Post (Id 6734 0)

Bloccato
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 2633
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Post (Id 6734 0)

Messaggio da Merli Marco »

La determinazione in Salix x fragilis del post (Id 6734 0) come detto anche in precedenza è errata, la segnalazione anche + PIE va rettificata, infatti la trattazione del 2009 è stata rivista da una nuova e ottima monografia uscita nel 2022

Le piante determinate in Salix fragilis sono in realtà da riferirsi a Salix alba var. vitellina

PS: Salix alba var. alba, Salix x rubens e Salix fragilis sono in realtà 3 taxa diversi ed in nessun modo possono essere sinonimizzati

Ciao Marco
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
Messaggi: 14396
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57
Nome: Daniela
Cognome: Longo
Residenza(Prov): Genova (GE)

Re: Post (Id 6734 0)

Messaggio da Daniela Longo »

Puoi fornirci il numero del topic che ti compare anche nell'indirizzo del link (non è l numero nel titolo ma quello che compare in alto nella finestrella dopo t=)?

Puoi fornirci il riferimento alla bibliografia?

Grazie
Daniela
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 2633
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Post (Id 6734 0)

Messaggio da Merli Marco »

Daniela Longo ha scritto: 03 ott 2022, 22:05 Puoi fornirci il numero del topic che ti compare anche nell'indirizzo del link (non è l numero nel titolo ma quello che compare in alto nella finestrella dopo t=)?

Puoi fornirci il riferimento alla bibliografia?

Grazie
Daniela
Ok Daniela

Appena ho un secondo di tempo ti mando il tutto.....

Ciao Marco
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 2633
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Post (Id 6734 0)

Messaggio da Merli Marco »

La pubblicazione è sulla rivista Taxon (3/2022)

In pratica Salix euxina per ovvi motivi non è più considerato.
Tutto il materiale depositato negli erbari andrebbe rivisto, come tutti i post in acta ecc..

Sull post vi è scritto 124790

Ciao Marco
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
Messaggi: 14396
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57
Nome: Daniela
Cognome: Longo
Residenza(Prov): Genova (GE)

Re: Post (Id 6734 0)

Messaggio da Daniela Longo »

Grazie Marco. Direi che dovremmo togliere le foto dalla galleria e riportare in Che pianta è tutti i topic determinati come Salis euxina.
Se poi vuoi dargli un altro nome bene, altrimenti li lasciamo andare negli Irrisolti.
Per toglierlo da IPFI, come sai, andrebbe tolto dalla checklist, facendo un'operazione ben più impegnativa, ossia proprio quello che tu dici: rivedere i campioni in erbario e dichiarare con un Notula che è stato segnalato per errore.
Ma credo che su questo tu ci stia già lavorando!!

Faccio una ricerca e lo faccio.
Daniela
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 2633
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Post (Id 6734 0)

Messaggio da Merli Marco »

Daniela Longo ha scritto: 05 ott 2022, 17:24 Grazie Marco. Direi che dovremmo togliere le foto dalla galleria e riportare in Che pianta è tutti i topic determinati come Salis euxina.
Se poi vuoi dargli un altro nome bene, altrimenti li lasciamo andare negli Irrisolti.
Per toglierlo da IPFI, come sai, andrebbe tolto dalla checklist, facendo un'operazione ben più impegnativa, ossia proprio quello che tu dici: rivedere i campioni in erbario e dichiarare con un Notula che è stato segnalato per errore.
Ma credo che su questo tu ci stia già lavorando!!

Faccio una ricerca e lo faccio.
Daniela
Certo Daniela capisco le disposizioni....è giusto attenersi a queste.
Si la cosa migliore è cancellare le foto dalla galleria riguardanti Salix euxina e anche quelle riguardanti Salix x fragilis (se ve ne sono) e mettere i post in che pianta è poi farò il possibile per dare un nome alle piante dei vari post.

Adesso sono al lavoro per cambiare il nome ai campioni presenti nel mio erbari, proprio oggi ho finito....dopo di che sentirò i responsabili di zona per delle eventuali notule in merito, ma come ti dicevo prima gli autori dello studio devono finire alcune pratiche, appena mi avvisano del compito finito procedo.....

Ciao Marco
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 2633
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Post (Id 6734 0)

Messaggio da Merli Marco »

Per la determinazione delle varie specie di questo gruppo invito di seguire alcune cose che qui sotto elencherò:

1) verificare se i rami (di 2 e 3 anni) sono facilmente staccabili se compressi con le dita all' inserzione con il ramo maggiore

2) foto del picciolo fogliare, di entrambe le pagini fogliari e del loro margine

3) fotografare la chioma delle piante per verificare la disposizione dei rami

4) fotografare lateralmente la gemma fogliare

5) evitare di fotografare getti (con foglie) turionali (non servono a nulla)

Senza vedere questi particolari la determinazione risulta assai difficile

Saluti Marco
Avatar utente
Nicola Ardenghi
Messaggi: 1423
Iscritto il: 03 giu 2008, 19:19
Nome: Nicola M. G.
Cognome: Ardenghi
Residenza(Prov): Stradella (PV)
Località: Pavia

