Come pulire il sensore digitale?

Microscopi, binocoli, macchine fotografiche, GPS e ogni altro strumento da campo e di laboratorio

Moderatore: rededivad

Rispondi
bruma
Messaggi: 2370
Iscritto il: 19 mag 2010, 18:21
Nome: Vincenzo
Cognome: Volonterio
Residenza(Prov): Sorisole (BG)

Come pulire il sensore digitale?

Messaggio da bruma »

Il recente e competente intervento di Silvano mi induce a una domanda, forse un po' off-topic... (eventualmente si può aprire un argomento nuovo).

Qualcuno ha esperienza nella pulizia del sensore digitale? Il metti-togli delle ottiche, soprattutto all'aria aperta con vento, polveri, pollini ecc., lascia "tonnellate" di materiale sul sensore. E' utile la pompetta, ma non toglie tutto, perciò, ho da poco ordinato il kit Pentax OCK-1, una sorta di tampone viscoso per rimuovere i granuli di sporco dal sensore. Qualcuno ha già provato questo metodo?

:bye:
Vincenzo
Avatar utente
silvsrom
Messaggi: 42
Iscritto il: 25 ago 2014, 20:07
Nome: Silvano
Cognome: Romanelli
Residenza(Prov): Terni (TR)
Località: Terni
Contatta:

Re: Come pulire la lente esterna dell'obbiettivo?

Messaggio da silvsrom »

Ciao Vincenzo,
la pulizia del sensore è, ovviamente, un operazione più delicata di quella di una lente frontale di un obiettivo ma non così pericolosa come sembra. Le operazioni si distinguono in tre tipi di difficoltà:

1) Semplice, quando c'è solo polvere e/o peletti e si fa con pompetta/pennello
2) Leggermente difficoltosa quando la polvere aderisce alla superficie del vetrino AA e non viene via con la prima opzione; si utilizza un kit apposito chiamato "pulizia umida", liquido detergente e spatolette avvolte in speciale carta di riso, kit che non costano molto e durano per tantissime pulizie.
3) Nel caso nessuna di queste soluzioni risolva il nostro problema (o abbiamo paura di effettuare un operazione che riteniamo troppo delicata) è meglio portare la nostra fotocamera in un centro di assistenza e farla pulire a pagamento.

Io uso una tecnica che è molto più efficace per la polvere, peletti e sporcizie varie (ma non per sporco incrostato) di quella del classico penneletto e pompetta ed è chiamata "pulizia elettrostatica a secco". Si tratta di comperare un pennello speciale dal costo di una decina di Euro e di una bomboletta di aria compressa... si prepara il pennello con ripetuti lavaggi con sapone neutro poi lo si ripone ben chiuso in un sacchetto di plastica sigillato, durerà anni se lo si usa con un po' di attenzione. Io lo uso da anni ormai e posso garantirvi che funziona da dio.
Se vi interessa questo mio sistema fatemelo sapere, preparerò una guida passo passo.

Due cosette per far sporcare il sensore il meno possibile:

1) Non cambiare gli obiettivi in presenza di vento
2) Quando dobbiamo cambiare un obiettivo mettiamo sempre la fotocamera a "pancia sotto" e cerchiamo di essere veloci nel fare l'operazione.

Ciao
Silvano
Avatar utente
silvsrom
Messaggi: 42
Iscritto il: 25 ago 2014, 20:07
Nome: Silvano
Cognome: Romanelli
Residenza(Prov): Terni (TR)
Località: Terni
Contatta:

Re: Come pulire la lente esterna dell'obbiettivo?

Messaggio da silvsrom »

"Pulizia elettrostatica a secco" del filtro AA di protezione del sensore.

Occorrente:

1) Pennello di setole sintetiche da 16 a 20 mm per sensore APS-C (foto A e B) e 25 mm per FF (24x36).
Si compera nei negozi specializzati per pittori, può essere bianco o marroncino come nella foto, costa circa 10 Euro.
2) Bomboletta spry di aria compressa.

