IPFI   Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia 
     Home      Galleria      Forum oggi è Martedi 25 giugno 2019


 Portale della Flora d'Italia
 
 
Nomenclatura e Caratteristiche
 
Per accedere a tutte le potenzialità di IPFI è necessario essere iscritti al forum e aver effettuato il login.
 

Brassicaceae
Barbarea vulgaris R. Br.

Riferimenti bibliografici:
in Aiton, Hortus Kew., ed. 2, 4: 109 (1812)

Conti F. & al. (2005) An annotated Checklist of the Italian Vascular Flora. Palombi Editore

Entità presente; per dettagli vedi distribuzione regionale.

Vai a Anarchive  Altri links disponibili solo agli iscritti

SINONIMI
Erysimum arcuatum Opiz
Barbarea vulgaris subsp. arcuata (Opiz) Hayek
Barbarea arcuata Rchb.

RIFERIMENTI NEI PRINCIPALI REPERTORI
Checklist 2018, in Bartolucci & al., Galasso & al. e aggiornamenti
Barbarea vulgaris R.Br.

"An annotated Checklist of the Italian ...", F. Conti & al., 2005
Barbarea vulgaris R. Br.
pg. 60 riga 39
Barbarea vulgaris R. Br. subsp. arcuata (Opiz) Hayek
pg. 60 riga 40
Barbarea vulgaris R. Br. subsp. vulgaris
pg. 60 riga 41

"Flora d'Italia", S.Pignatti, 1982
Barbarea vulgaris R. Br.
Vol. 1 pg. 397

"Flora Alpina", D.Aeschimann & al., 2004
Barbarea vulgaris R. Br.
Vol. 1 pg. 504

"Nuova Flora Analitica d'Italia", A.Fiori, 1923
Barbarea vulgaris R. Br.
Vol. 1 pg. 576
Barbarea vulgaris α typica Fiori
Vol. 1 pg. 576
Barbarea vulgaris γ arcuata Rchb.
Vol. 1 pg. 576

NOMI ITALIANI
Erba di Santa Barbara comune


ETIMOLOGIA
Barbarea: [Brassicaceae] genere dedicato a Santa Barbara, protettrice degli artiglieri e dei minatori, invocata contro fulmini ed esplosioni, perché ritenute piante vulnerarie. Rembert Dodoens nel suo Cruydeboeck (1564) aveva chiamato questa pianta Herba Sanctae Barbarae, nome che venne tradotto in Barbarea da Henry Lyte nel A niewe Herball (1578) e assegnato definitivamente dal botanico scozzese William Townsend Aiton nel 1812
vulgaris: (Aquilegia, Arisarum, Artemisia, Barbarea, Berberis, Beta, Calluna, Carlina, Cirsium, Clinopodium, Crupina, Cryptocarya, Dracunculus, Echium, Falcaria, Filago, Filipendula, Foeniculum, Hippuris, Hordeum, Hydrocotyle, Leucanthemum, Ligustrum, Linaria, Lysimachia, Marrubium, Odontites, Origanum, Phaseolus, Pinguicula, Polygala, Polypodium, Primula, Prunella, Pulicaria, Senecio, Silene, Syringa, Tanacetum, Thelymitra, Tilia ×, Thymus, Utricularia ecc. ecc. – Morchella, Mycena ecc.) da vúlgus volgo: molto comune, ordinario per la grande diffusione, banale


TASSONOMIA FILOGENETICA
 
Magnoliophyta 
 
Eudicotiledoni 
 
Rosidi 
Ordine
Brassicales Bromhead 
Famiglia
Brassicaceae' Burnett
Tribù
 
Genere
Barbarea G. Gaertn. & al.

Reveal J.L. (2011): Genere attribuito alla stessa famiglia
Superordine       Myrtanae Takht.
Ordine                Capparales Juss. ex Bercht. & J. Presl
Famiglia             Brassicaceae Burnett


Stevens, P.F. (2017, ver.14, APW): Genere attribuito alla stessa famiglia
Ordine                Brassicales Bromhead
Famiglia             Brassicaceae Burnett



Barbarea vulgaris R. Br.
Foto 1di 24  pagina successiva    ultima pagina  

L'album Barbarea vulgaris R. Br. contiene immagini.
Immagini dell'entità Barbarea vulgaris R. Br. presenti.






FORMA BIOLOGICA
H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

TIPO COROLOGICO
Cosmop. - In tutte le zone del mondo, senza lacune importanti.
Eurosiber. - Zone fredde e temperato-fredde dell'Eurasia.

ESOTICITÀ
Entità indigena

PROTEZIONE
Entità non protetta

UTILIZZI
Nessun utilizzo noto


Pianta vascolare con fiori e semi (Angiospermae). Colori dominanti del perianzio:
giallo o arancio


SEMI ED ALTRE UNITÀ PRIMARIE DI DISPERSIONE
Silique dritte, eretto-patenti, di 1-1,5 X 20-25 mm, attenuate all'apice, a sezione subtetragona, con stilo di 2-3 mm, su peduncoli eretto-patenti di 3-5 mm. Semi di 1,3-1,5 mm, ovoidi o ellissoidi, brunastri.



Acta Plantarum - Flora delle regioni italiane - Un progetto "open source"
  Licenza Creative Commons
Acta Plantarum è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale . Tutti i diritti di Copyright © riservati agli autori se citati a cui va richiesta autorizzazione scritta per copia ed uso.    Acta Plantarum is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License . All Copyright © rights reserved by mentioned authors; written authorization to be required for copy and use.

Come citare questa pagina: Acta Plantarum, 2007 in avanti - "Barbarea vulgaris R. Br. - Scheda IPFI, Acta Plantarum". Disponibile on line (data di consultazione: 25/06/2019): http://www.actaplantarum.org/flora/flora_info.php?id=1144
How to cite this page: Acta Plantarum, from 2007 on - "Barbarea vulgaris R. Br. - Scheda IPFI, Acta Plantarum". Available on line (access date: 25/06/2019): http://www.actaplantarum.org/flora/flora_info.php?id=1144