Re: Post (Id 6734 0)

Messaggio da Nicola Ardenghi »

Grazie Marco per la segnalazione dell'articolo, che è disponibile liberamente al seguente link: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/ful ... /tax.12685

L'articolo (nonostante il vistoso "accanimento" contro il precedente lavoro di Belyaeva, che rende poco formale il dibattito scientifico agli occhi di chi, come me, assiste da spettatore all'evoluzione della tassonomia di un genere molto complesso come Salix...) è molto scrupoloso nell'esame dei materiali originali, dei protologhi ecc. Peccato che non proponga una trattazione tassonomica e nomenclaturale che consenta di riallineare in modo inequivocabile i taxa citati dai lavori di Belyaeva alla rinnovata trattazione di Marchenko e Kuzovkina (ripongo le mie speranze nei "Nomenclatural updates" delle future notulae su Italian Botanist).
Alla luce di questo, Marco, sulla base di quali elementi attribuisci l'ex (?) Salix ×fragilis L. f. vitellina (L.) I.V.Belyaeva a Salix alba, visto che questo taxon non è menzionato da Marchenko & Kuzovkina (2022)?
Ti ringrazio molto per le spiegazioni.
:bye:
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 2633
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Post (Id 6734 0)

Messaggio da Merli Marco »

Nicola Ardenghi ha scritto: 06 ott 2022, 22:00 Grazie Marco per la segnalazione dell'articolo, che è disponibile liberamente al seguente link: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/ful ... /tax.12685

L'articolo (nonostante il vistoso "accanimento" contro il precedente lavoro di Belyaeva, che rende poco formale il dibattito scientifico agli occhi di chi, come me, assiste da spettatore all'evoluzione della tassonomia di un genere molto complesso come Salix...) è molto scrupoloso nell'esame dei materiali originali, dei protologhi ecc. Peccato che non proponga una trattazione tassonomica e nomenclaturale che consenta di riallineare in modo inequivocabile i taxa citati dai lavori di Belyaeva alla rinnovata trattazione di Marchenko e Kuzovkina (ripongo le mie speranze nei "Nomenclatural updates" delle future notulae su Italian Botanist).
Alla luce di questo, Marco, sulla base di quali elementi attribuisci l'ex (?) Salix ×fragilis L. f. vitellina (L.) I.V.Belyaeva a Salix alba, visto che questo taxon non è menzionato da Marchenko & Kuzovkina (2022)?
Ti ringrazio molto per le spiegazioni.
:bye:
Buongiorno Nicola, ti rispondo nel fine settimana adesso sono in escursione

Grazie
Ciao Marco
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 2633
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: Post (Id 6734 0)

Messaggio da Merli Marco »

Eccomi Nicola, purtroppo i molti impegni e problemi di connessione mi impediscono di stare nei tempi fissati.....
Si nella trattazione del 3/2022 uscita su Taxon non si menziona Salix vitellina, verosimilmente perché non collegato al gruppo di Salix fragilis..... per esperienza dopo aver visto il vero Salix fragilis, e l' ibrido con salix alba (Salix x rubens) ho le idee meno confuse....rispetto alla trattazione precedente....

Purtroppo mi accorgo che assai spesso varietà "strane" vengono vendute come Salix alba var. vitellina, per tanto è facile fare confusione...con forme ibride ecc..

Il vero Salix var. vitellina (che conosco io) rispetto a Salix x rubens (che "dovrebbe" essere sinonimo di Salix x fragilis) si riconosce per le fg. grandi più largamente lanceolate rispetto a Salix x rubens, e meno pelose, anzi nella forma tipo sono glabre e lucide (lucide sopra)
In Salix x rubens i ramuli giovani si staccano più facilmente rispetto a Salix var vitellina, anche portamento generale (purtroppo essendo di norma tagliato a capitozzo, in Salix alba var vitellina, questo carattere si nota poco o non si nota proprio) forma e indumento delle gemme (queste viste lateralmente) e del picciolo sono diversi.
Comunque sia, noto assai regolarmente il tipico Salix x rubens frammisto a Salix alba e Salix fragilis, Salix x rubens ha una forma classica, io lo chiamo l' ibrido perfetto, riconoscibile anche da lontano per un' occhio esperto. Non ho mai visto salix var vitellina nato spontaneamente e tanto meno piante riconducibili a tale specie assieme a Salix alba e a Salix fragilis, per tanto presumo che questo sia un fattore chiave.

Comunque tengo a precisare che queste differenze le ho prese da piante normali e non da piante strane, (Salix x rubens solo in individui nati in modo naturale in natura)

Proprio pochi giorni fa, ho notato che su una pianta coltivata vi erano delle branche con fg di Salix x rubens, altre con fg di Salix fragilis, poi ho dedotto che erano stati innestati decine di anni fa....per tanto molte piante coltivate sono impossibili da determinare

Ciao Marco
Bloccato

Torna a “Correzioni e modifiche ad Archivio floristico”