacidia, Ciboria, Coprinus, Helotium ecc.) genitivo plurale di via via, strada: delle strade, perché cresce o è messo a dimora lungo le strade
12657 vialis, e
  • (Aster, Calyptocarpus, Mimosa) da via, viae via, strada: delle strade, perché cresce o è messo a dimora lungo le strade
  • (Cyperus) in onore di padre Paul (Félix-Angèle) Vial (1855-1917), missionario francese nella provincia di Yunnan in Cina
  • (Boehmeria, Cacalia, Cirsium, Crotalaria, Eucephalus, Panicum, Paspalum, Synedrelia, Vernonia, Taraxacum – Clitocybe, Flammula, Galerina, Inocybe ecc.) da definire
12656 viali, ii (Pedicularis, Primula/ Aleuritia, Rhododendron) in onore di padre Paul (Félix-Angèle) Vial (1855-1917), missionario francese nella provincia di Yunnan in Cina
20037 vexillocalyculatus, a, um (Antirrhinum/ Sairocarpus) da vexillum vessillo, stendardo, bandiera e da calyculus, diminutivo di calyx calice, piccola coppa: con un calice che assume una funzione vessillifera
20036 Vexillifera [Fabaceae] da vexillum vessillo, stendardo, bandiera e da fero portare: vessillifero, alfiere, portabandiera
20035 vexillifer, era, erum vessillifero, alfiere, portabandiera, da vexillum vessillo, stendardo, bandiera e da fero portare:
  • (Antennaria, Cymbidium/ Liparis ecc.) che ha un petalo proteso come uno stendardo
  • (Stipagrostis) per le spighette che mosse dal vento assomigliano a piccole bandiere
20034 vexillatus, a, um (Arisaema, Asclepias, Cyperus, Hieracium, Pachycarpus, Phaseolus/ Dolichos/ Vigna ecc.) da vexillum vessillo, stendardo, bandiera: dotato di vessillo, con un petalo proteso come uno stendardo
20033 vexillarius, a, um (Abutilon, Billbergia, Bulbophyllum, Calianthe, Dendrobium, Hieracium, Impatiens, Miltonia, Oncidium ecc.) da vexillum vessillo, stendardo, bandiera: con un petalo proteso come uno stendardo
10078 vexillaris, e (Anthurium, Asclepias, Astragalus, Dendrobium, Dorycnium, Gladiolus, Pachycarpus, Stenorrhynchos/ Xysmalobium, Tragacantha, Vicia) da vexillum vessillo, stendardo, bandiera: con un petalo proteso come uno stendardo
21670 Vexillaria [Fabaceae] nomen illeg. da vexillum vessillo, stendardo, bandiera: con un petalo proteso come uno stendardo
20032 Vexillabium [Orchidaceae] da vexillum vessillo, stendardo, bandiera e da labium labbro, labello: riferimento alla parte apicale del labello
21669 vexatus, a, um (Calyptanthes, Campyloneurum, Cryptanthus, Fimbristylis, Mattenus, Polypodium, Pyrrocactus, Taraxacum, Vriesea, Wedelia) da véxo tormentare, tribolare, travagliare: che creò notevoli discussioni sulla sua corretta classificazione
6116 vexábilis, e (Agaricus, Bacidia, Lecidea, Naucoria) da véxo tormentare, tribolare, travagliare: tale da suscitare notevoli problemi di classificazione dando origine a pareri discordanti
22255 vetulus, a, um vecchietto/a, diminutivo di vetus vecchio/a:
  • (Bradburya, Buddleja, Cactus, Eupatorium, Mammillaria, Stapelia ecc.) prbabilmente per la presenza di lunghi peli bianchi come i capelli dei vecchi
  • (Ophrys) vecchietta, riferimento al periodo tardivo di fioritura o alla macula del labello che a volte presenta larghe linee bianche come una capigliatura canuta
23620 vetterianus, a, um
  • (Hieracium) in onore del galiziano Johann Vetter (1865–1945), dal 1892-1922 insegnante e più tardi direttore di una scuola civica a Vienna, si occupò in particolare del genere Festuca e suoi ibridi. Le sue numerose scoperte di Hieracium sono incluse nei lavori di Zahn [Zahn in: Ascherson & Graebner, Synopsis der Mitteleuropäischen Flora 12 (III)]
  • (Saxifraga) da definire
8353 vetteri, ii
  • (Alchemilla, Hieracium inuloides ssp.) in onore del botanico svizzero Prof. Jean Jacques Vetter (1826–1913), attivo erborizzatore tra il 1876 e il 1880 sulle Alpi Marittime con Emile Burnat, Conservatore degli erbari Burnat e Barbey nonché in seguito dell'erbario Boissier
  • (Hieracium) grafia alternativa per vetterianum (vedi)
  • (Amaracus, Erodium, Hermannia, Origanum, Papaver ×, Rosa, Rubus, Saxifraga, Symphytum, Taraxacum, Viburnum ×) da definire
6115 veternósus, a, um (Russula) da vetérnus antico, vetusto (da vétus vecchio)
21668 vesuvianus, a, um (Agaricus, Contumyces, Omphalina, Stereocaulon ecc.) da Vesuvius Vesuvio, vulcano nei pressi di Napoli: per la zona di crescita
26848 vesulensis (Androsace) dal latino vesulus (Mons Vesulus), del Monte Viso (o Monviso) nelle Alpi Cozie, località dell’olotipo
23215 vesubiensis, e (Hieracium ssp.) dei dintorni di Saint-Martin-Vésubie, comune francese situato nel dipartimento delle Alpi Marittime, regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra
7152 vestitus, a, um rivestito, ornato, da vestio vestire, rivestire, ornare:
  • (Aconitum, Astragalus, Bromus, Cineraria, Calanthe, Draba, Hieracium, Inula, Koeleria, Lathyrus, Marsilea, Potentilla, Ranunculus, Rhododendron, Salix, Scirpus, Senecio, Vicia) riferimento a parti della pianta ricoperte da peli
  • (Miconia) per la superficie fogliare abassiale coperta di peli
6114 vestinus, a, um
  • (Asterocephalus, Athamanta, Campanula carnica v., Scabiosa) della Val Vestino, nel Bresciano
  • (Pinguicula vulgaris ssp.) sottospecie endemica del Gran Sasso e dell'Altopiano delle Rocche (Abruzzo): riferimento ai Vestini, antico popolo italico di lingua osco-umbra, stanziato in una zona che comprendeva l'attuale Altopiano delle Rocche, la valle dell'Aterno (L'Aquila) e arrivava a toccare il Mar Adriatico all'altezza di Penne
17503 vestinensis (Euphrasia) della Val Vestino, nel Bresciano
6113 vestinae (Aquilegia) genitivo di Vestina: della Val Vestino, nel Bresciano
21667 vestiarius, a, um (Areca/ Mischophloeus, Drymophloeus, Pinanga, Ptychosperma, Seaforthia) da vestis veste, abito, indumento: atinente il vestiario, utilizzabile per realizzare indumenti
21666 Vestia [Solanaceae] genere dedicato al botanico austriaco Lorenz Chrysanth von Vest (1776-1840)
9598 vesti, ii (Rubus) in onore del botanico austriaco Lorenz Chrysanth von Vest (1776-1840)
10304 vespertinus, a, um vespertino, serale od occidentale, da vesper sera:
  • (Bergeranthus) perché i fiori si aprono alla sera
  • (Asplenium) occidentale, perché cresce solo in California nel Nordamerica occidentale
  • (Acacia, Astragalus, Calliandra, Carex, Cestrum, Erica, Galatea, Lychnis, Saxifraga, Silene, Solidago, Viola, Yucca ecc.) da definire
10548 vespertilio nome latino del pipistrello:
  • (Dracula) per il fiore di colore rosso-nerastro e la somiglianza con un pipistrello
  • (Acrostichum, Anemia, Bauhinia, Crotalaria, Diasperus, Passiflora, Ranunculus, Senecio, Solanum, Tacca ecc.) per la presenza di elementi che richiamano alla mente i pipistrelli
21665 vesparius, a, um
    da vespa vespa:
  • (Metatrichia) per la forma del carpoforo a nido di vespa
  • (Hexagonia, Hemitrichia, Lycoperdon, Metatrichia, Stemonitis, Polyporus) per la presenza di elementi che ricordano i nidi di vespa
8006 vesiculosus, a, um (Aldrovanda, Asplenium, Astragalus, Carex, Cuphea, Cynoglossum, Eryngium, Passerina, Phoebe, Thalictrum, Trifolium ecc. – Aleuria, Corticium, Galactinia, Lycoperdon, Peziza, Polyporus, Russula ecc.) rigonfio, vescicoloso, bitorzoluto, da vesica vescica: per il calice rigonfio come una vescica oppure ricoperto di vescichette
6112 Vesiculómyces [Peniophoraceae] da vesícula vescichetta e dal greco μύκης mýces fungo: per i gloeocistidi vescicolosi nel subicolo
21664 vesiculifer, era, erum (Ajuga, Angraecum, Boryangraecum, Bungea, Chesneya, Impatiens, Polypodium, Rhododendron, Silene – Funneliformis, Glomus, Leptotrema, Leucosporium ecc.) da vēsīcŭla vescicola e da fero portare: con piccole vescicole, rigonfiamenti, bitorzoletti
21663 vesicularis, e (Bulbine, Erica, Ericoides, Pachysa, Plectranthus – Biatora, Lecidea, Lichen, Peziza, Psora ecc.) da vēsīcŭla vescicola: con piccole vescicole, rigonfiamenti, bitorzoletti
21662 vesicosus, a, um (Serjania) da vesica vescica: rigonfio, vescicoloso, bitorzoluto
21661 vesicolosus, a, um errata grafia per vesiculosus (vedi)
6111 vesicarius, a, um (Acetosa, Alyssum, Astragalus, Atriplex, Carex, Crepis, Draba, Erica, Eruca, Helianthemum, Nonea, Rumex, Sida, Valeriana, Valerianella ecc.) da vesica vescica: benefico per le affezioni della vescica oppure rigonfio, vescicoloso, bitorzoluto
6952 veselskyi
  • (???) in onore del botanico ceco Bedrich (Friedrich) Veselsky (1813-1866)
  • (Heliosperma, Ixoca, Silene – Hygrocybe, Lecidea, Leptosphaeria, Physalospora, Sepultaria) da definire
6110 veseleski errata grafia per veselskyi (vedi)
6109 véscus, a, um
  • (Allium, Castanea, Fragaria, Quercus – Russula) da véscor mangiare, pascersi: commestibile
  • (Agrostis, Astragalus, Carex, Hieracium) dall'aggettivo vescus, a, um smilzo, magro, macilento
  • (Potentilla, Psychotria, Solanum, Stelis ecc. – Agaricus, Corticium ecc.) da definire
21660 vesciculosus, a, um errata grafia per vesiculosus (vedi)
21659 vervoorsti, ii
  • (Euphorbia) in onore del botanico argentino Federico Bernardo Vervoorst (1923-2008), presidente dell'Associazione Argentina di Botanica
  • (Hieracium, Puya, Senecio, Solanum) da definire
6108 vervácti (Agaricus, Agrocybe, Hylophila, Naucoria, Pholiota, Simocybe) genitivo di verváctum maggese: del maggese, riferimento al tipo di ambiente prediletto
6107 verus, a, um (Acorus, Aloë, Astragalus, Galium, Ladanum, Pistacia, Rapunculus, Rubia, Salsola, Sapium, Securidaca, Suaeda, Visnaga ecc.) vero, genuino, corretto, originale
6106 vertirúgis (Agaricus, Collybia) da vérto piegarsi e da rúga ruga: con rughe contorte
9623 verticilliformis, e (Setaria) da verticillatus (vedi), epiteto di una specie congenere e da forma aspetto: simile alla specie verticillata
6105 verticillatus, a, um (Acacia, Agrostis, Ammannia, Asclepias, Astragalus, Echinochloa, Eupatorium, Euphorbia, Illecebrum, Impatiens, Juncus, Lupinus, Lysimachia, Mollugo, Myriophyllum, Nowodworskya, Panicum, Pedicularis, Physospermum, Plantago, Poa, Polygala, Polygonatum, Ranunculus, Salvia, Saxifraga, Scleranthus, Scrophularia, Senecio, Setaria, Vernonia ecc. ecc. – Cladonia, Coprinus, Graphium, Pterula, Saccharomyces, Sporotrichum ecc.) da verto girare attorno: con elementi disposti tutt'attorno a un corpo centrale
7992 verticillaris, e (Angelica, Asparagus, Astragalus, Corydalis, Elatina, Erica, Gentiana, Justicia, Oxytropis, Peucedanum, Potentilla, Selinum, Tommasinia ecc.) da verto girare, volgere attorno: con foglie o fiori formanti verticilli, disposti in cerchio intorno al fusto
10557 verticillacanthus, a, um (Rosa, Sulcorebutia, Weingartia) da verto giro attorno e dal greco ἄκανθα ákantha spina: con spine disposte tutt'attorno
6104 versipilus, a, um (Alchemilla, Astragalus, Petasites) da vérso rigirare, mutare, modificare e da pilum pelo: con con indumento di peli di forma o lunghezza variabile
6103 versipéllis, e
    da vérso rigirare, mutare, modificare e da péllis pelle:
  • (Dysoma, Ipomoea, Podophyllum) con epidermide variegata, cangiante, mutevole, che si trasforma, che muta d'aspetto
  • (Hebeloma, Hydnum) per le squame presenti anche sul gambo
6102 versifórmis, e (Funkiella, Geonoma – Agaricus, Ciboria, Corticium, Glomus ecc.) da vérso rigirare, mutare, modificare e da fórma figura, aspetto: di varia forma
6101 versifolius, a, um (Hieracium, Salix, Spiraea, Thalictrum, Valeriana) da vérso rigirare, mutare, modificare e da folium foglia: con foglie variabili, di forma mutevole
6100 versícolor (Anthyllis, Avenula, Bulbocodium, Brugmansia, Campanula, Colchicum, Coriolus, Crocus, Geranium, Helictochloa, Spartina, Symphyotrichum ×, Viola ecc.) da vérso rigirare, mutare, modificare e da cólor colore: di colore mutevole, multicolore, variamente colorato
21658 verschaffeltianus, a, um (Begonia ×, Costus, Gymnotheca, Marattia) in onore del botanico e orticultore belga Ambroise Colette Alexandre Verschaffelt (1825-1886), autore di Nouvelle Iconographie des Camellias
11662 Verschaffeltia (Arecaceae] genere dedicato al botanico e orticultore belga Ambroise Colette Alexandre Verschaffelt (1825-1886), autore di Nouvelle Iconographie des Camellias
11663 verschaffelti, ii
  • (Agave, Eranthemum, Fittonia, Gymnostachyum, Hyophorbe, Latania) in onore del botanico e orticultore belga Ambroise Colette Alexandre Verschaffelt (1825-1886), autore di Nouvelle Iconographie des Camellias
  • (Achyranthes, Berberis, Caladium, Calamus, Echinopsis, Iresine, Opuntia, Pinus, Thuja, Ulmus, Zamia ecc.) da definire
6099 versátilis, e (Acrostichum, Erycibe, Gnaphalium, Pseudognaphalium, Restio, Selaginella, Sida, Viburnum – Agaricus, Candida, Entoloma, Funalia, Puccinia ecc.) da vérso volgersi: mutevole, variabile
6098 verruculósus, a, um (Alsophila, Atriplex, Berberis, Calathea, Campanula, Dendrobium, Euphorbia, Lepyrodia, Miconia, Oxytropis, Rhododendron, Senecio, Stipa ecc.) da verrúcula, diminutivo di verruca escrescenza, bitorzolo: coperto da piccole escrescenze
6780 verrucosus, a, um (Acinodendron, Allium, Aloë, Aspidium, Astragalus, Cornus, Cuscuta, Digitaria, Echium, Euonymus, Euphorbia, Galium – Scleroderma, Oenothera, Polypodium, Saldola, Sanguisorba, Urtica, Valeriana) da verruca verruca: coperto di verruche
6097 verrúcipes (Convolvulus, Desmopsis, Epidendrum, Ipomoea, Polyalthia – Agaricus, Armillaria, Melanoleuca, Tricholoma ecc.) da verrúca verruca, bitorzolo e da pes piede: con il gambo verrucoso
21657 verrucatus, a, um (Drosera, Eucalyptus, Magnolia, Trichilia, Yulania – Coltricia, Graphis, Lecanora, Lecidea, Ravenella ecc.) da verruca verruca, bitorzolo, bitorzolo: coperto di verruche
11865 verresianus, a, um (Erysimum crassistylum ssp.) del comune di Verrès, della Valle d'Aosta dove venne raccolto questo taxon
6096 Vérpa [Morchellaceae] da vérpa pene, membro virile, per la forma del carpoforo
21655 veronicoides
  • (Acalypha, Angelonia, Elatostema, Holocarpa, Hymenophyllum, Knoxia, Linaria, Manettia, Mecodium, Pellionia, Pentanisia, Primula, Teucrium ecc.) dal genere Veronica (vedi) e dal greco εἶδος eídos aspetto: simile a una veronica
  • (Cortinarius) da veronicae, epiteto di un fungo congenere e dal greco εἶδος eídos aspetto: simile al Cortinarius veronicae (Nota: etimologia spiegata dall'autore, Bruno Gasparini)
21654 veronicifolius, a, um (Brickellia, Bulbostylis, Campanula, Conyza, Eupatorium, Lamium, Melissa, Mentha, Pedicularis, Polygala, Saxifraga, Valeriana, Viola ecc.) dal genere Veronica (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle di qualche pianta di quel genere
