Salix crataegifolia Bertol.

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi FOTO IN GALLERIA IPFI Topic_id: 87117
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3169
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): TN

Salix crataegifolia Bertol.

Messaggio da Merli Marco »

Salix crataegifolia Bertol.
Saliceae: Salice delle Apuane
Alpi Apuane (MS), 1000 m, mag 2016
Foto di Marco Merli

Amento femminile inizialmente pendulo poi a maturità sub eretto
{F 3329}
{F 3329}
P1160074.jpg (54.6 KiB) Visto 1140 volte
amento maschile pendulo (tipico e unico di questo Salix)
Allegati
{F 3329}
{F 3329}
P1160158.jpg (51.79 KiB) Visto 1140 volte
Ultima modifica di Merli Marco il 16 mag 2016, 19:21, modificato 2 volte in totale.
Motivazione: {Italia - 8 - 54 - 0}
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3169
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): TN

Re: Salix crataegifolia Bertol.

Messaggio da Merli Marco »

Salix crataegifolia Bertol.
Saliceae: Salice delle Apuane
Alpi Apuane (MS), 1000 m, mag 2016
Foto di Marco Merli

Pagina superiore e inferiore della foglia
Allegati
{F 3329}
{F 3329}
P1160060.jpg (80.69 KiB) Visto 1138 volte
{F 3329}
{F 3329}
P1160075.jpg (53.53 KiB) Visto 1138 volte
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3169
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): TN

Re: Salix crataegifolia Bertol.

Messaggio da Merli Marco »

Salix crataegifolia Bertol.
Saliceae: Salice delle Apuane
Alpi Apuane (MS), 1000 m, mag 2016
Foto di Marco Merli

Pelosità del picciolo e della pagina inferiore della foglia (da giovane) tipica di questo Salix
{F 3329}
{F 3329}
P1160077.jpg (58.27 KiB) Visto 1136 volte
rametto con deboli ma evidenti (lente) salienze
Allegati
{F 3329}
{F 3329}
P1160080.jpg (76.78 KiB) Visto 1136 volte
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3169
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): TN

Re: Salix crataegifolia Bertol.

Messaggio da Merli Marco »

Nel ultimo fine settimana siamo stati sulle Alpi apuane, oltre ai numerosissimi endemismi visti, ho studiato per bene questo Salix endemico
ringrazio il botanico Dino Marchetti che ci ha accompagnati in questa stupenda avventura, è stato grazie a Dino se sono/siamo riusciti a trovare questo Salix e gli altri numerosissimi endemismi
Ringrazio anche il responsabile dell' orto botanico Andrea Ribolini per i preziosi suggerimenti dati

Oggi ho revisionato per bene e con calma il materiale raccolto inerente a Salix crataegifolia, ho notato che è un specie che presenta una certa variabilità, a differenza delle flore (da me consultate) e dei botanici che lo hanno studiato e raccolto fino ad ora.

Come detto sopra, le flore da me consultate non menzionano della variabilità di questo Salix endemico delle Apuane, revisionando i numerosi campioni raccolti (appartenenti a ben 14 piante diverse) ho notato che come la gran parte dei Salix, anche Salix crataegifolia è specie abbastanza variabile, ovviamente la maggior parte delle piante rientra nei parametri indicati dalle flore.

nessuna flora da me consultata parla di salienze subcorticali che in realtà sono quasi sempre presenti anche se difficilmente distinguibile per un occhio non "salicologo", altro carattere importante sta nell' odore nello scortecciare i ramuli di 2-4 anni da prima molto forte quasi fetido poi meno "invasivo" e molto più gradevole, ho notato che alcune piante prestano foglie ben più allungate fino a 4-4.5 volte più lunghe che larche, con pagina superiore rugosa e pagina inferiore con pelosità corta e amenti minori, verosimimente queste piante rientrano nel limite della specie

Inizialmente pensavo che queste forme potessero rientrare in qualche modo in combinazioni ibride, magari con Salix caprea o Salix eleagnos subsp. eleagnos abbondantemente presenti in zona, o anche con Salix apennina (che non ho trovato nei dintorni, ma che presumo ci sia) ma poi questa prima ipotesi è naufragata nel più profondo degli oceani, infatti tornato a casa ho esaminando per bene il materiale raccolto: i semi femminili contenuti nelle capsule gli ho trovati in discreta parte fertili, - questa osservazione è al limite infatti quasi la totalità delle capsule sono ancora immature- (di norma sterili in caso di combinazione ibrida) ho notato che in molte piante della forma tipica (normale) i caratteri strani evidenti nelle piante anomale (foglie allungate, rugosità della pagina superiore delle foglie ecc..) rientrano di norma in alcune/parecchie foglie, sono convinto che queste piante strane abbiano in qualche modo "cambiato" il loro habitus fogliare per dei motivi ancora poco conosciuti.

Da alcuni miei studi e osservazioni ho notato che quando una pianta o un intera popolazione di Salix vive in ambiente molto "perturbato" vedi smottamenti, lunghi periodi di persistenza nell' acqua, motivi di antropizzazione ecc.. tendono a cambiare l' habitus delle foglie
(queste osservazioni le ho riscontrate in molte specie specialmente quelle a foglia larga: vedi gruppo di Salix caprea e gruppo di Salix myrsinifolia, nonchè in Salix eleagnos e Salix purpurea)


Marco
Rispondi

Torna a “Archivio floristico”