Narcissus papyraceus Ker Gawl.

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi FOTO IN GALLERIA IPFI Topic_id: 1384
Umberto Ferrando
Messaggi: 4718
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Narcissus papyraceus Ker Gawl.

Messaggio da Umberto Ferrando »

Narcissus papyraceus Ker-Gawler.
narciso papiraceo, tazzetta bianca.
Distribuzione regionale: conosciuto allo stato naturale solo in Liguria e Sicilia, naturalizzato nelle Marche e forse altrove.
Tutela: ai sensi della legge regionale ligure (LR n. 9 del 30 gennaio 1984) le specie spontanee del genere Narcissus sono soggette a protezione parziale (tabella B) è quindi possibile la raccolta di cinque esemplari a persona (per un massimo totale di quindici), è sempre vietata l'estirpazione delle parti sotterranee.
oliveto presso Cervo (IM), 20 gen 2008
Foto di Umberto Ferrando
Allegati
Narcissus papyraceus 1b.jpg
Narcissus papyraceus 1b.jpg (161.92 KiB) Visto 1081 volte
{F 954}
{F 954}
Narcissus papyraceus 2b.jpg (125.49 KiB) Visto 863 volte
Ultima modifica di Umberto Ferrando il 01 gen 1970, 02:00, modificato 0 volte in totale.
Motivazione: {Italia - 6 - 42 - 0}
Avatar utente
Brunello Pierini
Messaggi: 2321
Iscritto il: 24 nov 2007, 09:19
Nome: Brunello
Cognome: Pierini
Residenza(Prov): Pisa (PI)

Narcissus papyraceus Ker Gawl.

Messaggio da Brunello Pierini »

Narcissus papyraceus Ker-Gawler.

L'anno scorso in Toscana ho fotografato questa pianta senza dargli nessuna importanza; quest'anno, una volta determinata, non è ancora fiorita. Non ho ancora capito se sia spontanea o naturalizzata.
Permettimi di aggiungere questa testimonianza dalla Toscana e vediamo se ne vengono fuori altre e faremo la segnalazione insieme.
Grazie.
Toscana (PI), gen 2007
Foto di Brunello Pierini
Allegati
{F 954}
{F 954}
Narcissus_papyraceus.jpg (141.08 KiB) Visto 1047 volte
Narcissus_papyraceus1.jpg
Narcissus_papyraceus1.jpg (128.03 KiB) Visto 862 volte
Narcissus_papyraceus2.jpg
Narcissus_papyraceus2.jpg (112.31 KiB) Visto 862 volte
Ultima modifica di Brunello Pierini il 01 gen 1970, 02:00, modificato 0 volte in totale.
Motivazione: {Italia - 8 - 73 - 0}
Umberto Ferrando
Messaggi: 4718
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Re: Narcissus papyraceus Ker Gawl.

Messaggio da Umberto Ferrando »

Ciao Brunello,

la Checklist lo da spontaneo e accertato solo per Liguria e Sicilia e naturalizzato nelle Marche, ma è probabile che, almeno come elemento alieno tendente a spontaneizzare, sia presente in molte altre zone della Penisola, quantomeno in ambiente mediterraneo, comunque almeno un testo (Flora Pisana di F. Garbari e A. Borzatti von Loewenstern) lo segnala proprio per la Provincia di Pisa, ma gli autori della Checklist non l'hanno preso in considerazione, questo potrebbe dipendere dall'anno di pubblicazione (2005).

L'areale principale del Narcissus papyraceus Ker-Gawl. comprende il Portogallo centrale e meridionale, il settore sud-occidentale della costa mediterranea spagnola, le coste settentrionali marocchine e algerine, ne sono poi note stazioni disgiunte nella Francia mediterranea, dalla quale sembrerebbe irradiare in Liguria.

Da noi in Liguria ci sono sicuramente popolazioni naturalizzate di N. papyraceus Ker-Gawl. (nel dic 2005 ne ho fotografato alcune piante che vivono a 2 Km da casa mia, vicino ad alcune case) e altre che sembrano del tutto naturali (Monte di Portofino), a complicare il quadro c'è il fatto che questo narciso tende a diffondersi (per poi mantenervisi) in ambienti come oliveti, scarpate stradali e autostradali, bordi consolidati e asciutti di canali, potrebbe essere un indizio di introduzione antropica, però è un comportamento tipico di molte altre geofite mediterranee, alcune sicuramente spontanee anche da noi (Barlia robertiana, Bellevalia trifoliata, Dracunculus vulgaris, Hermodactylus tuberosus, ecc.).

Umberto
Rispondi

Torna a “Archivio floristico”