10252 veronicaefolius, a, um grafia alternativa per veronicifolius (vedi)
21656 veronicae (Aecidium, Asterina, Cercosposra, Cortinarius, Diplodia, Mycena, Peziza, Puccinia ecc.) genitivo del genere Veronica (vedi) a cui appartengono le piante ospiti di questi funghi
6095 Verónica [Plantaginaceae] dal nome di Santa Veronica, perché è un fiorellino che appare in prossimità della Settimana Santa
6094 veronensis, e (Achillea, Allium, Bupleurum, Carduus ×, Hypericum, Potentilla – Anema, Acarospora, Diplodia, Lecanora, Verrucaria ecc.) di Verona, veronese
6093 vérnus, a, um (Arabis, Arenaria, Barbarea, Bulbocodium, Crocus, Draba, Erophila, Ficaria, Galanthus, Galium, Gentiana, Hieracium, Lathyrus, Leucojum, Minuartia, Odontites, Omphalodes, Senecio, Veronica ecc. – Agaricus, Amanita, Clavaria, Clitocybe, Cortinarius, Entoloma, Pholiota, Russula ecc.) da ver, véris primavera: primaverile, riferimento al periodo di fioritura o di comparsa
12928 Vernonia [Asteraceae] genere dedicato da Schreber al briologo ed entomologo inglese William Vernon (~1666-1711), membro del St. Peter College a Cambridge che nel periodo 1688-1711 raccolse piante e animali, in particolare nel corso di un viaggio in Maryland (USA)
10443 vernixius, a, um (Buddleja, Cypripedium ×, Epidendrum, Mormodes, Oncidium, Ophrys) latinizzazione del termine francese vernissèe: verniciato, laccato, per l'aspetto brillante dei fiori
21652 vernicosus, a, um verniciato, smaltato, dal tardo latino vernicium vernice:
  • (Acacia, Ageratina, Alsophila, Amsinckia, Aster, Calceolaria, Combretum, Epilobium, Eupatorium, Haplopappus, Microlicia, Ocotea, Pilosella, Rhododendron, Selaginella, Senecio ecc.) per la presenza di organi dall'aspetto brillante cone se fossero verniciati
  • (Pileanthus) probabile riferimento all'olio lucido che copre le gemme florali
6092 vernícomus, a, um (Lecidea/ Buellia/ Gassicurtia/ Diplotomma ecc.) da ver primavera e da coma chioma: con la chioma verde come le foglie in primavera
21651 vernicifluus, a, um (Acacia, Aleurites, Alphandia, Aster, Dipterocarpus, Erica, Ericoides, Ipomoea, Mocanera, Racosperma, Rhus/ Toxicodendron, Stagmaria ecc.) dal tardo latino vernicium vernice e da fluo scorrere: che geme una resina simile a vernice
21650 vernicifer, era, erum (Rhus, Semecarpus, Toxicodendron - Cortinarius) dal tardo latino vernicium vernice e da fero portare: per lo splendore del pileo (Nota: etimologia spiegata dall'autore, Karl Soop)
21649 Vernicia (Euphorbiaceae] dal tardo latino vernicium vernice: per i semi oleosi che possono essere utilizzati per produrre vernici
23069 vernelensis, e (Taraxacum) della località di Vernelathal nel Gruppo del Silvretta in Svizzera, dove venne raccolto l'olotipo
6091 vernalis, e (Adonis, Anemone, Arbutus, Bromus, Callitriche, Carduus, Cirsium, Crocus, Cupania, Erica, Galanthus reginae-olgae ssp., Leucojum, Milium, Pulsatilla, Rhamnus, Saxifraga, Scilla, Scrophularia, Senecio, Spergula ecc. – Agaricus, Amanita, Psathyrella, Paxillus) da ver, veris primavera: primaverile, per la stagione di crescita o fioritura
6090 verminósus, a, um (Graphis, Linocarpon, Ophiobolus, Rhaphidosphora, Sphaeria) da vérmis verme: roso dai vermi
21635 vermifugus (Andira, Clematis, Epidendrum, Ficus, Geoffroea, Pharmacosycea, Vouacapoua) da vermis verme e da fugo respingere, mettere in fuga: che ha la proprietà di combattere i vermi parassiti intestinali
6089 vermifórmis, e (Deparia, Drimia, Eriospermum, Euphorbia, Lunathyrium, Salsola, Typhonium – Anguillospora, Graphis, Histerium, Physarum ecc.) da vérmis verme, lombrico e da fórma figura, aspetto: simile a un lombrico
6088 vermiculatus, a, um da vermis verme, lombrico:
  • (Achillea, Artemisia, Chamaesyce, Daphne, Eulophia, Euphorbia, Iberis, Reaumuria, Salsola, Scorpiurus, Stoebe, Suaeda ecc. – Clavaria, Typhula, Multicellites ecc.) simile a un lombrico
  • (Sarcobatus) riferimento agli embrioni dei semi, di forma spiralata
6087 vermiculáris, e (Achillea, Alnus, Astragalus, Bulbophyllum, Corydalis, Iresine, Medicago, Sedum, Sempervivum ecc. – Agaricus, Clavaria, Clitocybe, Lichen ecc.) da vermiculus piccolo verme: a forma di verme oppure roso da piccoli vermi col probabile significato di lavorato a mosaico finissimo
8379 verlotorum errata grafia per verlotiorum (vedi)
6086 verlotiorum (Artemisia) specie dedicata ai fratelli Verlot: Jean Baptiste (1816-1891) e Pierre Bernard Lazare (1836-1897), botanici di Grenoble
21634 Verlotia [Asclepiadaceae] genere dedicato al botanico francese Pierre Bernard Lazare Verlot (1836-1897), studioso della flora alpina
21633 verlaquei, ii (Osmundea) in onore dell'algologo francese Marc Verlaque (vivente), marito della botanica Régine Verlaque di Marsiglia
23407 verlaqueae (Colchicum) in onore della botanica francese Régine Verlaque (fl.1978-2016), moglie dell'algologo Marc Verlaque di Marsiglia
7602 veris (Isidorea, Primula, Sipanea, Verbesina – Pholiota) genitivo di ver, veris primavera: della primavera, primaverile
21632 verhoekiae (Agave, Manfreda) in onore della botanica statunitense Susan Elizabeth Verhoek-Williams (1942-), studiosa di Agavaceae e specialmente del genere Manfreda
9223 verguini, ii (Centaurea, Cistus, Erigeron, Festuca, Hieracium, Saxifraga) in onore del botanico francese Louis Vergui (1868-1936)
10341 vergellensis, e (Narcissus) di Vergelle, località in comune di San Giovanni d'Asso (SI) in Toscana, posto al centro delle Crete Senesi
10668 vereinensis, e (Taraxacum) dal nome del Tunnel della Vereina che attraversa il Massicio del Passo della Fluela in Svizzera
21631 verdoorniae (Aloë, Caroxylon, Chasmatophyllum, Crinum, Eugenia, Mossia, Neoleroya/ Pyrostria, Rhinephyllum, Salsola, Senecio) in onore della botanica sudafricana Inez Clare Verdoorn (1896-1989)
21630 Verdoornia [Makinoaceae] genere dedicato al briologo olandese Frans Verdoorn (1906-1984)
21629 verdoni, ii (Nicotiana, Quintinia – Cratiria, Heterodermia, Lepra, Pertusaria, Physcia)) ecc.) in onore del briologo australiano Douglas Verdon (1920-2000)
21628 verdicki, ii
  • (Euphorbia) in onore del militare belga Edgard Antoine Auguste Verdick (1868-1927) che raccolse piante in Congo
  • (Asclepias, Barleria, Capparis, Gnidia, Habenaria, Impatiens, Lactuca, Polygala, Scilla, Sonchus, Thunbergia, Vernonia ecc.) da definire
21625 verdcourti, ii (Clerodendrum, Crotalaria, Dichaetanthera, Fadogia, Heliotropium, Mucuna, Psychotria, Rhynchosia, Rotala, Sporobolus, Thunbergia, Vigna ecc.) in onore del botanico britannico Bernard Verdcourt (1925-2011) specialista di piante dell'Africa tropicale a Kew
10715 Verbesina [Asteraceae] secondo alcuni diminutivo di vérber verga, ramoscello; secondo altri autori sarebbe invece un riferimento al genere Verbena (vedi) motivato dalla somiglianza delle foglie, fatto ben poco confermato dalle immagini disponibili dei due generi
7746 verbenaca (Salvia) dal genere Verbena (vedi) per la forma delle foglie simili a quelle della verbena
6085 Verbéna [Verbenaceae] forse da vérber verga, ramoscello
6084 Verbáscum [Scrophulariaceae] da barbáscum tasso barbasso, pianta citata da Plinio, probabilmente derivato da barba, riferimento alle foglie pelose, o da vérber verga
6083 verbascifolius, a, um (Arctotis, Byrsonima, Centaurea, Cestrum, Geranium, Hieracium, Inula, Lysimachia, Parietaria, Scabiosa, Senecio, Solanum, Stachys, Urtica ecc.) dal genere Verbascum (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle tipiche di quel genere
10340 verbanensis, e (Narcissus, Trapa – Inocybe) del Verbano, altro nome del Lago Maggiore
6082 Verátrum [Melanthiaceae] etimologia incerta: per alcuni deriverebbe da vérum vero e da átrum terminazione che significa strumento, forse perché pianta ritenuta vero rimedio contro la pazzia o l'epilessia (in Plinio); per altri da vere atrum veramente scuro, allusione al colore delle radici (che però non sembrano scure)
21624 veratroides (Astelia, Dendrobium, Hamelinia, Swertia) dal genere Veratrum (vedi) e dal greco εἷδος eídos aspetto, sembianza: simile alle piante di quel genere
21623 veratrifolius, a, um (Alismorchis, Allium, Calanthe, Callista, Corymborkis, Dendrobium, Epipactis, Limodorum, Linaria, Plantago, Scorzonera ecc.) dal genere Veratrum (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle tipiche di quel genere
21622 veraguacensis, e (Pleurothallis) della Provincia di Veraguas di Panama
6081 vepállidus, a, um (Rubus, Taraxacum – Agaricus, Lecanidium, Pertusaria, Tricholoma) dalla particella inseparabile privativa o peggiorativa ve- e da pállidus pallido: più che pallido
6080 venústus, a, um (Acantholimon, Aconitum, Adiantum, Alchemilla, Allium, Arctotis, Campanula, Carex, Dendrobium, Erica, Galium, Gentiana, Hieracium, Hosta, Lakhsmia, Linum, Lotus, Ranunculus, Salix, Senecio ecc.) da Venus Venere, dea della bellezza dei Romani: elegante, affascinante, bello
21614 venus (Alaticaulia, Dendrobium ×, Masdevallia, Pyrus) da venus, -eris bellezza, grazia, avvenenza: riferimento all'aspetto attraente
8352 venulosus, a, um (Ageratina, Amaranthus, Asplenium, Astragalus, Eupatorium, Grammitis, Grindelia, Heptapleurum, Lonicera, Polypodium, Salix, Schefflera ecc.) da venula venuzza, diminutivo di vena: caratterizzato da piccole venature
6079 ventrósus, a, um (Erica) da vénter, véntris ventre: panciuto
21613 ventriosporus, a, um (Lepiota) da venter, ventris ventre e dal greco σπορα spora spora, per la depressione ilare delle spore, simile a un ombelico
6078 ventricósus, a, um da vénter, véntris ventre:
  • (Alopecurus, Anchusa, Convolvulus, Cypripedium, Dendrobium, Dianthus, Gastridium, Habenaria, Hosta, Linaria, Quercus, Ranunculus, Tillandsia, Trifolium ecc.) rigonfio in qualche parte come una vescica
  • (Hygrophorus) per la forma ingrossata del gambo
14072 ventosus, a, um
    da ventus vento:
    • (Achyrocline) da Cerro Ventoso nel Messico, località di ritrovamento dell'olotipo
    • (Draba, Aragallus/ Oxytropis nana var.) della Wind River Valley (Valle del Fiume Ventoso) nel Wyoming, Stati Uniti, località di ritrovamento dell'olotipo
    • (Agrostis, Astragalus/ Xylophacos) specie tipiche dei luoghi ventosi
    • (Calycera/ Boopis/ Nastanthus, Carex, Helianthemum, Hieracium, Lupinus, Microchilus, Olinia/ Plectronia/ Cantium, Plectranthus, Vernonia ecc.) riferimento incerto: per la morfologia variabile come il vento o perché tipico dei luoghi ventosi o per la disseminazione anemofila o per altra connessione ancora col vento
8792 venticaesus, a, um (Hieracium) da ventus vento e da caedo battere, percuotere: battuto dal vento, riferimento alle zone ventose in cui cresce
21612 venteri, ii
  • (Euphorbia) in onore del botanico sudafricano Stephanus (‘Fanie') N. Venter (1953-), responsabile dell'erbario dell'Università di Limpopo e raccoglitore di piante
  • (Haworthia, Kleinia, Ledebouria, Lithops, Plectranthus) da definire
6077 Ventenata [Poaceae] genere dedicato a Étienne Pierre Ventenat (1757-1808), professore di Botanica a Parigi
22650 vensicus, a, um (Hieracium ssp.) del Vallone di Vens, laterale dell'alta Valle della Tinée nel dipartimento francese delle Alpes-Maritimes, luogo del rinvenimento
6076 venósus, a, um (Alchemilla, Astragalus, Ceanothus, Convolvulus, Daphne, Gentiana, Hieracium, Lathyrus, Osmanthus, Peucedanum, Polygala, Saussurea, Seseli, Silene, Viburnum ecc. – Disciotis, Peziza, Russula ecc.) venato, da vena vena: per la presenza di venature
6075 venosulus, a, um (Alchemilla – Mycena, Stereum, Xylaria) da venula, diminutivo di vena vena: dotato di piccole venature
8760 venostorum (Hieracium) dei Venosti, antico popolo alpino stanziato al sud del Passo di Resia, nell'attuale Val Venosta (BZ)
9788 venostanus, a, um (Caloplaca xerica var., Rinodina) della Val Venosta nell'Alto Adige occidentale
22960 vennaevallis (Hieracium ssp.) da Vennatal Val di Venna, località del Tirolo (Austria) a ridosso del confine con l'Italia
21611 venezuelensis, e (Aegiphila, Ateleia, Bactris, Cereus, Cestrum, Cissus, Erigeron, Eupatorium, Pectis, Phytolacca, Portulaca, Senecio, Viola ecc.) del Venezuela, stato dell'America Meridionale
21610 venezuelanus, a, um (Agrostis, Arenaria, Bernardia, Billbergia, Cerastium, Draba, Epidendrum, Stachys, Stellaria, Utricularia, Valeriana ecc.) del Venezuela, stato dell'America Meridionale
6074 vénetus, a, um
  • (Euphorbia – Cortinarius) di color verde mare
  • (Malva, Iris cencialti ssp., Lathyrus, Malva, Peucedanum, Salicornia) di Venetia, regione latina corrispondente all'attuale Veneto: veneto, del Veneto
  • (Centaurea, Hieracium, Ranunculus, Stipa, Trachomitum, Xanthoselinum ecc.Agaricus, Mycena, Polyporus ecc.) da definire
10212 venetianus, a, um (Hieracium – Rhachomyces) di Venetia, regione latina corrispondente all'attuale Veneto: veneto, del Veneto
6331 veneris (Acosta, Campanula, Centaurea, Crocus, Euphorbia, Festuca, Myrtus, Pecten, Peucedanum, Quercus, Salvia, Scilla, Tithymalus, Tulipa – Agaricus, Clitocybe, Cortinarius, Psalliota aestivalis var. ecc.) di Venere, genitivo di Venus, dea dell'amore e della bellezza: di bell'aspetto, degno di adornare Venere
6072 venenósus, a, um (Aloë, Angelica, Caralluma, Cicuta, Delphinium, Diospyros, Echites, Latua, Lithraea, Ocotea, Polygala, Semecarpus, Toxicoscordion ecc.) da venénum veleno: velenoso, avvelenato
6073 venenátus, a, um (Adenia, Alstonia, Barleria, Capparis, Celastrus, Cestrum, Cicuta, Euphorbia, Ficus, Menabea, Moraea, Pavetta, Pervillaea, Rhus ecc.) participio passato di venéno avvelenare: avvelenato e quindi velenoso
21608 venator (Rhododendron) da venor cacciare, andare a caccia: cacciatore, forse perché abbondante in ambienti frequentati da cacciatori
6071 velútipes (Dalea, Dioscorea, Diospyros, Erigeron, Ipomoea, Prunus, Psychotria, Uragoga -Collybia) dal latino scientifico moderno velutinus (vedi) e da pes pedis piede, gambo: con il fusto o gambo vellutato
6070 velútinus, a, um vellutato, dal latino scientifico moderno ve(l)lutum, derivato dal francese velu velluto:
  • (Abutilon, Acacia, Aconitum, Adiantum, Alchemilla, Astragalus, Calceolaria, Campanula, Desmanthus, Draba, Fraxinus, Hieracium/ Pilosella, Lantana, Machilus, Matelea, Opuntia, Persea, Plantago, Potentilla, Ranunculus, Rosa, Rubus, Senecio, Silene, Trigonella ecc. ecc. – Thelidium, Verrucaria) che presenta un indumento simile al velluto
