Polygonum maritimum L. {ID 6055 0} - conf.EMR

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi FOTO IN GALLERIA Topic_id: 54164
Avatar utente
nic
Messaggi: 9
Iscritto il: 31 mar 2008, 12:37
Nome: Nicola
Cognome: Merloni
Residenza(Prov): Cervia (RA)

Polygonum maritimum L. {ID 6055 0} - conf.EMR

Messaggio da nic »

Polygonum maritimum L.
Polygonaceae: Poligono marittimo
Riserva Naturale dello Stato Foce Bevano (RA), 3 m, set 2013
Foto di Nicola Merloni


riaccertamento per la Regione Emilia - Romagna

Emicriptofita reptante di ambienti sabbiosi litoranei.

Conti & al. (2005) indicano la specie come assente dall’Emilia–Romagna in quanto non risultano rinvenimenti per tutto il XX sec.; Zangheri (1937) cita infatti una segnalazione di Del Testa del 1897 per il litorale della Pineta di Cervia (RA), che lui stesso però non conferma. La specie viene poi segnalata sempre per il litorale romagnolo dallo stesso Del Testa (1899-91) per il “littorale fra Cesenatico e Bell'Aria”.

Il ritrovamento è stato effettuato da: Giovanni Giovagnoli, Merloni Nicola, Paolo Rigoni, Flavia Sistilli e Filippo Zanni.

Riferimenti bibliografici:
Conti E, Abbate G., Alessandrini A. & Blasi C. (eds.), 2005 - An annotated checklist of the italian vascular flora. Palombi Editori, Roma.
Del Testa A., 1897 - Contributo alla flora vascolare delle Pinete di Ravenna. Nuovo Giorn. Bot. It., n.s., vol. IV, fasc. III: 289-302.
Del Testa A., 1899-91 - Contribuzione alla flora dei dintorni di Cesena. Atti Soc. Tosc. Sci. Nat., Proc. Verb., 7: 30-43.
Zangheri P., 1936 - Romagna fitogeografica (1°). Flora e vegetazione delle Pinete di Ravenna e dei territori limitrofi fra queste e il mare, pp. 422, Valbonesi, Forlì.
Allegati
{F 2606}
{F 2606}
IMG_1589.jpg (177.35 KiB) Visto 1241 volte
{F 2606}
{F 2606}
IMG_1593.jpg (196.87 KiB) Visto 1241 volte
Ultima modifica di nic il 01 gen 1970, 02:00, modificato 0 volte in totale.
Motivazione: {Italia - 7 - 79 - 0}
AleAle
Messaggi: 8413
Iscritto il: 28 feb 2008, 00:05
Nome: Alessandro
Cognome: Alessandrini
Residenza(Prov): Bologna (BO)

Re: Polygonum maritimum L. - conf.EMR

Messaggio da AleAle »

Senza altre parole:
bravissimi!!!
:-)
Ale

PS: ho visto che in Italia sembra piuttosto diffuso, ma non so quanto i dati siano recenti.
Nel caso della Romagna, ad es., erano note segnalazioni del xix secolo e per questo era data per non presente in EMR, ma temo che la situazione sia simile anche in altre regioni italiane: segnalazioni antiche non confermate.
Umberto Ferrando
Messaggi: 4687
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Re: Polygonum maritimum L. - conf.EMR

Messaggio da Umberto Ferrando »

In Liguria dovrebbe sopravviverne un'esigua popolazione (3-4 piante) nello Spezzino costiero, nella stessa località si rinvengono (o rinvenivano) pure Polygonum robertii Loisel., Calystegia soldanella (L.) Roem. & Schult., Ammophila arenaria (L.) Link, delle tre l'unica un po' più diffusa è è P. robertii, noto di una località costiera del Ponente genovese (stazione verosimilmente estinta, visto che ora c'è il Porto container di Voltri-Pra) e di un paio in provincia di Savona, ancora presenti ma in precarissime condizioni.

Ricordo comunque di aver osservato P. maritimum alcuni anni fa (2004) in discreto numero di esemplari presso Tirrenia e sulla duna del Calambrone, sempre lungo il litorale pisano, ma di certo è una pianta che risente della modificazione degli ambienti dunali e si sa che, salvo eccezioni, le dune non sono un ambiente dei più "popolari", perlomeno tra i nostri imprenditori del settore turistico-balneare...

Ciao
Umberto
Rispondi

Torna a “Archivio floristico”