Preliminari:

1) La prima operazione da fare è lavare le setole del pennello con sapone neutro (va bene anche il sapone liquido per per piatti)... sfregare bene le setole tra le dita e infine sciacquare accuratamente. Riporre il pennello in un ambiente pulito e farlo asciugare, anche per un intero giorno. Per controllare se è asciutto e pulito si prende un vecchio filtro UV, rosso o verde (o un pezzetto di vetro ben pulito) e ci si fa passare sopra il pennello, avanti e indietro, due o tre volte, controllare con una lente se lascia striature, se va bene coprire il pennello con un sacchettino trasparente chiudendolo con un leghetto (vedere C), se invece lascia tracce di unto o sporcizia ripetere l'operazione di lavaggio e asciugatura.

Come pulire in nostro sensore.

Modus operandi:

1) Caricare a fondo le batterie della reflex.
2) Chiudere le finestre e spegnere eventuali ventilatori presenti nell'ambiente
3) Non fumare
4) Alzare lo specchio della fotocamera
5) Tenendo il pennello in verticale posizionare l'ugello della bomboletta d'aria compressa a circa 5 cm dallo stesso con un'inclinazione di circa 45° (vedere D), far uscire l'aria compressa per almeno 5 secondi muovendo la bomboletta, girare il pennello dall'altro lato e ripetere l'operazione che serve ad allontare eventuali tracce di polvere rimasta e creare elettricità statica sulle setole del pennello (elettricità che attirerà le particelle di polvere dal filtro AA del sensore).
6) Poggiare il pennello sopra il sensore e con movimenti da sinistra a destra passare tre o quattro volte sulla superficie cercando di interessarla tutta.
7) Con una lente controllare se sono presenti granelli di polvere, polline o peli, nel caso ripetere l'operazione.
8) Rimettere velocemente l'obiettivo che avevamo preventivamente spolverato con un pennello pulito la lente posteriore e la baionetta.

Come controllare se abbiamo fatto un buon lavoro.

1) Impostiamo il nostro zoom in posizione grandangolo.
2) Chiudere il diaframma al massimo possibile.
3) Mettendoci a 30/40 cm da una parete bianca (colore omogeneo) posizionare la messa a fuoco sull'infinito (disinserire l'autofocus) e scattiamo una foto... anche se la luce è bassa e il tempo di otturazione è lungo va bene lo stesso a mano libera, la polvere verrà comunque nitida; va bene anche contro il cielo ma la messa a fuoco, in questo caso, deve essere alla minima distanza.
4) Smontare la scheda e al pc controllare ingrandendo tutta la superficie del fotogramma... qualche piccolissimo puntino è facile che sia rimasto ma di certo non si vedrà sulle nostre foto... sarebbe bene fare una foto test anche prima della pulizia per poi confrontarle.

Da non dimenticare che ho visto spesso lavori di pulizia fatti da ditte specializzate o dalle assistenze ufficiali che pur avendo tolto grosse sporcizie il lavoro non era di certo impeccabile come ognuno di noi vorrebbe sia... abbiamo risprmiato 30/50 Euro, quindi... accontentiamoci.

Sperando di essere stato sufficientemente esauriente... :bye:
Allegati
pulizia_elettrostatica_secco_.jpg
pulizia_elettrostatica_secco_.jpg (183.92 KiB) Visto 3194 volte
Silvano
bruma
Messaggi: 2370
Iscritto il: 19 mag 2010, 18:21
Nome: Vincenzo
Cognome: Volonterio
Residenza(Prov): Sorisole (BG)

Re: Come pulire la lente esterna dell'obbiettivo?

Messaggio da bruma »

Grazie Silvano! E complimenti per la chiarezza espositiva delle indicazioni. :applauso: :applauso: :applauso:

:bye:
Vincenzo
Rispondi

Torna a “Gli strumenti del naturalista”