  • (Ceanothus) riferito alla pagina inferiore delle foglie
  • (Thryptomene) riferito all'aspetto dell'ipanzio
  • (Coltricia, Lacrymaria, Lactarius vellereus var.) per la superficie vellutata del cappello
9053 velutinoides (Calceolaria, Lantana, Machilus, Matelea, Persea, Silene, Trigonella – Thelidium, Verrucaria) da velutinus (vedi), epiteto di una qualche specie e dal greco εἶδος eídos aspetto: simile alla specie velutina
9438 velutellus, a, um (Hieracium, Pilosella) diminutivo di velutinus (vedi) vellutato: un poco vellutato oppure come la specie velutina in formato ridotto
14745 Veltheimia [Asparagaceae] genere dedicato a August Ferdinand Graf von Veltheim (1741-1801), mineralologo e geologo tedesco, protettore dei botanici
6069 vélox (Cheiridopsis, Masdevallia, Rubus – Cladosporium, Coprinus, Teratosphaeria, Toxicocladosporium) da velox veloce, rapido: che cresce velocemente
6068 velósus, a, um (Lepanthes – Amanita, Amanitopsis, Macrolepiota ecc.) da vélum vela, tendina: che presenta una sorta di velo
21607 Velloziella [Scrophulariaceae] genere dedicato al botanico brasiliano frate José Mariano da Conceição Vellozo (1742-1811), studioso della flora di Rio de Janeiro, autore di Flora fluminensis
21606 Vellozia [Velloziaceae] genere dedicato al botanico brasiliano frate José Mariano da Conceição Vellozo (1742-1811), studioso della flora di Rio de Janeiro, autore di Flora fluminensis
21605 Vellosiella [Mycosphaerellaceae] genere di funghi dedicato al botanico brasiliano frate José Mariano da Conceição Vellozo (1742-1811), studioso della flora di Rio de Janeiro, autore di Flora fluminensis
6383 velleus, a, um (Acrostichum, Anemia, Aspidium, Cheilanthes, Cosentinia, Dryopteris, Eriosorus, Lastrea, Nephrodium, Notholaena, Odontoglossum, Oncidium, Solanum ecc.) da vellus lana: lanoso
6067 velléreus, a, um (Alchemilla, Aster, Begonia, Coussapoa, Fraxinus, Hieracium, Ligularia, Psychotria, Rhododendron, Senecio ecc. – Lactarius, Lentinus, Polyporus ecc.) da véllus, -eris lana di pecora tosata e prima della filatura: per la presenza di un indumento simile a lana grezza
21603 vellae (Carrichtera) grafia errata per vella (vedi)
21604 vella
  • (Carrichtera) passaggio a epiteto di una pianta prima inserita nel genere Vella (vedi)
  • (Triodia) da vellus lana: riferimento alla lanugine di lemma e palea (da http://ausgrass2.myspecies.info/content/triodia-vella: distinguishing characters…)
9893 Vella [Brassicaceae] latinizzazione di velar, termine celtico per crescione
6066 Velezia [Caryophillaceae] genere dedicato a Velèz (†1753), farmacista e botanico madrileno
13070 velenovskyi, ii (Anchusa, Astragalus, Carex, Carum, Centaurea, Crepis, Cyanus, Euphorbia, Galium, Hieracium, Minuartia, Onosma, Potentilla, Pyrus ×, Thymus, Verbascum, Veronica ecc. – Agaricus, Inocybe, Ramaria, Russula ecc.) in onore di Josef Velenovsky (1858-1949), botanico e micologo della Repubblica Ceca
6065 velenovskyanus, a, um (Digitalis ×, Gagea, Hieracium, Otites, Scabiosa, Silene) in onore di Josef Velenovsky (1858-1949), botanico e micologo della Repubblica Ceca
7270 velebiticus, a, um (Aconitum, Alchemilla, Alyssum, Betonica, Campanula, Degenia, Dianthus, Hieracium, Knautia, Leontodon, Melampyrum, Picea, Rosa, Silene, Stachys, Trifolium, Vesicaria ecc.) del Monte Velebit, in Croazia
6064 velátus, a, um (Aspidium, Astragalus, Campanula, Carduus, Cirsium, Dryopteris, Isoetes, Lastrea, Licania, Passiflora, Polygala, Polypodium, Scirpus, Senecio, Stachys ecc.) da vélum vela, tendina: caratterizzato dalla presenza di una sorta di velo
6063 veláris, e (Rubus – Coprinus) da vélum vela, tendina: caratterizzato dalla presenza di una sorta di velo
21591 veitchianus, a, um
  • (Ceanothus, Rhododendron) in onore alla famiglia di famosi vivaisti inglesi attiva dal XVIII al XX secolo, i cui più noti esponenti furono James James Veitch (1815-1869) e suo figlio John Gould Veitch (1839-1870)
  • (Adiantum, Aspidium, Asplenium, Astragalus, Calathea, Callista, Clematis, Cypripedium, Litsea, Maranta, Oenothera, Primula, Saxifraga ecc.) da definire
11639 Veitchia (Arecaceae] genere dedicato alla famiglia di famosi vivaisti inglesi attiva dal XVIII al XX secolo, i cui più noti esponenti furono James James Veitch (1815-1869) e suo figlio John Gould Veitch (1839-1870)
11640 veitchi, ii
  • (Aerides, Sasa) specie dedicate alla famiglia di famosi vivaisti inglesi attiva dal XVIII al XX secolo, i cui più noti esponenti furono James James Veitch (1815-1869) e suo figlio John Gould Veitch (1839-1870)
  • (Abies, Primula) in onore di John Gould Veitch (1839-1870)
  • (Begonia) in onore del vivaio Veitch & Sons che ricevette questa specie peruviana da R.W.Pearce
  • (Acer, Adiantum, Alsophila, Cheilanthes, Dryopteris, Paeonia, Peucedanum, Picea, Pinus, Polypodium, Potentilla, Seseli ecc.) da definire
9787 vegliensis, e (Astragalus) dell'Isola di Veglia, antico nome latino dell'attuale isola di Krk in Croazia, nei pressi di Fiume
23068 veglianus, a, um (Taraxacum) dell'Isola di Veglia, antico nome latino dell'attuale isola di Krk in Croazia, dove questa specie è abbondante
9965 vegetus, a, um (Astragalus, Borreria, Calamagrostis, Crataegus, Cyperus, Gagea, Hedera, Justicia, Lonicera, Moraea, Populus, Senecio, Taraxacum, Thalictrum, Ulmus, Valeriana ecc.) da vegeo essere vivace, svelto: vivace, vigoroso, sano, forte, vegeto
21590 Vazquezella [Orchidaceae] genere dedicato al Dr. Diego Vazquez (1928-), direttore dell'Orquidario dell'Università di Cuenca, Ecuador (da una relazione degli autori)
21589 vayredae
  • (Polygala) in onore del botanico spagnolo Estanislao Vayreda y Vila (1848-1901)
  • (Aceras, Campanula, Carlina, Chamaebuxus, Galium, Hieracium, Mentha, Polygaloides, Polygonum, Rosa, Xanthium) da definire
13749 vavilovianus, a, um (Avena) in onore del botanico e genetista russo Nikolai Ivanovich Vavilov (1887-1943)
13748 Vavilovia [Fabaceae] genere dedicato al botanico e genetista russo Nikolai Ivanovich Vavilov (1887-1943)
13747 vavilovi, ii (Aegilops, Allium, Arctium, Astragalus, Centaurea, Oxytropis, Pyrus, Scorzonera, Solanum, Thymus, Trifolium, Triticum ecc.) in onore del botanico e genetista russo Nikolai Ivanovich Vavilov (1887-1943)
21588 vauthierianus, a, um (Ebermaiera, Eugenia, Eupatorium, Euphorbia, Gnaphalium, Lepidaploa, Mikania, Myrcia, Staurogyne, Vernonia ecc.) specie dedicate all'artista e illustratore francese Antoine-Charles Vauthier (1790-1850) che collezionò numerose piante e insetti in Brasile
21587 vauthieri, ii (Acinodendron, Baccharis, Cassia, Cladium, Echites, Gesneria, Lippia, Mariscus, Polygala, Psychotria, Seruneum, Uragoga ecc.) specie dedicate all'artista e illustratore francese Antoine-Charles Vauthier (1790-1850) che collezionò numerose piante e insetti in Brasile
21576 Vausagesia [Ochnaceae] anagramma del genere Sauvagesia (vedi), dedica di Henri Ernest Baillon al naturalista e botanico francese François Boissier de la Croix de Sauvages (1706-1767)
21586 Vaupelia [Boraginaceae] genere dedicato al botanico tedesco Friedrich Karl Johann Vaupel (1876-1927)
14112 Vaughania [Fabaceae] genere dedicato al chirurgo e botanico inglese John Vaughan Thompson (1779-1847) che erborizzò nelle Indie occidentali, Guaiana, Australia, Madagascar e Mauritius
9481 vaudensis, e (Echium, Festuca, Melampyrum, Onosma, Salix, Viola ×) del Canton Vaud, cantone con capitale Losanna situato nella parte sud-occidentale della Svizzera
21585 Vaucheria [Vaucheriaceae] genere di alghe dedicato al botanico svizzero Jean Pierre Étienne Vaucher (1763-1841)
6062 vatricósus, a, um (Hieracium – Agaricus, Hebeloma, Inocybe) da vátrax, -acis (grafia alternativa per varix -icis) varice: varicoso, con venature evidenti e rigonfie
21584 Vatkea [Pedaliaceae] genere dedicato al botanico tedesco (Georg Carl) Wilhelm Vatke (1849-1889) che erborizzò in Austria, Germania, Angola e Madagascar
13086 vastus, a, um (Asplenium, Aspidium, Dryopteris, Ficus, Hopea, Millettia, Polypodium, Sagenia, Salvia, Syzygium, Tectaria, Vriesea, ecc.) vasto, smisurato, enorme
11190 vasica (Adhatoda) da basak (derivato dal sanscrito vasaka), nome locale della pianta in bengali
21583 Vaseyochloa [Poaceae] nome composto da Vasey, dedica al botanico agrostologo americano d'origine inglese George S. Vasey (1822-1893) che aveva descritto Melica multinervosa, poi rinominata Vaseychloa multinervosa, e dal greco χλόα chlóa erba: erba dedicata a Vasey
21582 vaseyochloa (Poa) nome composto da Vasey, dedica al botanico agrostologo americano d'origine inglese George S. Vasey (1822-1893) che aveva descritto Melica multinervosa, poi rinominata Vaseychloa multinervosa, e dal greco χλόα chlóa erba: erba dedicata a Vasey
21581 vaseyi, ii
  • (Aristida, Rhododendron, Stipa) in onore del botanico agrostologo americano d'origine inglese George S. Vasey (1822-1893)
  • (Actinea, Aster, Astragalus, Calamagrostis, Carduus, Eupatorium, Euphorbia, Juncus, Opuntia, Peucedanum, Salvia, Senecio, Solidago, Trillium ecc.) da definire
21580 vaseyanus, a, um
  • (Artemisia, Festuca, Quercus) in onore del botanico agrostologo americano d'origine inglese George S. Vasey (1822-1893)
  • (Aira, Lepidium, Muhlenbergia, Panicum, Paspalum, Penstemon, Poa, Seriphidium) da definire
21579 Vaseyanthus [Cucurbitaceae] nome composto da Vasey, dedica al botanico agrostologo americano d'origine inglese George S. Vasey (1822-1893), e dal greco ἄνϑοϛ ánthos fiore: fiore dedicato Vasey
21575 Vaseya [Poaceae] genere dedicato al botanico agrostologo americano d'origine inglese George S. Vasey (1822-1893)
21574 Vaselia [Ochnaceae] anagramma del genere Elvasia appartenente alla stessa famiglia
26834 vascosilvae (Mesembryanthemum x/ Aptenia x) in onore del botanico portoghese Vasco Silva, che ha studiato la naturalizzazione di questo ibrido orticolo lungo la costa del Portogallo centro-occidentale
9177 vasconicus, a, um (Armeria, Avena, Avenochloa, Avenula, Hieracium, Narcissus, Ophrys, Pilosella, Sagina – Xylaria) di Vascona oggi Guascogna, provincia storica del sud-ovest della Francia, alle pendici dei Pirenei
11267 Vasconcellea [Caricaceae] genere dedicato a padre Simao de Vasconcellos (1597-1671), nato in Portogallo ed emigrato in Brasile nel 1615, fu gesuita e scrittore che pubblicò fra altre opere, le Noticias curiosas, facendo conoscere le piante più utili del Brasile
6061 Vascéllum [Agaricaceae] da vascéllum vascello, doppio diminutivo del latino classico vas vaso: per la forma del carpoforo
21573 vartani, ii
  • (Iris) in onore di Kaloost Vartan (1839-1908), medico armeno laureato a Edimburgo che aprì il primo ospedale a Nazareth, nel 1879
  • (Galium, Iridodictyium) da definire
6060 várius, a, um (Aspidium, Astragalus, Bromus, Calamagrostis, Coronilla, Dryopteris, Festuca, Geranium, Hedysarum, Hieracium, Huperzia, Lotus, Lycopodium, Medicago ×, Scirpus, Securigera, Trisetum, Vicia villosa ssp. ecc.) da vário variare, diventare diverso: vario, che si riviene con molteplici aspetti
9934 variopictus, a, um (Colchicum, Cypripedium ×, Eulophia, Tulipa) da varius vario, diverso, mutevole e da pictus dipinto, colorato: variamente colorato
23557 variilobus, a, um (Anthurium, Hieracium ssp., Saussurea) dal varius vario, mutevole e da lobus lobo: per la presenza di lobi di forma variabile
11222 variifurcus, a, um (Hieracium ×) da varius vario, mutevole e da furca forca, forcella: variamente forcato
21572 variifolius, a, um (Aristolochia, Astragalus, Campanula, Centaurea, Cochlearia, Erica, Eryngium, Eupatorium, Grevillea, Oenothera, Pimpinella, Pistacia, Quercus, Senecio, Vincetoxicum ecc.) da varius vario, diverso e da folium foglia: che ha foglie di forme differenti
6059 variícolor
    da várius vario e da cólor colore:
  • (Anthyllis, Arequipa, Canavalia, Corydalis, Hieracium, Lupinus, Morawetzia, Oreocereus, Parodia, Romulea, Rubus, Secamone, Sedum) che cambia colore o di vari colori o variegato
  • (Baptisia) per i fiori che possono essere di vari colori, rossi, gialli, arancioni o blu-violetto
  • (Bolbitius) per i colori variopinti del carpoforo
6058 variegatus, a, um (Aconitum, Agave, Aloë, Asclepias, Aspasia, Biscutella, Bromus, Carex, Delphinium, Dianthus, Digitalis, Equisetum, Euphorbia, Ononis, Orchis, Pedicularis, Salix, Silene ecc. – Biatora, Cortinarius, Lenzites, Melanogaster ecc.) da vario variare, essere di diverso colore: variegato, striato, screziato, variopinto
21571 variegans (Agaricus, Psalliota) da variego essere vario, variegato: tendente a essere striato, screziato, variopinto
6057 variécolor (Aspergillus, Cortinarius, Cristella, Lachnea, Poria, Russula ecc.) dall'avverbio várie variamente e da cólor colore: che cambia colore
6056 váricus, a, um (Carex, Centropogon, Cyperus, Mariscus, Ranunculus – Coprinus, Tettigomyces) da várico divaricare le gambe: divaricato
6055 varicósus, a, um (Barbosella, Crotalaria, Encyclia, Epidendrum, Maxillaria, Oncidium, Pollardia, Restrepia, Senecio, Trochera, Xylobium ecc.) da várix, -icis varice: varicoso, con nervature dilatate
10108 varians (Acacia, Adiantum, Agrostis, Asplenium, Dryopteris, Epipactis, Euphorbia, Lotus, Oxytropis, Poplypodium, Potamogeton, Potentilla, Rosa, Scirpus ecc.) da vario variare, diversificarsi: specie diversa da quelle simili oppure che cambia colore o forma
6054 variábilis, e (Abronia x, Acacia eremophila var./ Racosperma eremophilum var., Acalypha, Acisanthera/ Microlicia/ Rhexia/ Uranthera, Acrostichum, Aegilops/ Triticum, Aegiphila, Agathosma, Agrostis, Amauroderma/ Polyporus, Amorphophallus/ Brachyspatha, Ambrosia, Ammosperma, Amygdalus, Anacampseros/ Avonia, Aneilema pusillum subsp., Anthemis, Anthurium, Antirrhinum, Argyreia, Argostemma lobulatum var., Artemisia, Arundinaria, Asplenium, Aster, Astragalus/ Tragacantha, Astronidium, Asystasia/ Ruellia nome ill., Atraphaxis, Atriplex vesicaria subsp., Bauhinia, Banisteriopsis, Barleria, Begonia, Beilschmiedia, Bejaria, Bellevalia/ Hyacinthus, Besleria, Bignonia nome ill., Biscutella, Bidens, Bomarea, Boronia, Borzicactus, Brassaiopsis, Brunia/ Raspalia, Buddleja, Bulbophyllum, Bupleurum, Burmeistera/ Centropogon, Byrsonima, Calyptranthes/ Chytraculia, Caladenia x/ Arachnorchis ×, Calytrix/ Calycothrix, Camellia compressa var./ C. pitardii var., Canna, Caraipa, Carduus x, Cardamine, Carex, Casearia, Castilleja, Catasetum, Centaurea, Cerastium, Cereus, Chamaedorea, Chenopodium x, Chrysanthemum, Chrysocephalum apiculatum subsp., Cicerbita/ Lactuca, Cirsium, Clarionea, Clematis dioica var., Clematoclethra, Colutea ×, Combretum, Comesperma, Commelina, Conophytum, Convolvulus nome ill., Corokia, Craspedia, Crassula, Cremastra/ Hyacinthorchis, Crepidium/ Malaxis/ Microstylis, Crepis, Crinum/ Amaryllis, Croton, Ctenitis, Cucumis, Cyanothamnus anemonifolius subsp., Cyperus, Cyrtorchis arcuata subsp., Dahlia/ Georgia/ Georgina, Dactylorhiza ×/ Orchis ×, Dalbergaria, Dalbergia, Dalechampia, Deinbollia, Delissea scabra var., Dendrobium, Dendrophthora, Dictyodaphne, Didymocheton, Digitaria, Diglossus, Diosanthos, Diplotaxis, Drabella, Dryopteris, Drypetes, Dysoxylum, Elaeocarpus, Elaphoglossum, Elatostema, Embelia, Epacris, Epilobium, Episcia ×, Eragrostis/ Poa, Eremophila gilesii subsp., Erica, Eriogonum, Erodium ×, Erythraea, Eugenia, Eugeniodes, Eulalia viminea var., Eupatorium, Euphrasia, Euphorbia/ Tithymalus, Fadogia, Ferraria, Ficus, Fimbristylis/ Scirpus, Frenela, Galaxia, Gentiana, Geranium, Globba, Gloxinia, Gnidia/ Arthrosolen, Gonolobus, Grammitis/ Alansmia/ Polypodium/ Terpsichore, Grevillea, Grewia, Gurania, Gymnopteris, Gymnosporia/ Celastrus/ Maytenus, Kielmeyera/ Bonnetia, Knautia, Habenaria, Habranthus, Haworthiopsis/ Haworthia, Helianthemum, Heliophila, Hieracium, Hibiscus, Homoianthus/ Perezia, Hyalosperma/ Helipterum, Hydriastele/ Adelonenga/ Nenga, Hymenocalyx, Hyparrhenia, Hypericum patulum subsp., Hypselandra/ Boscia/ Bosciopsis/ Niebuhria, Incarvillea, Indigofera, Ipomoea/ Convolvulus, Iris, Jatropha, Jurinea, Jussiaea, Justicia, Kengyilia hirsuta var., Laburnum, Lampranthus, Lastrea, Lathyrus/ Orobus, Leandra, Ledermanniella/ Inversodicraea, Leichhardtia/ Marsdenia, Lepanthes, Lepisorus/ Platigyria/ Pleopeltis, Leptospermum, Libadion, Lindsaea, Litsea, Lockhartia, Lomariopsis/ Lomaria/ Olfersia/ Onoclea/ Stenochlaena, Loxanthocereus, Luzula, Lysipomia, Macaranga quadriglandulosa var., Mammillaria, Matucana, Maxillaria/ Maxillariella, Meeboldia, Melanthesopsis, Memora, Mesanthemum, Mesembryanthemum, Miconia, Microsorum/ Phymatodes/ Phymatosorus, Mikania, Molinia/ Melica, Montia, Moraea, Mormodes, Muellera/ Lonchocarpus, Muhlenbergia tenuiflora subsp., Mullaghera, Mussaenda, Myosotis, Myrcia/ Aulomyrcia, Myriocladus, Myrsine/ Heurlinia/ Rapanea, Nephelium, Nephrodium, Noronhia, Oberonia, Ocotea/ Oreodaphne, Odontorrhynchus, Oligosporus, Oxalis/ Acetosella, Paepalanthus, Pandanus, Paris, Parsonsia, Paspalum/ Dimorphostachys, Pavonia, Pennisetum, Pentanisia/ Crusea, Peperomia, Penstemon, Petalidium/ Pseudobarleria, Petunga, Petunia, Phyllostachys glauca var., Phillyrea, Photinia, Phylica, Phyllostegia, Phymatosorus, Phlox, Pinus, Piper, Plantago, Pleonotoma/ Alsocydia/ Bignonia, Pleurothallis/ Acronia, Podalyria, Poinsettia, Polygala, Polymnia, Polymniastrum, Potentilla, Pourthiaea, Primula, Prunella x, Prunus/ Cerasus, Pseuderanthemum / Eranthemum/ Siphoneranthemum, Psidium, Psilocaulon, Pterocelastrus, Pulmonaria, Pyrus, Quercus/ Pasania, Ranunculus, Rubus, Ruellia, Ruizia, Sagittaria, Salix gooddingii var., Salpiglossis, Salvia, Schaueriopsis, Schoenus/ Tetraria, Senecio, Sesleria, Smilax, Solanum, Sphaeralcea, Sphaeranthus, Statice, Stenopadus, Stereospermum, Stigmaphyllon martianum var., Stipa/ Austrostipa, Streptocarpus, Strychnos, Sulcorebutia frankiana var., Swertia, Symplocos, Syzygium, Taccarum, Tamarix, Taraxacum, Tectaria/ Aspidium/ Polydictyum, Thelasis, Thymus, Thunbergia, Tillandsia, Tribonanthes, Trachydium, Trichinium, Trisetum, Tuberaria, Uvaria, Valeriana, Vellozia, Verbena, Verbesina, Vicia, Viguieranthus, Viola, Wahlenbergia, Willoughbya, Wrightia hainanensis var., Wurmbea -Acantholichen, Agaricus, Alectoria, Amandinea, Amanita/ Amplariella, Amauroderma/ Fomes/ Ganoderma, Anthostomella, Anthracoidea/ Cintractia, Apophysomyces, Arthonia, Arthothelium, Aspergillus, Astrothelium, Bacidia, Backusella/ Mucor, Basipetospora, Bipolaris, Brevilegnia, Brevistachys, Bryopelta, Bryopogon, Bryoria, Buellia, Bulleribasidium/ Bullera, Byssolecania, Cadophora, Cairneyella, Callopisma, Calocera, Calonectria/ Cylindrocladium, Caloplaca, Camarosporium, Canalisporium, Candida, Cantharellus, Catenophlyctis/ Entophlyctis/ Phlyctorhiza, Chaetocypha, Chaetomium silvaticum var., Chaetoplea/ Strickeria/ Teichospora, Chaetostylum fresenii var., Chytridiopsis, Cladosporium/ Davidiella/ Heterosporium, Claudopus sphaerosporus var., Clavochytridium/ Blastocladiella/ Rhopalomyces, Bulbothamnidium pulchrum var., Bulleribasidium/ Mingxiaea, Clitocybe, Coccidophthora, Colletotrichum, Collybia, Comatricha, Conidiobolus, Coniosporium, Corynesporopsis, Crepidopus, Crepidotus/ Claudopus/ Dochmiopus/ Hyporrhodius/ Octojuga, Cribraria, Crotalia, Curvularia, Cylindrocladiella, Cylindrosympodium/ Subulispora, Daedalea, Dendrophoma, Dendryphiella, Dictyochaeta, Dictyuchus, Didymella, Didymosphaeria/ Paraconiothyrium, Discella, Discula, Drepanopeziza, Echinochlamydosporium, Endococcus, Endophragmiella, Entoloma, Entyloma, Erynia/ Empusa/ Entomophthora, Epicoccum, Epidermophyton, Erysiphe/ Uncinula, Eucantharomyces, Exidia, Flabellophora, Galerina cedretorum var., Gelasinospora, Genea, Geoglossum difforme var., Geranomyces/ Entophlyctis/ Powellomyces, Fusicladium, Geotrichum, Gerwasia/ Mainsia/ Morispora/ Spirechina/ Uromyces, Gliomastix, Gloeosporidiella/ Gloeosporium, Grahamiella/ Crocicreas, Graphium, Gymnosporium, Gyroporus, Heliocephala, Helotium, Hendersonia, Heteroacanthella, Hexagonia, Huea/ Blastenia/ Lecidea, Humicola, Hyaloscypha/ Meliniomyces, Hygrophorus, Hymenopellis/ Oudemansiella/ Xerula, Hyperphyscia, Hyphozyma, Hypocrea, Hysterium, Hysterographium, Inapertisporites, Isthmolongispora, Japewiella, Laboulbenia, Lecanora, Lecanosticta, Leccinum/ Krombholziella, Lecidea, Lentaria, Lentinus, Leptodophora, Leptosphaeria, Licea/ Tubulina, Lobatopedis, Lophiostoma, Malmidea, Marasmius, Melanoleuca, Metapochonia, Microascus, Micropeltis, Microsphaera, Monilia, Mycoleptodiscus, Mycosphaerella, Myrothecium, Myxobotrys, Navicella, Nectria, Neocallimastix, Neocucurbitaria, Neogloea/ Helicogloea, Neofusicoccum, Neolentinus, Nigrolentilocus/ Pseudospiropes, Nitschkia, Nothophoma, Nummularia punctatobrunnea var., Oblongocollomyces/ Sphaeropsis, Ochroconis, Octospora, Oospora, Ophiocordyceps/ Cordyceps, Paecilomyces, Palaeocurvularia, Panaeolus, Parachnopeziza, Paraphoma, Patellaria, Perichaena, Peroneutypa, Peronospora, Pertusaria/ Lepra, Peziza, Phaeochaetia, Philonectria, Phlyctochytrium, Phomopsis/ Phlyctema, Phyllosticta, Physarum, Placodium, Polyporus, Polyschema, Pouzarella, Proteomyces, Pseudoanungitea, Pseudocercospora, Pseudoplagiostoma, Puccinia/ Dicaeoma, Pyrenochaetina, Pyrenodesmia/ Caloplaca/ Callopisma/ Chaetothyrium/ Collema/ Lecanora radiosa var./ Lichen/ Parmelia/ Patellaria/ Placodium/ Psora/ Zeora, Pyrenophora, Pyricularia, Raffaelea, Ramalina, Ramularia/ Ovularia, Rhexoprolifer, Rhizidium, Rhizoglomus, Rhizomucor, Rhizophagus, Rhizophlyctis, Rhizosphaerina, Romellina, Sagrahamala, Saprolegnia, Schistophoron, Schizophyllum, Schizoplasmodiopsis, Scolecobasidium, Septochytrium, Septofusidium/ Penicillifer, Septotrichum, Siphonaria, Sphaeria, Sphaerocladia, Sphaerostilbe, Sporormia, Stachybotrys, Stachylidium, Stegonsporium, Stemphylium, Stenella, Sterigmatocystis, Sticta/ Lichen/ Lobaria/ Stictina, Stypella, Submersispora, Synchytrium, Talaromyces/ Penicillium, Tasmidella, Tephromela, Thelidium, Toxoglugea, Trichaptum, Trichia, Trichoglossum, Trichosporon, Trichosporum, Trigonopsis, Trimmatostroma, Trinacrium, Tripospermum, Typhula, Usnea, Vainionora, Vampyrella, Xylaria, Zeora, Zoophthora) da vario variare, diversificarsi: variabile, che assume forme diverse, mutevoli
21570 Vargasiella [Orchidaceae] genere dedicato al botanico peruviano (Julio) César Vargas Calderón (1903-2002), professore dell’Universidad Nacional del Cusco, che condusse estese esplorazioni botaniche nel suo paese e in altri paesi andini, creando l’importante Herbario Vargas
21569 vargasianus, a, um (Achyrocline vargasiana/ Gnaphalium saturejoides var., Anemopaegma/ Bignonia/ Cydista, Critoniella/ Eupatorium, Ptychotis) in onore del medico, scienziato, didatta e uomo politico venezuelano José Maria Vargas (1786-1854): dopo un periodo d’esilio, in parte trascorso in Europa ad approfondire gli studi scientifici, tornò in patria ed esercitò la professione medica e divenne professore di anatomia all’Università di Caracas; divenutone rettore con l’avvento di Bolivar, riformò l’insegnamento universitario e fondò la Società medica di Caracas; dal 1835 al 1836 fu per breve tempo presidente della Repubblica, per poi ritornare all’insegnamento. Tra i suoi molteplici interessi scientifici, si occupò anche di botanica, studiando la flora venezuelana; fu corrispondente di de Candolle
(Barbaceniopsis/ Barbacenia/ Xerophyta, Cereus, Clibadium, Desmodium, Diogenesia, Eccremocarpus, Fuchsia, Ipomoea, Lupinus, Pentacalia/ Gynoxys, Pitcairnia, Puya, Tropaeolum) in onore del botanico peruviano (Julio) César Vargas Calderón (1903-2002), professore dell’Universidad Nacional del Cusco, che condusse estese esplorazioni botaniche nel suo paese e in altri paesi andini, creando l’importante Herbario Vargas
(Grammitis/ Lellingeria) in onore di Lourdes Vargas, coordinatrice di ricerca dell’Area di Conservazione Marina di Cocos Island
(Magnolia) in onore di Julio Cesar Vargas Burgos, rettore della Universidad Estatal Amazónica, Ecuador
(Notopleura) in onore del botanico ecuadoregno Homero Vargas che raccolse l’esemplare tipo
21568 Vargasia [Sapindaceae] genere dedicato da C.L.G. Bertero al medico, scienziato, didatta e uomo politico venezuelano José Maria Vargas (1786-1854): dopo un periodo d’esilio, in parte trascorso in Europa ad approfondire gli studi scientifici, tornò in patria ed esercitò la professione medica e divenne professore di anatomia all’Università di Caracas; divenutone rettore con l’avvento di Bolivar, riformò l’insegnamento universitario e fondò la Società medica di Caarcas; dal 1835 al 1836 fu per breve tempo presidente della Repubblica, per poi ritornare all’insegnamento. Tra i suoi molteplici interessi scientifici, si occupò anche di botanica, studiando la flora venezuelana; fu corrispondente di de Candolle
[Asteraceae] nome illegittimo, genere dedicato allo stesso José Maria Vargas da de Candolle
[Marcgraviaceae] nome illegittimo, genere dedicato allo stesso José Maria Vargas da A. Ernst
26871 vargasi, ii (Adenostemma, Asplenium, Ayapanopsis, Ayenia/ Byttneria, Besleria, Bomarea, Botrychium, Caiophora, Cardenanthus, Cleistes/ Pogonia, Clinopodium/ Satureja, Cordia, Costus, Cranichis calva var., Cuphea, Dalea pazensis var., Delostoma, Dendrophorbium/ Senecio, Dioscorea, Fernandezia, Fleischmannia, Epidendrum, Eriotheca/ Bombax, Gentianella, Gochnatia, Gorgonidium, Guevaria/ Piqueria, Ismene/ Hymenocallis/ Pseudostenomesson, Liabum, Liparis, Masdevallia/ Alaticaulia, Matelea, Meriania, Miconia, Mikania, Monnina, Oxalis, Nasa/ Loasa, Nassella/ Stipa, Nototriche, Pereskia, Phoradendron, Salvia, Satyria, Senna/ Cassia, Sicyos, Stelis/ Crocodeilanthe/ Pleurothallis, Solanum, Suessenguthia, Telipogon, Varronia, Vernonia, Xanthosoma) in onore del botanico peruviano (Julio) César Vargas Calderón (1903-2002), professore dell’Universidad Nacional del Cusco, che condusse estese esplorazioni botaniche nel suo paese e in altri paesi andini, creando l’importante Herbario Vargas
(Aspidosperma/ Macaglia, Capsicum/ Brachistus/ Fregirardia, Clibadium, Gesneria/ Rechsteineria, Triplaris caracassana var.) in onore del medico, scienziato, didatta e uomo politico venezuelano José Maria Vargas (1786-1854): dopo un periodo d’esilio, in parte trascorso in Europa ad approfondire gli studi scientifici, tornò in patria ed esercitò la professione medica e divenne professore di anatomia all’Università di Caracas; divenutone rettore con l’avvento di Bolivar, riformò l’insegnamento universitario e fondò la Società medica di Caracas; dal 1835 al 1836 fu per breve tempo presidente della Repubblica, per poi ritornare all’insegnamento. Tra i suoi molteplici interessi scientifici, si occupò anche di botanica, studiando la flora venezuelana; fu corrispondente di de Candolle
(Baccharis, Pitcairnia) in onore del raccoglitore, il botanico boliviano Israel G. Vargas Caballero
(Chionanthus, Lepanthes) in onore del botanico e biologo colombiano William G. Vargas, che ha raccolto esemplari di questa specie e ha studiato i boschi subandini del Quindío e delle regioni adiacenti
(Huntleya) in onore della vivaista Antonieta Vargas P., esperta coltivatrice della flora delle foreste umide del Perù, che per prima raccolse e coltivò questa specie
(Sulcorebutia/ Weingartia)in onore dello scopritore, Israel R. Vargas
(Echinocactus) senza indicazioni nel protologo; possibile omaggio a José Maria Vargas
(Fraxinus) da definire
23343 varellanus, a, um (Hieracium grovesianum subsp.) errata trascrizione del toponimo Rio Garella, rivo che nasce da un monte dell'Alpe di Seno, nei pressi del borgo di Valdinferno, e costituisce il maggior affluente del Rio Parone: riferimento alla località dei primi ritrovamenti
7386 vardjanii (Gentiana) in onore di Miran Vardjan (1919-2005), professore emerito nel Dipartimento di Biologia presso la Facoltà di Biotecnologie dell'Università di Lubiana
6053 Varária [Lachnocladiaceae] da várus foruncolo, bollicina, pustoletta: che presenta pustolette
6052 vaporárius, a, um (Agaricus/Psalliota, Boletus/ Cariolellus/ Cariolus, Lentinus/ Panus/ Physisporus/ Pocillaria/ Polyporus/ Poria/ Tyromyces, Morchella, Reticularia, Rhizina, Sclerotium, Stilbum/ Botryonipha, Xylaria/ Podosordaria) da vaporarium luogo riscaldato con il vapore: dei luoghi caldi e umidi
6872 vapincensis, e (Bupleurum, Prunus) da Vapicum, antico nome latino della regione francese di Gapençais nel dipartimento delle Alti Alpi che prende il nome da Gap, suo capoluogo
6051 vápidus, a, um (Agaricus lenticularis var., Lepiota) da vápor vapore: svaporato, svampito, quindi insipido
21567 vaombe (Aloë) dal nome vernacolare di questa pianta nel Madagascar (vahombe o vahombre)
21566 Vanvoorstia [Delessariaceae] genere di alghe dedicato da Harvey all'editore inglese John Van Voorst (1804-1898), specializzato nella pubblicazione di libri di scienze naturali, che lavorò con quasi tutti i principali naturalisti del suo tempo, pubblicando oltre 200 titoli e riviste specializzate, tra cui The Zoologist
21565 vanvlieti, ii (Echeveria, Notocactus) in onore del botanico olandese Dirk Jan van Vliet (1924-2017), specialista di Cactaceae, in particolare del genere Notocactus, che erborizzò in Bolivia, Uruguay, Argentina e Brasile, dove emigrò aprendo un vivaio specializzato in felci
21564 vanuatensis, e (Lotus anfractuosus var., Hoya, Phreatia, Tmesipteris) dell'Arcipelago delle Vanuatu, nell'Oceano Pacifico
21563 Vantieghemia [Piptocephalidaceae] genere di funghi dedicato al botanico francese Philippe Édouard Léon Van Tieghem (1839-1914), docente al Museo di storia naturale di Parigi dal 1879 al 1900 e all'Istituto nazionale di agronomia dal 1900, noto per il suo Trattato di botanica
21562 vankyorum (Uromyces) specie di funghi dedicata al micologo ungherese Kálmán Vánky (1930-) e a sua moglie Christine nata Menge (1965-) che raccolsero esemplari di Ustilaginomycetes in Europa, Argentina, Australia, Bali, Cile, Ecuador, India, Malawi, Papua New Guinea, Reunion, Sudafrica, Venezuela, Zambiae Zimbabwe
21554 vankyi (Anthracoidea, Macalpinomyces, Orphanomyces, Tilletia) specie di funghi dedicate al micologo transilvano di lingua ungherese Kálmán Vánky (1930-2021), che lavorò in Romania, Svezia, Germania; con i suoi oltre 230 lavori scientifici e il suo estesissimo erbario, raccolto in cinquant’anni di attività, è considerato la massima autorità per i funghi Ustilaginomycetes
21553 Vankya [Urocystidaceae] genere di funghi dedicato al micologo transilvano di lingua ungherese Kálmán Vánky (1930-2021), che lavorò in Romania, Svezia, Germania; con i suoi oltre 230 lavori scientifici e il suo estesissimo erbario, raccolto in cinquant’anni di attività, è considerato la massima autorità per i funghi Ustilaginomycetes
21552 Vaniotia [Gesneriaceae] genere dedicato al botanico gesuita francese Eugène Vaniot (1846-1913), descrittore con il vescovo Augustin Abel Hector Léveillé di numerose piante
12213 Vanilla [Orchidaceae] dal nome comune spagnolo vainilla piccolo legume, diminutivo di vaina legume, baccello, derivato a sua volta da vagina guaina
7898 vanhouttei, ii
  • (Platysepalum, Quesnelia, Spiraea, Uapaca ecc.) in onore del botanico e orticultore belga Louis Benoît Van Houtte (1810-1876); inizialmente impiegato al ministero delle finanze, nel 1832 fondò il mensile l’Horticulteur belge e aprì un negozio di sementi; la morte della moglie lo spinse ad andare in Brasile come cacciatore d’orchidee, con risultati così importanti che al suo ritorno fu nominato direttore dell’orto botanico di Bruxelles. Nel 1839 fondò nei pressi di Gand un vivaio che divenne uno dei più importanti d’Europa, specializzato sia nell’introduzione di piante tropicali sia nella creazione di nuovi ibridi di piante da giardino, tra cui in particolare rose, azalee, Iris e Gesneriaceae. Dal 1845 pubblicò la splendida rivista illustrata Flore des serre et des Jardins de l'Europe, poi continuata dal figlio fino al 1888
    (Alocasia, Imatophyllum, Iris ×, Quesnelia, Zamia) piante introdotte dagli stabilimenti van Houtte, all’epoca diretti da Louis van Houtte figlio
    (Acioa, Andropogon nsoki var., Platysepalum, Uapaca) in onore del raccoglitore belga Auguste Van Houtte che nel primo decennio del Novecento fece raccolte in Congo
26869 vanhoutteanus, a, um (Aechmea/ Echinostachys/ Macrochordion/ Pothuava/ Quesnelia, Cypripedium x, Grevillea, Nephrosperma/ Oncosperma) in onore del botanico e orticultore belga Louis Benoît Van Houtte (1810-1876); inizialmente impiegato al ministero delle finanze, nel 1832 fondò il mensile l’Horticulteur belge e aprì un negozio di sementi; la morte della moglie, lo spinse ad andare in Brasile come cacciatore d’orchidee, con risultati così importanti che al suo ritorno fu nominato direttore dell’orto botanico di Bruxelles. Nel 1839 fondò nei pressi di Gand un vivaio che divenne uno dei più importanti d’Europa, specializzato sia nell’introduzione di piante tropicali sia nella creazione di nuovi ibridi di piante da giardino, tra cui in particolare rose, azalee, Iris e Gesneriaceae. Dal 1845 pubblicò la splendida rivista illustrata Flore des serre et des Jardins de l'Europe, poi continuata dal figlio fino al 1888
(Alocasia ×) ibrido orticolo prodotto negli stabilimenti van Houtte, all’epoca diretti da Louis van Houtte figlio
21551 Vanhouttea [Gesneriaceae] genere dedicato al botanico e orticultore belga Louis Benoît Van Houtte (1810-1876); inizialmente impiegato al ministero delle finanze, nel 1832 fondò il mensile l’Horticulteur belge e aprì un negozio di sementi; la morte della moglie lo spinse ad andare in Brasile come cacciatore d’orchidee, con risultati così importanti che al suo ritorno fu nominato direttore dell’orto botanico di Bruxelles. Nel 1839 fondò nei pressi di Gand un vivaio che divenne uno dei più importanti d’Europa, specializzato sia nell’introduzione di piante tropicali sia nella creazione di nuovi ibridi di piante da giardino, tra cui in particolare rose, azalee, Iris e Gesneriaceae. Dal 1845 pubblicò la splendida rivista illustrata Flore des serre et des Jardins de l'Europe, poi continuata dal figlio fino al 1888
21549 Vanderystiella [Ascomycota] [Ascomycota] genere dedicato al sacerdote belga Hyacinthe Julien Robert Vanderyst (1860-1934), missionario in Congo, antropologo, agronomo e botanico specialista in Poaceae
21548 Vanderystia [Sapotaceae] genere dedicato al sacerdote belga Hyacinthe Julien Robert Vanderyst (1860-1934), missionario in Congo, antropologo, agronomo e botanico specialista in Poaceae
21550 vanderwerffi, ii (Asplenium, Cryptocarya, Elaphoglossum, Fernandezia, Geissanthus, Lachnostoma, Maxillaria/ Inti, Mezilaurus, Ocotea/ Cinnamomum, Persea, Pteridrys, Sciodaphyllum/ Schefflera, Symplocos) in onore del botanico olandese Hendrik Hessel ('Henk') van der Werff (1946-), professore associato dell’università del Missouri, specialista di Lauraceae
18959 vandermerwei (Aloë, Delosperma, Eucomis, Euphorbia) in onore del medico sudafricano Frederick Ziervogel van der Merwe (1894-1968), ispettore sanitario delle scuole di Traansvaal e Natal, botanico dilettante specialista dei generi Aloe e Scilla che raccolse piante in Sud Africa e Mozambico
(Drosanthemum, Gladiolus/ Antholiza/ Homoglossum e probabilmente Cephalophyllum, Ferraria) in onore del non meglio noto raccoglitore sudafricano N.J.S. van der Merwe che raccolse piante nell’aera di Swellendam in Sud Africa verso la fine degli anni ’20 del Novecento
11638 vandermeeschii (Pandanus) in onore del medico e botanico belga Émile Charles Joseph Désiré Van der Meersch (o Vandermeersch, 1840-1899) che raccolse piante in Vietnam
6050 Vandenboschia [Hymenophyllaceae] genere dedicato al botanico pteridologo olandese Roelof Benjamin van den Bosch (1810-1862), che pubblicò tra l’altro studi sui muschi e sulle felci di Giava
21547 vandellianus, a, um (Dictyoloma, Hortia, Lafoensia, Solanum) specie dedicate al naturalista e botanico italiano Domenico Agostino Vandelli (1735-1816); laureatosi a Padova, si fece conoscere con uno studio sulle acque termali di Abano che gli valse l’apprezzamento di Linneo, il cui sistema poi applicò nella sua relazione sull’area del lago di Como, esplorata con il botanico Giulio Mattiazzi. Invitato in Portogallo dal marchese di Pombal, fondò l’orto botanico di Ajuda, il primo del paese; docente di chimica e storia naturale all’Università di Lisbona, insegnò per un certo periodo anche a Coimbra, creando anche qui un orto botanico in collaborazione con Mattiazzi. Fu anche socio fondatore dell’Accademia delle Scienze e consigliere privato del reggente. In seguito ai rivolgimenti politici dell’età napoleonica, in tarda età subì un periodo di esilio nelle Azzorre. Tra i suoi molti contributi in campi diversi, la descrizione delle piante brasiliane raccolte dal suo allievo padre Vellozo
6048 Vandellia [Linderniaceae] genere dedicato al naturalista e botanico italiano Domenico Agostino Vandelli (1735-1816); laureatosi a Padova, si fece conoscere con uno studio sulle acque termali di Abano che gli valse l’apprezzamento di Linneo, il cui sistema poi applicò nella sua relazione sull’area del lago di Como, esplorata con il botanico Giulio Mattiazzi. Invitato in Portogallo dal marchese di Pombal, fondò l’orto botanico di Ajuda, il primo del paese; docente di chimica e storia naturale all’Università di Lisbona, insegnò per un certo periodo anche a Coimbra, creando anche qui un orto botanico in collaborazione con Mattiazzi. Fu anche socio fondatore dell’Accademia delle Scienze e consigliere privato del reggente. In seguito ai rivolgimenti politici dell’età napoleonica, in tarda età subì un periodo di esilio nelle Azzorre. Tra i suoi molti contributi in campi diversi, la descrizione delle piante brasiliane raccolte dal suo allievo padre Vellozo
6049 vandelli, ii (Androsace/ Aretia, Angeja, Barbacenia, Bragantia, Galvania, Justicia, Marcielia, Mayaca, Saxifraga/ Chondrosea, Urceola) specie dedicate al naturalista e botanico italiano Domenico Agostino Vandelli (1735-1816); laureatosi a Padova, si fece conoscere con uno studio sulle acque termali di Abano che gli valse l’apprezzamento di Linneo, il cui sistema poi applicò nella sua relazione sull’area del lago di Como, esplorata con il botanico Giulio Mattiazzi. Invitato in Portogallo dal marchese di Pombal, fondò l’orto botanico di Ajuda, il primo del paese; docente di chimica e storia naturale all’Università di Lisbona, insegnò per un certo periodo anche a Coimbra, creando anche qui un orto botanico in collaborazione con Mattiazzi. Fu anche socio fondatore dell’Accademia delle Scienze e consigliere privato del reggente. In seguito ai rivolgimenti politici dell’età napoleonica, in tarda età subì un periodo di esilio nelle Azzorre. Tra i suoi molti contributi in campi diversi, la descrizione delle piante brasiliane raccolte dal suo allievo padre Vellozo
21546 Vandasia [Fabaceae] genere dedicato al botanico ceco Karel (Karl) Vandas (1861-1923), professore e rettore dell’Università tecnica di Brno; fece spedizioni botaniche nei Balcani, morendo a Skopje nel corso dell’ultima
21545 vandasi, ii (Achillea x, Anthriscus, Armeria, Astragalus, Bellis, Centaurea, Chamaecytisus ratisbonensis var., Cirsium, Crepis, Dianthus, Erigeron x, Hieracium, Meum, Muscari, Pseudolysimachion/ Veronica, Seseli, Silene, Thesium x, Thymus, Trimorpha, Verbascum, Viola) in onore del botanico ceco Karel (Karl) Vandas (1861-1923), professore e rettore dell’Università tecnica di Brno; fece spedizioni botaniche nei Balcani, morendo a Skopje nel corso dell’ultima
26866 Vanda [Orchidacee] nome ricavato dall'orientalista Sir William Jones da vandāka, nome sanscrito di Vanda tessellata (di etimo ignoto)
21544 Vancouveria (Berberidaceae] genere di piante endemiche dell'America nord-occidentale dedicato al capitano George Vancouver (1757-1798) della Royal Navy britannica che esplorò le coste nord-occidentali dell'America Settentrionale
21543 vanbaleni, ii (Aloë) in onore del giardiniere sudafricano d’origine olandese Jan C. van Balen (1894-1956), che lavorò in vari giardini sudafricani fino a diventare responsabile di tutti i giardini statali del Sudafrica come Sovrintendente dei giardini della pubblica amministrazione; come direttore dei parchi di Johannesburg diresse la creazione di un giardino di piante indigene denominato The Wilds
(Lepanthes) in onore dell’olandese Theo Van Balen di Haelen che importò questa specie dal Perù
21542 vampirus, a, um (Masdevallia) per il fiore di colore nerastro e rosso e somigliante a un pipistrello di questa orchidea originariamente inserita nel genere Masdevallia
(Dracula) recupero dell'epiteto di quando questa orchidea era inserita nel genere Masdevallia, ulteriormente ribadito nel nome generico (vedi)
13355 valverdensis, e (Aeonium/ Sempervivum) di Valverde, capoluogo dell'isola El Hierro (Isola del Ferro), la più piccola e sud-occidentale dell'arcipelago delle Isole Canarie, Oceano Atlantico
8777 valvatus, a, um da valvae battenti d'una porta: provvisto di valve, ovvero con un organo unito solo ai margini che alla deiscenza si apre come i battenti di una porta, ma più frequentemente con organi (foglie o parti del fiore) i cui margini sono strettamente accostati senza sovrapporsi
(Actinidia, Diplopterys/ Banisteriopsis, Uvaria) per i sepali accostati
(Agrostis) per le glume con valve bilineari (Begonia) per i tepali dei fiori maschili notevolmente accostati nella fase giovanile
(Chonemorpha, Eugenia, Genianthus, Justicia) per i lobi del calice accostati ma non sovrapposti
(Echeveria) per i petali valvati in boccio
(Hymenophyllum/ Sphaerocionium) per l’involucro (indusio) profondamente bivalve
(Juncus) per le foglie con i margini che si accostano senza sovrapporsi
(Leandriella) per la coppia di brattee concave, coriacee, valvate
(Secamone) per i lobi della corolla
11357 valsecchii (Dipsacus) specie dedicata alla Prof.ssa Franca Valsecchi (1931-2020), docente di Botanica presso l'Università di Sassari, Presidente della Società Sarda di Scienze Naturali, studiosa della flora sarda e importante punto di riferimento nel dibattito sulla tutela ambientale in Sardegna
6882 valsecchiae (Silene, Genista) specie dedicate alla Prof.ssa Franca Valsecchi (1931-2020), docente di Botanica presso l'Università di Sassari, Presidente della Società Sarda di Scienze Naturali, studiosa della flora sarda e importante punto di riferimento nel dibattito sulla tutela ambientale in Sardegna
23329 valpergae (Hieracium glaucinum subsp.) dei dintorni di Valperga, comune piemontese della città metropolitana di Torino, situato nella zona del Canavese, luoghi dei primi ritrovamenti
11191 Valota [Amaryllidaceae] variante grafica di Vallota (vedi), usata da Dumortier
[Poaceae] nomen rejicendum, genere creato da Adanson, senza spiegazioni nel protologo; l’autore non amava i nomi celebrativi, ma potrebbe trattarsi di un omaggio al pittore, incisore e ricamatore francese (Brodeur du Roi) Pierre Vallet (ca. 1575 - 1657), specializzato in modelli da ricamo di soggetto floreale, che divenne il primo pittore botanico della corte francese e illustrò i florilegi di Jean Robin Le Jardin du Roy très Chrestien Henry IV e Jardin du Roy très Chrestien Loys XIII, nonché Canadensium plantarum di J. P. Cornut. Nella prima parte di Familles des Plantes, in effetti l’artista è citato tra le fonti come “Vallet brodeur”
8884 valoddae (Hieracium) della Val Odda nella Haute Savoie, Francia
26864 Vallota [Amaryllidaceae] genere dedicato da Salisbury al medico francese Antoine Vallot (1594-1671), medico della regina madre Anna d'Austria, quindi protomedico di Luigi XIV e come tale sovrintendente del Jardin du Roi, che rilanciò dopo un lungo periodo di semi-abbandono, affidando l'incarico di dimostratore di botanica a Vespasien Robin e, alla morte di questi, a Denis Joncquet, e inviando nel Midi Guy-Denis Fagon a cercare piante per rimpolpare le collezioni
7637 valloneus, a, um (Quercus) originario della città albanese di Valona
10577 vallistellinae (Sanguisorba) della Valtellina, bacino idrico del fiume Adda a monte del Lago di Como
21502 vallisneriifolius, a, um (Butomus umbellatus var., Pinguicula, Sagittaria sagittifolia var.) dal genere Vallisneria (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle della Vallisneria
6047 Vallisneria [Hydrocharitaceae] genere dedicato da Linneo al medico, naturalista e botanico italiano Antonio Vallisneri (o Vallisnieri, 1661-1730); allievo di Malpighi, insegnò medicina a Padova per un ventennio. E’ considerato uno dei maggiori esponenti della tradizione galileiana tra Sei e Settecento, con studi che spaziano dalla medicina all’anatomia comparata, dell’entomologia all’embriologia, delle scienze della Terra alla lessicografia
23510 vallisiacus, a, um (Hieracium) da Valesia, nome latino dell'attuale Cantone Vallese (Valais, Wallis), situato nelle Alpi Pennine in Svizzera
21541 vallis-tellinae (Bilimbia) della Valtellina, bacino idrico del fiume Adda a monte del Lago di Como
7539 vallis-regiae (Pinguicola) della Vallis Regia, antico nome dell'Alta Valle del Sangro durante il medioevo
11009 vallis-nibulae (Taraxacum) latinizzazione della Valdinievole in provincia di Pistoia, Toscana
26863 vallis-mariae (Lithops/ Dinteranthus/ Mesembryanthemum) della città di Mariental (in lat. Vallis Mariae) in Namibia
6046 vallis-demonis (Colchicum, Juncus, Pyrus, Scleranthus) del Valdèmone, antico nome della porzione nord-orientale della Sicilia, più o meno coincidente con l'attuale provincia di Messina, zona montuosa che nulla ha che fare con valli e demoni
24353 vallis-demonii (Cirsium) del Valdèmone, antico nome della porzione nord-orientale della Sicilia, più o meno coincidente con l'attuale provincia di Messina, zona montuosa che nulla ha che fare con valli e demoni
25957 vallis-cembrae (Rubus) genitivo della latinizzazione della Val di Cembra, situata sulla sinistra idrografica del fiume Adige in Trentino e percorsa dal torrente Avisio, località del primo ritrovamento
26711 vallinoana (Euphorbia) in onore del Dott. Filippo Vallino (1847-1916), medico a Leinì (TO) e appassionato botanico, che esplorò la flora piemontese e in particolare la Vauda canavesana; nel 1900 in Val Macra (Alpi Cozie) fu il primo raccoglitore di questo taxon
6045 vallinianus, a, um (Euphorbia/ Tithymalus) specie dedicate del Dott. Filippo Vallino (1847-1916), medico a Leinì (TO) e appassionato botanico, che esplorò la flora piemontese e in particolare la Vauda canavesana
10682 vallicola (Allocarya cusickii var., Anthospermum, Aster, Astragalus, Atriplex/ Obione, Begonia, Brodiaea rosea subsp., Cardamine, Carex, Crataegus, Crescentia, Cressa, Crocus, Crotalaria, Drymonia alloplectoides var., Duguetia, Eryngium castrense var./ Eryngium vaseyi var., Festuca, Hieracium, Juncus, Justicia heterocarpa subsp., Lessingia germanorum var., Linanthus liniflorus var., Lonchocarpus/ Terua, Lupinus, Miconia/ Clidemia, Orobanche/ Aphyllon/ Myzorrhiza, Oxalis/ Ionoxalis, Phaca, Phacelia, Piper, Primula, Potentilla, Pseudoxandra, Quercus, Rorippa, Rubus, Salix, Silene guntensis subsp., Souroubea, Strobilanthes, Thymus, Tripterium, Vernonia, Viola/ Crocion) da vallis valle e da colo abitare: che vegeta nelle valli
7856 vallesius, a, um (Salix, Silene) da Valesia, nome latino dell'attuale Cantone Vallese (Valais, Wallis), situato nelle Alpi Pennine in Svizzera
7113 vallesianus, a, um (Artemisia/ Seriphidium, Koeleria/ Aira/ Airochloa/ Poa, Ophrys) da Valesia, nome latino dell'attuale Cantone Vallese (Valais, Wallis), situato nelle Alpi Pennine in Svizzera
6044 vallesiacus, a, um (Airochloa, Alchemilla, Artemisia/ Seriphidium, Centaurea/ Acosta, Cheiranthus, × Gymnotraunsteinera/ × Orchigymnadenia/ Orchis, Luzula campestris var., Mentha, Poa hybrida subsp., Potentilla x, Salix Silene, Thymus serpyllum var., Viscaria) da Valesia, nome latino dell'attuale Cantone Vallese (Valais, Wallis), situato nelle Alpi Pennine in Svizzera
6043 vallarsae (Primula ×, Pulmonaria) della Vallarsa, la valle scavata dal torrente Leno fra il Gruppo del Carega e quello del Pasubio in Trentino
21501 vallaris, e (Aloë, Astragalus/Hesperonix, Euphorbia, Serruria) da vallum, l’insieme dei pali piantati attorno a un trinceramento e per estensione bastione, muro difensivo: per l’habitat in mezzo a bastioni rocciosi o su pareti rocciose a strapiombo
18951 validus, a, um (Acacia heteroclita subsp./ Racosperma heteroclitum subsp., Acaena, Adactylus nudus var., Adenocalymma/ Memora, Adenothamnus/ Madia, Aetanthus, Agelanthus, Agropyron, Alisma, Allium, Alsine, Angelica, Anthericum, Arachis, Arachniodes, Ardisia, Aristida, Artemisia/ Seriphidium, Asclepias, Asphodelus, Aspidoglossum, Atriplex, Austromuellera, Balanophora, Bambusa/ Dendrocalamopsis, Beckera, Begonia, Berberis, Bidens, Blechnum, Bolbitis, Bromus sterilis var., Bulbophyllum, Caladenia/ Arachnorchis/ Calonema/ Calonemorchis, Calamus, Calectasia, Campium, Cardamine, Carduus, Carex, Carex filifolia var., Careya, Centaurea, Cephalophyllum/ Mesembryanthemum, Cereus/ Piptanthocereus, Cestrum, Chiloglottis/ Simpliglottis, Chiococca brachiata var., Chondrosea, Chorizanthe, Chrysocoma, Chytroma, Cicuta, Cirsium, Coelogyne incrassata var., Coryphantha, Costus, Crataegus, Croptilon hookerianum var./ Haplopappus/ Isopappus, Crotalaria, Cylindrolobus/ Eria/ Pinalia, Cymbopogon/ Andropogon nardus var., Cynanchum, Cyperus, Dendrobium/ Durabaculum, Deyeuxia, Dichapetalum, Digitaria, Dipterocarpus, Doliocarpus, Draba, Drymocallis, Dysphania, Earina, Echeveria, Echinopsis, Elaeocarpus, Eleocharis, Elymus, Ephedra, Epidendrum, Eragrostis, Erica, Erythrodes, Eschweilera, Etlingera/ Amomum/ Geanthus, Euklisia, Euphorbia, Fagraea, Festuca, Ficus, Freycinetia, Garnotia tectorum var., Geigeria burkei subsp., Genoplesium/ Corunastylis, Globba, Gomphichis/ Stenoptera, Gomphocarpus/ Pachycarpus, Gulubia, Habenaria, Haematocarpus/ Baterium, Haworthia reinwardtii var., Helianthus, Helixanthera, Heuchera cylindrica f., Hieracium, Hiraea, Horsfieldia/ Myristica/ Palala, Hydriastele, Hydrocotyle, Hyperbaena, Ipomoea, Ilex affinis var., Iris proantha var./ Iris pseudorossii var./ Zhaoanthus proanthus var., Isoetes, Juncus, Justicia, Leontodon, Leucopogon, Licuala, Limonium, Lissochilus, Lobelia, Loranthus, Luisia, Lycopodium complanatum var., Lycopersicon esculentum var., Mammillaria, Manothrix, Mapania, Mediocalcar bifolium var., Melaleuca/ Calothamnus, Miconia/ Acinodendron, Microsorum/ Polypodium, Microtropis, Monanthotaxis/ Popowia, Myrmecodia albertisii subsp., Narcissus bulbocodium subsp., Nephrolepis, Oldenlandia/ Hedyotis, Opuntia, Orbea/ Caralluma/ Ceropegia/ Orbeopsis, Orchis morio var., Orobanche/ Aphyllon/ Myzorrhiza, Osvaldoa/ Panicum, Pachygone/ Limaciopsis, x Pachyveria, Padus, Palicourea/ Rudgea, Pandanus, Paspalum, Pennisetum, Pentadiplandra brazzeana var., Peyritschia/ Calamagrostis, Phacelia ramosissima var., Phialiphora, Phoradendron, Phreatia, Physaria/ Lesquerella, Physurus, Pilea cavaleriei subsp., Pinus, Planchonia/ Gustavia/ Pirigara, Plantago, Platysace/ Platycarpidium/ Siebera/ Trachymene, Pleopeltis, Pontederia/ Monochoria, Populus, Potamogeton zizii var., Potentilla x, Prasophyllum/ Paraprasophyllum, Prunus, Pterostylis/ Oligochaetochilus, Puya, Quercus, Ranunculus, Rhus, Rosa suffulta var., Rubus, Ruschia, Saccolabium, Salacia martiana var., Santolina, Sarcanthus, Sarcoglottis/ Spiranthes, Sciaphila, Scirpus, Schoenoplectus, Scrophularia, Selaginella, Selenicereus, Selinum/ Sphenosciadium capitellatum var., Sempervivum, Seseli, Sidalcea, Sobralia, Solanum, Sphaerolobium, Stellaria, Stipa joannis f., Streptanthus/ Disaccanthus, Stylidium, Syzygium, Taraxacum, Tarenna, Thelypteris/ Cyclosorus/ Dryopteris/ Sphaerostephanos, Thrixspermum, Thunbergia, Tissa, Tradescantia, Trapa longicarpa subsp., Trevesia, Trichosanthes, Trichocereus, Trichoglottis, Urceolina, Urostigma, Vachellia/ Acacia, Vagnera, Viola bellidifolia subsp., Wahlenbergia virgata var., Xyris, Yucca/ Sarcoyucca, Yucca australis var., Zantedeschia – Agaricus, Agaricus bitorquis var./ Psalliota edulis var., Amanita/ Amplariella, Arachnomyces, Asterina/ Asterella, Boletus, Calicium trichiale var., Candida/ Mycokluyveria/ Pichia, Capitularia gracilis f., Cenomyce ecmocyna f., Cenomyce gracilis var., Chaenotheca trichialis var., Cladonia/ Cladonia diplotypa f., Cladonia destricta f., Cladonia gracilis var., Cladonia macilenta f., Cortinarius, Cyphelium trichiale var., Diaporthe, Embolidium italicum var., Ephebe pubescens f., Fomes, Hypobryon, Inocybe, Laboulbenia, Lecidea, Lophodermium, Monoicomyces, Mycena, Mycoderma, Mycosphaerella, Paxillus, Phaeographina, Phlegmacium, Puccinia, Puccinia kalchbrenneri var., Roccella tinctoria f., Saccharomyces, Stereocaulon denudatum var., Siemaszkoa, Suillus, Teloschistes, Usnea) da valeo essere in forze, godere di buona salute: forte, robusto, vigoroso, sano, solitamente in riferimento all’habitus particolarmente vigoroso o alle dimensioni maggiori rispetto a specie congeneri
21500 valiantei, ii (Herponema) in onore del barone Raffaello Valiante, algologo napoletano del XIX secolo
21499 valiae (Allorgeia) in onore della briologa franco-russa Valia (Valentine) Allorge nata Selitsky (1888-1977), studiosa della flora dei Pirenei, moglie del botanico, algologo ed ecologo francese Pierre Allorge (1891-1944)
(Cyperus) in onore della botanica brasiliana Vali Joana Pott, studiosa della flora del Mato Grosso e del Pantanal
6042 válgus, a, um (Messerschmidia, Scleranthus) da valgus storto, in particolare riferito alle gambe: col fusto o gambo storto
21496 Valetoniella [Niessliaceae] genere di funghi dedicato al botanico olandese Theodoric Valeton (1855-1929) che lavorò presso l’orto botanico di Bogor nell’isola di Giava e ne curò l’erbario
21495 Valetonia [Icacinaceae] genere dedicato al botanico olandese Theodoric Valeton (1855-1929) che lavorò presso l’orto botanico di Bogor nell’isola di Giava e ne curò l’erbario
9769 valesianus, a, um (Aira/ Koeleria) da Valesia, nome latino dell'attuale Cantone Vallese (Valais, Wallis) in Svizzera, situato nelle Alpi Pennine
6493 valesiacus, a, um da Valesia, nome latino dell'attuale Cantone Vallese (Valais, Wallis), situato nelle Alpi Pennine in Svizzera
  • (Achillea ×/ Ptarmica, Aconitum, Aira/ Airochloa/ Koeleria, Anthyllis vulneraria ssp., Astragalus, Avena, Carex, Centaurea, Erigeron, Festuca/ Sesleria, Festuca nome ill., Hieracium, Matthiola, Ranunculus x, Rosa, Rubus, Solidago, Taraxacum, Trisetum, Viola) riferimento all'area d'origine di queste piante
    (Ganoderma/ Fomes/ Polyporus/ Scindalma, Guignardia, Hohenbuehelia/ Agaricus/ Dendrosarcus/ Pleurotus, Hyalopeziza, Hysteropezizella, Lecanora, Leptosphaeria, Lichen, Nodulosphaeria, Peronospera, Placodium, Placolecanora, Pleospora/ Phloeospora, Saccharomyces, Sphacelotheca, Spolverinia, Squamaria, Uromyces) riferimento all'area d'origine di questi funghi
21494 Valerioa [Gesneriaceae] in onore del botanico costaricano Valerio Rodriguez Juvenal (1900-1971) che collaborò con P. Standley per la Flora de Costa Rica e creò l’erbario nazionale della Costa Rica
8593 valerianifolius, a, um (Erechtites/ Crassocephalum/ Senecio, Euphorbia, Hieracium, Peucedanum, Polemonium, Verbascum/ Celsia) dal genere Valeriana (vedi) e da folium foglia: con foglie da valeriana
6041 Valerianella [Caprifoliaceae] diminutivo del genere Valeriana (vedi), forse nel senso di piccola pianta che mantiene in buona salute
6040 Valeriana [Caprifoliaceae] dal lat. medievale valeriana, attestato dal X sec., all’origine del nome volgare in molte lingue europee incluso l’italiano, di etimo discusso; l’ipotesi più accreditata lo fa risalire alla provincia dioclezianea Pannonia Valeria, nell’Ungheria occidentale, dove la pianta sarebbe stata abbondante; altri lo connettono al verbo valere essere in buona salute, per le sue virtù officinali (più probabilmente un caso di paretimologia a posteriori); altri a diversi personaggi di nome Valerius o Valerianus; altri lo fanno derivare dal ted. baldrian (e non viceversa), che potrebbe essere connesso o con il dio della luce Baldur o con l’eroe Wieland, in allusione alle proprietà magiche della pianta come scaccia-demoni
21493 valeri, ii (Aegiphila, Bacopa, Begonia, Centropogon, Cosmibuena/ Hillia, Cuphea, Eugenia, Euphorbia, Hoffmannia, Ladenbergia, Ilex, Ipomoea, Justicia, Liabum/ Oligactis, Lycianthes, Parmentiera, Phyllanthus, Pitcairnia, Ruyschia, Serjania, Vaccinium/ Themistoclesia, Zexmenia) in onore del botanico costaricano Valerio Rodriguez Juvenal (1900-1971) che collaborò con P. Standley per la Flora de Costa Rica e creò l’erbario nazionale della Costa Rica
(Anthurium, Clusia, Macrocarpaea, Ouratea) in onore del biologo, entomologo e naturalista costaricano Manuel Valerio (1887-1968), direttore del Museo nazionale e professore di botanica nella Facoltà di farmacia
(Astragalus, Oxytropis, Polygonum/ Aconogonon) in onore del botanico russo Valerij Ivanovič Grubov (1917–2009) studioso della flora dell’Asia centrale
(Tulipa) da definire
6039 valerandi (Samolus) specie dedicata al botanico fiammingo Dourez Valerand (sec XVI), che fece raccolte sulle montagne della Francia orientale, a Creta e in Siria e fu farmacista a Lione, dove creò un giardino con molte piante rare, diverse della quali sono menzionate da Jean Bauhin, che aveva sposato una sua parente
6038 valéntior (Agaricus, Biatora, Lecidea, Psathyrella, Pertusaria velata var.) comparativo di válens (vedi): più robusto e vigoroso delle specie congeneri
6374 valentinus, a, um (Acis/ Leucojum, Agrostis, Allium roseum var., Anacyclus x/ Chamaemelum x/ Hiorthia x, Anthemis/ Matricaria, Antirrhinum, Anthyllis subsimplex subsp./ Anthyllis henoniana subsp., Arenaria, Armeria filicaulis subsp., Artemisia, Biscutella/ Brassica/ Brassicella/ Sisymbrium, Bufonia, Caprifolium, Carduncellus monspelliensium subsp., Carduus, Centaurea, Cirsium, Cistus, Convolvulus, Coronilla/ Ornithopus, Crepis, Cynoglossum, Dianthus, Diplotaxis, Echium, Erodium, Euphorbia/ Esula, Facchinia/ Alsine, Festuca, Galium, Genista/ Spartium, Globularia, Helichrysum, Hieracium, Hippocrepis, Iberis saxatilis subsp., Leucanthemum, Limonium ×/ Statice x, Limonium delicatulum subsp., Linaria oligantha subsp., Lonicera, Minuartia, Muscari neglectum var., Odontites, Quercus, Reseda, Rhamnus/ Atulandra, Rosmarinus officinalis subsp., Rubus, Salvia, Satureja obovata subsp./ Satureja cuneifolia var., Saxifraga, Scorzonera, Scrophularia, Sideritis x, Stachys, Teucrium, Thalictrum minus subsp./ Thalictrum foetidum subsp., Thymelaea, Thymus/ Origanum, Verbascum/ Celsia) di Valencia, città della Spagna, in latino Valentia, e della sua regione, corrispondente al romano Ager valentinus, o più ampiamente al Regno di Valencia, parte sud-orientale del Regno d’Aragona
(Aristolochia) errata grafia per velutina (Phyllirea) di Valence (Valenza), capoluogo del dipartimento della Drôme, nella Francia sud-orientale
(Polystachya) in riferimento alla forma a cuore – simbolo del Valentine’s Day - del callus del labello
21492 valentinianus, a, um (Primula/ Aleuritia, Rhododendron) in onore di padre Pierre Sylvain Valentin (1880-1962) delle Missioni francesi all'estero che operò in diverse località della Cina tra il 1904 e il 1952 e fu d’aiuto ai raccoglitori di queste specie
21491 Valentiana [Acanthaceae] genere dedicato da Rafinesque all’uomo politico britannico George Annesley, 2° conte di Mountnorris, visconte di Valentia (1769-1844), che viaggiò in India e in Medio Oriente; corrispondente di James Edward Smith, nutrì interesse per la botanica e riportò questa pianta dall’Abissinia
11059 valens (Amsinckia, Crataegus, Delphinium, Eriochilus, Eucalyptus, Fagara, Grammitis basiattenuata var., Hieracium, Mesembryanthemum, Pilosella, Sedum, Senna pentagonia var., Spermacoce/ Borreria, Taraxacum, Zanthoxylum/ Fagara – Agaricus, Amanita, Lepiota, Pseudoaustroboletus/ Boletus/ Tylopilus, Uromyces/ Nigredo/ Puccinellia) da valeo godere di buona salute: valente, gagliardo, forte, robusto, sano, solitamente in riferimento all’habitus più robusto rispetto ad altre specie
22332 valdulcensis, e (Hieracium apricorum ssp.) della Casera di Val Dolce in Friuli (UD) al confine con l'Austria, località dei primi ritrovamenti
26862 valdiviensis, e (Acaena trifida var., Blechnum, Dioscorea, Epilobium, Oxalis/ Acetosella/ Xanthoxalis, Chusquea, Gilia/ Navarretia, Gnaphalium, Gunnera tinctoria var./ Gunnera chilensis var., Raukaua/ Aralia/ Cheirodendron/ Panax/ Pseudopanax, Solanum) di Valdivia, città del Cile, o della provincia omonima
8821 valdivianus, a, um (Acaena, Agrostis, Arundo, Baccharis, Berberis, Bromus/ Ceratochloa, Calceolaria, Calystegia, Campsidium/ Gelseminum/ Tecoma, Cardamine, Carex, Chaetanthera, Cinna, Colletia, Conyza, Diostea/ Dipyrena, Eleocharis/ Scirpus, Embothrium, Galium, Gentiana, Gnaphalium, Hemionitis/ Cheilanthes, Hollermayera/ Armoracia, Hydrocotyle, Legenere/ Dortmanna/ Howellia/ Lobelia/ Mezleria, Lemna, Loranthus, Melica, Myrtus, Nageia, Nothofagus/ Fagus/ Lophozonia obliqua subsp., Oenothera, Ophioglossum, Oxalis, Pilularia, Poa, Podocarpus, Polygonum, Ranunculus, Rhombolytrum, Ribes, Sagina, Schizaea, Scutellaria/ Theresa, Senecio, Sisyrinchium, Solidago, Soliva, Valeriana, Vicia, Viola) di Valdivia, città del Cile, o della provincia omonima
(Burmeistera) in riferimento alla cultura di Valdivia, una delle più antiche della regione, che fiorì tra il 3500 e il 1500 a.C. nella regione orientale dell’Ecuador, corrispondente all’areale di questa specie
(Microchilus, Piper) di Valdivia, municipio del dipartimento di Antioquia in Colombia
21487 valdezianus, a, um (Turbinicarpus/ Echinocactus/ Gymnocactus/ Mammillaria/ Neolloydia/ Normanbokea/ Pediocactus/ Pelecyphora/ Pseudosolisia/ Thelocactus) specie dedicate da Heinrich Möller (o Moeller 1882-1945) alla cognata L. Möller Valdez
23450 valdevestitus, a, um (Hieracium ssp., Koeleria) dall'avverbio accrescitivo valde molto, assai e da vestitus, a, um (vedi): dotato di un abbondante indumento di peli
6037 valderius, a, um (Potentilla/ Dasiphora/ Fragaria/ Fragariastrum/ Trichothalamus, Thymus, Viola) dei dintorni della cittadina termale di Valdieri, in provincia di Cuneo
6036 valdepilosus, a, um (Acaena stricta var., Carex wallichiana var., Chrysosplenium, Galium, Hieracium, Koeleria phleoides var., Lotus, Mentha x, Rubus, Selaginella/ Lycopodioides, Thelypteris/ Nephrodium/ Steiropteris/ Dryopteris) dall'avverbio valde molto, assai e da pilosus peloso: robustamente peloso
7833 valdensis, e (Allium, Campanula, Rubus, Saxifraga – Saccharomyces carlsbergensis var., Saccharomyces intermedius var., Cystidiella) delle Valli Valdesi, ambito di diffusione del taxon. Per Valli Valdesi si intendono tre valli dell'Italia nord-occidentale nelle quali è particolarmente presente la Chiesa Evangelica Valdese: Val Pellice, Val Chisone e Valle Germanasca, tutte in provincia di Torino
11227 valdemonensis, e (Stipa) della Val Demòne, uno dei valli (reali dominii al di là del Faro) in cui era suddivisa la Sicilia dalla dominazione araba a quella borbonica. Questo territorio montuoso comprende le attuali province di Catania e Messina e parte della provincia di Palermo
23511 valdegriseus, a, um (Hieracium ssp.) dall'avverbio valde molto, assai e dal latino moderno griseus grigio: notevolmente grigiastro
23123 valdefastigiatus, a, um (Hieracium) dall'avverbio valde molto, assai e da fastigiatum (vedi): fortemente fastigiato
23129 valdarnensis, e (Polygala ssp.) riferimento alle località di rinvenimento (Tosi e S. Ellero) site in comune di Reggello appartenente all'Unione di Comuni Valdarno-Valdisieve
6035 Valantia [Rubiaceae] genere dedicato da Tournefort al botanico francese Sébastien Vaillant (1669-1722), sottodimostratore al Jardin du Roi, membro dell'Académie des Sciences e autore di Botanicon parisiense ou Plantes des environs de Paris; nel 1717 la sua prolusione in cui dimostra la riproduzione sessuale delle piante crea scandalo e gli attira l'accusa di ingratitudine verso il suo maestro Pitton de Tournefort
21486 vajravelui (Euphorbia, Nothopegia) in onore del botanico indiano E. Vajravelu (1936-vivente), ex direttore aggiunto del Botanical Survey of India, tassonomista delle angiosperme
21485 Vainionia [Caliciaceae] nomen inval. dedicato al lichenologo finlandese Edvard/Edward August Vainio (1853-1929)
21484 Vainiona [Dothideomycetes] genere di funghi dedicato al lichenologo finlandese Edvard/Edward August Vainio (1853-1929)
23080 vaillantianus, a, um (Populus, Sabulina tenuifolia var./ Arenaria tenuifolia var./ Minuartia, Triticum/ Agropyron/ Elytrigia/ Elymus) specie dedicate al botanico francese Sébastien Vaillant (1669-1722), sottodimostratore al Jardin du Roi, membro dell'Académie des Sciences e autore di Botanicon parisiense ou Plantes des environs de Paris; nel 1717 la sua prolusione in cui dimostra la riproduzione sessuale delle piante crea scandalo e gli attira l'accusa di ingratitudine verso il suo maestro Pitton de Tournefort
(Rosa) senza indicazioni nel protologo
16237 Vaillantia grafia modificata da Linneo (e utilizzata anche da Adriano Fiori) del genere Valantia (vedi)
6034 vaillanti, ii (Archidendron/ Affonsea/ Albizia/ Pithecellobium) in onore del generale francese Jean Baptiste Philibert Vaillant (1790 – 1872), maresciallo di Francia, ministro della guerra dal 1854 al 1859 e ministro della casa dell'Imperatore e dei Beni Culturali dal 1860 al 1870
(Aster/ Helenium/ Inula, Carduus ×, Cephalaria/ Cerionanthus/ Scabiosa, Chironia, Cicendiola, Coeloglossum, Crassula/ Bulliarda/ Hydrophila/ Tillaea/ Tillaeastrum, Croton/ Oxydectes, Eriophorum, Fraga/ Potentilla, Fumaria, Galium/ Aparine, Gentiana, Gymnocline, Inula nome ill., Juncus/ Tenageia, Jungermannia, Leonhardia/ Nepa/ Ulex, Marrubium, Orchis viridis var., Osteospermum/ Tripteris, Pilosella/ Hieracium, Polygala, Potamogeton, Pterocephalus, Solanum, Sparganophorus, Trifolium, Veronica e probabilmente Nepeta) specie dedicate al botanico francese Sébastien Vaillant (1669-1722), sottodimostratore al Jardin du Roi, membro dell'Académie des Sciences e autore di Botanicon parisiense ou Plantes des environs de Paris; nel 1717 la sua prolusione in cui dimostra la riproduzione sessuale delle piante crea scandalo e gli attira l'accusa di ingratitudine verso il suo maestro Pitton de Tournefort
(Campanula, Romulea) in onore di François Vaillant, assistente del Laboratorio di zoologia della facoltà di scienze di Algeri, amico e compagno di lavoro sul campo dell’autore Pierre Quézel
(Cinnamomum) in onore dell’”esploratore delle isole della Sonda Vaillant”, presumibilmente l’ufficiale francese di marina Auguste-Nicolas Vaillant (1793-1858), comandante della Bonita che tra il 1834 e il 1835 circumnavigò il globo raccogliendo numerose osservazioni scientifiche, poi pubblicate in dieci volumi con la collaborazione degli scienziati che parteciparono alla spedizione
(Daphne, Seseli, Tretocarya) in onore del botanico ed esploratore francese Louis Vaillant (1876-1963), figlio dello zoologo Léon Louis Vaillant; come medico militare accompagnò la missione Pelliot in Asia centrale facendo studi cartografici, geografici, zoologici e botanici sulle zone attraversate in Cina, Russia e Uzbekistan
10685 vailianti, ii errata grafia per vaillantii (vedi)
21483 Vailia [Asclepiadaceae] genere dedicato alla botanica statunitense Anna Murray Vail (1863-1955), prima bibliotecaria e collaboratrice del New York Botanical Garden; nel 1911 si trasferì in Francia dove continuò a lavorare come bibliotecaria
21498 Vahlodea [Poaceae] genere dedicato al farmacista e botanico danese Jens Laurentius (Lorenz) Moestue Vahl (1796-1854), figlio di Martin (Henrichsen) Vahl (1749-1804), esploratore della flora della Groenlandia, della Norvegia settentrionale e delle Spitsbergen; assistente presso l'orto botanico di Copenhagen, fu redattore di un fascicolo di Flora danica
9875 vahlii (Ancistrocladus, Anemone, Anisophyllum/ Chamaesyce, Archytaea, Baccharis, Bonnaya, Buxus/ Tricera, Carex, Convolvulus, Croton, Cyperus/ Diclidium/ Torulinium, Cyperus nome ill., Daphne, Dichromena, Diporidium, Echium, Eugenia/ Myrtus, Euphorbia, Fimbristylis/ Iria/ Isolepis / Scirpus, Girardinia, Hedera, Justicia/ Rostellaria/ Rostellularia, Mammea humilis var. vahlii, Microstachys, Ottonia, Pennisetum, Peperomia, Phanera/ Bauhinia, Pilosella/ Hieracium, Piper, Poa/ Eragrostis, Pterotheca, Rubus, Saxifraga, Scabiosa, Schradera, Scirpus cernuus var./ Scirpus savii subsp., Struthiola, Symphyotrichum/ Aster/ Erigeron/ Oritrophium, Tanacetum/ Pyrethrum, Triumfetta, Veronica austriaca subsp.) in onore del botanico danese-norvegese Martin Henrichsen Vahl (1749-1804); allievo di Linneo, in gioventù viaggiò e erborizzò nella penisola iberica, nelle Alpi, nelle isole mediterranee e in nord Africa; come curatore di Flora danica, esplorò la flora danese e norvegese. Fu uno dei più importanti tassonomisti del suo tempo, cui si deve l’elaborazione del concetto di “tipo”: negli ultimi anni della sua vita compì un lungo viaggio in diverse parti d’Europa (Francia, Svizzera, Paesi Bassi), finalizzato alla sua opera principale, Enumeratio plantarum, un'ambiziosa revisione dell'opera linneana, tesa a correggere gli errori di identificazione che si erano andati moltiplicando negli erbari europei
(Melandrium/ Wahlbergella, Salix) in onore del farmacista e botanico danese Jens Laurentius (Lorenz) Moestue Vahl (1796-1854), figlio di Martin (Henrichsen) Vahl (1749-1804), esploratore della flora della Groenlandia, della Norvegia settentrionale e delle Spitsbergen; assistente presso l'orto botanico di Copenhagen, fu redattore di un fascicolo di Flora danica
21482 vahlianus, a, um (Acalypha/ Ricinocarpus, Artemisia, Campylospermum, Cleome, Dalechampia, Dicliptera, Echinospermum, Elytraria, Eupatorium, Euphorbia, Guarea, Hippia, Hippocratea, Humboldtia/ Batschia, Ipomoea, Justicia, Lappula, Monogynella, Pithecellobium/ Inga, Polygala, Potentilla, Rhynchospora/ Dichromena ciliata var., Salacia, Triplaris, Vernonia) in onore del botanico danese-norvegese Martin Henrichsen Vahl (1749-1804); allievo di Linneo, in gioventù viaggiò e erborizzò nella penisola iberica, nelle Alpi, nelle isole mediterranee e in nord Africa; come curatore di Flora danica, esplorò la flora danese e norvegese. Fu uno dei più importanti tassonomisti del suo tempo, cui si deve l’elaborazione del concetto di “tipo”: negli ultimi anni della sua vita compì un lungo viaggio in diverse parti d’Europa (Francia, Svizzera, Paesi Bassi), finalizzato alla sua opera principale, Enumeratio plantarum, un'ambiziosa revisione dell'opera linneana, tesa a correggere gli errori di identificazione che si erano andati moltiplicando negli erbari europei
(Arnica alpina var., Puccinellia/ Atropis/ Glyceria/ Colpodium/ Phippsia/ Poa) in onore del farmacista e botanico danese Jens Laurentius (Lorenz) Moestue Vahl (1796-1854), figlio di Martin (Henrichsen) Vahl (1749-1804), esploratore della flora della Groenlandia, della Norvegia settentrionale e delle Spitsbergen; assistente presso l'orto botanico di Copenhagen, fu redattore di un fascicolo di Flora danica
21481 Vahlia [Vahliaceae] genere dedicato al botanico danese-norvegese Martin Henrichsen Vahl (1749-1804); allievo di Linneo, in gioventù viaggiò e erborizzò nella penisola iberica, nelle Alpi, nelle isole mediterranee e in nord Africa; come curatore di Flora danica, esplorò la flora danese e norvegese. Fu uno dei più importanti tassonomisti del suo tempo, cui si deve l’elaborazione del concetto di “tipo”: negli ultimi anni della sua vita compì un lungo viaggio in diverse parti d’Europa (Francia, Svizzera, Paesi Bassi), finalizzato alla sua opera principale, Enumeratio plantarum, un'ambiziosa revisione dell'opera linneana, tesa a correggere gli errori di identificazione che si erano andati moltiplicando negli erbari europei.
6033 vágus, a, um (Alyssum/ Psilonema, Astragalus/ Phaca/ Tragacantha, Crataegus, Cynanchum, Dierama, Erythropalum/ Dactylium, Eupatorium, Gagea ×, Harpullia, Hieracium, Iris, Lepidium, Memora, Modeccopsis, Orbea/ Caralluma/ Orbeopsis/ Stapelia, Papaver, Ribes oxyacanthoides var., Senecio, Silene, Solanum, Taraxacum, Stevia, Utricularia, Valeriana, Viburnum optatum var.) di vágo vagare, errare: errabondo o incostante; l’epiteto, la cui motivazione è raramente esplicitata nel protologo, può riferirsi tanto a specie presenti in località diverse quanto a specie piuttosto variabili
(Acacia/ Mimosa, Erigeron, Eugenia, Euploca/ Heliotropium, Pithecellobium) errabondo, per la presenza in aree geografiche distanti tra loro o per le popolazioni fortemente disgiunte
(Conophytum, Geonoma, Nectandra) incostante, per la variabilità nella forma e/o nelle dimensioni
(Cyanotis/ Tonningia/ Tradescantia, Panicum, Pavetta, Smilax) incerto, per l’incerta collocazione tassonomica o la possibile confusione con altri taxa
(Erica) errata grafia per vagans (vedi)
(Gomphrena / Hebanthe/ Xeraea, Rubus) errabondo e variabile, sia per la presenza in località diverse, sia per una certa variabilità
(Quercus x) incerto, per le caratteristiche intermedie di questo ibrido rispetto alle specie parentali
7911 vaginiflorus, a, um (Crypsis/ Phalaris, Cynodon maritimus var., Iseilema, Panicum, Paspalum, Poa, Sporobolus/ Agrostis/ Vilfa) da vagina fodero, guaina e da flos, floris fiore: per la spiga quasi completamente inclusa nella guaina fogliare
6032 vaginátus, a, um da vagína fodero, guaina: inguainato, protetto da una guaina frequentemente riferito ai fusti o culmi avvolti dalle foglie o al gambo dei funghi racchiusi da una volva
(Abolboda/ Xyris, Aconitum, Actaea/ Isopyrum/ Souliea, Adesmia lotoides var., Agrostis, Allenrolfea/ Spirostachys, Allium, Alopecurus/ Colobachne/ Phleum/ Polypogon, Amaryllis/ Brunsvigia/ Hessea, Andropogon/ Dimeiostemon, Anthericum, Anticlea/ Zigadenus, Apocopis, Araliorhamnus, Areca, Aristida, Arundinella, Aspidogyne, Astragalus/ Craccina/ Tragacantha, Atractocarpus, Azorella, Bulbophyllum/ Cirrhopetalum/ Phyllorkis, Calanthe/ Alismorchis, Chamaegastrodia/ Aphyllorchis, Carex, Cenchrus, Chlorophytum, Chorizanthe, Cistus, Clinosperma/ Brongniartikentia/ Clinostigma/ Cyphokentia, Clusia, Conioselinum/ Ligusticum, Conostylis, Cortaderia, Crassula/ Sedum, Cryptostachys/ Sporobolus, Cyanotis/ Tonningia, Cyperus, Cyrtandra, Davilla, Dendrochilum, Dianthus/ Cylichnanthus, Dichaea, Dipcadi/ Ornithogalum, Disa, Distrepta, Doronicum, Dracaena, Echeandia, Echinops/ Sphaerocephalus, Ectrosia, Elephantopus, Elwendia/ Bunium, Elymus, Epidendrum, Eria/ Octomeria, Eriocaulon, Eriophorum/ Linagrostis/ Plumaria/ Scirpus nome ill., Erythrodes, Erythroxylum, Eulophia/ Graphorkis/ Lissochilus, Fagraea, Fernandezia/ Orchidotypus/ Pachyphyllum, Festuca, Fimbristylis/ Abildgaardia/ Iria, Flaveria, Gagea, Gladiolus, Goeppertia/ Calathea, Habenaria, Haemanthus, Helichrysum, Helleborus, Hemarthria/ Rottboellia, Hesperantha/ Geissorhiza, Hibbertia/ Candollea, Hieracium, Holcus lanatus subsp., Hordeum, Juncus, Kedarnatha, Kyllingia, Lepidaria/ Lepidella/ Loranthus, Lomatium/ Cogswellia, Lupinus, Macledium kirkii subsp./ Dicoma, Merciera, Monotagma, Moraea, Muhlenbergia, Murdannia/ Aneilema/ Commelina/ Dilasia, Dictyospermum/ Phaeneilema, Musineon, Myricaria/ Trichaurus, Omphalotrigonotis, Opercularia, Orchis, Orontium, Oxytropis/ Spiesia, Paepalanthus/ Dupatya, Panicum, Pappophorum, Pappostipa/ Jarava/ Stipa, Paspalum/ Digitaria/ Panicum nome ill., Sanguinaria, Patagonium lotoides var., Pauridia/ Hypoxis, Pelexia/ Pachygenium, Perotis, Peucedanum, Pholidota/ Coelogyne, Phreatia, Physurus, Plantago, Platythelys, Pleioblastus/ Arundinaria/ Nipponocalamus/ Thamnocalamus, Poa, Pollinia, Polystachya/ Isochilostachya, Pontederia, Primula/ Auganthus, Puccinellia/ Glyceria/ Phippsia, Ranunculus, Rochea, Ruschia, Saussurea, Saxifraga, Sciadioseris, Schoenus, Schrenkia/ Anidrum/ Bifora/ Cachrys/ Hippomarathrum, Scirpus, Scleria, Scorzonera, Seris, Selinum/ Cortia, Semenovia, Senecio, Seseli, Setaria, Sinocarum/ Carum, Sisyrinchium/ Bermudiana, Smilax, Sonchus, Sparganium, Spodiopogon, Staberoha/ Restio, Stenorrhynchos/ Gyrostachys/ Neottia/ Spiranthes, Stelis/ Effusiella/ Pleurothallis/ Specklinia, Strobon, Stuckenia/ Potamogeton, Tauschia/ Arracacia, Tetraria, Thalictrum, Tillandsia tenuifolia var./ T. pulchra var./ T. pulchella var., Tradescantia, Tragopogon, Trifolium, Trollius, Valeriana, Vernonia, Viola, Vulpia, Zea) per la guaina formata dalla base delle foglie oppure dalla base del picciolo allargata ad avvolgere parzialmente o totalmente i fusti o i colmi
(Arceuthobium/ Razoumofskya/ Viscum, Viscum nome ill.) per la guaina che avvolge ciascun articolo del fusto
(Coussarea/ Faramea, Gaertnera/Andersonia/ Sykesia, Gaertnera nome ill., Galianthe, Oldenlandia/ Dyctiospora/ Hedyotis, Palicourea/ Uragoga, Spermacoce/ Bigelovia/ Borreria, Thalassia) per la guaina (vagina stipularis) formata dalla trasformazione delle stipole, unite alla base
(Cylindropuntia leptocaulis var./ Opuntia) per la guaina pagliacea che avvolge l’aculeo inferiore
(Drosanthemopsis/ Anisocalyx/ Drosanthemum/ Jacobsenia, Mesembryanthemum/ Brownanthus) per la guaina protettiva formata dalle vecchie foglie appassite attorno al germoglio terminale
(Selaginella) per le foglie lievemente oblique alla base e abbraccianti parzialmente il fusto (Amanita/ Agaricus/ Amanitopsis/ Vaginata, Amanita muscaria var., Cantharellus, Conocybe, Knyaria/ Tubercularia, Volvanarius/ Cortinarius) per la volva che avvolge il gambo
(Aqualignicola, Astrosphaeriella, Niesslia, Phyllachora, Porina, Raffaelea) per la guaina gelatinosa o ialina che avvolge le ascospore
(Ellisembia) per la guaina mucillaginosa che delimita i conidi
(Hymenochaete) per le guaine ifali in cui le setae sono parzialmente o totalmente immerse
6373 vaginalis, e da vagina guaina o fodero della spada: dotato di una guaina; per alcuni funghi da vagina, parte del tratto genitale femminile dei mammiferi
(Coronilla, Costus, Machaerina/ Baumea/ Cladium/ Mariscus, Festuca/ Poa, Gentianella/ Gentiana, Heliconia, Hexasepalum/ Diodia, Logania/ Exacum/ Gentiana nome ill., Hetaeria/ Exacum, Maxillaria/ Camaridium/ Viracocha, Peucedanum, Pontederia/ Gomphima/ Monochoria, Pontederia nome ill., Ranunculus, Saxifraga, Sesleria) per la guaina fogliare che avvolge parzialmente o interamente il fusto
(Alysicarpus/ Hallia/ Hedysarum, Chesneya/ Calophaca, Onobrychis, Ononis, Potamogeton, Psychotria, Zannichellia) per la guaina (vagina stipularis) formata dalla trasformazione delle stipole, unite alla base
(Belonopsis/ Niptera) per l’occorrenza nella guaina delle foglie delle palme
(Monilia, Parendomyces) in quanto agente di micosi dei genitali femminili
(Helotium) da definire
6031 vágans da vágo vagare, errare: vagante, errabondo, che si rinviene qua e là; diffuso, sparso; usato per lo più in due significati: di portamento sparso, diffuso, lasco; che tende ad espandersi in modo vigoroso e disordinato, o strisciando sul terreno o arrampicandosi su altre piante, radicando o meno
(Acalypha/ Ricinocarpus, Aegilops/ Triticum, Andropogon/ Microstegium/ Eulalia/ Pollinia, Antirrhinum, Chenopodium/ Teloxys, Dryas x, Erica/ Ericoides/ Gypsocallis, Fumaria, Galium, Hieracium, Impatiens, Maxillaria, Salix, Sasa/ Neosasamorpha, Scleranthus, Sida, Solanum, Synotis/ Senecio, Taraxacum, Tilia caroliniana var., Turrita, Trichosalpinx/ Pleurothallis/ Tubella) vagante, errabondo; motivazione dell’epiteto non specificata nel protologo o non determinata
(Aporosa) vagante, nel senso che questa specie è stata diversamente interpretata da botanici diversi
(Aristida, Cerastium, Eriogonum, Lobelia/ Dortmanna, Orthophytum, Oxyspora/ Homocentria/ Melastoma, Ozothamnus/ Helichrysum, Palicourea, Polygala, Polygonum, Samolus, Sarcococca, Sideritis, Silene, Sinclairia/ Liabum) per il portamento diffuso, sparso e disordinato, spesso con fusti deboli e/o ricadenti
(Arthratherum namaquense var., Arundinaria/ Pleioblastus viridistriatus var./ Sasaella viridistriata var., Asplenium, Begonia, Carex, Cicuta, Cineraria, Dennstaedtia/ Dicksonia, Diaphananthe/ Angraecum/ Chamaeangis/ Epidorkis/ Listrostachys, Elaphoglossum/ Acrostichum, Fimbristylis, Homalomena, Homoranthus, Hydrocotyle, Mentha, Polypodium, Ranunculus, Syagrus/ Cocos, Vriesea) per la tendenza ad espandersi grazie a diversi tipi di organi striscianti oppure stoloni, rami e foglie che radicano ai nodi, formando cespi, colonie o tappeti
(Asplundia, Cissus, Daemonorops, Eria/ Pinalia, Euonymus, Medinilla, Oncidium, Ornithidium, Stenogyne, Stelis, Torenia) per il portamento scandente o rampicante, in genere assai vigoroso (Aster, Bulbine, Crotalaria, Dasyphyllum/ Chuquiraga/ Flotovia, Decaneuropsis/ Cacalia/ Conyza/ Eupatorium/ Gymnanthemum/ Vernonia, Dyschoriste/ Calophanes/ Dipteracanthus, Ipomoea, Geranium, Justicia/ Ecbolium, Pedicularis, Selenicereus/ Cereus/ Mediocactus) per il portamento strisciante o procombente
(Bulbophyllum, Camaridium, Ceratostylis, Coelogyne, Dendrobium/ Dockrillia, Prosthechea/ Anacheilium/ Encyclia/ Epidendrum) per il rizoma allungato e strisciante (Ficus/ Pogonotrophe) che il portamento scandente e la tendenza a diffondersi radicando su altri alberi
(Tetramolopium) per la distribuzione disgiunta di questa specie rispetto al genere
(Zieria) per le popolazioni sparse nella boscaglia e tra le macchie di rampicanti
26830 Vacuolaria [Vacuolariaceae] genere di alghe così denominato per la presenza di vacuoli contrattili, con funzione di osmoregolazione; da vacuolus, organello cavo rivestito da una membrana, a sua volta da vacuus vuoto
8159 Vachellia [Fabaceae] genere dedicato al sacerdote britannico rev. George Harvey Vachell (1799-1839), cappellano a Macao, che nel tempo libero raccolse una collezione di piante che trasmise al prof. J.S. Henslow di Cambridge; fu nominato direttore del progettato museo dell’emporio britannico di Macao, che però non venne mai realizzato
21480 vachelli, ii (Andropogon, Chenopodium, Crotalaria, Euphorbia/ Chamaesyce, Hedyotis/ Oldenlandia, Osmunda/ Plenasium) in onore del sacerdote britannico rev. George Harvey Vachell (1799-1839), cappellano a Macao, che nel tempo libero raccolse una collezione di piante che trasmise al prof. J.S. Henslow di Cambridge; fu nominato direttore del progettato museo dell’emporio britannico di Macao, che però non venne mai realizzato
(Taraxacum) in onore della botanica gallese Eleanor Vachell (1879–1948), prima donna a presiedere la Cardiff Naturalist Society, studiosa della flora del Glamorgan e incaricata dal British Museum di studiare la cosiddetta “orchidea fantasma” Epipogium aphyllum
6030 vaccínus, a, um da vácca vacca: delle vacche, in qualche modo connesso alle vacche
(Agaricus nome ill., Imleria badia f./ Boletus/ Dictyopus aereus var./ Suillus/ Tubiporus/ Xerocomus badius f., Cortinarius, Podostictina/ Lobaria/ Pseudocyphellaria/ Sticta) per il colore del carpoforo, che ricorda quello del mantello delle vacche
(Apiosporium, Ascophanus, Delitschia/ Phorcys, Lasiobolus, Sphaeria fimeti var.) per l’habitat sul fimo bovino
(Aster) della Cow Valley, Oregon
(Piper) di Vaca, Distretto El Cayo, nell’Honduras britannico
(Hebeloma/ Hebelomatis, Inocybe, Tricholoma/ Agaricus nome leg./ Amanita punctata var./ Cortinellus/ Gyrophila/ Tricholomopsis) spiegazione non chiara; forse adatto alle vacche in quanto di scarsa qualità, non commestibile (Tussilago) senza indicazione nel protologo; forse appetita dalle vacche, adatta alle vacche
6029 Vaccínium [Ericaceae] da vaccinium, una pianta con bacche nere citata da Virgilio, di oscura derivazione; la spiegazione più comune lo connette a vaccinus: delle vacche; Oxford Latin Dictionary e altri lo collegano al greco Ὑάκινθος Hyákinthos attraverso la forma corrotta vakinthos: nome di una pianta dai fiori violetti; respingendo l’una e l’altra ipotesi, Vander Kloet ed altri lo connettono a baccínium diminutivo di bácca bacca: che produce piccole bacche
21479 vacciniifolius, a, um (Ageratina/ Eupatorium, Alibertia, Andromeda, Aspalathus, Aulomyrcia/ Myrcia, Baccharis, Bistorta/ Persicaria/ Polygonum, Buxus sinica var., Byrsonima, Cinnamomum, Chromatotriccum/ Dendrobium, Cryptocarya, Dalbergia, Diastella, Diospyros, Diplusodon, Erithalis/ Chione, Erythroxylum, Eugenia, Everistia/ Canthium, Friedlandia, Gymnosporia, Hesperomeles heterophylla var., Hopea, Hydnophytum, Hypericum, Ilex, Lonicera, Maba, Mascagnia, Microgramma/ Anapeltis/ Craspedaria/ Goniophlebium/ Lepicystis/ Lopholepis/ Marginaria/ Niphobolus/ Polypodium, Mimetes, Myrsine, Oncostemum, Peperomia, Phagnalon, Phyllanthus/ Diasperus/ Glochidion, Pomaderris, Potameia, Quercus, Rondeletia, Salix, Solanum, Spiraea, Symplocos, Syzygium, Tetrapterys/ Glicophyllum, Viscum, Wikstroemia) dal genere Vaccinium (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle delle piante di quel genere
6028 vaccínii (Achorella, Acremonium/ Acremoniella, Alternaria, Amazonia, Appendiculella/ Irene/ Meliola, Aschochyta, Asteroma, Aureobasidium, Bifusella/ Hysterium, Botryosphaeria/ Guignardia/ Phyllostictina, Brachysporium/ Helminthosporium, Camporesiomyces/ Helicoma, Cenangium/ Dothiora, Chaetoconis, Chalara, Chrysomyxa, Clithris/ Hysterium, Coryneum/ Seimatosporium/ Sporocadus, Crumenula, Cylindrosporium, Cytospora, Dimerosporium, Diplodia, Dothidella, Dwayalomella, Elsinoe, Erysiphe, Eupropolella/ Helotiella/ Pseudopeziza/ Pyrenopeziza/ Sphaeropezia, Exobasidium/ Fusidium, Galerina, Gassicurtia/ Buellia, Gibbera/ Depazea/ Sphaeria, Gloniopsis, Helminthosporium, Irenopsis, Lasiodiplodia, Lophodermium, Macrophomina, Melampsora, Micropera, Microsphaera, Muyocopron/ Peltella, Mycosphaerella/ Carlia/ Sphaerella, Naohidemyces/ Pucciniastrum/ Thekopsora, Niesslia, Ophiodothella, Pestalotia, Phacidium, Phoma, Phomopsis/ Diaporthe, Phyllosticta, Phyllostictina/ Guignardia/ Laestadia, Physalospora, Piggotia, Polyscytalum, Pseudoanungitea, Pseudocercospora/ Cercospora, Pseudotthia, Ramularia, Rhytisma, Schiffnerula, Sclerotinia, Scopulariella, Scytalidium, Seimatosporium/ Sporocadus, Selenophoma, Septoria, Sphaeropsis, Sphaerulina, Splanchnonema, Sporonema, Starmerella/ Candida, Stictis, Stromatinia, Synchytrium, Trichocladia, Venturi) genitivo del genere Vaccínium (vedi) a cui appartengono le piante ospiti di questi funghi
21478 vaccinifolius, a, um grafia alternativa per vacciniifolius, a, um (vedi)
21477 vaccarius, a, um (Gypsophila/ Lychnis/ Saponaria/ Silene, Vaccaria) da vácca vacca: adatto alle vacche in quanto foraggio gradito dai bovini
(Euphorbia) da vácca vacca: presumibilmente per la secrezione di un latice d’aspetto simile al latte vaccino
8351 vaccarianus, a, um (Trisetaria/ Trisetum) in onore dell’ufficiale medico, botanico e naturalista Antonio Vaccari (1867-1961) che fu presidente della Società dei Naturalisti e Matematici di Modena; studiò le flore libica e sarda e dedicò varie pubblicazioni alla flora modenese
(Alchemilla – Cylindrosporium) in onore del botanico italiano Lino Vaccari (1873-1951), professore di Scienze in diversi licei e libero docente di Botanica all'Università di Firenze, specialista di flora valdostana e direttore del Giardino alpino Chanousia
8041 Vaccaria [Caryophyllaceae] da vácca vacca, in quanto le piante di questo genere vengono ritenute in grado di stimolare la produzione del latte, soprattutto grazie alle radici galattogoghe
21476 vaccari, ii (Astragalus, Gentiana x, Hieracium, Saxifraga, Sempervivum x, Taraxacum – Phoma, Ramularia) in onore del botanico italiano Lino Vaccari (1873-1951), professore di Scienze in diversi licei e libero docente di Botanica all'Università di Firenze, specialista di flora valdostana e direttore del Giardino alpino Chanousia
(Limonium, Romulea bulbocodium subsp., Romulea ligustica subspec., Senecio x) in onore dell’ufficiale medico, botanico e naturalista Antonio Vaccari (1867-1961) che fu presidente della Società dei Naturalisti e Matematici di Modena; studiò le flore libica e sarda e dedicò varie pubblicazioni alla flora modenese
 
Pagina 1    pagina successiva    ultima pagina    

Acta Plantarum - Flora delle regioni italiane - Un progetto "open source"
  Licenza Creative Commons
Acta Plantarum è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale . Tutti i diritti di Copyright © riservati agli autori se citati a cui va richiesta autorizzazione scritta per copia ed uso.    Acta Plantarum is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License . All Copyright © rights reserved by mentioned authors; written authorization to be required for copy and use.

Come citare questa pagina: Acta Plantarum, 2007 in avanti - "Etimologia dei nomi botanici e micologici". Disponibile on line (data di consultazione: 17/05/2022): https://www.actaplantarum.org/etimologia/etimologia.php?p=1&o=1,1,0,1,0,0,1,3,2,4,5&n=v
How to cite this page: Acta Plantarum, from 2007 on - "Etimologia dei nomi botanici e micologici". Available on line (access date: 17/05/2022): https://www.actaplantarum.org/etimologia/etimologia.php?p=1&o=1,1,0,1,0,0,1,3,2,4,5&n=v